Servizi e Sportelli Sociali

Archivio - Notizie 2015

  • 23 Settembre 2016 | Obiettivo salute: online il catalogo dei percorsi formativi Ausl per scuole, enti e associazioni vedi

    Obiettivo saluteObiettivo salute
    E' online il catalogo "Obiettivo salute 2016-2017" dei progetti di educazione alla salute e dei corsi di formazione dell'Azienda USL di Bologna rivolti a Enti pubblici, Scuole (di ogni ordine e grado) e Associazioni.

    Il catalogo propone oltre 60 progetti/percorsi formativi sui temi della promozione del benessere, della prevenzione delle malattie, della promozione di adeguati stili di vita, con l’obiettivo di accrescere, nella popolazione di tutte le fasce di età, la cultura della salute e una maggiore consapevolezza sui propri bisogni.

    Gli Enti, le scuole e le organizzazioni interessate ad aderire ai progetti formativi devono fare domanda entro il 15 novembre.

    Tutte le informazioni e la modulistica sono disponibili sul sito dell'Ausl di Bologna


    >> Scarica il catalogo

  • 25 Agosto 2016 | L’INPS, il welfare e l’indennità di accompagnamento. Dati e analisi molto interessanti nel contributo di superando.it vedi

    Sono numerose le riflessioni indotte dal XV Rapporto Annuale dell’INPS, recentemente presentato, che dedica uno specifico capitolo alle politiche di sostegno rivolte alla popolazione non autosufficiente del nostro Paese, fornendo anche una serie di linee di indirizzo per una futura riforma dell’attuale modello di “Long Term Care” (“cure a lungo termine”), oltreché soffermandosi a lungo sullo strumento dell’indennità di accompagnamento.
    Leggi il lungo e interessante contributo di Daniela Bucci su superando.it

  • 22 Dicembre 2015 | I presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari in Italia. Dati ISTAT vedi

    logo ISTATlogo ISTAT
      In Italia i presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari attivi al 31 dicembre 2013 sono 12.261 e dispongono complessivamente di 384.450 posti letto (6 ogni 1.000 persone residenti). L'offerta è costituita prevalentemente da "unità di servizio" che integrano l'assistenza di tipo sociale e quella di natura sanitaria con oltre due terzi dei posti letto complessivi (74%); l’utenza cui si rivolgono è costituita perlopiù da anziani non autosufficienti.
    Forti gli squilibri territoriali: l'offerta raggiunge i più alti livelli nelle regioni del Nord, dove si concentra il 66% dei posti letto complessivi (9 ogni 1.000 residenti) e tocca i valori minimi nel Sud con il 10% dei posti letto (soltanto 3 posti letto ogni 1.000 residenti).
    Le regioni del Nord dispongono anche della quota più alta di posti letto a carattere socio-sanitario, con 7 posti letto ogni 1.000 residenti, contro un valore di 2 posti letto nelle regioni del Sud.
    Nei presidi socio-assistenziali e socio-sanitari sono assistite 367.485 persone: quasi 280 mila (76%) hanno almeno 65 anni, oltre 71 mila (19%) un'età compresa tra i 18 e i 64 anni, oltre 17 mila (5%) sono giovani con meno di 18 anni.
    Leggi nel sito ISTAT e scarica il rapporto integrale
    (fonte sito Istat)

  • 16 Dicembre 2015 | Circolazione dei veicoli e misure per la qualità dell'aria. Esenzioni legate al reddito vedi

    traffico autotraffico auto
      Dal 1° ottobre 2015 sono entrate in vigore le misure per combattere lo smog previste dal Piano Aria Integrato Regionale 2020.
    Vi abbiamo già informato circa le deroghe per i veicoli che circolano al servizio delle persone disabili.
    A tale deroga se ne aggiunge una ulteriore legata al reddito: sono esentati dai divieti anche i veicoli non a norma in possesso di persone appartenenti a nuclei famigliari aventi ISEE non superiore a 14.000 euro, che non siano proprietari di veicoli esclusi dalle limitazioni (indicate nella seguente tabella), nel limite di un veicolo per ogni nucleo familiare, regolarmente immatricolati e assicurati, muniti di autocertificazione attestante i requisiti richiesti redatta su apposito modulo.
    Leggi e scarica la modulistica nel nodo Mobilità e strade del sito del Comune di Bologna
    (fonte redazione sportello sociale, settore mobilità e strade)

  • 7 Dicembre 2015 | E.Romagna: fondo non autosufficienza, confermate risorse per 430,6 milioni vedi

    anziano in carrozzinaanziano in carrozzina
    La Regione Emilia-Romagna conferma l’impegno per i servizi dedicati alle persone non autosufficienti. La Giunta regionale ha approvato i finanziamenti per il 2015: si tratta di 430,6 milioni destinati all’assistenza sociosanitaria delle persone anziane e disabili, con una attenzione particolare agli interventi di sostegno al proprio domicilio.
    Queste risorse sono ripartite dalle Conferenze territoriali sociali e sanitarie ai Distretti delle Aziende Usl. In particolare, 303 milioni di euro sono ripartiti in base alla distribuzione territoriale della popolazione ultra 75enne; 106 milioni sono rivolti al sostegno di interventi a favore delle persone con disabilità; 13 milioni sono destinati alle gravissime disabilità; altri 8 milioni servono a finanziare alcune gestioni particolari di servizi.
    Leggi tutto su sociale emilia romagna

  • 3 Dicembre 2015 | 3 dicembre 2015 Giornata internazionale delle persone disabili vedi

    tre fatetre fate
    Oggi, 3 dicembre,  si celebra la Giornata internazionale delle persone disabili. Come per ogni celebrazione innovazione e ritualità si intrecciano attorno alla identità e al ruolo della persona disabile nella nostra società.
    Nella nostra provincia enti locali ed associazioni hanno organizzato numerose iniziative di cui è possibile avere il programma nel sito della Città metropolitana.

    Da parte nostra vogliamo ricordare questa data riproponendovi una interessante ricerca di Francesca Lazzarato, una delle massime esperte italiane di letteratura per l'infanzia, proposta ormai oltre 20 anni fa ad un convegno, ma che mantiene intatta la sua freschezza e particolarità ("Come Hans ritrovò le gambe. Immagini di handicap nella letteratura infantile")
    I bambini entrano in contatto con la diversità anche tramite gli orchi, le streghe, i lupi delle favole o i tanti personaggi ora ammalati, ora con un "corpo mutato" come scrive l'autrice....

    "I bambini sono da tempo abituati ad incontrare, nelle fiabe e nei racconti fantastici, tutte.le figure della diversità, rappresentata non solo dalle classiche apparizioni terrifiche (quali, per esempio, i "figli della notte" come il Lupo Mannaro, la Strega, l'Orco), ma anche da eroi e da eroine che sono di volta in volta troppo piccoli, o nascosti sotto fattezze animali, oppure bizzarramente deformi, o, ancora, afflitti da misteriose infermità.
    La schiera dei Pollicini, dei Principi Porcelli, dei Gianporcospini, delle principesse che dormono in eterno, che non possono parlare o che non sanno ridere, dei fanciulli colpiti da cattive fatagioni, è sterminata: viene dalle lontananze dei mito, attraversa la fiaba popolare e non tralascia, ovviamente, di insediarsi anche nei libri per l'infanzia, attraverso personaggi come Ourson, tenero freak la cui nascita infelice, è segnata dall'odio di Rageuse, la fata-rospo; come Topolina, la minuscola creatura protagonista di uno dei romanzi per bambini di Carolina lnvernizio; come il piccolo Giacomo, mutato nel deforme Nano Nasone per aver deriso una vecchia strega; come Nils Holgersson, che entra a far parte della famiglia dei pollicini dopo essersi beffato di un coboldo; come il bambino che non cresce, in "lo, nano", e fugge dalla società dei normali per avventurarsi nelle catacombe dove vive la gente della sua razza, e poi nel circo, e finalmente "dall'altra parte", là dove la gente piccola rientra finalmente nel tempo eterno della fiaba; come il bambino-topo de "Le streghe", che non recupererà mai la forma umana e tuttavia concluderà la sua avventura proclamando: "Non importa come sei, basta che qualcuno ti ami".
    E’ innanzitutto attraverso queste inquietanti presenze che il piccolo lettore (intendendo per tale anche colui che ascolta
    “la fiaba cento volte narrata”) viene messo a confronto con una trasparente metafora: quella del corpo “mutato” che può esprimere l’oscurità interiore quando la rivolta nei confronti dell’esterno o la lotta per definire e conquistare la propria identità, ma che si può anche leggere come rappresentazione delle difficoltà di chi, partendo da una situazione di concreto svantaggio, deve misurarsi con il mondo dei “sani” e dei “normali”.
    Nell’intreprendere questa piccola ricerca ho tuttavia preferito non inoltrarmi nell’affascinante territorio del fiabesco folklorico e letterario, per prendere in esame, invece, la rappresentazione diretta ed esplicita del bambino malato e handicappato, nel libro per l'infanzia di ieri e di oggi, registrando i mutamenti cui essa è andata soggetta ed i diversi significativi usi che se ne sono fatti"
    [....]
    Leggi tutto
    (fonte redazione sportello sociale)

  • 3 Dicembre 2015 | Beverara 129: ventiquattro appartamenti per le emergenze abitative e accoglienza di nuclei familiari e minori in difficoltà vedi

    Un anno fa il Comune di Bologna ha affidato all’ASP Città di Bologna l’ex studentato Battiferro, per la creazione di alloggi dedicati all’emergenza abitativa e all'accoglienza di nuclei familiari e minori in difficoltà economica. L'assegnazione dei 24 appartamenti per un totale di 100 posti letto, tramite concessioni di 18 mesi prorogabili di ulteriori 6, è gestita dall'Istituzione Inclusione Sociale e comunitaria Don Paolo Serra Zanetti, mentre il piano terra dei tre edifici è destinato alle attività di valorizzazione degli spazi comuni.
    L'obiettivo di Beverara 129 non è solo quello di rispondere all'emergenza abitativa, ma anche di coinvolgere questi nuclei familiari e i minori in percorsi di inclusione attraverso il progetto "Benessere, solidarietà e condivisione in zona Lame" di Asp.
    Negli ampi spazi comuni al piano terra dell'immobile, saranno condivise esperienze provenienti dalle istituzioni o nate dall'autorganizzazione sociale, azioni a sostegno delle famiglie, dell'infanzia e dell'adolescenza: saranno inaugurati entro fine anno la bottega di prossimità degli emporti Zanardi e i laboratori creativi ed educativi Labidea per i ragazzi.
    Leggi anche l'articolo su repubblica.bologna.it
    (fonte sito Comune Bologna)

  • 1 Dicembre 2015 | Orario degli sportelli sociali nel periodo natalizio (2015/2016) vedi

    logo sportelli socialilogo sportelli sociali
      Nel periodo natalizio gli sportelli sociali sono aperti al pubblico, ma osserveranno l'orario dalle 8,30 alle 14,00 nelle seguenti giornate:
    -   mar 22, gio 24, mar 29, gio 31 dicembre 2015
    -   mar 5 gennaio 2016
    Lo sportello Navile/zona Lame di via M.Polo rimane chiuso dal 22 al 31/12 e nei mesi di gennaio e febbraio 2016 causa carenza di personale. I cittadini del quartiere Navile portranno rivolgersi allo sportello di via Saliceto 5.
    (fonte redazione sportelli sociali)

  • 1 Dicembre 2015 | Al via il Centro diurno per persone disabili "Parco del lungo Reno" vedi

    Venerdì 4 dicembre 2015, alle ore 12, presso la sede di via del Milliario 26, verrà inaugurato alla presenza della autorrità e del Sidaco Virginio Merola, il nuovo centro diurno per persone disabili "Parco del lungo Reno" che accoglie anche coloro che precedentemente erano inseriti nei centri "Fava" e "Casa dei boschini". Il progetto nasce dalla collaborazione tra ASP, Comune di Bologna, Quartieri Borgo Panigale e Reno, Azienda USL e cooperativa CADIAI che gestirà il Centro stesso.
    Leggi tutto nel sito di Asp Bologna
    (fonte redazione sportello sociale, sito Asp Bologna)

  • 1 Dicembre 2015 | Corsi di italiano per cittadini stranieri. Iscrizioni ancora aperte per 49 corsi vedi

    Aggiornato il database dei corsi di italiano L2  della Città metropolitana con l'offerta formativa dei CPIA.
    Sono ancora aperte le iscrizioni per 49 corsi di italiano L2, corrispondenti ai diversi livelli di apprendimento previsti dal QCER, tra cui 7 corsi di livello preA1, 16 corsi di livello A1, 15 corsi di livello A2, 5 corsi di livello B1, 4 corsi di livello B2 e 2 corsi di livello C2. La banca dati è in continuo aggiornamento. Chi volesse segnalare l'avvio di un corso di italiano, può mandarne comunicazione a: gabriella.ghermandi@cittametropolitana.bo.it

    L'utente può cercare il corso che gli interessa scegliendo il comune, il livello, la fascia oraria e verificando così se è disponibile. Dopo aver trovato il corso adatto, si consiglia di contattare direttamente la scuola che lo organizza per avere conferma delle informazioni pubblicate e concordare l'inizio della sua frequenza.
    La banca-dati raccoglie i corsi di italiano tenuti da soggetti pubblici, soggetti del privato sociale, soggetti selezionati dai Distretti e/o dai Comuni per l'attuazione di corsi di italiano L2 con fondi pubblici, soggetti privati convenzionati con uno dei quattro enti certificatori riconosciuti dal Ministero degli Affari esteri e dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca (cioè: Università degli studi di Roma Tre, Università per stranieri di Perugia, Università per stranieri di Siena, Società Dante Alighieri).
    Link alla banca dati
    (fonte newsletter Osservatorio immigrazioni)

  • 1 Dicembre 2015 | Nasce bachecasolidale. Scambiare competenze e beni per la lotta allo spreco vedi

    Volabo, il Centro Servizi per il Volontariato della Città Metropolitana di Bologna, lancia la campagna di adesioni a www.bachecasolidale.org e invita tutte le associazioni non profit del territorio ad iscriversi.
    Bacheca Solidale è una piattaforma web gratuita, pensata per mettere in contatto le organizzazioni non profit del territorio metropolitano con cittadini, enti e aziende che vogliono donare beni e competenze. Si tratta di un nuovo strumento utile non solo per ricevere donazioni di competenze e beni, ma anche per incentivare le pratiche di riuso e contribuire insieme alla comunità alla lotta allo spreco.
    Il suo funzionamento è molto semplice. Le associazioni, uniche dirette beneficiarie delle donazioni, se interessate, possono accreditarsi e ricevere un profilo utente. Questo darà loro l’opportunità di inserire annunci per chiedere beni o competenze – suddivisi per categorie - di cui hanno bisogno o per rispondere alle offerte dei donatori.
    Aziende e privati cittadini possono registrarsi e diventare così donatori, rispondendo direttamente alle richieste di associazioni oppure inserendo annunci di offerta di beni materiali e competenze.
    Lo staff del Centro Servizi è disponibile a organizzare incontri di presentazioni di Bacheca Solidale sul territorio con le associazioni o reti di associazioni che ne facessero richiesta, ed è disponibile a fornire una consulenza per facilitare la procedura di iscrizione.
    Per approfondire e informazioni
    (fonte Volabo)

  • 30 Novembre 2015 | “A testa alta”, tenacia e passione di giudici minorili e assistenti sociali vedi

    Si potrebbe definire un film sulla “ostinazione riabilitativa e rieducativa”, sulla tenacia di quelle figure “istituzionali, normalmente rappresentate come fallimentari, se non dannose, che ruotano intorno ai cosiddetti “minori problematici”: giudici, educatori e assistenti sociali.
    Il film “A testa alta”, di Emmanuelle Bercot (produzione Les films du Kiosque, distribuzione Officine Ubu), la pellicola francese che ha aperto l’ultima edizione del festival di Cannes e che il 19 uscirà nelle sale, supera il luogo comune e offre un ritratto insolito di queste istituzioni: ciascuno fa il proprio lavoro con devozione, lasciando che il proprio compito nei confronti di Malony, il tipico “delinquente”, passi attraverso la fatica, la paura, la frustrazione, il rischio di sbagliare. “Non so più cosa fare” è una frase che ritorna, pronunciata ora dall’educatore di turno, ora dalla stessa giudice, ma non è rassegnazione: piuttosto, è il continuo interrogarsi su ciò che si sta facendo e domandarsi se non ci siano strade migliori.
    Leggi tutto su redattoresociale
    Il trailer del film

  • 30 Novembre 2015 | Al via da martedì 1 dicembre il Piano freddo del Comune 2015/2016 vedi

    bicicletta sotto la nevebicicletta sotto la neve
    Il piano freddo consiste nell’accoglienza notturna in luogo protetto di tutti coloro che sono costretti a dormire in strada nelle notti invernali. É prevista l’accoglienza anche nelle ore diurne all'interno delle strutture notturne, limitatamente ai periodi di neve e freddo intensissimo.
    Oltre ai posti letto, sono previsti numerosi altri servizi offerti prevalentemente dal volontariato, quali distribuzione di coperte, sacchi a pelo, bevande calde e generi di conforto a cui si aggiunge la somministrazione di pasti presso le strutture del piano freddo. Il piano freddo del Comune di Bologna per l’anno 2015-2016 prevede l’indispensabile collaborazione dell’Agenzia Regionale Protezione Civile, di ARPA, e Asp Città di Bologna.

    La realizzazione di tutte le attività non può prescindere dalla forte e significativa collaborazione delle associazioni e organizzazioni del territorio che hanno messo in rete le proprie disponibilità e il proprio servizio.
    Oltre all’accoglienza notturna, sarà garantito un riparo diurno (fascia oraria 10.00-18.00) ad accesso libero e diretto, presso la sala multifunzionale del Centro Beltrame (via Sabatucci 2) dal venerdì alla domenica, e presso Villa Serena (via della Barca 1/6, aprirà nel mese di gennaio 2016) dal lunedi al giovedì, alle medesime condizioni.

    La data di inizio del Piano Freddo 2015/16 è fissata per martedì 1 dicembre 2015; i posti a disposizione in totale sono 238 suddivisi in 11 strutture.
    L'accesso alle strutture, come gli altri anni, non è diretto, ma tramite invii da parte di alcuni servizi a cui è necessario rivolgersi e che sono:
    - l'Unità di strada, via Polese 15, da lunedì a venertdì dalle 9,30 alle 13,30
    - Help center,  Stazione Centrale FS Piazzale Est, da lunedì a venerdì dalle 16 alle 19,30. sabato e domenica dalle 17,00 alle 19,30.
    Gli accessi sono regolamentati come segue:
    - l'accesso avviene compatibilmente con la disponibilità;
    - l’invio ordinario viene effettuato per 15 notti con eventuale successivo rinnovo da parte del soggetto inviante attraverso foglio di invio;
    - dopo 2 notti di assenza la persona perde il diritto al posto letto;
    - all’ingresso in struttura viene fatto firmare agli ospiti il regolamento interno tradotto anche nelle principali lingue;
    - quotidianamente verranno comunicate le presenze all’interno delle strutture alla Questura;
    - Vengono accolte tutte le persone in condizione di bisogno.

    E’ prevista una ammissione per le situazioni di emergenza riscontrate dalle forze dell’ordine o dai pronto soccorso, tramite il servizio di Pronto Intervento Sociale (Pris) che potrà usufruire di posti dedicati, che si vanno ad aggiungere a quelli elencati precedentemente.
    Leggi la scheda informativa sul piano freddo 2015/2016
    (fonte Ufficio Adulti vulnerabili, inclusione sociale e politiche attive del lavoro del Comune di Bologna)

  • 30 Novembre 2015 | Diritto allo studio: misure compensative straordinarie per l'a.a. 2015/2016 vedi

    Nel 2015 è entrata in vigore la nuova normativa in materia di ISEE (Dpcm 153/2013) che riguarda l’accesso a tutte le prestazioni sociali agevolate e che ha avuto anche un impatto nella definizione del numero degli studenti idonei alle borse di studio universitarie in esito ai bandi per l’a.a. 2015/16.
    Per far fronte alla situazione si è ritenuto di attivare misure compensative straordinarie rivolte a studenti esclusi dalle borse di studio a causa delle nuove modalità di calcolo dell’ISEE.
    Tali misure saranno erogate solo a condizione che siano soddisfatti tutti gli studenti idonei alla borsa di studio per l’ a.a 2015/2016 e consistono in un contributo in denaro oltre a un prepagato per l’accesso agevolato al servizio ristorativo di € 200.
    Leggi nel sito della Regione E.Romagna
    (fonte newsletter Regione E.Romagna)

  • 30 Novembre 2015 | ISTAT: reddito e condizioni di vita, anno 2014 vedi

    Nel 2014 si attesta al 28,3% la stima delle persone a rischio di povertà o esclusione sociale residenti in Italia, secondo la definizione adottata nell'ambito della strategia Europa 2020.
    L'indicatore corrisponde alla quota di popolazione che sperimenta almeno una delle seguenti condizioni: rischio di povertà
    (calcolato sui redditi 2013), grave deprivazione materiale e bassa intensità di lavoro (calcolata sul numero totale di mesi lavorati dai componenti della famiglia durante il 2013). Nel 2014 le persone a rischio di povertà sono stimate pari al 19,4%, quelle che vivono in famiglie gravemente deprivate l'11,6%, mentre le persone appartenenti a famiglie dove l'intensità
    lavorativa è bassa rappresentano il 12,1%.
    Leggi tutto e scarica il rapporto
    Leggi anche su quotidiano sanità
    (fonte sito Istat)

  • 30 Novembre 2015 | Regione E.Romagna. Bilancio di previsione 2016, la Giunta vara una manovra da 12 miliardi vedi

    logo regionelogo regione
    Nessun aumento delle tasse, maggiori entrate e risparmi per ulteriori 45 milioni di euro nel funzionamento della macchina regionale. Più risorse per i cittadini e per le imprese, per la sicurezza e lo sviluppo sostenibile dell’ambiente. Sono queste le linee principali del progetto di legge relativo al bilancio di previsione 2016, una manovra complessiva da 12 miliardi di euro, di cui 8 miliardi solo per la sanità. Tra le diverse novità introdotte due riguardano il welfare. Si tratta dell’introduzione del reddito di solidarietà, sostenuto complessivamente per circa 75 milioni di euro, per la riduzione della povertà e l'azzeramento dell’Irap per Asp e privati che gestiscono, per il pubblico, servizi alla persona.
    Leggi tutto  e scarica le slide di presentazione del Bilancio 2016
    (fonte newsletter Regione E.Romagna)

  • 30 Novembre 2015 | Sportelli sociali in E.Romagna. Dati relativi al 2014 e 1° semestre 2015 vedi

    sportello socialesportello sociale
    E' disponibile nel sito della Regione E.Romagna il report sulla attività degli Sportelli Sociali della regione (anno 2014) in tema di rilevazione della domanda espressa dai cittadini. L'analisi si riferisce alle domande registrate nel corso dell'anno 2014 relative ai 37 distretti socio sanitari che erano integrati al flusso informativo legato agli sportelli (flusso IASS) al 31 dicembre 2014 (**).
    Una sezione del report è dedicata anche ai dati relativi al primo semestre 2015.
    Scarica il report

    (**) si ricordano alcuni elementi utili ad una corretta lettura dei dati:
    - le competenze degli sportelli sociali sono estremamente diversificate da distretto a distretto. In alcuni si occupano solo di sociale, in altri anche di "casa", in altri ancora anche di "servizi per l'infanzia"; i dati quindi sono disomogenei tra loro e scarsamente confrontabili
    - alcuni distretti della regione trasmettono i dati solo dal 2014 ma in manuiera parziale (zona di Parma, dati apparentemente non attendibili vista l'eseguità)
    - i dati del distretto di Bologna sono attualmente relativi agli 8 sportelli sociali aperti, ma anche al Servizio sociale a bassa soglia, al PRIS Pronto intervento sociale e, per quanto riguarda ASP, al Centro per le famiglie ed alcuni altre limitate tipologie di servizio
    (fonte redazione sportello sociale)

  • 30 Novembre 2015 | Convegni, corsi, conferenze sociali a Bologna (dicembre 2015) vedi

    Gli appuntamenti per informarsi, formarsi, aggiornarsi per chi lavora ed opera nell'ambito dei servizi sociali e del terzo settore. A Bologna nel mese di dicembre 2015.


    martedì 1 dicembre
    presentazione del volume "Cinema, Adolescenza e Psicoanalisi" (Carbone, Cottone, Eusebio, Franco Angeli, 2015)
    a cura Ordine Psicologi ER
    alle 17,00, sede dell'Ordine degli Psicologi ER, Strada Maggiore 24, Bologna

    mercoledì 2 dicembre
    presentazione del volume "Storie di Panda. I racconti degli infermieri al volante delle Panda dell’Azienda Usl di Bologna"
    (a cura di Valerio Borgonuovo, Danila Guidi), a cura Az.Usl Bologna
    ore 18, Aula Colonne, ex presidio Roncati, in via Sant’Isaia 90, Bologna

    giovedi 3 dicembre
    incontro "Quello che la primavera fa con i ciliegi" (in occasione del 3 dicembre, giornata internazionale delle persone disabili)
    a cura Istituzione G.F.Minguzzi e Scuola di Psicologia e di Scienze della Formazione dell'UniBo
    dalle ore 14.00 alle ore 18.00, Aula Magna di Scienze dell'Educazione, via Filippo Re 6, Bologna

    giovedì 3 dicembre e altre date
    eventi in occasione della giornata internazionale delle persone disabili, 3 dicembre
    a cura Città Metropolitana di Bologna

    venerdì 4 dicembre
    giornata di formnazione per assistenti sociali "“Crisi economica, società del rischio e servizio sociale: approcci e ricerca di soluzioni"
    a cura OASER ER
    dalle 8,30 alle 14, Cinema Arlecchino, Via Lame 57, Bologna

    mercoledì 9 dicembre
    presentazione del volume "Ti seguirò fuori dall'acqua (di Dario Fani, Salani, 2015) nell'ambito del ciclo "Astropapà: il ruolo paterno tra stereotipi del passato e identità future"
    a cura CDH
    ore 18.00, Mediateca di S. Lazzaro, via Caselle 22,  S.Lazzaro di Savena (Bo)

    giovedì 10 dicembre
    seminario "Non solo altalena; la dimensione inclusiva del parco giochi"
    a cura  Criba Emilia-Romagna
    dalle 9.00 alle 17.00, sala Auditorium Regione Emilia Romagna, via Aldo Moro 18, Bologna

    giovedì 10 dicembre
    convegno "Giovani in lista d'attesa. Giovani e lavoro: due ricerche a confronto"
    a cura Ist.Gramsci ER
    ore 16,30, 16,30 , Sala Convegni Centro doc.Cooperazione, Via Mentana 2, Bologna

    mercoledì 10 dicembre
    seminario "Al loro fianco" (ultimo incontro del ciclo "Migro perchè sono.Problematiche e storie dell'immigrazione LGBT")
    a cura UnoBo
    dalle 14 alle 17, Aula Poeti, Palazzo Hercolani, Strada Maggiore 45, Bologna

    martedì 10 e giovedì 11 dicembre
    convegno "Leave no one behind. La dimensione educativa e inclusiva della cooperazione internazionale"
    a cura  Dipartimento di Scienze dell’Educazione e Scuola di Psicologia e Scienze della Formazione dell’UniBo
    dalle 10 alle 18, aula magna Dip.Scienze educazione, via Filippo Re 18, Bologna

    martedì 10 e giovedì 11 dicembre
    convegno "La riabilitazione cambia volto"
    a cura SIMFER e SINPIA
    9-18,30, 9-15, Sala convegni Hotel Relais Bellaria, via Altura 11/bis, Bologna

    venerdì 11 dicembre
    convegno "L’intervento sul giovane paziente in un Day Hospital per i Disturbi del Comportamento Alimentare"
    a cura di Aosp Bologna
    dalle 8,30 alle 17,30, Aula Polivalente “Guido Fanti”, Regione Emilia Romagna, Viale Aldo Moro 50, Bologna

    sabato 12 dicembre 2015
    inaugurazione della mostra fotografica "Sport makes it. Arrampicata sportiva e disabilità"
    a cura Fondazione Rinaldi per lo sport
    ore 18,00, Studio Architettura, Via Solferino 19, Bologna
    http://www.fondazioneperlosport.com/blog/sport-makes-it/

    sabato 12 dicembre
    corso di formazione "Cumunicare brutte notizie in ambito sanitario con afficacia e competenza"
    a cura Studio AM Verona
    dalle 9 alle 18,30, Residence All’Adige, Via Magellano 28, Verona

    lunedì 14 dicembre
    corso di formazione "Integrazione socio sanitaria e cittadini stranieri in difficoltà quali bisogni, quali risposte"
    a cura Asl Bologna
    dalle 8,30 alle 14,30, Aula Cesare Cesari c/o Casa dei Donatori di Sangue AVIS, via dell’Ospedale 20, Bologna

    martedì 15 dicembre
    giornata di formazione per operatori sul tema "Procedure d'accoglienza dei richiedenti asilo"
    a cura  Servizio Politiche per l'Accoglienza e l'Integrazione Sociale della Regione Emilia-Romagna
    dalle 10.30 alle 13.30, Sala “Ex-Consiglio”, Viale Silvani 6, Bologna

    martedì 15 dicembre
    incontro "#ilfuturoèsociale :presentazione delle proposte del Forum per dare forza al welfare"
    a cura Forum terzo settore Bologna
    alle ore 12,00, porta Lame, Bologna

    giovedi 17 dicembre
    presentazione del volume "I ponti di Babele" (Naso, Salvarani, ed.EDB)(integrazione e coesione sociale in un tempo attraversato da radicalismi e fondamentalismi)
    a cura centro Zonarelli
    alle ore 18, Centro Zonarelli, via Sacco 14, Bologna

    venerdì 18 dicembre
    evento "Aggiungi un posto al tavolo! Il Community Lab e la programmazione locale e partecipata"
    a cura Regione E.Romagna
    ore 18, Opificio Golinelli, via Paolo Nanni Costa 14, Bologna

    venerdì 18 dicembre
    2° Conferenza del Care Leavers Network dell’Emilia-Romagna
    a cura Ass.Agevolando, Regione E.Romagna
    dalle 14,15 alle 17,15, Aula Magna della Regione Emilia-Romagna, viale Aldo Moro 30, Bologna

    sabato 19 dicembre
    incontro/lezione sulle manovre di disostruzione in età pediatrica e il sonno sicuro
    a cura CRI Bologna, con la collaborazione del Comune di Bologna
    dalle 10,30 alle 13,00, Biblioteca di Sala Borsa, auditorium Biagi, p.zza del Nettuno 3, Bologna

    sabato 19 dicembre
    convegno "Le violenze nei legami fraterni e di coppia"
    a cura Istituto Mosaico psicologie
    dalle 9,30 alle 18,00, Quartiere Santo Stefano, Sala Biagi, via Santo Stefano 119, Bologna

    lunedì 21 dicembre
    incontro di presentazione della pubblicazione "L'accoglienza dei richiedenti asilo" (progetto Cares)
    a cura Comune Bologna, Laimomo coop
    alle 17,30, Centro interculturale Zonarelli, via Sacco 14, Bologna

  • 19 Novembre 2015 | Comune di Bologna e imprese insieme per creare nuova occupazione. Colloqui l'1 e 2 dicembre a Palazzo d'Accursio vedi

    LavoroLavoro
    Nella sede del Comune le imprese bolognesi incontrano i cittadini per colloqui e orientamento al lavoro. I prossimi 1 e 2 dicembre Unindustria Bologna, Confartigianato Assimprese Bologna Metropolitana e Legacoop Bologna, con la collaborazione delle organizzazioni sindacali CGIL, CISL e UIL territoriali, metteranno a disposizione, in collaborazione con i Centri per l'impiego e lo Sportello Comunale per il lavoro di Bologna, nella Sala del Dentone di Palazzo D’Accursio, decine di esperti in selezione del personale che, dalle 8.30 alle 18, condurranno appositi colloqui per mappare le competenze di quanti si presenteranno.

    Lo scopo dell’iniziativa è indire una gara di solidarietà tra le 6.000 imprese associate per l’inserimento, o il reinserimento, del maggior numero possibile di profili nel mercato del lavoro. A tutti coloro che si profileranno verranno consegnati un voucher per un corso di formazione e sei ticket per altrettanti pasti gratuiti da ritirare, dal 3 all’8 dicembre dalle 11.30 alle 14.30, nel cortile di Palazzo d’Accursio.

    I corsi di formazione gratuiti, saranno focalizzati su tre aree tematiche: “Come scrivere un curriculum e affrontare un colloquio di lavoro”, “Informatica di base” e “Corso intensivo di apprendimento della lingua italiana”. I candidati potranno scegliere quello più congeniale alle proprie esigenze e ai propri interessi entro dicembre 2016.
    La distribuzione dei pasti sarà a cura del personale delle diverse associazioni di categoria coinvolte e dei tanti volontari che si vorranno aggiungere.

    "Ringrazio le imprese di Bologna e le diverse associazioni di categoria impegnate in questa iniziativa - dichiara il sindaco Virginio Merola - Nella crisi, si è allargata la forbice della povertà nel nostro Paese così come nella nostra città. L'economia oggi è in ripresa e il nostro territorio ha mantenuto per fortuna molte imprese in salute che hanno, nonostante tutto, continuato ad assumere o a riorganizzarsi per competere nel mercato nazionale e internazionale. In tutto questo, però, non dobbiamo mai scordarci che nessuno deve rimanere indietro e che Bologna sarà più forte quanto sarà in grado di redistribuire a tutti anche quel poco di ricchezza che si genera. Dobbiamo rimettere in circolo il lavoro, aiutare chi oggi ha perso la speranza, in particolare le persone adulte, padri e madri di famiglia, tanto quanto i giovani che hanno voglia di fare".
    Scarica il volantino dell'iniziativa

    (Fonte sito Comune di Bologna)

  • 16 Novembre 2015 | Lavoro e inclusione sociale, convenzione tra Regione e Ministero Lavoro vedi

    Logo RegioneLogo Regione
    L’assessore regionale al Lavoro Patrizio Bianchi e il ministro del Lavoro Giuliano Poletti hanno siglato a Bologna la convenzione tra la Regione Emilia-Romagna e il Ministero del Lavoro per la gestione dei servizi per l’impiego e delle politiche attive del lavoro.
    La firma è avvenuta nel corso del convegno su lavoro e inclusione sociale, con cui la Regione ha presentato la legge recentemente approvata (LR E.Romagna n.14/2015) per sostenere l’inserimento lavorativo e l’inclusione sociale delle persone in condizione di fragilità e vulnerabilità, attraverso l’integrazione tra i servizi pubblici del lavoro, sociali e sanitari.
    Il provvedimento è il frutto del lavoro condiviso tra più assessorati – assessorato al Lavoro, alle Politiche sociali, alla Salute e alle Attività produttive - volto a garantire che i diversi servizi presenti sul territorio – sociali, sanitari, del lavoro e della formazione - operino insieme e in modo integrato per consentire alle persone fragili di uscire dalla condizione di vulnerabilità e allo stesso tempo per motivarle e responsabilizzarle in tal senso.
    Una fragilità transitoria, che a seguito della crisi prolungata che ha investito anche la nostra regione, ha riguardato un numero importante di cittadini che prima della crisi non avevano mai avuto necessità di rivolgersi ai servizi sociali.
    Leggi tutto nel sito della Regione E.Romagna

    Sono inoltre disponibili i materiali presentati nelle due giornate di lavoro organizzate dalla Regione E.Romagna in applicazione della legge 14/2015
    - 9/11: Seminario pubblico "Lavoro e Inclusione: l’esperienza dell’Emilia-Romagna nel quadro delle politiche nazionali e comunitarie"
    - 10/11: giornata di formazione per gli operatori dei servizi territoriali "Favorire l'ingresso al lavoro e l'inclusione sociale di persone fragili e vulnerabili"
    Scarica i materiali
    (fonte sito Regione E.Romagna)

  • 16 Novembre 2015 | Una ricerca sulla Sharing economy e il mondo cooperativo vedi

    E’ stata presentata lunedì 9 novembre a Sharitaly – il maggior evento sull’economia collaborativa in Italia – la ricerca "Dalla sharing economy all’economia collaborativa. L’impatto e le opportunità per il mondo cooperativo" promossa Fondazione Unipolis, in collaborazione con Generazioni Legacoop, realizzata da LAMA Development and Cooperation Agency e Social Seed.

    La ricerca analizza le forme emergenti dell’economia collaborativa, al fine di individuare punti di contatto e interazione con il mondo delle imprese cooperative, evidenziandone ambiti di innovazione e contaminazione reciproca. L’obiettivo è stimolare una riflessione all’interno del mondo cooperativo, per suggerire una nuova lettura dei fenomeni contemporanei ed evidenziare le possibilità di fare “innovazione cooperativa” ispirata all’economia collaborativa. Allo stesso tempo, rovesciando la prospettiva, si pone una riflessione sul ruolo che i principi e i modelli cooperativi possono giocare nella proposizione di modelli di economia collaborativa democratici, orizzontali, basati sulla partecipazione, la centralità della persona e l’attenzione agli impatti sociali, superando quelle che sono attualmente alcune delle principali criticità dell’economia collaborativa. Alcuni grandi temi attraversano in modo trasversale la riflessione, come il ruolo delle tecnologie, della regolamentazione e dei valori che stanno alla base dei diversi fenomeni, con un’attenzione particolare al tema della governance.

    Dopo un accurato disamine del dibattito contemporaneo sulla sharing economy e un’analisi dei tratti comuni tra economia della collaborazione e cooperazione, gli autori sintetizzano in 10 punti gli stimoli che le imprese cooperative possono trarre. Riassumiamo qui in breve:
    -mutualità cooperativa (riportare al centro la relazione e lo scambio diretto tra soci);
    -concetto di prosumer (in relazione a nuove forme di multistakeholdership, es. nelle cooperative di comunità);
    -open manifacturing and open innovation (nella relazione tra cooperazione e coworking, fablab etc.);
    -reti (nuove forme di connessione tra soggetti anche geograficamente distribuiti, ampliamento della scala di coinvolgimento);
    -cooperazione B2B (collaborazione più agevoli tra varie imprese);
    -innovare i modelli di business e le risposte ai bisogni (attraverso l’economia collaborativa);
    -feedback e monitoraggi (grazie alle tecnologie);
    -infrastrutturazione della community (grazie agli strumenti “social”);
    -nuove modalità di partecipazione e governance (grazie agli strumenti della rete);
    -La forma cooperativa come opzione di governance per le piattaforme di economia collaborativa.
    Scarica il testo della ricerca
    Leggi il resoconto di SharItaly su secondowelfare.it
    (fonti: irisnetwork.it, secondowelfare.it)

  • 16 Novembre 2015 | Parte "Via col vento", alloggi per padri separati in difficoltà economica vedi

    A Bologna quattro stanze private e aree comuni per aiutare uomini separati, spesso padri, in un momento complesso della loro vita. Il progetto, voluto dai Dehoniani bolognesi del Villaggio del Fanciullo, in collaborazione con l'associazione Padri separati, sarà gestita dalla cooperativa Eta Beta .
    Le attività hanno il supporto di ASCOM e di IKEA sociale che ha donato gli arredi.
    Per informazioni è necessario rivolgersi alla associazione Padri separati di Bologna (tel 051/6142641 ; http://www.padri.it)
    Approfondisci nella newsletter di Volabo
    (fonti: il resto del carlino, agenzia redattoresociale)

  • 16 Novembre 2015 | Accoglienza rifugiati, ecco quanto ci costa davvero al di là delle propagande vedi

    Quanto spende l’Italia ogni giorno per un rifugiato? E quanto costa davvero il nostro sistema d’accoglienza?  Da anni ballano vari numeri. Ora a rispondere ufficialmente è il primo “Rapporto sull’economia dell’accoglienza”, firmato da un gruppo di studio costituito a gennaio 2015 presso il Dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione del ministero dell’Interno.
    I costi sono drasticamente scesi rispetto alla emergenza "Nord Africa" (le cosiddette rivoluzioni delle primavere arabe e relatvi flussi migratori) del 2011.
    Il rapport ricorda ancora che, al di la della piccola cifra (2,50 euro al gg) che viene data ai rifugiati per le piccole spese quotidiane, “...il costo per la gestione dell’accoglienza viene in gran parte riversato sul territorio sotto forma di stipendi a operatori, affitti e consumi e, in ogni caso, rappresenta una piccolissima percentuale, quantificabile nello 0,14%, della spesa pubblica nazionale complessiva”.
    - Leggi tutto nel sito del CIRDI
    - Il rapporto e il relativo abstract si possono scaricare da questa pagina
    (fonte sito cirdi.it)

  • 10 Novembre 2015 | Amministratore di sostegno: al via la campagna di comunicazione del progetto SOStengo vedi

    "Insieme possiamo agire!" è la campagna di comunicazione realizzata dall'agenzia Comunicattive in collaborazione con SOStengo! il progetto sul tema della amministrazione di sostegno promosso da Città Metropolitana, Ist.Minguzzi, Tribunale di Bologna, Volabo, Fond.Dopo di noi, UniBo.
    La campagna è rivolta a sensibilizzare la cittadinanza dell’area metropolitana sulla figura dell’amministratore di sostegno, sulla necessità di coinvolgere volontari e volontarie per coprire tale ruolo e sui servizi offerti dal progetto SOStengo!.
    Le fotografie delle persone sulle locandine sono state realizzate con vere coppie di amministratori di sostegno volontari e loro beneficiari, che hanno messo a disposizione la propria immagine per mostrare il bellissimo rapporto di aiuto e sostegno che viene a crearsi tra amministratori volontari e persone fragili.
    Per ogni informazione:
    Progetto SOStengo! tel.051/5288537 - e-mail: sostengo@cittametropolitana.bo.it
    presso Istituzione G. F. Minguzzi, Via S. Isaia 90, Bologna.
    Lo sportello SOStengo è attivo il lunedì: 08:30-15:00 e il giovedì: 14:00-18:00 solo su appuntamento.

    Campagna comnunicazione SOStengo 2015_unoCampagna comnunicazione SOStengo 2015_uno

    Campagna comnunicazione SOStengo 2015_dueCampagna comnunicazione SOStengo 2015_due

    Campagna comnunicazione SOStengo 2015_treCampagna comnunicazione SOStengo 2015_tre

    (fonte progetto SOStengo)

  • 9 Novembre 2015 | Al via il Centro d'Incontro Margherita: un servizio innovativo per i malati di alzheimer, per coloro che hanno problemi di perdita della memoria e i loro caregiver vedi

    Tessere puzzleTessere puzzle
    L'insorgere di patologie connesse alla perdita della memoria innesca un senso di smarrimento sia nella persona che ne è affetta sia in chi se ne prende cura, generando ansia e preoccupazione per il futuro. La persona con demenza e la sua famiglia si trovano quindi a dover far fronte a sfide molto sia e preoccupazione per futuro. La persona con demenza e la sua familia si trovano quindi a dover far fronte a sfide molto complesse che comportano l’accettazione della malattia, il mantenimento di un’immagine positiva di sé e l’adattamento al cambiamento in atto.

    E' a loro che si rivolge il Centro d'Incontro Margherita: un servizio innovativo rivolto alle persone anziane residenti a Bologna e ai loro familiari e assistenti e mirato a sostenerli e accompagnarli fin dalla fase di esordio della malattia.
    Gestito dall'Asp Città di Bologna con il contributo di Home Care Premium, il Centro si propone di sostenere, attraverso un'equipe di professionisti, le persone affette da patologie di deterioramento cognitivo, al fine di prevenirne l'avanzamento e aiutare loro ed i loro familiari a far fronte all'evoluzione della malattia nella vita di tutti i giorni.
    Con il supporto di esperti e l'importante collaborazione dei volontari delle associazioni Arad e "Non perdiamo la testa", che da anni operano sul territorio a sostegno dei malati di alzheimer e dei loro familiari, verranno organizzate numerose attività volte a stimolare le capacità cognitive. Dalle attività laboratoriali-occupazionali, a quelle ricreative e di socializzazione, alla attività di lettura e stimolazione cognitiva, fino a quelle di benessere e di supporto psico-fisico.
    Inoltre, sia per gli anziani che per i familiari, gli assistenti familiari e i caregiver verranno organizzati  anche momenti informativi e formativi, di orientamento ai servizi esistenti e di confronto reciproco e supporto psicologico ed emotivo.

    Sito in via Grassetti 4 (in zona Massarenti - San Vitale), il servizio sarà aperto a partire da lunedì 16 novembre nelle giornate del lunedì e del giovedì dalle 9 alle 12 e il mercoledì dalle 15 alle 18.30.
    Oltre agli anziani segnalati dai servizi, potranno accedervi anche tutti i cittadini che lo necessitano e che ne faranno richiesta (fino a un massimo di 40 persone).
    Dopo un periodo di  avvio e di sperimentazione, a partire dal mese di gennaio 2016, il costo della frequenza per una giornata al Centro di Incontro Margherita sarà di 10 euro (comprendenti sia la frequenza dell'anziano che della persona che lo accompagna).

    Per approfondire
    Consulta la scheda del progetto
    Scarica la brochure informativa
    Leggi l'articolo sulla rivista Mosaico edita da Asp Bologna
    Consulta il sito del riferimento italiano del progetto Europeo MeetingDem
    Il progetto europeo MeetingDem

    Per partecipare ed avere informazioni rivolgersi a :
    Centro d’Incontro Margherita - Via Anna Grassetti 4, Bologna
    Tel. e Fax .051/340143 - cell. 338/3131604
    Manola Compiani: manola.compiani@aspbologna.it
    Susanna Giorgi: susanna.giorgi@aspbologna.it

  • 9 Novembre 2015 | Isee 2015, ulteriori dati del Governo sulla applicazione. Poletti: le dichiarazioni sono più veritiere vedi

    IseeIsee
    Il 1° gennaio è entrato in vigore il nuovo Isee. Molte sono state le innovazioni, sia dal punto di vista procedurale che delle regole di calcolo. "Nel primo semestre - informa il ministero del Lavoro - sono oltre 2 milioni i nuclei familiari che hanno presentato una Dichiarazione sostitutiva unica (Dsu) a fini Isee. È un patrimonio informativo che permette di consolidare le conoscenze rispetto agli effetti delle nuove regole" [....]
    Per quasi due terzi della popolazione il nuovo Isee è più favorevole (46,9%) o indifferente (16,6%) rispetto al vecchio. Per il terzo di popolazione per cui il nuovo indicatore è meno favorevole, ciò dipende dai valori patrimoniali: il patrimonio infatti pesa molto di più nel nuovo indicatore, da un ottavo (12,4%) a poco meno di un quinto (18,2%) [...]
    L’indicatore inoltre è molto più veritiero; i redditi non sono più autodichiarati, ma rilevati direttamente presso l’anagrafe tributaria (si stima in circa un quarto delle Dsu la presenza di sottodichiarazioni nel vecchio Isee), mentre con riferimento al patrimonio mobiliare (conti correnti e libretti di deposito) l’annuncio del rafforzamento dei controlli ha risultati eclatanti: le Dsu con patrimonio mobiliare nullo passano da quasi il 75% a meno del 20%
    Leggi tutto su pensionioggi.it
    Il comunicato del Ministero del lavoro e politiche sociali
    Il documento di monitoraggio
    (fonti: sito pensionioggi, sito Ministero Lavoro e pol.sociali)

  • 5 Novembre 2015 | Auser presenta a Roma il secondo rapporto sulla condizione abitativa degli anziani che vivono in case di proprietà. Il nodo barriere vedi

    Auser Nazionale, Abitare e Anziani e Spi Cgil hanno presentato a Roma il 6 novembre il Secondo Rapporto sulla condizione abitativa degli anziani  in Italia che vivono in case di proprietà. Un universo sociale la cui dimensione  è in continua espansione, con nuovi e complessi problemi.

    Con la collaborazione dell’Istat che ha fornito l’elaborazione  dei dati dell’ultimo Censimento 2011, il Rapporto analizza  in modo rigoso e dettagliato, nei singoli territori del Paese, le condizioni abitative degli anziani: aspetti, problemi, inadeguatezze, bisogni. Dal quadro che ne emerge AeA  presenterà  un articolato pacchetto di proposte politiche e sindacali.

    Il Rapporto parte da un dato preciso: il patrimonio immobiliare esistente, in larga parte è di proprietà degli anziani; il tutto dentro ai dati demografici che ci dicono del progressivo invecchiamento della popolazione.
    Circa le case  si tratta perlopiù di case vecchie, con più di 50 anni (il 54,9%) che se pur in buone condizioni hanno impianti vecchi, fuori norma in materia di sicurezza e con molte barriere architettoniche.
    Leggi nel sito della rete dei CAAD e scarica la sintesi del rapporto di ricerca

  • 5 Novembre 2015 | "Non per cassa ma per equità" le proposte INPS su povertà e disoccupazione giovanile vedi

    sigla inpssigla inps
    L'Inps pubblica sul proprio sito una proposta normativa in 16 articoli, dal titolo "Non per cassa ma per equità", che toccano a 360 gradi il sistema previdenziale e assistenziale, dal sostegno di inclusione attiva per gli over55 al riordino delle prestazioni collegate al reddito, passando per il ricalcolo dei vitalizi. Inclusi gli interventi sull'uscita flessibile e le pensioni dei sindacalisti.
    Tra i temi trattati:
    - Reddito minimo da 500 euro per over 55
    - Prelievo di risorse da 250mila pensionati d'oro
    - Ricalcolare vitalizi delle cariche elettive con sistema contributivo
    - Uscite dai 63 anni, perdite medie non oltre 10%
    [dalla introduzione al documento]"Le proposte normative qui raccolte hanno come comune denominatore quello di intervenire ai confini fra assistenza e previdenza per permettere che l’invecchiamento della popolazione italiana sia non solo finanziariamente, ma anche socialmente sostenibile. Nell’immediato reagiscono all’eredità dell’interminabile recessione, finalmente interrotta da inizio 2015, su due aspetti fondamentali: l’aumento della povertà, soprattutto fra chi è vicino all’età di pensionamento, e il livello insostenibile della disoccupazione giovanile"
    Scarica il documento

    Per approfondire:
    - La proposta viene da lontano: Boeri e Nannicini su LaVoce.info del giugno 2013
    - Il servizio del TGLa7 del 5 novembre 2015
    - Il parere di E.Ranci Ortigosa, direttore dell'IRS ist.ricerca sociale di Milano

    Primi commenti:
    - La Stampa
    - Il Giornale
    - La Repubblica
    - Il Corriere della sera
    - Agenzia stampa Reuters
    - Il Fatto quotidiano
    - Il Manifesto

    (fonti tiscali.it, sito INPS, siti dei quotidiani citati)

  • 4 Novembre 2015 | Bonus gas ed elettrico. Avvertenza sui bonus in scadenza al 31/1 e 29/2. Proroga dei termini del rinnovo vedi

    Bonus energeticiBonus energetici
    La normativa sui bonus energetici (gas ed elettrico) prevede che il rinnovo degli stessi venga fatto entro il mese precedente quello di scadenza; ad esempio se un bonus scade il 31 gennaio il rinnovo deve essere fatto entro il 31 dicembre e il nuovo bonus rinnovato avrà decorrenza dal 1 febbraio.
    La legislazione sul nuovo ISEE (DPCM 159 del 5/12/2013) introdotto a partire dal 1 gennaio 2015 prevede che le DSU, il documento che si compila al Patronato con tutti i dati necessari al successivo rilascio da parte di INPS dell'ISEE,  abbiano tutte scadenza il 15 gennaio dell'anno successivo a quello di rilascio.

    Il combinato di questi due fattori determina potenzialmente difficoltà per coloro che devono rinnovare i bonus in scadenza al 31/1/16 e al 29/2/16
    - per i primi, dovendo rinnovare entro dicembre 2015, il sistema Sgate, una volta immessa la domanda, segnala "ISEE scaduto al decorrere del rinnovo" dato che la DSU alla data di ripartenza della agevolazione (1 febbraio 2016) risulta scaduta (sarebbe la stessa cosa anche se, ad esempio, facessero un nuovo ISEE a dicembre)
    - per i secondi, dovendo rinnovare entro il 31/1/16 c'è un lasso di tempo troppo breve (solo il mese di gennaio) per farsi rilasciare il nuovo ISEE con DSU valida fino al 15/1/17 poichè emessa nell'anno 2016.

    Stante questa difficoltà l'Autorità per l'Energia Elettrica, il Gas ed il Sistema Idrico ha emesso una determina (N.9/DCCA/2015) in cui proroga al 29 febbraio 2016 la data di presentazione della domanda di rinnovo per entrambi le tipologie di bonus sopra citate (scadenze al 31/1/16 e al 29/2/16) in modo che tutti i cittadini abbiano il tempo necessario a procurarsi un nuovo ISEE emesso nell'anno 2016 e a presentare domanda di rinnovo.
    Viene ovviamente garantito che l'utente non perde alcun periodo di agevolazione in virtù della proroga.

    Attenzione: dati i tempi di attesa per l'iter dell' ISEE tra Patronati e INPS, si consiglia di prendere fin da ora un appuntamento ai Patronati per il gennaio 2016

    - Leggi tutto nel sito di SGATE
    - Scarica la Determina della Autorità energia elettrica, gas, sistema idrico

  • 3 Novembre 2015 | Muri, distanze, stati in declino. Alcune letture per riflettere vedi

    "Nuovi muri rigano il globo. I più noti sono quello americano, gigantesco, che corre lungo il confine meridionale degli Stati Uniti, e quello israeliano che si snoda attraverso la Cisgiordania. Ma ve ne sono molti altri". Questo il tema al centro del saggio "Stati murati, sovranità in declino" (Laterza, Bari, 2013) in cui Wendy Brown sottolinea un interessante paradosso: più vengono innalzati muri, più diminuisce la sovranità degli Stati Nazione; eppure questi muri sono la risposta ai desideri di protezione, contenimento e integrazione dovuti alla mancata sovranità.

    >> Per approfondimenti

    Sul tema dei muri un altro interessante approfondimento è il saggio "Alterità, Distanza.I nuovi muri di un potere che ignora" di Ota De Leonardis disponibile sul sito del SOUQ - Centro studi sofferenza urbana.

    >> Per approfondire

    (il testo è un estratto da "Empowerment urbano" a cura di Marzia Ravazzini e Benedetto Saraceno, il Saggiatore, Milano, 2013)

  • 3 Novembre 2015 | Lavoro e inclusione: due incontri sulla legge regionale 14/2015 per l'inclusione sociale vedi

    persona disabilepersona disabile
    Il 9 e il 10 novembre la Regione Emilia Romagna organizza a Bologna due appuntamenti per presentare la legge regionale n. 14, approvata lo scorso luglio per sostenere l'inserimento lavorativo e dell'inclusione sociale delle persone in condizione di fragilità e vulnerabilità, attraverso l'integrazione tra i servizi pubblici del lavoro, sociali e sanitari.

    L'incontro del 9 novembre, intitolato “Lavoro e Inclusione: l’esperienza dell’Emilia-Romagna nel quadro delle politiche nazionali e comunitarie”, si terrà a partire dalle ore 14.30 presso l’Auditorium Unipol Banca, in piazza della Costituzione 2, e vedrà la partecipazione degli assessori al lavoro, al welfare e alle Politiche abitative, e alla salute, che hanno collaborato alla stesura della legge regionale, e del ministro del lavoro e delle politiche sociali Giuliano Poletti, a cui sarà affidato il compito di trarre le conclusioni. (Per partecipare necessaria l'iscrizione cliccando qui )

    Il giorno successivo, il 10 novembre, invece, in programma un incontro tecnico, rivolto agli operatori direttamente coinvolti nell'attuazione della Legge, per confrontare le esperienze realizzate da diverse Regioni per l’inclusione sociale attraverso il lavoro, sullo sfondo dell'evoluzione normativa nazionale e comunitaria su questo tema.
    All'appuntamento, che si terrà dalle 9.30 alle 13.30 presso la sala 20 maggio 2012 della Regione, nella Terza Torre di viale della Fiera 8, parteciperanno funzionari del Ministero del lavoro e delle politiche sociali e rappresentanti delle Regioni Friuli Venezia Giulia, Puglia e Sardegna, oltre che dell'Emilia-Romagna.

    L’iniziativa è la prima di un percorso che porterà, a febbraio 2016, agli Stati Generali della Formazione. Prossimo appuntamento a dicembre 2015 con "Competenze, lavoro e sviluppo", iniziativa di lancio della programmazione Fse 2014/2020.
    Per informazioni e iscrizioni

  • 2 Novembre 2015 | "A braccia aperte": promuovere l'affidamento e l'affiancamento famigliare vedi

    Abbracciare qualcuno significa accoglierlo, prendersene cura, ma anche affidarsi. E’ un gesto che presuppone uno scambio, umano ed empatico.  È  in questa immagine il senso della campagna informativa  dal titolo "A braccia aperte", che partirà a breve e del seminario,  con lo stesso titolo,  sul tema dell’affidamento familiare che  si terrà a Bologna il prossimo 20 novembre, giornata mondiale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.  

    Su questi temi la Regione assieme ad Asp Bologna promuove per sabato 28 novembre a Bologna, dalle 10,30 alle 12,30 in piazza Santo Stefano, anche un flash-mob a cui sono invitati tutti i cittadini, le associazioni, gli operatori interessati a queste tematiche. L'iniziativa avvierà la campagna e informerà i cittadini sulle opportunità legate all'affidamento e all'affiancamento famigliare.
    Approfondisci il tema della campagna "A braccia aperte"
    Il convegno del 20 novembre
    (fonti sito Regione E.Romagna, Centro per le famiglie Bologna)

  • 30 Ottobre 2015 | Convegni, corsi, conferenze sociali a Bologna (novembre 2015) vedi

    Gli appuntamenti per informarsi, formarsi, aggiornarsi per chi lavora ed opera nell'ambito dei servizi sociali e del terzo settore. A Bologna nel mese di ottobre 2015


    martedì 3 novembre
    incontro "Volontari si diventa" (presentazione del volume omonimo di Daniela Marzana)
    a cura Volabo, Istituzione Minguzzi
    dalle 16 alle 19, Ist.Minguzzi, via S.Isaia 90, Bologna

    martedì 3, 17, 24 novembre
    seminari "La cultura dell’alcol"
    a cura Az.Usl Bologna
    dalle 15 alle 18, Aula Magna del Dipartimento di Scienze dell’Educazione, via Filippo Re 6, Bologna

    lunedì 5 novembre (e anche 10, 18, 24/11)
    ciclo di seminari "Migro perchè sono" (tema dell'immigrazione di persone omosessuali e transessuali)
    a cura UniBo, scuola scienze politiche
    in orari pomeridiani, Aula Poeti Palazzo Hercolani, Strada Maggiore 45, Bologna

    giovedì 5 novembre
    incontro "Siamo grandi e vaccinati" (promozione della salute negli anziani)
    a cura Az.Usl Bologna
    dalle 15 alle 17,30, Centro Sociale Rosa Marchi, Via Pietro Nenni 11, Bologna

    venerdì 6 novembre
    convegno “La salute dei tossicodipendenti”
    a cura Osservatorio epidemiologico dipendenze patologiche Az.Usl Bologna
    dalle 9.00 alle 17.00, Sala Convegni, Casa dei Donatori di Sangue Avis, Via dell’Ospedale 20, Bologna

    venerdì 6 novembre
    Seminario “Salute 2.0: informazione, comunicazione e cronaca sulla salute”
    a cura Agenzia informazione e comunicazione della Giunta regionale E.Romagna
    dalle 9 alle 13,30, Dipartimento di filosofia e comunicazione UniBo, via Azzo Gardino 23, Bologna

    venerdì 6 novembre
    seminario "La riforma carceraria quarant’anni dopo. Ricordando Massimo Pavarini"
    a cura Ass.F.Bricola, UniBo
    dalle 10 alle 18,30, Aula grande di palazzo Malvezzi, via Zamboni 22, Bologna

    venerdì 6 e sabato 7 novembre
    convegno "Conferenza internazionale sui beni comuni urbani"
    a cura di International Association for the Study of the Commons (IASC)
    dalle 9 alle 18, Biblioteca Sala Borsa, piazza Nettuno, Bologna

    venerdì 6 e sabato 7 novembre
    corso di formazione Promuovere la cultura/metodologia dell’Auto Mutuo Aiuto per facilitare l’avvio di gruppi”
    a cura Az.Usl Bologna
    8,30-17 , 9-13,30, Centro Civico “G. Lorenzini”, Via Don Minzoni 31, Porretta Terme (BO)

    sabato 7 novembre
    Lettura magistrale di Angus Deaton Premio Nobel per l’Economia 2015 "La grande fuga dalla povertà. Liberi per sempre?" (nell'ambito della XXXI Lettura del Mulino)
    a cura Soc.editrice Il Mulino
    ore 11.30,  Aula Magna di Santa Lucia, Università di Bologna, Via Castiglione 36, Bologna

    lunedì 9 novembre
    seminario "“Lavoro e Inclusione: l’esperienza dell’Emilia-Romagna nel quadro delle politiche nazionali e comunitarie” (presentaziion e della legge regiionale 14/2015 (sostegno dell'inserimento lavorativo e dell'inclusione sociale delle persone in condizione di fragilità e vulnerabilità)
    a cura Regione E.Romagna
    alle 14,30, Auditorium Unipol Banca, piazza della Costituzione 2, Bologna

    lunedi 9, 23, 30 novembre
    ciclo di incontri "Gioco d'azzardo problematico in famiglia: incontri di formazione e informazione"
    a cura ass.ne UmanaMente
    dalle 17,30 alle 19,30, Area ex Roncati, Aula 3, v.le Pepoli 5, Bologna

    mercoledì 11 novembre
    incontro "Astropapà" (presentaziione del numero monografico della rivista "HP-Accaparlante" che, attraverso la lente della disabilità, ha indagato il ruolo paterno tra stereotipi del passato e identità future)
    alle ore 18, Mediateca, in via Caselle 22, San Lazzaro di Savena (Bo)

    mercoledì 11 e mercoledì 18 novembre
    corso di formazione "Relazioni in contesti complessi di comunità"
    a cura di Volabo
    dalle 18,00 alle 21,00, sede Volabo, via Scipione del ferro 4, Bologna

    sabato 14 novembre (e altri 9 incontri)
    corso di formazione "Operare con le persone senza fissa dimora"
    a cura Antoniamo Onlus e Fondazione S.Marcellino
    dalle 10 alle 16, sede Antoniano, via Guinizzelli 3, Bologna

    sabato 14 e sabato 21 novembre
    corso di formazione "La relazione di aiuto"
    a cura di Volabo
    dalle 9,30 alle 16,30, sede Volabo, Via Scipione del Ferro 4, Bologna

    mercoledì 18, giovedì 19 novembre
    mostra convegno "Forum della non autosufficienza (e dell'autonomia possibile)"
    a cura Maggioli editore
    Centro congressi Savoia Hotel, via del Pilastro 2, Bologna

    mercoledì 18 novembre
    seminario di formazione per giornalisti iscritti all'Ordine "Le parole sono pietre. La violenza contro le donne, il ruolo dei media e il lavoro dei giornalisti"
    a cura Odg E.Romagna, Ass.Casa delle donne per non subire violenza
    dalle 9 alle 13,15, Cappella Farnese, palazzo d'Accursio, p.Maggiore 6, Bologna

    giovedì 19 novembre
    seminario “Internet, media digitali e tutela dei minori” (rivolto ad avvocati, insegnanti)
    a cura Corecom, Fondazione Forense Bolognese, Ufficio Scolastico Regionale
    dalle 14,15 alle 18,30, Cappella Farnese, palazzo d'Accursio, p.Maggiore 6, Bologna

    venerdì 20 novembre
    seminario di presentazione della nuova Scuola di Counseling IRECOOP
    a cura Irecoop
    dalle 15 alle 18, sede Irecoop, via Calzoni 1/3, Bologna

    venerdì 20 novembre
    seminario "A braccia aperte" (La promozione dell'affido familiare e di forme di solidarietà tra famiglie)
    a cura Regione E.Romagna
    dalle 9 alle 13,30, Regione Emilia Romagna, Terza torre, sala "20 maggio 2012", V.le della Fiera 8, Bologna

    sabato 21 novembre (e anche 5/12 e 23/1/16)
    seminari "Affettività nell'età evolutiva. Biologia e genetica della sessualità umana"
    a cura di IPSSER
    dalle 9,30 alle 13, Istituto Veritatis Splendor, Via Riva di Reno 57, Bologna

    lunedì 23 novembre
    seminario “Persone con disabilità in azienda: Lavoratori con deficit intellettivi”
    a cura di ASPHI e Unipol
    alle ore 14.30, Auditorium COOP Adriatica, Via Villanova 29/7, Castenaso (Bologna)

    martedì 24 novembre
    corso di formazione "Volontariato e nuovo welfare"
    a cura di Volabo, Ist.Minguzzi
    dalle 16,00 alle 19,00, Ist.Minguzzi, Via Sant'Isaia 90, Bologna

    mercoledì 25 novembre (e anche 26, 27, 28/11)
    Congresso Nazionale della Società Italiana di Neurologia Pediatrica (SINP) dal titolo: “La competenza clinica in neurologia pediatrica: dalla diagnosi alla terapia”
    a cura SINP
    Centro congressi Savoia Hotel, via del Pilastro 2, Bologna

    giovedì 26 novembre
    presentazione del volume "Dentro l'autismo. L'esperienza di un clinico, la testimonianza di un Asperger" (Raffaella Faggioli, F.Angeli, 2015)
    a cura di Bibliobologna, Biblioteca Salaborsa e ANGSA Bologna
    dalle 16 alle 19,  Biblioteca Salaborsa, Auditorium Enzo Biagi, Piazza del Nettuno 3, Bologna

    lunedì 30 novembre
    seminario "Fund raising, relazione e dono"
    a cura di Volabo
    dalle 17,30 alle 20,30, sede Volabo, via Scipione del Ferro 4, Bologna

    lunedì 30 novembre
    incontro "Imparare a vedere. Un incontro sulla violenza di genere"
    a cura di Volabo, PerleDonne, SOS Donna
    dalle 18 alle 20, sede Volabo Auditorium, via Scipione del ferro 4, Bologna

  • 29 Ottobre 2015 | Il giornalismo e le sue “frontiere”. Torna il seminario di redattoresociale a Capodarco vedi

    Dal 27 al 29 novembre la XXII edizione dell’incontro nella Comunità marchigiana. Tra notizie “imposte” dai social network e crisi dell’editoria, la professione è “obbligata a trovare forme inedite per raccontare le frontiere, salvaguardando l’informazione di qualità”.
    “Lo studioso americano Charles Seife sostiene che l’informazione è sempre più eterodiretta. La selezione di cosa pubblicare non si deve solo alle redazioni giornalistiche, ma anche ad altri fattori. Per esempio, a ciò che viene maggiormente cercato su Google; o a ciò che è più condiviso su Facebook. Sono i motori di ricerca e i social network a generare la fetta ormai principale del traffico sui siti di notizie, dunque non si può ignorare la loro forza. Anzi, non si può evitare di esserne spesso condizionati in modo invasivo.
    Unito alle note difficoltà in cui il web ha contribuito a gettare buona parte del giornalismo tradizionale, questo scenario restringe ulteriormente la varietà di argomenti che i mass media scelgono di trattare. Prevale ciò che emoziona, purché lo faccia velocemente; vince quello che vuole “il popolo di internet”. E, come spesso abbiamo sostenuto durante i seminari di Capodarco, ne fanno le spese le cose difficili, complesse, quelle che rattristano o fanno pensare e interrogarsi, le storie più deboli perché non hanno nessuna spinta accessoria oltre il fatto di meritare di essere raccontate".
    Leggi tutto

  • 29 Ottobre 2015 | La legge di stabilità 2016 e le politiche sociali. Primi commenti vedi

    Elefante in bilicoElefante in bilico
    Il settore salute e politiche sociali della segreteria della Conferenza delle Regioni ha elaborato schede di sintesi sulle principali disposizioni contenute del Ddl di stabilita 2016 in materia di welfare (ndr: passato alla Camera ed ora al vaglio del Senato).
    In particolare sono analizzati i contenuti dell’articolo 24, relativo alla lotta alla povertà, dell’articolo 25, relativo alle non autosufficienza e alla adozioni internazionali, infine sono riassunti in una tabella gli stanziamenti previsti dalla tabella C: dal servizio civile alle politiche per la famiglia, dalle pari opportunità all’assistenza e sostegno alle donne vittime di violenza, dal fondo per le politiche sociali a quello per l’infanzia e l’adolescenza, al fondo per le politiche giovanili.
    Leggi tutto nel sito della Conferenza delle Regioni e delle Provincie autonome (regioni.it)

    Primi commenti alle misure sociali contenute nel Ddl:
    Stefano Sacchi, docente dell’Università degli Studi di Milano e consigliere del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali
    Pietro Barbieri portavoce del forum del terzo settore nazionale
    Sul "Dopo di noi" il parere di ANFFAS
    LaVoce.info sulle misure dedicate al reddito minimo
    La conferenza stampa del Ministro del lavoro e politiche sociali Poletti

  • 27 Ottobre 2015 | Alleanza contro la povertà: presentato a Bologna il coordinamento regionale vedi

    cancellare la povertàcancellare la povertà
    Si è svolto lo scorso 21 ottobre presso la sede della CISL l'incontro di presentazione del coordinamento regionale E.Romagna del cartello "Alleanza contro la povertà". Alleanza riunisce a livello nazionale circa 40 sigle associative, sindacali, di rappresentanza degli EELL e si è fatta promotrice di una strategia nazionale di contrasto alla povertà avanzando una dettagliata proposta di adozione di una misura universale definita REIS, reddito di inclusione sociale, che prevede un forte coinvolgimento oltre che del terzo settore, anche dei servizi sociali territoriali.

    Il tema si inserisce nel dibattito sulla "crisi" (la povertà è passata dal 3,1% del 2007 al 6,8 del 2014) ed è per certi versi similare alla proposta avanzata dal Movimento 5 stelle sul reddito di cittadinanza che è quella più conosciuta, almeno nominalmente, dato il rilievo mediatico.
    In estrema sintesi su questi aspetti nel dibattito politico si confrontano tre posizioni che qui riassumiamo molto schematicamente:
    - intervenire ma solo per alucne fasce di povertà: come sono stati i bonus e le card fino ad ora proposte e riservate per lo più ad anziani e famiglie con minori
    - intervenire per tutte le persone in condizione di povertà assoluta (1), come propone Alleanza contro le povertà
    - intervenire sia per la povertà che per le fasce che ne sono a rischio, come ad esempio la proposta relativa al reddito di cittadinanza.

    All'incontro bolognese sono intervenuti i rappresentanti di Acli, Caritas, Fiopsd, Regione E.Romagna, Anci e Cristiano Gori docente di politica sociale all'Università Cattolica di Milano, considerato il "padre" di questa proposta. Dall'associazione dei comuni italiani il sostegno più convinto a questa proposta.
    Per approfondire il tema consulta il sito dell'Alleanza contro la povertà
    Le sigle aderenti ad Alleanza contro le povertà
    Intervista a Cristiano Gori nel sito secondowelfare
    Leggi il resoconto del seminario sulle pagine di Avvenire

    (1) La soglia di povertà assoluta rappresenta il valore monetario, a prezzi correnti, del paniere di beni e servizi considerati essenziali per ciascuna famiglia, definita in base all’età dei componenti, alla ripartizione geografica e alla tipologia del comune di residenza. Una famiglia è assolutamente povera se sostiene una spesa mensile per consumi pari o inferiore a tale valore monetario (fonte ISTAT)

    (fonte redazione sportello sociale)

  • 23 Ottobre 2015 | Donne e disabilità. Antonietta Laterza cantautrice vedi

    Un viaggio attraverso quattro decadi, dagli anni 70 ad oggi, attraverso fotografie, manifesti, video, strumenti musicali. Antonietta Laterza, nota artista bolognese disabile, attraverso la sua carriera e il suo impegno sociale racconta l'evoluzione di una donna disabile nel mondo dei media.
    Questo è il cuore della mostra multimediale Sirena Cyborg di Antonietta Laterza, curata dal massmediologo Alfonso Maffini e con il contributo critico di Renato Barilli, allestita in Manica Lunga a Palazzo d'Accursio dal 22 ottobre all'8 novembre. A inaugurarla con l'artista, giovedì 22 ottobre alle 17,30, sarà la presidente del Consiglio comunale Simona Lembi.
    Leggi nel sito del Comune
    Per approfondire il tema "femminile e disabilità"

  • 21 Ottobre 2015 | Al via a Roma la settima edizione del Salone dell'editoria sociale vedi

    Salone editoria socialeSalone editoria sociale
    "Gioventù bruciata. Tra crisi e riscatto". Questo il tema al centro della settima edizione del Salone dell'editoria sociale, il tradizionale appuntamento promosso da Lunaria insieme alle Edizioni dell’asino, la rivista Lo Straniero, l’associazione Gli Asini, Redattore sociale e Comunità di Capodarco, in programma quest'anno da giovedì 22 a domenica 25 ottobre negli spazi di Porta Futuro a Roma.

    Quattro giorni per riflettere su una generazione precaria, travolta dal consumismo, ma che cerca faticosamente la propria strada anche dentro la difficile crisi che stiamo attraversando. In programma più di 40 incontri, tra tavole rotonde, presentazioni di libri, video ed eventi musicali, promossi da case editrici e organizzazioni del terzo settore.

    Tra gli ospiti Giulio Marcon, Goffredo Fofi, Pietro Barbieri, Stefano Laffi, Vinicio Albanesi, ma anche personaggi dello spettacolo come Valerio Mastrandrea e naturalmente tanti autori ed editori.

    >> Programma completo

  • 19 Ottobre 2015 | Casa: il Comune stanzia contributi per aiutare inquilini in difficoltà (Fondo nazionale affitto - Sfratto finita locazione) vedi

    Contributi casaContributi casa
    Due bandi per concedere contributi economici agli inquilini in difficoltà e sfrattati per finita locazione. Le due importanti misure economiche per intervenire sull'emergenza abitativa sono state approvate dalla Giunta nella riunione di martedì 13 ottobre scorso. Le domande si presentano dal 19 ottobre al 28 novembre p.v.

    Fondo nazionale affitto
    L'importo complessivo destinato agli inquilini in difficoltà - Fondo Nazionale Locazione - ammonta a 1.827.589,31 euro.
    Potranno partecipare al Bando i conduttori con Isee inferiore ad 17.154,30 euro e in possesso degli altri requisiti presenti nel bando. Il contributo erogato sarà pari a un massimo di 4 mensilità del canone di locazione, per un importo comunque non superiore ad 3.000 euro complessivi e fino a esaurimento dei fondi disponibili. L'obiettivo è quello di sostenere in modo considerevole gli inquilini in maggiore difficoltà, con contributo utile a pagare un terzo dell'annualità del loro canone d'affitto, evitando in questo modo che si acutizzino problemi di morosità o addirittura di sfratto.
    La raccolta delle domande avverrà dal 19 ottobre al 28 novembre esclusivamente tramite le associazioni convenzionate (sindacati inquilini) elencate nell'avviso pubblico, che daranno informazioni e assistenza gratuita. Tutte le operazioni di gestione delle domande di contributo, comprese l'istruttoria, le operazioni di verifica e la predisposizione della conseguente graduatoria saranno di competenza dell'Acer della provincia di Bologna.
    Il Bando e il modulo di domanda sono disponibili nella sezione Concorsi e avvisi del sito del Comune alla voce "Contributi affitto - Fondo nazionale locazioni 2015"
    Leggi anche nel nodo Casa del Comune


    Sostegno a inquilini sfrattati per finita locazione
    Relativamente al Contributo per il sostegno a inquilini sfrattati per Finita Locazione l'importo complessivo destinato è di 96.188,91 euro. Il contributo aiuterà i nuclei destinatari di sfratti per finita locazione a trovare altra soluzione abitativa alternativa, tramite un sostegno fino a 3 mensilità del nuovo canone di locazione e 3 mensilità a titolo di cauzione, per un importo comunque non superiore a 4.000 euro. Possono partecipare al bando i nuclei destinatari di un provvedimento di sfratto per finita locazione, che abbiano già sottoscritto un contratto di locazione per un nuovo alloggio, o intendano farlo a seguito dell'erogazione del contributo, e che abbiano nel loro nucleo almeno una delle seguenti condizioni: persone over 65, malati terminali, portatori di handicap con invalidità superiore al 66%, un figlio a carico. La raccolta delle domande avverrà dal 19 ottobre al 28 novembre esclusivamente tramite raccomandata A/R o consegna a mano, in entrambi i casi presso il Settore Politiche Abitative del Comune di Bologna.
    Il Bando e il modulo di domanda sono disponibili nella sezione Concorsi e avvisi del sito del Comune alla voce "Contributi finita locazione"
    (fonte sito Comune Bologna)

  • 13 Ottobre 2015 | Forum non autosufficienza (..e dell'autonomia possibile). Bologna, 18 e 19 novembre vedi

    La VII edizione del Forum della non autosufficienza (e dell'autonomia possibile), in programma come sempre a Bologna al Centro Congressi Savoia Hotel, dal 18 al 19 novembre 2015, è il punto di riferimento nazionale per i professionisti e gli operatori dei servizi alla persona.
    Il Programma offre un ricco numero di convegni e workshop con argomenti dedicati ai vari ambiti operativi, con materie interessanti, concrete e attuali che certamente forniscono contributi, approfondimenti e soluzioni di immediata utilità nell'operare quotidiano.
    La sessione convegnistica è strutturata in sessioni plenarie e workshop.
    Una lettura a 360°dell’orizzonte di fronte a tutti coloro che si occupano di lavoro di cura.
    Consulta il sito e il programma dell'evento
    Per informazioni ed iscrizioni

  • 8 Ottobre 2015 | Barriere architettoniche, dalla Regione 2 milioni per eliminarle. Legge 13: le domande del bando 2015 vedi

    scalinatascalinata
    Un milione di euro in più che va ad aggiungersi a quello già previsto dal Piano casa, per un totale di 2 milioni di euro. Aumentano in questo modo le risorse contenute nel Fondo regionale, istituito nel 2013, che dispone la concessione di contributi a fondo perduto per abbattere le barriere architettoniche in edifici privati.
    Le domande di contributo raccolte dai Comuni nel bando 2015 sono state 468 (a Bologna 111), per un fabbisogno di poco superiore ai 2 milioni di euro che l’ulteriore stanziamento approvato in Giunta consente di coprire.
    Leggi tutto nel sito della Regione E.Romagna

  • 8 Ottobre 2015 | Bologna: l'iniziativa di librai e cartolai per regalare libri e quaderni ai carcerati vedi

    Andrà avanti fino al 31 ottobre l'iniziativa di librai e cartolai "Colletta libro" a favore dei detenuti della Dozza. In 21 cartolerie e librerie di Bologna e in tre punti vendita in Provincia, si possono acquistare testi e materiale scolastico nuovi destinati ai detenuti del Dozza dove mancano quaderni, biro, libri di testo.
    "I detenuti non possono avere nulla di proprio, nè possiamo rivolgerci alle famiglie come succede nelle scuole normali", dice Anna Draghetti, insegnante del carcere di Bologna. I libri poi non servono solo a studiare o a colmare delle lacune scolastiche: la forza delle parole di un libro sbriciola i mattoni della reclusione dando spazio all'immaginazione e aiutare contro la solitudine. Per regalare tutto questo ai detenuti- studenti della scuola carceraria, basta partecipare all'iniziativa "Colletta del libro", (fino al 31 ottobre) promossa dalla federazione librai e cartolai di Ascom.
    Leggi tutto su Pepubblica.it

  • 8 Ottobre 2015 | Libro bianco sulle strutture di accoglienza per minori in E.Romagna vedi

    Il volume, pubblicato a settembre 2015 e relativo ai dati 2011/12/13, è una fotografia dell’esistente in fatto di dati statistici relativi al fenomeno dei minorenni accolti a qualsiasi titolo in comunità e strutture residenziali. Curato dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale dei minorenni dell’Emilia Romagna in collaborazione con il Garante regionale dell’infanzia e dell’adolescenza e l'Osservatorio infanzia e adolescenza della regione Emilia Romagna, è disponibile anche on line.

    Una sintesi dei principali dati contenuti:
    - Esistono in tutto 348 strutture, di cui 108 comunità socioeducative. Più del 20% delle strutture è in provincia di Bologna.
    - Al 31 dicembre 2012, in Emilia Romagna ci sono 1879 minori i comunità residenziale: per il secondo anno di seguito il numero degli accolti diminuiva.
    - Il 40% degli inserimenti è in comunità residenziale. Gli inserimenti in pronta accoglienza, che durano solo pochi giorni, sono il 6%.
    - Sono stranieri il 53% degli ospiti, la loro presenza è particolarmente alta nelle strutture di pronta accoglienza.
    - Il 20% dei minori è un minore straniero non accompagnato.
    - Il 45% dei minori ha una permanenza in comunità di meno di un anno, il 13% vive in comunità da più di 4 anni.
    - Su 1879 minori ce ne sono 685 che sono in comunità residenziale assieme alla madre.
    - Il 25% dei minori dimessi nel 2012 ha avuto un rientro in famiglia, il 15% è stato trasferito in un’altra comunità, il 10% si è reso autonomo (ad esempio perchè maggiorenne), il 7% è stato affidato ad un’altra famiglia.
    (fonti sito Procura tribunale minorenni ER, sito Garante infanzia ER, newsletter Uneba)

  • 8 Ottobre 2015 | Nuovo ISEE. Niente sospensiva per il Governo. E il 3 dicembre di decide vedi

    Nuovo ISEENuovo ISEE
    Il Consiglio di Stato ha respinto la richiesta di sospensiva che era stata avanzata dal Governo nel suo ricorso contro le sentenze del Tar del Lazio che sette mesi fa avevano bocciato il nuovo Isee, stabilendo che non dovessero essere conteggiati come redditi le indennità corrisposte alle persone con disabilità. L'udienza nel merito è stata fissata in una data simbolo, il 3 dicembre, giornata internazionale delle persone disabili.
    Leggi su superabile.it

  • 8 Ottobre 2015 | Arrivati in redazione (maggio-ottobre 2015) vedi

    I libri, le riviste, le newsletter, i video, gli opuscoli, i documenti on line arrivati in redazione e utili per chi lavora nel sociale:

    LIBRI - Enrico Appetecchia, Servizio sociale di Comunità in Italia nel secondo dopoguerra, Viella, Roma, 2015
    Quale ruolo ha effettivamente svolto il servizio sociale nei vari ambiti e contesti in cui si è esplicata la sua attività? Che tipo di risposte ha saputo o potuto dare ai molteplici bisogni cui di volta in volta è stato chiamato a rispondere? E quale contributo ha fornito alla costruzione del nuovo welfare che la Repubblica, non senza difficoltà, veniva definendo dopo il secondo conflitto mondiale? Partendo dai dati emersi nel corso del VI incontro di studio Sostoss, tenutosi a Roma il 28 maggio 2013, arricchiti da ulteriori riflessioni, fonti e analisi, i testi raccolti in questo volume provano a tracciare un quadro critico della presenza e del ruolo del servizio sociale nel nostro paese.
    In particolare, viene descritto e analizzato l’impegno della professione nei programmi sociali a carattere comunitario a favore di comunità territoriali, nelle periferie urbane e nelle aree rurali di vecchio e nuovo insediamento, con l’intento di capire quale peso abbia avuto il servizio sociale di comunità nel provocare, influenzare, contribuire ai cambiamenti di mission, prodotti, processi, nella politica, nei programmi sociali, nei servizi sociali erogati, nel periodo compreso tra la fine della guerra e gli anni Settanta.

    LIBRI - Marco Ingrosso (a cura di), La salute per tutti. Un'indagine sulle origini della sociologia della salute in Italia, Franco Angeli, Milano, 2015
    Il volume presenta i risultati di una ricerca sulla nascita della riflessione sociologica sulla salute in Italia. L'indagine si concentra soprattutto sul periodo che va dall'inizio degli anni '70 ai primi anni '90.
    Sono gli anni in cui prende corpo l'obiettivo della Salute per tutti entro l'anno 2000 (WHO, 1977) e, successivamente, quello di coinvolgere ciascuno nella Promozione del benessere personale e collettivo (WHO, 1986). Obiettivi che, tuttavia, cominciano progressivamente a essere messi in discussione dall'avvento delle politiche neoliberiste nei paesi occidentali.
    La ricerca evidenzia la pluralità di voci, prospettive e aree di sviluppo che hanno segnato la sociologia sanitaria, della salute e della medicina nel nostro paese: essa infatti indaga varie aree locali entro cui gruppi di sociologi, ma anche di medici, psichiatri, igienisti e altri professionisti sanitari, hanno operato nel corso di oltre un quarto di secolo mettendo le basi della riflessione e ricerca scientifica successive.

    LIBRI - Andrea Mornioli (a cura di), Equilibristi. Lavorare nel sociale oggi. Un saggio per raccontare il valore del lavoro sociale", Edizioni Gruppo Abele, 2015
    Strano destino quello del lavoro sociale e di chi lo pratica. Tenuti in genere ai margini, talvolta emergono in termini di cronaca nera, sbattuti in prima pagina quando si verificano episodi che suscitano scalpore e sdegno da parte dell'opinione pubblica. Per questo è importante un racconto del lavoro sociale che non nasconda errori e contraddizioni ma che sappia rivendicare il valore, anche in termini di benessere collettivo, dell’attività di migliaia di operatrici e operatori che sono, in tempo di crisi, indispensabili equilibristi. E' l'obiettivo che si pone il saggio "Lavorare nel sociale oggi", curato da Andrea Mornioli e pubblicato dalle Edizioni Gruppo Abele (2015).

    LIBRI - Pietro Scidurlo, Luciano Callegari, Santiago de Compostela per tutti, Terre di Mezzo, 2015
    Terre di Mezzo ha prodotto una Guida per disabili dedicata al famoso Cammino di Santiago di Compostela. La Guida propone tre itinerari studiati apposta per diverse esigenze: oltre al Cammino “classico”, da seguire quando possibile, un percorso misto, adatto alle carrozzine, e uno interamente su asfalto, pensato per le handbike. Per ogni itinerario, la descrizione dettagliata del percorso, le mappe, le altimetrie, i dislivelli e le indicazioni di percorribilità, ma anche gli alberghi, le strutture e i luoghi ti/da visitare, censiti in base alla loro accessibilità.

    LIBRI - Bruno I., Chattat R., Canova S., Manuale dell'animatore sociale, Maggioli, 2014
    Dalla necessità di confrontarsi sul tema dell’animazione nelle strutture residenziali per anziani, attraverso un percorso sviluppato nell’ambito dell’Azienda USL di Bologna, si è concretizzato il progetto di realizzare questo libro, un primo passo per mostrare con ricchezza di saperi, competenze e conoscenze quanto cammino sia stato fatto nel campo dell’animazione sociale e la portata della sua rilevanza in situazioni di difficoltà fisiche e cognitive.
    Un manuale scritto da animatori per animatori. Comune terreno sono il linguaggio, l’esperienza, i beneficiari del lavoro quotidiano, le illusioni e le delusioni, la gioia sottile di un lieve risultato raggiunto, le proposte di attività mai inferiorizzanti o paternalistiche, la totale rinuncia al risultato perfetto a discapito della dignità di ogni singola persona, l’offerta del servizio e mai il protagonismo, la sensazione di non farcela più, la forza di trovare nuovi stimoli e “esserci” ancora e ancora con motivazione e serenità.

    LIBRI - Musella M.(a cura di), La sussidiarietà orizzontale, Carocci, 2012
    Il libro nasce dalla consapevolezza che la strada per dare attuazione al principio di sussidiarietà orizzontale nel nostro paese è ancora lunga e complessa perché resiste una cultura dei rapporti tra settore pubblico e società civile ancorata ad una divisione di ruoli e compiti propria di un modello economicista centrato su una rigida differenziazione tra Stato e mercato. A partire dalla riflessione sul terzo settore, ed in particolare sul ruolo che hanno avuto ed hanno le organizzazioni produttive del terzo settore nel nostro paese, il volume intende declinare le ragioni per le quali un nuovo slancio nell’attuazione dell’art. 118, IV comma, della nostra Carta costituzionale può dare un contributo significativo allo sviluppo economico e sociale del terzo settore e di un’Italia che appare sempre più ripiegata sui propri problemi.

    OPUSCOLI - Urp Regione E.Romagna, Linee guida per la scrittura su web, Regione E.Romagna, 2015
    Le linee guida per la scrittura su web sono il risultato di un opercorso di formazione nato con l'intento di unificare le regole redazinali per chi, inn Regiione, scrive su web. Si tratta di indicazioni applicabili a vari contesti: risposte frequanti (FAQ), schede tematiche, notizie e pagine

    OPUSCOLI - Ottica di genere, ecco come cambia la comunicazione, Regione Emilia-Romagna, 2015
    Un vademecum, sintetico e pratico, per fare il punto sulla comunicazione di genere e sul ruolo della pubblica amministrazione nel diffondere una cultura che dica no alle discriminazioni e sia capace di valorizzare le differenze e l’evoluzione nei costumi, nella società e nei ruoli professionali. Sono le nuove “Linee guida in ottica di genere della Regione Emilia-Romagna”, sostenute dall’assessorato regionale alle Pari opportunità e realizzate dal “Gruppo interdirezionale comunicazione integrata”.

    RASSEGNE STAMPA - Rassegne stampa on line dalla stampa quotidiana
    Un aggiornamento del catalogo delle Newsletter, agenzie di stampa e rassegne delle stampa quotidiana on line curato dalla  redazione degli sportelli sociali del Comune di Bologna. Qui il Catalogo
    - Rassegna stampa della Ass.ne Carta di Roma su immigrazione, asilo e minoranze
    - Rassegna stampa del sito zeroviolenza.it
    - Una rassegna stampa settimanale on line sulle adolescenze

    Segnaliamo inoltre...
    Salone editoria sociale: dal 22 al 25 ottobre a Roma la settima edizione
    Il Salone dell'editoria sociale è un luogo di incontro tra le organizzazioni del volontariato e del terzo settore, le case editrici che si occupano di temi sociali, le scuole e i lettori. La settima edizione ha per tema “Gioventù bruciata. Tra crisi e riscatto” e si terrà a Roma dal 22 al 25 ottobre 2015, negli spazi di Porta Futuro, nel quartiere di Testaccio. Quattro giorni di incontri, presentazioni, tavole rotonde e discussioni per ragionare su una generazione travolta dal consumismo e dal fuoco vacuo delle vanità, oltre che sui segni della ribellione.

  • 7 Ottobre 2015 | Bonus per il teleriscaldamento 2015 vedi

    teleriscaldamentoteleriscaldamento
      Buone notizie per le famiglie che vivono in appartamenti con teleriscaldamento. Anche quest'anno è stato pubblicato il bando che, grazie ad una convenzione tra Hera e Comune di Bologna, permetterà di usufruire di sconti sulla bolletta.
    Il bonus può essere richiesto al Settore Servizi per l'abitare del Comune di Bologna fino al 31 dicembre 2015 da tutti i clienti domestici che utilizzano il teleriscaldamento con un contratto di fornitura diretto o con un impianto condominiale, se in possesso di un ISEE non superiore a 7.500 euro, o non superiore a 20.000 euro per le famiglie numerose (con più di 4 figli a carico fiscale).
    La raccolta e istruttoria delle domande relative a clienti indiretti assegnatari di alloggi pubblici nei condomini gestiti da Acer Bologna è effettuata, cumulativamente, dall’ente gestore degli alloggi.
    Leggi nel sito del Comune e scarica il bando

  • 7 Ottobre 2015 | Corso patente per giovani stranieri a Officina adolescenti di Sala Borsa vedi

    Dal 28 ottobre al 24 febbraio 2016 ogni mercoledì dalle 17 alle 19 si svolge la quarta edizione del corso di educazione stradale organizzato da OfficinAdolescenti in collaborazione con l'ufficio Educazione Stradale della Polizia Municipale per giovani stranieri dai 18 ai 25 anni che vogliano prepararsi per l'esame di teoria per la patente B.
    Il corso è gratuito ma chi lo segue deve iscriversi entro il 27 ottobre e avere il manuale di studio. Per iscriversi, è sufficiente scaricare e compilare il modulo qui a fianco e consegnarlo in OfficinAdolescenti di Salaborsa Ragazzi, aperta dal martedì al sabato dalle 14 alle 18.30. Info: tel. 051/2194432  oppure 347.3493038 - mail: officinadolescenti@comune.bologna.it
    Leggi tutto

  • 7 Ottobre 2015 | Filo dei diritti: tre spettacoli a Bologna sui temi della salute, delle pari opportunità e dei diritti ad essi correlati vedi

    Il filo dei diritti è una mini rassegna di spettacoli rivolti alle bambine ed ai bambini e alle/agli adolescenti per sensibilizzare le nuove generazioni sui temi della salute, delle pari opportunità e dei diritti ad essi correlati, che prende avvio dalla Giornata Internazionale delle Bambine e delle Ragazze che si celebra l'11 ottobre e si conclude in occasione della Giornata Mondiale dei diritti dell'infanzia e dell'adolescenza  che si celebra il 20 novembre.
    Gli appuntamenti in calendario, nati dalla collaborazione tra Comune di Bologna e UNICEF, sono previsti per l'11 e 31 ottobre e il 12 novembre.

    Leggi tutto nel comunicato allegato



    Scarica il depliant dell'iniziativa

  • 2 Ottobre 2015 | Uno spettacolo teatrale per "dare voce" ai cambiamenti nei servizi per gli adulti in difficoltà vedi

    Lavorare oggi nei servizi pubblici con adulti multiproblematici (dipendenze, senza dimora, salute mentale....crisi e nuove povertà...) implica un ripensamento radicale a più livelli. Infatti i diversi professionisti implicati in questi processi sono impegnati nel faticoso, e in alcuni momenti doloroso, lavoro di decostruzione e ricostruzione, “smontaggio” e “rimontaggio” delle attività e del funzionamento quotidiano dei servizi.

    Al fine di supportare questi processi il Comune ha promosso un percorso "formativo", in collaborazione con lo studio APS di Milano, finalizzato a rendere possibili ed efficaci le ipotesi progettuali e organizzative di cambiamento ipoitizzate.  
    Durante il percorso "in aula", alcuni operatori sono stati coinvolti nella ideazione e realizzazione di una rappresentazione teatrale che raccontasse in una qualche maniere di queste tematiche.
    La povertà, il dolore, l'apparente smarrire speranza è nella nostra società uno spettacolo "o-sceno", da tenere, appunto, fuori dalla scena,  non rappresentabile . Questo spettacolo intende andare in direzione diametralmente opposta.
    Intitolato "Atti Sospesi Periferici nella Città di Bologna", vedrà la messa in scena all'interno del "Festival porte aperte" sabato 24 ottobre 2015, alle ore 21, presso il teatro Arena del Sole di Bologna (via Indipendenza 44, ingresso ad offerta libera)
    Approfondisci nel profilo Facebook dell'evento
    (fonte redazione sportelli sociali)

  • 30 Settembre 2015 | Sabato 17 ottobre puoi donare beni di prima necessità o diventare volontario per un giorno vedi

    generi alimentarigeneri alimentari
    Sabato 17 ottobre, in occasione della Giornata mondiale contro la povertà, alcuni punti vendita Coop e Conad di Bologna ospiteranno una raccolta di beni di prima necessità per sostenere gli Empori solidali di Case Zanardi, le Cucine Popolari e la Mensa dell'Antoniano di Bologna.
    Ti invitiamo a partecipare all’iniziativa donando generi utili alle famiglie in difficoltà che hanno accesso a queste strutture (generi alimentari non deperibili e/o prodotti per la casa) oppure (..o anche, non lasciamo margini alla provvidenza...) diventando volontario per un giorno.

    Come volontario potrai impegnarti nella logistica, distribuire materiale informativo sulla raccolta oppure raccogliere i prodotti donati. Sarà un’esperienza utile alla comunità e piacevole. Conoscerai nuove persone e potrai coinvolgere amici, parenti o colleghi a partecipare con te condividere insieme questa iniziativa che ha l'obiettivo di dare una speranza e uno stimolo in più ad alcune persone che si trovano in difficoltà socio-economica.
    Per aderire basta compilare il modulo online

    L’iniziativa è promossa da Antoniano di Bologna, Associazione CIVIBO, Associazione Emporio Bologna Pane e Solidarietà, Istituzione per l'inclusione sociale e comunitaria "don Paolo Serra Zanetti" del Comune di Bologna ed è realizzata con la collaborazione di VOLABO – Centro Servizi per il Volontariato di Bologna.
    Per saperne di più visita il sito di Volabo

  • 29 Settembre 2015 | Apertura sportelli SOStengo! sul territorio metropolitano vedi

    Da settembre 2015 verranno aperti degli sportelli territoriali per tutti coloro che desiderano avere informazioni e consulenza sul tema dell'amministrazione di sostegno.
    I territori interessati sono: Pianura Ovest, Pianura Est, Distretto di Casalecchio e il Distretto di San Lazzaro di Savena.
    Nello stesso periodo verranno organizzati per ogni distretto due incontri di sensibilizzazione/informazione rivolti a tutti.
    Leggi tutto nel sito del'Istituzione Minguzzi

  • 29 Settembre 2015 | Approvata la bozza del Quarto Piano nazionale infanzia (2015-2017) vedi

    Il 28 luglio scorso l'Osservatorio nazionale per l'infanzia e l'adolescenza, presieduto dal ministro del lavoro e delle politiche sociali Giuliano Poletti, ha approvato la bozza del Quarto Piano nazionale di azione e di interventi per la tutela dei diritti e lo sviluppo dei soggetti in età evolutiva, che coprirà il periodo 2015-2017.
    Il Piano, elaborato con l'obiettivo di conferire priorità ai programmi riferiti ai minori e di rafforzare la cooperazione per lo sviluppo dell'infanzia nel mondo, si articola in quattro aree tematiche: lotta alla povertà; servizi socioeducativi per la prima infanzia e qualità della scuola; integrazione scolastica e sociale; sostegno alla genitorialità; sistema integrato dei servizi e accoglienza. Per ogni area si individuano azioni specifiche da realizzare nei prossimi anni.
    L'iter del Piano prevede prima l'acquisizione dei pareri del Garante nazionale per l'infanzia e l'adolescenza, della Conferenza Unificata e della Commissione parlamentare per l'infanzia e l'adolescenza, e successivamente l'approvazione definitiva da parte del Consiglio dei ministri e l'adozione con decreto del Presidente della Repubblica.
    Leggi tutto nel sito del Centro nazionale di documentazione e analisi per l'infanzia e l'adolescenza (Istituto Innocenti, Firenze)
    Approfondisci ruolo e compiti dell'Osservatorio nazionale per l'infanzia e l'adolescenza
    Scarica la bozza del Piano

  • 29 Settembre 2015 | La Giornata dei Risvegli diventa europea vedi

    Non solo Italia: mercoledì 7 ottobre la manifestazione di informazione sul coma, lo stato vegetativo e le gravi cerebrolesioni acquisite si svolge anche in Belgio, Bulgaria, Cipro, Danimarca, Grecia, Lituania, Portogallo e Spagna. “Facciamo rete per sensibilizzare sui bisogni delle persone uscite dal coma”. Con l'Alto patrocinio del Parlamento europeo.
    Creare un’alleanza internazionale intorno alle persone in stato vegetativo o con esiti di coma a partire da un modello tutto italiano. Mercoledì 7 ottobre si celebra e diventa europea la “Giornata dei risvegli per la ricerca sul coma – Vale la pena”: l’iniziativa, promossa in Italia da 17 anni dall’associazione Gli amici di Luca  con  il patrocinio di Presidenza del Consiglio dei ministri e del Ministero della Salute, da quest’anno si svolge infatti anche in Belgio, Bulgaria, Cipro, Danimarca, Grecia, Lituania, Portogallo e Spagna, grazie al coinvolgimento di associazioni, enti, università e centri di ricerca europei.
    Leggi tutto nel sito de Gli amici di Luca

  • 29 Settembre 2015 | Le immagini, il sociale, l'informazione italiana vedi

    “Questioni di immagine – La rappresentazione del sociale sui media” è il progetto di Redattoresociale, Parsec, Zona, che analizza e discute apertamente di Immigrazione, Rom, Genere, Aids, Droghe, unendo giornalismo, ricerca sociale e competenze nella produzione di contenuti video-fotografici, per stimolare la riflessione sempre più urgente nel mondo dei media italiani.
    Per la prima volta in Italia, esso indaga in modo organico sui meccanismi di costruzione dell’immaginario collettivo sulle tematiche sociali a rischio di discriminazione, attraverso l’analisi delle fotografie e dei servizi video dei principali media nazionali. Il progetto intende, in particolare, mettere in evidenza pratiche discutibili e punti di forza nella selezione, nel montaggio e nella presentazione delle immagini su tematiche sensibili.
    Leggi tutto sul sito del CIRDI
    Visita il sito del progetto

  • 29 Settembre 2015 | Misure antismog: limiti alla circolazione dal 1/10. Esenzione per le auto al servizio delle persone disabili vedi

    ciclista con mascherinaciclista con mascherina
    Dal 1° ottobre 2015, entrano in vigore le misure per combattere lo smog previste dal Piano Aria Integrato Regionale 2020 che prevedono, per tutta una serie di veicoli, limitazioni alla circolazione nelle giornate di lun/mar/mer/gio/ven e in alcune domeniche prefissate.
    Restano valide le deroghe per alcuni veicoli: in servizio di emergenza, di manutenzione urgente, per la mobilità degli invalidi (munite dell'apposito contrassegno) e per l’accompagnamento a scuola dei bambini.
    Leggi tutto nel sito del Comune
    La tabella con l'elenco dei veicoli sottoposti o meno alle restrizioni alla circolazione

  • 29 Settembre 2015 | OPG: ancora 226 pazienti, ma il numero è in netto calo vedi

    Sono 226 i pazienti attualmente ospitati nei cinque Ospedali Psichiatrici Giudiziari (quelli di Aversa, Napoli, Barcellona Pozzo di Gotto, Reggio Emilia e Montelupo Fiorentino). Un numero in netto calo se si pensa che erano 689 i 'ricoverati' al 31 marzo del 2015, data che secondo la legge ha sancito la definitiva chiusura di queste strutture destinando il grosso dei pazienti alle Residenze per l'esecuzione delle misure di sicurezza (Rems), gestiti dai Dipartimenti di salute mentale. Consolo ha anche riferito che tali numeri vanno analizzati partendo da condizioni secondo cui, nel 2008, si era raggiunto un picco di presenze pari a 1500 internati negli Opg.
    I dati sono stati illustrati il 17 settembre in Commissione Igiene e Sanità del Senato dal Capo del Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria Santi Consoli
    Leggi tutto nel sito regioni.it

  • 29 Settembre 2015 | Politiche e culture per la disabilità. Le analisi della FISH vedi

    La FISH ha organizzato recentemente il seminario dal titolo "“Il nuovo paradigma della Convenzione ONU per l’accesso ai diritti ed il contrasto delle discriminazioni delle persone con disabilità”. L’obiettivo di FISH era – e rimane – quello di costruire una alleanza il più ampia possibile per realizzare nuove politiche, questa volta inclusive, per le persone con disabilità e rendere esigibili e tangibili i diritti richiamati dalla Convenzione ONU. Ciò richiede un impegno e una condivisione trasversale che coinvolga il più alto numero dei diretti interessati, delle istituzioni, del mondo associativo e sindacale, ma anche quello degli operatori e dei servizi.
    Gli esiti dell'incontro sono contenuti in tre diversi documenti riferiti ai numeri della disabilità, alle procedure per l'invalidità e alla spesa sociale per le persone disabili
    Leggi tutto nel sito della fish
    Disabilità. Per la revisione sistema accesso, valutazione, certificazione
    Persone con disabilità in Italia, fra dati ufficiali e luoghi comuni
    Italia. Spesa sociale e spesa per disabilità

  • 29 Settembre 2015 | Povertà, supermercati solidali in crescita: 60 mila le persone servite in Italia. Il caso di Bologna vedi

    emporio case zanardiemporio case zanardi
    Gli Empori sono negozi come gli altri, ma alla cassa invece di pagare si scalano punti da un monte mensile calcolato in base all’Isee. Boom negli ultimi tre anni: sono 60 e impegnano 2.000 volontari.
    Presentato nei giorni scorsi il censimento realizzato dal Coordinamento dei centri di servizio per il volontariato. Il caso dei due centri di Bologna.
    Leggi su redattoresociale

  • 29 Settembre 2015 | Povertà: esce il rapporto Caritas. All'interno anche un contributo di Cristiano Gori vedi

    "Dopo la crisi costruire il welfare" è il titolo del Rapporto 2015 sulle politiche contro la povertà pubblicato dalla Caritas nazionale italiana nelle scorse settimane. "in un momento in cui il dibattito politico si infittisce di proposte e commenti che spesso assolutizzano il reddito di cittadinanza la Caritas ribadisce che a suo avviso invece bisognerebbe approfondire le proposte di reddito minimo che coinvolgono molti soggetti sociali. A cominciare dal Reis, Reddito di Inclusione Sociale, studiato e proposto dall’Alleanza contro la povertà : una misura stabile, incrementale, sostenibile e sussidiaria".
    Scarica il Rapporto Caritas
    Scarica l'infografica del Rapporto
    All'interno anche un contributio di Cristiano Gori che analizza l'evoluzione delle politiche per la povertà sotto il Governo Renzi

  • 29 Settembre 2015 | Profughi, i nuovi indirizzi nazionali e il Protocollo sulle attività di volontariato in E.Romagna vedi

    profughi al lavoroprofughi al lavoro
    Cambia il sistema nazionale di accoglienza profughi e l’Emilia-Romagna apre alla possibilità di svolgere, in modo volontario, attività utili alle comunità locali da parte degli stessi richiedenti asilo.
    Nel giorno in cui la Commissione europea accetta di assegnare i richiedenti asilo a tutti i Paesi membri per alleggerire gli Stati maggiormente sotto pressione (tra cui l’Italia, da cui partiranno 40 mila profughi), la vicepresidente della Regione Emilia-Romagna, Elisabetta Gualmini, e il Prefetto di Bologna, Ennio Mario Sodano, hanno presentano le nuove linee guida nazionali sull’accoglienza profughi e firmato il Protocollo sulle attività di volontariato che potranno svolgere i richiedenti asilo.
    Leggi tutto nel sito della Regione E.Romagna

  • 29 Settembre 2015 | Rifugiati, accettate solo metà delle domande di protezione internazionale vedi

    Da gennaio a settembre 2015 sono circa 121.500 i migranti giunti sulle coste italiane, con un incremento di mille persone al mese rispetto all’anno precedente. Di questi, 25mila hanno presentato domanda di protezione internazionale nel nostro paese nei primi 5 mesi dell’anno. Lo dice il Rapporto sulla protezione internazionale 2015 in Italia realizzato da Caritas italiana, Cittalia, fondazione Migrantes, rete Sprar e Anci in collaborazione con l’Unhcr, presentato recentemente a Roma.
    Leggi tutto su redattoresociale

  • 29 Settembre 2015 | Sei grafici ci dicono come smontare i luoghi comuni sull’immigrazione vedi

    Alla fine del 2013 l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr) aveva annunciato il superamento di una soglia storica: per la prima volta dalla seconda guerra mondiale il mondo ha registrato più di 50 milioni di profughi. Un anno dopo il numero è arrivato a 59,5 milioni.
    Intanto, nei primi nove mesi del 2015 secondo l’Unhcr più di 411mila migranti hanno attraversato il Mediterraneo per raggiungere il vecchio continente, superando il totale degli arrivi nei quattro anni precedenti (dal 2010 al 2014).
    Le rotte migratorie sono cambiate, il tema è entrato nel programma di lavoro dei governi ed è al centro del dibattito pubblico europeo. In un contesto così complicato i dati possono aiutare a capire meglio la realtà.
    Leggi tutto nel sito internazionale.it

  • 25 Settembre 2015 | Convegni, corsi, conferenze sociali a Bologna (ottobre 2015) vedi

    sala convegnosala convegno
    Gli appuntamenti per informarsi, formarsi, aggiornarsi per chi lavora ed opera nell'ambito dei servizi sociali e del terzo settore. A Bologna nel mese di ottobre 2015.


    da sabato 3 a domenica 10 ottobre
    Giornata nazionale dei risvegli
    a cura Associazione Amici di Luca
    eventi in varie città, a Bologna in data 5, 7, 10 ottobre

    lunedì 5 ottobre
    seminariio di formazione per giornalisti "Comunicare il Coma"
    a cura Odg e Ass.Amici di Luca
    dalle 9 alle 13,30, presso Auditorium Regione Emilia-Romagna, Viale Aldo Moro 18, Bologna

    dal 5 ottobre al 3 dicembre
    ciclo di seminari "Migro perchè sono" (tematiche relative all'immigrazione di persone omosessuali, bisessuali e transessuali)
    a cura Università di Bologna, corso di laurea in Scienze Politiche Sociali e Internazionali
    dalle 15 alle 18, Aula Poeti, Strada Maggiore 45, Bologna

    mercoledì 7 ottobre
    seminario "Persone con disabilità in azienda: fattori organizzativi e tecnologici per un rapporto positivo e duraturo. I deficit uditivi" (ciclo di 4 seminari su disabilità e lavoro)
    a cura di ASPHI e Unipol
    alle 14.30, presso CUBO Mediateca, via Stalingrado 37, Bologna

    mercoledì 7 Ottobre
    seminario "Migrazioni verso l’Europa: cultura, media e diritti umani"
    nell'ambito del Terra di tutti film festival 2015
    dalle 9,30 alle 17, Cappella Farnese, palazzo d'Accursio, p.Maggiore 6, Bologna

    da mercoledì 7 a domenica 11 ottobre
    Terra di tutti film festival 2015 (Cinema sociale e arti performative dal sud del mondo)
    a cura di COSPE e GVC, in collaborazione con Progetto Amitiee e Comune di Bologna
    incontri e proiezioni in vari luoghi a Bologna

    giovedì 8 ottobre
    seminario "Sessualità e disabilità"
    a cura di Centro Italiano di sessuologia
    dalle 9,30 alle 13,30, sala Villaggio del fanciullo, via Scipione dal Ferro 3, Bologna

    da giovedì 8 a domenica 11 ottobre
    Festival Porte Aperte (aprire e raccontare le strutture di accoglienza di Bologna)
    a cura Associazione Naufragi
    vari eventi a Bologna (seminari, sport, spettacoli)

    venerdì 9 ottobre
    seminario "“Cura del se…cura del noi. Benessere e risorse tra fragilità e comunità"
    nell'ambito del Festival Naufragi, associazione Naufragi
    dalle 9,30 alle 17, Biblioteca Renzo Renzi, Via Azzo Gardino 65/b, Bologna

    venerdì 9 ottobre
    presentazione del volume "Il dolore innocente" (di Vito Mancuso, ed. Mondadori, sul tema della nascita di un bambino disabile e del senso teologico di questo accadimento)
    ore 18,30, Basilica di Santa Maria dei Servi, Strada Maggiore, Bologna

    sabato 10 ottobre
    seminario di formazione per giornalisti "Immigrazione: le parole e le immagini per dirlo"
    a cura OdG E.Romagna
    dalle 10 alle 12,30, Aula Prodi, Università di Bologna, Piazza San Giovanni in Monte 2, Bologna

    sabato 10 ottobre
    convegno "Conoscere per crescere. Realtà a confronto sulla sindrome di Down" (in occasione della Giornata Nazionale della Persone con Sindrome di Down)
    a cura ass.ne CEPS
    dalle 10 alle 18,30, Sala Renzo Imbeni, palazzo d'Accursio, piazza Maggiore 6, Bologna

    mercoledì 12 ottobre (e 26 ottobre, 9 novembre, 23 novembre, 30 ovembre)
    ciclo di incontri "Gioco d'azzardo problematico in famiglia: incontri di formazione e informazione"
    a cura ass.ne UmanaMente
    dalle 17,30 alle 19,30, Area ex Roncati, Aula 3, v.le Pepoli 5, Bologna

    lunedì 12 ottobre
    convegno "Organismi di Parità e Lavoro: Azioni, Impatti, Vincoli e Opportunità"
    a cura Consigliera di Parità effettiva della Regione E.Romagna
    dalle 10 alle 14, Regione E.Romagna, Sala "20 maggio 2012", Via della Fiera 8, Bologna

    martedì 13 ottobre
    seminario "Costruire equità nei primi anni di vita. Esperienze e strumenti per crescere in salute e benessere"
    a cura di Regione E.Romagna, agenzia sanitaria e sociale
    dalle 9,30 alle 13, Regione Emilia-Romagna, Aula Magna, V.le A. Moro 30, Bologna

    13 Ottobre 2015 – 23 Febbraio 2016
    corso di formazione "Lavorare nella tutela minorile"
    a cura di IPSSER
    corso in 3 moduli per complessive 9 giornate

    giovedì 15 ottobre
    seminario "Better Together: investing on Social Capital" (ciclo 2015 di Sanità in Movimento)
    nell'ambito di Smart City Exhibition 2015
    dalle 9,30 alle 11, Fiera di Bologna, piazza della Costituzione, ingresso Ovest-Costituzione, Padiglione 31, Bologna

    venerdì 16 ottobre
    seminario "Le novità della legge 164/2014 per l’ambiente abitativo in rete:l’accessibilità dell’edificio smart" (nell'ambito di Smart building, 14-17 ottobre, Fiera di Bologna)
    a cura di Cerpa e All digital – Smart building
    dalle 14.30 alle 17.30, Sala Marconi , Smart Building, Fuiera di Bologna, p.zza Costituzione, Bologna

    venerdì 16 ottobre
    Convegno "Crescere Diritti" (diritti dell'infanzia)
    Dipartimento Salute Mentale DP dell'Azienda USL di Bologna
    dalle 8,45 alle 13,30, auditorium Biagi, sala Borsa, p.zza Nettuno 3, Bologna

    sabato 17 ottobre
    stage di formazione "Lo sport può davvero essere inclusivo?" (le attività motorie in ambito scolastico)
    a cura di Cooperativa sociale Accaparlante e CEMEA
    dalle 9 alle 18, sede Coop Accaparlante, via Pirandello 24, Bologna

    sabato 17 ottobre
    convegno "Benessere e cura di sè attraverso lo stile di vita e le tecniche corpo-mente"
    a cura Associazione Gli Onconauti
    dalle 9 alle 13.15, Salone Bolognini, Studio Filosofico Domenicano, Piazza San Domenico 13, Bologna

    lunedì 19 ottobre
    incontro  "Immigrazione: media e paura" (presentazione del n.82 della Rivista Africa e neditrteraneo)
    a cura Campagna Bologna Cares
    dalle 15.30 alle 17.30, sala Biagi al Baraccano, via S.Stefano 119, Bologna

    martedì 20 ottobre
    primo incontro del ciclo "La cultura dell'alcool" (Alimentazione e cultura del vino in Italia; Imparare a bere; Vini: Storie, Mode e Tendenze di consumo) (altri incontri 3-17-24/11)
    a cura UniBo, Cesaf
    dalle 15 alle 18, Aula Magna del Dipartimento di Scienze dell’Educazione, via Filippo Re 6, Bologna

    mercoledì 21 ottobre
    seminario "La risorsa povertà: un progetto di inclusione sociale"
    a cura di Alleanza contro la povertà
    alle 17,30, CISL Regionale, via Milazzo 16, Bologna

    mercoledi 21 ottobre 2015
    Presentazione del volume "Famiglie che accolgono. Oltre la psichiatria" (G. Aluffi)
    a cura istituzione Minguzzi
    dalle 15.30 alle 18.30, Biblioteca “Minguzzi Gentili”, Via Sant’Isaia 90, Bologna

    giovedì 22 ottobre
    convegno ""Mutilazioni genitali femminili...facciamo il punto. Bilanci provvisori e prospettive future"
    a cura di Regione Emilia-Romagna - Direzione generale Sanità e politiche sociali
    dalle 9 alle 17,15, viale Aldo Moro 50, Sala Polivalente Guido Fanti, Bologna

    domenica 25 ottobre
    incontro “Novi cives: costruttori di cittadinanza” (incontro con il Premio Nobel Shirin Ebadi, nell'ambito della Festa internazionale della Storia)
    a cura  Centro internazionale di didattica della storia, Assemblea Legislativa regionale  e Comune di Bologna
    ore 18,30, Sala Stabat Mater, Biblioteca dell’Archiginnasio, piazza Galvani 1, Bologna

    lunedì 26 ottobre
    convegno "La cura e la sicurezza. Servizi psichiatrici e istituzioni giudiziarie in un paese senza OPG"
    a cura di Regione E.Romagna
    dalle 9 alle 17, Regione Emilia-Romagna, Terza Torre, Viale della Fiera 8, Bologna

    lunedì 26 ottobre
    seminario "Nuova sostenibilità energetica ed ambientale nelle strutture di ASP Città di Bologna: strategie, esperienze e progettualità per innovare l'accoglienza"
    a cura di Asp Città di Bologna
    dalle 9,15 alle 13,00, Sala del Coro, ASP Città di Bologna, Via Marsala 7, Bologna

    martedì 27 ottobre
    seminario "Pubblica Amministrazione e Terzo Settore: una collaborazione che si rinnova" (La lettura dei dati in chiave economico e sociale in Emilia Romagna)
    a cura Regione E.Romagna, UnionCamere, Forum TS
    dalle 9,30 alle 13, Regione Emilia-Romagna, Auditorium, V.le A.Moro 30, Bologna

    mercoledì 28 ottobre
    seminario "Lavorare in gruppo con genitori e bambini. L’organizzazione e la facilitazione dei gruppi come strumento di intervento nell’ambito del programma P.I.P.P.I."
    a cura regione E.Romagna, Ministero Lavoro e politiche sociali, Università di Padova
    dalle 9.15 alle 17.00, Regione Emilia-Romagna, Sala 20 maggio 2012, terza torre, viale della Fiera 8, Bologna

     

    giovedì 29 ottobre
    presentazione del volume "Essere in un gesto. I sensi dell’adozione" (Massimo Maini, Daria Vettori, ed. F.Angeli)
    a cura di Centro G.F.Minguzzi
    dalle 16.30 alle 18.30, Biblioteca G.F. Minguzzi e C.Gentili, Via Sant’isaia 9, Bologna

    venerdì 30 ottobre
    seminario "Nidi in comune" (partnership pubblico privato nella gestione dei nidi d’infanzia)
    a cura Cadiai e consorzio Karabak
    dalle 9 alle 13,  Sala della Traslazione di San Domenico, piazza San Domenico 13, Bologna

    venerdì 30 ottobre
    incontro " Fuori di qui. Storie di pazienti dagli archivi video della riforma psichiatrica a Bologna"
    a cura Istituziione G.F.Minguzzi
    alle 17,30, Biblioteca della Salute Mentale e delle Scienze Umane, Via Sant'Isaia 90, Bologna

    sabato 31 ottobre
    convegno nazionale Asamsi - Associazione per lo Studio delle Atrofie Muscolari Spinali Infantili
    a cura di ASAMSI
    dalle 9 alle 18, Hotel Cosmopolitan, Via del Commercio Associato 9, Bologna

    sabato 31 ottobre
    incontro "La creatività che cura" (ciclo "Di Normalità si può anche guarire: quando il disturbo psichico ci racconta qualche cosa di noi")
    a cura Noi tutti per Bologna
    dalle 15,30 alle 17,30, Centro Sociale Baraccano, via Santo Stefano 119/2, Bologna

    venerdì 6 novembre (ma iscrizione entro 30/10)
    seminario "Salute 2.0: informazione, comunicazione e cronaca sulla salute"
    a cura Agenzia Informazione e Comunicazione della Giunta regionale Emilia-Romagna
    dalle 9 alle 13,30, Dipartimento di Filosofia e Comunicazione dell’Università di Bologna, Via Azzo Gardino 23, Bologna

  • 22 Settembre 2015 | "Salute&Benessere" al centro dell'edizione 2015 del Festival Porte Aperte vedi

    logo porte apertelogo porte aperte
    "Salute&Benessere", questo il filo conduttore dell'edizione 2015 del Festival Porte Aperte promosso dall'associazione di Promozione culturale Naufragi per aprire e raccontare le strutture di accoglienza di Bologna.

    Da giovedì 8 a domenica 11 ottobre in diversi lughi della città in programma aperitivi, convegni, concerti, laboratori, per conoscersi e confrontarsi sullo stato dell’arte, le buone prassi, le prospettive e i servizi che ogni giorno operano per migliorare il benessere di tutti.

    Dopo l'aperitivo di inaugurazione del Festival, in programma l'8 ottobre, la Rassegna culminerà nella giornata del 9 con il seminario  "Cura  del se…cura del noi. Benessere e risorse  tra  fragilità e comunità.", che si terrà a partire dalle 9.30 presso la Biblioteca Renzo Renzi,  in via Azzo Gardino 65/b, Ba ologna.
    Nella prima parte della giornata sono previsti quattro workshop parallelli coordinati da esperti sui temi:
    - Salute/Migranti. Accesso all’assistenza sanitaria per migranti e richiedenti  asilo politico. Buone pratiche dall’esperienza Sprar ai centri di accoglienza straordinaria.
    - Rom/Sinti. La salute dopo di tutto: vivere discriminati in un campo che impatto ha sulla salute di persone Rom e Sinti?”.
    - Consumi  e  Territori. Le  sostanze  nella  quotidianità  dei territori:  il  ruolo  dei  servizi  tra  consumatori  e  comunità  locale. Riflessioni a partire dalle esperienze di Venezia e Bologna.
    - Urbanistica e benessere. Le strutture di accoglienza dove sono pensate e collocate? Immagini e parole.
    Nel pomeriggio invece sarà avviata una discussione coordinata da Agenzia Codici, che attraverso la tecnica del World Caffè condurrà i partecipanti all'elaborazione di un documento di sintesi che rifletta sul tema della salute fisica, mentale e relazionale in particolare per le persone che si trovano in una situazione di fragilità.

    Nel week end infine previsti eventi sportivi e culturali per conoscere più da vicino il mondo dell'accoglienza.

    Il programma completo sul sito di Naufragi (in aggiornamento)

  • 16 Settembre 2015 | Mobilità e disabilità: un seminario a Bologna venerdì 18 vedi

    pedana buspedana bus
    Unipolis, con il Progetto Sicurstrada, in occasione della Settimana Europea della Mobilità (16-22 settembre), promuove una riflessione sul tema “Mobilità a prova di handicap, una strada in comune. Perché la vita non sia una gara ad ostacoli”. L’obiettivo è quello di allargare l’attenzione ai portatori di disabilità che devono affrontare ostacoli e difficoltà nella loro mobilità quotidiana, sia per ragioni di lavoro sia per ragioni di cura. Problemi che si ripercuotono anche sulle loro famiglie e che nascono in gran parte dalla struttura ancora inadeguata delle nostre città.

    All’incontro (18 settembre 2015, ore 11, presso C.U.BO, via Stalingrado 37, Bologna) sono stati invitati esperti, esponenti delle associazioni e amministratori, fra i quali: Franca Biondelli, Sottosegretario del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali (in attesa di conferma); Andrea Colombo, Assessore alla Mobilità, Comune di Bologna; Giovanna Guerriero, presidente Consulta per il superamento dell’handicap;Roberto Romeo, presidente di Anglat.
    Unipol sarà presente anche con le iniziative di C.U.BO e del mobility management del Gruppo: dal 9 al 21 settembre mostre, incontri, spettacoli, corsi di formazione saranno ospitati nelle sale e nei giardini di Porta Europa, in Piazza Vieira de Mello.
    Due spazi informativi saranno allestiti sabato 19 settembre, nel pomeriggio, in Piazza XX settembre e, per tutto il giorno, domenica 20 settembre in Piazza Maggiore.

    Leggi nel sito di fondazione Unipolis
    La gamma dei servizi di trasporto per disabili a Bologna

  • 16 Settembre 2015 | Vota il Progetto Zigana vedi

    Zigana è uno dei 40 progetti selezionati fra gli oltre 700 presentati a inizio luglio che stanno partecipando al Premio cheFare3, promosso sulla omonima piattaforma web che promuove progetti innovativi.
    Il progetto, di cui il Comune di Bologna è partner, è promosso dalla Associazione Sinti di Bologna e concorre con l'obiettivo di aumentare la conoscenza sulla popolazione rom e sinta mirando ad abbattere barriere culturali e contrastando la visione stereotipata su “zingari” e “zingare”, per promuovere un modello innovativo d’intervento sociale e di integrazione delle comunità e delle persone a rischio di emarginazione che sono invece sempre co-protagoniste nell’ideazione, realizzazione, valutazione, diffusione dei prodotti culturali.

    Leggi nel sito del Comune
    Vota il progetto
    Approfondisci su facebook

  • 14 Settembre 2015 | Trent'anni dalla morte di Italo Calvino vedi

    foto di italo calvinofoto di italo calvino
    Nato a Cuba nel 1923, Italo Calvino è morto a Siena il 19 settembre 1985. Uno degli scrittori italiani contemporanei più conosciuti e amati, compagno delle letture scolastiche di quasi tutti gli studenti italiani (Marcovaldo, Il barone rampante, per citare solo alcuni dei titoli più noti).
    Lo ricordiamo, perchè ha un senso ricordarlo anche da parte di chi si occupa di sociale, con due vecchi articoli tratti dalla rivista Accaparlante: uno di M.Cristina Pesci dedicato al personaggio del Cavaliere inesistente (che assieme al Barone rampante e al Visconte dimezzato compongono la trilogia de "I nostri antenati") come metafora della condizione della persona disabile l'altro di Cesare Padovani, che prende spunto dalle "Città invisibili" e ci parla dell'incontro con "l'altro".

    Per chi volesse approfondire il tema del rapporto tra emarginazione, sociale e letteratura proponiamo alcuni altri link a riprova, se mai ce ne fosse bisogno, che i temi del sociale e dell'emarginazione sono "dentro" e non "fuori" dai programmi scolastici: basta avere occhi più attenti.
    http://informa.comune.bologna.it/iperbole/sportellosociale/notizie/2731/50733
    http://www.superando.it/2014/09/02/ma-tutto-questo-esmeralda-non-lo-sa/
    http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/files/convegno_letteratura_ed_emarginazione_csv_ferrara_atti_mosaico_n4_12_2003.pdf
    http://www.accaparlante.it/node/30188/
    (fonte redazione sportello sociale)

  • 11 Settembre 2015 | Legge autismo 1: in vigore da settembre vedi

    Entrerà in vigore nel mese di novembre la nuova Legge sull'autismo (L. 134/20015), approvata in via definitiva lo scorso 5 agosto dalla commissione Igiene e Sanità del Senato.
    La legge prevede l'inserimento nei livelli essenziali di assistenza dei trattamenti per l'autismo, l'aggiornamento delle linee guida per prevenzione, diagnosi e cura, oltre alla ricerca nel campo.

    Proponiamo in questa sede alcuni link per approfondire.

    Sul sito quotidianio sanità una nota sintetica che spiega il contenuto degli articoli di legge

    Il testo completo della legge


    Il commento del Ministro della salute

    Il commento dell'ANGSA ass.naz.genitori soggetti autistici

    Sui diversi orientamenti clinici e culturali sull'autismo il parere di Andrea Canevaro

    Il commento di Cittadinanzattiva

  • 11 Settembre 2015 | Legge autismo 2: dopo il coro dei si anche i no e i forse vedi

    I media hanno ampiamente riportato tutti, con accenti entusiastici, la notizia della legge sull'autismo. Anche questa volta è passata
    mediaticamente l'equazione che una legge per i disabili è buona per definizione, ancor più in un periodo in cui si sente ripetere quotidianamente che "i soldi invece che spenderli per i migranti stranieri bisognerebbe darli ai disabili italiani che di euro ne prendono al giorno 10 invece che i 35 dei profughi".
    Ma al di la della superficialità dei grandi media il dibattito in tema di autismo rimane acceso.
    Diamo spazio in questa sede alle voci che qualche distinguo sulla bontà della legge. invece, lo pongono.

    Tutta la complessa realtà dell’autismo (G.Vitale)


    Autismo, una legge-cornice tanto vaga che non cambia nulla (Roberto Speziale, ANFFAS)


    “Raggiunto un importante traguardo, ma resta ancora molto da fare” (Soc.ital. di neuropsichiatria)


    I perversi effetti della legge sull'autismo (Coordinamento Sanità e Assistenza, Torino)


    Legge sull’autismo: qualche riflessione (Simonetta Morelli)


  • 7 Settembre 2015 | Tempo di traslochi all'Asp. Nuova sede anche per l'inclusione sociale vedi

    Logo Asp BolognaLogo Asp Bologna
    Da lunedì 14 settembre 2015 il servizio inclusione sociale di Asp Città di Bologna, che si occupa degli interventi per le persone adulte in situazione di marginalità sociale (persone senza fissa dimora, ex carcerati), trasferisce la propria sede da via del Milliario ai nuovi locali di via Bigari 3, 40128 Bologna
    Rimangono fissi la telefonia cellulare  e gli indirizzi e-mail, mentre varieranno nei prossimi giorni i numeri di telefonia fissa.
    Il trasloco è previsto nella settimana dal 7 al 14 settembre durante la quale l'operatività degli uffici sarà sospesa.
    Per ogni informazione è possibile contattare il centralino dell'Asp allo 051/6201311
    (fonte Asp Bologna)

  • 1 Settembre 2015 | Numeri, costi, leggi, luoghi: la crisi migratoria spiegata in 40 domande e risposte vedi

    profughi in camminoprofughi in cammino
    Cie, Cara, Profughi, Dublino, Diritto d'asilo. Costi, procedure, tempi. E poi cosa fanno gli immigrati in Italia. In queste 40 domande e risposte tutti i punti da tenere presenti quando si parla del problema migranti.
    Una utile iniziativa sul sito di Repubblica a fronte delle tante inesattezze e superficialità (involontarie...o meno) dei talk show televisivi la cui qualità informativa è stata recentemente criticata anche da una ricerca dell'Osservatorio sui TG.
    Leggi tutto nel sito di Repubblica

    Sul tema migranti/profughi segnaliamo inoltre che l'agenzia stampa redattore sociale pubblica in data 1/9 una interessante intervista in materia a Mario Morcone, capo dipartimento immigrazione del Ministero dell’Interno
    (fonti repubblica.it, agenzia redattoresociale, sito CIRDI)

  • 31 Agosto 2015 | Convegni, corsi, conferenze sociali a Bologna (settembre 2015) vedi

    CalendarioCalendario
    Gli appuntamenti per informarsi, formarsi, aggiornarsi per chi lavora ed opera nell'ambito dei servizi sociali e del terzo settore. A Bologna nel mese di settembre 2015.


    giovedì 3 settembre
    incontro: "Dopo di noi e Vita indipendente"
    a cura Fondazione dopo di noi
    ore 18.30, spazio "Red Square", Festa dell'Unità, Parco Nord, Bologna

    sabato 5 settembre
    Convegno "Risorse, Volontariato e partecipazione: una via verso il welfare di comunità"
    a cura di Auser Volontariato Bologna
    ore 9.30, presso Festa dell'Unità di Bologna, Sala dibattiti Renato Zangheri

    mercoledì 9 settembre
    Convegno "La Convenzione ONU dei Diritti delle Persone con disabilità: il suo valore e la sua applicazione a livello internazionale e locale"
    a cura di Aifo - Associazione Italiana Amici di Raoul Follereau
    ore 17, Teatro Comunale di Castello d'Argile (BO), via Matteotti 150

    giovedì 10 settembre
    Convegno "Achille Ardigò e Bologna. Progettare la solidarietà nella Città Metropolitana"
    a cura di Associazione Achille Ardigò
    ore 9.30, presso Scuola di Scienze Politiche dell'Università di Bologna, Strada Maggiore 45, Bologna

    venerdì 11 settembre
    convegno "Essere genitori di adolescenti oggi"
    a cura di Regione E.Romagna, Comune Bollgna/Centro Riesco, Ausl Bologna
    dalle 9,30 alle 13,30, Regione Emilia Romagna, Terza Torre, Viale della Fiera 8, Bologna

    domenica 13 settembre
    Volontassociate, Festa del volontariato e dell'associazionismo di Bologna
    promosso da VolaBO - Centro Servizi per il volontariato di Bologna
    dalle 10, presso i Giardini Margherita di Bologna

    giovedì 17 settembre
    Convegno "La qualità del sistema di protezione e accoglienza di bambini e ragazzi a rischio di allontanamento o fuori dalla famiglia d’origine"
    a cura di Regione Emilia Romagna, Fondazione Zancan
    ore 9,30, presso Regione Emilia Romagna, Sala 20 maggio 2012, via della Fiera 8, Bologna

    venerdì 18 settembre
    Convegno "Mobilità a prova di handicap, una strada in comune. Perché la vita non sia una gara ad ostacoli"
    a cura di Fondazione Unipolis
    ore 11, presso C.U.BO, via Stalingrado 37, Bologna

    venerdì 18, sabato 19 settembre
    eventi conclusivi del progetto TIDE - Towards Inclusive Development Education (coinvolgimento giovani disabili in percorsi di Educazione alla Cittadinanza Mondiale)
    a cura di AIAS Bologna, COSPE
    - 18 settembre alle 17.00, Sala Marco Biagi del Baraccano (via S.Stefano 119), convegno di chiusura del progetto TIDE. A seguire vernissage della mostra CONTAINER. La serata si concluderà con un aperitivo e con lo spettacolo “Maschere - ovvero il Naso” del Magnifico Teatrino Errante (nelle sale del Centro Sociale Baraccano).
    - 19 settembre, dalle ore 10.00 nella Sala Marco Biagi del Baraccano, inaugurazione della mostra CONTAINER

    martedì 22 settembre
    convegno "Il contrasto alla povertà in Emilia Romagna. Le azioni della Chiesa e della Regione"
    dalle 9,30 alle 16,30, Seminario di Imola, via Montericco 5/a, Imola (Bo)
    a cura di IPPSER, Caritas

    venerdì 25, sabato 26, domenica 27 settembre
    festival francescano "Sorella terra" (molti appuntamenti di interesse sociale ed ambientale; conferenze, seminari, presentazioni di libri, a partire dalla enciclica di Papa Francesco "Sorella terra")
    a cura di Movimento Francescano italiano
    piazza Maggiore e altri luoghi, Bologna

    sabato 26 Settembre
    presentazione del volume "Adua" (Igiaba Scego, Giunti 2015)
    a cura del Gruppo di lettura Amici di Wilma, Centro A.Cabral
    alle ore 16, Biblioteca Amilcar Cabral, via San Mamolo 24, Bologna

    da lunedì 28 settembre a giovedì 10 dicembre
    Corso "La progettazione sociale. Elementi di base"
    a cura di Università del Volontariato di Bologna - Centro Servizi per il Volontariato
    ore 18-21, presso il CSV di Bologna, via Scipione dal Ferro 4, Bologna

    martedì 29 settembre
    incontro con le autrici dei volumi "Nuovo dizionario di seervizio sociale; Il servizio sociale ospedaliero; Mettiamo le parole in tavola"
    a cura Ordine assistenti sociali E.Romagna
    dalle 15 alle 18, sala Poeti, palazzo Hercolani, Scuola di scienze politiche, strada Maggiore 45, Bologna

    martedì 29 settembre
    workshop "Insegnare l'italiano ad adulti migranti"
    a cura DC-Lei Comune Bologna
    dalle 16,30 alle 18,30, centro RIESCO, via Cà Selvatica 7, Bologna

    da mercoledì 30 settembre a mercoledì 21 ottobre
    Corso "La comunicazione sociale e i social media per il non profit"
    ore 18-21, presso il CSV di Bologna, via Scipione dal Ferro 4, Bologna

    28-29-30 ottobre 2015 (ma iscrizioni entro il 21 settembre)
    seminario  "Prospettive di Welfare Generativo" (seconda edizione)
    a cura Fondazione Zancan Padova
    sede ed orari in corso di definizione

    da ottobre 2015 a giugno 2016 (iscrizioni entro il 25 settembre)
    Corso di formazione "Scuola di sviluppo di comunità. Metodi e strumenti per il lavoro territoriale e la coesione sociale"
    a cura di Metodi Asscom&Aleph
    corso di 9 moduli (indicativamente di venerdì e sabato) e un laboratorio intensivo di tre giornate
    presso Spazio Metodi, via Guerzoni 15, Milano

    13 Ottobre 2015 – 23 Febbraio 2016 (Iscrizioni entro 30/9)
    corso di formazione "Lavorare nella tutela minorile"
    a cura di IPSSER
    corso in 3 moduli per complessive 9 giornate

     

  • 31 Agosto 2015 | "Progettare la solidarietà nella Città Metropolitana", una giornata di confronto promossa dall'associazione Achille Ardigò vedi

    "Achille Ardigò e Bologna. Progettare la solidarietà nella Città Metropolitana". E' questo il titolo del Convegno promosso dall'Associazione Archille Ardigò a conclusione dell'Anno Ardigoiano e in programma giovedì 10 settembre a partire dalle ore 9.30 a Bologna, presso la Scuola di Scienze Politiche dell'Università di Bologna, in Strada Maggiore 45.

    L’iniziativa  vuole essere occasione per discutere e approfondire i temi del welfare e della solidarietà in relazione alla costruzione della nuova Città  Metropolitana di Bologna, con l'obiettivo di dare un contributo di conoscenza e proposta alla costruzione di un nuovo modello di sviluppo sociale, sempre più cogente a fronte delle situazioni emergenziali e dell'intenso confronto politico degli ultimi mesi sui temi quali la povertà, l'immigrazione, la condizione critica  in cui vivono numerose famiglie di anziani.

    Oltre  ai  relatori hanno garantito  la  loro  presenza  esponenti del mondo politico, istituzionale, associativo e del volontariato di Bologna e dell’Emilia Romagna.

    Consulta il programma completo

  • 27 Agosto 2015 | Abbonamento bus gratuito a 21.309 bambini delle scuole elementari vedi

    Anche quest'anno la Giunta comunale rinnova l'abbonamento gratuito al trasporto pubblico urbano per tutti le bambine e i bambini nati tra il 2005 e il 2011 (anno tra l'altro in cui questa novità è stata introdotta per la prima volta) che frequentano le scuole elementari e sono residenti a Bologna.
    L'iniziativa, per cui il Comune di Bologna ha fatto da apripista ricevendo un forte apprezzamento da famiglie, scuole e piccoli cittadini, coinvolge quest'anno 21.309 bambini, un dato in continua crescita in questi anni, ed è resa possibile grazie ad uno stanziamento di 110.000 euro del Settore Mobilità sostenibile, inserito nel bilancio comunale 2015. Il nuovo abbonamento segue l'anno scolastico e sarà pertanto valido dal 1° settembre 2015 al 31 agosto 2016.
    Leggi tutto nel sito del Comune

  • 27 Agosto 2015 | Da inizio anno 31 suicidi in cella, in aumento i casi tra giovani e stranieri vedi

    Un giovane italiano, di cui ancora non è noto il nome, si è impiccato il 26 agosto sll’alba nel carcere di Gela, in provincia di Caltanissetta. Gli restavano meno di due anni di pena, relativi a una condanna per detenzione di droga e ricettazione, ma dopo il fallimento di un affidamento in prova ai servizi sociali gli era preclusa la possibilità di avere misure alternative al carcere.
    Con la sua morte salgono a 31 i detenuti che si sono tolti la vita da inizio 2015, un numero “in linea” con quello degli ultimi anni, mentre si nota un importante abbassamento dell’età dei detenuti che si sono tolti la vita quest’anno: avevano 37 anni di media, rispetto ai 41 registrati nell’ultimo quindicennio dal dossier “Morire di carcere. Da segnalare anche un aumento dei suicidi tra i detenuti stranieri: nel 2015 sono il 30% del totale, a fronte del 15% registrato nella serie storica e per la prima volta dall’inizio delle nostre rilevazioni il tasso suicidario degli stranieri (che rappresentano il 28% dell’intera popolazione detenuta) supera quello che si registra tra gli italiani.
    I dati sono forniti dall'Osservatorio permanente sulle morti in carcere promosso da un pool di associazioni (Associazione “Il Detenuto Ignoto”, Associazione “Antigone”, Associazione "A Buon Diritto”, Redazione “Radiocarcere”, Redazione “Ristretti Orizzonti”, Radicali Italiani)
    Approfondisci nel sito ristretti.it

  • 25 Agosto 2015 | Bonus idrico 2015: domande dal 1 settembre al 30 novembre agli Sportelli sociali vedi

    rubinetto acquarubinetto acqua
    Apre martedì 1 settembre il bando per le domande relative al bonus idrico (agevolazioni tariffarie sul servizio idrico) per l'anno 2015. La novità per questo nuovo bando è il passaggio della raccolta delle domande dagli Urp/sportello del cittadino agli Sportelli sociali, in analogia con gli altri bonus relativi a utenze domestiche.

    Possono presentare domanda, intestata e firmata dal titolare della fatture/bolletta del servizio idrico,  utenti di contratti di fornitura diretta (ricevono bollette direttamente da HERA) o indiretta (ricevono bollette da società di lettura; inquilini Acer ; condomini che autogestiscono la lettura con documentata ripartizione delle spese a cura dell'ammnistratore) che abbiano un ISEE del nucleo famigliare pari o inferiore ad euro 10mila.
    Le domande possono essere presentate da cittadini italiani o appartenenti alla UE residenti e da cittadini extracomunitari con permesso di soggiorno di validità almeno annuale o documentazione comprovante la richiesta di rinnovo.

    Le domande vanno presentate tra l'1/9 e il 30/11, su apposita modulistica, presso lo Sportello sociale del quartiere di residenza, corredate da copia di valido documento dell'intestatario della fatture/bolletta del servizio idrico, copia della bolletta riferita all'anno 2015 e, per i cittadini extracomunitari, copia del permesse di soggiorno di durata almeno annuale. Il valore ISEE va autocertificato.
    Il modulo è disponibile on line e presso Sportelli sociali e Urp.

    Il contributo erogabile ha come limiti massimi i 60 euro a componente del nucleo per i nuclei con ISEE fino a 2500 euro e 40 euro a componente del nucleo per gli ISEE fino a 10mila euro. Tali importi possono essere riparametrati, eventualmente anche al ribasso, da ATERSIR, l'Agenzia della Regione E.Romagna che si occupa del servizio idrico integrato,  a seconda del numero di domande presentate in rapporto ai fondi disponibili annualmente.

    Consulta la scheda informativa, le istruzioni per la compilazione e scarica la modulistica nel sito degli Sportelli sociali
    (fonte redazione sportello sociale)

  • 24 Agosto 2015 | Fondo non autosufficienze. In G.U. il riparto dei 400 milioni per il 2015 vedi

    Pubblicato il 4 agosto il decreto che assegna per il 2015 la cifra di 390 da ripartire tra le Regioni mentre sono 10 milioni quelli riservati al Ministero delle Politiche sociali per progetti sperimentali in tema di vita indipendente per le persone disabili.
    All'Emilia Romagna assegnati 31milioni di euro.
    Leggi tutto su quotidiano sanità

  • 24 Agosto 2015 | Gli stranieri nelle carceri italiane: mai così pochi e con pene più lievi rispetto ai cittadini italiani vedi

    Al 30 giugno 2015 nelle carceri italiane risultavano detenute 52.754 persone di cui 17.207 con nazionalità straniera, pari al 32,6%. A fine 2014 erano detenute 53.623 persone, il 14,3% in meno rispetto al 2013 e oltre un quinto in meno rispetto al 2010, anno in cui la popolazione carceraria ha raggiunto la cifra più alta dagli anni ’90 (68mila presenti). Il 95,7% dei detenuti è di sesso maschile, una quota stabile nel corso del tempo. Gli stranieri, come già evidenziato, costituiscono un terzo della popolazione carceraria ma il loro peso percentuale è in diminuzione costante dal 2007, quando costituivano il 37,5 %.
    Leggi tutto e scarica il documento nel sito di ISMU
    (fonte newsletter Ismu)

  • 24 Agosto 2015 | I telegiornali italiani e i migranti. Una ricerca dell'Osservatorio TG sulla stagione 2014/15 vedi

    L’Osservatorio Tg, diretto da Alberto Baldazzi, ha oggi anticipato i primi risultati dell’analisi contenuta nell’Almanacco dei Tg 2014-2015 che esamina la stagione televisiva appena conclusa.
    Particolare attenzione è dedicata ai temi sensibili: dalla rappresentazione dell’immigrazione e delle minoranze al modo in cui l’informazione televisiva italiana si pone rispetto al razzismo. D’altra parte è ampio lo spazio dedicato a questi argomenti dai media mainstream nella stagione 2014/2015, come nel caso degli sbarchi sulle coste italiane, che risulta essere tra i temi centrali “più trattati (e maltrattati)”. L’arrivo di migranti e richiedenti asilo e il ruolo del sistema d’accoglienza hanno animato e continuano ad animare il dibattito politico che, proprio in televisione, è sfociato in quelle che l’Osservatorio Tg definisce “campagne viscerali”. Sono in particolare alcune testate della tv commerciale (Studio Aperto e Tg4), come rilevato dall’Osservatorio ad aver prodotto «vere e proprie campagne che identificano nel fenomeno dei profughi un pericolo per la sicurezza nazionale».
    Leggi tutto
    Una sintesi dei principali contenuti nel sito L'Eurispes
    (fonte newsletter CIRDI)

  • 20 Agosto 2015 | Approvata la nuova legge sull’agricoltura sociale vedi

    stand az.agricolastand az.agricola
    Per agricoltura sociale, recita la legge, si intende “un aspetto della multifunzionalità delle imprese agricole finalizzato allo sviluppo di interventi e di servizi sociali, socio-sanitari, educativi e di inserimento socio-lavorativo”
    E’ rivolta, ad esempio, all’inserimento socio-lavorativo di soggetti svantaggiati, molto svantaggiati e disabili, e di minori in età lavorativa inseriti in progetti di riabilitazione e sostegno sociale. Ma rientrano nell’agricoltura sociale anche i nidi e le scuole materne o le accoglienze di persone in difficoltà realizzate “mediante l’utilizzazione delle risorse materiali e immateriali dell’agricoltura”, come pure i servizi che “ affiancano e supportano le terapie mediche, psicologiche e riabilitative (…) anche attraverso l’ausilio di animali allevati e la coltivazione delle piante”.
    Due successivi decreti ministeriali stabiliranno i requisiti per gli enti per poter fare agricoltura sociale oltre che possibili agevolazioni e sostegni per le attività di agricoltura sociale, ma “senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica”. Insomma non ci sono stanziamenti aggiuntivi.
    La legge prevede che le attività di agricoltura sociale siano “realizzate, ove previsto dalla normativa di settore, in collaborazione con i servizi socio-sanitari e con gli enti pubblici competenti per territorio”.
    Sei Regioni – Veneto Calabria Toscana Liguria Abruzzo Campania – hanno già una propria legge sull’agricoltura sociale.
    Scarica il testo della legge
    Approfondisci:
    - sito Ministero politiche agricole
    - Forum agricoltura sociale
    (fonte newsletter Uneba, redazione sportello sociale)

  • 20 Agosto 2015 | Comunicare (anche) il sociale. La società dell’informazione in Emilia-Romagna nel rapporto 2015 vedi

    Totò con megafonoTotò con megafono
    Nell’ultima edizione del rapporto “Benchmarking della società dell’informazione in Emilia-Romagna” sono pubblicati i dati aggiornati sulla diffusione di Internet e lo sviluppo dell'e-government e delle smart cities nel territorio regionale.
    Le analisi contenute nel rapporto vogliono essere strumenti utili per un supporto alle decisioni ed uno stimolo ad agire su ambiti che cambiano rapidamente nel tempo.
    Approfondisci e scarica il testo del rapporto
    (fonte sito Regione E.Romagna, newsletter Comune Bologna)

  • 20 Agosto 2015 | ISTAT: Inclusione sociale delle persone con limitazioni funzionali, invalidità o cronicità gravi (dati 2013) vedi

    istat logoistat logo
    Nel 2013, circa 13 milioni di persone di 15 anni e più risultano avere limitazioni funzionali, invalidità o cronicità gravi. Complessivamente si tratta del 25,5% della popolazione residente di pari età. Per queste persone l'interazione tra condizioni di salute e fattori ambientali può tradursi in restrizioni dell'inclusione sociale.
    Tra le persone con limitazioni funzionali, invalidità o cronicità gravi, il 23,4% riferisce di avere limitazioni gravi, cioè il massimo grado di difficoltà in almeno una tra le funzioni motorie, sensoriali o nelle attività essenziali della vita quotidiana. Il numero di tali persone nella popolazione residente in Italia è stimato in circa 3 milioni.
    Nella popolazione con limitazioni funzionali, invalidità o cronicità gravi prevalgono le donne (54,7%) e le persone anziane (61,1%). La quota di persone con gravi limitazioni è più alta tra le donne anziane (37,8%) rispetto a quella registrata tra gli uomini anziani (22,7%).
    Leggi tutto e  scarica il testo del Rapporto nel sito ISTAT

  • 20 Agosto 2015 | La rappresentazione della assistente sociale nel cinema e nella narrativa vedi

    scena filmscena film
    In questi video su youtube Elena Allegri, sociologa e direttrice del Corso di laurea per assistenti sociali dell'Università del Piemonte orientale, ci parla della rappresentazione della assistente sociale nel cinema e nella narrativa. "Ladra di bambini" come nella stampa e nella TV?
    Scarica il video curato dalla WebTV assistenti sociali

    Sulla immagine e identità dell'assistente sociale in questi tempi così delicati, contradditori e difficili per un professione come questa (...ma anche pieni, paradossalmente, di possibilità, come per ogni fase di "crisi") un gruppo di giovani assistenti sociali ha dato vita al sito chisonogliassistentisociali

     

  • 20 Agosto 2015 | Rom e Sinti, la Regione approva il progetto di legge vedi

    foto sede regionefoto sede regione
    Nuove soluzioni abitative per arrivare alla chiusura, “senza se e senza ma”, dei grandi campi nomadi “dove è più facile che si concentrino conflitti, tensioni sociali, condizioni igieniche non tollerabili”.
    Quella dell'abitare è senza dubbio una delle voci principali del progetto di legge sull'inclusione sociale di Rom e Sinti, approvato oggi dall'Assemblea legislativa. “Si è concluso finalmente l'iter di questo progetto di legge per noi molto importante – ha commentato Elisabetta Gualmini, vicepresidente della Regione e assessore alle Politiche di Welfare – , che ha abrogato una norma del 1988, ormai ampiamente superata”. La nuova legge “recepisce delle norme internazionali, sia le raccomandazioni dell'Onu su Rom e Sinti, sia la Strategia europea sull'inclusione sociale di queste comunità. Quindi – sottolinea Gualmini – ci siamo adeguati a normative già esistenti. E' un aspetto che mi preme chiarire, per sgombrare il campo da equivoci e pregiudizi”.
    Leggi tutto su sociale emilia romagna
    Il testo della legge: Legge Regionale 16 luglio 2015, n. 11, Norme per l'inclusione sociale di Rom e Sinti
    (fonte newsletter sociale emilia romagna)

  • 20 Agosto 2015 | Utili teatri dell’inutile. I ragazzi del Pratello in scena vedi

    foto di scenafoto di scena
    Dal 28 agosto al 6 settembre, alla Corte del Quartiere Saragozza in via Pietralata, l'ottava edizione della rassegna a cura del Teatro del Pratello, con la direzione artistica di Paolo Billi e Angela Malfitano, che coinvolge i minori in carico ai Servizi di Giustizia Minorile sia come attori che come aiuti tecnici.
    Approfondisci e consulta il programma della rassegna
    (newsletter Comune Bologna)

  • 18 Agosto 2015 | 13 settembre: Volontassociate, festa dell'Associazionismo e del Volontariato di Bologna vedi

    Logo VolontassociateLogo Volontassociate
    Per l'undicesimo anno consecutivo le Organizzazioni No-profit sono invitate a partecipare a Volontassociate, la festa dell'Associazionismo e del Volontariato di Bologna promossa da Città di Metropolitana di Bologna, Comune di Bologna e VOLABO - Centro Servizi per il Volontariato.
    L’iniziativa nasce dal desiderio delle Organizzazioni No-profit di creare nuove opportunità per promuovere i propri valori e le proprie attività. Come nelle passate edizioni, l'evento si articolerà su tutto il territorio provinciale, sotto forma di momenti collettivi di festa nei sette distretti dell'area metropolitana.
    L'edizione 2015 prevede una iniziativa cittadina il giorno 13 settembre ai Giardini Margherita, dalle 10 alle 18,30, e due iniziative nei Quartieri (Saragozza il 20/9 e Borgo Panigale il 27/9).
    Per tutte le informazioni consulta il sito di Volontassociate


    Scarica il volantino della iniziativa
    Il programma delle iniziative a Bologna

  • 18 Agosto 2015 | Contributo acquisto testi scolastici medie e superiori. Richieste entro il 30 ottobre 2015 vedi

    libri scolasticilibri scolastici
    La Regione Emilia-Romagna, con la Delibera di Giunta n. 939 del 20 luglio 2015, ha fissato al 30 ottobre 2015 il termine ultimo per consegnare alle segreterie delle scuole o ai Comuni il modulo di richiesta del contributo per la fornitura gratuita o semigratuita dei libri di testo agli studenti residenti in Emilia-Romagna che frequentano le scuole secondarie di primo e secondo grado delle nostra regione statali, private paritarie e paritarie degli Enti Locali, non statali autorizzate a rilasciare titoli di studio aventi valore legale.
    Possono richiedere il contributo per i libri di testo solo coloro che hanno un valore ISEE del nucleo famigliare riferito ai redditi del 2013 pari o inferiore a 10.632,94 euro.
    Come ogni anno seguiranno nelle prossime settimane indicazioni sul bando da parte della Città Metropolitana; il testo del bando e la modulistica saranno disponibili on line o presso la segreteria delle scuole frequentate.
    Leggi tutto nel sito della Regione E.Romagna

  • 17 Agosto 2015 | Centro per le famiglie. Servizi per i minori di Asp Bologna. Nuova sede dal 27 agosto vedi

    logo centro famiglielogo centro famiglie
    Da giovedì 27 agosto il Servizio Minori e Famiglie di ASP Città di Bologna trasferirà la propria sede presso i nuovi uffici di via del Pratello 53  (..stesso indirizzo del Circolo Pavese e del Centro sociale anziani..).
    Saranno così riunite le tre Unità Operative che fanno capo al Servizio minori e famiglie di Asp:
    - Centro per le Famiglie / Sportello informafamiglie
    - Accoglienza minori stranieri non accompagnati, vittime della tratta, non riconosciuti alla nascita
    - Sistema di accoglienza residenziale e semiresidenziale per minori e per madri con bambini
    finora distribuite tra le diverse sedi di via Castiglione, via Orfeo e via Dè Buttieri.

    I servizi rimarranno chiusi al pubblico nelle giornate del 25 e 26 agosto per il trasloco.
    Rimangono invariati gli indirizzi e-mail ed i numeri di telefonia cellulare mentre il numero telefonico dello Sportello Informafamiglie tramite il quale si accede alle informazioni ed ai servzi del Centro famiglie sarà 051/6201960.
    Per gli altri servizi dell'area minori  e famiglie è attivo per il pubblico il centralino dell'Asp al numero 051/6201311.
    Approfondisci nel sito di Asp Bologna

  • 23 Luglio 2015 | Promozione della salute: i dati dell'Osservatorio di Bologna vedi

    Ginnastica nel parcoGinnastica nel parco
    L'Osservatorio per la Promozione della salute e dell’equità è nato dalla proposta di un gruppo di tecnici del Comune e dell'Azienda USL, ed è stato approvato dal Comitato di Distretto della Città di Bologna.

    Il Tavolo di lavoro si è formalmente costituito nel giugno 2013 in un incontro presieduto dell'Assessore Luca Rizzo Nervo, che ha dato avvio ai lavori illustrando l'indirizzo politico e gli input strategici.

    L'Osservatorio ha come primo obiettivo strategico  lo sviluppo di una Rete  di attori che realizzano interventi di promozione della salute, prevenzione e contrasto alle disuguaglianze in maniera condivisa e integrata, di “co-costruzione” e scambio di buone pratiche di salute, di corretti stili di vita e di benessere psicofisico. In altre parole ha l’ambizione di costituire una vera e propria regia metropolitana di tutto quanto si muove nel pubblico e nel privato in ambito di promozione della salute.

    Al Tavolo, che è interistituzionale, pubblico e privato, ed è coordinato dal Comune di Bologna - Area Benessere di Comunità (U.I. Salute e Città Sana) siedono importanti stakeholder del territorio quali l'Azienda USL di Bologna (Distretto di Committenza e Garanzia Città di Bologna, Dipartimento di Sanità Pubblica, U.O. Comunicazione e Relazioni con il Cittadino), l'Azienda Sant'Orsola Malpighi, l'Istituto Ortopedico Rizzoli (IOR), l'Università di Bologna, l'Ufficio Scolastico Provinciale V, le principali Associazioni di promozione sportiva (AICS, CSI, UISP), e le Associazioni di promozione sociale (ANCeSCAO),  ARPA provinciale.

    Nel 2014, l'Osservatorio ha messo in cantiere e realizzato un'attività di rilevazione ed analisi dei dati su 220 interventi di promozione della salute e prevenzione del territorio bolognese che sono stati censiti, mappati e messi a disposizione in una banca dati dedicata.
    Le risultanze dell'analisi hanno evidenziato che le aree tematiche degli interventi pongono principalmente al centro i corretti stili di vita, la salute, i minori e la sicurezza, ma anche l'equità, l'inclusione sociale e la cittadinanza attiva; il 79,5% dei progetti rilevati è rivolto a bambini/giovani (0-18 anni), con focus particolare sui corretti stili di vita, il movimento, il contrasto alle dipendenze e la prevenzione del disagio psico-sociale. Il 50% dei progetti afferiscono a tutta l'area metropolitana, mentre il 25% risultano concentrati  capillarmente in luoghi specifici del territorio.
    Nei progetti sono risultate essere coinvolte diverse figure professionali,  in maggioranza medici e personale sanitario, ma anche insegnanti, operatori socio-culturali, psicologi, sociologi, statistici. Rilevante è anche il coinvolgimento di personale volontario (ben il 20% sul totale dei progetti).
    L'80% delle attività progettuali realizzate non ha ricevuto finanziamenti e soltanto l' 1,8%   ha ricevuto un finanziamento maggiore di 100.000 euro. Alcuni progetti invece fanno uso di benefici economici indiretti, nella maggior parte dei casi spazi per svolgere le attività.
    La quasi totalità dei progetti (90,5%) prevede la valutazione degli obiettivi raggiunti.

    I dati sono stati presentati pubblicamente al convegno “Le vie del benessere. La comunità che si muove per la salute” che si è svolto lo scorso 17 aprile, a cura di AUSL Dipartimento di sanità pubblica, nella sede degli Ordini dei Farmacisti di Bologna.

    Scarica la presentazione dei dati

  • 23 Luglio 2015 | Emergenza caldo: un video e un'intervista per raccontare l'impegno dei volontari vedi

    Afa, caldo, solitudine. Per molte persone anziani e fragili la calura estiva rappresenta davvero un enorme fattore di rischio.
    Per questo da anni il Comune di Bologna, assieme a Cup 2000, e una ricca rete di associazioni di volontariato del territorio promuove il Progetto Mais, che prevede, oltre all'attivazione del numero verde per l'emergenza caldo 800/562110, il monitoraggio telefonico degli anziani fragili e l'attivazione, per chi lo necessita, di servizi di compagnia, accompagnamento a visite mediche e ai centri sociali anziani dotati di aree climatizzate, consegna a domicilio di generi alimentari di prima necessità e di farmaci.

    Sul Resto del Carlino un video e un'intervista raccontano di come i volontari impegnati nel progetto si prendono cura ogni giorno delle persone più anziane e fragili.

    Leggi l'articolo


    Guarda il video

  • 23 Luglio 2015 | Torna il Pranzo di Ferragosto per le persone bisognose vedi

    Torna anche quest'anno, all'interno del cortile di Palazzo d'Accursio, il Pranzo di Ferragosto per le persone bisognose. L'iniziativa, promossa da Caritas e resa possibile grazie alla disponibilità del Comune di Bologna e di Camst, vuole fare sentire alle persone che hanno più bisogno la vicinanza della città e contrastare la solitudine.

    Il pranzo ospiterà oltre 200 persone che verranno individuate dalla Caritas.

    Per loro Camst preparerà un meni con maccheroncini di pasta gratinata alle verdure di stagione, pollo al forno patate al rosmarino, ratatuille, creme caramel alla vaniglia e frutta.

    Per maggiori informazioni
    Caritas Bologna, tel. 051/22.12.96 -  www.caritasbologna.it

  • 18 Luglio 2015 | Disabili, aperto il bando 2015 contributi per il trasporto casa-lavoro vedi

    E' stato pubblicato dal Servizio Politiche Attive del Lavoro della Città metropolitana di Bologna il bando relativo ai contributi per il rimborso delle spese di trasporto casa-lavoro-casa a lavoratori disabili inseriti al lavoro mediante percorsi di collocamento mirato (L. 68/99; ex L. 482/68) ed assunti, a tempo indeterminato oppure a tempo determinato per almeno 12 mesi, che siano impossibilitati a recarsi sul luogo di lavoro con mezzi propri o con i normali mezzi di trasporto pubblico.
    E' prevista l'erogazione di contributi per il rimborso delle spese effettivamente sostenute e documentate dalle persone disabili per il trasporto casa/lavoro nel periodo 1/11/2014 - 09/10/2015.
    Leggi tutto e scarica il bando

  • 16 Luglio 2015 | Povertà 1. La povertà assoluta smette di crescere. Oltre 4 milioni gli indigenti. ISTAT chiede cautela sui dati vedi

    Portafoglio vuotoPortafoglio vuoto
    Povertà assoluta stabile nel 2014 rispetto all’anno precedente: sono 1 milione e 470 mila famiglie (5,7 per cento di quelle residenti) in condizione di povertà assoluta, per un totale di 4 milioni 102 mila persone (6,8 per cento della popolazione residente). Lo rileva l'Istat nel rapporto ''La povertà in Italia'' nel 2014 presentato il 15/7.
    Un report che introduce “modifiche sostanziali” nella rilevazione della povertà, spiega l’Istat, con dati che provengono dall’indagine sulle spese delle famiglie e non più da quella sui consumi. Dati da usare con cautela, specifica l’Istat, e non solo nel confronto con le stime degli anni precedenti (ricalcolate nel nuovo report): se i numeri della povertà assoluta sembrano diminuire tra il 2013 e il 2014, bisogna tener conto degli errori statistici. Stando al report, infatti, le persone in povertà assoluta in Italia sono passate da 4,42 milioni a 4,1 (318 mila persone in meno), mentre le famiglie in povertà assoluta sono diminuite di 144 mila unità (da 1,61 milioni a 1,47). Tuttavia, spiega l’Istat, “considerando l’errore campionario, il calo rispetto al 2013 del numero di famiglie e di individui in condizioni di povertà assoluta (pari al 6,3 e al 7,3 per cento rispettivamente), non è statisticamente significativo (ovvero non può essere considerato diverso da zero)”. Il dato positivo da registrare, quindi, è quello che dopo due anni di aumento l'incidenza della povertà assoluta si mantiene stabile su tutto il territorio italiano.
    - Leggi tutto su redattoresociale
    - Approfondisci a scarica il testo del rapporto nel sito ISTAT

  • 16 Luglio 2015 | Povertà 2. C'è il divario nord/sud, ma soprattutto quello tra le generazioni. Povertà assoluta: 10% tra i minori, 4,9% tra gli anziani vedi

    “Il modo classico di descrivere la povertà in Italia evidenzia il divario tra Nord e Sud. Mentre c’è un divario molto più profondo che riguarda la distribuzione della povertà tra generazioni”. Così il direttore della Fondazione Zancan di Padova Tiziano Vecchiato commenta i dati Istat diffusi oggi sulla povertà in Italia. Nel 2014 l’incidenza della povertà assoluta tra i minori è, infatti, del 10%, più del doppio dell’incidenza tra gli anziani (4,5%).
    “Un ulteriore aspetto della disuguaglianza generazionale – precisa Vecchiato - è la povertà che penalizza le famiglie con figli piccoli, arrivando al paradosso umano e sociale per cui chi è chiamato a coltivare la vita si trova a farlo in condizione di maggiore deprivazione e senza i mezzi necessari per garantire una crescita adeguata ai propri figli”. Dai dati Istat emerge che sono “assolutamente poveri” quasi un quinto (18,6%) dei nuclei familiari con tre o più figli minori, contro una su 20 (4%) dei nuclei con almeno due anziani. La diffusione tra i nuclei con tre o più figli minori è aumentata di un punto percentuale tra il 2013 e il 2014 (dal 17,6% al 18,6%), mentre tra le famiglie con due o più anziani è diminuita.

    “A questo si aggiunge la persistenza del divario socioeconomico che penalizza i giovani e le persone con meno formazione e cultura, meno competenze, meno capitale sociale, rendendo improbabile la mobilità sociale, come avviene invece in altre società”. Nel 2014, dice l’Istat, sono assolutamente poveri l’8,4% dei nuclei con capofamiglia con licenza elementare, contro il 3,3% dei nuclei con capofamiglia almeno diplomato. Inoltre, la povertà assoluta riguarda l’1,6% dei nuclei con persona di riferimento dirigente/impiegato, contro il 9,7% tra le famiglie di operai e il 16,2% in cerca di occupazione.

    Leggendo i dati generali (4 milioni 102 mila persone “assolutamente povere” e 7,8 milioni di persone in povertà relativa), Vecchiato evidenzia: “Se consideriamo le statistiche complessive, siamo tornati alla ‘normalità’ – sottolinea il direttore Vecchiato -, cioè la povertà ritorna stabile e si consegna alle politiche inefficaci che hanno da sempre caratterizzato il modo italiano di aiutare i poveri, basato sull’assistenza di sussistenza (trasferimenti monetari) e non sull’aiuto che aiuta ed emancipa, consentendo di uscire dalla povertà”.

    La Fondazione Zancan dedica un’ultima considerazione alla scelta dell’Istat di modificare il metodo di rilevazione nell’indagine sulla spesa familiare.  Con il precedente metodo i poveri “assoluti” nel 2013 erano oltre 6 milioni, con i nuovi criteri risultano (sempre nel 2013) 4,4 milioni. Analogamente, i poveri “relativi” nel 2013 erano stimati oltre 10 milioni, mentre con il nuovo metodo risultano 7,8 milioni (pari a oltre il 20% in meno). “L’Istat ha fatto una scelta coraggiosa, perché significa chiedersi se i metodi di rilevazione e di calcolo siano affidabili oppure no e quindi accettare il rischio di proporci un quadro diverso (nel nostro caso ridotto del 20%), evidenziando un problema di non poco conto: i poveri assoluti e relativi ‘sembrano’ diminuiti.
    Non dimentichiamo che stiamo parlando di milioni di persone.
    Questo dato non deve quindi trasformarsi in un’illusione ottica o, peggio ancora, essere strumentalizzato dalla politica. Già qualcuno sta dicendo che il problema non è più così grande e può quindi essere ‘parcheggiato’ nelle politiche tradizionali. Rappresenta invece un deficit strutturale che l’Italia deve affrontare con politiche inedite, non assistenzialistiche, riconvertendo i trasferimenti monetari in servizi e in occupazione di welfare. Con approcci generativi le risorse a disposizione diventano un fondo di investimento così da affrontare la sfida del rendimento e della valutazione del loro impatto sociale”.
    (fonte agenzia stampa redattoresociale)

  • 14 Luglio 2015 | Profughi, don Nicolini consulente del sindaco di Bologna per i diritti dei rifugiati vedi

    Don Nicolini, parroco della Dozza, è stato ingaggiato dal sindaco di Bologna, Virginio Merola, come consigliere personale per la garanzia dei diritti umani nelle politiche di emergenza abitativa e di accoglienza dei rifugiati. La nomina risale alla metà di giugno e la carica verrà ricoperta in maniera completamente gratuita. “Si è ritenuta l’opportunità di avvalersi dell’apporto prezioso che l’esperienza e le conoscenze, maturate negli anni da don Giovanni Nicolini, nell’ambito delle attività e iniziative finalizzate alla solidarietà nei confronti delle categorie più deboli, possono assicurare alle scelte delle politiche comunali da adottare come risposta attiva per il superamento delle problematiche sempre più difficoltose legate alle emergenze abitative come a quelle costituite dalla necessità di assicurare un’accoglienza dignitosa ai rifugiati nel nostro Paese”, si legge nell’ordinanza del sindaco.

    Don Nicolini non si è tirato indietro: ha dato la sua disponibilità a collaborare con il Comune. Non lo aspetta un compito facile viste “le numerose problematiche legate all’emergenza abitativa che caratterizza la città di Bologna e le conseguenze dirette, in termini di accoglienza, dei flussi di migranti che interessano il capoluogo emiliano”.

    Temi che Don Giovanni affronta da anni, da sempre. Don Giovanni Nicolini era in prima fila, assieme ad Amelia Frascaroli, oggi al Welfare di Merola, quando l’ex sindaco Sergio Cofferati ordinava gli sgomberi degli accampamenti rom sul Lungoreno. È il cappellano del carcere della Dozza, è stato direttore della Caritas fino al 2006 (e al suo fianco c’era sempre Amelia Frascaroli). Scrive il sindaco nell’ordinanza: “Da tempo nella città di Bologna opera Don Giovanni Nicolini con merito e capacità universalmente riconosciute nel campo della solidarietà e dell’assistenza alle persone in difficoltà economiche e di mezzi, costituendo un punto di riferimento importante”. Ora darà una mano al Comune con “un rapporto di collaborazione basato sullo scambio di opinioni per
    l’elaborazione e la possibile condivisione delle politiche perseguibili in tema di emergenza abitativa e di accoglienza dei rifugiati, assolutamente privo di carattere patrimoniale e comunque svolto a titolo gratuito”, si legge sempre nell''ordinanza.

    (Fonte: agenzia redattoresociale, 19 giugno 2015)

  • 13 Luglio 2015 | Casa: bando 2015 giovani coppie e altri nuclei familiari vedi

    Con l'approvazione del bando  previsto nella delibera della Giunta regionale n. 713 del 15 giugno 2015 la Regione dà l'avvio al programma che permetterà alle giovani coppie ma anche ad altri nuclei familiari di acquistare la prima casa di proprietà.
    Il contributo è di 25.000 euro elevato a 30.000 euro per le famiglie residenti nei Comuni delle province di Bologna, Modena, Ferrara, Reggio Emilia i cui territori sono stati interessati dagli eventi sismici del maggio 2012 che acquisteranno un alloggio nello stesso Comune di residenza o in un Comune confinante, purchè inserito nell’elenco dei Comuni del cratere.

    Sarà possibile acquistare anche con patto di futura vendita, dopo un periodo di locazione o assegnazione in godimento per un massimo 4 anni. Le parti possono concordare la compravendita dell’alloggio anche prima della scadenza prevista.
    Il prezzo degli alloggi messi a disposizione dalle cooperative e dalle imprese non potrà superare i 350.000 euro.
    Il canone da applicare nel periodo di locazione o assegnazione in godimento dell’alloggio che precede il trasferimento della proprietà deve essere determinato ai sensi del comma 3 articolo 2 della L. 431/1998.
    Leggi tutto nel sito della Regione e scarica bando e modulistica

  • 13 Luglio 2015 | I primi dati del Ministero riaccendono il dibattito sulla bontà del nuovo ISEE vedi

    Commenti dopo la presentazione da parte del Ministero del lavoro e politiche sociali dei primi dati sul nuovo ISEE (circa 22mila relativi al periodo gennaio/marzo 2015)
    - "Il nuovo Isee? Amplia le disuguaglianze"
    Tiziano Vecchiato (Fondazione Zancan) boccia il nuovo Isee: non garantisce vera equità, ma solo equità nella valutazione della situazione economica. Manca un pezzo del ragionamento, quello che valuta i diversi bisogni delle persone. Così quello tra ministero e associazioni di disabili è un "dialogo fra sordi" . Leggi su vita.it
    - "Il nuovo Isee è uno strumento migliore"
    Daniela Mesini (Irs) replica a Tiziano Vecchiato (Fondazione Zancan) a proposito del nuovo Isee. «L'Isee è uno strumento di valutazione e di ordinamento, non ragioniamo addossandogli responsabilità non sue». Leggi su vita.it
    - "Nuovo Isee, quello che i numeri non dicono"
    Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha pubblicato un report con i dati dei primi tre mesi di applicazione del nuovo Isee. Si rivela uno strumento più equo, che ha stanato tanti furbetti. E a sorpresa favorisce anche i nuclei con persone disabili. Ma per le associazioni non è così. Leggi su vita.it
    - "Il primo trimestre di applicazione del nuovo ISEE: alcune considerazioni a partire dai dati"
    Sono stati resi pubblici a fine maggio i dati elaborati dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Direzione Generale per l’inclusione e le Politiche Sociali, rispetto ai primi 3 mesi di applicazione del nuovo ISEE. Come evidenziato nello stesso report ministeriale si tratta di dati da considerarsi con cautela per una serie di motivazioni:  la richiesta di nuovi ISEE ha sicuramente carattere di stagionalità;  l’avvio di applicazione del nuovo indicatore è stato parecchio turbolento  la qual cosa ha comportato anche una certa confusione ed errori; si tratta di un’analisi su un campione pari a circa il 2% della popolazione ISEE complessiva. Leggi su Lombardia sociale
    (fonti vita.it, lombardiaosciale.it)

  • 13 Luglio 2015 | L'INPS aggiorna nel suo sito la sezione di FAQ sul nuovo ISEE vedi

    Una ricca sezione di FAQ (domande ricorrenti) è stata implementata da INPS nel proprio sito per fornire risposte ai mille quesiti che l'introduzione del c.d. nuovo ISEE ha determinato.
    Nell'aggiornamento di inizio luglio sono affrontate questioni attinenti, per l'area sociale, a questi aspetti: nucleo famigliare, borse di studio, autocertificazione dei redditi, invalidità, assegno di maternità, assegno per il nucleo con 3 figli minori, validità della certificazione ISEE.
    Leggi tutto nell'utile sito pmi.it

  • 13 Luglio 2015 | Rapporto INPS 2014 vedi

    Presentato il rapporto annuale dell’Inps relativo al 2014. I dati evidenziano un risultato economico di esercizio negativo per 12,7 miliardi e un disavanzo finanziario di competenza di 7,8 miliardi.
    L'Inps spiega che “oltre 6,6 mln di pensionati (42,5% del totale) hanno redditi da pensione inferiori a 1.000 euro al mese”, una fascia di persone che assorbe solo il 18,9% della spesa complessiva ricevendo nel 2014 poco più di 50 miliardi di euro.
    La spesa pensionistica incide sul pil per il 15,3% nel 2014 e per il 16,1% ove si comprenda anche la spesa erogata per conto dello Stato, con esclusione delle erogazioni relative alle indennità di accompagnamento a favore degli invalidi civili
    Al 31 dicembre 2014 il numero dei contribuenti alle principali gestioni pensionistiche Inps risulta pari a 22.018.261, con un incremento di 93.996 (+0,4%) rispetto al 2013. I lavoratori dipendenti (16,5 milioni) rappresentano oltre il 75% del totale dei contribuenti. La quota di lavoratori autonomi è del 20% (4,4 milioni), mentre i contribuenti nella Gestione separata 14 (oltre 1 milione) sono quasi il 5%.
    Sono oltre 15,5 milioni i pensionati Inps, incluse le due gestioni confluite (Gestione dipendenti pubblici, ex Inpdap, e Gestione dei lavoratori dello spettacolo e sportivi professionisti, ex Enpals). Gli uomini sono 7,2 milioni pari al 46,4% e le donne 8,3 milioni pari al 53,6%.
    Leggi su regioni.it
    Una sintesi del rapporto nel sito quotidiano.net
    Scarica il rapporto INPS 2014

  • 13 Luglio 2015 | Servizio Civile regionale, un bando del Comune nei progetti legati all'intercultura. Scadenza 30 luglio vedi

    E’ dedicato ai giovani tra i 18 e i 29 anni che desiderano fare  un’esperienza interessante, il bando per la selezione di due volontari per il servizio civile presso il Comune di Bologna.
    Il progetto si chiama “Giovani.doc” e i giovani selezionati potranno prestare il loro servizio a favore della promozione del dialogo interculturale, collaborando alla gestione della Biblioteca multiculturale, alla organizzazione di eventi, seminari, corsi ed incontri sui temi della intercultura anche nell'ambito dei progetti che il Comune gestisce nelle scuole secondarie di primo e secondo grado.
    Le domande vanno compilate utilizzando gli appositi moduli e dovranno essere presentate entro le ore 14 del 30 luglio 2015 (il servizio civile regionale prevede una durata di 11 mesi e un trattamento economico pari a euro 360 mensili).
    L'avviso pubblico di selezione si inserisce nel bando regionale.
    di selezione  dei volontari nel quale sono previsti, per il territorio di Bologna e provincia 12 progetti e disponibili 31 posti.
    Per informazioni: Marzia Bettocchi, Comune Bologna, Area benessere di comunità, 051/2195919, marzia.bettocchi@comune.bologna.it

  • 9 Luglio 2015 | Dalla redazione: sito e servizi di newsletter, i dati del primo semestre 2015 vedi

    Persona al computerPersona al computer
    Nei primi sei mesi del 2015 le pagine visitate nel sito sono state 247.269 (da circa 90mila diverse persone) con un aumento del 10,9% sullo stesso periodo dell'anno precedente. Le nuove iscrizioni ai tre servizi di newsletter sono state 263.
    In totale le pagine visitate nel sito dall'avvio sono oltre 2,3milioni e gli abbonati alle newsletter hanno superato i 4.700.

  • 9 Luglio 2015 | Jobs Act: in vigore il decreto su conciliazione di cura, vita e lavoro vedi

    Conciliazione tempiConciliazione tempi
    Il 24 giugno scorso è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto legislativo 80 del 15/6/15. Il Decreto, la cui delega risale al cosiddetto Jobs Act (legge n. 183/14) reca “Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell'articolo 1, commi 8 e 9, della legge n. 183/14.”
    Il Decreto interviene nello stesso solco della normativa vigente e allarga i benefici e i beneficiari già previsti dal Decreto legislativo 151/01 (“Testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità”) modificandolo e integrandolo.
    I temi trattati: congedi di maternità, congedo di paternità, congedi parentali, frazionamento orario o giornaliero del congedo parentale, lavoro notturno, congedo per le donne vittime di violenza di genere.
    Leggi la scheda informativa su handylex.org

  • 8 Luglio 2015 | A Bologna da luglio una nuova mensa per le persone in difficoltà vedi

    Che sia della "fraternità", come la storica mensa della Caritas in via Santa Caterina, che sia dedicata a "Padre Ernesto", come quella dell'Antoniano in via Guinizzelli, che prenda come nome quello di "Cucine popolari", che evoca altre culture e sensibilità di sfondo ....sempre mense sono e sempre aperte alle persone che si trovano in difficoltà, ora economica, ora relazionale, spesso entrambe.

    Aprirà prima del previsto la mensa per persone in difficoltà voluta a Bologna da Roberto Morgantini, tanti anni passati all'ufficio immigrati della CGIL, e ora vice presidente di Piazza Grande. Le "cucine popolari", che saranno presso il circolo "I cento passi" in via del Battiferro, inizialmente saranno aperte per 3 giorni a settimana, martedì, mercoledì e giovedì e potranno ospitare circa 60 persone.
    L'intento è quello di crescere e poter accogliere nei prossimi mesi più persone. È il desiderio di Morgantini che come regalo di nozze per il suo matrimonio, avvenuto lo scorso 27 giugno, aveva chiesto una donazione per sostenere l'avvio del progetto.
    I tavoli della mensa saranno di 6/7 posti, e a ognuno di essi siederà anche un operatore che ascolterà le problematiche delle persone ospitate. L'inaugurazione è prevista per il 21 luglio.
    Per informazioni e approfondimenti

    ...intanto, in attesa che aprano i battenti le "cucine sociali", le mense già attive continuano la loro attività, restando aperte anche d'estate, come capita a quella dell'Antoniamo per la prima volta dal suo avvio, come racconta Alessando Caspoli, direttore dell’Antoniano, alla agenzia stampa radattoresociale.
    (fonte bandieragialla.it, redattoresociale.it, redazione sportello sociale)

  • 8 Luglio 2015 | Regione E.Romagna. Approvato in Giunta il progetto di legge su inclusione sociale vedi

    Operaio saldatore disabileOperaio saldatore disabile
    Una legge per sostenere le persone in difficoltà sociale o sanitaria ed aiutarle ad inserirsi nel mondo del lavoro, mettendo in rete i servizi sociali dei Comuni, quelli sanitari delle Asl e i Centri per l’impiego.
    La Giunta regionale ha approvato il testo della proposta di legge per l’inclusione sociale, che pone i presupposti istituzionali, organizzativi, gestionali e metodologici per potenziare il sostegno alle persone in condizione di fragilità e vulnerabilità. Il provvedimento riguarda le persone che vivono le problematiche derivanti dall’essere disoccupati o inoccupati e contemporaneamente difficoltà di natura sociale o sanitaria.

    Il progetto di legge prevede il costituirsi di équipe multiprofessionali – di cui fanno parte operatori dei Centri per l’Impiego, dei Servizi sociali del Comune e del servizio sanitario dell’Ausl – che sulla base di una valutazione del “profilo di fragilità” delle persone, progettano interventi personalizzati, unitari e condivisi finalizzati all’inserimento lavorativo. L’efficacia dell’integrazione dei servizi si fonda sull’assunzione di nuove responsabilità e sullo sviluppo di nuove competenze gestionali e professionali dei responsabili e degli operatori dei servizi pubblici integrati, per sviluppare le quali la Regione promuoverà interventi periodici di formazione e sviluppo.
    L’inserimento lavorativo può avvenire utilizzando le diverse modalità e tipologie contrattuali esistenti. A fianco del contratto di lavoro subordinato indeterminato, che costituisce l’obiettivo principale, potranno essere impiegate forme di flessibilità e modalità di telelavoro ritenute idonee alle caratteristiche ed ai bisogni delle persone.
    Leggi tutto nel sito della Regione

  • 2 Luglio 2015 | Bando adolescenti 2015, la Regione stanzia 600 mila euro vedi

    Gruppo di adolescentiGruppo di adolescenti
    Un nuovo bando regionale da 600 mila euro (100 mila in più rispetto al 2014) per interventi e attività a favore di adolescenti e preadolescenti. È il Bando adolescenti 2015 a cui possono partecipare associazioni di promozione sociale, associazioni di volontariato, cooperative sociali, oratori, parrocchie. Sullo stanziamento complessivo, 150 mila euro vanno a sostegno di progetti di valenza regionale e 450 mila euro per quelli di valenza territoriale.

    La cifra è stata articolata su base distrettuale, in rapporto alla popolazione 11-17 destinataria delle attività. “Gli adolescenti sono il nostro futuro, una generazione di mezzo spesso lasciata nell’ombra rispetto all’infanzia e all’età adulta – ha detto Elisabetta Gualmini, vice presidente della Regione – Noi invece puntiamo su di loro perché saranno loro a disegnare e a progettare la società di domani. Qualsiasi iniziativa tesa a ridurre il disagio oppure a migliorare le competenze e la formazione per noi è rilevantissima”.
    Ci sono 30 giorni a partire dal 29 giugno (data di pubblicazione del bando sul Bur) per inviare la domanda di ammissione ai contributi.
    Leggi tutto su sociale emilia romagna
    Scarica il bando

  • 2 Luglio 2015 | A Bologna il primo check point di comunità per prevenire Hiv e Aids vedi

    Il centro è gestito dall'associazione Lgbt "Plus" con la collaborazione degli infermieri dell’Ausl Bologna. Offre la possibilità di fare il test Hiv e counselling sulla salute sessuale al di fuori delle strutture sanitarie tradizionali. È un progetto previsto nel Piano regionale della prevenzione.
    Leggi tutto su quotidiano sanità
    Per approfondire

  • 30 Giugno 2015 | Emilia-Romagna. Welfare, gestione distrettuale unica solo nel 50% delle Asp vedi

    Rimasta per metà inattuata la legge regionale n.12 del 2013 per superare l’eccessiva frammentazione nella gestione dei servizi sociali e socio-sanitari. Delle attuali 38 Aziende di servizi alla persona, solo 19 hanno trasmesso un programma valido per l’attuazione della norma, 17 si sono dette impossibilitate o non hanno risposto affatto.
    Leggi tutto su quotidiano sanità

  • 30 Giugno 2015 | I dati della raccolta di beni per gli empori solidali di Case Zanardi vedi

    Lo scorso 13  giugno si è tenuta la seconda raccolta di beni di prima necessità per gli Empori solidali di Case Zanardi negli ipermercati Coop e Conad del territorio. Un successo che conferma la grande generosità dei cittadini e l'attenzione crescente verso un sistema di welfare inclusivo e partecipato. Sono state donate oltre 200 ore di tempo libero grazie all'impegno dei volontari. Questo, insieme al bel gesto dei cittadini che hanno donato, ha permesso di raccogliere 9519 prodotti per un valore di 8188 euro. Questo garantirà un sostegno prezioso a 65 famiglie in particolare difficoltà economica residenti a Bologna.
    Iniziativa promossa da Istituzione per l’inclusione sociale e comunitaria “don Paolo Serra Zanetti” del Comune di Bologna, Associazione Emporio Bologna Pane e Solidarietà, VOLABO – Centro Servizi per il Volontariato di Bologna nell’ambito del progetto Emporio solidale di Case Zanardi.
    - Per saperne di più su Case Zanardi e per fare una donazione sulla piattaforma di crowdfunding:
    - Per visitare l'emporio e/o fare una donazione di beni di prima necessità: Violetta Cantori,  emporiosocialebologna@gmail.com, tel. 345.5507984
    (fonte newsletter Volabo)

  • 30 Giugno 2015 | Migranti, quale emergenza? Un po' di chiarezza su cifre, accoglienza e parole vedi

    Il dibattito sull'immigrazione che infuria sui mezzi di informazione e sui social network si basa spesso su dati e termini non corretti. Ma quali sono i numeri reali del fenomeno in questo periodo? Chi sopporta davvero il peso dell'ospitalità? E quali definizioni è più giusto utilizzare? Leggi tutto su redattoresociale

  • 30 Giugno 2015 | Nuovo Isee: presentati i primi dati del Ministero vedi

    Nuovo ISEENuovo ISEE
    Sono stati presentati i primi dati del Ministero lavoro e politiche sociali sul nuovo Isee relativi ai primi tre mesi del 2015. I dati mostrano che per circa due terzi della popolazione il nuovo Isee è più favorevole (45,3 per cento) o indifferente (19,7 per cento) rispetto al vecchio. Mentre circa un terzo dei richiedenti ha un ISEE meno favorevole, per lo più a causa del maggior peso della componente patrimoniale.
    Altra rilevante differenza rispetto agli anni scorsi riguarda le famiglie in cui ci sono persone con disabilità: c’è un balzo dei nuclei nei quali l’ISEE in pratica si azzera, che passano da uno su dieci a uno su quattro.

    Restano caute però nelle analisi alcune associazioni di disabili, come il Coordinamento Famiglie Disabili gravi e gravissimi, che spiegano come la ricerca riguardi una percentuale ancora troppo esigua di popolazione (il 2%) per poter tirare le prime conclusioni sul nuovo indicatore. Di diverso parere Anffas che ritiene che il 2% rappresenti già un campione affidabile.
    Infine è bene ricordare che alcune prestazioni, come quelle legate alle mense scolastiche e ai servizi per la prima infanzia, siano di carattere prettamente stagionale, quindi bisognerà attendere ancora qualche mese per poter avere i dati su questa rilevante fascia di popolazione.
    Leggi tutto su pmi.it
    L'intervista di superabile al Ministro Poletti
    L'approfondimento di disabili.com su nuovo Isee e disabilità
    Leggi la sintesi e scarica il rapporto di monitoraggio
    (fonti: sito pmi.it, superando.it, sito Ministero lavoro e politiche sociali)

  • 30 Giugno 2015 | Piccoli Grandi Cuori onlus inaugura la prima casa di accoglienza per le famiglie dei pazienti vedi

    L'associazione Piccoli Grandi Cuori Onlus riconferma il suo impegno verso le famiglie dei pazienti del reparto di Cardiologia e Cardiochirurgia Pediatrica. Sabato 11 luglio, infatti, sarà inaugurata la casa di accoglienza Polo dei Cuori, in via Marco Polo 21/12 a Bologna. Taglio del nastro e brindisi alle ore 19 per condividere insieme questo traguardo.
    Il Polo dei Cuori è il compimento di un grande progetto, iniziato nel 2013 e realizzato grazie al sostegno di sponsor e volontari, che ha portato alla creazione della prima struttura di accoglienza. Una casa che potrà dare ospitalità fino a sei famiglie; vi sono cinque miniappartamenti e uno grande per le lungodegenze, per un totale di venti posti letto, oltre a sala giochi, sala lettura, sala relax, lavanderia, uffici e sala riunione.
    Per informazioni: Piccoli Grandi Cuori, info@piccoligrandicuori.it , sito internet
    (fonte newsletter Volabo)

  • 30 Giugno 2015 | Politiche sociali. Censis: “Con la crisi risorse ridotte dell’81%. Profondo divario Nord-Sud” vedi

    In picchiata le risorse pubbliche per il sociale. L'andamento del Fondo per le politiche sociali, istituito nel 1997 per trasferire risorse aggiuntive agli enti locali e garantire l'offerta di servizi per anziani, disabili, minori, famiglie in difficoltà, testimonia il progressivo ridimensionamento dell'impegno pubblico sul fronte delle politiche socio-sanitarie e socio-assistenziali. Le risorse assegnate al Fondo sono passate da 1,6 miliardi di euro nel 2007 a 435,3 milioni nel 2010, per poi scendere a soli 43,7 milioni nel 2012 e infine recuperare in parte negli ultimi due anni fino ai 297,4 milioni del 2014. La riduzione è stata dell'81% nel periodo 2007-2014, gli anni della crisi.
    Anche il Fondo per la non autosufficienza è passato dai 400 milioni di euro del 2010 al totale annullamento nel 2012, per poi risalire a 350 milioni nell'ultimo anno. Questi alcuni punti evidenziati al Censis nell’ultimo dei quattro incontri del tradizionale appuntamento di riflessione di giugno "Un mese di sociale", dedicato quest’anno al tema "Rivedere i fondamentali della società italiana"
    Leggi tutto su quotidiano sanità

  • 30 Giugno 2015 | Regione E.Romagna. Ripartito Fondo sociale regionale di 20,2 mln vedi

    Sede Regione E.RomagnaSede Regione E.Romagna
    Conferma quasi totale del finanziamento al Fondo sociale locale, potenziamento delle risorse a favore delle famiglie, sostegno ai programmi di assistenza alle vittime di sfruttamento e rinnovo degli stanziamenti per le persone sottoposte a limitazioni della libertà personale. Queste le scelte che, secondo quanto evidenziato in una nota dell’Assemblea Legislativa dell’Emilia Romagna, caratterizzano il Programma annuale 2015 di ripartizione delle risorse del Fondo sociale regionale.
    Dei 20,2 milioni di euro complessivamente erogati, 534mila sono di provenienza statale, interamente destinati alle attività dei centri per le famiglie. Dei restanti 19,6 milioni di euro a carico del bilancio della Regione Emilia-Romagna, le quote destinate ai Comuni per gli interventi per l’infanzia e i minori (7.083.746 euro) e per i soggetti a rischio di esclusione sociale (7.633.746) sono le più significative, seguite dagli interventi per la programmazione e il governo della rete dei servizi sociali (3.541.874 euro).
    Nello specifico, saranno poi destinati 550.000 euro per il sostegno economico e gli assegni di cura di anziani e disabili, 210.000 euro per l’integrazione sociale dei cittadini stranieri, 210.000 euro per l’assistenza temporanea a favore delle vittime di tratta, sfruttamento e riduzione in schiavitù, 550.000 euro per interventi rivolti a persone sottoposte a limitazioni della libertà personale - in particolare per la realizzazione nelle carceri di sportelli informativi per i detenuti, il reinserimento sociale e il miglioramento delle condizioni di vita dei detenuti -, e un totale di 754.000, fondi statali compresi, per i Centri per le famiglie.
    (fonte newsletter quotidiano sanità)

  • 30 Giugno 2015 | Riforma del terzo settore. CNCA: “No al profit travestito da impresa sociale” vedi

    Si assiste ad una dinamica di rallentamento del disegno di legge di riforma del terzo settore da quando questo, dopo l'approvazione alla Camera, è ora in discussione al Senato.
    Una critica forte all'impianto di parte della riforma arriva dal CNCA (il raggruppamento delle comunità di accoglienza del settore dipendenze), soprattutto sui rischi di "un profit travestito da impresa sociale”.

    Anche i CSV Centri di servizio per il volontariato fanno le loro proposte perchè venga modificata la parte del DDL relativa alla riforma di queste strutture.
    Insomma, dopo le prime entusiastiche adesioni (ma bisogna vedere se tali erano o lo era solo la eco mediatica) il clima tra terzo settore e Governo pare si sia un po' raffreddato una volta che dalle enunciazioni di principio si è passati al concreto delle proposte e delle linee di indirizzo.  "Luna di miele finita" titola l'agenzia stampa redattoresociale dando la parola al portavoce del Forum del terzo settore Pietro Barbieri e alle varie perplessità sia sul DDL di riforma che sugli scenari più complessivi delle politiche sociali.
    (fonte redattoresociale)

  • 30 Giugno 2015 | Scuola. in Emilia Romagna sì a deroghe per classi con oltre il 30% di stranieri vedi

    Il prossimo anno scolastico in Emilia-Romagna ci potranno essere classi in cui si supera il ‘tetto’ del 30% di alunni stranieri.
    A dare il via libera è l’Ufficio scolastico regionale: “Si comunica la procedura di autorizzazione alla deroga nella composizione delle classi oltre il tetto del 30% di alunni con cittadinanza non italiana” per il 2015-2016.
    Ai presidi la comunicazione è arrivata nei giorni scorsi da parte dell’Ufficio “Diritto allo studio. Europa e scuola. Tecnologie per la didattica. Istruzione non statale”. Con una raccomandazione però: la richiesta di deroga al limite del 30% “deve necessariamente essere preceduta da azioni delle scuole, anche in rete, attraverso sinergie con gli Enti locali, volte all’equilibrata distribuzione degli alunni con cittadinanza non italiana”.
    Leggi tutto nel sito dell'agenzi stampa DIRE

  • 26 Giugno 2015 | Giugno: usciti i numeri delle Newsletter degli sportelli sociali vedi

    Newsletter logoNewsletter logo
    Sono disponibili i numeri di maggio/giugno delle tre newsletter periodiche prodotte dalla redazione degli sportelli sociali.
    La Newsletter sportelli sociali propone 35 nuove notizie nel suo trentasettesimo numero (esce dal 2009). La Newsletter disabilità, giunta al numero 135 (esce dal 2002) propone ventiquattro nuove notizie e anche il suppplemento trimestrale di aggiornamento bibliografico.

    Le nostre newsletter sono gratuite, hanno complessivamente oltre 4500 abbonati ed è possibile riceverle anche in edizione cartacea per i meno....tecnologici.
    Qui potete iscrivervi

    Per segnalare notizie


    Infine la nostra terza newsletter InfoDoc dedicata ai temi della informazione, comunicazione e documentazione in campo sociale che nel numero 11, maggio/giugno 2015 propone 30 nuove notizie.

  • 24 Giugno 2015 | Protezioni internazionali. Cambia sede l'Ufficio dell'Asp vedi

    L'ufficio Protezioni Internazionali di ASP Città di Bologna, che si occupa dell'ambito dei rifugiati e richiedenti asilo, attualmente in Via del Milliario 26,  resterà chiuso dal 22 al 26 giugno per trasferimento presso la nuova sede.
    Gli uffici riapriranno regolarmente da lunedì 29 giugno in via Castagnoli n° 10 a Bologna (Bus Navetta C).
    Leggi la scheda informativa nel sito degli sportelli sociali

  • 18 Giugno 2015 | "Falsi invalidi", la stampa non perde il vizio vedi

    Chi segue la stampa quotidiana sa che il tema dei falsi invalidi è una di quelle questioni cicliche che appare da decenni sulla stampa ad ogni cambio di governo, ad ogni rapporto annuale della Guardia di finanza, ad ogni esigenza della politica di aumentare il numero degli "untori" di turno.
    La materia, è doveroso riconoscerlo, è complessa, i dati ad una prima lettura contradditori (provate a scorrere i siti di INPS e ISTAT e provate a trovare un dato uguale all'altro), svariati sono i tipi di pensione, i tipi di verifica, mille le variabili di cui tenere conto. Eppure nella stampa italiana pare non si sia sedimentato quasi nulla in tema di conoscenza e capacità di una visione non miope della materia.
    Ne danno testimonianza le recenti uscite del Corriere della sera riprese poi in TV dalla trasmissione Ballarò.
    Puntuali, dati alla mano, le osservazioni della FISH, la federazione che riunisce le principali associazioni italiane dell'area della disabilità.  Leggi tutto su superando

  • 17 Giugno 2015 | 20 giugno, Giornata mondiale del rifugiato. 21 giugno Giornata internazionale contro il razzismo vedi

    No al razzismoNo al razzismo
    Leggi il programma di tutte le iniziative (convegni, conferenze, mostre, spettacoli) a Bologna e provincia nella notizia che ogni mese dedichiamo ai corsi, convegni, mostre, conferenze su temi sociali a Bologna. Clicca qui

  • 10 Giugno 2015 | Ondate di calore, come comportarsi in caso di temperature molto elevate o per richiedere aiuto vedi

    Ondate di caloreOndate di calore
    E' 800 562 110 il numero verde da contattare per avere informazioni su come comportarsi in caso di temperature molto elevate o per richiedere aiuto.  Il servizio è solo uno degli strumenti del progetto Prevenzione delle Ondate di calore realizzato dal Comune di Bologna con la collaborazione dell’Azienda Usl di Bologna. In campo una rete di associazioni (Auser, Croce Rossa, Anteas e Ancescao), di centri sociali e di farmacie, coordinati dal servizio di gestione delle emergenze sociali del Comune e da Cup 2000 per la parte operativa. 
    Il progetto è attivo di norma dalla metà del mese di giugno a metà settembre di ogni anno, anche attraverso un apposito sito internet di ARPA in cui è possibile verificare le giornate in cui sono previste ondate di calore.
    Oltre al numero verde è possibile avere un servizio specifico di assistenza domiciliare, accedere alle azioni messe in campo dai volontari come monitoraggio, compagnia, accompagnamenti a visite mediche e terapie e ai centri sociali anziani dotati di aree climatizzate.
    Leggi tutto nel sito del Comune
    Leggi la scheda informativa nel sito Servizi e sportelli sociali

  • 10 Giugno 2015 | Vacanze disabili 2015: al via dall'11 giugno il secondo bando per soggiorni realizzati autonomamente vedi

    Vacanze disabiliVacanze disabili
    Potranno essere presentate dall'11 giugno al 9 luglio presso gli Sportelli sociali le domande di contributo legate al secondo "Bando vacanze disabili" promosso dal Comune.
    Le domande sono riferite a soggiorni organizzati autonomamente dalla persona disabile, da sola o col nucleo famigliare.

    Possono accedere (ad esclusione di coloro che hanno già ricevuto il contributo sul primo Bando per soggiorni collettivi, scaduto in aprile) le persone disabili residenti a Bologna, con invalidità civile superiore al 66% o con certificazione di handicap legge 104/92 e che abbiamo un ISEE pari o inferiore ad euro 8.000.
    Sarà necessario conservare ai fini dell'eventuale contributo la documentazione valida ai fini fiscali comprovante le spese di soggiorno (alberghi, affitto di appartamenti, spese di viaggio).

    La modulistica, i criteri di definizione della graduatoria ed ogni altra informazione potrà essere reperita nella apposita scheda nel sito degli Sportelli sociali
    (fonte redazione sportello sociale)

  • 9 Giugno 2015 | Orario estivo 2015 degli Sportelli sociali vedi

    Orario estivoOrario estivo
    Anche quest'anno gli sportelli sociali garantiranno l'apertura per tutto il periodo estivo con alune limitazioni di orario, soprattutto nelle due settimane centrali di agosto, di cui potrete leggere nel sito degli sportelli sociali
    Se vi è utile potete anche stampare l'orario estivo

    Ultim'ora: Gli Sportelli Sociali di Borgo Panigale e Reno nella giornata di giovedì 20 Agosto saranno aperti dalle 8,15 alle 17,30
    Lo Sportello Sociale Reno nella giornata di giovedì 27 Agosto sarà aperto dalle 8,15 alle 14,00
    (fonte redazione sportelli sociali)

  • 4 Giugno 2015 | Estate e R...estate. Risorse per chi parte e per chi resta vedi

    JoeletteJoelette
    Com'è il rapporto tra l'estate e le varie realtà del sociale? Da sempre a due facce.
    Da una parte le vacanze, per chi può, ritmi più lenti, la voglia di divertirsi e svagarsi nella natura o "dentro" ai ricchi cartelloni estivi che città grandi e piccole propongono, tra film, concerti, grigliate, visite a musei e angoli dimenticati delle città.
    Dall'altra il rischio di solitudine perchè figli, amici, parenti, vicini se ne vanno in ferie. Il caldo, i negozi e gli uffici chiusi. In TV per la duecentesima volta lo stesso film americano, bianco e nero, anni '50. Per chi è disabile le avventure per salire su treni, aerei, navi. Bagni inaccessibili in albergo o quello dell'autogrill pieno di scope e scatoloni. Scalinate nei musei e nei luoghi di interesse turistico. Sempre meglio comunque del vicino di ombrellone che si fa spostare "perchè quel ragazzo messo così non è un bel vedere..."
    Per le famiglie con bambini il solito tema: tre mesi!!..e se non ci sono i nonni?

    Abbiamo provato ad estrarre dal nostro sito, da quello del Comune e da altri siti locali tutte le informazioni che fanno rima, chi più chi meno, con sociale e con estate.
    Per una bella serata in più.
    Per un possibile disagio in meno.

    BAMBINI E RAGAZZI D'ESTATE IN CITTA'

    Centri estivi per bambini e ragazzi
    Nel periodo delle vacanze estive sono organizzate su tutto il territorio comunale un insieme di opportunità e spazi dedicati a bambini e ragazzi dai 3 ai 14 anni.
    I Centri estivi, con l'offerta per la fascia 3-11 anni e "Scuole Aperte" per ragazzi fra gli 11 ed i 14 anni, sono un servizio di supporto alle famiglie, ma soprattutto luoghi stimolanti e creativi per chi resta in città.
    L'obiettivo è favorire esperienze che, rispondendo a precisi requisiti e standard qualitativi, risultino non solo piacevoli ma anche socialmente educative e formative, in contesti di gioco sicuri e di condivisione. I progetti educativi mirano quindi a soddisfare il bisogno primario di divertirsi, conoscere nuovi amici, partecipare alle diverse attività proposte con una attenzione particolare rivolta al rispetto reciproco e della natura.
    Per informazioni sulle attività previste nei Centri estivi, sui posti disponibili, sulle modalità per le iscrizioni e i rimborsi, sui criteri di precedenza adottati e sui pagamenti, occorre contattare direttamente i singoli gestori.
    Centri estivi a Bologna: scarica il programma completo dell'offerta

    Le iniziative per l'estate dei Community lab di Borgo Panigale e Reno
    Nell'ambito del progetto Community Lab, promosso dalla Regione e dal Comune di Bologna con l'obiettivo di dar vita a percorsi per comprendere meglio le comunità di oggi e le possibili forme di evoluzione in materia di welfare locale grazie all’apporto dei cittadini, nei Quartieri Borgo Panigale e Reno sono stati organizzati due ricchi programmi di iniziative rivolte ai ragazzi per l'estate.
    In entrambi i Quartieri a partire dalla seconda settimana di giugno verranno promossi, da associazioni, cittadini e società sportive, una serie di laboratori sportivi e culturali e tornei sportivi gratuiti rivolti ai ragazzi dai 6 ai 16 anni (l'età di partecipazione varia a seconda della tipologia di attività).
    Maggiori informazioni e programma

    PERSONE DISABILI

    Per chi va in vacanza e si vuolle muovere con il minor disagio possibile segnaliamo che nella scheda "Turisti disabili a Bologna" (nella sezione Informazioni sul turismo accessibile in Italia) esiste un lungo elenco di siti in cui trovare preziose informazioni sul turismo accessibile e sulla accessibilità dei principali luoghi di interesse turistico (dolomiti, riviera romagnola, firenze, venezia, roma...). Clicca qui
    Alcuni siti informativi e associazioni da anni pubblicano anche delle sorte di cataloghi delle strutture accessibili, suddivisi per regioni e/o tipologia: vi segnaliamo quello del sito disabili.com , quello realizzato dal sito villegaforall.it e quello del sito italiaccessibile.it

    Per i più avventurosi da quest'anno è disponibile anche la Guida per disabili relativa al famoso Cammino di Santiago di Campostela. Da S.Jean Pied de Port, in Francia, ai pedi dei Pirenei, a Santiago fanno 800 km, non è detto che dobbiate farli tutti....una bella avventura, ricca di fascino e spiritualità. Clicca qui

    Se per vacanze dovete utilizzare treni, aerei, traghetti, potete trovare in queste tre schede tutte le informazioni su treni, stazioni, areoporti, compagnie aeree, traghetti per le isole, navigazione sui laghi. Persino il famoso Burchiello per vedere le Ville venete navigando sul Brenta. Clicca qui: Viaggiare in trenoViaggiare in aereoNavigazione

    Infine per le persone disabili ci sono come ogni anno, a determinate condizioni, i contributi del Comune per i soggiorni estivi, organizzati in collettività, autonomamente o con la famiglia. Il primo bando (soggiorni collettivi o autonomi con ooperatore) è già scaduto in aprile, ma quello per le vacanze organizzate autonomamente o con la famiglia le domande partono l'11 di giugno e il bando rimane aperto per un mese. Clicca qui

    Restate in città?...
    Se volete muovervi con meno problemi per cinema, musei, biblioteche potete consultare una scheda dedicata alla accessibilità di questi luoghi a Bologna. Clicca qui

    Se siete stanchi del film americano anni '50 citato sopra perchè non farvi portare a casa video o libri dal servizio gratuito Ausilio cultura che per voi prende in prestito e restituisce video e libri dalle biblioteche? Clicca qui

    ...idem dicasi per la spesa a casa. Fa caldo, l'amico che vi portava è via...informatevi se anche per un periodo temporaneo
    (..ma magari ci prendete gusto e lo utilizzate anche negli altri mesi...) è possibile accedere al servizio di spesa recapitata a casa sempre di Ausilio cultura (supermercati Coop) o di altre catene di distribuzione. Clicca qui

    Infine se per la disabilità che avete le ondate di calore portano aggravio alla vostra saluto o situazioni di pericolo sappiate che esiste tutta una serie di interventi ad hoc che trovate dscritti nella scheda "Prevenzione delle ondate di calore" (clicca qui)
    e che se volete acquistare un condizionatore o un deumidificatore, a determinate condizioni (possesso della certificazione di handicap legge 104, livello ISEE del nucleo...) potete anche godere dei contributi della legge 29/97 (clicca qui)

    PERSONE ANZIANE

    Se andate in vacanza e avete problemi di non autosufficienza molte delle informazioni pubblicate sopra a proposito delle persone con disabilità risulteranno utili anche per voi.

    Rimanete in città?

    Se le ondate di calore portano aggravio alla vostra saluto o situazioni di pericolo sappiate che esiste tutta una serie di interventi ad hoc che trovate dscritti nella scheda "Prevenzione delle ondate di calore" (clicca qui) e che se volete acquistare un condizionatore o un deumidificatore, a determinate condizioni (possesso della certificazione di handicap legge 104, livello ISEE del nucleo...) potete anche godere dei contributi legati alla legge 29/97 (clicca qui):
    Intema di ondate di calore sono in programma anche due conferenze organizzate per illustrare ai cittadini i rischi delle ondate e i comportamenti più utili da mettere in atto, con particolare riferimento alla assunzione di farmaci. Gli appuntamenti sono in calendario per il 24/6 e 9/7

    Per gli anziani che rimangono in città molti Quartieri, in collaborazione con i centri sociali anziani e/o altre realtà associative, organizzano il programma "Vacanze in città" per offrire compagnia, attività interessanti e soprattutto...fresco. Clicca qui

    Se avete problemi di non autosufficienza e disabilità e siete stanchi del film americano anni '50 citato sopra perchè non farvi portare a casa video o libri dal servizio gratuito Ausilio cultura che per voi prende in prestito e restituisce video e libri dalle biblioteche? Clicca qui

    ...idem dicasi per la spesa a casa. Fa caldo, i figli o l'amico che vi portava sono via...informatevi se anche per un periodo temporaneo (..ma magari ci prendete gusto e lo utilizzate anche negli altri mesi...) è possibile accedere al servizio di spesa recapitata a casa sempre di Ausilio cultura (supermercati Coop) o di altre catene di distribuzione. Clicca qui

    Anche per chi ha bisogno frequentemente di farmaci e ha problemi ad uscire di casa esiste un sevizio gratuito di recapito a domicilio. Clicca qui

    Al di la del programma Vacanze in città i centri sociali anziani (sono ben 35 nella nostra città) rappresentano un punto di riferimento imprescindibile per attivare relazioni e partecipare a iniziative, progetti, attività. Molti di questi centri organizzano un vero e proprio "cartellone estivo" di iniziative culturali, ricreative, di spettacolo e ballo, gastronomiche. Clicca qui

    Per gli orari estivi degli uffici comunali consullta questa pagina

    EVENTI ESTIVI A BOLOGNA ORAGIZZATI DA ASSOCIAZIONI, COOPERATIVE...

    - Giugno
    venerdì 12 giugno “Non Party-te RRR-Estate con noi” -  Festa Sotto Sopra organizzata dai Centri diurni Agucchi e Fandango, Dalle 16 alle 21 per una gradita apericena. È gradita la conferma della presenza, entro mercoledì 10 giugno telefonando al Centro "Paranà" di via Agucchi 121/6. - tel. 051/312954
    lunedi 15 e mercoledi 17 giugno dalle ore 20:30, presso la Sala Centofiori a Corticella (via Gorki 16)
    spettacolo “Il giardino di David” (la disabilità durante la Shoah), a cura compagnia Kairos. Con le persone disabili partecipanti al laboratorio di movimento creativo AIAS
    venerdì 19 giugnoÈ qui Nozio? No c’è il Sol Stizio!” dalle 17:30 alle 20:00 per un aperitivo esuberante presso il Centro diurno disabili Fandango in via F. Cavazzoni 2/g , info 051/478272
    sabato 20 giugno (e fino all'11 luglio) Il mare in cortile, Teatro, musica, danza con artisti dal Brasile, Polonia, Belgio, Albania, Palestina e con gli ospiti dei centri di accoglienza per rifugiati richiedenti asilo di Bologna.
    lunedì 29 giugno, alle ore 16, Festa "Anch'io lavoro", a cura del Centro Socio Riabilitativo Residenziale per disabili Selleri Battaglia, via di saliceto 75. Musica dal vivo ed esposizioni artistiche e, cosa fondamentale: "tante crescentine" da gustare...
    mercoledì 1 luglio e mercoledì 8 luglio, "Casa siepelunga in festa". Nella struttura per famiglie che hanno bambini ricoverati presso l'Osp.S.Orsola due appuntamenti estivi per bambini. con giochi, musica, burattini
    mercoledì 22 luglio, Festa di fine progetti a Casa Willy (via Pallavicini 12) a partire dalle ore 18,30.  Intrattenimento, musica, pasta e carne alla griglio per tutti.

    Per rimanere aggiornato su altri eventi consulta anche:
    La pagina eventi del sito Bologna solidale
    Il sito Bandieragialla.it
    La sezione agenda cultura nel sito del Comune
    Il sito Bè bolognaestate
    Gli eventi in provincia: sagre e feste


    "A quei tempi era sempre festa. Bastava uscire di casa e attraversare la strada, per diventare come matte, e tutto era bello, specialmente di notte, che tornando stanche morte speravano ancora che succedesse qualcosa, che scoppiasse un incendio, che in casa nascesse un bambino, o magari venisse giorno all’improvviso e tutta la gente uscisse in strada e si potesse continuare a camminare fino ai prati e fin dietro le colline"
    (Cesare Pavese, La bella estate)

  • 4 Giugno 2015 | Cinque nuove schede informative su servizi e risorse per gli Adulti vedi

    Servizi per adultiServizi per adulti
    Sono on line nel sito degli sportelli sociali cinque nuove schede informative riferite all'area delle persone adulte in situazione di disagio sociale.
    Tre sono riferite ai nuovi assetti dei servizi per le persone che vivono in strada e che sempre più si orientano verso la formula dei "servizi di prossimità"
    - Help center (punto di ascolto e contatto presso FF.SS.)
    - Housing first (servizio per la promozione dell'abitare)
    - Città invisibili (miglioramento delle condizioni di vita delle persone e della vivibilità delle aree occupate)

    Due sono rierite all'area del carcere e sono di taglio informativo/divulgativo
    - La realtà del carcere (una sintesi dei principali aspetti della realtà carceraria in Italia)
    - Associazionismo e carcere a Bologna (chi sono e cosa fanno le ass.di Bologna operanti in area carcere)
    (fonte redazione sportello sociale)

  • 4 Giugno 2015 | Dal 9 giugno on line il nuovo sito "Servizi e sportelli sociali" vedi

    Logo Sportello SocialeLogo Sportello Sociale
    E' on line il nuovo sito degli sportelli sociali che si chiama "Servizi e sportelli sociali", integrando anche la parte relativa al "nodo sociale" della rete Iperbole che fino ad ora non era stato ancora attivato.
    Tra le novità una sezione dedicata ai temi della "Governance e programmazione dei servizi" e una riorganizzazione del menù di navigazione. Gli indirizzi internet della home page e delle varie pagine rimangono inalterati.

    La struttura del nuovo sito
    Nel nuovo sito non ci sono variazioni sostanziali per gli usi riferiti allo sportello sociale e in particolare per la ricerca delle varie schede informative sui servizi e le risorse.
    In sintesi:
    - le funzioni di ricerca restano invariate (a chi si rivolge ; servizi offerti ; form per ricerca libera)
    - le notizie invece che a destra si troveranno al centro della home page
    - spariscono dalla home page la sezione dei video e la sezione servizi più richiesti
    - il precedente menù azzurro viene ristrutturato in 5 "pacchetti"; le voci rimangono le stesse, anche se organizzate diversamente, e viene aggiunta una sezione dedicata ai temi della Governance e programmazione curata dall'Area benessere di comunità (Ufficio di piano)
    - tramite l'apposito form sarà possibile iscriversi dal sito anche alla Nerwsletter InfoDoc che avrà anch'essa un archivio come le altre due
    - nella colonna di destra saranno presenti banner che linkeranno: ad altri siti, ad eventi, a pagine create ad hoc di volta in volta per sottolineare temi di interesse e/o riaggregare informazioni presenti a diversi indirizzi.

    Sito e servizi on line: un po' di numeri
    Circa gli accessi al sito il primo quadrimestre 2015 fa registrare un +12,6% di pagine visitate rispetto allo stesso periodo del 2014 con una media di 42.700 pagine visitate al mese.
    Dalla apertura del sito le pagine visitate sono state 2.236.000. Nell'ultimo anno (mag14/mag15) i diversi visitatori del sito sono stati 148mila.
    Gli "abbonati" ai servizi di Newsletter sono 4.613 con un +10% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

    Il nuovo sito è stato creato con la collaborazione del Settore Agenda digitale e tecnologie informatiche; un particolare ringraziamento a Cristina Paumgardhen per la insostituibile collaborazione data.

    Nelle giornate di lunedì 8 ed eventualmente di martedì 9 potranno esserci disservizi o malfunzionamenti del sito dovuti alle procedure di messa on line; ce ne scusiamo fin d'ora.
    (fonte redazione sportello sociale)

  • 27 Maggio 2015 | Le iniziative per l'estate dei Community lab di Borgo Panigale e Reno vedi

    Nell'ambito del progetto Community Lab, promosso dalla Regione e dal Comune di Bologna con l'obiettivo di dar vita a percorsi per comprendere meglio le comunità di oggi e le possibili forme di evoluzione in materia di welfare locale grazie all’apporto dei cittadini, nei Quartieri Borgo Panigale e Reno sono stati organizzati due ricchi programmi di iniziative rivolte ai ragazzi per l'estate.
    Le iniziative sono nate da un metodo partecipato che ha visto Associazioni, cittadini e società sportive mettersi in gioco a fianco delle istituzioni istituzioni , dando vita a  gruppi di lavoro che in entrambi i quartieri hanno individuato nelle attività estive per bambini e ragazzi l'ambito di intervento privilegiato.

    Quartiere Borgo Panigale

    In particolare al Quartiere Borgo Panigale a partire dalla seconda settimana di giugno verranno promossi una serie di laboratori sportivi e culturali e tornei sportivi gratuiti rivolti ai ragazzi dai 6 ai 16 anni (l'età di partecipazione varia a seconda della tipologia di attività).
    Si va dall'allenamento cardio-fitness, ai laboratori di bocce e ruzzola, ai laboratori musicali, a corsi di cucina e cosmetica, al ripasso delle materie scolastiche in vista della ripresa della scuola, fino ai tornei di volley e basket maschile e femminile.
    Tutte le informazioni per le iscrizioni e il programma completo di tutte le iniziative sono disponibili sul sito del Quartiere:
    http://www.comune.bologna.it/quartiereborgopanigale/servizi/147:31997/

    Quartiere Reno
    Anche al Quartiere Reno a partire dalla seconda settimana di giugno in programma corsi e laboratori sportivi e creativi rivolti ai ragazzi dai 6 ai 16 anni.
    In programma corsi di Tiro con l'arco, Hockey su prato, Dama, Rugby, Multisport, Il trucco dei trucchi, DJing e Mixing- Elettrotecnica, Writing, Rap/Hip Hop, Fotografia, Scuola di circo e teatro, Compiti delle vacanze e tanto altro...
    Per partecipare è previsto un contributo di 10 euro valido che consente di frequentare tutti i corsi per tutto il periodo estivo.
    Tutte le informazioni per le iscrizioni e il programma completo di tutte le iniziative sono disponibili sul sito del Quartiere:
    http://www.comune.bologna.it/quartierereno/notizie/153:27531/

  • 26 Maggio 2015 | Convegni, corsi, seminari sociali a Bologna (giugno/luglio 2015) vedi

    Corso formazioneCorso formazione
    Gli appuntamenti per informarsi, formarsi, aggiornarsi per chi lavora e opera nell'ambito dei servizi sociali e del volontariato a Bologna nei mesi di giugno e luglio 2015

    • Giugno


    giovedì 4 giugno
    incontro "I matti del Duce. L’internamento psichiatrico come strumento di repressione politica e sociale nell’Italia fascista"
    a cura Az.Usl Bologna
    ore 17.30, Biblioteca della Salute Mentale e delle Scienze Umane ‘Minguzzi-Gentili’, Via Sant’Isaia 90, Bologna

    giovedì 4 giugno
    convegno "Intervenire nella crisi. Le nuove sfide del lavoro dell'educatore"
    a cura Università di Bologna, Scuola di psicologia e scienza della formazione
    dalle 9,30 alle 17,00, Aula magna, via Filippo Re 6, Bologna

    venerdì 5 giugno
    seminario "Evoluzione demografica & sostenibilità sociale"
    a cura di Anaste
    dalle 9 alle 13, Savoia Hotel Regency, via Pilastro, Bologna

    venerdì 5 giugno
    seminario di formazione per assistenti sociali "Indirizzi e prospettive per organizzare i servizi sociali: il valore delle competenze professionali specifiche per affrontare i disagi sociali delle persone e delle comunità"
    a cura di Cesdiss
    dalle 8,30 alle 13,30, Regione Emilia-Romagna, Torre 3, viale della Fiera 8, Bologna

    sabato 6 giugno
    convegno "I diritti delle persone con sclerosi multipla"
    a cura di AISM
    dalle 9 alle 13, Aula Magna Facoltà di Agraria, Università di Bologna, Via Giuseppe Fanin 50, 40014 Crevalcore (Bo)

    Martedì 9 e 23 giugno
    corso di formazione "“Il volontariato intergenerazionale” (il valore aggiunto di avere volontari di diverse età nelle organizzazioni di volontariato)
    a cura Volabo, Università del volontariato
    dalle 18.00 alle 21.00, sede ANTEAS Regionale, via Milazzo 16, Bologna

    mercoledì 10 giugno
    incontro "I servizi in rete per il bambino adottato" (nell'ambito di Infanzie, Tre incontri sulla condizione dell'infanzia oggi, Terzo incontro)
    a cura Istituzione G.F.Minguzzi
    dalle 10.00 alle12.45, Aula ex Cappella, Piano Terra, Via S.Isaia 90, Bologna

    giovedì 11 giugno
    convegno "La legge sulla sospensione del processo con messa alla prova"
    a cura Garante persone private delle libertò. Comune Bologna
    dalle 14 alle 18, Bologna, Palazzo d'Accursio, Cappella Farnese, piazza Maggiore 6, Bologna

    venerdì 12 Giugno
    seminario "Conoscere per Orientare. Cittadini di Paesi terzi e scenari occupazionali in Emilia Romagna"
    a cura progetto ReferPA, Comune di Bologna
    dalle 9,00 alle 13,30, Cappella Farnese di Palazzo D’Accursio,  piazza Maggiore 6 ,  Bologna

    venerdì 12 giugno
    seminario "La co-produzione per valorizzare le risorse. Un percorso di welfare innovativo nei servizi per disabili"
    a cura di Legacoop Emilia Romagna, Cadiai, Opengroup, associazione internazionale Arfie.
    dalle 9 alle 14, sala Guido Fanti, Regione Emilia Romagna, Viale Aldo Moro 50, Bologna

    sabato 13 giugno
    seminari di formazione per iscritti all'ordine dei giornalisti "Psichiatria  e mass media"
    a cura di Odg E.Romagna
    dalle 10 alle 14, Zanhotel Europa, via Cesare Boldrini 11, Bologna

    giovedì 18 giugno
    incontro "Biblioteca vivente sui temi dell'asilo e del rifugio"
    a cura Biblioteca Vivente
    dalle ore 16 alle ore 18,30, Urban Center Bologna, Biblioteca Salaborsa, piazza Nettuno 3, Bologna

    giovedì 18 giugno
    incontro "Pillole Antidiscriminatorie: La tutela legale delle persone straniere LGBT"
    a cura di Arcigay "Il Cassero" LGBT Center
    dalle 20,45 alle 22,30, sede Arcigay "Il Cassero", via don Minzoni 18, Bologna

    giovedì 18 giugno
    seminari di formazione per iscritti all'ordine dei giornalisti "La violenza contro le donne e il ruolo dei media"
    a cura di Odg E.Romagna, Casa delle donne per non subire violenza
    dalle 9,30 alle 13,30, Zanhotel Europa, via Cesare Boldrini 11, Bologna

    sabato 20 giugno
    Giornata mondiale del rifugiato
    varie iniziative a Bologna

    sabato 20 giugno
    incontro "Ma dopo, cosa fanno? Incontro sull’integrazione dei richiedenti asilo e dei rifugiati"
    a cura Bologna Cares, Asp Bologna
    dalle 9,30 alle 13, Manifattura delle Arti - Arcigay “Il Cassero”, via don Minzoni 18, Bologna

    domenica 21 giugno
    Giornata internazionale contro il razzismo
    43 iniziative nel territorio della provincia di Bologna

    martedì 23 giugno
    convegno "Gli sportelli sociali tra funzioni di accesso e cambiamenti istituzionali"
    a cura Città metropolitana di Bologna
    dalle 9.30 alle 12.30, Sala del consiglio Città Metropolitana, Via Zamboni 13, Bologna

    mercoledì 23 giugno
    incontro "Accoglienza e assistenza ai richiedenti asilo. Pratiche e politiche a Bologna e in Emilia-Romagna"
    a cura Rivista Gli Asini, Biblioteca Cabral
    dalle 18,30 alle 20, Biblioteca Amilcar Cabral, via San Mamolo 24, Bologna

    mercoledì 24 giugno
    incontro "Anziani, farmaci, ondate di calore"
    a cura Ausl Bologna, Comune Bologna
    dalle 9,30 alle 11, Centro Sociale Montanari, Via di Saliceto 3/21, Bologna

    giovedì 25 giugno
    seminario "Le vie del benessere.Medicina sociale e dipendenze patologiche"
    a cura di UniBo, Dip.Sociologia
    dalle 10 alle 13,30, Palazzo Hercolani, aula D (I piano), Strada Maggiore 45, Bologna

    sabato 27 giugno
    convegno "Smetto quando voglio" (tema gioco d'azzardo)
    a cura Comunità Papa Giovanni XXIII
    Teatro dell’Antoniano, via G. Guinizelli 3, Bologna

    martedì 30 giugno
    convegno "Un nuovo welfare condiviso come bene comune. Servizi e azioni per sostenere il lavoro delle donne e il benessere delle famiglie"
    a cura di Gender Community, Regione E.Romagna, Città metropolitana
    dalle ore 9.30 alle ore 13.30,Auditorium Enzo Biagi, Biblioteca Sala Borsa, Piazza Nettuno 3, Bologna

    martedì 30 giugno
    incontro "Essere cittadini sempre" (tema esecuzione penale)
    a cura Bologna Città Metropolitana, Conferenza Regionale Volontariato e Giustizia, Regione Emilia-Romagna, CSV emiliano-romagnoli.
    dalle 9.30 alle 16.30, Sala Polivalente della Regione Emilia-Romagna, Viale Aldo Moro 50, Bologna


    • Luglio

    mercoledì 1 luglio
    incontro "I giovani e il gioco d’azzardo: la ricerca Young Millenials Monitor"
    a cura di Nomisma, UniBo
    ore 11, Palazzo Davia Bargellini, Strada Maggiore 44, Bologna

    1-4 luglio
    corso di formazione “Prospettive di Welfare Generativo”
    a cura Fondazione Zancan
    presso il Centro Studi Zancan di Malosco, Alta Val di Non, Trentino

    mercoledì 8 luglio
    seduta straordinaria del Consiglio comunale di Bologna per la concessione della cittadinanza onoraria a Muhammad Yunus, promotore del microcredito
    ore 12,00, sala del Consiglio comunale, palazzo d'Accursio, p.zza Maggiore 6, Bologna

    giovedì 9 luglio
    incontro "Anziani, farmaci, ondate di calore"
    a cura Ausl Bologna, Comune Bologna
    dalle 9,30 alle 11, Centro Sociale Lunetta Gamberini, Via degli Orti 60, Bologna

    lunedì 13 luglio
    presentazione del volume "Umano, non umano. Intervento umanitario, colonialismo, "primavere arabe" (Gustavo Gozzi, Il Mulino)
    a cura Edizioni Il Mulino
    alle 17.30, Sala Incontri di Nomisma, Strada Maggiore 44, Bologna

    giovedì 16 luglio
    presentazione del volume "Metamorfosi della paura" (R.Escobar, Il Mulino)
    a cura edizioni Il Mulino
    ore 21, Cortile dell'Archiginnasio, piazza Galvani 1, Bologna

  • 26 Maggio 2015 | Diventa per un giorno volontario di Case Zanardi vedi

    Sabato 13 giugno 2015 si terrà, in alcuni ipermercati di Bologna, una raccolta di beni di prima necessità per sostenere le famiglie in difficoltà segnalate dai Servizi Sociali Territoriali.
    I prodotti raccolti saranno distribuiti negli empori solidali di Via Capo di Lucca e Via Abba. L'iniziativa rientra nell'ambito di Case Zanardi, una rete progettuale formata da molte realtà no profit del territorio che ha come capofila l'Istituzione per l'inclusione sociale e comunitaria "don Paolo Serra Zanetti" del Comune di Bologna.
    Entra anche tu a far parte del team di volontari che saranno impegnati nelle attività di raccolta e nelle azioni logistiche di supporto. E' sufficiente compilare questo modulo online indicando la propria disponibilità.
    (fonte Case Zanardi)

  • 26 Maggio 2015 | ISTAT Rapporto annuale 2015 vedi

    La 23esima edizione del Rapporto annuale dell'Istat sviluppa una riflessione documentata sul presente dell'Italia, descrive le trasformazioni intervenute nel recente passato e individua le prospettive e le potenzialità di crescita del Paese.
    Concentra inoltre l'attenzione sui diversi soggetti che si muovono nel sistema produttivo, nella società e nei territori per cogliere le loro interazioni al fine di individuare i punti critici, gli elementi dinamici e i fabbisogni di intervento da offrire alle decisioni dei policy maker.

    I singoli capitoli e il volume integrale
    Sintesi del rapporto
    Slide di presentazione

    Capitolo 1 L'evoluzione dell'economia italiana: aspetti macroeconomici
    Capitolo 2 Luoghi, città, territori: struttura e dinamiche di sviluppo
    Capitolo 3 Il sistema produttivo: competitività e performance
    Capitolo 4 Mercato del lavoro: soggetti, imprese e territori
    Capitolo 5 La varietà dei territori: condizioni di vita e aspetti sociali
    (fonte sito istat.it)

  • 26 Maggio 2015 | Maltrattamento di minori, una fotografia nazionale vedi

    Sono oltre 91mila i minorenni maltrattati seguiti dai Servizi Sociali nel nostro Paese.
    E’ quanto emerge dalla prima Indagine nazionale sul maltrattamento dei bambini e degli adolescenti in Italia condotta da Terre des Hommes e Cismai per l’Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza e presentata venerdì 15 maggio a Roma presso la Camera dei deputati.
    La ricerca riguarda un campione di 231 Comuni italiani statisticamente rappresentativo di tutto il territorio nazionale ed è stata realizzata attraverso la compilazione di una scheda che ha permesso la raccolta di dati quali-quantitativi sui minorenni in carico ai Servizi Sociali di ciascun Comune al 31/12/2013. La popolazione intercettata è pari a 2,4 milioni di popolazione minorile. Dallo studio emerge che rispetto al totale dei bambini e adolescenti in carico ai Servizi, i minorenni seguiti per maltrattamento sono più numerosi al Sud e al Centro, rispettivamente 273,7 e 259,9 ogni mille, contro i 155,7 casi al Nord.

    Particolarmente esposte sono le femmine e gli stranieri.Tra le tipologie di maltrattamento più frequenti troviamo la trascuratezza materiale e/o affettiva (55% dei casi seguiti), la violenza assistita, cioè i genitori che litigano ferocemente in presenza dei figli (19%) e il maltrattamento psicologico (14%). Mediamente ogni bambino maltrattato riceve almeno due tipologie di servizio di protezione e tutela, come l’assistenza economica alla famiglia (nel 27,9% dei casi), l’inserimento in comunità (19,3%), l’assistenza domiciliare (17,9%), l’affidamento familiare (14,4%), l’assistenza in un centro diurno (10,2%).

    I Servizi Sociali al Nord hanno una migliore performance, garantendo un servizio a un maggior numero di minori, riuscendo quindi a svolgere una funzione anche diprevenzione, mentre al Sud e al Centro ai Servizi arrivano soprattutto i casi più gravi.Secondo i dati raccolti, nella Penisola, su 1.000 bambine seguite dai Servizi Sociali, 212,6 sono in carico per maltrattamento, rispetto a 193,5 maschi seguiti per la stessa causa.

    Il maltrattamento è quindi una tipologia d’abuso a cui le femmine sono particolarmente esposte.L’indagine mostra anche come i bambini stranieri siano più vulnerabili: 20 bambini ogni 1.000 contro gli 8,3 su 1.000 degli italiani. Non sempre, però, il maltrattamento è la causa primaria dell’avvio dell’assistenza al minore da parte dei Servizi Sociali. Ciò accade nelle forme più evidenti d’abuso, come l’abuso sessuale o le violenze fisiche, mentre nei casi di abusi psicologici, trascuratezza materiale e/o affettiva e la violenza assistita, spesso il bambino arriva ai Servizi per motivi differenti e solo in un secondo momento viene registrato anche il maltrattamento tra i motivi della presa in carico.

    Leggi tutto nel sito minori.it
    L'articolo di presentazione nel sito dell'Autoritò garante per l'infanzia e l'adolescenza
    Leggi l'articolo di presentazione nel sito del CISMAI
    Il testo della indagine (pdf)
    Prima “Indagine nazionale sul maltrattamento dei bambini e degli adolescenti in Italia”: la rassegna stampa, Il link a 24 articoli dal sito del CISMAI

  • 26 Maggio 2015 | Politiche sociali: aggiornamento dei Fondi nazionali dopo la Conferenza Stato/Regioni del 7 maggio 2015 vedi

    Il Settore “Salute e politiche sociali” della Segreteria della Conferenza delle Regioni ha effettuato un aggiornamento sulle risorse disponibili per le politiche sociali, dopo che nel corso della Conferenza Unificata del 7 maggio sono stati ripartiti ulteriori fondi destinati al Piano per lo siluppo del sistema territoriale dei servizi socio–educativi per la prima infanzia (Piano Asili Nido: 100.000.000 euro), al Piano d’azione straordinario contro la violenza sessuale e di genere (13.000.000 euro), e alla ripartizione del fondo nazionale per le politiche giovanili (3.924.690 euro).
    Sono state quindi aggiornate le diverse e seguenti tabelle che riguardano:
    1) Fondo nazionale politiche sociali;
    2) Fondo per le non autosufficienze;
    3) Fondo nazione delle politiche per la famiglia;
    4) Fondo nazionale per le politiche giovanili;
    5) Fondo pari opportunità;
    6) Fondo nazionale per l’accoglienza dei minori stranieri non accompagnati;
    7) Fondi politiche sociali;
    8) Altri fondi per le politiche sociali.ento
    Risorse per politiche sociali aggiornate al 20/05/2015
    (fonte sito regioni.it)

  • 26 Maggio 2015 | Progetto ReferPA. Bologna, 12 giugno, Immigrazione e lavoro vedi

    Venerdì 12 Giugno 2015 , dalle ore 9,00 alle 13,30 , presso la Cappella Farnese di Palazzo D’Accursio, piazza Maggiore 6 a Bologna, si svolgerà il seminario "Conoscere per Orientare. Cittadini di Paesi terzi e scenari occupazionali in Emilia Romagna".

    Il seminario, promosso nell'ambito del Progetto ReferPA, finanziato dal Fondo europeo per l'integrazione dei cittadini di paesi terzi, affronterà il tema degli strumenti a disposizione degli operatori  che si occupano di favorire i processi di inserimento lavorativo  delle persone immigrate, degli scenari del fabbisogno occupazionale in Italia ed Emilia Romagna alla luce delle evoluzioni demografiche, dei flussi migratori e delle problematiche legate alle dinamiche interculturali.

    Interverranno:
    Amelia Frascaroli, Assessore ai Servizi Sociali con delega alle politiche attive per l’occupazione
    Nicola Cameruccio, Responsabile Area Lavoro Soc. Coop. Lai-momo
    Michele Bruni, Centro di Analisi delle Politiche Pubbliche - Università di Modena
    Paola Cicognani, Responsabile Servizio Lavoro Regione Emilia - Romagna
    Ester Salis, ricercatrice Istituto Fieri (Forum Internazionale ed Europeo di Ricerche sull’Immigrazione)
    Patrizio Bianchi, Assessore a coordinamento delle politiche europee allo sviluppo, scuola, formazione professionale, università, ricerca e lavoro Regione Emilia – Romagna
    i lavori saranno coordinati da Chris Tomesani, Responsabile Ufficio di Piano - Comune di Bologna

    Il programma del seminario è scaricabile a questo indirizzo
    Nello stesso sito  possono essere reperite ulteriori informazioni sulle finalità, i partner,  le azioni attuate dal Progetto ReferPA in E.Romagna

    Per informazioni:
    Segreteria Organizzativa: Nicola Cameruccio, n.cameruccio@laimomo.it ,  cell. 366.715579 ;  
    Emma Collina, emma.collina@comune.bologna.it ,  cell. 346.3843267
    La partecipazione al seminario è libera e gratuita; è richiesta la pre-iscrizione compilando l'apposito modulo on line

  • 21 Maggio 2015 | Festa multietnica alla Cirenaica, quinta edizione vedi

    Domenica 24 maggio, dalle 10 alle 20, più di 2km di strade del rione della Cirenaica (via Bentivogli e strade limitrofe) verranno chiuse alle auto e attrezzate di centinaia di tavoli e gazebi, per dare vita ad una fiera della convivialità.
    Cucine del mondo e del territorio locale (pranzo e apericena meticcio); street food, finger food; laboratori per bambini; tavolo di discussione; mostra di foto e storie; balli del mondo; creazione di murales; musica ed incontri...
    L'evento è promosso da AMISS, in collaborazione con una lunga serie di altri soggetti ed è organizzato all'interno del Calendario "Primavera contro le discriminazioni 2015"
    Approfondisci e scarica il programma della festa
    (fonte Osservatorio Immigrazioni Città metropolitana)

  • 21 Maggio 2015 | Welfare generativo: un corso di formazione della Fondazione Zancan vedi

    Il welfare generativo è un nuovo approccio per ripensare il sistema dei servizi alle persone che sta suscitando sempre più interesse.
    In estrema sintesi questa prospettiva vuole sottolineare che è possibile trasformare le risposte ai bisogni sociali da costo a investimento, realizzando il passaggio da un welfare assistenziale a un welfare generativo di capacità umana e sociale. Si attiva investimento quando non ci si limita a erogare risorse, ma si investe per rigenerarle, farle rendere, responsabilizzando chi le riceve a produrre valore sociale.

    Per approfondire il tema segnaliamo la lettura di: 
    Fondazione Emanuela Zancan (2014), Welfare generativo. Responsabilizzare, rendere, rigenerare. La lotta alla povertà. Rapporto 2014, Bologna, Il Mulino
    Fondazione Emanuela Zancan (2013), Verso un welfare generativo, da costo a investimento, in “Studi Zancan”, 2, pp. 5-14

    Per fornire il quadro teorico di riferimento, per approfondire modalità e strumenti per realizzare azioni di welfare generativo e per raccontare esperienze di adozioni di approcci generativi, la Fondazione Zancan organizza un seminario di formazione sul tema “Prospettive di Welfare Generativo”, dall’1 al 4 luglio 2015 presso il Centro Studi Zancan di Malosco (Alta Val di Non, Trentino).
    Consulta la presentazione del seminario
    Scarica il modulo di iscrizione

  • 14 Maggio 2015 | Informazione televisiva: programmi di approfondimento complici nel generare sentimenti xenofobi vedi

    Un appello dalla Associazione Carta di Roma (la Carta di Roma è il documento deontologico dei giornalisti per una corretta informazione sui temi della immigrazione).
    "Negli ultimi mesi abbiamo assistito al lancio a livello nazionale di una nuova campagna di odio verso il diverso, immigrato, rom o sinto che sia. Il tutto grazie ad un profluvio di talk e trasmissioni televisive che rilanciano messaggi espliciti: «Questi qua vivono sulle nostre spalle, sono violenti, portano disordine e malattie e rubano il lavoro agli italiani!». [....] "Messaggi che vengono accompagnati dall’utilizzo sapiente di trucchi del mestiere: gli immigrati vengono ripresi in atteggiamenti furtivi, spesso da lontano, con una finta candid camera, mentre passeggiano o chiacchierano tra di loro con il sottofondo il più delle volte di una musica da thriller".
    Leggi tutto nel sito della associazione Carta di Roma
    Per approfondimenti e ricerche sul tema della rappresentazione dell'immigrazione nei media consulta le numerose notizie pubblicate nella nostra Newsletter InfoDoc
    (fonte associazione Carta di Roma)

  • 14 Maggio 2015 | La diversità culturale: un patrimonio comune. Vent'anni del Centro Zonarelli vedi

    “Come vi raccontate alla città, e come pensi che il Centro Zonarelli venga percepito dai cittadini?” Fausto Amelii, responsabile del centro, sorride. “Vogliamo uscire dalla riserva. Da quando è nato, e ancora oggi, lo Zonarelli viene percepito essenzialmente come il 'posto degli stranieri'. La nostra missione è far capire che ormai non è più così, che il Centro è ormai a tutti gli effetti un luogo 'consacrato' a promuovere la diversità e il pluralismo culturale. La diversità culturale è un patrimonio comune ed è fonte di innovazione e creatività. La diversità culturale sta alla società come la biodiversità alla natura. Per questa ragione dovrebbe essere riconosciuta e affermata per il bene delle generazioni presenti e future”.
    Leggi tutto nella sezione Comunità di Iperbole

  • 13 Maggio 2015 | Le politiche e la cura: a Pistoia l'ottavo Forum nazionale sulla salute mentale vedi

    E' in programma a Pistoia, presso la Sede del Dopolavoro Ferroviario, da giovedì 4 a sabato 6 giugno l'ottavo Forum Nazionale sulla salute mentale. La grande manifestazione che, dal 2003, promuove un confronto tra esperti, operatori, cittadini e famiglie, mirato a ridurre il gap che spesso si crea in questo ambito tra studi teorici e pratiche sul campo.

    Filo conduttore di quest'anno il tema della cura della persona e dell'innovazione delle politiche e dei servizi in questa direzione.

    Nei tre giorni del Convegno quattro grandi temi si susseguiranno e verranno discussi in plenaria come in una sorta di assemblea.
    Il pomeriggio di giovedì 4 verrà approfondito il tema dei servizi e delle risorse attivi in questo ambito. La mattinata del 5 giugno sarà dedicata al tema del superamento degli Opg e alle prospettive future. Mentre nel pomeriggio si affronterà il tema delle strutture residenziali.
    Infine la mattinata del 6 giugno sarà dedicata agli assetti regionali e alla necessità di un'univoca azione di governo nazionale.

    >> Programma completo (aggiornato al 9 maggio)

  • 11 Maggio 2015 | Al via da lunedì 11 maggio, le domande per il Bonus Bebè previsto dalla legge di stabilità per il 2015 vedi

    L'INPS ha reso disponibile a partire da lunedì 11 maggio la procedura on line per la richiesta del Bous bebè (assegno di natalità) voluto dal Governo Renzi nell'ambito della legge di stabilità per il 2015 e che prevede un contributo economico per i bambini nuovi nati o adottati tra l'1/1/15 e il 31/12/17.
    Ricordiamo che la domanda può essere presentata unicamente on line (serve richiedere un PIN ad Inps) attraverso una di queste modalità:
    - Sito di INPS, servizi telematici accessibili direttamente dal cittadino tramite PIN dispositivo attraverso il portale dell’Istituto (www.inps.it - Servizi on line);
    - Contact Center Integrato - numero verde 803.164 (numero gratuito da rete fissa) o numero 06 164.164 (numero da rete mobile con tariffazione a carico dell’utenza chiamante);
    - Patronati, attraverso i servizi offerti dagli stessi.

    Nel sito di INPS il servizio d'invio delle domande è disponibile attraverso il seguente percorso: -> Servizi per il cittadino -> Autenticazione con PIN -> Invio domande di prestazioni a sostegno del reddito -> Assegno di natalità – Bonus bebè.

    Per agevolare la compilazione della domanda on line, nella sezione moduli del sito www.inps.it sarà disponibile un modulo facsimile che ripropone le maschere del servizio on line (NB: ad oggi, h.12 del 11/5/15 non ancora disponibile. Attenzione non confondere con modulo Bonus bebè riservato ai dipendenti delle Poste e disponibile nella sezione modulistica)

    I requisiti per accedere al bonus, stante le date di nascita o adozione del bambino ricordate, sono quelli già ampiamente reclamizzati da mesi, li riassumiamo:
    - cittadinanza italiana, oppure di uno Stato dell’Unione Europea oppure, in caso di cittadino di Stato extracomunitario, permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo (di cui all'articolo 9 del decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286, e successive modificazioni - Testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell'immigrazione e norme sulla condizione dello straniero). Ai fini del presente beneficio ai cittadini italiani sono equiparati i cittadini stranieri aventi lo status di rifugiato politico o lo status di protezione sussidiaria (art. 27 del D.Lgs. 19 novembre 2007, n. 251);
    - residenza in Italia;
    - convivenza con il figlio: il figlio ed il genitore richiedente, devono essere coabitanti ed avere dimora abituale nello stesso comune (art. 4 del Decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 1989, n. 223);
    - ISEE del nucleo familiare di appartenenza del richiedente, oppure del minore nei casi in cui lo stesso faccia nucleo a sé, non superiore ai 25.000 euro all’anno.

    Tutti i requisiti devono essere posseduti al momento di presentazione della domanda (per i bambini adottati è utile leggere le precisazioni contenute nella circolare Inps sotto riportata).
    L'importo annuo è di 960 euro (80 euro al mese) per i nuclei con ISEE fino a 25mila euro, raddoppiato a 1.920 euro per chi si ferma ad un ISEE pari o sotto i 7mila euro.
    Il bonus è corrisposto fino ai tre anni di vita del bambino oppure fino ai tre anni dall’ingresso del figlio adottivo nel nucleo familiare a seguito dell’adozione.

    Per quanto riguarda l'accesso a questa misura anche da parte di altre categorie di cittadini stranieri (familiari non comunitari di cittadini italiani o di altri Stati UE residenti nel territorio dello Stato e i titolari di un permesso di soggiorno che dia diritto a poter lavorare in Italia, i cd titolari  di “carta blu UE”) per le quali il diritto comunitario prevede parità di trattamento in materia di prestazione assistenziale, continuano le azioni di protesta e sensibilizzazione dell'ASGI, l'associazione per gli studi giuridici sull'immigrazione.

    Per approfondire
    La scheda informativa nel sito degli sportelli sociali
    La circolare INPS (n.93 del 2015) con tutte le informazioni e istruzioni necessarie.
    Leggi l'articolo su repubblica.it

    (fonti: sito Inps, sito repubblica.it, redazione sportello sociale)

  • 11 Maggio 2015 | Salone Internazionale del Libro di Torino: tutti gli appuntamenti dedicati a temi sociali vedi

    Torna da giovedì 14 a lunedì 18 maggio, presso la Torino Lingotto Fiere, il Salone Internazionale del Libro di Torino: il grande appuntamento dedicato all'editoria nazionale e internazionale giunto ormai alla sua ventottesima edizione.
    Filo conduttore del Salone 2015 il tema "Meraviglie di Italia" per riflettere, nell'anno dell'Expo, sul nostro rapporto con l'immenso patrimonio artistico e culturale che abbiamo ereditato.

    Come ogni anno non mancheranno all'esposizione case editrici e organizzazioni impegnate in ambito sociale e verranno organizzati, all'interno del ricchissimo programma del Festival, numerosi appuntamenti e approfondimenti dedicati a queste tematiche.
    Riportiamo di seguito i link agli "eventi sociali" segnalati in programma (aggiornamento all'11 maggio).
    Il programma completo di tutti gli eventi del Salone è invece disponibile a questo link: www.salonelibro.it/it/programma.html


    giovedì 14.05 - ore 13.30
    #milionidipassi- Come parlare di migrazioni forzate e salute dei migranti a scuola?

    giovedì 14.05 - ore 15.30
    Scuola Maestra. Conversazioni su scuola, strada e istituzioni

    giovedì 14.05 - ore 17.30
    Detenzione e letteratura - Proposte degli espositori

    giovedì 14.05 - ore 20.00
    Libera, 20 anni contro le mafie

    venerdì 15.05 - ore 12.00 h
    Il dramma dell’immigrazione oggi. Troppi morti nel Mediterraneo

    venerdì 15.05 - ore 14.00
    Immigrazione tra ospitalità e xenofobia, da Lampedusa all’Europa

    venerdì 15.05 - ore 15.00
    Generare una nuova società. Esperienze di solidarietà creativa contro la crisi

    venerdì 15.05 - ore 21.00
    A proposito del libro Affiancare le famiglie fragili

    sabato 16.05 - ore 13.30
    Donne migranti e percorsi di cambiamento

    domenica 17.05 ore 14.15
    Il puzzle di Matteo: la disabilità spiegata ai bambini

    lunedì 18.05 - ore 10.00
    Storie di Affido

    lunedì 18.05 - ore 10.30
    Un nuovo ruolo sociale per le biblioteche pubbliche

    lunedì 18.05 - ore 14.15
    Il senso dell’autismo. Laboratorio sensoriale

    Per maggiori informazioni
    www.salonelibro.it

  • 11 Maggio 2015 | Bologna, 16 maggio. Prima festa della collaborazione civica vedi

    Con la prima Festa della collaborazione civica del prossimo 16 maggio, il Comune di Bologna vuole mettere al centro l’attivismo civico e la cooperazione in campo economico e sociale di Bologna, che innova e rinnova la propria identità costruendo sulla tradizione un nuovo modello di governance urbana e locale, dalla città intelligente alla comunità collaborativa.

    Bologna ha maturato una consapevolezza grazie alla valorizzazione della “collaborazione civica”: è la città in cui si sta sperimentando un nuovo metodo di governo e nuovi strumenti amministrativi con il Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e rigenerazione dei beni comuni urbani, in cui sono nate e cresciute le prime Social Street, il premio Bologna Città Civile e Bella e una tradizione di cooperazione che da sempre ha messo in discussione la dicotomia classica tra pubblico e privato.
    Di esempi di attivismo ce ne sono tanti, come i portici curati da cittadini in collaborazione con il Comune che, all’interno della nuova Rete Civica Iperbole, ha creato una sezione "Comunità", dedicata alle attività civiche e collaborative.

    Per questo nasce una festa che ogni anno coinvolgerà un quartiere diverso: l’obiettivo è creare un appuntamento annuale in cui far toccare con mano cosa significa collaborare, collocando Bologna nello scenario nazionale e internazionale come un esempio da seguire.
    Leggi tutto nella sezione Comunità di Iperbole

  • 11 Maggio 2015 | Dal Governo via libera a fondi per asili nido, piano contro violenza sessuale, politiche giovanili vedi

    Nell’ultima riunione della Conferenza Unificata le Regioni hanno espresso l’intesa sulla ripartizione di alcuni fondi relativi ad aspetti importanti delle politiche sociali. In particolare è stato dato il via libera al Piano per lo sviluppo del sistema territoriale dei servizi socio–educativi per la prima infanzia (Piano Asili Nido), al Piano d’azione straordinario contro la violenza sessuale e di genere e infine alla ripartizione del fondo nazionale per le politiche giovanili.

    Le risorse finanziarie previste per i fondi ripartiti durante la Conferenza unificata del 7 maggio sono le seguenti: Piano per lo sviluppo del sistema territoriale dei servizi socio–educativi per la prima infanzia: 100.000.000 euro. Piano d’azione straordinario contro la violenza sessuale e di genere: 13.000.000 euro. Ripartizione del fondo nazionale per le politiche giovanili: 3.924.690 euro.
    Leggi nel sito regioni.it

  • 11 Maggio 2015 | Misure anticrisi regionali: prorogata fino al 31 dicembre 2015 l'esenzione dal pagamento del ticket. vedi

    Prorogata fino al 31 dicembre 2015 l'esenzione dal pagamento del ticket per visite, esami specialistici e per l’assistenza farmaceutica per le popolazioni colpite dal sisma del 2012 e per i lavoratori che hanno perso il lavoro, sono in cassa integrazione, in mobilità o con contratto di solidarietà. L'esenzione riguarda anche i famigliari a carico.
    Il provvedimento - approvato dalla Giunta regionale - prevede anche la distribuzione gratuita dei farmaci di fascia C alle famiglie in situazioni di estremo disagio sociale.
    Per informazioni è possibile chiamare il numero verde gratuito del Servizio sanitario regionale 800 033 033 attivo nei giorni feriali dalle 8,30 alle 17,30 e il sabato dalle 8,30 alle 13,30.
    (fonte Regione E.Romagna)

  • 11 Maggio 2015 | Nuovo ISEE, risorse nel sito INPS. Informazioni e FAQ vedi

    Un sito interamente dedicato al nuovo ISEE, completo di oltre 80 FAQ, risposte alle domande più frequenti, appena aggiornate, per i contribuenti che richiedono prestazioni sociali per le quali è necessario l’Indicatore della Situazione Economica Equivalente.
    E' stato messo a punto dall’istituto di previdenza per andare incontro ai contribuenti in questo primo anno di applicazione della Riforma ISEE, operativa dallo scorso primo gennaio 2015.
    In pratica, l’INPS risponde ai dubbi più frequenti sulla base delle segnalazioni arrivate dalla consulta nazionale dei CAF. Coniugi non conviventi, coppie di fatto con figli, casa di abitazione e contratto di affitto, voci da inserire nel patrimonio mobiliare, ISEE studenti universitari, nucleo familiare ridotto: sono questi i temi al centro della maggioranza delle FAQ ISEE dell’INPS.
    Leggi tutto su pmi.it
    Consulta la sezione sul Nuovo ISEE nel sito di Inps
    Consulta le FAQ nel sito Inps
    (fonti siti pmi.it, inps.it)

  • 11 Maggio 2015 | Piano anti deficit dell’Asp Bologna: taglio stipendi dirigenti e chiusura contenziosi vedi

    Riduzione dello stipendio dei dirigenti, utilizzo del monte ferie non godute, razionalizzazione delle sedi e chiusura dei contenziosi legali in corso, con l'obiettivo di "raggiungere il pareggio di bilancio nel 2016". Sono alcune delle azioni del piano di rientro della nuova Asp Città di Bologna, l'azienda pubblica di servizi alla persona nata dall'unificazione delle preesistenti 'Giovanni XXIII', 'Poveri Vergognosi' e 'Irides', presentato dall'amministratore unico, Gianluca Borghi, dal direttore generale, Elisabetta Scoccati, e dall'assessore comunale alla Sanità, Luca Rizzo Nervo.
    Finora, hanno spiegato, si è avuta una riduzione del disavanzo, che da 1,3 milioni è passato a 700mila euro. Buona parte dei risparmi è arrivata proprio dalla fusione delle vecchie Asp, che tra cda e direttori generali costavano 455mila euro l'anno, mentre oggi “con amministratore e direttore unici costano 135mila euro – ha spiegato Scoccati - Altri 60mila euro vengono da un taglio agli stipendi dei dirigenti, che hanno anche deciso di ridursi i buoni pasto".
    Leggi tutto su quotidiano sanità

  • 1 Maggio 2015 | L'immagine dell'assistente sociale e del lavoro sociale nella informazione vedi

    L'ordine nazionale degli assistenti sociali organizza Roma per il 4 maggio un seminario sulla rappresentazione che i media danno della figura e del ruolo dell'assistente sociale e del lavoro sociale.
    "Una professione che non fa della visibilità mediatica la sua mission e che sconta, quindi, sul piano dell’immagine pubblica, una presenza debole ed   intermittente, schiacciata quasi sempre da comodi luoghi comuni e stereotipi (..l'a.s. come "ladra" di bambini, che fa disparità di trattamento, ecc).
    Un’ immagine parafulmine anche a surrogare carenze di altri soggetti e che si carica delle conseguenze della continua riduzione delle risorse economiche messe a disposizione delle istituzioni".

    Durante il seminario verranno presentate anche due ricerche, una italiana ed una inglese. All'esame dei ricercatori italiani la rappresentazione dei servizi sociali e della violenza domestica in due quotidiani, Repubblica e Il Giornale, rispetto a una serie di casi di cronaca.
    Leggi tutto e scarica il programma

    A Bologna invece l'Ordine dei giornalisti, che dal 2014 hanno anch'essi l'obbligo di formazione permanente, dedica un seminario di aggiornamento proprio al tema dei servizi sociali, intitolato "Pubblica Amministrazione e servizi sociali: tra comunicazione, normativa, economia e scelte politiche" che si terrà venerdì 8 maggio, dalle 15 alle 19 presso la Scuola di economia e management, p.zza Scaravilli 2, Bologna

    Informazione e servizio sociale, un passo l'una verso l'altro.
    Speriamo continui, per una professione che non fa e non può fare della visibilità mediatica la sua mission, ma non può nemmeno rinunciare a raccontare il proprio prezioso, difficile, a volte doloroso e ambiguo lavoro.
    Serve un lavoro paziente e quotidiano che sfugga alle sirene della comunicazione urlata dei talk show, ma anche al silenzio come prassi quotidiana. Serve tempo, fatica, iniziativa, voglia di raccontare, soprattutto raccordo con altri ambiti e professioni.
    (fonte redazione sportello sociale)

  • 29 Aprile 2015 | Convegni, corsi, conferenze sociali a Bologna (maggio 2015) vedi

    Gli appuntamenti per informarsi, formarsi, aggiornarsi per chi lavora e opera nell'ambito dei servizi sociali e del volontariato a Bologna nel mese di maggio 2015


    lunedì 4 maggio
    incontro "Traguardi raggiunti e piste futuro del progetto regionale sulle mutilazioni genitali femminili per meglio governare il fenomeno"
    a cura di Regione E.Romagna
    dalle 14 alle 18, Sala Poggioli, Regione Emilia-Romagna, Terza Torre, viale della Fiera 8, Bologna

    lunedì 4 maggio
    convegno “2015, tra anno europeo dello sviluppo e obiettivi del millennio: a che punto siamo e cosa si dovrebbe fare?”
    a cura di Europe Direct Emilia-Romagna
    dalle 17 alle 19,30, Sala Tassinari, palazzo d'Accursio, P.zza Maggiore 6, Bologna

    lunedì 4 maggio e altre date
    corso di formazione "Dare senso all'esperienza" (il senso dell'esperienza di volontariato)
    a cura Università del volontariato Volabo
    ore 18.00 - 21.00; 12 maggio ore 10.00- 13.00; 19 maggio ore 18.00-21.00
    sede Anteas, Via Milazzo, 16, Bologna

    mercoledì 6 maggio
    Open Day del CPIA metropolitano (Centro per l’Istruzione degli Adulti)
    a cura CPIA metropolitano
    dalle ore 14.30 alle ore 16.30, sede centrale di Viale Vicini 19, Bologna

    giovedì 7 maggio
    incontro "Un corpo che cambia. Accompagnare il proprio figlio con disabilità nel passaggio adolescenziale, fra accettazione e consapevolezza"
    a cura di Asl Bologna, ass.ne Cercare oltre
    dalle 18 alle 20, AUSL di Casalecchio, sede di via Cimarosa, aula B, Casalecchio di Reno (Bo)

    giovedì 7 maggio
    incontro "Alla salute. Cittadini imprenditori della qualità della vita" (ciclo di incontrin Assaggi di infanzia e natura)
    a cura centro Riesco settore Istruzione Comune
    dalle 17,30 alle 19,30, Biblioteca centro Riesco, via Cà Selvatica 7, Bologna

    giovedì 7 maggio e altre date
    corso di formazione "La gestione dei volontari"
    a cura Università del volontariato Volabo
    7 e 21 maggio dalle ore 17.30 alle 20.30, sede Volabo, via Scipione dal Ferro 4, Bologna

    giovedì 7 maggio
    incontro "Adolescenti e aggregazione" (ciclo Famiglia. Lavori in corso)
    a cura Q.re S.Stefano
    dalle 18 alle 19, Sala Marco Biagi, Complesso del
    Baraccano, Via Santo Stefano 119, Bologna

    venerdì 8 maggio
    seminario di formazione per giornalisti "Pubblica amministrazione e servizi sociali"
    a cura OdG E.Romagna
    dalle 15 alle 19, Scuola economia e management, p.zza Scaravilli 2, Bologna

    da venerdì 8 a domenica 17 maggio
    Human Rights Nights Festival (Festival sulla tutela dei diritti umnani e civili)

    Vari appuntamenti: film su tematiche sociali, concerti, mostre e altre espressioni artistiche, sport, conferenze, incontri, dibattiti e un assaggio alle cucine del mondo

    sabato 9 maggio
    incontro "Genitori e figli: Responsabilità penali e civili di violenza off line e on line. La cultura della legalità" (ciclo  #NoBullsBologna - Combatti il bullismo ora )
    a cura di Città metropolitana di Bologna e dall'Istituzione Gian Franco Minguzzi
    dalle 10 alle 12,30, Liceo Artistico F. Arcangeli, via Marchetti 22, Bologna

    giovedì 14 maggio
    incontro "Da una riva all'altra del Mediterraneo: gli Italiani di Tunisia nei libri di Marinette Pendola" (presentazione dei volumi "La riva lontana" e "La traversata nel deserto")
    a cura Centro A.Cabral Comune Bologna
    alle 17,30, Biblioteca Amilcar Cabral, via San Mamolo 24, Bologna

    sabato 16 maggio
    incontro "Educazione interculturale del bambino adottato nella comunità e nella scuola"
    a cura di Città metropolitana Bologna, Istituzione Minguzzi
    dalle 10 alle 12, Sala Zodiaco Città Metropolitana, Palazzo Malvezzi, Via Zamboni 13, Bologna

    martedì 19 maggio
    convegno internazionale "Dal seme dell’incontro alla Fioriera della Giustizia Riparativa. Esperienze e Prospettive. Quali risposte?"
    a cura di Centro italiano mediazione e formazione alla mediazione
    dalle 9,30 alle 14, Sala Conferenze Biagi, via Santo Stefano 119, Bologna

    martedì 19 maggio
    incontro "Essere genitori di adolescenti oggi: un incontro su iniziativa della Regione Emilia-Romagna"
    a cura di Regione E.Romagna
    dalle 14,30 alle 18,30, sala 20 maggio 2012, Torre Terza, Viale della fiera 8, Bologna

    martedì 19 maggio
    inaugurazione della Mostra "Noi - Scatti d'insieme" (attività dei ragazzi dei Gruppi Educativi e dei Laboratori Espressivi per minori)
    a cura Coop CADIAI e Biblioteca Casa di Khaoula
    alle ore  16,30, biblioteca Casa di Khaoula, via di Corticella 104, Bologna

    mercoledì 20 maggio
    incontro "Sul fronte del turismo: Lampedusa, migrazioni e responsabilità di coscienza" ( I mille volti di un'isola: dai luoghi incontaminati ai sapori tradizionali, dalle cronache del mare all'accoglienza delle persone)
    a cura Centro Cabral Comune Bologna, ExAequo
    alle ore 18, Biblioteca Amilcar Cabral, Via San Mamolo 24, Bologna

    mercoledì 20  e 27 maggio
    corso di formazione "Il mio specchio: tu. La relazione con l'altro nella prossimità"
    a cura Università del volontariato Volabo
    dalle 18 alle 201 , sede Volabo, via Scipione dal Ferro 4, Bologna

    giovedì 21 maggio
    seminario "Il ruolo della terza età nel welfare di ieri e di oggi in Emilia-Romagna"
    a cura di FIPAC
    dalle 14.30 alle 18, Hotel Relais Bellaria, Via Altura 11 bis, Bologna

    venerdì 22 maggio
    incontro "Partecipazione ed empowerment"
    a cura Università del volontariato Volabo, Ist.Minguzzi
    dalle 16 alle 19, Biblioteca Ist.Minguzzi, via S.Isaia 90, Bologna

    venerdì 22 e venerdì 29 maggio
    Corso di formazione "Affettività e sessualità nell'autismo e nelle disabilità intellettive"
    a cura di Associazione di Volontariato Aliante
    dalle 9 alle 14, aule di formazione, Corte Roncati Asl, Via San Isaia 90, Bologna

    lunedì 25 maggio
    incontro "Adolescenti nativi digitali. L'adozione ai tempi dei social network"
    a cura di Coord.adozioni Città metropolitana Bologna
    dalle 16 alle 18, Sala Zodiaco, via Zamboni 13, Bologna

    mercoledì 27 maggio
    presentazione del volume "Repertorio dei matti della città di Bologna" (Paolo Nori, Edizioni Marcos y Marcos, Milano 2015)
    a cura Az.Usl Bologna
    ore 21, Oratorio dei Battuti, Complesso Monumentale di Santa Maria della Vita, via Clavature 8, Bologna

    28, 29, 30 maggio 2015
    Terza Conferenza Nazionale Cure Domiciliari "Nuova formazione, nuove terapie, nuova organizzazione per curare a casa"
    a cura di CARD Italia
    Università di Bologna, aule Belmeloro, Via Belmeloro 14, Bologna

    giovedì 28 maggio
    incontro "Famiglia: work in progress" (ciclo Famiglia. Lavori in corso)
    a cura Q.re S.Stefano
    dalle 18 alle 19, Sala Marco Biagi, Complesso del Baraccano, Via Santo Stefano 119, Bologna

    venerdì 29 maggio
    convegno "I caregiver. Chi sono e cosa fanno"
    a cura di Asl Bologna, Comune Bologna, ARAD
    dalle 15,30 alle 19,30, Cappella Farnese, palazzo d'Accursio, Piazza Maggiore 6, Bologna

    venerdì 29 maggio
    convegno "Il ruolo delle associazioni nella promozione delle politiche della legalità"
    a cura di Progetto di rete "L'associazionismo nei processi di inclusione sociale"
    alle ore 9,30, Hotel Calzavecchio, Via Calzavecchio 1, Casalecchio di Reno (Bo)

    venerdì 5 giugno (ma iscrizione entro 25 maggio)
    seminario di formazione per assistenti sociali "Indirizzi e prospettive per organizzare i servizi sociali: il valore delle competenze professionali specifiche per affrontare i disagi sociali delle persone e delle comunità"
    a cura di Cesdiss
    dalle 8,30 alle 13,30, Regione Emilia-Romagna, Torre 3, viale della Fiera 8, Bologna

  • 29 Aprile 2015 | 8/17 maggio: Human Rights Nights Festival vedi

    Human Rights Nights è un'organizzazione no profit che opera da oltre 10 anni a livello locale e globale nella produzione di eventi culturali e artistici, campagne, interventi sociali e cooperazione internazionale.
    In partnership con un'ampia rete di organizzazioni, istituzioni e comunità, il suo obiettivo è promuovere la cultura dei diritti umani e la tutela dei diritti civili, valorizzando le diversità culturali. Propone un Festival di Cinema, Arte e Musica per i Diritti Umani.
    Torna a Bologna dall’8 al 17 maggio 2015 con film su tematiche sociali, concerti, mostre e altre espressioni artistiche, sport, conferenze, incontri, dibattiti e un assaggio alle cucine del mondo nella nostra città. Il programma del festival
    (fonte newslettrer Osservatorio immigrazioni)

  • 29 Aprile 2015 | Gioco d'azzardo. Perplessità sul testo predisposto dal Governo vedi

    Ordinanze, decreti e leggi emanate in tema di giioco d'azzardo dai Comuni, soprattutto,  per contenere il fenomeno, decadranno entro la fine dell'anno. È quanto prevede l'ultima bozza del testo del governo Renzi. Dall'analisi dei 114 articoli del provvedimento emerge un sostanziale via libera ai gestori di slot machine, agenzie di scommesse o sale gioco.
    Leggi su redattoresociale

    Intanto si muove anche l’Intergruppo parlamentare sul gioco d’azzardo. Anna Giacobbo e Lorenzo Basso dicono no alla bozza della Legge Delega sui giochi. No alla volontà di finanziare il welfare con i soldi dell'azzardo, di limitare il potere degli enti locali e di intervenire drasticamente sulla pubblicità. Leggi su vita.it

  • 29 Aprile 2015 | Comunicazione sociale. La Tv del dolore, una indagine sulle cattive pratiche televisive vedi

    La raffigurazione strumentale del dolore; lo spettacolo nel dolore; l’ eccesso patemico nel racconto: sono alcune delle sette aree di criticità e di cattive pratiche che l’ osservatorio di Pavia ha evidenziato con una ricerca su ‘’La televisione del dolore’’, compiuta per conto dell’ Ordine nazionale dei giornalisti e presentata a Roma in occasione dell’ ultima riunione del Consiglio nazionale.
    Le altre quattro aree di criticità messe in rilievo dallo studio – dal titolo ‘’La televisione del dolore; un’ indagine sulle ‘cattive pratiche’ televisive’’ –  sono la narrazione empatica, il processo virtuale; l’ accanimento mediatico, la logica assorbente dell’ informazione spettacolo.
    Dall’analisi della rappresentazione di casi di cronaca nera e giudiziaria – o di storie di interesse umano – nell’emittenza televisiva nazionale emerge quindi ‘’ un quadro a tinte fosche’’, commenta il sito dell’ Ordine.
    Le trasmissioni con maggiore criticità, secondo i ricercatori dell’ Osservatorio di Pavia, sono risultate Mattino Cinque, Pomeriggio Cinque/Domenica Live, Storie Vere e Chi l’ ha visto? Con criticità di intensità intermedia sono risultate La Vita in diretta, Quarto Grado e Amore criminale. Uno Mattina e I fatti vostri si situano invece in un contesto meno problematico.
    Leggi su lsdi.it
    Scarica il testo della ricerca

  • 29 Aprile 2015 | Monitoraggio progetto Case Zanardi vedi

    Si è svolto nei giorni scorsi un seminario in cui il Progetto Case Zanardi ha presentato i risultati di oltre un anno di lavoro attraverso i tanti progetti attivi in varie aree della città (Market solidali, sportelli informativi, borse lavoro, iniziative lagate al riuso e al riciclo...) e finanziate attraverso il Fondo anti crisi.
    I materiali di documentazione sono disponibili nel sito dell'Istituzione inclusione sociale del Comune

    Nello stesso contesto è stato anche presentato un rapporto di monitoraggio, curato da IRS e Action Aid, sull'utilizzo conplessivo del fondo anti crisi da parte del Comune di Bologna, fondo utilizzato anche per interventi nell'area della emergenza abitativa e dei lavori pubblici, oltre che nel welfare con il progetto Case Zanardi.  Scarica il rapporto: "Investire nel cambiamento sociale. Monitoraggio valutativo del Fondo Anti Crisi del Comune di Bologna"

  • 29 Aprile 2015 | Presentato il Secondo Rapporto UrBes vedi

    Nelle scorse settimane è stato presentato il "Rapporto UrBes sul benessere equo e sostenibile nelle città italiane"  - edizione 2015.
    Alla presentazione hanno partecipato Piero Fassino, presidente Anci e Sindaco di Torino e Giorgio Alleva, presidente dell'Istat, oltre ad alcuni sindaci e amministratori locali tra i quali la ViceSindaco del Comune di Bologna Silvia Giannini.
    Il secondo rapporto sul Benessere equo e sostenibile nelle città offre una panoramica multidimensionale dello stato e delle tendenze del benessere nelle realtà urbane, applicando in termini omogenei i concetti e le metodologie del Bes. Esso integra una serie di avanzamenti nella capacità informativa sul benessere nelle realtà locali e nel rafforzamento della rete dei Comuni partecipanti, che aumentano da 15 a 29, comprendendo quelli capofila delle città metropolitane e altri Comuni aderenti al Progetto UrBes. Il rapporto è corredato dalle schede delle città, ciascuna delle quali costituisce il "Rapporto UrBes" del territorio esaminato, con il quale gli amministratori e i cittadini sono chiamati a confrontarsi.
    Scarica il rapporto, le tavole degli indicatori e la sintesi per la stampa
    La scheda dedicata al Comune di Bologna
    Il sito UrBes del Comune di Bologna
    (fonte newsletter Dip.Programmazione e controllo, Comune Bologna)

  • 29 Aprile 2015 | Rapporto GdF 2014. Frodi nel settore sociale e sanitario vedi

    La Guardia di finanza ha pubblicato da alcuni giorni l'annuale rapporto sulla attività ispettiva e di controllo relativi al contrasto agli illeciti economico-finanziari. Tra le varie attività anche quelle nel campo sociale, sanitario, previdenziale. In sintesi i dati principali:
    - Spesa previdenziale: persone denunciate 9549, frodi accertate per euro 113.615.000
    - Spesa sanitaria: persone denunciate 345, frodi accertate per euro 141.646.000
    - Prestazioni sociali agevolate e ticket sanitari: persone verbalizzate 13.590, frodi accertate per euro 6.300.000
    Scarica il rapporto GdF 2014

  • 29 Aprile 2015 | Regione Emilia Romagna: al via il nuovo ISEE. Confermate le soglie vedi

    La Regione Emilia Romagna ha emanato la DGR 249/2015 in applicazione del decreto sul cosiddetto "Nuovo ISEE" (Dpcm 159/2013). La DGR contiene le indicazioni relative alle "determinazioni in materia di soglia ISEE per l'accesso a prestazioni sociali agevolate in ambito sociale e sociosanitario". In linea generale sono state confermate le soglie già esistenti, in attesa di raccogliere entro il mese di ottobre dati reali circa il reale impatto del nuovo ISEE relativamente all'accesso ed alle contribuzioni in tema di servizi e prestazioni sociali.
    Scarica la DGR

  • 29 Aprile 2015 | Richiedenti asilo: quanto fa male la retorica della paura vedi

    Un contributo di Maurizio Ambrosini, professore di sociolotgia dei processi migratori all'Univ.di Milano, scritto prima del naufragio dei circa 900 profughi avvenuto nella notte tra il 18 e il 19 aprile. I numeri su cui nessuno ragiona nei talk show televisivi.
    Leggi su LaVoce.info

  • 29 Aprile 2015 | Da "invasione" a "collasso", le 6 bufale della nuova psicosi immigrazione vedi

    Le cifre sugli arrivi, l’emergenza accoglienza, la confusione tra trafficanti e scafisti, i costi economici. Alcuni dati sulla reale portata del fenomeno in Italia e in Europa: si parla di esodo biblico ma i numeri degli arrivi sono in calo rispetto allo scorso anno
    Leggi su redattoresociale

  • 29 Aprile 2015 | Sperimentazione Nuova Carta Acquisti: il caso di Bologna vedi

    Bologna è fra quei comuni che non ha esaurito le risorse che il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha destinato alla Nuova Carta Acquisti, conosciuta anche col termine di Social card sperimentale.
    L’amministrazione comunale ha infatti mirato a valorizzare la qualità dell’intervento attraverso la gestione di un numero ridotto di utenti. In questo modo, la sperimentazione ha favorito il miglioramento della qualità delle prestazioni.
    Leggi il contributo del sito nuovowelfare.it frutto delle interviste a Silvia Cestarollo (SST Q.re S.Stefano) e Luca Lambertini (Ciofs/FP-ER).

  • 29 Aprile 2015 | Terzo settore 1. I commenti dopo l'approvazione alla Camera della riforma vedi

  • 29 Aprile 2015 | Terzo settore 2. Presentata l'Auto convocazione del volontariato italiano vedi

    Una iniziativa a cura dei principali "cartelli" italiani del volontariato: Forum terzo settore, Caritas italiana, Coord.Centri servizio volontariato, Convol_Conferenza permanente associazioni federazioni reti di volontariato, Centro naz.le volontariato di Lucca.
    "Siamo qui per presentare un evento straordinario nella storia del volontariato italiano che sta attraversando, come il Paese, una fase storica complicata." Così ha esordito Pietro Barbieri, Portavoce del Forum Nazionale del Terzo Settore, presentando l'iniziativa di auto convocazione che, a partire dall'evento del 9 maggio a Roma, proseguirà in un percorso articolato, e in costruzione, almeno fino al 5 dicembre 2015, Giornata internazionale del Volontariato.

    La crisi economica, sociale, culturale e politica che investe il Paese richiama alla necessità ed al protagonismo del vasto mondo della solidarietà che raccoglie 4,5 milioni volontari ed esprime centinaia di migliaia di organizzazioni. "L'auto convocazione - ha proseguito Barbieri - vuole rappresentare un momento di impatto, un'espressione forte di quello che il volontariato vuole essere in questa fase storica. Per questo non è pensato come una sola giornata, ma come un percorso partecipato che consentirà al volontariato di essere protagonista, di esprimersi e di proporre la propria agenda. Crediamo di essere ora nel momento giusto per la realizzazione di questo percorso".

    "La proposta di legge uscita dalla Camera non tiene in alcun conto valori, richieste e proposte del volontariato organizzato" ha evidenziato Emma Cavallaro presidente della ConVol aggiungendo "Siamo stati auditi ma non siamo stati ascoltati. La Convenzione delle Nazioni Unite sulla discriminazione delle persone con disabilità si intitola «Niente su di noi senza di noi», un forte messaggio che ben rappresenta i sentimenti del volontariato organizzato.
    Leggi nel sito di CsvNet
    Scarica il documento preparatorio dell'evento

  • 23 Aprile 2015 | Le biblioteche tra luoghi della cultura aperta a tutti e avamposti sociali nella crisi vedi

    Stiamo vivendo anni di rapide e talvolta drammatiche trasformazioni: la crisi economica, la continua rivoluzione tecnologica e l'emergere di paesi e mercati sempre più articolati hanno radicalmente mutato i rapporti di lavoro, il modo di produrre, la quotidianità degli individui. La dimensione culturale, al pari degli interventi nel sociale, vive questi cambiamenti. Le biblioteche si sono così trasformate da luogo della cultura aperta a tutti anche in avamposti sociali nella crisi.
    Si tratta allora di rendere solo più consapevole questo cambiamento rispetto alla concezione tradizionale di biblioteca e della sua mission. E, per farlo, la strategia migliore sembra essere quella di invitare le biblioteche a uscire dalle proprie mura, per incontrare il territorio e per lavorare insieme con altre organizzazioni e attori sociali, cercando di capire quali sono i nuovi bisogni che emergono e a quali di questi le biblioteche possono attrezzarsi per rispondere scegliendo evidentemente fra quelli più affini alla propria identità che è, e rimane, legata alla produzione e condivisione della conoscenza.
    La biblioteca si trasforma, ma rimane “luogo”. Parlare di biblioteche significa parlare del rapporto tra l’uomo e la città, di spazi pubblici che consentono di ridurre i conflitti tra le differenti “fasce di pubblico” (L. Failla). Biblioteche come “luoghi che uniscono”, dove non si fa riferimento agli “utenti” bensì ai “cittadini”, passando quindi dal “luogo del fare” al luogo “dello stare” «dove la relazionalità e la molteplicità dell’offerta contribuiscono ad abbassare la soglia del conflitto».

    La pluralità degli strumenti di diffusione della cultura, l'elevata accessibilità, l'apertura al territorio, la strutturazione flessibile degli spazi e degli orari, l'abbattimento delle barriere simboliche all'ingresso vanno a ridefinire un'immagine consolidata della biblioteca. Accanto alla loro primaria funzione di promozione culturale, numerose biblioteche si trasformano oggi in un luogo aperto e plurale, in cui si riconoscono e si sentono a proprio agio anche settori svantaggiati delle comunità territoriali di riferimento.
    Queste nuove biblioteche contribuiscono ad animare i territori a livello culturale e sociale, e a migliorare la qualità di vita dei cittadini, rimodellandosi con la società stessa.

    Di queste tematiche se ne parlerà giovedì 30 aprile, alle ore 17.30, nella Sala Atélier dell'Urban Center del Comune di Bologna (Piazza Nettuno, 3) a partire dalla presentazione del volume "I nuovi volti della biblioteca pubblica. Tra cultura e accoglienza", a cura di Maurizio Bergamaschi (FrancoAngeli, 2015).
    Leggi nel sito di Sala Borsa
    La scheda del volume
    (newsletter Istituzione biblioteche, redazione sportelli sociali)

  • 17 Aprile 2015 | Salute mentale a Bologna: una rete locale, un sito per accedere alle risorse. vedi

    Si chiama "sogni&bisogni" ed è il sito, on line da pochi girni, della rete territoriale delle risorse in tema di salute mentale avviata a Bologna e di cui si parlerà anche in un seminario in calendario a Bologna il prossimo 21 aprile
    Il sito è frutto dello sforzo congiunto del Dipartimento di Salute Mentale della Azienda Usl e delle Associazioni del CUFO (Comitato Utenti Famigliari ed Operatori) di Bologna impegnati sul tema della Comunicazione.
    E stato approvato e finanziato dal Dipartimento di Salute Mentale  nell'ambito del Programma di Innovazione PRISMA (Promuovere Insieme Salute Mentale Attivamente) e la sua attuazione è stata affidata ad una rete di 9 partners.

    Della rete di partenariato fanno parte:
    - 6 Associazioni di familiari ed utenti componenti del CUFO:
    Associazione Cercare oltre - Sinergie per la Salute Mentale
    L’Albero-Insieme si può
    Associazione Umanamente
    Associazione Il Ventaglio di Orav
    Associazione CEPS
    Associazione GRD
    - L’Istituzione Minguzzi (Città Metropolitana di Bologna)
    - 2 strumenti di comunicazione da tempo impegnati sul tema della Comunicazione nella Salute Mentale:
    - La testata radiofonica Psicoradio
    - Il giornale Il Faro
    Consulta il sito

  • 14 Aprile 2015 | Vacanze disabili 2015. Dal 16 aprile via al primo bando. Soggiorni collettivi o in autonomia con operatore. vedi

    Il bando come sempre si riferisce a soggiorni di sollievo di gruppo organizzati da soggetti del terzo settore e a vacanze organizzate in autonomia dalla persona disabile con un operatore di appoggio regolarmente retribuito.
    Il secondo Bando, per le vacanze  con la famiglia o in autonomia e relativo contributo forfettario, uscirà probabilmente alla metà del mese di maggio.
    La scheda nel sito degli sportelli sociali è già aggiornata nelle sue varie parti e illustra tutte modalità e criteri per fare domanda e per la formulazione della graduatoria.
    Il criterio per poter accedere al bando è quello usuale: essere persone disabili adulte (età compresa tra i 18 e i 64 anni) in carico al  servizio USSI disabili adulti della Azienda USL. Una quota di contributi è anche riservata a minori disabili (14-17 anni) in carico ai servizi di Neuropsichiatria dell'Asl.
    Le domande si presentano tra il 16 e il 30 aprile per il tramite dei soggetti organizzatori dei soggiorni collettivi e/o presso gli Sportelli sociali
    Consulta la scheda informativa
    (fonte redazione sportello sociale)

  • 13 Aprile 2015 | Minori stranieri non accompagnati. Al via l'Hub di Bologna, una struttura di valenza regionale vedi

    Martedì 14 aprile alle ore 12 il Sindaco Virginio Merola e il Prefetto Ennio Mario Sodano inaugureranno  il primo Hub (*) di accoglienza regionale per minori stranieri non accompagnati presso la struttura "Merlani", in via Siepelunga 66, intitolato “Hub accoglienza minori Emilia-Romagna”.  
    Il progetto, che si è avviato il 20 marzo, e di cui il Comune di Bologna è capofila è finanziato tramite il Fondo Asilo, Migrazione, Integrazione (FAMI) e prevede l'attivazione di strutture di pronta accoglienza destinate a minori soli giunti in Italia.
    Costituisce un importante presidio con funzione regionale per far fronte ai numerosi arrivi di minori provenienti dagli sbarchi presso il nostro territorio.
    Approfondisci il tema




    (*) per hub si intende una struttura di primio arrivo e accoglienza in cui vengono svolti screening sanitari e le procedure relative alla richiesta di asilo e/o comunque legate al diritto di tutela dei minori. La permanenza è per un massimo di 60/90gg dopo dei quali i minori sono avviati ad altre strutture di secondo accesso nell'ambito dello SPRAR (servizio protezione richiedenti asilo e rifigiati) e della rete delle comunità per minori dell'E.Romagna.

    (fonte Ufficio tutele Comune Bologna, redazione sportelli sociali)

  • 13 Aprile 2015 | Aprile, maggio: tempo di gite scolastiche. E gli alunni disabili? vedi

    Con l’aiuto di un approfondimento di Ledha, lega per i diritti degli handicappati di Milano, ricordiamo quali sono i diritti degli studenti disabili in gita d’istruzione, e le responsabilità delle scuole.
    Leggi tutto su disabili.com

  • 13 Aprile 2015 | Bologna, nasce Graphic New. Notizie e fumetti attente al sociale vedi

    Particolare attenzione alle tematiche sociali è una delle caratteristiche che balzano subito all'occhio di Graphic news, il sito bolognese, primo in Italia, che racconta le notizie solo a fumetti.
    L’impatto con l’home page di Graphic News è positivo. Leggera, chiara, usabile, accattivante e semplice nella grafica. Sotto la testata, lo slogan “il mondo di oggi raccontato a fumetti” e nove disegni in altrettanti riquadri: sono le storie in cui entrare, da leggere e vedere. Si scopre così il toccante ma non banale reportage sulla prostituzione a Bologna di Francesca Zoni, Povere Veneri, per una notte in compagnia delle volontarie dell’associazione Via Libera che porta beni di conforto alle ragazze in strada. Col suo fumetto, con pochi colori e piccoli particolari, rivela pensieri e sentimenti che quelle donne non dicono, ma lasciano capire, e racconta un mondo che sta cambiando, che non è fatto di sole straniere e che a suo modo sente la crisi.
    Leggi tutto su Repubblica-Bologna

  • 13 Aprile 2015 | Borse di studio: biennio superiori e formazione professionale. Scadenza 22 maggio. vedi

    La Città Metropolitana di Bologna ha emanato il bando per la concessione di borse di studio per l'anno 2014/2015. L'obiettivo del contributo regionale, rivolto a alunni meritevoli e/o a rischio di abbandono del percorso formativo, in disagiate condizioni economiche, è rendere effettivo il diritto allo studio e all'istruzione.
    Per l'anno scolastico 2014/15 le borse di studio sono destinate agli studenti del primo biennio delle scuole secondarie di secondo grado e agli studenti iscritti al secondo anno dell'Istruzione e Formazione Professionale per contrastare l'abbandono e la dispersione scolastica. La Situazione Economica Equivalente (ISEE) riferita esclusivamente ai redditi dell’anno 2013 del nucleo familiare di appartenenza e calcolata secondo la vigente normativa (nuovo ISEE 2015) non potrà essere superiore a 10.632,94 euro.
    Le domande compilate su apposito modulo (vedi link sotto o rivolgersi alle segreterie delle scuole o all'URP della Città metropolitana) vanno presentate alla segreteria della scuola o dell'organismo di formazione professionale frequentati entro il 22 maggio prossimo. Per le eventuali domande inviate per posta tramite raccomandata A/R farà fede la data di ricevimento della raccomandata.
    Leggi tutto nel sito della Città metropolitana
    Il testo del bando
    Il modulo di domanda
    (fonte sito città metropolitana)

  • 13 Aprile 2015 | Chiusura degli OPG: le strutture di accoglienza in E.Romagna vedi

    Dopo anni di rinvii, il 31 marzo 2015  gli Opg, ospedali psichiatrici giudiziari, sono stati formalmente chiusi. I 741 detenuti a livello nazionale verranno trasferiti gradualmente nelle Rems, le Residenze per l’esecuzione della misura di sicurezza sanitaria, una delle quali è stata attivata a Bologna.
    Un’antica casa colonica, con fienile annesso, completamente ristrutturata e trasformata in una struttura accogliente, confortevole e sicura: è la “Casa degli svizzeri”, in via Terracini a Bologna, apre le porte a 14 ospiti dell’Ospedale psichiatrico giudiziario di Reggio Emilia.
    L’Emilia-Romagna è tra le prime Regioni italiane pronte ad accogliere in strutture alternative i propri residenti internati negli Opg. Nei tempi stabiliti dalla legge 81/2014, che ne avevano prorogato al 31 marzo 2015 la chiusura, i ricoverati emiliano-romagnoli si trasferiscono nel mese di aprile in due nuove strutture (oltre a Bologna, c’è quella in provincia di Parma, a Casale di Mezzani).
    Leggi tutto su regioni.it
    La struttura di Bologna: dall’orrore dell’Opg a una vera casa: la nuova vita di 14 ex internati
    Guarda il video

  • 13 Aprile 2015 | I 100 anni del Roncati di Bologna, manicomio che "bocciò" Basaglia vedi

    Elisa Montanari, ricercatrice dell’Archivio storico della psicologia italiana, firma il libro “Sant’Isaia 90. Cent’anni di follia a Bologna”, edito da Pendragon. E sugli Opg dice: “Servirebbero forme di ricovero temporanee in grado di garantire protezione e tutela dei diritti”
    "Alessandro Vanelli oggi ha 104 anni. Dal secondo Dopoguerra fino agli anni ’70 è stato giardiniere e infermiere del manicomio Roncati di via Sant’Isaia 90. Già perché allora per lavorare in manicomio bisognava per forza avere il diploma da infermiere. In tutti quegli anni ha vissuto con la sua famiglia in una casetta nell’area della struttura, messa a disposizione a un prezzo vantaggioso dalla Provincia di Bologna. I due figli di Vannelli sono cresciuti nei giardini del manicomio, condividendolo con gli internati. Alcuni di loro, andavano a casa del signor Alessandro a giocare a carte"
    Leggi tutto su redattoresociale
    La scheda del libro

  • 13 Aprile 2015 | Sgomberi, razzismo, emarginazione. "Non cambia la vita di rom e sinti" vedi

    Nel 2014 sono stati eseguiti oltre 230 sgomberi forzati a Roma e Milano, progettati nuovi campi nomadi (2 solo a Roma), registrati 443 discorsi di odio contro i rom, di cui l’87% da parte di politici. È quanto emerge dal Rapporto annuale dell’Associazione 21 luglio su rom, sinti e camminanti in Italia
    Leggi su redattoresociale
    Scarica il rapporto 2014 della Ass.ne 21 luglio
    (fonte sito redattoresociale.it)

  • 12 Aprile 2015 | Viaggio tra le tante, vere e false, social card e i tanti bonus (..soprattutto bebè) vedi

    Da quando è iniziata la stagione della crisi anche il linguaggio, dei media in primis, ma anche dell'ambito sociale,  ha coniato nuovi termini che con l'andare del tempo sono diventati una sorta di veri e propri neologismi per indicare determinate tematiche o interventi governativi.
    E' il caso di "social card" e "bonus bebè" (...tra i tanti bonus arrivati sulla scena) che nel tempo, da nomi specifici di misure specifiche, si sono tramutati, rispettivamente, in parole d'ordine per dare conto sui media di ogni iniziativa di sostegno economico che si andava a proporre nell'ambito della povertà,  delle famiglie in difficoltà, da una parte, o di intervento di sostegno alla natalità e genitorialità, dall'altra.

    Sulla carta stampata e sul web non solo hanno imperversato queste parole d'ordine, ma il loro accavallarsi e intrecciarsi, sia in coincidenza della pubblicazione delle leggi sulla G.U., sia nell'attesa dei vari decreti applicativi previsti dalle stesse, sia dentro l'infinito dibattito che precede ogni legge finanziaria (detta anche di stabilità),  ha determinato anche la nascita di vere e proprie leggende metropolitane, come quella della "social card per disoccupati" che tante volte ha fatto crollare le speranze di chi telefonava ai nostri sportelli sociali per informazioni e più recentemente, aprile 2015, il "bonus donne disoccupate" che altro non è che uno sgravio fiscale per le imprese e non una somma da mettersi in tasca.

    Nelle schede allegate ricostruiamo queste vicende e diamo conto di ciò che esiste veramente, di ciò che alla data odierna è ancora in discussione e, infine, di ciò che è cessato o inesistente.
    - bonus bebè
    - social card

    Sulla "social card disoccupati" esiste da gennaio 2015 anche una smentita ufficiale del Governo, vedi qui
    (fonte redazione sportellosociale)

  • 11 Aprile 2015 | Bonus bebè 2015. Pubblicato in GU il decreto, ora si attende da INPS la modulistica on line vedi

    E' stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto relativo al c.d Bonus bebè (assegno di natalità) previsto dal Governo Renzi con la legge di stabilità del dicembre scorso, ma si deve ancora attendere che INPS metta a disposizione nel suo sito la modulistica per le domande on line.
    Possono richiedere il bonus, e lo potranno richiedere, i genitori di figli nati o adottati tra il 1° gennaio 2015 e il 31 dicembre 2017. La misura è aperta a cittadini italiani, comunitari, stranieri titolari di permesso di soggiornio di lungo Periodo(*).
    L'importo annuo è di 960 euro (80 euro al mese) per i nuclei con reddito Isee fino a 25mila euro, raddoppiato a 1.920 euro per chi si ferma a 7mila.
    Le domande vanno effettuate esclusivamente on line nel sito dell'INPS con le consuete modalità (è necessario richiedere il PIN codice di accesso). Il decreto pubblicato in GU dà tempo 15gg ad INPS per approntare la modulistica on line.
    Leggi tutto su repubblica.it
    Scarica il testo del decreto attuativo

    Per informazioni: è necessario rivolgersi a INPS
    - Telefono:
    numero verde INPS 803 164 (dal lunedì al venerdì, dalle ore 8.00 aalle ore 20.00 ed il sabato dalle ore 8.00 alle ore 14.00)
    - Internet:
    sito INPS
    per il PIN
    per il nuovo ISEE 2015

    Per non fare confusione tra i tanti Bonus bebè di vari Governi, succedutisi negli anni e reclamizzati sui media, consulta la scheda disponibile da questa pagina

    (*) ai fini dell'ampliamento della misura anche ad altre categorie di stranieri (titolari di status: rifugiato plitico, protezione sussidiaria, carta blu per stranieri altamente qualificati, titolari permesso unico soggiorno ex Dlgs 49/14), così come previsto dalle normative europee, l'Asgi (ass.studi giuridici immigrazione) ha già sollecitato formalmente Governo e INPS a modificare le disposizioni attuative.
    (fonte repubblica.it, redazione sportello sociale, asgi)

  • 3 Aprile 2015 | Autismo: le parole del Presidente Mattarella vedi

    Il video dell'intervento del Presidente della Repubblica Mattarella in occasione della Giornata di consapevolezza sull'autismo celebrata giovedì 2 aprile 2015. Guarda il video

  • 27 Marzo 2015 | Un altro sguardo sul carcere. Rassegna Fuori e dentro, Bologna, 15 - 29 aprile vedi

    Ogni giorno tanti volontari entrano nei luoghi di detenzione, mossi dalla passione disinteressata per l’umanità, i suoi diritti e la dignità. Portano in quell’angolo di mondo isolato e invisibile il calore della relazione umana che supera le barriere della stigmatizzazione della pena e della legge. Agiscono la volontà di far sentire le persone recluse parte della società, non un semplice problema da trattare scientificamente e con distacco. Si dedicano al lavoro con e per i detenuti, per il progresso materiale e spirituale della società intera.

    Con l’obiettivo di dare a tutti i cittadini l’opportunità di “affacciarsi da finestre simboliche sul carcere” e vedere cosa c’è dietro le sbarre torna a Bologna la seconda edizione della manifestazione culturale Fuori e Dentro, un altro sguardo sul carcere. Promossa da alcune associazioni di volontariato che operano nell’ambito carcerario locale

    Il programma:
    - mercoledì 15 aprile 2015 – ore 21.00
    L'isola in-cantata reload, concerto spettacolo
    - giovedì 16 aprile 2015 – ore 20.45
    Menomale è lunedì, proiezione del film di Filippo Vendemmiati, Italia 2014
    - venerdì 17 aprile 2015 – ore 19.30
    Solo soldi assicurati. rapinatore gentiluomo per giocare d'azzardo, presentazione del libro
    - martedì 21 aprile 2015 – ore 19.00
    Una vita da reclusi. Il disagio ed i problemi della sopravvivenza in carcere, incontro con l'avv. Desi Bruno , garante detenuti
    - mercoledì 22 aprile 2015 - ore 10.00 e ore 21.00
    Leila della tempesta. Dialogo, performance teatrale
    - lunedì 27 aprile 2015 – ore 18.00
    La mediazione penale, incontro con l’avv. Francesca Tugnoli
    - mercoledì 29 aprile 2015 – ore 20.00
    La dolce evasione: cucine dal carcere, presentazione del libro

    Leggi tutto nel sito di Volabo

  • 27 Marzo 2015 | Fiera del libro per Ragazzi dal 28 marzo al 2 aprile. Temi sociali in calendario vedi

    Da oltre cinquant’anni la Fiera del Libro per Ragazzi di Bologna è l’appuntamento internazionale più importante per tutti coloro che si occupano di editoria per bambini e ragazzi.
    Tra le mille iniziative in calendario alcune sono dedicate a temi, aspetti, che intrecciano esplicitamente il dibattito sociale. Ve ne diamo conto rimandando al sito della Fiera per maggiori informazioni e approfondimenti, ricordandovi che buona parte degli eventi in programma, sia seminariali che espositivi, sono da sempre rigorosamente riservati al pubblico degli addetti ai lavori, insegnanti compresi.

    Eventi "sociali" alla Fiera del libro per ragazzi 2015:

    - 28/3,seminario "Portare la casa a scuola e la scuola a casa. Bambini e genitori nella società multiculturale", Auditorium MAST, h.9-15
    - 29/3, spettacolo teatrale per bambini "Nelle stanze di Max. Spettacolo sulla convenzione ONU diritti infanzia adolescenza", Oratorio S.Filippo Neri, h.16,30
    - 31/3, "All the bright places. Incontro con Jennifer Niver sul tema del suicidio", Biblioteca Sala Borsa, h.12
    - 31/3, "Il dromedario e il cammello: disabilità, specialità, differenze e risorse nei libri per ragazzi", Fiera, Centro servizi, sala Suite, h.10,30
    Visita il sito della Fiera del libro per ragazzi
    (a cura redazione sportelli sociali)

  • 26 Marzo 2015 | Convegni, corsi, conferenze sociali a Bologna (aprile 2015) vedi

    Gli appuntamenti per informarsi, formarsi, aggiornarsi per chi lavora ed opera nell'ambito dei servizi sociali e del terzo settore. A Bologna nel mese di aprile 2015.


    venerdì 10, sabato 11 aprile
    convegno "Dal neonato a rischio al bambino con disabilità. I percorsi di cura all'interno dell'azienda USL di Bologna" (evento a carattere formativo per personale sanitario)
    a cura di Momedia eventi srl
    ven 8,45 - 17 ; sab 9 - 13, Relais Bellaria, via Altura 11/b, Bologna

    martedì 14 aprile
    seminario "L'accessibilità riguarda tutti"
    a cura ass.Crescere, Volabo
    ore 17,30, sede Volabo, via Scipione dal ferro 4, Bologna

    mercoledì 15 aprile
    seminario "La medicina ha un genere? Prendersi cura delle differenze"
    a cura di Agenzia sanitaria e sociale regionale E.Romagna
    dalle 15 alle 18, Aula Magna, Regione Emilia-Romagna, Via Aldo Moro 30, Bologna

    da mercoledì 15 a mercoledì 29 aprile
    rassegna "Fuori e Dentro, un altro sguardo sul carcere" (vari eventi: 15, 16, 17, 21, 22, 27, 29 aprile)
    a cura della rete del progetto Fuori e dentro: giustizia riparativa e pena utile

    giovedì 16 aprile
    proiezione del film "Menomale è lunedì" (F.Vendemmiati, dedicato alla realtà del carcere di Bologna) nell'ambito della Rassegna Fuori e dentro
    ore 20,45, Cinema Teatro Galliera, Via Matteotti 27, Bologna

    giovedì 16, 23, 30 aprile (anche 7 e 14/5)
    scuola di "Cittadinanza attiva" (ciclo di 5 incontri per  cittadini stranieri nell'ambito del Progetto FEI LINC: Lingua Italiana Nuovi Cittadini)
    a cura di ASGI e Centro Riesco
    dalle 16 alle 19, CD Lei, via Cà Selvatica 7, Bologna

    giovedì 16 aprile
    incontro "Giocare per gioco: io non gioco più,incontro sulla ludopatia"
    Associazione Vinciamo il gioco
    dalle 20.30 alle 22.30, Sala Consiliare del Quartier Porto, via dello Scalo 21, Bologna

    sabato 18 aprile
    incontro "Come stanno i bambini? Le condizioni della crescita nella prima infanzia" (ciclo  Pratiche del sogno 2015, in ricordo di Nino Loperfido)
    a cura Centro Minguzzi
    dalle 9.30 alle 13.00, Area ex Roncati, Aula ex Cappella Piano Terra, Via S.Isaia 90, Bologna

    sabato 18 aprile
    convegno "Autismo oggi e domani, l’educazione all’autonomia dal nido alla vita adulta per persone con autismo"
    a cura Lions club, Angsa
    dalle 9 alle 18,30 ,  teatro Duse, via Cartolerie 42, Bologna

    sabato 18 aprile
    seminario "Insieme per il futuro delle persone con acondroplasia e loro famiglie"
    a cura di Ass.ne Insieme per crescere
    dalle 9 alle 17, Aula Magna di Pediatria, Padiglione 13, Policlinico S.Orsola, via Massarenti 11, Bologna

    da domenica 19 aprile al mese di settembre
    corso "Sport e disabilità: un corso di specializzazione"
    a cura Uisp Bologna

    martedì 21 aprile
    incontro "Una vita da reclusi. Il disagio ed i problemi della sopravvivenza in carcere"
    nell'ambito della Rasegna Fuori e dentro
    ore 19, Sala Tre Tende, Via Massarenti 59, Bologna

    martedì 21 aprile
    incontro "Condividere la Salute Mentale" (promosso e rivolto da/ad operatori, famigliari, associazioni, enti locali)
    a cura Az.USL Bologna e associazioni area salute mentale
    dalle 9 alle 13,30, teatro Arena del Sole, via Indipendenza 44, Bologna

    martedì 21 aprile
    seminario "Youngler on tour. Progetto nazionale “Socila net skills - promozione del benessere nei contesti scolastici, del divertimento notturno e sui social network, tramite percorsi di intervento sul web e sul territorio”
    a cura Min.Salute, Regione E.Romagna
    dalle 9 alle 13, Sala B, Terza Torre Regione E.Romagna,  Viale della Fiera 8, Bologna

    mercoledì 22 aprile (e fino al 5/5)
    mostra fotografica "Viaggio tra rom e sinti nell'Italia che lavora"
    a cura Istituzione inclusione sociale Comune Bologna, progetto Roma Matrix
    dalle 9 alle 20, quadriportico di Corte Roncati, area ex Roncati Asl, via S. Isaia 90, Bologna

    mercoledì 22 aprile
    workshop "Un pò da te, un pò da me. Insieme è meglio! L'assistente familiare condivisa"
    a cura di Regione E.Romagna, Città metropolitana, Gender Community, IRS
    dalle 16 alle 18, sede ASSPI, via testoni 5, Bologna

    mercoledì 22 aprile
    proiezione del film "Fuori campo: storie di rom nell'Italia di oggi". Precede presentazione del piano di azione locale bolognese per le persone rom e sinte e di alcune esperienze di transizione abitativa
    a cura Comune Bologna, Istituziine inclusione sociale
    ore 20,45 incontro, ore 23 proiezione film, cinema Perla, via San Donato 38, Bologna

    mercoledì 22 aprile
    incontro "Le discriminazioni in ambito lavorativo. Strategia nazionale per la prevenzione e il contrasto delle discriminazioni basate sull'orientamento sessuale e sull'identità di genere 2013-2015"
    a cura di Comune Bologna
    dalle 15 alle 18, Cappella Farnese, Palazzo d'Accursio, P.zza Maggiore 6, Bologna

    giovedì 23 aprile
    seminario di formazione per operatori sociali "Prevenire e curare la violenza: Conoscere, Capire, Condividere"
    a cura Az.Usl, Centro Il Faro
    dalle 8,15 alle 13,30, Sala "Cesare Cesari", c/o A.V.I.S., Via dell'Ospedale 20, Bologna

    giovedì 24 aprile
    presentazione del volume "Attori e territori del welfare. Innovazioni nel welfare aziendale e nelle politiche di contrasto all’impoverimento" (R.Rizza, F.Bonvicini, ed.F.Angeli)
    a cura UniBo, Dip.Sociologia
    alle ore 10,30, Aula Dipartimento di Sociologia e Diritto dell’Economia dell'Università di Bologna, Palazzo Hercolani, Strada Maggiore 45, Bologna

    martedì 28 aprile
    corso di formazione "Il nuovo ISEE: l'impatto sui servizi, le modifiche ai regolamenti per Comuni e Strutture Residenziali per anziani" (aperto a Assistenti Sociali, personale comunale dei servizi sociali, personale delle strutture residenziali per anziani)
    a cura Maggioli formazione
    ore 9.30, presso l'Hotel NH De La Gare, p.zza XX Settembre 2, Bologna

    giovedì 30 aprile
    presentazione del volume "I nuovi volti della biblioteca pubblica. Tra cultura e accoglienza, a cura di M.Bergamaschi (F.Angeli, 2015) (le Biblioteche, tra luoghi di cultura e avamposti sociali nella crisi)
    a cura Istituzione biblioteche, Urban center
    ore 17.30, Sala Atélier dell'Urban Center del Comune di Bologna, piazza Nettuno 3, Bologna

  • 25 Marzo 2015 | Alleanza contro le povertà: nasce il coordinamento regionale dell'E.Romagna vedi

    Si è costituito in Emilia Romagna il coordinamento regionale “Alleanza contro la povertà ”, con l’obiettivo di promuovere, a livello territoriale, le proposte avanzate dall'omologo cartello nazionale, nato per sollecitare il Governo su un Piano nazionale contro la povertà di durata pluriennale che contempli il Reis – reddito minimo di inserimento.
    Leggi tutto su bandieragialla

    Approfondisci
    http://www.redditoinclusione.it/

     

  • 25 Marzo 2015 | Lavoro e immigrazione. Al via le azioni del Progetto ReferPA nel territorio bolognese vedi

    Il progetto RefER PA – rete per l’empowerment e la formazione in Emilia-Romagna per la Pubblica amministrazione - presentato dal Comune di Ferrara in qualità di Capofila, e di cui il Comune di Bologna è partner, è finanziato dal Fondo Fei e coinvolge 13 partner provenienti dai diversi territori regionali. Ha come obiettivo generale il miglioramento dell’efficacia ed efficienza dei servizi erogati in favore dei cittadini stranieri sul territorio della Regione E.Romagna, attraverso attività di formazione degli operatori, miglioramento delle azioni di comunicazione anche attraverso strumenti multimediali, rafforzamento della capacità di fare rete tra i vari soggetti coinvolti.

    In particolare le azioni del progetto, rivolte ad operatori della pubblica amministrazione, hanno come obiettivi:
    - Qualificare l’offerta dei servizi pubblici rivolti ai cittadini di Paesi terzi e accrescere il novero di attori istituzionali e sociali coinvolti negli interventi
    - Rilevare e sintetizzare l’organizzazione dei servizi e il fabbisogno formativo degli operatori della PA che interagiscono con cittadini stranieri in uffici “dedicati” e “periferici” come, ad esempio, gli “sportelli immigrazione”;
    - Accrescere e uniformare le competenze degli operatori della PA che interagiscono con i cittadini stranieri a tutti i livelli tramite interventi formativi
    - Promuovere il coordinamento e la logica di rete tra i molteplici sistemi di servizi informativi per cittadini stranieri presenti a livello regionale (in regione si contano più di 100 sportelli dedicati)
    - Diffondere il tema oggetto dell’intervento e le metodologie implementate a livello nazionale e influenzare i decision maker.

    Per fare questo, sono state individuate sei aree tematiche su cui operare:
    - prestazioni e servizi sociali
    - cittadinanza attiva, diritti e doveri, coesione sociale, sicurezza urbana
    - formazione professionale e lavoro
    - diritto alla salute e iscrizione sanitaria
    - educazione e istruzione pubblica
    - adempimenti amministrativi e diritto al soggiorno

    A ciascun partner è stata assegnata una tematica da approfondire e sulla quale svolgere un lavoro di ricerca e di mappatura a livello territoriale, allo scopo di produrre materiale in-formativo ed organizzare seminari e workshop formativi sulle proprie tematiche.
    Il Comune di Bologna, per il tramite del Dipartimento benessere di comunità ( Sportello lavoro e redazione sportelli sociali) collabora, insieme alla cooperativa Lai-momo, alla realizzazione del progetto ReferPA nell’esplorare la tematica “formazione professionale e lavoro”, in particolare attraverso lo strumento della mappatura dei servizi e di interviste a campione agli operatori che operano in questi servizi nei diversi territori.

    Sul progetto e sulle diverse tematiche trattate nel mese di giugno a Bologna verrà realizzato un seminario di approfondimento (maggiori informazioni, appena disponibili, verranno pubblicate sul sito dello Sportello Sociale).


    Per approfondire:

    www.referpa.eu/

  • 25 Marzo 2015 | Bonus mobili ed elettrodomestici 2015 vedi

    Il bonus mobili ed elettrodomestici 2015 è l'agevolazione che offre la possibilità di usufruire di una detrazione Irpef finalizzata all’acquisto di grandi elettrodomestici e mobili destinati a immobili residenziali in fase di ristrutturazione.
    A chi spetta il bonus mobili ed elettrodomestici 2015?
    Per usufruire del bonus, consistente in una detrazione Irpef pari al 50 per cento, è indispensabile rispettare alcuni criteri:
    - effettuare l’acquisto di beni nuovi, sia per quanto riguarda i mobili che gli elettrodomestici; l’acquisto dei beni deve essere effettuato nel periodo tra il 6 giugno 2013 e il 31 dicembre 2015;
    - gli elettrodomestici non devono appartenere a una classe energetica inferiore ad A+, A in caso di forni;
    - gli acquisti devono essere effettuati all’interno di un progetto di ristrutturazione edilizia iniziato in data successiva al 26 giugno 2012.

    Tutte le attività di ristrutturazione possono essere effettuate sia su parti comuni di edifici che su singole unità abitative, entrambe appartenenti alla categoria residenziale.

    Quali sono gli elettrodomestici che rientrano nel bonus?
    Gli elettrodomestici che possono beneficiare del bonus sono:
    apparecchi dedicati al riscaldamento, asciugatrici, condizionatori, congelatori, forni a microonde, frigoriferi, lavatrici, piastre elettriche, stufe elettriche, etc.

    Come fare per usufruire del bonus mobili ed elettrodomestici 2015?
    Per poter sfruttare il bonus mobili ed elettrodomestici 2015 è indispensabile effettuare il pagamento attraverso bonifico bancario o postale, esattamente come accade già per le agevolazioni relative alle ristrutturazioni. In ogni bonifico effettuato, va indicato:
    - il codice fiscale del beneficiario della detrazione Irpef;
    - la causale del versamento utilizzata nei lavori di ristrutturazione agevolati;
    - il numero di partita Iva o codice fiscale del beneficiario del bonifico.

    In alternativa, il pagamento può essere effettuato anche tramite carte di credito e bancomat mentre non è valevole al fine della detrazione quello effettuato con assegno o altro tipo di versamento.
    Leggi tutto si intrage.it

  • 25 Marzo 2015 | Carceri, oltre quei tre metri quadrati. Rapporto Antigone 2015 vedi

    Tutto quello che si muove dentro e intorno a quei pochi metri quadrati. Dentro e intorno a quello spazio occupato dai 53.982 detenuti che al 21 febbraio 2015 sono censiti nelle carceri italiane. Numeri e documenti. Casi di suicidi e torture, di successi rieducativi.
    E' stato presentato a Roma "Oltre i tre metri quadri", l'undicesimo rapporto che l'associazione Antigone dedica al sistema carcerario italiano. Un appuntamento annuale oramai imprescindibile per gli addetti ai lavori e per chi vuole gettare il primo sguardo nelle celle degli istituti penitenziari.
    Una mappa della marginalità  -  accompagnata dal web documentario Inside Carceri - che disegna tutto lo spazio, materiale e immateriale, in cui vive - e più spesso in cui sopravvive - un detenuto.
    Leggi tutto su repubblica.it e scarica il video di presentazione
    La sintesi el rapporto nel sito di Antigone

  • 25 Marzo 2015 | Casellario dell’assistenza. La Banca dati che raccoglie le posizioni assistenziali di tutti i comuni vedi

    Pubblicato sulla G.U. del 10 marzo, il decreto attuativo del cosiddetto Casellario dell’assistenza, la banca dati che permetterà costruire una sorta di “cartella sociale” del cittadino, raccogliendo le informazioni su tutte le prestazioni sociali che gli vengono concesse: quelle erogate dall’INPS, dai Comuni, dalle Regioni, nonché quelle erogate attraverso il canale fiscale.
    Leggi tutto nel sito di Lega  autonomie
    Il testo del decreto

  • 25 Marzo 2015 | Persone disabili e dichiarazione dei redditi 2015 vedi

    Nel periodo di presentazione delle dichiarazioni dei redditi, dal 15 aprile al 7 luglio, l’Agenzia delle Entrate attiverà un servizio di assistenza per i contribuenti con disabilità. Il servizio permette alla persona disabile di ricevere assistenza fiscale direttamente al proprio domicilio. Funzionari qualificati dell’Agenzia delle Entrate aiuteranno i contribuenti che non possono recarsi presso gli sportelli degli uffici, o che hanno comunque difficoltà ad utilizzare gli altri servizi di assistenza forniti dalla stessa Agenzia delle Entrate.

    Le persone che desiderano usufruire di questo servizio possono rivolgersi:
    - alle Associazioni che operano nel settore dell’assistenza alle persone con disabilità
    – ai servizi sociali degli enti locali
    – ai patronati
    – ai coordinatori del servizio delle Direzioni regionali dell’Agenzia dell’Entrate.
    Le associazioni e gli enti interessati a svolgere un ruolo di collegamento fra i contribuenti disabili e l’Agenzia devono accreditarsi presso i coordinatori di ciascuna Direzione regionale. Informazioni aggiornate sul servizio di assistenza domiciliare si possono conoscere consultando il sito internet www.agenziaentrate.gov.it (sezione “Contatta l’Agenzia”).

    È possibile, inoltre, ottenere informazioni e chiarimenti rivolgendosi:
    - ai Centri di assistenza telefonica, che rispondono al numero 848.800.444 (dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle 17 e il sabato dalle ore 9 alle 13)
    – direttamente agli sportelli degli uffici territoriali dell’Agenzia.

    Ai Centri di assistenza telefonica (848.800.444) ci si può rivolgere anche per conoscere i nominativi dei coordinatori regionali dell’Agenzia delle Entrate e l’elenco degli uffici che è disponibile anche, per Bologna e provincia, nel sito degli sportelli sociali.

  • 25 Marzo 2015 | SI: il vocabolario della social innovation vedi

    Ogni mondo possiede un linguaggio che lo definisce, quella magica alchimia che connette gli elementi, li spiega, li fa comprendere. Oggi siamo davanti a un nuovo mondo, quello della social innovation che, per esistere, ha bisogno di essere spiegato e compreso.
    Questo l'obiettivo del nuovo volume: accompagnare più persone possibili alla sua scoperta, prima di tutto definendo il significato delle parole che lo raccontano. Questo dizionario raccoglie e spiega neologismi, acronimi, ritmi, vecchie parole per nuovi significati, perché solo attraverso la "parola giusta" l'idea ha la possibilità di esprimersi compiutamente e il nuovo mondo piano piano svelarsi.
    ....capitale sociale, co-housing, cittadinanza attiva, crowdfunding, E-Democracy, microcredito, open data, smart cities, secondo Welfare, sharing economym, social street, wiki government.......
    Scarica il volume "SI Il vocabolario della social innovation"
    Per approfondimenti consulta il portale csrpiemonte
    (fonte volabo.it)

  • 25 Marzo 2015 | Bando INPS soggiorni di vacanza per figli dei dipendenti/pensionati della PA vedi

    Il bando Valore Vacanza per la stagione estiva 2015 mette a concorso oltre 32 mila soggiorni, tra vacanze a tema in Italia e soggiorni studio all’estero. in favore dei figli o orfani ed equiparati nell’ambito delle prestazioni sociali in favore dei dipendenti e pensionati pubblici e dei loro familiari, previste dal Decreto Ministeriale 28 luglio 1998 n. 463.
    Il bando è riservato ai figli
    - dei dipendenti e dei pensionati della pubblica amministrazione iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali;
    - dei pensionati utenti della Gestione Dipendenti Pubblici
    - degli iscritti alla Gestione Fondo IPOST
    - degli assistiti IPA (Istituto di Previdenza e Assistenza per i dipendenti di Roma Capitale)

    I soggiorni in Italia sono rivolti ai giovani di età compresa tra i sette e i quattordici anni.
    Si svolgono presso strutture turistiche e sono dedicati alla valorizzazione della pratica sportiva, della danza, della musica, del teatro, dell’educazione ambientale, della conoscenza e studio della lingua inglese, delle abilità informatiche nonché delle abilità manuali.
    I soggiorni all’estero sono rivolti ai giovani di età compresa tra i quindici e i diciassette anni.
    Si svolgono esclusivamente presso college e campus stranieri e sono dedicati allo studio di una lingua straniera scelta tra inglese, francese, spagnolo e tedesco, anche attraverso atti vità culturali ed escursioni.

    Per approfondire e per ogni informazione consulta il sito INPS

  • 17 Marzo 2015 | 21 marzo. Giornata contro il razzismo vedi

    Connettiti contro il razzismo! è un programma di iniziative promosso e coordinato dal Comune di Bologna per sostenere la campagna di sensibilizzazione Accendi la mente e spegni i pregiudizi organizzata dall’UNAR – Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali - in collaborazione con ANCI e MIUR per l’XI Settimana di azione contro il razzismo, in occasione del 21 marzo, Giornata Mondiale per l’eliminazione della discriminazione razziale.

    Connettiti contro il razzismo! Invita ad accendere la mente per aprirsi all’altro, decostruire stereotipi, sfatare pregiudizi e valorizzare le differenze, comprendendo il diverso ruolo che ciascun attore, istituzionale e non, può giocare per contrastare razzismo e discriminazioni. Si svolge dal 16 al 21 marzo sul territorio comunale e metropolitano, è sostenuto dalla Città Metropolitana di Bologna e realizzato in collaborazione con la Rete provinciale antidiscriminazioni, il Centro regionale contro le discriminazioni, l’Università di Bologna, la Fondazione Scuola di Pace di Monte Sole, l’associazione Africa e Mediterraneo e la Coalizione Europea di Città Contro il Razzismo e la Xenofobia – ECCAR.
    Leggi nel sito del Comune
    Il calendario delle iniziative di "Primavera contro le discriminazioni" nei comuni della provincia

    Per approfondire:
    http://www.unar.it/settimanacontroilrazzismo
    http://www.un.org/en/events/racialdiscriminationday

  • 11 Marzo 2015 | Tra “disabili eroi” e “padri coraggio”: la rappresentazione delle persone con disabilità nell’informazione vedi

    Storie di ordinaria e straordinaria disabilità. E’ questo il filo conduttore di “Disabilità e media”, Rapporto della Fondazione Matteotti sulla rappresentazione delle persone con disabilità nel sistema italiano dell’informazione, presentato a Roma, nella Biblioteca della Camera dei Deputati, con un panel di esperti del mondo della comunicazione, della ricerca e delle associazioni impegnate sul tema della disabilità.
    Realizzato con il contributo della Fondazione Terzo Pilastro – Italia e Mediterraneo, il Rapporto ha monitorato alcune delle maggiori testate nazionali di informazione di carta stampata e siti web di interesse (Corriere della Sera; la Repubblica; La Stampa; Il Messaggero; Il Mattino; Avvenire; Il Fatto Quotidiano; L’Unità; Redattore sociale; Superando.it; Quotidianosanità.it; Osservatoriomalattierare.it) in cerca di “storie di disabilità” pubblicate nell’ultimo trimestre del 2012.

    Risultato, un percorso di venti storie di ordinaria e straordinaria disabilità, da cui emerge che quando la stampa si occupa di questo argomento, lo fa soprattutto attraverso la voce di genitori o familiari, nel 65% dei casi posizionando l’articolo come taglio alto della sezione Cronaca e corredandolo con un’immagine dalla funzione evocativa. Tra i temi affrontati, il più frequente è quello dell’Autonomia (in 13 articoli su 20), seguito dall’argomento Famiglia (8 articoli) e Risorse economiche (6).
    Spesso enfatico il linguaggio, con “padri coraggio” e “figli eroi” e un lessico che attinge alla sfera delle emozioni (frequenti i “cuori”, “sogni”, “emozioni”) o del conflitto (“disperazione”, “guerra”, “lotta”).

    A distanza di 20 anni dalla prima ricerca organica fatta in materia dal Centro documentazione handicap di Bologna ("L'immagine dell'handicap nella stampa quotidiana: analisi comparativa 1990-1993", curata da Viviana Bussadori nel 1994 e pubblicata nel n.10-11/1997 della Rassegna stampa Informazione e marginalità, curata dal CDH stesso per la Regione E.Romagna - Rete dei centri documentazione per l'integrazione) permangono, da una parte, e si evolvono e aggiornano, dall'altra, gli stereotipi e le immagini distorte della realtà della disabilità. Nell'era mediatica della caccia al falso invalido, che dura ormai da 5/6 anni dentro l'epoca della crisi, alla immagine del disabile come vinto (malato, in-valido, incapace...paralizzato) si affianca e amplia la dimensione del disabile eroe (spesso persone disabili diventate famose o persone famose diventate disabili). Una "via di mezzo" pare non possa esistere in quanto non interessante da raccontare sui media.

    Per approfondire:
    Il sito della Fondazione Matteotti
    La Bozza del Rapporto 2012 della Fondazione Matteotti (e rapporti 2005/8/9)
    La ricerca del CDH Bologna "L'immagine dell'handicap nella stampa quotidiana: analisi comparativa 1990-1993"
    parte 1 - parte 2 - parte 3
    (fonte Fondazione Matteotti, redazione sportello sociale)

  • 5 Marzo 2015 | Al via un percorso formativo per promuovere e condurre gruppi di sostegno ai genitori vedi

    Il Comune di Bologna promuove un percorso di formazione rivolto ad assistenti sociali, educatori, psicologi che operano nell'ambito della tutela minori e del sostegno alla genitorialità.
    Il percorso, articolato su due giornate formative, è incentrato in modo particolare sulla realizzazione e conduzione di gruppi di sostegno e accompagnamento rivolti a  genitori in carico al servizio sociale che presentano difficoltà e fragilità nella relazione con i loro figli.
    Gli incontri si terranno il 10 e il 17 marzo dalle 9.30 alle 17 presso la sede del Coordinamento accoglienza Settore servizi alla persona e alla comunità della Citta Metropolitana di Bologna, in via San Felice 25.

    Nel corso delle due giornate verranno forniti elementi e indicazioni per avviare un gruppo di genitori, presentate esperienze e buone prassi. Spazio verrà dato anche alla pratica attraverso momenti di esercitazione e dibattito.

    La  formazione si inserisce nelle attività relative all'implementazione del programma P.I.P.P.I.(Programma di Intervento per la Prevenzione dell'Istituzionalizzazione), promosso dal Ministero del lavoro e delle Politiche sociali con la supervisione dell'Università di Padova (gruppo scientifico coordinato dalla prof.ssa Paola Milani) e attivo dal 2011 a livello sperimentale in diverse città, tra cui Bologna e l'area metropolitana.



    Per iscrizioni
    CoordinamentoAccoglienza@cittametropolitana.bo.it

  • 4 Marzo 2015 | Al via il “Concorso di idee e-Care 2015” vedi

    Quarta edizione per il "Concorso di Idee E-Care", organizzato dall'Azienda USL di Bologna e da CUP2000. Il bando si rivolge al Terzo settore e alle libere forme associative per ottenere un contributo da utilizzare in progetti di sostegno a favore della popolazione anziana fragile. Per il 2015 il finanziamento disponibibile complessivo è di 50.000 euro.
    Lunedì 9 marzo, alle ore 10, presso la sede della Conferenza Territoriale Sociale e Sanitaria (CTSS) di Bologna, in via S. Felice 25, si svolgerà un incontro di presentazione del concorso. Saranno illustrate tutte le novità presenti sul bando del 2015 e quelle relative alle modalità di partecipazione, oltre a una sintesi dei risultati ottenuti dai progetti vincitori nelle tre precedenti edizioni.  All'incontro sarà presente il Presidente della CTSS, Luca Rizzo Nervo.
    Leggi tutto  nel sito della Azienda Usl di Bologna

  • 4 Marzo 2015 | Amnesty International: rapporto sui diritti umani in Italia 2014-2015 vedi

    In occasione del lancio del suo Rapporto 2014/2015, pubblicato in Italia da Castelvecchi, Amnesty International ha sollecitato i leader mondiali ad agire con urgenza di fronte alla mutata natura dei conflitti e a proteggere i civili dalla terribile violenza degli stati e dei gruppi armati.
    “Il 2014 è stato un anno catastrofico per milioni di persone intrappolate nella violenza. La risposta globale ai conflitti e alle violazioni commesse dagli stati e dai gruppi armati è stata vergognosa e inefficace. Di fronte all’aumento degli attacchi barbarici e della repressione, la comunità internazionale è rimasta assente” – ha dichiarato Antonio Marchesi, presidente di Amnesty nternational Italia.
    Leggi tutto il comunicato stampa di Amnesty
    Leggi la sintesi del Rapporto sezione situazione mondiale
    Scarica la sintesi della sezione dedicata all'Italia
    (fonte Amnesty international)

  • 4 Marzo 2015 | I servizi sociali nelle guerre dei bambini contesi vedi

    In Italia fino a dieci anni fa le situazioni di separazioni altamente conflittuali non erano ancora la maggioranza delle famiglie seguite da un servizio sociale. Ora lo stanno diventando, i conflitti si stanno inasprendo, la macchina giudiziaria non sembra in grado di farvi fronte e i servizi sociali hanno, nella maggior parte dei casi, applicato metodi e strumenti già conosciuti ma del tutto inadeguati in queste situazioni.

    "Ho riflettuto tanto sul dispendio di energie, di soldi pubblici, di risorse personali e professionali, di impegno chiesto ai genitori e ai bambini e agli operatori. Mi sono resa conto che il mio lavoro non serviva quasi a nulla. MIi sono domandata se il paradigma dell’accoglienza a tutti i costi e della decisionalità partecipata spasmodica che ci è stato propinato in tutte le salse in questi ultimi anni non avesse rovinato la possibilità di lavorare al meglio con queste coppie".

    Il lavoro dell'assistente sociali e le separazioni altamente conflittuali nelle coppie. L'apparente contrasto tra direttività ed accoglienza. Le riflessioni di Elena Giudice sul blog di Prospettive sociali e sanitarie§
    (fonte Scambi di prospettive)

  • 4 Marzo 2015 | Rom e Sinti: manuale per operatori di Polizia locale vedi

    Pubblicato il Quaderno n. 7 del Centro Regionale contro le Discriminazioni della Regione Emilia-Romagna. Il manuale si rivolge alla Polizia locale che, essendo la principale manifestazione della presenza delle istituzioni locali sul territorio, svolge un ruolo delicato di monitoraggio e regolazione di ciò che avviene nello spazio pubblico e per questo è chiamata ad essere sempre più qualificata e in grado di interpretare i cambiamenti che costantemente si verificano nel tessuto sociale.
    Leggi tutto e scarica il manuale

  • 4 Marzo 2015 | Sportello lavoro del Comune: i dati di attività 2014 vedi

    L'attività dello Sportello si è sviluppata nel corso dell'anno sia all'interno del front-office ubicato presso la sede del Quartiere San Donato e aperto a tutti i cittadini di Bologna, sia attraverso lo sviluppo di azioni nel territorio e di interventi mirati a fasce specifiche di popolazione.
    L'afflusso di pubblico ha registrato una media di quasi 400 accessi al mese, per un totale di 3.936 persone ricevute in sede nel 2014, più altre 300 incontrate in luoghi esterni, con un leggero calo nella seconda parte dell'anno dovuta alla riduzione delle giornate di apertura a causa di una contingente riduzione del personale in servizio.
    2.592 persone, quindi circa due terzi, si sono recate allo Sportello nei giorni di accesso libero, le restanti previo appuntamento per svolgere un'attività di approfondimento. In oltre otto anni di attività, questo servizio ha accolto più di 41.000 cittadini ed erogato 90.000 prestazioni.
    Leggi il Rapporto 2014

  • 4 Marzo 2015 | Superamento Ospedali Psichiatrici Giudiziari. Seconda relazione al Parlamento. vedi

    Ferma intenzione da parte di Governo, Regioni e istituzioni coinvolte di dare attuazione concreta e definitiva al superamento degli Ospedali psichiatrici giudiziari entro l'annunciato termine del primo aprile 2015. E via alla procedura di commissariamento da parte del Governo per quelle Regioni che a tale data non sapranno garantire il completamento delle iniziative necessarie per la presa in carico dei soggetti dichiarati dimissibili e di quelli non dimissibili. Sono le conclusioni contenute nella seconda Relazione trimestrale sullo stato di attuazione dei programmi regionali relativi al superamento degli Opg, inviata al Parlamento dai ministri della Salute e della Giustizia ai sensi della legge 30 maggio 2014 n. 81.
    Leggi la relazione al Parlamento

    Proseguono intanto le iniziative del Cartello "Stop OPG", promosso da una trentina di sigle nazionali, per il superamento e l'abolizione degli ospedali psichiatrici giudiziari. Leggi tutti gli aggiornalmenti nel sito di StopOPG

    Di questi temi si è parlato a Bologna venerdì 20 marzo nel convegno "Oltre gli OpG: prospettive e sfide di un incerto futuro prossimo", promosso a cura di AREA e ANME.Romagna.
    Sul sito di Radio Radicale disponibile la registrazione degli interventi.

  • 4 Marzo 2015 | 8 marzo: andare per biblioteche vedi

    Oltre alle tante iniziative che a Bologna si svolgeranno in occasione dell'8 marzo (vedi calendario), vi proponiamo alcuni testi che potrete trovare nelle biblioteche di Bologna e dedicato a storie di donne dentro la realtà della salute mentale, della disabilità, del carcere, della etnia rom.  Vi diamo anche le indicazioni in quali biblioteche di Bologna li potete trovare (per consultare se il volume è in prestito o meno clicca qui)


    Fabrizia Ramondino
    Passaggio a Trieste
    Einaudi, 2000

    Due soggiorni in un centro di salute mentale per donne sono l'occasione per un percorso nel mondo del disagio e della differenza. Un diario che diventa un romanzo-collage: galleria di ritratti, rievocazione storica, occasione di riflessioni letterarie ed esistenziali.
    La scheda del libro
    - Lo trovate qui
    B.Archiginnasio, Comunale S.Donato Luigi Spina, Comunale S. Vitale Scandellara, Comunale Savena/Mazzini N. Ginzburg,  B. Italiana delle Donne , B. Psichiatria Minguzzi, Sala Borsa , B. Universitaria, Mediateca di San Lazzaro


    Paola Galli
    Storie di donne rom
    Tufani editrice, 2011

    Dopo diversi anni di frequentazione delle donne attraverso il lavoro nella cooperativa Kimeta, ma anche all'interno delle loro case, accadeva che il mio interesse si concentrasse su aspetti particolari della loro vita. C'era la voglia di andare fin nell'intimità, di scoprire quali erano le loro aspirazioni profonde. Erano contente di essersi sposate o di sposarsi a 15, 16 anni col ragazzo scelto dalla famiglia? Avevano altri desideri, altre aspirazioni come, per le giovani, lavorare o studiare? Questo era ciò che mi interessava scoprire, anche se loro erano spesso reticenti e si chiudevano in se stesse come davanti a un intervento irrispettoso, quasi illecito. Non mi lasciavo scoraggiare. Era come giocare con le bambole russe. Si apre la prima e dentro ce n'è una più piccola di cui non puoi contentarti perché sai che dentro ce ne sono altre ancora. E tu vuoi arrivare all'ultima.
    Scheda sul libro
    - Lo trovate qui
    B.Archiginnasio


    Carla Gallo Barbisio
    I figli più amati
    Einaudi, 1979

    venti storie di bambini disabili, venti storie delle loro mamme
    - Lo trovate qui
    B.Archiginnasio, B.Centro Ri.E.Sco Sett.Istruzione Comune, B.IPSSER, B.Italiana delle Donne , B.Centro docum.handicap CDH


    Giuliana Ponzio, Paola Galli
    Madre e handicap
    Feltrinelli, 1987

    Questo scritto nasce da una duplice esperienza diretta vissuta dalle due autrici: quella di una madre con un figlio handicappato, che per anni ha riflettuto, scandagliato le sue esperienze e le ha infine filtrate nel microcosmo di questo libro, quella di un’altra donna che, avendo avuto rapporti con il mondo dell’handicap, ne ha tratto motivo per modificare una serie di importanti valori della vita. All’inizio della loro ricerca, le due autrici erano partite dalla convinzione che l’handicap fosse un occhiale particolare attraverso cui la donna aveva la possibilità di superare l’inconscio collettivo e di emanciparsi, investita com’era da un fattore a tal punto dirompente da spezzare i legami dell’ovvietà. Cominciarono così a parlare con donne di diversa estrazione sociale, scegliendo poi dalle numerose interviste le più significative. Alla fine di questo lavoro, l’ipotesi iniziale era caduta: l’handicap non solo non aveva costituito un elemento di rottura e di emancipazione, ma era stato un fattore di regressione in quasi tutti i campi, una specie di "silenziatore" che le aveva estraniate dal mondo e dalla loro liberazione, rendendole doppiamente truffate: perché donne e perché madri di handicappato. Più in profondità ciò che emergeva era che il loro equilibrio si basava su due poli inevitabili: la mistificazione e la nevrosi. Il "filo di lana" su cui corre la madre è l’equilibrio tra questi due momenti, un equilibrio instabile e difficile, da ricostruire minuto per minuto.
    Una scheda sul libro
    - Lo trovate qui
    B. Assemblea legislativa Regione Emilia-Romagna, B. Dip.Scienze dell'Educazione , B. Italiana delle Donne, B.Centro docum.handicap CDH


    Susanna Ronconi, Grazia Zuffa
    Recluse. Lo sguardo della differenza femminile sul carcere
    Ediesse, 2014

    Le donne sono una percentuale minoritaria dell’intera popolazione detenuta italiana, appena il 4%.Questa loro scarsa presenza, invece di rappresentare la garanzia di maggiori opportunità e miglior gestione degli istituti che le ospitano, si traduce troppo spesso in invisibilità e irrilevanza, e porta con sé una omologazione all’immagine della detenzione maschile che cancella ogni differenza di genere e ogni analisi che la includa e la comprenda.
    Questo libro si basa su interviste a donne detenute nelle sezioni femminili delle carceri di Sollicciano, Empoli e Pisa, e nasce dal desiderio di indagare la soggettività delle donne detenute e dare ad esse voce, senza assecondare visioni «patologizzanti» del reato al femminile né facili stereotipi sulla «debolezza» delle donne detenute. Al contrario, lo sforzo è di rintracciare nelle loro biografie, nelle loro autoriflessioni e valutazioni due diverse «mappe»: quella delle sofferenze, dei fattori di stress e dei momenti critici indotti dalla carcerazione, da un lato; e dall’altro, quella delle risorse, delle strategie personali, in una parola della forza e dei fattori di tenuta, resistenza e resilienza, che consente loro non solo di «tenere» durante la detenzione, ma anche, nonostante tutto, di apprendere e immaginare un futuro.
    Scheda del libro
    - Lo trovate qui
    non ancora disponibile nelle biblioteche di Bologna


    8 marzo: altre informazioni, risorse, documenti pubblicati su questo sito
    Otto marzo. Emarginazione: storie al femminile
    Emarginazione: storie al femminile
    8 marzo. Differenze, emarginazione: storie di donne

    (a cura redazione sportello sociale)

  • 27 Febbraio 2015 | Convegni, corsi, conferenze sociali a Bologna (marzo 2015) vedi

    Gli appuntamenti per informarsi, formarsi, aggiornarsi per chi lavora ed opera nell'ambito dei servizi sociali e del volontariato. A Bologna nel mese di marzo 2015.


    martedì 3 marzo
    incontro ""Viaggiare nelle periferie", un appuntamento per comprendere i meccanismi che generano la povertà nel mondo"
    a cura Centro studi Donati
    alle ore 21, all'Auditorium Gamaliele, in via Mascarella 46, Bologna

    mercoledì 4 marzo
    seminario "Il welfare in tempo di crisi. Il sistema dei servizi locali e le politiche nazionali per il contrasto alla povertà"
    a cura di CTSS, Comune Castel Maggiore, Uniione Reno Galliera
    dalle 9,30 alle 13,30, Sala Biagi-D'Antona, via la Pira 54, Castelmaggiore BO

    giovedì 5 marzo
    seminario "Le relazioni di aiuto alla Famiglia in crisi: la mediazione familiare e penale"
    a cura di Ass.Avvocati matromonialisti italiani
    dalle 14,30 alle 19, Tribunale di Bologna, Palazzo Legnani Pizzardi - Aula Primo Zecchi, Via Luigi Carlo Farini 1, Bologna

    giovedì 5 marzo
    seminario "Il contributo delle esperienze alla costruzione della comunità competente" (ciclo di incontri sul Lavoro di comunità)
    a cura PSM e Ist.Minguzzi
    dalle 16,30 alle 19, 30, aula ex Cappella, Centro Minguzzi, via S.Isaia 90, Bologna

    venerdì 6 marzo
    incontro "Presentazione dei risultati della ricerca socio-criminologica del Concorso/Progetto Il tuo web”
    a cura Polizia di Stato, Regione E.Romagna
    dalle 9 alle 13,30, Sala della Guardia, Ufficio Territoriale del Governo, Via IV Novembre 24, Bologna

    venerdì 6 marzo
    seminario "Sulla Stessa Barca? Il sistema di asilo europeo: quale armonizzazione?"
    a cura di associazione Asilo in Europa
    dalle 16 alle 20, presso centro Poggeschi, via Guerrazzi 14, Bologna

    sabato 7 marzo
    convegno “La psicologia penitenziaria: Tra interventi attuali e prospettive future"
    a cura Ordine degli Psicologi della Regione Emilia-Romagna e del Veneto
    dalle 9 alle 18, Sala Bolognini del Convento di San Domenico a Bologna (piazza San Domenico 13)

    martedì 10 marzo
    seminario "I finanziamenti europei per lo sviluppo, la ricerca e l'innovazione in Emilia-Romagna"
    a cura di Rappresentanza della Commissione europea a Milano, Europe Direct Emilia-Romagna e la Regione Emilia-Romagna
    dalle 9 alle 16,30, Regione Emilia-Romagna, Terza Torre, Sala 20 maggio 2012, Viale della Fiera 8, Bologna

    mercoledì 11 marzo
    seminario "Housing sociale per le persone anziane"
    a cura di Anziani attivi, Centro Minguzzi
    dalle 9,30 alle 13,30, Biblioteca Minguzzi, via S.Isaia 90, Bologna

    venerdì 13 marzo
    seminario "Medicina di genere: non solo una moda, ma un nuovo approccio alla salute"
    a cura di Associazione MEG - Medicina Europea di Genere
    dalle 8,30 alle 17, Sala Marco Biagi, Via Santo Stefano 119, Bologna

    sabato 14 marzo
    presentazione del volume "Stare con i poveri, il messaggio scomodo di don Paolo Serra Zanetti" (in occasione della assemblea annuale della Associazione don Paolo Serra Zanetti)
    a cura Associazione don Paolo Serra Zanetti
    alle ore 16, palazzo d'Accursio, sala Tassinari, p.Maggiore 6, Bologna

    sabato 14 marzo
    convegno "Opportunità e disabilità" (inserimento lavorativo delle persone disabili)
    a cura ass.ne Raggiungere, Jobmetoo, ass. Farm, ass. L'altro Spazio, ass. Senza Nome
    dalle 9,30 alle 15,30, sede CISL, via Milazzo 16, Bologna

    lunedì 16 marzo
    seminario "Il microcredito. Una terapia economica per l'individuo e la comunità"
    a cura di Città metropolitana di Bologna, l'Istituzione Gian Franco Minguzzi e VOLABO
    dalle 16.30 alle 19.30, Aula delle Colonne, Complesso ex "Roncati", via Sant'Isaia 90, Bologna

    lunedì 16 marzo
    incontro "Due esperienze tra verità e giustizia", nell'ambito della XX Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie
    a cura di Auser Bologna
    alle ore 17,30, Sala Farnese, Palazzo d'Accursio, piazza Maggiore 6, Bologna

    lunedì 16 marzo
    seminario "Jobs act, il lavoro che cambia"
    a cura di Confcommercio Emilia Romagna e Confcommercio Ascom della Provincia di Bologna
    alle ore 14,30, presso Palazzo Segni Masetti, Strada Maggiore 23, Bologna

    da mercoledì 18 a sabato 28 marzo
    film festival "Youngabout international" (film festival...con uno sguardo particolare sulla adolescenza)
    a cura Associazione “Gli anni in tasca, il cinema e i ragazzi”
    cinema Odeon, Europa, Bellinzona e altre sedi

    venerdì 20 marzo
    convegno "Oltre gli OpG: prospettive e sfide di un incerto futuro prossimo"
    a cura di AREA, Anm E.Romagna
    dalle 9 alle 18, Palazzo d'Accursio, Sala Tassinari, Piazza Maggiore 6, Bologna


    venerdì 20 marzo
    seminario di formazione per gli iscritti all'Ordine dei giornalisti "La carta di Roma" (fornire ai giornalisti le nozioni fondamentali sul corretto linguaggio quando si affrontano temi legati all’immigrazione e alla multiculturalità)
    a cura ODG E.Romagna
    dalle 9,30 alle 13,30 , Presso Zanhotel Europa, Via Cesare Boldrini 11, Bologna

    sabato 21 marzo
    prende il via "Settimana per il dialogo interculturale contro il razzismo e tutte le discriminazioni"
    a cura Città metrpolitana di Bologna
    varie iniziative a cura di enti e associazioni

    lunedì 23 marzo
    seminario di formazione per gli iscritti all'Ordine dei giornalisti "La carta di Milano" (fornire ai giornalisti gli elementi per una corretta informazione su eventi che implicano la privazione della libertà personale)
    a cura ODG E.Romagna
    dalle 9,30 alle 13,30 , Presso Zanhotel Europa, Via Cesare Boldrini 11, Bologna

    giovedì 26, venerdì 27 marzo
    corso "Introduzione agli ausili per la qualità della vita"
    a cura Centro regionale ausili e CAAD Bologna
    dalle 9,15 alle 16,30, Sala Mostra Area Ausili, Corte Roncati Az.USL, Via Sant’Isaia 90, Bologna

    sabato 28 marzo
    seminario "Bambini e genitori nella scuola multiculturale. Risultati del progetto Europeo EMPAC e nuove prospettive"
    a cura di progetto EMPAC (Empowering Parents and Children), Comune Bologna
    dalle 9.00 alle 15.00, Auditorium Fondazione Mast, via Speranza 42,  Bologna

    sabato 28, domenica  29,  martedì 31 marzo
    Fiera del libro per Ragazzi dal 28 marzo al 2 aprile. Temi sociali in calendario
    Fiera di Bologna e altri luoghi

    lunedì 30 marzo
    convegno "Un nuovo sistema dei servizi per gli anziani "
    a cura di CGIL, CISL, UIL
    dalle 9,30 alle 13 Aula magna Regione E.Romagna, v.le A.Moro 30, Bologna

    martedì 31 marzo
    seminario "Economia solidale: una soluzione alternativa di fronte alla crisi"
    a cura di CGIL, Nexus e Ires
    dalle 14 alle 18, Camera del Lavoro di Bologna, Salone di Vittorio, Via Marconi 67/2, Bologna

  • 27 Febbraio 2015 | Inaugurato l'help center in stazione vedi

    Inaugurato ufficialmente nei giorni scorsi, ma attivo dal mese di dicembre l'Help Center presso la Stazione Centrale. Uno spazio messo a disposizione da Rfi Rete ferroviaria italiana, un servizio di prossimità dedicato alle persone senza fissa dimora che passano da lì, senza vincoli di residenza e non necessariamente stanziali sul territorio di Bologna. Lo sportello, aperto su mandato di Comune, Fs italiane e Asp Città di Bologna, è gestito dalla cooperativa sociale La Strada di Piazza Grande.

    L'Help center si rivolge ad adulti in condizioni di grave emarginazione sociale, senza un’abitazione stabile, con difficoltà economiche, sanitarie o relazionali: “Chiediamo che le persone si rivolgano a noi direttamente, senza filtri: devono solo aspettare il proprio turno. Non sono richiesti né documenti, né invii da parte di altri servizi sociali”, dice Francesca, educatrice esperta nell’approccio di persone che vivono in strada –. Loro vengono da noi, non andiamo a cercarli. E poi inizia il passaparola. Funzioniamo grazie alla grande collaborazione con tutte le strutture del territorio”.
    L’obiettivo è quello di costruire un progetto temporaneo, che permetterà all’Help center e alla persone di decidere insieme il da farsi. La risposta non sarà standard: molti partiranno per andare altrove, magari in cerca di lavoro, per tornare dalle proprie famiglie o nel Paese d’origine; coloro che sceglieranno di rimanere sul territorio saranno aiutati a farlo nel migliore dei modi, con un accompagnamento iniziale.

    L’Help center di Bologna – inserito nella rete di Onds, l’Osservatorio nazionale sul disagio e la solidarietà nelle stazioni italiane (che riunisce 15 centri in Italia) – è situato vicino al binario 4 piazzale est.
    È aperto tutti i giorni dell’anno, dal lunedì al venerdì dalle 16 alle 19.30, il sabato e i festivi dalle 17 alle 19.30.
    Leggi tutto su sociale emilia romagna
    (fonte sito sociale.emila-romagna.it)

  • 24 Febbraio 2015 | Al via il nuovo percorso di sensibilizzazione e formazione per tutori volontari vedi

    Prenderà il via nel mese di aprile il “Percorso di sensibilizzazione e formazione per tutori volontari” organizzato dal Comune di Bologna in collaborazione con la Cooperativa Sociale Camelot – Officine Cooperative, ASP Città di Bologna nell'ambito del progetto SPRAR minori del Comune di Bologna.

    Giunto alla sua seconda edizione il percorso si rivolge a cittadini, volontari  e a tutti coloro che vogliano conoscere e approfondire il tema della tutela dei minori, con riferimento particolare ai minori stranieri non accompagnati richiedenti asilo.
    L'obiettivo è infatti di formare volontari disponibili ad assumere la tutela legale di minori in carico ai servizi territoriali, identificando così nella società civile cittadini pronti ad acquisire le competenze necessarie all'esercizio del delicato e importantissimo ruolo di tutela.

    Il percorso, completamente gratuito, prevede 7 incontri che si terranno a Bologna a partire dal 14 aprile.
    I principali argomenti trattati riguarderanno gli aspetti formali della tutela legale del minore, la rete dei servizi, gli attori del territorio, il sostegno psicologico.
    I relatori del percorso formativo saranno esperti del settore e rappresentanti delle principali istituzioni coinvolte nei percorsi di presa in carico sociale dei minori. Sono previste inoltre alcune attività laboratoriali, che  vedranno la partecipazione di tutori volontari già attivi sul territorio bolognese.
    Consulta il programma completo

    Per  iscrizioni:
    Il corso è aperto a tutti i cittadini di età compresa tra i 25 e i 65 anni, italiani o stranieri (purché in regola con il permesso di soggiorno).
    La partecipazione è gratuita, con frequenza minima richiesta dell'80%.
    Per partecipare è necessario iscriversi entro il 18 marzo compilando l'apposita scheda

    e inviandola a:  Chiara Guidoreni (Cooperativa Camelot - Ente gestore SPRAR minori del Comune di Bologna),
    cell. 3703144827, chiaraguidoreni@coopcamelot.org

    Per maggiori informazioni:
    Chiara Guidoreni (Cooperativa Camelot - Ente gestore SPRAR minori del Comune di Bologna), cell. 3703144827, chiaraguidoreni@coopcamelot.org
    Antonella Tosarelli (Comune di Bologna, Dipartimento Benessere di Comunità, Settore Servizi Sociali, Uff. Tutele e Protezione), Antonella.Tosarelli@comune.bologna.it

    Per approfondire
    L'esperienza di Monica, tutore volontario a Bologna

  • 19 Febbraio 2015 | Sportello sociale on line: i numeri del 2014 vedi

    Gli accessi al sito, le pagine visitate, gli abbonati alle newsletter. Tutti i numero del 2014 del lavoro on line degli sportelli sociali del Comune di Bologna.

    Sito 2014 http://www.comune.bologna.it/sportellosociale

    Pagine visitate

    428.366 (totale da apertura 2.121.055)

    Sessioni (ogni volta che un utente ha avuto accesso nel 2014)

    217.562

    Utenti diversi (persone diverse che una o più volte hanno visitato il sito nel 2014)

    163.494

    Servizi di newsletter periodiche 2014 (*)

    Servizio

    Iscritti

    Numeri inviati

    Totale notizie

    Newsletter sport.sociali

    1948

    7

    236

    Newsletter disabilità

    2257

    7

    355

    Newsletter InfoDoc

    286

    5

    253

    Totale

    4.491

    19

    844

    (*) la redazione cura anche altri servizi on line, ma rivolti esclusivamente agli operatiri dei servizi sociali
    del Comune.

    (fonte redazione sportelli sociali, profilo sportelli su sito google.analytics)

  • 19 Febbraio 2015 | Breve guida sintetica ai "diversi tipi di ISEE" che si possono fare vedi

    Il nuovo ISEE, indicatore della situazione economica equivalente, dopo la riforma scattata dal primo gennaio di questo 2015, comporta l’utilizzo di nuovi modelli di DSU, la dichiarazione sostituiva unica. I cambiamenti, rispetto alla precedente modulistica, sono parecchi, e riguardano l’impostazione stessa della DSU, per la quale la Riforma ha introdotto una sorta di organizzazione a moduli. C’è infatti un modello base, la cosiddetta DSU mini, che serve per la maggior parte delle prestazioni, e poi una serie di altri modelli che invece vanno compilati esclusivamente per alcune tipologie di prestazioni.

    Nella guida sintetica pubblicata nel sito piccolaemediaindustria vengono sinteticamente descritte:
    - la DSU
    - ISEE per spese universitarie
    - ISEE per le prestazioni socio – sanitarie residenziali
    - ISEE nel caso in cui ci siano nel nucleo familiare persone con disabilità o non autosufficienti
    - Altra modulistica e casistica: modelli semplificati, persone esonerate, componente aggiuntiva, ISEE corrente
    Leggi tutto, modulistica compresa
    (fonte sito pmi.it)

  • 19 Febbraio 2015 | Breve storia dei beni comuni vedi

    Le forme della partecipazione civica, ed i linguaggio con cui vengono analizzate e descritte, variano nel tempo. La partecipazinoe degli anni '70, quella cantata da Giorgio Gaber per intenderci (...la libertà non è star sopra un albero...), non è quella della stagione della esplosione del volontariato e del terzo settore (metà anni '90, in piena crisi della forma partito) e nemmeno quella della stagione attuale dei beni comuni.

    Stefano Nespor offre una disamina dello studio dei beni comuni dal 1968 ad oggi, analizzando con dettaglio analogie e differenze tra quattro autori che hanno affrontato con maggior interesse il tema nel corso del XX secolo. Leggi l'articolo nel sito del Labsus
    (fonte newsletter labsus)

  • 19 Febbraio 2015 | Apre a Bologna l'Università del Volontariato vedi

    Da oltre dieci anni VOLABO, il Centro servizi per il Volontariato, forma costantemente migliaia di volontari. L’esperienza maturata nel tempo, l’impegno e la passione nell’essere sempre a fianco del volontariato si traducono in questo progetto innovativo e di alto profilo: una proposta formativa unica e strutturata che dà forma a saperi, contenuti, metodi, innovazioni e li mette a sistema.
    Grazie alla partnership autorevole e competente con realtà accademiche, culturali e di ricerca, enti istituzionali, del mondo profit e del volontariato stesso, l’offerta formativa VOLABO diventa Università del Volontariato:
    - Un luogo di formazione
    aperto a coloro che vogliono impegnarsi per gli altri o che da tempo già lo fanno, per migliorare le competenze fondamentali, per essere più consapevoli e capaci nell’agire volontario.
    - Un luogo di pensiero
    e di approfondimento e di scambio sulla cultura del Volontariato e del Terzo Settore, sulle prassi che riguardano la solidarietà, la partecipazione, il welfare, la sussidiarietà.

    Il progetto è rivolto a volontari, collaboratori, dipendenti di organizzazioni di volontariato e persone impegnate nel Terzo Settore. Coloro che sono interessati possono consultare la sezione Università del Volontariato del portale www.volabo.it per un’informazione completa sull’iniziativa e per sapere come iscriversi. Esistono quattro diverse opportunità formative tra cui scegliere:
    1. percorso didattico completo – che prevede 3 corsi base, 3 corsi e un evento a scelta, uno stage di 20 ore e il riconoscimento delle competenze attraverso il Libretto delle competenze del volontario
    2. percorso specialistico in uno specifico ambito di interesse
    3. corsi specialistici
    4. eventi formativi (seminari, convegni, serate informative).
    La presentazione dell'Università del volontariato  è fissata per lunedì 23 febbraio, alle 17,30, presso la Sala Biagi del Q.re S.Stefano, via S.Stefano 119
    (fonte Volabo)

  • 19 Febbraio 2015 | Diritto di famiglia e giovani maggiorenni. Due nuovi sportelli di consulenza vedi

    Attivi a Bologna due nuovi sportelli di ascolto e consulenza:
    - Savena: Sportello di orientamento e consulenza legale
    Il punto di ascolto/orientamento di ANFI EMILIA ROMAGNA (Associazione Nazionale Familiaristi Italiani) che si occupa di diritto di famiglia e amministrazione di sostegno, è aperto presso il Centro civico (via Faenza 4) il martedì dalle 15 alle 17, previo appuntamento (tel.: 051 551040 - 6486704). Per approfondire
    - PsyinBo sportello di ascolto psicologico
    Difficoltà in famiglia? O nelle relazioni con gli amici, il ragazzo o la ragazza? Problemi di studio o di lavoro? Parliamone a PsyinBo, lo sportello d'ascolto psicologico aperto nella sede dell'InformaGiovani a Palazzo d'Accursio (piazza Maggiore 6), a cura degli psicoanalisti di Dedalus di Jonas. Puoi venire, su appuntamento, tutti i mercoledì dalle 12,30 alle 14,30. Per prenotare un colloquio scrivi a: info@dedalusbologna.it - informagiovani@comune.bologna.it o chiama lo 051 2194359. Per approfondire

  • 19 Febbraio 2015 | Il TAR del Lazio boccia il nuovo ISEE sul nodo del computo delle invalidità vedi

    Esultano le associazioni che avevano promosso il ricorso. Più caute le dichiarazioni della FISH, una delle due federazioni delle principali associazioni italiane. L'amarezza della ex sottosegretario Cecilia Guerra, una delle artefici della riforma, che riafferma il valore dello strumento che a suo avviso non penalizza complessivamente le famiglie delle persone disabili.
    Di seguito una galleria di contributi per farvi una idea della materia.

    Il punto sulla materia pre sentenza TAR (Dossier di handylex)
    La pagina Facebook del coordinamento di associazioni che ha promosso il ricorso
    ISEE: che succederà dopo quelle Sentenze?
    Scheda sulla sentenza del TAR su handylex (con link a testo sentenza)
    Simulazioni del sito handylex su Pre nuovo ISEE/Nuovo ISEE/post sentenza TAR 
    ISEE: la FISH chiede chiarimenti al Ministero del Lavoro
    Articolo su Vita.it
    Articolo su Il Fatto quotidiano con dichiarazioni dell'ex sottosegretario Cecilia Guerra
    (fonte redazione sportello sociale)

  • 19 Febbraio 2015 | Welfare: in Emilia-Romagna, famiglie solide, ma sfiduciate vedi

    La crisi ha colpito duramente le famiglie, anche in Emilia-Romagna. Anche se in regione sono più solide che altrove, crescono le preoccupazioni per il futuro, soprattutto per quanto riguarda il lavoro. È quanto mette in evidenza il Rapporto “Welfare, Italia. Focus sulle famiglie in Emilia-Romagna” di Censis e Unipol da cui emerge anche il contributo che le famiglie danno all’integrazione del welfare: circa 3 miliardi e mezzo all’anno per sanità e assistenza.
    Leggi su sociale emilia romagna
    Scarica la sintesi della ricerca
    (fonte newsletter sociale emilia romagna)

  • 12 Febbraio 2015 | Nove punti vendita e 140 volontari per la raccolta di San Valentino a favore degli Empori Solidali di case Zanardi vedi

    L’iniziativa promossa da Case Zanardi in occasione del giorno di San Valentino ha già raggiunto un primo obiettivo: sabato 14 febbraio saranno presenti nei punti vendita Coop e Conad oltre 140 volontari, che nelle scorse settimane si sono offerti per dare un sostegno alla raccolta di beni di prima necessità di cui potranno usufruire 50 famiglie, segnalate dai Servizi Socali Territoriali, negli Empori Solidali di via Capo di Lucca 37 e via Abba 28 a Bologna.
    Leggi tutto su bandieragialla.it

  • 5 Febbraio 2015 | Nuovo bando Home care premium per la non autosufficienza vedi

    E' attivo fino al 31 marzo p.v. il nuovo bando HCP - Home care premium riservato ai soli dipendenti e pensionati pubblici, ai loro coniugi conviventi  e familiari di primo grado, in condizione di non autosufficienza.
    Il progetto, promosso da INPS (gestione ex Inpdap. è finalizzato a fornire assistenza domiciliare, attraverso prestazioni e interventi, economici e di servizio, di natura socioassistenziale.  Le attività del progetto sono finanziate dal Fondo Credito e Attività Sociali, alimentato dal prelievo obbligatorio dello 0,35% sulle retribuzioni del personale della Pubblica Amministrazione in servizio.
    Le domande vanno presentate entro le ore 12 del 31 marzo p.v., eclusivamente on line, dopo accreditamento, nel sito dell'INPS, dove è disponibile anche una Guida per la compilazione on line delle domande.
    Per ogni informazione è possibile rivolgersi al "Punto unico di accesso" dell'Asp città di Bologna
    Scarica il bando nazionale nel sito Inps
    (fonte redazione sportelli sociali)

  • 3 Febbraio 2015 | Second Life, in tre anni 143.000 oggetti hanno trovato nuova vita vedi

    A tre anni dalla sua nascita, Second Life l’area del riuso della città di Bologna, il luogo dove gli oggetti usati acquistano una nuova vita, ha ricevuto quasi 152.000 oggetti e ne ha rimessi in circolo più di 143.000, con un volume di scambio in continuo aumento, indice del successo dell'idea iniziale.
    Leggi tutto nel sito del Comune

  • 3 Febbraio 2015 | Minori in comunità. Le polemiche TV dopo "Presa diretta". Un seminario a Bologna di #5buoneragioni vedi

    Il tema delle comunità per minori e dell'allontanamento degli stessi dalle famiglie nei casi di gravi problematiche tengono banco in questi giorni sulle cronache. Prima il Comunicato stampa delle più importanti associazioni italiane impegnate nel campo delle Comunità per minori e dei temi dell'abuso all'infanzia, che hanno duramente criticato la trasmissione di RAI 3 "Presa diretta", condotta da Riccardo Iacona, e dedicata appunto al tema dell'allontanamento dei minori dalle famiglie. Poi la replica dello stesso Iacona fatta attraverso l'agenzia stampa redattoresociale

    Tutto questo nei giorni in cui in tutta Italia, e anche a Bologna, proprio per il grande interesse dei media degli ultimi anni su questa materia, viene presentato il lavoro delle Comunità, e i "numeri" che a questo fanno riferimento. Lo si sta facendo attraverso una serie di seminari promossi dal cartello "#5buoneragioni",  formato da 6 grandi sigle italiane del settore (Associazione Agevolando, CISMAI Coordinamento italiano servizi contro il maltrattamento e l’abuso all’infanzia , CNCA Coordinamento nazionale comunità di accoglienza, CNC Coordinamento nazionale comunità per minori , Progetto famiglia, Sos Villaggi dei bambini) che fanno seguito al seminario fatto preso la Camera dei deputati nel luglio del 2014.

    Al seminario di Bologna, svolto il 29 gennaio scorso presso la sede del Q.re S.Stefano, ha portato anche la sua testimonianza diretta Jennifer,  una ragazza sarda di 24 anni, che ha trascorso un lungo periodo in queste comunità, e che ha raccontato delle fatiche e dei dolori legate a queste tragiche vicende, ma anche dei percorsi fatti e della "luce" che tanti ragazzi, ma anche tanti genitori, sono riusciti a ritrovare dentro e oltre ai percorsi di separazione.

    Per approfondire
    - Guarda l'intera puntata di Presa diretta "Famiglie abbandonate"
    - Il comunicato stampa del CNCA
    - Il documento del cartello#5buoneragioni
    - Le Linee guida per la regolazione dei processi di sostegno e allontanamento del minore
    - I dati in E.Romagna
    - Un libro tra i tanti: La tutela del minore nell'attività del Servizio sociale locale (2013)
    - Siti utili
    (fonte redazione sportelli sociali)

  • 2 Febbraio 2015 | Barriere architettoniche: contributi lg.13/89: "tempi supplementari" per parte delle vecchie domande. vedi

    La Regione E.Romagna già nel febbraio dello scorso anno (dgr 171 del 17/2/14) aveva provveduto a intervenire  nell'ambito della cronica mancanza di finanziamenti statali alla legge 13/89  introducendo per l'assegnazione dei fondi l'utilizzo dell'ISEE invece che il parametro della semplice data di presentazione della domanda.
    Aveva altresì prevista la possibilità, per le nuove domande, di accedere compilando un unico modulo a due graduatorie parallele, una "nazionale" e una "regionale", la prima finanziata esclusivamente da eventuali fondi nazionali (assenti ormai da molti anni), la seconda esclusivamente da fondi regionali.
    Non si prevedeva tuttavia
    che coloro che avessero già fatto domanda prima della data del 1/3/14 la potessero ripresentare, per i medesimi lavori, anche per la graduatoria regionale.

    Tale delibera è stata poi successivamente modificata (dgr 1272 del 23/7/14) permettendo, ma solo a determinate condizioni, di poter accedere alla graduatoria regionale anche a chi aveva fatto domanda negli anni passati, e comunque prima del 1 marzo 2014, ed è tutt'ora presente nella graduatoria.
    Costoro possono ripresentare una istanza in tal senso entro il 1 marzo 2015; sono necessarie però, come indica la Regione, le seguenti imprescindibili condizioni:
    - non ci sia già stata una assegnazione di fondi, anche parziale
    - alla data della nuova delibera (23/7/14) i lavori non dovevano essere stati avviati o eseguiti
    - la domanda presentata riguardi situazioni di particolare complessità dal punto di vista economico e/o sociale tali da essere valutate come socialmente rilevanti dai servizi sociali del Comune di residenza.
    - l’interessato presenti apposita domanda entro il 01/03/2015 corredandola della certificazione ISEE del nucleo famigliare (ricordiamo che dal 1/1/15 è operante il cosiddetto "Nuovo ISEE")
    Resta fermo anche quanto precisato nella modulistica allegata alla dgr 171/14, ovvero che i lavori per cui si è fatta domanda siano riferiti ad alloggi o parti comuni di edifici già esistenti alla data del 11/08/1989 e non interamente ristrutturati, gli edifici medesimi, dopo tale data. Tale indicazione per altro è presente già nella legge 13/89 (art.9), anche se la sua applicazione è da sempre stata, per svariate ragioni, fonte di incertezze e polemiche.

    Il Comune, l'Asl e il CAAD-Centro adattamento ambiente domestico hanno creato un gruppo di lavoro per permettere alla maggior parte dei cittadini bolognesi che avevano fatto domanda di poter "transitare", se le condizioni lo permettevano, nella graduatoria regionale.
    Il lavoro del gruppo è stato condiviso poi anche dalla Consulta comunale per il superamento dell'handicap, che riunisce le principali associazioni di settore. Gli esiti del lavoro sono stati poi riassunti in un apposito atto del Comune.

    Il gruppo ha predisposto tutto quanto necessario per l'apertura di questo "bando straodinario" rispetto al quale il Comune, proprio in questi giorni, sta avvisando tramite una lettera specifica le persone potenzialmente interessate, anche se non è possibile determinare chi abbia eseguito o meno i lavori nei termini fissati dalla delibera regionale.
    Ovviamente chi riterrà di dover aggiornare il preventivo o la certificazione di invalidità eventualmente presentatata, visto il tempo passato, lo potrà fare.
    Si ricorda che coloro che non potessero essere nelle condizioni di rifare domanda, rimangono comunque nella graduatoria nazionale e potranno beneficiare eventualmente di contributi statali, la dove stanziati.

    Informazioni
    Se necessarie le informazioni potranno essere reperite:
    - nel materiale allegato
    - per le persone anziane (dai 65 anni in poi) presso gli sportelli sociali
    - per le persone disabili, minori e adulti (0-64 anni) presso lo sportello informativo del CAAD

    Approfondimenti
    Per approfondire gli orientamenti regionali da cui discende tutta questa materia:
    Visita le pagine in tema di contributi barriere nel sito della Regione (Politiche abitative)
    Scarica il testo della dgr 1272 del 23/7/2014

    Modulistica e materiali informativi

    Scarica la scheda informativa sulle due DGR regionali


    Scarica il modulo di domanda
    Scarica le domande ricorrenti (FAQ) utili per il bando

    (fonte redazione sportelli sociali, Ufficio non autosufficienza Comune, sito Regione E.Romagna)

  • 30 Gennaio 2015 | Arrivati in redazione (gennaio/febbraio 2015) vedi

    I libri, le riviste, le newsletter, i video, gli opuscoli, i documenti on line arrivati in redazione e utili per chi lavora nel sociale:


    LIBRI - Lavorare con gli utenti mussulmani. Manuale per gli ooperatori dei servizi sociali e sanitari, Sara Ashencaen Crabtree, Fatima Husain, Basia Spalek, Erickson, Trento, 2011
    In tutti i Paesi occidentali, chi lavora nei servizi sociali e sanitari, nella scuola, nel volontariato, ecc., si trova sempre più a confrontarsi con persone di religione e cultura diverse. In particolare, una comunità in sempre maggiore espansione è quella musulmana. Lavorare con persone di religione diversa rende necessario, per garantire interventi efficaci, conoscere la cultura dell’altro, i principi e i valori che la sorreggono e come essi vengono declinati nella vita quotidiana delle persone. Questo libro — scritto a sei mani da operatrici sociali inglesi con appartenenze culturali diverse — è l’unico nel suo genere: esso mira ad aiutare gli operatori sociali (ma, di fatto, non solo loro) a comprendere i principi della cultura islamica e a capire come essi influenzino la vita delle comunità e la pratica del lavoro sociale.

    LIBRI - Maltrattamento all'infanzia, M.Cheli, C.Ricciutello, M.Valdiserra, Maggioli, Rimini, 2012
    Frutto del lavoro di un’equipe multidisciplinare (clinica, sociale, educativa e giuridica), questo volume fornisce, con linguaggio accessibile, un quadro di riferimento completo per gli Operatori impegnati negli interventi di protezione, tutela e cura dei minori vittime di maltrattamento. Il filo conduttore è rappresentato dall’illustrazione di casi, dall’analisi delle problematiche emerse e dalle risposte offerte. Mantenere il focus sulle persone, pazienti e operatori, aiuta a sostenere l’appropriatezza degli interventi e a contenere il rischio che assumano prevalenza le esigenze dei diversi soggetti istituzionali coinvolti. A partire da una riflessione sui vincoli e sulle risorse dell’intervento sociale, il volume analizza l’intervento, illustra le procedure sanitarie per la visita del bambino vittima di abuso sessuale e di violenza fisica, esamina gli esiti traumatici del maltrattamento sul soggetto e sul funzionamento familiare, approfondisce i principali aspetti giuridici attraverso focus monotematici.

    LIBRI - Progetto GATE Tutori contro lo sfruttamento, Rapporto nazionale Italia, a cura di Defence for children Italia, 2012
    Negli ultimi anni si è sviluppata una crescente attenzione intorno ai fenomeni correlati alla tratta degli esseri umani, specialmente quando questi coinvolgono i bambini. In molti casi l’approccio generale nei confronti della tratta ha teso a focalizzarsi più sugli aspetti giudiziari e penali del problema e meno sulle condizioni strutturali che rendono possibile la perpetrazione di questo crimine. Il presente progetto concentra la sua attenzione sui minori separati dalle loro famiglie che costituiscono uno di quei gruppi di persone definibili come soggette a un processo e fenomeni di esclusione.
    Attraverso il processo di ricerca implementato in Grecia, Italia, Cipro e Paesi Bassi, l’iniziativa ha cercato di verificare il livello di inclusione/esclusione dei vari sistemi nazionali di protezione e welfare, la loro adeguatezza ed efficacia nel dare risposta ai bisogni e diritti dei minori, mentre, allo stesso tempo, ha analizzato la conformità delle politiche, strategie ed azioni intraprese con i princìpi e le normative imposte dalla legislazione internazionale sui diritti umani. L’ipotesi di ricerca ha considerato l’attenzione a queste dimensioni essenziale per determinare che cosa un tutore dovrebbe essere e fare per proteggere i minori dalla tratta e dallo sfruttamento.

    LIBRI - I servizi educativi per la prima infanzia in Emilia-Romagna Dati dell’Anno Educativo 2012-2013 e serie storiche, a cura A.Todeschini, Regione E.Romagna, collana Quaderni servizio politiche famiglieri, n.34, luglio 2014
    1.018 nidi d’infanzia per 38.278 posti, 33.223 bambini iscritti, 33,7% di posti coperti rispetto al totale dei potenziali utenti. Sono alcuni dei dati che emergono dal Rapporto annuale sui “Servizi educativi per la prima infanzia in Emilia-Romagna”, relativo all’anno 2012-2013, disponibile sul sito della Regione.

    LIBRI - Atti del convegno "Mappemondi: crisi economica, dinamiche migratorie, comnunità locale, welfare metropolitano, a cura Provincia di Bologna, Istituzione G.F.Minguzzi, Bologna, 2014
    Il Servizio Politiche sociali e per la salute della Provincia di Bologna e l'Istituzione Gian Franco Minguzzi promuovono un percorso formativo rivolto ad operatori dei servizi socio-sanitari ed educativi del territorio provinciale di Bologna, quale occasione di approfondimento e riflessione per comprendere la portata dei cambiamenti in atto in materia di immigrazione, prefigurare scenari futuri e condividere strategie di lavoro, in ottica di area vasta metropolitana.  

    OPUSCOLI- Toolkit, Progetto Comix4 for equality, a cura rivista Africa e mediterraneo, 2014
    CATALOGO - Catalogo dei fumetti vincitori del concorso europeo "Comics for equality", Progetto Comix4 for equality, a cura rivista Africa e mediterraneo, 2014
    Sono disponibili online il Catalogo a fumetti e il Toolkit didattico realizzati nell'ambito del Progetto europeo ComiX4= Comics for Equality, diretto dall'associazione Africa e Mediterraneo. Il Catalogo raccoglie i 18 fumetti selezionati all'interno del Premio per i migliori fumetti inediti di artisti migranti.
    Il Concorso, rivolto ai migranti e alle seconde generazione, attraverso la produzione creativa di fumetti puntava ad accrescere il dibattito pubblico per combattere il razzismo, la xenofobia e la discriminazione in Europa.    
    Oltre al catalogo è online anche il Toolkit didattico, una guida per sviluppare laboratori creativi sul fumetto rispetto al tema del razzismo e della discriminazione.

  • 29 Gennaio 2015 | Non cercare la differenza dove non c'è. Cittadini Rom e Sinti di Bologna vedi

    Dal giorno 27 gennaio, passeggiando per la città, potrà capitare di incontrare volti sconosciuti, normali e familiari, che desiderano condividere con noi le loro esperienze e le loro abitudini.
    La campagna di comunicazione “Non cercare la differenza dove non c’è”, ideata per il Comune di Bologna da ComunicaMente, parte infatti con un lancio di affissioni cittadine lungo le strade, nei luoghi pubblici della cultura, (biblioteche, sedi di quartiere, centri culturali), e sul web.
    Solo i più curiosi, però, soffermandosi a guardare attentamente, scopriranno che i tre volti che popolano la città sono quelli di tre membri della comunità rom e sinti che abita a Bologna. Persone come tante che fanno cose normali e condividono momenti di vita nei quali tutti possono riconoscersi, nei confronti delle quali, però, esiste ancora una forte discriminazione.
    La creazione della campagna di comunicazione “Non cercare la differenza dove non c’è” è una delle azioni del progetto europeo Roma Matrix di cui il Comune di Bologna è partner, insieme alla Regione Emilia Romagna e altre 19 organizzazioni internazionali in 10 paesi europei.
    Leggi tutto nel file allegato

    Parallelamente alla campagna dal 5 al 7 febbraio il Comune di Bologna organizza tre giorni di attività dedicate alla reciproca conoscenza tra rom, sinti e gagé (non rom) grazie al contributo dei Progetti Europei Roma-Net Pilot e Roma Matrix in collaborazione con Consorzio Indaco e Ateliersi.
    Leggi il programma nel file allegato

  • 29 Gennaio 2015 | Ecco i nuovi Lea vedi

    Più presidi per disabili, nuovi vaccini, eterologa, epidurale e screening neonatale. Ma la parola d'ordine è “appropriatezza”: stop a esami “inutili”. E alla fine Lorenzin “mette sul piatto” 460 mln in più. Questi i principali settori toccati dalla proposta ministeriale. Maggiori oneri per circa 2,080 miliardi, compensati da circa 1,620 miliardi di risparmi. Con un saldo "attivo" di circa 460 milioni di euro in più rispetto ai vecchi Lea. Si apre ora il confronto tra il ministro e gli assessori alla Sanità delle Regioni. Un primo incontro già in calendario a fine gennaio.
    Leggi tutto su quotidiano sanità
    Scarica la documentazione sui nuovi LEA
    Una galleria di commenti sui nuovi LEA e la loro sotenibilità
    (fonte newsletter quotidiano sanità, sito FPCgil)

  • 29 Gennaio 2015 | Convegni, corsi, conferenze sociali a Bologna (febbraio 2015) vedi

    Gli appuntamenti per informarsi, formarsi, aggiornarsi per chi lavora ed opera nell'ambito dei servizi sociali e del volontariato a Bologna, nel mese di febbraio 2015


    dal 4 febbraio al 16 maggio
    ciclo di seminari "La violenza contro le donne. Problematica dei sessi e diritti umani" (15 seminari)
    a cura UniBO, Regione E.Romagna
    dalle 15 alle 17, Università, Aula III, via Zamboni 38, Bologna

    giovedì 5 febbraio
    Presentazione della mostra fotografica “Viaggio tra rom e sinti nell’Italia che lavora” (ciclo residenze Rom e Sinti)
    a cura Comune, Progetti Europei Roma-Net Pilot e Roma Matrix, Consorzio Indaco, Ateliersi
    alle ore 18, Atelier Si, via San Vitale 69, Bologna

    giovedì 5 febbraio
    Presentazione del documentario "Container 168" (girato nel campo attrezzato di via Salone, il più grande di Europa)(ciclo residenze Rom e Sinti)
    a cura Comune, Progetti Europei Roma-Net Pilot e Roma Matrix, Consorzio Indaco, Ateliersi
    alle ore 20,30, Atelier Si, via San Vitale 69, Bologna

    venerdì 6 febbraio
    incontro "Essere genitori oggi: nuove risposte ai problemi di sempre" (ciclo incontri per riflettere)
    a cura Q.re S.Stefano, Ist. Minotauro
    ore 17,30, sala Biagi, Baraccano, via S.Stefano 119, Bologna

    venerdì 6 febbraio
    seminario "Insieme. Ron, Sinti e Gagè a confronto su politiche, approcci ed esperienze per contrastare l'esclusione e i pregiudizi" (ciclo residenze Rom e Sinti)
    a cura Comune, Progetti Europei Roma-Net Pilot e Roma Matrix, Consorzio Indaco, Ateliersi
    dalle ore 9,30 alle 17, Atelier Si, via San Vitale 69, Bologna

    da lunedì 9 febbraio a lunedì 4 maggio (11 incontri)
    ciclo di seminari "Ascoltare le città" (Pluriversità dell'immaginazione di Stefano Benni)
    a cura Univ.Primo Levi, Teatro dell'Argine
    dalle 18,30 alle 20, Sala Silentium, Q.re S.Vitale. vicolo Bolognetti 4, Bologna

    sabato 7 febbraio
    corso "Persone in stato vegetativo. Interventi regionali, ricerche in corso, strumenti di tutela giuridica"
    a cura di IPPSER, Oaser, Ass.Insieme per Maria Cristina
    dalle 9 alle 18, Via Riva di Reno 55, Bologna

    martedì 10 febbraio
    seminario "Dispositivi, competenze, approcci territoriali per il contrasto alla dispersione scolastica e formativa"
    a cura progetto europeo "Atoms - Action To Make System"
    dalle ore 9.30 alle ore 16.30, Palazzo D'Accursio, Cappella Farnese, p.zza Maggiore 6, Bologna

    mercoledì 11 febbraio
    lectio magistralis del Prof.Stefano Zamagni su "Il valore aggiunto della finanza cooperativa per lo sviluppo dell'economia sociale" (ciclo di incontri sul terzo settore)
    a cura di EmilBanca
    ore 17, Sala Marconi di Emil Banca, via Trattati Comunitari Europei 1957-2007 n. 19, Bologna

    giovedì 12 febbraio
    convegno "Integrare il welfare, sviluppare la white economy"
    a cura progetto Unipol Censis "Welfare Italia"
    dalle 9,30 alle 13, Salaborsa, Auditorium Enzo Biagi, piazza Nettuno 3, Bologna

    giovedì 12 febbraio
    seminario "Presa in carico dei soggetti devianti (detenuti, internati, persone sottoposte a misure alternative) e Terzo settore"
    a cura Regione E.Romagna, Garante detenuti
    dalle 15 alle 17, Biblioteca dell'Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna, via Aldo Moro 32, Bologna

    venerdì 13 febbraio
    convegno "Housing sociale cooperativo. Complessità sociale e nuovi bisogni: la proposta della cooperazione per le Politiche di Welfare abitativo e sociale"
    a cura di AGCI, LegaCoop, ConfCooperative
    dalle 9 alle 13, Confcooperative Emilia Romagna, sala convegni seminterrato, via Calzoni 1/3, Bologna

    sabato 14 febbraio
    incontro/spettacolo in occasione della premiazione della "Seconda Edizione Premio Internazionale Marisa Giorgetti" (obiettivo del premio: dare visibilità a chi abbia prodotto opere letterarie sul tema delle migrazioni e della cultura del dialogo)
    a cura di Alchemilla Gas, Cantieri Meticci, Centro Interculturale Zonarelli
    alle 20,30, Centro Interculturale Zonarelli, via Sacco 14, Bologna

    giovedì 19 febbraio
    seminario "La misura del Ritorno Volontario Assistito"
    a cura rete RIRVA
    dalle 9,30 alle 13,30, Cappella Farnese, Palazzo Accursio, Piazza Maggiore n. 6, Bologna

    venerdì 20 febbraio
    incontro "La paura di essere brutti: gli adolescenti e il corpo" (ciclo incontri per riflettere)
    a cura Q.re S.Stefano, Ist. Minotauro
    ore 17,30, sala Biagi, Baraccano, via S.Stefano 119, Bologna

    venerdì 20 febbraio
    convegno nazionale "La riforma del terzo settore"
    a cura Forum terzo settore E.Romagna
    alle 9,30, Sala "Guido Fanti", Regione Emilia Romagna, via Aldo Moro 50, Bologna

    sabato 21 Febbraio
    seminario "Senza figli non c'è crescita. Diamo uno stipendio ad ogni mamma"
    a  cura ComunitàPapa Giovanni 23°
    dalle 9 alle 12,30, Palazzo Malvezzi via Zamboni 13, Bologna

    23 febbraio 2015
    incontro di presentazione della "Università del volontariato di Bologna"
    a cura di Volabo
    ore 17.30, Sala Biagi, Quartiere Santo Stefano, Via Santo Stefano 119, Bologna

    lunedì 23 febbraio
    incontro "Il riconoscimento della professionalità dell'educatore senza titolo"
    a cura di Educatori uniti
    alle ore 20, Corte Tre, via Nicolò Dall'Arca 32/34, Bologna

    mercoledì 25 febbraio
    Presentazione del volume "Prendi quello che vuoi, ma lasciami la mia pelle nera" (Cheikh Tidiane Gaye)
    a cura Biblioteca A.Cabral
    alle 17,30, Biblioteca Cabral, via san Mamolo 24, Bologna

    giovedì 26 febbraio
    Convegno dell'Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani, prima sessione "L'ascolto del minore tra esigenze e riforme"
    a cura Ass.Avvocati Matrimonialisti Italiani
    dalle 14,30 alle 19, Aula Primo Zecchi, Tribunale di Bologna, via Farini, Bologna

    venerdì 27, sabato 28 febbraio
    convegno ""Dieci tesi per lavorare ancora con i giovani"
    a cura rivista Animazione sociale
    ven dalle 10 alle 22, sab dalle 9 alle 16, presso Smart Lab, Rovereto, Trento

    giovedì 29 gennaio
    presentazione del progetto “Ripar…AZIONE VOLONTARIA”
    a cura di rete progettuale Fuori e Dentro, VolaBo
    alle ore 18, sede Volabo, Villaggio del Fanciullo, via Scipione dal Ferro 4, Bologna

  • 28 Gennaio 2015 | Bonus acqua. Prorogato al 28/2 il bando per gli anni 2013/14 vedi

    Atersir, la società regionale che gestisce le agevolazioni al servizio idrico integrato, ha deliberato nei giorni scorsi uno slittamento al 28 febbraio p.v. del bando per il "bonus acqua" relativo agli anni 2013/14 di cui vi avevamo già dato notizia. Viene disposto inoltre, sempre per questo specifico bando, che chi ha già presentato domanda nel 2014 e verificasse di avere condizioni più favorevoli con il "nuovo Isee" (entrato in vigore dal 1/1/15) può provvedere a ripresentare tale certificazione entro la nuova data fissata.
    Consulta la scheda sul "bonus acqua"
    (fonte redazione sportelli sociali)

  • 27 Gennaio 2015 | Domande assegno nucleo familiare numeroso. Cittadini di paesi terzi vedi

    Il prossimo 31 gennaio scadono i termini  per la  presentazione delle domande di richiesta per l’assegno per il nucleo familiare numeroso.
    Per definire le tipologie di cittadini migranti che possono accedere, in presenza degli altri requisiti di legge, all’ assegno per il nucleo familiare con almeno 3 figli minori, è necessario considerare che la materia è oggi regolata da disposizioni europee, nazionali e regionali.
    Questa complessa produzione normativa e i differenti livelli di competenza hanno determinato nel tempo un contenzioso particolarmente oneroso per gli Enti locali, con ovvie ricadute sulla coesione sociale e sull’autorevolezza delle istituzioni.
    L' ANCI, associazione dei Comuni italiani, ha redatto un breve vademecum che individua le categorie di cittadini di Paesi terzi, regolarmente soggiornanti in Europa, per le quali ad oggi non è possibile adottare disparità di trattamento rispetto ai cittadini italiani, in quanto protette da disposizioni europee che prevedono la parità di trattamento e il divieto di discriminazione.


    (fonte ANCI)

  • 27 Gennaio 2015 | Percorso di sensibilizzazione e formazione per tutori volontari vedi

    Dai risultati dell'esperienza del corso per tutori volontari organizzato dall’Ufficio del Garante Regionale per l'Infanzia e l'Adolescenza nel 2013, che ha portato alla creazione di una rete di cittadini impegnati nei progetti locali di accoglienza come tutori volontari di minori stranieri non accompagnati, prenderà il via, ad aprile 2015, il nuovo percorso di formazione per aspiranti tutori volontari organizzato al Comune di Bologna in collaborazione con la Cooperativa Sociale Camelot – Officine Cooperative.
    Il ciclo di 7 incontri sarà realizzato con modalità laboratoriali; parteciperanno docenti e professionisti esperti del settore, provenienti da differenti esperienze e realtà.
    I principali argomenti trattati riguarderanno gli aspetti formali della tutela legale del minore, la rete dei servizi, gli attori del territorio, il sostegno psicologico.
    Approfondisci e scarica il programma nel file allegato.

  • 23 Gennaio 2015 | 27 gennaio 2015. Giornata della memoria vedi

    Come ogni anno anche il sito degli sportelli sociali ricorda la Giornata della Memoria.
    Quest'anno lo facciamo riproponendovi la vasta Bibliografia redatta da noi negli anni scorsi e aggiornata da alcuni nuovi volumi e anche segnalandovi un video particolare, che solo in pochi conoscono e che riporta le uniche, eccezionali immagini filmate esistenti di Anna Frank, affacciata alla finestra di casa, in occasione del matrimonio di un vicino. Sono in tutto 20 secondi, ma densi di emozioni, ricordi, pensieri che interrogano l'animo di ognuno di noi.

  • 22 Gennaio 2015 | Presentato il disegno di legge sulle relazioni affettive e familiari in carcere vedi

    Realizzazione di locali idonei all'interno della struttura penitenziaria dove i detenuti possano intrattenere rapporti affettivi senza controllo visivo; permessi fino a 15 giorni per ogni semestre di carcerazione; possibilità di incontri con i propri familiari in aree all'aperto nelle strutture carcerarie mezza a giornata al mese; concessione di telefonate più lunghe di quelle attuali per i detenuti che hanno i propri familiari all'estero: sono le novità contenute nel ddl 1587 "Modifiche alla legge 26 luglio 1975, n. 354, e altre disposizioni in materia di relazioni affettive e familiari dei detenuti", presentato questa mattina al Senato. Obiettivo espresso dal disegno di legge e': "Rendere più umano il periodo di detenzione, affinché alla fine della pena, sia più facile il reinserimento nella famiglia e nella società".
    Leggi tutto su redattoresociale

  • 22 Gennaio 2015 | Un San Valentino di solidarietà con Case Zanardi vedi

    Il giorno 14 febbraio 2015 si terrà, in alcuni supermercati ed ipermercati di Bologna, una raccolta di beni di prima necessità per sostenere le famiglie in difficoltà segnalate dai Sevizi Sociali Territoriali.
    I prodotti raccolti saranno distribuiti negli empori solidali di Via Capo di Lucca e Via Abba. L'iniziativa rientra nell'ambito di Case Zanardi, una rete progettuale formata da molte realtà no profit del territorio che ha come capofila l'Istituzione per l'inclusione sociale e comunitaria "don Paolo Serra Zanetti" del Comune di Bologna.
    Case Zanardi è alla ricerca di volontari disponibili a dare un iauto in quelle giornarte presso i banchetti che verranno allestiti e per altre attività. Entra anche tu a far parte del team di volontari; è sufficiente compilare questo modulo online indicando la propria disponibilità  
    (fonte Progetto Case Zanardi Comune Bologna)

  • 22 Gennaio 2015 | Nuovo numero di fax per rilasci/rinnovi contrassegni disabili vedi

    Dal 15 gennaio le richieste di rilascio e/o rinnovo dei contrassegni H (veicoli a servizio di persone invalide) vanno inviate al numero di fax 051/4686080, già attivo per le comunicazioni delle targhe abbinate al contrassegno.
    Rimane sempre valida la possibilità della consegna delle richieste a mano, allo Sportello contrassegni TPER di S.Donato 25.
    (fonte sito Comune Bologna)

  • 16 Gennaio 2015 | Comune di Bologna: rappporto sui progetti di cittadinanza attiva vedi

    Dal 2012 ha preso avvio il progetto di promozione della cittadinanza attiva e della partecipazione civica chiamando a raccolta le associazioni iscritte all’elenco comunale delle Libere Forme Associative.
    Questo invito a co-progettare gli interventi di collaborazione quali forme complementari e sussidiarie alle attività dell’Amministrazione comunale ha dato i suoi frutti: 119 i progetti presentati, 75 le convenzioni sottoscritte e 38 i progetti conclusi al 1 novembre.
    I progetti hanno interessato due macroaree di intervento la cura del territorio e la cura della comunità: nel primo vi sono azioni di riqualificazione urbana, cura delle aree verdi ed educazione e sostenibilità ambientale mentre nel secondo azioni di collaborazione per il coinvolgimento della popolazione giovanile, di promozione del senso civico e della cittadinanza attiva, mediazione sociale dei conflitti, rispetto delle regole e comportamenti sostenibili per l’ambiente.
    Il report contiene una sintesi del percorso compiuto in questi anni di attività, la risposta delle associazioni, i progetti avviati e conclusi, le risorse impiegate, i risultati raggiunti nel periodo dal 1° settembre 2012 al 1° novembre 2014.
    Report Cittadinanzattiva
    (fonte sito Comune Bologna)

  • 16 Gennaio 2015 | Empowerment e Comunità: ciclo di seminari vedi

    A seguito del Convegno "Empowerment e Comunità" tenuto il 13 dicembre scorso, promosso nell'ambito del Piano Strategico Metropolitano, èstato avviato un ciclo di incontri seminariali che hanno come obiettivo quello di sviluppare una riflessione e un confronto sulle relazioni fra assetti istituzionali, modelli organizzativi e lavoro di comunità, sulle competenze professionali richieste, sulle diverse forme di partecipazione alla comunità.
    I temi trattati sono l'organizzazione che i servizi sociali territoriali si stanno dando per affrontare queste prospettive, le competenze, vecchie e nuove,  che vengono richieste agli operatori, l'analisi di alcune prime esperienze in corso.
    Gli incontri seminariali si terranno nei giorni: 4 febbraio, 18 febbraio e 5 marzo dalle ore 16,30 alle ore 19,30 presso le Aule Monumentali del Complesso ex Roncati, via S.Isaia 90, Bologna. La partecipazione è gratuita.
    Per questioni organizzative, è richiesta la preiscrizione obbligatoria
    http://bit.ly/seminariEC2015

    Il materiali presentati nel corso del convegno del 13 dicembre
    Programma dei seminari
    Cosa si intende per empowerment?
    (fonte redazione sportelli sociali)

  • 16 Gennaio 2015 | Pensioni e indennità per invalidi civili: importi 2015 vedi

    Aggiornati come ogni anno da Inps gli importi e i limiti di reddito delle provvidenze legate alla invalidità civile. Le cifre: aumenti irrisori, 1-2 euro al mese.
    Leggi su handylex.org

  • 9 Gennaio 2015 | Dal 1 gennaio ASP Città di Bologna gestirà anche i servizi per minori vedi

    Con l’anno nuovo, attraverso l’incorporazione di ASP IRIDeS (approvata lo scorso 22 dicembre dalla Giunta regionale) si conclude definitivamente il processo di costruzione della nuova ASP Città di Bologna.
    La conclusione del processo di unificazione delle ASP cittadine rappresenta il compimento di un percorso e il parallelo avvio di un significativo investimento che vedrà incardinare nell’unica ASP cittadina le funzioni di accesso e produzione di tutta la gamma dei servizi sociali e socio-sanitari in ambito distrettuale.
    Dall'1 gennaio 2015, oltre ai servizi dedicati ad adulti ed anziani, verranno, quindi, gestiti da ASP Città di Bologna anche i seguenti servizi:
    - servizio sociale dedicato ai minori stranieri non accompagnati, minori vittime della tratta e non riconosciuti alla
    nascita, unità specialistica di Servizio Sociale, a livello cittadino, per la presa in carico e l’accesso ai servizi di tutti i minori, sprovvisti di riferimenti parentali, rinvenuti sul territorio comunale;
    - servizio per l'accoglienza residenziale e semiresidenziale per minori e per madri con bambini, che si attiva sulla base di richieste e progetti, formulati dai Servizi Sociali Territoriali, in risposta a casi in cui le difficoltà familiari
    richiedono l'allontanamento temporaneo del minore e la sua accoglienza in comunità o in servizi a carattere diurno, anche a causa di situazioni di emergenza che ne richiedano un’immediata tutela. Il servizio si attiva altresì in risposta a bisogni ai accoglienza di gestanti e madri, anche minorenni, sole con figli, in situazione di precarietà e in condizione di disagio e/o difficoltà nello svolgimento delle funzioni genitoriali, eventualmente sancite da provvedimento dell’Autorità Giudiziaria;
    - il Centro per le Famiglie, uno spazio di ascolto, orientamento e accompagnamento per affrontare situazioni come l’adolescenza dei figli, la nascita di un bambino, la separazione e per accedere ad alcune forme di sostegno economico specifiche per le famiglie. Il Centro per le Famiglie offre, inoltre, servizi d’informazione e formazione alle famiglie che intendono aprirsi alle diverse forme di accoglienza familiare e funziona come punto unico cittadino per intraprendere i percorsi di affido e adozione.
    Il Responsabile di ASP dei servizi per minori e famiglie sarà il Dott. Giovanni Agrestini.

    Per maggiori informazioni:
    sul sito dell'ASP sono disponibili le informazioni e gli atti relativi alla nuova azienda
    L’articolazione dei servizi di Asp Città di Bologna
    (fonte Asp Città di Bologna)

     

  • 9 Gennaio 2015 | Orario gennaio 2015 sportello sociale S.Vitale/S.Donato vedi

    Lo Sportello Sociale dei quartieri S.Vitale e S.Donato, ubicato in Rimesse 1/13, rimarrà aperto fino al 31 gennaio unicamente al mattino dalle 8.15 alle 13.30.
    (fonte Q.re S.Vitale/S.Donato)

  • 9 Gennaio 2015 | Inps, al via il voucher maternità dell'ex ministro Fornero vedi

    Al via una misura da non confondere con il nuovo (...ennesimo) bonus bebè approvato con la recente legge di stabilità.
    La misura al via fu voluta dall'ex Ministro Fornero ai tempi del Governo Monti; l'INPS ha finalmente attivato le procedure on line per richiederlo. Le madri lavoratrici, che rinunciano al congedo parentale, potranno ricevere un voucher per pagare il servizio di baby-sitting o richiedere la compartecipazione alle spese per i servizi per l'infanzia pubblici o privati accreditati. Il bonus potrà essere erogato al massimo per sei mesi.
    Leggi tutto su repubblica.it

    Il Settore Istruzione del Comune di Bologna ha riaccreditato i 51 nidi comunali presso l'INPS, i gestori privati sono stati invitati ad accreditarsi/riaccreditarsi presso l'INPS.
    Le famiglie interessate avranno possibilità di presentare domanda online sul sito dell'INPS, munendosi di Pin dispositivo.
    Le informazioni sono da richiedere al numero verde INPS ( tel.803.164 se si chiama da telefono fisso, o tel. 06164164 se si chiama da cellulare) o presso le sedi Inps territoriali (Bologna, via Gramsci 6, cenbtralino 051/216111).
    Leggi la scheda informativa sul sito INPS

  • 9 Gennaio 2015 | La Regione proroga le misure anticrisi vedi

    Sono state prorogate a fine aprile 2015 tutte le misure regionali a sostegno dei lavoratori colpiti dalla crisi economica e delle popolazioni interessate dal sisma e dalle alluvioni nel modenese e nelle zone di Parma e Piacenza.
    Le misure anticrisi, in vigore dal 2009, all’inizio della crisi economica, sono giunte al 6° anno consecutivo. L’esenzione dal ticket riguarda i lavoratori che hanno perso il lavoro, sono in cassa integrazione, in mobilità o con contratto di solidarietà e comprende i famigliari a carico. Alle famiglie emiliano-romagnole in situazioni di estremo disagio sociale individuate o in carico ai Servizi sociali dei Comuni è garantita la distribuzione gratuita dei farmaci di fascia C, ossia i farmaci distribuiti direttamente dalle farmacie delle stesse Aziende sanitarie.
    Leggi tutto su quotidiano sanità

  • 8 Gennaio 2015 | Convegni, corsi, conferenze sociali a Bologna (gennaio 2015) vedi

    Gli appuntamenti per informarsi, formarsi, aggiornarsi per chi lavora e opera nell'ambito dei servizi sociali e del terzo settore a Bologna nel mese di gennaio 2015.

     

    venerdì 16 febbraio
    incontro "Sopravvivere alla scuola: crescere e apprendere per gli studenti di oggi" (nell'ambito del Ciclo di incontri per riflettere)
    a cura Q.re S.Stefano, Coop Minotauro
    ore 17,30, Sala Marco Biagi, Complesso del Baraccano, Via Santo Stefano 119, Bologna

    lunedì 19 e martedì 20 gennaio
    seminario "Droghe e Comunicazione - Local pass. Seminario internazionale sul tema della prevenzione e informazione contro l'abuso delle nuove droghe"
    a cura di Progetto local pass, Regione E.Romagna, Asl Bologna
    dalle 9,30 alle 18 e dalle 9,30 alle 13, Regione E.Romagna, sala polivalente, v.le A.Moro 50, Bologna

    martedì 27 gennaio
    proiezione del film "Io sto con la sposa" e a seguire dibattito con uno degli autori, Gabriele Del Grande
    ore 21, cinema Perla, via San Donato 38, Bologna

    mercoledì 29 gennaio
    incontro "5 buone ragioni..per accogliere i bambini che vanno protetti" (storie e dati sui minorenni allontanati dalle famiglie)
    a cura di Cismai, CNCA e altre associazioni
    dalle 10,30 alle 13, Sala Marco Biagi, Quartiere S. Stefano, via S. Stefano 119, Bologna