Servizi e Sportelli Sociali

Associazionismo e carcere a Bologna

A Bologna sono molteplici le attività realizzate dalle associazioni sia all'interno che all'esterno della casa circondariale della Dozza. L'associazionismo è infatti molto ricco e vario sia per caratterizzazione che per la diversità delle attività proposte. Tra associazioni di volontariato, culturali, gruppi cittadini, sono circa 200 i volontari impegnati a Bologna in questo ambito.
Questa scheda si propone di fornire una panoramica sia delle associazioni bolognesi che operano nell'ambito della realtà carceraria, sia dei principali progetti attivi alla casa circondariale della Dozza.

Associazioni in carcere


A.Vo.C – Associazione volontari carcere

L' A.Vo.C è un'associazione di volontariato che promuove diverse attività per le persone detenute o ex detenute. In particolare vengono promossi servizi legati al reinserimento delle persone ex detenute sia sul piano sociale e abitativo, che lavorativo. Organizza inoltre attività all'interno del carcere come gruppi vangelo, video forum, colloqui individuali. Infine vengono promosse attività di sensibilizzazione nei confronti di cittadini e istituzioni.
Approfondisci

Il Poggeschi per il carcere  - Associazione di volontariato su carcere e giustizia
Il Poggeschi per il carcere è un’associazione di giovani studenti e lavoratori che opera per favorire nelle persone detenute alla Dozza la ricostruzione di un proprio tessuto relazionale per un pieno reinserimento sociale, attraverso laboratori culturali all’interno del carcere e accompagnamento in permesso all’esterno. Inoltre svolge attività di sensibilizzazione, attraverso incontri nelle scuole del territorio e con eventi culturali rivolti alla cittadinanza.
Attraverso la collaborazione con la Cooperativa Crocicchi e con Avoc promuove infine attività per il reinserimento sociale dei detenuti.
Approfondisci

L'Altro diritto: centro di documentazione su carcere, devianza e marginalità
Lo scopo del "Centro di informazione giuridica" è dunque soprattutto quello di informare le persone detenute dei loro diritti ed eventualmente di aiutarli ad accedervi in tutte le circostanze in cui non è indispensabile la mediazione di un avvocato.  Accanto alla consulenza giuridica l'attività del Centro nel tempo si è estesa anche a tutte quelle attività che possono favorire l'effettivo godimento dei diritti da parte dei detenuti (contatti con Cooperative Sociali, Comunità e Sert, accompagnamenti di detenuti in permesso o affidati a comunità terapeutiche, ecc.).
Approfondisci

Antigone: associazione per i diritti e le garanzie nel sistema penale
L'associazione Antigone si occupa da molti anni di promuovere elaborazioni e dibattiti sul modello di legalità penale e processuale del nostro Paese e sulla sua evoluzione; raccoglie e divulga informazioni sulla realtà carceraria e cura la predisposizione di proposte di legge. Promuove inoltre campagne di informazione e di sensibilizzazione su temi o aspetti particolari, comunque attinenti all’innalzamento del modello di civiltà giuridica del nostro Paese, anche attraverso la pubblicazione del quadrimestrale Antigone.  
Approfondisci

Associazione Papillon
L'associazione Culturale Papillon-Rebibbia Onlus Bologna promuove da anni il “Progetto Papillon” che si rivolge a detenuti che possono fruire delle misure di legge alternative al carcere, per svolgere lavori socialmente utili.  In particolare i detenuti vengono impegnati in attività di assistenza e cura di persone anziane e disabili,  fruendo essi stessi di un’esperienza formativa e motivante, tramite il contatto con i servizi alla persona, utile al re-inserimento nella società.
Approfondisci

Progetti

Progetto “Fuori e dentro”: volontariato e carcere a bologna
Con la collaborazione di VOLABO, quattordici attori diversi, tra cui cinque Organizzazioni di Volontariato insieme ad altre realtà del Terzo Settore e Istituzioni che già operano nell’ambito della detenzione presso la Casa Circondariale della Dozza e l’Istituto penitenziario minorile di Via del Pratello, hanno scelto di mettersi a confronto sulle problematiche riguardanti la situazione carceraria locale, il corretto funzionamento della “pena ripartiva” e la necessità di una cultura civile consapevole e sensibile a queste tematiche.
In particolare il progetto prevede la realizzazione di un piano di azioni volto a trovare percorsi nuovi, sviluppare una coscienza comune sui temi legati alla detenzione, trovare soluzioni per migliorare il contesto e i diritti delle persone private della libertà.
Approfondisci

Giustizia riparativa e pena utile
Nell'ambito di “Fuori e dentro” nasce il progetto “Giustizia ripartiva e pena utile”, che si pone l’obiettivo di sviluppare una serie di azioni volte a promuovere attività riabilitative all’interno del carcere, misure alternative alla detenzione da scontare al di fuori dell’istituzione penitenziaria per sperimentare nuovi percorsi di accompagnamento degli ex detenuti nell’inserimento nella società nel momento della fuori uscita dal carcere, nell’ottica di valorizzare il ruolo del volontariato e del terzo settore nel creare occasioni di scambio e opportunità di relazioni significative, fondamentali per la promozione della persona del detenuto dentro e fuori dal carcere.
Approfondisci

Progetto Streccapogn
L'associazione Streccapogn assieme all’associazione Poggeschi per il Carcere promuovono un progetto di reinserimento sociale, che prevede la possibilità per alcune persone detenute di usufruire di misure alternative per attività esterne di volontariato in un laboratorio socioccupazionale agricolo ed in attività di addestramento e formazione in alcune aziende del nostro territorio.
Approfondisci

Ausilio cultura in carcere
Auser Bologna, la Casa Circondariale di Bologna, Coop Adriatica e il Comune di Bologna, hanno dato il via a una convenzione che consente ai detenuti della Casa Circondariale della Dozza di accedere a  tutto il patrimonio librario delle biblioteche del Comune di Bologna tramite il servizio di prestito interbibliotecario. I volontari di Ausilio Cultura, già impegnati nel portare i libri a casa delle persone anziane o con difficoltà a deambulare, hanno ampliato infatti il loro servizio, per andare a consegnare i libri scelti dai detenuti stessi alla Biblioteca della Casa Circondariale della Dozza.
I detenuti potranno quindi scegliere tra i tanti testi disponibili nelle biblioteche comunali di Bologna, richiederli e riceverli direttamente in carcere, grazie alla disponibilità dei volontari Auser - Ausilio.
Approfondisci

Progetto “Parole comuni” - Associazione gruppo elettrogeno
L'associazione Gruppo Elettrogeno, che si occupa della diffusione dell’arte teatrale attraverso la produzione di spettacoli e l’organizzazione di festival e rassegne, promuove il progetto “Parole comuni”, che prevede l'attivazione di percorsi laboratoriali di teatro, musica, video, scrittura, nella casa circondariale della Dozza.
Gruppo Elettrogeno fa inoltre parte del Coordinamento Teatro Carcere Emilia Romagna, che riunisce le realtà che realizzano progetti di teatro nelle carceri della regione.
Approfondisci

Per ulteriori informazioni sul tema carcere a Bologna
Interventi a favore di detenuti ed ex detenuti (esecuzione penale adulti)
La realta' del carcere

Categorie di Utenza

  • Disagio Sociale Adulti