Servizi e Sportelli Sociali

Archivio - Notizie 2014

  • 29 Aprile 2015 | Barriere architettoniche. Riparte il fondo: dalla Regione 1 milione di euro vedi

    Dopo l'azzeramento del finanziamento negli anni 2013 e 2014 riparte il Fondo regionale per gli interventi relativi alla legge 13/89 che come è noto lo Stato non finanzia più dal 2001. Da allora la Regione E.Romagna ha sopperito con propri fondi (circa 15milioni di euro) che però si erano azzerati negli ultimi due anni. Ora, dopo l'emanazione delle due DGR in materia nell'anno 2014 che modificano i criteri per accedere al bando, introducendo l'ISEE del nucleo famigliare e due graduatorie parallele (nazionale e regionale) sono nuovamente a disposizione fondi, anche se in misura miniore rispetto a precedenti finanziamenti,  per le domande presentate entro il 1 marzo del 2014.
    Leggi tutto nel sito sociale emilia romagna

  • 17 Aprile 2015 | Arrivati in redazione (marzo/aprile 2015) vedi

    I libri, le riviste, le newsletter, i video, gli opuscoli, i documenti arrivati in redazione e utili per chi lavora nel sociale:


    LIBRI - Lavorare nel sociale, una professione da ripensare, Giulio Marcon (a cura di), edizioni dell'Asino, Roma, 2015
    Un manuale insolito e polemico, ricco di informazioni e consigli teorici e pratici per intervenire nei modi migliori negli ambiti del lavoro sociale. Attraverso le testimonianze di molte pratiche efficaci e l’analisi dei molti profili lavorativi, gli autori (educatori, operatori sociali, attivisti dei diritti umani, professionisti di buona volontà) esaminano e raccontanoin modo critico e partecipe le modalità del lavoro sociale e delle sue professioni, mettendo in guardia da errori, trappole e ambiguità, oggi che il terzo settore è stato “recuperato”  e il welfare smantellato.
    Recensione da redattoresociale.it

    LIBRI - Istituire la vita. Come restituire le istituzioni alla comunità, Francesco Stoppa, edizioni Vita e Pensiero, Milano, 2014
    Educare, curare, governare non sono attività standardizzabili, assimilabili a quelle di una macchina impersonale, ma si interfacciano costantemente con l’imprevedibilità e l’eccedenza della vita, soprattutto nei suoi passaggi dolorosi come la malattia, il disagio, la violenza. Avvicinarsi a questa anima inquieta, al corpo pulsante della comunità non è possibile se si muove da strategie predefinite e da azioni pianificate all’interno di più o meno improbabili cabine di regia. Occorre invece ‘entrare nel rischio’ e dare ospitalità anche – e in primo luogo – alle manifestazioni più recalcitranti della natura umana che chiedono sempre, oltre che di essere ascoltate, di essere aiutate a definirsi, di essere dotate di confini entro cui esprimersi, e a volte addirittura di ricevere una voce e un nome che da sole non sanno darsi.

    LIBRI - La rete e la scomparsa della comunità. M.Cerri, F.Fedrigo, L.Lionetti (a cura di), Libreria al segno editrice, Pordenone, 2009
    Il lavoro di rete, cioè l'integrazione tra i vari servizi sociali, sanitari ed assistenziali della comunità, e tutt'altro che un processo spontaneo e naturalmente virtuoso. Al di la delle buone leggi e4 delle facili retoriche, la mancanza di un pensiero comune e di concrete e condivise metodologie, rischia di lasciare il campo a un nuovo specialismo territoriale e a una rassegnazione di fondo che riconsegna tutti alla propruia solitudine.  Si tratta di ripensare la questione del governo delle reti ridefinendo il ruolo di chi è chiamato a responsabilità apicali e mettendo in atto forme inedite e diffuse di leadership.
    Per informazioni

    LIBRI - L'affidamento al servizio sociale dei minori di età, A.Dissegna (a cura di), Edizioni Guerini e associati, Milano, 2014
    In vista di una possibile riforma della giustizia è utile per operatori, avvocati e giudici, ridefinire e riflettere sull'affidamento ai servizi sociali.
    Questa misura giuridica per la tutela dei minori, nata come provvedimento rieducativo e di controllo sociale della devianza minorile, ha trovato poi ampio utilizzo in campo civile e nelle separazioni di genitori. Con questo lavoro, che fornisce testimonianza di una ricerca effettuata dai Garanti dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza di quattro diverse regioni, ci si propone di ridefinire le responsabilità nel sistema di protezione della tutela dell’infanzia e dell’adolescenza.
    Oltre ai saggi raccolti, anche approfondimenti normativi e contributi presentati al convegno nazionale sull'affidamento al servizio sociale, realizzato a Roma nel 2014, nel quale sono stati discussi i risultati della ricerca.

    LIBRI - Cuore di zingara, M.Dalle Donne, Ediesse, Roma, 2014
    Rosanna, una bimba di tre anni, è il filo conduttore della storia di un clan familiare rom, fatto di personaggi straordinari, in prevalenza donne intrepide e appassionate segnate dall’esclusione e dalla presenza di un capo clan tragicamente dominante. Rosanna ci conduce tra i campi rom di Firenze, Roma e Torino. Scopriamo mondi altri, dove passato e futuro si annullano nel presente. Mondi fatti di suggestioni, di magia, di disperazione e... amore sublime. Per non dimenticare, la sezione del libro posta a premessa della peregrinazione di Rosanna, racconta la storia del Porrajmos, il genocidio del popolo rom nei campi di sterminio della Germania nazista e non solo.
    Recensione su redattoresociale.it

    LIBRI . Presunti colpevoli. Dalle statistiche alla cartella clinica: indagine sugli errori in sanità, Tatiana Pipan (a cura di), edizioni Guerini e associati, Milano, 2014
    Conoscere e comprendere il rischio in sanità è l'obiettivo di questo libro. L'indagine riguarda in primo luogo le statistiche sugli eventi avversi: dati prodotti da organizzazioni con finalità e obiettivi diversi - l'ANIA, il Tribunale per i diritti del Malato e il Ministero della Salute - che alimentano la "guerra dei numeri" inscenata dai media per alimentare immagini di mala-sanità. Il secondo oggetto esaminato al microscopio è la cartella clinica, che racchiude la storia clinica del paziente e che nel suo viaggio tra diversi contesti organizzativi - come pure nelle pratiche di compilazione dei referti prodotti e inseriti al suo interno - veicola errori e contiene talvolta la prova principe dell'errore medico. E lo stesso rischio può nascondersi nella scheda di soccorso, usata nelle cure di emergenza, e nella checklist delle sale operatorie. La scelta del metodo etnografico ha permesso di indagare negli interstizi organizzativi e dare una lettura che va oltre lo stereotipo della ricerca del colpevole.

    LIBRI - I percorsi dell'adozione internazionale: il punto di vista delle famiglie. Indagine 2012, Commissione adozioni internazionali presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, Istituto degli Innocenti di Firenze, Firenze, 2014
    L’indagine annuale realizzata dalla Commissione per le adozioni internazionali per monitorare le esperienze vissute dalle famiglie italiane che hanno adottato nel corso del 2012 bambini di origine straniera è alla sua quarta edizione. Quelle che di seguito si presentano sono le più significative risultanze di tale indagine, che prende le mosse, come quelle precedenti,dal lavoro di monitoraggio effettuato dal 2000 sui flussi di ingresso in Italia a scopo adottivo di minori stranieri attraverso l’analisi dei fascicoli di adozione, attività che permette di coinvolgere tutte le coppie che hanno completato l’adozione nell’anno di riferimento
    Per informazioni

    OPUSCOLI - Sette opuscoli in tema di prevenzione del maltrattamento, a cura Centro specialistico Il Faro Az.Usl Bologna, Associazione L'isola che c'è, Azienda USL Bologna, 2015
    Il progetto si ispira alle raccomandazioni dell’Organizzazione mondiale della salute e dell’International Society for Prevention orf child abuse and neglet “Preventing Child Maltreatment: a guide to taking action and generative evidence” (2006) che raccomandano, nell’ambito di una prospettiva ecologica di intervento, anche l’adozione di strategie relazionali di prevenzione del maltrattamento. Promuovere le conoscenze sullo sviluppo, sulle conseguenze della violenza, sensibilizzare all’importanza del legame precoce e sicuro genitore-figlio e a metodi educativi non violenti si è dimostrata una strategia “efficace nella prevenzione del maltrattamento sui minori e della violenza in generale”.
    La novità del progetto deriva dal suo rivolgersi direttamente ai destinatari con un linguaggio accessibile, comprensibile e orientato a offrire consigli aggiornati e di concreta utilità. Non solo opuscoli informativi, bensì in-formativi rivolti ai genitori, ai ragazzi e agli operatori. Uno strumento educativo e professionale allo stesso tempo.
    - I titoli della collana:
    Il comportamento sessuale nel bambino: raccomandazioni per i genito
    Che cosa sono i maltrattamenti? Raccomandazioni per genitori e datori di cura
    Bambini che assistono a violenza domestica: raccomandazioni per i genitori
    Conoscere la violenza sessuale: raccomandazioni per ragazze e ragazzi
    Prepararsi a rendere testimonianza in Tribunale: raccomandazioni per gli operatori
    Genitori con storie traumatiche nei Servizi di protezione e cura dell’infanzia: raccomandazioni per operatori, avvocati, famiglie di origine e accoglienti
    Educazione positiva e non violenta: quello che i genitori dovrebbero sapere   

    (fonte redazione sportello sociale)

  • 23 Dicembre 2014 | Nuovi Assessori al Welfare e alla Sanità in Regione vedi

    Saranno Elisabetta Gualmini  e Sergio Venturi i nuovi assessori regionali rispettivamente al Welfare e alle Politiche della salute. La prima, politologa,  è Presidente dell'Istituto Cattaneo di Bologna e avrà anche la vicepresidenza della Regione. Venturi è stato direttore generale del Policlinico S.Orsola di Bologna. L'annuncio alla conferenza stampa di presentazione della nuova Giunta tenuta lunedì 22/12 dal Presidente Bonaccini.

  • 18 Dicembre 2014 | La scomparsa di Giovanni Bersani e Franco Bomprezzi vedi

    Giovanni Bersani è mancato alla vigilia di Natale all'età di cent'anni. Senatore della Repubblica è stato una delle figure della nostra città più impegnate e soprattutto stimate nell'ambito sociale, in particolare sul versante della cooperazione internazionale dove era stato per tantissimi anni animatore della Ong CEFA. Proprio per la sue esperienza della realtà africana era stato impegnato anche come mediatore per risolvere alcuni conflitti armati in regioni africane.
    Nel campo dell'associazionismo aveva partecipato alla fondazione delle sedi locali delle Acli prima e dell'MCL poi.
    Un ricordo di Giovanni Bersani: il suo impegno nella cooperazione internazionale

    Soprattutto giornalista e scrittore, Franco Bomprezzi, scomparso il 18 dicembre a Milano all'età di 62 anni, è stato una delle persone più note a chi segue le agenzie informative del mondo della disabilità e al pubblico televisivo. Era molto attivo anche nel campo dell'associazionismo collaborando soprattutto alle battaglie culturali e politiche della Fish e della Uildm.
    Aveva scritto per il Resto del Carlino, il Mattino di Padova ed attualmente per l'edizione on line del Corriere della Sera.
    Poco avvezzo al protagonismo era uno dei pochi "disabili eccellenti" che aveva saputo resistere alla cultura double face del "diversamente-abile" e al vezzo, tipico dei media, di dividere le persone disabili tra vinti e, specularmente, eroi.
    Una bella persona, che aveva fatto della sua disabilità nè un pregio nè un difetto.
    Un ricordo: Franco Bomprezzi parla della parola "abilità"
    Un ricordo: Grazie alla vita, Franco Bomprezzi intervista Valeria Golino...e viceversa
    (fonte redazione sportello sociale)

  • 17 Dicembre 2014 | Sabato 20 e domenica 21 dicembre sostieni i Market solidali di Case Zanardi vedi

    I volontari degli Empori solidali bolognesi di Case Zanardi saranno in Piazza Nettuno sabato 20 e domenica 21 dicembre, dalle 10.00 alle 19.00, per far conoscere il progetto e invitare i cittadini a sostenere questa importante iniziativa promossa dal Comune di Bologna.

    Gli empori solidali sono due “market” per famiglie in difficoltà con bambini, residenti a Bologna, inviate dai Servizi Sociali Territoriali. Con una tessera a punti personalizzata le famiglie possono ottenere generi alimentari e beni per la cura della persona e della casa. Gli Empori si trovano in via Capo di Lucca 37 e in via Abba 28 C/D, sono gestiti da istituzioni, terzo settore e cittadini volontari e si sostengono grazie alle donazioni di aziende e privati.

    Come sostenere Case Zanardi:
    Dona beni di prima necessità al banchetto di Piazza del Nettuno il 20 e 21 dicembre dalle 9.00 alle 20.00 o recandoti all'Emporio Solidale in via Capo di Lucca 37 (martedì 10.00-12.00, giovedì 15.30-17.30 e sabato 10.00-12.00). Ecco cosa donare:
    - Alimentari: pasta, riso, farina, passata di pomodoro, scatolame (fagioli, piselli, lenticchie, ceci), olio, tonno, latte a lunga conservazione, biscotti, zucchero, omogeneizzati per bambini
    - Igiene personale: sapone liquido, dentifricio, spazzolino, rasoi usa e getta, pannolini per bambini
    - Igiene casa: detersivi bucato, detergenti casa, asciugatutto, carta igienica
    Dona facendo un'offerta libera su http://www.casezanardi.it con carta di credito, paypal o con bonifico (inserendo il proprio codice fiscale è possibile beneficiare della detrazione fiscale nella propria dichiarazione dei redditi secondo quanto previsto dalla normativa vigente>>)
    Dona facendo un'offerta libera al banchetto che troverai in Piazza Nettuno il 20 e 21 dicembre.

    Per informazioni:
    casezanardi@comune.bologna.it
    emporiosocialebologna@gmail.com

    Social network:
    Trovate anche l’evento sulla pagina Facebook da poter condividere e a cui invitare i contatti del vostro profilo
    Se utilizzate anche twitter gli hashtag sono #emporisolidali e #caseZanardi

    (fonte Istituzione inclusione Comune Bologna - Progetto Case Zanardi)

  • 15 Dicembre 2014 | Contributo compensa Tasi vedi

    Prorogata al 31 dicembre la scadenza del bando per 500.000 euro di contributi rivolto a famiglie con due o più figli minori di 26 anni a carico del genitore, proprietarie di un'unica casa con rendita catastale non superiore a 892,85 euro e ISEE uguale o inferiore a 20.000 euro, che abbiano pagato l’acconto TASI.
    Leggi tutto nel sito del Comune

  • 11 Dicembre 2014 | Riforma del terzo settore: la documentazione delle audizioni alla Camera vedi

    Il 10 novembre si sono svolte le audizioni alla Camera sul Disegno di Legge sul terzo settore. In particolare sono stati ascoltati  i rappresentanti di: della Conferenza nazionale enti per il servizio civile (CNESC), del Forum Nazionale Servizio Civile, della Consulta nazionale servizio civile, dell'Associazione mosaico, del Cesc project, dell'Associazione italiana servizio civile (AISeC); dell'Associazioni provinciali invalidi civili e cittadini anziani (A.P.I.CI); del Forum nazionale del terzo settore; di Caritas Italiana, della Conferenza permanente delle associazioni, federazioni e reti di volontariato (ConVol), del Coordinamento nazionale dei centri di Servizio per il volontariato (CSVnet), dell'Associazione di fondazioni e di casse di risparmio (ACRI), dell'Associazione difesa utenti servizi bancari finanziari postali e assicurativi (ADUSBEF), di Cittadinanzattiva, della Fondazione I bambini delle fate, della Campagna sbilanciamoci, Fairwatch, Libera, del Dipartimento advocacy dell'Associazione WeWorld onlus, della Federazione volontari del soccorso della regione Lombardia, di Giuliano Marrucci, giornalista e di Luca Gori, ricercatore Istituto Dirpolis-Scuola Sant'Anna di Pisa; di Alleanza delle cooperative italiane sociali, della Banca Popolare Etica, Emergency, di Transparency International, di Giovanna Melandri presidente di Human Foundation, del Centro ELIS, Harambée-Africa international e dei Centri di aiuto alla Vita (CAV); della Guardia di finanza; del Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili e Consiglio nazionale del notariato (CNDCEC).
    Sono stati ascoltati anche i rappresentanti di: Conferenza delle regioni, CGIL, CISL, UIL, ISTAT, Agenzia delle entrate, ANAC e ISFOL.

    Documenti disponibili


    ISTAT:
    Testo integrale
    Allegato statistico

    Agenzia Entrate: Testo integrale

    CNESC


    Forum Terzo settore

    CNDCEC

    ConVol


    CSVnet

    Cittadinanza attiva


    Premessa generale UIL - Audizione ddl riforma del Terzo settore

    Osservazioni unitarie CGIL-CISL-UIL su ddl Terzo settore

    Memoria del Forum Nazionale del Terzo Settore


    Audizione ISFOL

  • 11 Dicembre 2014 | Sportelli sociali, orari nel periodo natalizio (dal 22/12 al 6/1) vedi

    Gli sportelli sociali presso le sedi dei Quartieri osserveranno nelle due giornate di apertura previste nel periodo natalizio (martedì 23 e martedì 30 dicembre) il seguente orario: dalle 8,15 alle 14,00.
    Fanno eccezione:
    - lo sportello del q.re Navile, sede di via Marco Polo, che nei giorni 23 e 30 dicembre rimane chiuso (aperto nel quartiere lo sportello di via Saliceto)
    - lo sportello dei q.ri S.Donato e S.Vitale che nei giorni 23 e 30 dicembre chiude alle ore 13,00 (per questo sportello ricordiamo che dal 25/11 e fino all'8/1 lo sportello effettua orario ridotto dalle 8,15 alle 13,00)
    (fonte redazione sportello sociale)

  • 11 Dicembre 2014 | Comune di Bologna: approvato un piano di oltre 800.000 euro contro gli sfratti vedi

    Approvato il piano per attivare oltre 800.000 euro di risorse finanziarie nazionali e regionali con l'obiettivo di ridurre i problemi legati al disagio abitativo.
    Il nuovo protocollo d’intesa, promosso dalla Prefettura di Bologna tra Tribunale di Bologna, Provincia di Bologna, Comuni della Provincia di Bologna, Ordine degli avvocati di Bologna, sindacati ed associazioni rappresentative dei proprietari e degli inquilini, istituti di credito e fondazioni bancarie, recepisce la normativa nazionale sulla morosità incolpevole.
    I contributi sono destinati sia a inquilini che proprietari e rimarranno in vigore fino al 31 dicembre 2016.

    Nel caso degli inquilini,  sono state messe in campo due misure distinte. La prima serve a coprire morosità pregresse che non superino i 10.000 euro, sia in caso di sfratto convalidato che non convalidato. La seconda invece consiste in un contributo a fondo perduto erogato a favore di coloro che, in situazione di sfratto convalidato ma non eseguito, decidano di stipulare un nuovo contratto in altro alloggio purché il nuovo canone di affitto sia sostenibile da parte dell'inquilino.

    I proprietari potranno infine chiedere un contributo corrispondente a 6, 9 o 12 mensilità nel caso in cui lo sfratto, convalidato ma non eseguito, venga rinviato.
    (fonte sito Comune Bologna)

  • 10 Dicembre 2014 | Minori stranieri non accompagnati: il Comune di Bologna lancia la figura del tutore volontario vedi

    Prende il via a Bologna un'innovativa sperimentazione relativa alla figura del tutore volontario per i minori stranieri non accompagnati richiedenti protezione internazionale. L'iniziativa rientra nel progetto SPRAR rivolto ai minori non accompagnati del Comune di Bologna, a cui ha aderito anche il Comune di Ferrara, in collaborazione con il Garante per l'Infanzia e Adolescenza della Regione Emilia-Romagna, la Cooperativa Sociale Camelot – Officine Cooperative e gli altri enti gestori del progetto (Consorzio CEIS di Bologna e Fondazione Opera Don Calabria - Città del Ragazzo di Ferrara).

    La normativa in materia definisce il tutore come figura di fondamentale importanza nel percorso di inserimento sociale dei minori non accompagnati, in particolare per quanto riguarda i minori richiedenti protezione internazionale, che devono essere assistiti dal tutore sin dal momento della presentazione della richiesta di asilo. Fino ad oggi questa importante figura era nominata dal Giudice Tutelare nella persona del legale rappresentante dell'Ente Locale che ospita il minore (tutore istituzionale).
    La sperimentazione si pone invece l'obiettivo di identificare nella società civile persone disposte ad acquisire le competenze necessarie all'esercizio del delicato ruolo di tutela, promuovendo così una logica più personalizzata, in cui ogni minore abbia diritto al proprio tutore (e il Giudice Tutelare valuti in quali casi preferire questa tutela ad personam alla tutela istituzionale).


    Gli aspiranti tutori hanno frequentato un articolato corso di formazione e molti di loro hanno poi iniziato un percorso di affiancamento e conoscenza con alcuni minori accolti nelle comunità educative bolognesi. Un'esperienza che ha consentito l’instaurazione di una relazione di conoscenza e fiducia reciproca tra tutori e minori, e, nello stesso tempo, ha apportato ai servizi dello SPRAR un punto di vista esterno e complementare, che rappresenta ad oggi una preziosa risorsa per il sistema di accoglienza nel suo complesso.

    Proprio nei giorni in cui si celebrava il 25esimo anniversario della Convenzione ONU sui Diritti dell’Infanzia il Giudice Tutelare di Bologna ha accolto la richiesta del Comune di Bologna, inviando le prime nomine ufficiali agli aspiranti tutori volontari e dando così il via alla sperimentazione di questa nuova figura. Un primo passo che rappresenta però certamente un grande successo nel cammino di messa a regime del tutore volontario quale elemento di supporto concreto per i minori non accompagnati accolti sul territorio.

    Per informazioni
    Antonella Tosarelli (Comune di Bologna), antonella.tosarelli@comune.bologna.it

  • 4 Dicembre 2014 | Welfare e partecipazione: il Community Lab di Bologna vedi

    Il Community Lab è un metodo di lavoro finalizzato a comprendere meglio le comunità di oggi e le possibili forme di evoluzione in materia di welfare locale grazie all’apporto dei cittadini.
    “Il Community Lab a Bologna, spiega Carla Martignani dell’Ufficio di Piano del Dipartimento Benessere di comunità del Comune di Bologna, è partito dall’analisi dei contesti di tre quartieri della nostra città, Borgo Panigale, Reno, San Vitale, e dall’individuazione dei bisogni più urgenti, per arrivare a capire come attori diversi, ognuno facendo un passo avanti, potessero contribuire al loro superamento, condividendo obiettivi e azioni possibili”. Partecipazione  è, infatti, la parola chiave dei tre progetti attivati che, valorizzando tutte le risorse presenti, hanno permesso di arricchire l’offerta di servizi sul territorio oppure di ricreare socialità in zone in cui si rischiava andasse persa.
    Ma il Community Lab è un modello che si può replicare? La partecipazione può farsi sistema? Sembra proprio di sì. La riforma dei Quartieri annunciata dal Comune punta sulla cittadinanza attiva e su quella che è stata definita “organizzazione di comunità”.
    Nell'articolo del sito sociale emilia.romagna.it e nei video realizzati il racconto delle esperienze realizzate nei tre quartieri cittadini.
    Leggi tutto
    Scarica i due video:  Community Lab - Progetto al q.re Reno
    Approfondisci il tema del Community Lab
    (fonti: sito Comune Bologna, sito sociale emilia romagna)

  • 1 Dicembre 2014 | Bonus bebé, non autosufficienza, famiglie numerose... : approvata in via definitiva la legge di stabilità vedi

    Legge di stabilità approvata; le norme su sanità e welfare.

    23/12/14: la Camera approva definitivamente in seconda lettura la Legge di stabilità
    Il testo della legge
    Tutte le misure in ordine alfabetico
    Legge di stabilità: il commento su Vita.it alle misure sociali
    Legge di stabilità e persone disabili

    Legge di stabilità: una guida per le norme su sanità e welfare
    Una vera e propria guida sulle disposizioni concernenti la sanità e le politiche sociali contenute nella legge di stabilità è stata elaborata dalla Segreteria della Conferenza delle regioni (settore salute e politiche sociali) ed è stata pubblicata sul sito www.regioni.it
    Si tratta di un quadro sinottico che rende più esplicito e comprensibile l’articolato e che riporta anche le posizioni assunte dalla Conferenza delle Regione sulle singole materie. Consulta la guida

    20/12/14: Legge stabilità approvata al Senato (...e ritorna alla Camera)
    La legge di stabilità approvata dal Senato: il testo del maxiemendamento approvato
    Le principali misure di ambito sociale:
    - PATRONATI.
    Il taglio ai patronati sarà ridotto a 35 milioni di euro, rispetto ai 150 milioni previsti. Recuperati 30 milioni di risorse per il fondo per gli sgravi destinati alla contrattazione di secondo livello. Le coperture vengono attinte dal cosiddetto fondo taglia-tasse. La decurtazione del fondo passa così da 238 a 208 milioni.
    - CINQUE X MILLE.
    Entro due mesi dalla data di entrata in vigore della legge di stabilità dovranno essere definite le modalità di redazione del rendiconto sulla destinazione del 5 per mille.
    - BONUS BEBE'.
    Al fine di incentivare la natalità e contribuire alle relative spese per il sostegno, per ogni figlio nato o adottato a decorrere dal 1° gennaio 2015 fino al 31 dicembre 2017, è riconosciuto un assegno di importo annuo di 960 euro erogato mensilmente a decorrere dal mese di nascita o adozione. Tale assegno è corrisposto fino al compimento del terzo anno d’età ovvero del terzo anno di ingresso nel nucleo familiare a seguito dell’adozione, per i figli di cittadini italiani o di uno Stato membro dell’Unione europea o di cittadini di Stati extracomunitari con permesso di soggiorno, residenti in Italia e a condizione che il nucleo familiare di appartenenza del genitore richiedente l’assegno sia in una condizione economica corrispondente a un valore dell’indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) non superiore a 25.000 euro annui. Qualora il nucleo familiare di appartenenza del genitore richiedente l’assegno sia una condizione economica corrispondente a un valore dell’ISEE non superiore a 7.000 euro annui, l’importo dell’assegno di 960 euro è raddoppiato.
    - MANTENIMENTO FIGLI.
    Nel limite di 45 milioni di euro per l’anno 2015, al fine di contribuire alle spese per il mantenimento dei figli, sono riconosciuti, per l’anno 2015, buoni per l’acquisto di beni e servizi a favore dei nuclei familiari con un numero di figli minori pari o superiore a quattro in possesso di una situazione economica corrispondente a un valore dell’indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) non superiore a 8.500 euro annui. Con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri sono stabiliti l’ammontare massimo complessivo del beneficio per nucleo familiare.
    - FONDO FAMIGLIE.
    Viene istituito un fondo con una dotazione di 112 milioni di euro per l'anno 2015, da destinare a interventi in favore della famiglia, di cui una quota pari a 100 milioni di euro è riservata per il rilancio del piano per lo sviluppo del sistema territoriale dei servizi socio-educativi per la prima infanzia. Una quota pari a 12 milioni servirà per il finanziamento dei programmi nazionali di distribuzione di derrate alimentari alle persone indigenti.
    - FONDO POLITICHE SOCIALI
    Lo stanziamento del Fondo nazionale per le Politche sociali si attesta a quota 300 mln annui a partire dal 2015.
    - CONTRASTO LUDOPATIE
    Nell'ambito delle risorse destinate al finanziamento del Ssn, a decorrere dall'anno 2015, una quota pari a 50 milioni di euro è annualmente destinata alla cura delle patologie connesse alla dipendenza da gioco d'azzardo. Una quota di queste risorse, nel limite di 1 milione di euro per ciascuno degli anni 2015, 2016 e 2017, è destinata alla sperimentazione di modalità di controllo dei soggetti a rischio di patologia, mediante l’adozione di software che consentano al giocatore di monitorare il proprio comportamento generando conseguentemente appositi messaggi di allerta. Il Ministero della Salute dovrà poi adottare, d'intesa con la Conferenza Stato Regioni, linee di azione per garantire le prestazioni di prevenzione, cura e riabilitazione rivolte alle persone affette dal gioco d’azzardo patologico (GAP). Sempre il Ministero della Salute, entro tre mesi dall'entrata in vigore della legge, dovrà rivedere la composizione dell’Osservatorio,assicurando la presenza di esperti in materia, di rappresentanti delle regioni e degli enti locali, nonché delle associazioni operanti nel settore.
    - SOCIAL CARD
    l Fondo per le social card sarà di 250 milioni di euro annui a decorrere dall'anno 2015. Estesa ai cittadini comunitari ed extracomunitari la carta acquisti (social card) introdotta dalla legge di stabilità 2014 soppresso in fase di conversione in legge.
    - FONDO POLITICHE SOCIALI
    Lo stanziamento del Fondo nazionale per le politiche sociali, ammonterà per il 2015 a 300 milioni di euro.
    - NON AUTOSUFFICIENZA
    Lo stanziamento del Fondo per le non autosufficienze viene incrementato a 400 milioni di euro per il 2015 e fissato a 250 milioni di euro per il 2016.
    - LAVORO DISABILI
    Incremento del fondo per il diritto al lavoro dei disabili di 20 milioni per il 2015.
    - GARANTE INFANZIA
    Le risorse finanziarie assegnate all’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza sono integrate di 650.000 euro per ciascuno degli anni 2015, 2016 e 2017.
    - DANNEGGIATI EMOTRASFUSIONI
    Agli oneri finanziari derivati dalla corresponsione degli indennizzi per soggetti danneggiati da emotrasfusioni, a decorrere dal 1° gennaio 2012 fino al 31 dicembre 2014 e degli oneri derivanti dal pagamento degli arretrati della rivalutazione dell'indennità integrativa speciale di cui al citato indennizzo fino al 31 dicembre 2011, si provvede mediante l'attribuzione alle Regioni di un contributo di 100 milioni di euro per l'anno 2015, di 200 milioni di euro per l'anno 2016 e di 289 milioni di euro per l'anno 2017 e 146 milioni di euro per l'anno 2018.
    - PARALIMPIADI
    Contributo di 7 milioni annui per le attività del Comitato paralimpico nazionale.

    5/12/14: Legge di stabilità: dossier punto per punto. Schede dettagliate sugli aspetti sociali.
    Il ddl stabilità approvato domenica scorsa dalla Camera è stato assegnato al Senato per la prima lettura in data 4/12/14. Il Servizio studi del Senato ha preparato un Dossier che samina con schede ad hoc, punto per punto, i tre "maxi" articoli della manovra.
    Le tematiche di maggiore interesse per i servizi sociali sono contenuti nel primo Dossier: ve le indichiamo con la pagina di riferimento
    Consulta il primo Dossier (art.1 e art.2 fino al comma 69) dal sito della utilissima agenzia Quotidiano sanità

    ARTICOLO 1
    Assegno per figli nati o adottati (bonus bebè),  183
    Buoni per l’acquisto in favore di famiglie numerose,  185
    Fondo per interventi in favore della famiglia,  189
    Contrasto della ludopatia,  193
    Erogazioni liberali alle ONLUS,  195
    Cinque per mille,  225
    Carta acquisti ordinaria (social card),  231
    Fondo nazionale per le politiche sociali,  233
    Fondo per le non autosufficienze,  235
    Adeguamento della dotazione finanziaria del Garante per l’infanzia,  237
    Fondo nazionale per le politiche ed i servizi dell’asilo,  249
    Fondo per l’accoglienza dei minori non accompagnati,  253
    Autorizzazione di spesa per la riforma del terzo settore e dell’impresa sociale e per il
    Servizio civile universale,  263

    ARTICOLO 2
    Norme in materia di istituti di patronato e di assistenza sociale, 401

    Il secondo Dossier (articolo 2 dal comma 70 in poi e art.3)
    Il testo del DDL all'esame del Senato


    15/12/14: La legge di stabilità passa all'esame del Senato
    Gli emendamenti al testo del DDL presentati dal Governo in Commissione bilancio del Senato

    Stabilità, 80 emendamenti dal governo. Più soldi per l'assunzione dei disabili


    1/12/14: Legge stabilità approvata alla Camera
    crescono il Fondo politiche sociali e quello per la non autosufficienza, cambia il bonus bebé, ne spunta uno indirizzato esclusivamente alle famiglie numerose più povere e arriva un po' di respiro al fondo per la distribuzione di derrate alimentari agli indigenti.
    Prende sempre più forma la legge di stabilità 2015 che è stata approvata in prima lettura alla Camera il 30 novembre.
    Leggi il riassunto dei principali punti di interesse in campo sociale e sanitario nei due contributi delle agenzie redattoresociale e quotidiano sanità:
    Agenzia quotidiano sanità

    Agenzia redattoresociale
    Il testo approvato alla Camera

    (fonti: redattoresociale, agenzia quotidiano sanità, famacistaonline, vita.it, regioni.it)

     

  • 28 Novembre 2014 | Arrivati in redazione (novembre 2014) vedi

    I libri, le riviste, le newsletter, i video, gli opuscoli, i documenti on line arrivati in redazione e utili per chi lavora nel sociale

    CATALOGHI - Catalogo delle riviste specializzate sociali e sanitarie italiane, cartacee e on line, Comune di Bologna, Redazione sportelli sociali, 2014

    Il Catalogo comprende le schede di 238 riviste italiane, cartacee e/o prodotte in edizione on line, dedicate a tematiche sociali e sanitarie.
    Le riviste sono suddivise in una ventina di tematiche e vengono riportati i dati principali delle stesse, la presenza di un eventuale archivio on line, le modalità di abbonamento (una trentina sono a diffusione gratuita), una sintetica descrizione.
    In appendice al catalogo sono riportati i riferimenti di utili materiali di documentazione come articoli dedicati alle riviste, siti utili, banche dati bibliografiche contenenti spogli da riviste, indicazioni sul mondo dell'editoria e dei circuiti bibliotecari dove reperirle.

    CATALOGHI - Catalogo delle newsletter, rassegne on line dalla stampa quotidiana, agenzie stampa sociali italiane, Comune di Bologna, Redazione sportelli sociali, 2014
    Nella nuova edizione che aggiorna quella del 2010 sono segnalate 206 newsletter, tutte diffuse gratuitamente, di area sociale e sanitaria, suddivise attraverso una ventina di tematiche (anziani, dipendenze, disabili, immigrazione, pace e diritti, politiche sociali, salute mentale, sanità, terzo settore...).
    Il catalogo 2014 è stato arricchito anche dalle principali rassegne sociali on line dalla stampa quotidiana e dai riferimenti delle agenzie stampa specializzate su tematiche sociali e sanitarie.
    Sono segnalate in tutto circa 220 risorse gratuite che possono permettere agli operatori, agli amministratori, alle organizzazioni del terzo settore, alle persone che vivono una condizione di fragilità o emarginazione ad ai loro famigliari, di rimanere aggiornati sui temi che li riguardano, professionalmente e/o personalmente.

    BOLLETTINI BIBLIOGRAFICI - Bollettini delle accessioni dei Centri di documentazione di Bologna specializzati
    su tematiche sociali

    Oltre a quanto producono direttamente le case editrici, e che basta richiedere come invio gratuito guardando nei rispettivi siti, un'altra utile fonte di informazione bibliografica sono i "Bollettini delle accessioni" (le novità acquistate/arrivate)  prodotti dai Centri di documentazione/Biblioteche di Bologna specializzati su tematiche sociali e sanitarie. Consulta l'elenco dei Centri di documentazione

    LIBRI -  Obiettivo Salute 2014-2015, Catalogo e schede di adesione dei progetti educativi e formativi rivolti a Scuole, Enti ed Associazioni del territorio - Ausl Bologna 2014

    Attraverso il catalogo “Obiettivo Salute 2014-2015", scaricabile in formato pdf, vengono diffuse le proposte educativo-formative che affrontano diverse tematiche di rilevante interesse per la salute pubblica; sono indirizzate alle varie componenti dell’organizzazione sociale e scolastica territoriale (Enti e realtà associative locali, Scuole di ogni ordine e grado).

    LIBRI - Il servizio di polizia per una società multiculturale, Ministero dell'Interno 2004
    Con l'obiettivo di rafforzare il rispetto dei diritti umani e la lotta ad ogni forma di discriminazione all'interno dei servizi di polizia degli Stati interessati (Italia, Spagna, Irlanda, Svezia e Cipro), il testo illustra, tra l'altro, numerosi casi pratici, esperienze di vita e riflessioni sulle persone appartenenti a etnie minoritarie, in particolare cinese, Rom e nigeriana. Il manuale si rivolge a tutti i funzionari della Polizia di Stato che hanno responsabilità di gestione e di valutazione del lavoro dei dipendenti nonché a coloro che hanno, a diverso livello, responsabilità nella formazione e nell’aggiornamento del personale.

    LIBRI - "A Mano Libera", Laboratorio di "Scrittura della vita" nel carcere di Bologna, A.Vo.C 2013
    Questa raccolta di testi scritti dai detenuti del carcere di Bologna durante un laboratorio di scrittura tenuto da A.Vo.C. attraverso l'autonarrazione vuole comunicare agli altri la sostanza di una storia unica e aprire al riconoscimento reciproco. Info AVOC, tel. 051/ 644.65.77

    LIBRI - “Dossier Statistico Immigrazione 2014” - Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità, Unar, 2014
    Il Dossier 2014 vuole essere uno strumento a disposizione delle istituzioni e della società civile per supportare la lotta al razzismo e ai trattamenti discriminatori e per la costruzione di una società solidale e inclusiva.

    LIBRI - Cittadini stranieri in provincia di Bologna: caratteristiche e tendenze 2013 - Provincia di Bologna 2014
    Realizzato grazie al contributo della Fondazione di ricerca Istituto Carlo Cattaneo nonché alla collaborazione di una lunga lista di servizi ed istituzioni, è un’utile risorsa per affrontare con professionalità, in modo attento ed efficace, alcune delle grandi sfide del nostro tempo: le migrazioni internazionali, la convivenza interculturale e la valorizzazione delle diversità.

  • 27 Novembre 2014 | Cibo sprecato, patrimonio da recuperare: ecco la "Carta di Bologna" vedi

    “Lo spreco alimentare nel mondo vale 2060 miliardi: una volta e 1/3 il Pil italiano. Servono strumenti concreti e urgenti per garantire il diritto al cibo e invertire i dati”. Con queste parole  Andrea Segrè, presidente di Last Minute Market e del Comitato tecnico-scientifico del Ministero dell’Ambiente per l’implementazione del Programma nazionale di prevenzione dei rifiuti ha presentato, assieme il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti e il ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina, la “Carta di Bologna”, il primo documento ufficiale del governo italiano.
    Undici punti contro lo spreco alimentare da “far sottoscrivere durante Expo 2015 dai governi europei, riportando così la questione dello spreco del cibo e del diritto al cibo al centro delle priorità del governo italiano e dei governi di tutto il mondo". “La ‘Carta di Bologna contro lo spreco alimentare' - ha quindi sottolineato Segrè - è stata ideata per definire azioni comuni in tema di atti concreti di lotta allo spreco alimentare, sulla base di una definizione per la prima volta condivisa del ‘food waste’, ma anche di metodologie uniformi di quantificazione dello spreco alimentare, azioni comuni da intraprendere, target da raggiungere e modalità di monitoraggio nel tempo per i risultati conseguiti".
    Leggi tutto su Consumatori regione E.Romagna
    Il testo della Carta di Bologna
    (sito consumatori regione emilia romagna)

  • 27 Novembre 2014 | Boldrini: contrastare dispersione scolastica o non ci sarà ripresa vedi

    "Non c'è più tempo bisogna agire con strategie mirate che sappiano restituire all'istruzione il ruolo di spinta per l'avvenire del nostro Paese. Non vi sarà crescita, non vi sarà alcuna ripresa se non saranno risolti i nodi storici del nostro sistema di istruzione e formazione, come emerge chiaramente da questa indagine. Non si può parlare di strategie per lo sviluppo se non si prendono in considerazione gli indicatori del benessere della popolazione e tra questi c'è l' istruzione. Lo sviluppo è spesso considerato in termini quantitativi e monetari senza valutare l'incremento e la diffusione della conoscenza, i dati sulla andamento del Pil sono certo importanti ma mi piacerebbe che i media siano altrettanto attenti alla dispersione scolastica che é tra gli indicatori più veri del livello di inclusione sociale". Cosí Laura Boldrini, in occasione della presentazione dei risultati dell'indagine conoscitiva sulle strategie per contrastare la dispersione scolastica promossa dalla VII commissione della Camera dei deputati.
    Leggi tutto nel sito dell'agenzia DIRE
    Guarda il video
    Il testo della "Indagine conoscitiva sulle strategie per contrastare la dispersione scolastica". Documento nella versione definitiva approvata dalla VII Comm.ne della Camera

  • 26 Novembre 2014 | Per quattro giorni Bologna protagonista delle tecnologie per la disabilità vedi

    Si concentrano a Bologna in quattro giornate molteplici eventi di rilievo, anche europeo, dedicati al tema delle tecnologie e della accessibilità riferiti alle persone con disabilità.
    Si comicia mercoledì 26 alle 15 all'Urban center di Sala Borsa dove verrà presentato dall'Assessore Matteo Lepore il protocollo di intesa in tema di ricerca e proposte di soluzioni tecnologiche per la disabilità sottoscritto tra Comune, Ausilioteca Asl, Asphi, Istituto Cavazza e Lis Learning.
    Dall'Urban center partiranno poi tre visite guidate, organizzate anche per gli ospiti stranieri della Mostra convegno Handimatica e del seminario europeo Entelis, che porteranno a conoscere le iniziative in tema di accessibilità e tecnologie della Biblioteca di Sala Borsa (accesso alla cultura e alle risorse delle biblioteche), del Mambo (accesso alla cultura, ai musei e all'arte), della Ausilioteca della Azienda USL, gestita da AIAS (mostra permanente ausili, case domotizzate, Centro regionale ausili, CAAD, Centro ausili tecnologici).
    Un altro tassello verso una concezione più ampia di accessibilità nella nostra città, che faccia sistema tra i diversi aspetti (accesso alla città, alla casa, ai trasporti, alle tecnologie, alle comunicazioni, ecc.), integri aspetti tecnici e culturali e faccia dialogare i diversi settori delle amministrazioni pubbliche (sociale, sanità, edilizia, trasporti, cultura, sport, ecc.)

    Da giovedì 27 a sabato 29 nei locali delle Aldini Valeriani in via Bassanelli si terrà poi la 10° Edizione di Handimatica, la più importante mostra/convegno italiana dedicata alle tecnologie per la disabilità, ideata e promossa ogni due anni da ASPHI.
    Oltre 80 gli espositori: in calendario circa 70 eventi seminariali. Nella ultima edizione, svolta nel 2012, Handimatica è stata visitata da 7mila persone.

    Sempre a Bologna il 26 e 27 novembre la rete europea ENTELIS, che si occupa di interventi per promuovere le competenze digitale delle persone disabili, terrà un seminario di 2 giornate presso il campus Bononia di via Sante Vincenzi. Il seminario è rivolto a professionisti coinvolti nel mondo della formazione e della salute e ai ricercatori nel campo dello sviluppo tecnologico e delle tecnologie assistive. La rete ENTELIS coinvolge oltre 30 soggetti (Associazioni, Enti, Università) di 15 nazioni europee ed extraeuropee.

    Infine nel pomeriggio del 28 la Regione fa il punto su sette anni di Fondo regionale per la non autosufficienza con un seminario alla sala polivalente di via Aldo Moro 50. Svariate sono le applicazioni delle tecnologie nel campo della non autosufficienza, così come fondamentale è l'attenzione ai temi dell'accessibilità. Si va dalle telemedicina agli interventi per la sicurezza in casa, dalla alfabetizzazione informatica delle persone anziane agli interventi per contrastare la fragilità. E ancora l'utilizzo delle tecnologie nel campo degli ausili e delle protesi e gli interventi per adattare le abitazioni di anziani e disabili alle loro necessità e alla rete di servizi, i CAAD, specializzati su questo.
    (fonte redazione sportello sociale)

  • 24 Novembre 2014 | Convegni, corsi, conferenze a Bologna (dicembre 2014) vedi

    Gli appuntamenti per informarsi, formarsi, aggiornarsi per chi lavora e opera nell'ambito dei servizi sociali e del
    terzo settore a Bologna nel mese di dicembre 2014


    martedì 2 dicembre
    corso di formazione "Metodi della lettura e della costruzione della notizia interculturale"(nell'ambito di Oltre i
    confini della notizia. Corso di formazione in giornalismo multiculturale)

    a cura UniBo, Cospe
    dalle 9 alle 18, Laboratorio del Master In Giornalismo, via Azzo Gardino 23, Bologna

    martedì 2 dicembre
    seminario "Il Servizio sociale territoriale nel cambiamento" (linee guida per il riordino del servizio sociale
    territoriale, DGR 1012/14)

    a cura di Regione E.Romagna, Agenzia sociale e sanitaria regionale
    dalle 9,30 alle 13,30, Sala Conferenze 20 maggio 2012, via della Fiera 8, terz torre Regione, Bologna

    martedì 2 dicembre
    corso di formazione per iscritti all'Ordine dei giornalisti "Per un giornalismo etico e responsabile. La cultura delle minoranze Rom e Sinti: luoghi comuni, pregiudizi e rischi di discriminazione nella comunicazione giornalistica"
    a cura OdG, Progetto RomaNet, Comune Bolognas, Istituzione inclusione, Rupe formazione
    dalle 15.00 alle 18.00, Urban Center, Sala Borsa, Piazza Nettuno 3, Bologna

    martedì 2 dicembre
    convegno "15 anni di progetto regionale demenze: innovazione e sviluppo"
    a cura Regione E.Romagna
    dalle ore 9.30 alle 13, aula Magna della Regione, in via Aldo Moro 30, Bologna

    mercoledì 3 dicembre (e fino a 11 febbraio 2015)
    Corso di formazione “Diventare Amministratore di Sostegno”
    a cura Progetto SosTengo, Provincia, Ist.Minguzzi, Volabo, Comune
    dalle 17,30  alle 20, Volabo, via Scipione del ferro 4, Bologna

    mercoledì 3 dicembre
    corso di formazione "Inchiesta giornalistica interculturale, metodi e analisi di casi"(nell'ambito di Oltre i confini
    della notizia. Corso di formazione in giornalismo multiculturale)

    a cura UniBo, Cospe
    dalle 9 alle 18,  Laboratorio del Master In Giornalismo, via Azzo Gardino 23, Bologna

    mercoledì 3 dicembre
    anteprima del film "Less is more - crossing disability in Tanzania" (anteprima nazionale del film di Luca Vasco che
    racconta il viaggio di N.De Angelis in Tanzania a bordo della sua handbike)

    a cura di CEFA
    in contemporanea: alle ore 20.00, Cinema Lumière, Piazzetta Pasolini 2/b, Bologna ; alle ore 20.30 Parrocchia di S.Ruffillo, Cinema Bristol, Via Toscana 146,  Bologna

    Mercoledì 3 dicembre  
    proiezione del film "Io sto con la sposa". A seguire incontro con il regista Gabriele del Grande
    a cura Biblioteca Amilcar Cabral
    alle 20,30, Biblioteca Amilcar Cabral, via San Mamolo 24, Bologna

    giovedì 4 dicembre
    incontro "Esperienze in racconto. Persone disabili scrivono e raccontano del rapporto tra fratelli e sorelle"
    a cura Provincia di Bologna
    dalle 17 alle 18.30, Provincia di Bologna, Sala dello Zodiaco, via Zamboni 13, Bologna

    giovedì 4 dicembre
    corso di formazione "Oltre i confini: pratiche giornalistiche e pratiche sociali di interculturalità"(nell'ambito di
    Oltre i confini della notizia. Corso di formazione in giornalismo multiculturale)

    a cura UniBo, Cospe
    dalle 9 alle 13,  Laboratorio del Master In Giornalismo, via Azzo Gardino 23, Bologna

    giovedì 4 dicembre
    seminario "L'Italia, un modello contro l'integrazione" (nell'ambito del ciclo I diritti e le politiche sull'immigrazione)
    a cura Istituto Gramsci E.Romagna
    alle 17,30, sala convegni, Centro italiano documentazione sulla Cooperazione, via Mentana 2, Bologna

    sabato 6 dicembre
    incontro "I rapporti familiari: il matrimonio, la separazione ed il divorzio, la filiazione, eventuali provvedimenti dei Servizi sociali" (nell'ambito del ciclo Scuola di cittadinanza attiva su diritti e doveri degli stranieri)
    a cura di Centro interculturale "Massimo Zonarelli"
    dalle 10 alle 13, Centro interculturale "Massimo Zonarelli", via Sacco 14, Bologna

    sabato 6 dicembre
    incontro "L'Affido Sine-Die"
    a cura Ass.Kairos
    alle 15.30, Borgo dei Servizi, via San Donato 74, Granarolo dell'Emilia (Bo)

    domenica 7 dicembre
    convegno "Disabilità e amore"
    a cura Movimento apostolico ciechi
    dalle 9.30 alle 13, Aula Magna dell'Istituto dei Ciechi "Francesco Cavazza", via Castiglione 71, Bologna

    mercoledì 10 dicembre
    seminario "Mix sociale. La sperimentazione di un modello di equilibrio sociale in contesti di Edilizia Residenziale Pubblica" (nell'ambito del Progetto europeo BUILD SEE)
    a cura Comune Bologna, Acer, coop Piccola Carovana, Q.re S.Vitale
    dalle 10 alle 13, Urban Center Bologna, Sala Atelier, Piazza Nettuno 3, Bologna

    mercoledì 10 dicembre
    presentazione del volume "Tutta la vita in un foglio. Memorie di richiedenti asilo" e proiezione del documentario "Come il peso dell'acqua"
    a cura progetto Cares Bologna
    dalle 18 alle 23, Atelier Sì, via San Vitale 69, Bologna

    giovedì 11 dicembre
    proiezione del film "Dimmi che destino avrò" e dibattiro (film sulla condizione di Sinti e Rom)
    a cura di Centro studi Donati
    alle ore 21, cinema Perla, via San Donato 38, Bologna

    giovedì 11 dicembre
    incontro "L'educazione come pratica di giustizia sociale" (nell'ambito della Giornata Internazionale dei Diritti delle Persone con Disabilità)
    a cura di Opimm
    dalle 17,15 alle 19,30, Cappella Farnese di Palazzo d'Accursio, p-Maggiiore 6,  Bologna

    venerdì 12 dicembre
    Seminario conclusivo del progetto europeo “ Community  Prevention and Early Prevention" (buone pratiche nel campo della prevenzione precoce dei  fattori di rischio e di protezione legati alla delinquenza giovanile)
    a cura progetto Community  Prevention and Early Prevention
    dalle 9,30 alle 16, Sala polivalente Guido Fanti, Regione Emilia-Romagna, Viale Aldo Moro 50, Bologna

    sabato 13 dicembre
    convegno "Empowerment e Comunità"
    a cura di Piano Strategico Metropolitano
    dalle 9.00 alle 13.30, Sala Marco Biagi del Baraccano, via S.Stefano 119, Bologna

    sabato 13 dicembre
    convegno "Valorizzazione e sviluppo delle risorse della famiglia nelle malattie neuromuscolari"
    a cura di UILDM
    dalle ore 9.30 alle ore 13.00 presso l'Aula delle Colonne,  presidio Roncati Ausl, Via Sant'Isaia 90, Bologna

    lunedì 15 dicembre
    Convegno "I disturbi del comportamento alimentare: dalle linee guida ai programmi operativi"
    a cura di Regione E.Romagna
    dalle 9 alle 18, Regione E.Romagna, aula A Terza Torre, viale della Fiera 8, Bologna

    martedì 16 dicembre
    corso di formazione per iscritti all'Ordine dei giornalisti "Gioco d'azzardo e marginalità sociale, il ruolo dei media"
    a cura OdG, ass.Amici di piazza grande
    dalle 9 alle 14, Sala Cenerini Quartiere Saragozza, via Pietralata 60, Bologna

    martedì 16 dicembre
    seminario "Le nuove generazioni al centro della pianificazione strategica. Quali conoscenze per quali politiche?"
    a cura di Provincia, Ciofs/Fp, Piano strategico metropolitano
    dalle 9 alle 13, Cappella Farnese, palazzo d'Accursio, p.Maggiore 6, Bologna

    mercoledì 17 dicembre
    incontro "Presentazione delle attività realizzate con le classi aderenti al progetto L'azzardo nuoce gravemente al gioco"
    a cura di Arci, Opengroup, La Carovana, Comune Bologna
    dalle 14,30 alle 17,30, Tensostruttura, Parco Montagnola, via Irnerio 2/3, Bologna

    Venerdì 19 dicembre
    proiezione del film "Come il vento" (film su Armida Miserere una delle prime donne direttrici di carcere). Segue dibattito
    a cura Associazione Antigone
    alle ore 19.30, Centro Sociale Costa, via Azzo Gardino 44, Bologna

  • 20 Novembre 2014 | Giovedì 20 novembre: Giornata nazionale infanzia e adolescenza vedi

    Il 20 novembre 2014 oltre alla celebrazione della Giornata Nazionale dell'Infanzia e l'Adolescenza, ricorre il 25esimo anniversario dell'approvazione della Convenzione ONU sui diritti dell'Infanzia, il trattato sui diritti umani piu' ratificato nella storia. Le Nazioni Unite hanno affidato all'UNICEF il compito di garantirne e promuoverne l'effettiva applicazione nei 194 Stati che l'hanno ratificata.

    Iniziative a Bologna

    Bologna città educativa dei bambini e delle bambine è dedicata quest'anno al 25° anniversario della Convenzione ONU sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza, approvata il 20 novembre 1989 e in particolare all'articolo 27, adottato quest'anno, che riconosce il diritto “di ogni fanciullo a un livello di vita sufficiente per consentire il suo sviluppo fisico, mentale, spirituale, morale e sociale”.
    Le tante iniziative in programma dal 15 al 23 novembre, sottolinea l'assessore alla Scuola, Marilena Pillati, "declinano in modi diversi un'idea di benessere possibile e concreto, il diritto di ogni bambina e bambino a vivere bene e la responsabilità adulta, dei grandi, ad assicurare questo diritto". Non solo il benessere fisico e la tutela della salute, ma anche la lettura di un libro, la visione e la scoperta di un'opera d'arte o di un film, la vita all'aperto sia nei giardini scolastici che nei tanti parchi della nostra città.
    Leggi tutto nel sito del Comune

    Approfondisci
    Le iniziative ed i progetti in regione
    Convenzione ONU sui diritti dell'Infanzia: approfondisci e scarica il testo



  • 19 Novembre 2014 | Asilo: crescono le richieste in Italia, la maggioranza va in Germania e Francia vedi

    E' la Germania a guidare la classifica dell'accoglienza di rifugiati e richiedenti asilo in Europa nel 2013. Con 126 mila rifugiati, Berlino si è fatta carico lo scorso anno del 30 per cento di tutte le domande di protezione internazionale. Seguono Francia e Svezia. Il nostro paese è al quinto posto, con 26.620 richiedenti, il 6 per cento del totale.
    Lo dice il Rapporto sulla protezione internazionale in Italia 2014, di Sprar (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati del ministero dell'Interno) - Anci (Associazione nazionale dei comuni italiani), Unhcr (Alto commissariato Onu per i rifugiati), Caritas e Fondazione Migrantes presentato oggi a Roma. Il Rapporto fornisce anche una stima delle domande registrate nel nostro paese nei primi mesi del 2014. Numeri che sono più elevati dell'anno precedente: da gennaio  a luglio sono state oltre 25 mila le domande di protezione, una cifra che da sola equipara quasi il dato dell'intero 2013.
    Leggi tuto su redattoresociale.it
    - La sintesi del Rapporto
    - Rapporto versione integrale

  • 19 Novembre 2014 | Dona ai market solidali di Case Zanardi! vedi

    Olio d’oliva, biscotti, legumi e scatolame, pasta e omogeneizzati, sapone, dentifricio e spazzolino, detersivi. Sono alcuni dei beni di prima necessità con cui occorre riempire gli scaffali degli empori solidali di Case Zanardi gestiti da volontari, per dare un aiuto temporaneo alle famiglie con minori residenti a Bologna che stanno provando a superare la loro condizione d’indigenza con il sostegno dei Servizi Sociali Territoriali.
    La povertà non si assiste ma si affronta pensando anche all'abitare, al lavoro, alla socialità. È questo il cuore di Case Zanardi, un progetto di comunità che chiede ai cittadini di essere parte di una grande rete di solidarietà. Puoi partecipare anche tu e grazie alla tua donazione acquisteremo i prodotti per i market e 50 famiglie potranno fare la spesa gratuitamente ogni settimana per un anno.
    Entra in Case Zanardi e scegli quanto donare

  • 19 Novembre 2014 | Forum terzo settore al Parlamento: "Non solo impresa sociale, c'è poca attenzione a volontariato e associazionismo che sono il 90% delle organizzazioni" vedi

    Il Forum Nazionale del Terzo Settore ha aperto il 10 novembre le audizioni informali della XII Commissione "Affari Sociali" della Camera dei Deputati sul Disegno di Legge 2617 "Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell'impresa sociale e per la disciplina del Servizio Civile universale".
    Con una panoramica ampia ed esaustiva di tutti gli articoli e temi della Riforma, la delegazione del Forum, guidata dal Portavoce Pietro Barbieri, ha illustrato la posizione del Forum, nella sua qualità di parte sociale riconosciuta e di organismo di rappresentanza di oltre 75 organizzazioni nazionali di secondo e terzo livello, per un totale di circa 95.000 sedi territoriali.
    Tra i punti sottolineati dal Forum vi è la necessità che la Riforma non sia appiattita sul tema dell'Impresa Sociale, pur importante, e che al Volontariato e alla Promozione Sociale (che rappresentano circa il 90% del Terzo Settore Italiano) sia riservata pari attenzione. In questa direzione va la richiesta di prevedere un fondo anche per i loro investimenti.
    Leggi tutto nel sito del Forum
    Scarica il documento del Forum del terzo settore

  • 19 Novembre 2014 | Giustizia: da inizio crisi economica i detenuti italiani aumentano più degli stranieri vedi

    Dal 2007, anno di inizio della crisi, al 2013, la popolazione delle carceri italiane è aumentata del 28%, circa 14mila nuovi detenuti, con un incremento degli italiani maggiore rispetto a quello degli stranieri (+34% contro +20%). È uno dei dati del ministero dell'Interno, che sarà oggetto di analisi dell'XI Icpc Colloquium su mobilità e prevenzione del crimine, in programma a Palermo.
    Le tipologie di reato più diffuse sono furti e droga (25%), seguiti dai reati contro la persona (19%). Mentre per quanto riguarda gli omicidi, nel 2013 l'Italia presenta il tasso più basso degli ultimi 150 anni, con una stima di 480 omicidi consumati e 1207 tentati omicidi. I reati commessi dagli stranieri sono legati nella maggior parte dei casi alla legge sull'immigrazione (91%) e la prostituzione con un'incidenza del 78%. Il 40% dei detenuti per spaccio e produzione di stupefacenti sono stranieri, incidenza che scende al 31% per i detenuti per reati contro la persona, al 29% per i reati contro il patrimonio e al 9% per i reati legati alle armi.
    Tutti i dati sul carcere nel sito del Ministero della Giustizia
    (fonte agenzia Adnkronos, 18 novembre 2014)

  • 19 Novembre 2014 | La bufala dei "40 euro al giorno agli immigrati". A Tor Sapienza e non solo vedi

    “Gli italiani non hanno lavoro e ai rifugiati diamo 40 euro al giorno”. “Noi se stiamo senza lavoro non riceviamo un euro, a loro invece li manteniamo senza far niente”. Frasi ripetute spesso, come un mantra, in questi giorni di scontri nella periferia romana, per spiegare il clima di insofferenza dei cittadini nei confronti dei migranti ospitati nei centri di accoglienza.
    Ma quanto ricevono davvero i migranti, richiedenti asilo e rifugiati? E chi sono i minori non accompagnati, finiti al centro delle polemiche dopo le rivolte scoppiate nella periferia est della capitale?
    40 euro date in media alle cooperative, meno di tre euro ai migranti. Il costo medio per l’accoglienza di un richiedente asilo o rifugiato è di 35 euro al giorno. Un importo non definito per decreto, ma da una valutazione sui costi di gestione dei centri.
    Gli enti locali che decidono di partecipare al bando Sprar (Sistema di protezione e accoglienza per rifugiati e richiedenti asilo), come l’ultimo del 2014/2016, hanno l’obbligo infatti di presentare un piano finanziario che deve essere approvato dalla commissione formata da rappresentati di enti locali (comuni, province e regioni), del Ministero dell’Interno e dell’Unhcr. Le spese di gestione per migrante, valutate in media intorno ai 35 euro pro capite pro die, possono subire dunque delle variazioni da regione a regione, secondo il costo della vita locale e dell’affitto delle strutture. Questi soldi però, dai 35 ai 40 euro al giorno, non finiscono in tasca agli ospiti dei centri ma vengono erogati alle cooperative, di cui i comuni si avvalgono per la gestione dell’accoglienza.
    Leggi tutto su redattoresociale

  • 19 Novembre 2014 | Quando le barriere culturali possono più di quelle architettoniche vedi

    "Sono una ragazza non vedente e al concerto di Cremonini a Bologna del 6 novembre u.s. avevo il regolare biglietto per la prima fila, insieme a un amico anche lui non vedente e a un altro amico vedente, ma un dipendente della sicurezza ci ha spostati a forza, dicendo che dovevamo stare nel settore disabili!".
    Lo racconta una giovane a un giornale nazionale, facendoci ricordare un altro caso di discriminazione avvenuto lo scorso anno a Milano, sempre in occasione di un evento musicale.
    Leggi tutto su superando.it

  • 17 Novembre 2014 | Assegno di cura per le persone con gravissima disabilità acquisita. vedi

    La Regione E.Romagna ha disposto con delibera di giunta (DGR 1732/14)  l’attuazione del nuovo livello dell’assegno di cura (45 euro al giorno anziché 34 ) per le persone con gravissima disabilità acquisita per le quali ricorrani particolari elevate necessità di assistenza nel corso delle 24h. Le nuove disposizioni decorrono dal 1 dicembre 2014.
    Consulta il testo della DGR


    (fonte redazione sportello sociale)

  • 14 Novembre 2014 | Bonus acqua per gli anni 2013 e 2014. Scadenza prorogata al 31 gennaio vedi

    Dopo la sospensione del 2013 e l'emanazione a settembre di quest'anno del nuovo regolamento da parte di Atersir, l'Agenzia regionale che si occupa di servizi idrici e rifiuti, sono ripartite le agevolazioni tariffarie relative al servizio idrico.
    Per coloro che hanno un ISEE del nucleo famigliare non superiore a € 10.000 è ora possibile presentare una sola domanda relativa agli anni 2013 e 2014, entro il 31 gennaio 2015 presso gli Sportelli del cittadino/URP (in un primo momento la scadenza era stata fissata al 1 dicembre 2014)
    Le agevolazioni sono aperte sia agli utenti domestici diretti che a quelli indiretti (utenza condominiale con un unico contatore).
    Leggi tutte le informazioni nella scheda del sito dello sportello sociale

  • 12 Novembre 2014 | Programmare i servizi. Disponibile l'aggiornamento del Piano per la Salute e il Benessere Sociale distrettuale. vedi

    La Regione Emilia-Romagna  ha prorogato la validità dei piani triennali per la salute e il benessere sociale 2009-2011, già prorogati anche per il biennio successivo, anche a tutto il 2014 (deliberazione n. 339 della Giunta Regionale del 17 marzo 2014)
    Il Comune ha approvato pertanto l'aggiornamento 2014 dei servizi e degli interventi sociali, di integrazione socio-sanitaria, e sanitari, elaborato nell'ambito dei Tavoli tematici dell'ufficio di piano (anziani, disabili, minori, disagio adulti), e approvato dal tavolo integrato Comune-Distretto dell'Ufficio di piano e dal Comitato di Distretto, principale organo  deputato alla programmazione sociale e socio-sanitaria.

    La programmazione 2014 prevede:
    1. l'implementazione delle progettazioni attivate negli anni precedenti relative a:
    - Assistenza domiciliare
    - Fragilità
    - Integrazione socio-sanitaria minori
    - Sviluppo sportelli sociali), lavoro di comunità e community lab.
    - Fondo anti-crisi
    - Clausole sociali
    2. Il recepimento degli indirizzi regionali (con fondi finalizzati) rispetto a:
    - Programma linee guida adolescenza
    - Piano di contrasto alla violenza di genere e intrafamiliare
    3. Implementazione di azioni di sistema nel Comune di Bologna rispetto a:
    - Costituzione di un presidio tecnico cittadino in materia di  Lavoro e Sociale
    - Costituzione di un presidio tecnico cittadino sull'emergenza abitativa (fuori dagli Erp)

    Approfondisci i contenuti della programmazione (punti 1, 2, 3)
    Scarica l'aggiornamento (2014) del Piano Attuativo biennale 2013/2014 del piano per la salute e il benessere sociale

    Delibera Giunta Comunale n. 220342/2014
    Delibera Giunta regionale n. 339/2014
    (fonte Ufficio di piano, Comune Bologna)

  • 12 Novembre 2014 | Bollettini bibliografici sociali prodotti a Bologna vedi

    Oltre a quanto producono direttamente le case editrici, e che basta richiedere come invio gratuito guardando nei rispettivi siti, un'altra utile fonte di informazione bibliografica sono i "Bollettini delle accessioni" (le novità acquistate/arrivate)  prodotti dai Centri di documentazione/Biblioteche di Bologna specializzati su tematiche sociali e sanitarie.

    Consulta l'elenco dei Bollettini:
    Centro documentazione A.Cabral - Comune di Bologna
    http://www.centrocabral.com/99/Bollettino_nuove_acquisizioni
    Ri.E.Sco - Centro Servizi Consulenza Risorse Educative Scolastiche. Comune di Bologna, Settore Istruzione
    http://www.comune.bologna.it/cdlei/servizi/109:22021/22022/
    Centro documentazione e promozione Familiare, Associazione G.P.Dore (ricompreso nel Notiziario del Centro)
    http://www.centrogpdore.it/?page_id=12
    Biblioteca Istituzione G.F.Minguzzi - Provincia di Bologna.
    http://www.minguzzi.provincia.bologna.it/Engine/RAServePG.php/P/251911460603/T/Biblioteca

    Il supplemento bibliografico sulla disabilità della nostra Newsletter "Disabilità"
    http://informa.comune.bologna.it/iperbole/sportellosociale/documenti/3460
    Consulta la scheda sui centri documennetazione/Biblioteche di Bologna
    http://informa.comune.bologna.it/iperbole/sportellosociale/servizi/4352/2667/
    (fonte redaziione sportello sociale)

  • 12 Novembre 2014 | Gli operatori sociali scrivono vedi

    Nel sito degli sportelli sociali esiste una sezione dedicata i libri, articoli, ricerche, curate dagli operatori dei servizi sociali del Comune di Bologna. Un patrimonio di idee, riflessioni, competenze, esperienze vissute che accompagna e innova il  lavoro quotidiano nei servizi, a contatto con le esigenze e le storie, spesso dolorose, delle persone, dei cosiddetti utenti.
    “C'è una cosa di cui il lavoro sociale oggi ha bisogno. Imparare a raccontare. Raccontare ciò che migliaia di professionisti fanno, per dare dignità a quel lavoro di «tener dentro» i bordi della cittadinanza che è alimento di democrazia. Raccontare le scommesse che ogni giorno si giocano in tanti servizi di questa nostra Italia, nell'incontro tra migliaia di uomini e donne che cercano insieme di far fronte alle difficoltà del vivere. Raccontare, dunque. Ovvero saper mettere in parola la trama della realtà. Perché non prendere parola, oggi, è non esistere e soprattutto non fare esistere un'idea alternativa di convivenza sociale”
    (dalla rivista Animazione sociale, Gruppo Abele, Torino, maggio 2012).

    Vi diamo conto delle ultime pubblicazioni scritte dagli operatori sociali del Comune di Bologna:
    - Brandoli M., Ghinello D., Esena G., Accompagnare vite fragili nelle città, in Animazione sociale, 282, aprile 2014
    - Frascaroli A., Tomesani C., Flussi migratori e richiedenti asilo in UE e in Italia: la necessità di un cambiamento nelle politiche locali dell’accoglienza, in Africa e mediterraneo, n.80, 2014
    - Pancaldi A., Disabilità e sessualità. Oltre il dibattito sulla assistenza sessuale, in Scambi di Prospettive, 14 ottobre 2014
    - Pancaldi A., Ma tutto questo Esmeralda non lo sa (Rileggendo le pagine di Notre Dame de Paris di V.Hugo), in superando.it, 2 settembre 2014
    - Quargnolo E., La presa in carico della fragilità: sfida per l'integrazione sociosanitaria ed opportunità per un agire proattivo dei servizi sociali, in G.Cavazza, G.Malvi (a cura di), La fragilità degli anziani, Maggioli, Rimini, 2014
    - Zucchini M., Il lavoro di comunità, in G.Cavazza, G.Malvi (a cura di), La fragilità degli anziani, Maggioli, Rimini, 2014

  • 11 Novembre 2014 | A San Marino la 1ª Conferenza Europea sul Turismo Accessibile vedi

    L'UNTWO (United Nations World Tourism Organization, l'Organizzazione mondiale del turismo) e il Governo della Repubblica di San Marino organizzano, il 19 e 20 novembre, la prima conferenza del turismo accessibile in Europa.

    L'obiettivo della conferenza è di aumentare la consapevolezza dell'importanza di garantire l'accesso al turismo per tutti, riducendo le barriere fisiche e attitudinali. Durante il convegno si discuterà delle buone pratiche di accessibilità universale, in una vasta gamma di destinazioni turistiche in Europa, con particolare attenzione alle città d'arte, con le azioni strategiche concrete volte a rendere il turismo accessibile una realtà.

    La conferenza si terrà presso il Centro Congressi Kursaal, Viale JF Kennedy, 17-47890 San Marino (Repubblica di San Marino).

    Il programma

    Per informazioni:
    http://www.sanmarinoaccessibletourism.com/default.asp?id=1

  • 10 Novembre 2014 | Sportello sociale S.Donato-S.Vitale. Giornate di chiusura. vedi

    Lo sportello sociale dei quartieri S.Donato/S.Vitale (Via Rimesse 1/13)  comunica alcune variazioni dell'orario di apertura:
    - martedì 11/11/2014 lo Sportello Sociale rimarrà aperto dalle 8.15 alle 13,00 effettuando quindi la chiusura anticipata.
    - giovedì 13/11/2014 lo Sportello rimarrà chiuso per l'intera giornata.

    Dal 25/11 e fino al periodo natalizio (8/1/15) lo sportello effettua orario ridotto dalle 8,15 alle 13,00.
    Potrebbero inoltre verificarsi alcune giornate di chiusura completa o anticipata, ad oggi non prevedibili, pertanto è opportuno telefonare al centralino di Via Rimesse (051/340868) prima di recarsi allo Sportello, in modo da verificare l'effettiva apertura dello stesso.
    (fonte Q.re S.Donato/S.Vitale)

  • 10 Novembre 2014 | Stabilità. Più soldi per non autosufficienze e politiche sociali...presi però dal fondo per le famiglie. vedi

    Dopo le rassicurazioni avute prima dai ministri delle Riforme costituzionali e della Salute, rispettivamente Maria Elena Boschi e Beatrice Lorenzin, e poi dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio Graziano Delrio, ieri anche la commissione Affari Sociali ha approvato un emendamento che propone l'incremento del Fondo per le non autosufficienze da 250 a 400 milioni di euro così come per il fondo Politiche sociali. Ma questo non è il solo emendamento alla legge di stabilità che ha ricevuto il via libera dalla XII commisione di Montecitorio. Diverse le proposte emendative approvate che spaziano dal bonus bebè al contrasto delle ludopatie, dalla diversificazione dei presidi nelle terapie della cronicità fino alla decisione di fissare in 8 mln all'anno per il triennio 2015-2017 gli introiti a carico delle aziende produttrici di farmaci omeopatici per le pratiche di autorizzazione in commercio con un considerevole risparmio per le aziende [10/11/14]
    Leggi tutto su quotidiano sanità

    Il testo degli emendamenti e la relazione
    (fonte newsletter quotidiano sanità)

    Cambia la legge di stabilità: ai disabili i fondi per la famiglia, soldi all'infanzia [20/11/14]
    (fonte redattoresociale)


  • 7 Novembre 2014 | Formazione per chi vuole diventare amministratore di sostegno vedi

    Dopo l'incontro del 5/11 che ha visto la partecipazione di oltre 150 operatori dei servizi socio assistenziali, proseguono le attività del Progetto Sostengo,  progetto dedicato alla figura dell'amministratore di sostegno, promosso da Provincia, Ist.Minguzzi, Azienda uSL, Comune.

    La seconda iniziativa è un incontro pubblico rivolto alle persone interessate ad approfondire il tema ed eventualente a formarsi più specificatamente. "Amministratore di sostegno: come, quando, perché"  si svolgerà mercoledì 12 novembre 2014 dalle ore 16.45 alle 19.30 preso l'auditorium del Villaggio del Fanciullo, via Scipione dal Ferro 4, Bologna

    A dicembre poi, precisamente il 3, prenderà il via il Corso di formazione articolato in 8 incontri che si svolgeranno nelle giornate di mercoledì, tra il 3/12 e il l'11/2/15 dalle 17,30 alle 20,30 presso la sede di Volabo, via Scipione dal Ferro 4, Bologna.
    Per informazioni e iscrizione scarica il programma


    (fonte redazione sportello sociale)

  • 4 Novembre 2014 | Forum Non Autosufficienza 2014: Strumenti, idee e soluzioni per il welfare di cura vedi

    L'abituale appuntamento con il Forum sulla non autosufficienza si svolgerà a Bologna il 19 e 20 novembre 2014. Mai come oggi la crisi pone degli interrogativi rispetto alla reale esigibilità dei diritti sociali e interroga quindi il nostro modello di welfare, soprattutto in relazione all’esponenziale aumento delle grandi fragilità.
    È questo il tema al centro del prossimo Forum NA durante il quale verrà proposta anche una valutazione prospettica di quella che potenzialmente rappresenta una risposta ed una alternativa di sostenibilità economica dell’attuale sistema.
    Per informazioni: Michela Gorini, Divisione  Convegni  Maggioli Editore, Tel 0541/628774 - 628499, Fax 0541628768, e-mail michela.gorini@maggioli.it
    Visita il sito della iniziativa

  • 4 Novembre 2014 | Handimatica: a Bologna la 10 edizione della Mostra convegno su tecnologie ITC e disabilità vedi

    Bologna, come ogni due anni, ospita dal 27 al 29 novembre, la 10a edizione di Handimatica, la Mostra convegno promossa da Asphi sulle tecnologie a favore delle persone con disabilità e delle persone anziane non più autosufficienti o con fragilità.
    Per questa decima edizione, personalità di spicco e attenzione puntata sui temi di maggiore attualità, attraverso i numerosi convegni e l’area espositiva.
    Visita il sito di Handimatica
    Leggi l'approfondimento

     

  • 3 Novembre 2014 | Disabili: il lavoro sempre più un miraggio. Crolla il collocamento, il Governo intende azzerare i fondi per le aziende vedi

    Collocamento: per le persone con disabilità il lavoro sta diventando sempre più un miraggio, restano tanti gli iscritti alle liste di collocamento, ma pochi sono gli avviamenti al lavoro e quelli che ci sono si basano sempre più su forme contrattuali poco stabili. La crisi economica e occupazionale che investe l'intero paese non fa eccezioni per i lavoratori disabili: i dati sono tutti negativi ma del resto "se un datore di lavoro non assume proprio, tanto meno assume lavoratori disabili". A parlare così è Franco Deriu, che per l'Isfol ha curato, insieme al ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, la settima relazione al Parlamento sull'attuazione della legge per il diritto al lavoro dei disabili (68/99): il documento, firmato dal ministro Poletti e riguardante gli anni 2012-2013, è stato trasmesso alla Camera e al Senato in piena estate, lo scorso 4 agosto, ma di fatto non era stato finora divulgato.
    Leggi tutto su superabile.it
    Scarica la relazione al Parlamento

    Contributi alle aziende che assumono lavoratori disabili: il fondo per il diritto al lavoro dei disabili, previsto dalla legge 68/99 sul collocamento obbligatorio, non sarà rifinanziato per l’anno 2015. Dopo due anni consecutivi di incremento delle risorse, dunque, non ci saranno più soldi né per dare contributi ai datori di lavoro che assumono lavoratori disabili a tempo indeterminato attraverso le convenzioni né per concedere i rimborsi parziali delle spese sostenute dalle aziende per l'adattamento del posto di lavoro. E’ questo l’intendimento del ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, presso il quale la legge 68/99 aveva istituito il fondo e che ha il compito ogni anno di procedere al riparto delle somme fra le regioni.
    [...]
    Era stato il governo Letta a incrementare il fodno, anche in considerazione della decisione della Corte di Giustizia europea che nel luglio 2013 richiamò ufficialmente l’Italia per l’inadempienza del nostro paese nel garantire ai lavoratori disabili parità di trattamento. Se la decisione verrà confermata rimarranno senza contributo non solo quei datori di lavoro che
    assumeranno d’ora in poi, ma anche quelli che hanno già assunto dal 12 maggio 2014 scorso in avanti.
    [...]
    La decisione che si profila per il 2015 arriva in un momento particolarmente critico per il lavoro delle persone disabili: la Relazione al Parlamento sull’attuazione della legge 68/99, predisposta proprio dal ministero del Welfare, ha fotografato nel biennio 2012-13 una riduzione dei nuovi avviamenti (calati nel 2013 al minimo storico, poco più di 18 mila).
    Leggi tutto su redattoresociale

  • 3 Novembre 2014 | Gli immigrati commettono meno reati degli italiani, un dossier demolisce i luoghi comuni xenofobi vedi

    Non sono le parole dei cosiddetti “buonisti”, ma i freddi numeri della statistica a smentire uno dei luoghi comuni più radicati: che gli immigrati siano più propensi degli italiani a commettere reati. E' quanto emerge dal Dossier statistico immigrazione 2014 realizzato dall'Idos per conto dell'Unar (l'Ufficio nazionale anti-discriminazioni istituito dalla presidenza del Consiglio). Secondo questa ricerca, è vero esattamente il contrario.
    Leggi tutto nel sito tiscali.it
    La sintesi del Dossier IDOS

  • 3 Novembre 2014 | ISTAT: reddito e condizioni di vita degli italiani nel 2013 vedi

    Nel 2013, il 28,4% delle persone residenti in Italia è a rischio di povertà o esclusione sociale, secondo la definizione adottata nell'ambito della strategia Europa 2020. L'indicatore deriva dalla combinazione del rischio di povertà (calcolato sui redditi 2012), della grave deprivazione materiale e della bassa intensità di lavoro e corrisponde alla quota di popolazione che sperimenta almeno una delle suddette condizioni.
    Rispetto al 2012, l'indicatore diminuisce di 1,5 punti percentuali, a seguito della diminuzione della quota di persone in famiglie gravemente deprivate (dal 14,5% al 12,4%); stabile la quota di persone in famiglie a rischio di povertà (19,1%) e in leggero aumento quella di chi vive in famiglie a bassa intensità lavorativa (dal 10,3% all'11,0%).
    Leggi tutto e scarica il rapporto

  • 3 Novembre 2014 | Non autosufficienza. Laboratorio urbano: proposta per un fondo territoriale vedi

    La nascita della città metropolitana di Bologna diventi l'occasione per innovare nel welfare creando un Fondo integrativo territoriale per la non autosufficienza. Assieme al rilancio dei ''buoni-servizio'' e del riconoscimento dei caregiver familiari, è questo il cuore del progetto che "Laboratorio urbano" ha lanciato alla città.
    In un documento di 20 cartelle ("Un welfare innovativo per la non autosufficienza degli anziani"- Laboratorio urbano), pensatoio animato dall'ex sindaco Walter Vitali, ha messo a punto quello che dovrebbe essere un passo in più, e oltre, al welfare aziendale a partire appunto da un meccanismo di assistenza per le persone non più autosufficienti attraverso trattamenti e prestazioni in più rispetto al servizio sanitario nazionale.

    Indirizzato principalmente agli anziani, il fondo è aperto a tutti coloro che vogliano contribuire a finanziarlo; uniche condizioni, che siano maggiorenni e occupati ("Poi si potrà estenderlo ad altri, come casalinghe e disoccupati", dice Vitali). Dunque, non sarebbe ristretto a specifici gruppi di lavoratori.

    L'intervento del Fondo, secondo la proposta, dovrebbe concentrarsi per lo più sulle non autosufficienze gravi o casi di invalidità al 70% e andrebbe orientato più alla erogazione di servizi che di contributi in denaro. Il fondo sarebbe alimentato in tre modi: la contrattazione aziendale che porterebbe le imprese ad aderire, dando così ai loro addetti la possibilità di usufruire dell'assistenza; una quota di risorse pubbliche (così da ''coprire'' chi non è lavoratore dipendente); i soldi messi dai cittadini che aderiscono al fondo individualmente (somma poi deducibile dalle tasse). Insomma, un welfare ''di comunità".
    Leggi tutto su sociale emilia romagna

    Il testo del documento

    (fonte newsletter sociale emilia romagna)

  • 3 Novembre 2014 | Oggi ci pensa papà. Campagna sui congedi parentali per i papà vedi

    Non un mammo, e nemmeno un super eroe. Solo un papà che decide di vivere in pienezza il suo ruolo, all’interno di una famiglia dove i pesi sono distribuiti meglio. “Oggi ci pensa papà”: così si chiama la campagna di promozione, realizzata dalla Regione Emilia-Romagna e finanziata dal Dipartimento delle Pari opportunità (Presidenza del Consiglio dei ministri), dei congedi per i papà, per informare e sensibilizzare le figure paterne sui congedi dal lavoro retribuiti e coperti da contributi previdenziali.
    La campagna offre alcune semplici indicazioni alle famiglie che accolgono un bambino per nascita, adozione o affido. Al tempo stesso, vuole contribuire anche al superamento dello stereotipo di genere che vede le donne come principali responsabili del lavoro di cura, “sollecitando” le figure paterne a includere nelle proprie funzioni genitoriali anche la piena quotidianità dei figli.
    La campagna informativa e il kit dei prodotti (locandina e cartoline in italiano, inglese e arabo, scaricabili e personalizzabili dalle associazioni e dagli enti che vorranno farne uso per un’informazione più capillare) si trovano nel, sito della Regione.
    Leggi tutto su sociale emilia romagna
    (fonte newsletter sociale emilia romagna)

  • 31 Ottobre 2014 | Elezioni regionali del 23 novembre 2014. Persone anziane, disabili, ammalate. vedi

    Domenica 23 novembre si svolgeranno le elezioni per il rinnovo dell'Assemblea legislativa e il Presidente della Giunta della Regione. I seggi rimarrano aperti dalle 7 alle 23.
    Per le operazioni di voto delle persone che incontrano difficoltà a recarsi ai seggi e nelle operazioni di voto (persone ricoverate, persone ammalate, persone anziane o disabili) sono previste facilitazioni e servizi, alcuni dei quali vanno attivati/prenotati con anticipo sulla data della giornata di voto.
    Leggi nel nodo Partecipazione e diritti del sito del Comune
    Consulta la scheda nel sito degli sportelli sociali
    (fonte redazione sportelli sociali)

  • 30 Ottobre 2014 | Arrivati in redazione (settembre-ottobre 2014) vedi

    I libri, le riviste, le newsletter, i video, gli opuscoli, i documenti on line arrivati in redazione e utili per chi lavora nel sociale


    CATALOGHI - Catalogo delle riviste specializzate sociali e sanitarie italiane, cartacee e on line, Comune di Bologna, Redazione sportelli sociali, 2014
    Il Catalogo comprende le schede di 238 riviste italiane, cartacee e/o prodotte in edizione on line, dedicate a tematiche sociali e sanitarie.
    Le riviste sono suddivise in una ventina di tematiche e vengono riportati i dati principali delle stesse, la presenza di un eventuale archivio on line, le modalità di abbonamento (una trentina sono a diffusione gratuita), una sintetica descrizione.
    In appendice al catalogo sono riportati i riferimenti di utili materiali di documentazione come articoli dedicati alle riviste, siti utili, banche dati bibliografiche contenenti spogli da riviste, indicazioni sul mondo dell'editoria e dei circuiti bibliotecari dove reperirle.

    CATALOGHI - Catalogo delle newsletter, rassegne on line dalla stampa quotidiana, agenzie stampa sociali italiane, Comune di Bologna, Redazione sportelli sociali, 2014
    Nella nuova edizione che aggiorna quella del 2010 sono segnalate 206 newsletter, tutte diffuse gratuitamente, di area sociale e sanitaria, suddivise attraverso una ventina di tematiche (anziani, dipendenze, disabili, immigrazione, pace e diritti, politiche sociali, salute mentale, sanità, terzo settore...).
    Il catalogo 2014 è stato arricchito anche dalle principali rassegne sociali on line dalla stampa quotidiana e dai riferimenti delle agenzie stampa specializzate su tematiche sociali e sanitarie.
    Sono segnalate in tutto circa 220 risorse gratuite che possono permettere agli operatori, agli amministratori, alle organizzazioni del terzo settore, alle persone che vivono una condizione di fragilità o emarginazione ad ai loro famigliari, di rimanere aggiornati sui temi che li riguardano, professionalmente e/o personalmente.

    FUMETTI - In viaggio verso lo Zavhan, a cura di N.Rabbi, disegni di Kanjano, AIFO, 2014
    “In viaggio verso lo Zavhan” è il fumetto scritto da Nicola Rabbi e disegnato da Kanjano nato dalla collaborazione tra AIFO e Centro documentazione handicap di Bologna. Racconta la vita di alcune persone disabili in Mongolia.

    LIBRI - La dispersione scolastica in E.Romagna, Quaderni ER educazione ricerca, n.4, Regione E.Romagna, 2014
    L'indagine, realizzata da un gruppo di lavoro promosso dall'Assessorato alla Scuola, è stata condotta in base ai dati raccolti dall'Anagrafe Regionale degli Studenti nelle cinque annualità dal 2007 al 2012.
    Il Quaderno restituisce un'analisi quantitativa e qualitativa dei percorsi scolastici degli studenti emiliano-romagnoli nel secondo ciclo di istruzione e nel sistema regionale di Istruzione e Formazione Professionale, con particolare riferimento ai fenomeni legati alla dispersione e all'insuccesso scolastico.
    Obiettivo del lavoro è comprendere le motivazioni dei fenomeni dell'abbandono e della dispersione, per contribuire ad identificare gli strumenti più ideonei per costruire una scuola equa e di qualità, basata sul principio dell'inclusività e che favorisca il successo scolastico e formativo per tutti.

    LIBRI - L'innovazione in agricoltura sociale, F.Di Iacovo, R.Moruzzo (a cura di), Quaderni Cesvot, n.69, Firenze, 2014
    Quale ruolo per il volontariato nello sviluppo dell’agricoltura sociale? Questa la domanda che muove il nuovo volume pubblicato da Cesvot “L’innovazione in agricoltura sociale. Progettazione e strumenti di lavoro per le associazioni” (“I Quaderni”, n. 69, pp. 231), a cura di Francesco Di Iacovo e Roberta Moruzzo dell’Università di Pisa. Il libro offre alle associazioni di volontariato percorsi e strumenti operativi per progettare e realizzare interventi efficaci di agricoltura sociale.

    LIBRI - L'affidamento al servizio sociale, Ufficio del Garante per l'infanzia e l'adolescenza, Regione E.Romagna, 2014
    Una delle misure di protezione più diffuse quando si tratta di minori in situazioni di difficoltà è l’affidamento al Servizio sociale, un istituto giuridico ancora non definito nei contenuti e nella sua declinazione operativa, ma anche una prassi giuridica molto diffusa presso i Tribunali per i minorenni e i Tribunali ordinari.
    Indagare e valutare il ricorso e l’applicazione dell’affidamento al Servizio sociale in tre regioni italiane (Emilia-Romagna, Veneto e Lazio) è uno degli obiettivi della ricerca promossa nel 2013 dai rispettivi Garanti per l’infanzia e l’adolescenza.
    Realizzata in collaborazione con l’Università degli Studi di Padova (Centro interdipartimentale di ricerca e servizi sui diritti della persona e dei popoli) e con il Dipartimento di Scienze dell’Educazione dell’Alma Mater Studiorum con funzioni di supporto alle attività di ricerca e di coordinamento scientifico a livello locale, la ricerca era finalizzata a:
    - valutare la dimensione quantitativa del ricorso a questo istituto per capire in che misura viene utilizzato, in quali casi e con quali aspettative;
    - rilevare ed analizzare le pratiche interpretative e attuative diffuse tra gli operatori per comprendere con quali richieste e con aspettative viene accolto, seguito e interpretato;
    - rilevare ed interpretare eventuali differenze presenti tra e all’interno dei diversi territori regionali interessati dalla ricerca;
    - costruire, su base regionale, un documento interpretativo comune sulla natura, i significati e le implicazioni operative per il lavoro sociale;
    - promuovere in base ai risultati conseguiti idonee linee di indirizzo su base regionale da diffondere con azioni di comunicazione e diffusione;
    - elaborare altresì proposte di miglioramento normativo a livello nazionale.

    LIBRI - Relazione annuale 2013 del Garante regionale E.Romagna per l'infanzia e l'adolescenza, Regione E.Romagna, 2014

    LIBRI - Ricerca sugli sportelli di ascolto nelle provincie di Forlì-Cesena e Parma, Garante regionale E.Romagna per l'infanzia e l'adolescenza, Regione E.Romagna, 2014

    Tra i fenomeni che forse hanno più caratterizzato il mondo della scuola degli ultimi decenni, gli Sportelli d’Ascolto offrono ai ragazzi l’opportunità di affrontare e risolvere, in un spazio dedicato, problematiche inerenti la crescita, il bullismo, l’insuccesso scolastico o la dispersione.
    La presenza di questi servizi presso la maggior parte delle istituzioni scolastiche della regione dimostra come la scuola non sia più solo un luogo di trasmissione delle conoscenze, ma si sia trasformata in un più ampio “spazio di vita” che coinvolge tutti gli aspetti della crescita e della socializzazione di bambini e ragazzi.

  • 30 Ottobre 2014 | Al via il Bando per il contributo economico per l'affitto (Fondo nazionale locazioni 2014) vedi

    C'è tempo fino al 28 novembre p.v. per la presentazione della domanda per il contributo al canone di affitto. Il modulo di domanda ed il testo del bando sono disponibili sul sito del Comune di Bologna dove possono essere consultate inoltre tutte le informazioni su chi può accedere, la documentazione da allegare, i limiti reddituali e le indicazioni per ricevere informazioni.

  • 30 Ottobre 2014 | Amministrazione di sostegno: come, quando, perché il 12 novembre vedi

    Un incontro rivolto a tutti coloro che sono interessati a conoscere le possibilità offerte dalla legge sulla protezione delle persone fragili. La normativa sull’Amministratore di Sostegno(Legge 6/04) “ha la finalità di tutelare, con la minore limitazione possibile della capacità di agire, le persone prive in tutto o in parte di autonomia nell’espletamento delle funzioni della vita quotidiana, mediante interventi di sostegno temporaneo o permanente.”
    L'incontro si terrà mercoledì 12 novembre 2014, dalle 16.45 alle 19.30, presso l'Auditorium del Villaggio del Fanciullo, Via Scipione dal Ferro 4, Bologna
    Leggi tutto

  • 30 Ottobre 2014 | Fai strada. Corso per la patente B per giovani stranieri vedi

    Sei un giovane straniero che deve preparare l'esame per la patente B? Affrettati! Ci sono ancora posti disponibili per il corso organizzato da OfficinAdolescenti di Salaborsa Ragazzi in collaborazione la Polizia Municipale.
    Iscrizioni entro l'11 novembre.
    Info: tel. 051 219 4432 / 347 349 3038.

  • 23 Ottobre 2014 | Convegni, corsi, conferenze sociali a Bologna (novembre 2014) vedi

    Gli appuntamenti per informarsi, formarsi, aggiornarsi per chi lavora e oopera nell'ambito dei servizi sociali e del volontariato a Bologna nel mese di novembre 2014

    martedì 4 novembre
    incontro "La terapia comunitaria integrativa come mezzo nella relazione con l'altro in contesti complessi" (incontro con l'etnopsichiatra brasiliano Adalberto Barreto)
    a cuira di Volabo, Caritas, Case Zanardi
    alle ore 20, Volabo, Via Scipione dal Ferro 4, Bologna

    mercoledì 5 novembre
    seminario "Fare ricerca qualitativa nelle organizzazioni sociali e sanitarie: il focus group e l'etnografia"
    a cura Agenzia sanitaria e sociale Regione E.Romagna
    dalle 9 alle 14, Sala Auditorium, Regione E.Romagna, v.le A.Moro 18, Bologna

    mercoledì 5 novembre
    seminario a inviti "Gli operatori dei servizi sociali e le prassi del Tribunale di Bologna in tema di amministrazione di sostegno"
    a cura progetto Sostengo, Prov.di Bologna, Volabo, Comune Bologna
    dalle 9,30- alle 12,30, Sala Zodiaco Palazzo Malvezzi, via Zamboni 13, Bologna

    giovedì 6 novembre
    seminario "Giovani in cerca di cittadinanza. La dispersione scolastica fuori/dentro la scuola Linee di analisi ed esperienze a confronto"
    a cura Lifelong Learning Programme, UniBo, Succes at schol
    alle ore 15, Aula Magna, Dipartimento di Scienze dell’Educazione, via Filippo Re 6, Bologna

    venerdì 7 novembre
    seminario di formazione "L'intervento legale per il giocatore con disturbo da gioco d'azzardo e la sua famiglia"
    a cura Ausl Piacenza, Gruppo regionale gioco d'azzardo patologico
    dalle 8,30 alle 17,30, Auditorium Regione E.Romagna, viale Aldo Moro 18, Bologna

    venerdì 7 novembre
    convegno “La rete regionale delle lesioni midollari”
    a cura di Ospedale di Montecatone
    dalle 9 alle 18,30, Sala Congressi SACMI, Via Prov.le Selice 17/A, Imola (Bo)

    venerdì 7, sabato 8 novembre
    convegno "Pro health: modelli e buone pratiche per l'auto promozione della salute"
    a cura Ausl Bologna
    dalle 9 alle 17 (v7) e dalle 9 alle 13,30 (s8), Aula Magna del Padiglione Tinozzi, Ospedale Bellaria, via Altura, Bologna

    mercoledì 12 novembre
    seminario "Amministrazione di sostegno: come, quando, perchè"
    a cura progetto Sostengo, Provincia, Comune, Ausl
    dalle 16,45 alle 19,30, Auditorium Villaggio del fanciullo, via S.Del ferro 4, Bologna

    mercoledì 12, mercoledì 19 novembre, mercoledì 3 dicembre
    corso di formazione per giornalisti iscritti all'Ordine "I social media per la comunicazione in sanità"
    a cura Ordine Giornalisti E.Romagna
    dalle 9,00 alle 13,30, Terza Torre Regione Emilia-Romagna, Sala Poggioli – Sale B-C-D, Viale della Fiera 8, Bologna

    mercoledì 12, mercoledì 26, lunedì 24 novembre
    ciclo di film "Cinque decenni di migrazioni raccontati con un ciclo di film"
    a cura Cineteca Bologna, UniBo
    alle ore 20, cinema Lumière, piazzetta Pier Paolo Pasolini 2/b, Bologna (ingresso a pagamento)

    dal 12 novembre al marzo 2015
    ciclo di incontri "Vivere sostenibile: soluzioni per un nuovo modello di vita"
    a cura Accademia del vivere sostenibile

    giovedì 13 novembre
    incontro "I volti della solidarietà tra gratuità e giustizia Incontro con Alex Zanotelli"
    a cura Centro Donati
    alle ore 21, Cinema Perla, via San Donato 38, Bologna

    giovedì 13 novembre
    convegno "Welfare e Immigrazione in Italia e in Emilia Romagna"
    a cura di ALI Ass.ne legali immigrazionisti
    dalle 15.00 alle 17.00, Sala delle Armi, facoltà di Giurisprudenza, via Zamboni 33, Bologna

    giovedì 13 novembre 2014 (e altre 5 date)
    scuola di "Cittadinanza attiva" (rivolta alle persone straniere, con oparticolare riferimento alle casalinghe ed ai lavoratori)
    a cura di ASGI, centro Zonarelli
    dalle 17 alle 20, Centro interculturale Massimo Zonarelli, in via G. A. Sacco 14 a Bologna

    venerdì 14 novembre
    convegno "La violenza contro le donne. Un problema di salute pubblica da affrontare insieme"
    a cura Ausl Bologna
    dalle 120 alle 17m,  Casa dei Donatori di Sangue Avis, Sala Cesari, Via dell’Ospedale 20, Bologna

    mercoledì 19 novembre
    seminario "Politiche e sostegni alla nuova domiciliarità" (nell'ambito del Forum non autosufficienza)
    a cura UDP Comune di Casalecchio
    dalle 14,30 alle 18,30, Centro congressi Savoia Hotel, via del Pilastro 2, Bologna

    mercoledì 19, giovedì 20 novembre
    VI edizione "Forum sulla non autosufficienza" (in programma 42 tra seminari, convegni, workshop)
    a cura di Maggioli formazione
    Centro congressi Savoia Hotel, via del Pilastro 2, Bologna

    giovedì 20 novembre
    incontro "La parola alle associazioni" (ciclo di incontri sulle problematiche del carcere de La Dozza di Bologna)
    a cura Ass.ne Percorsi di pace
    ore 20,45, Casa per la Pace "La Filanda", via Canonici Renani 8, Casalecchio di Reno (Bo)

    giovedì 20 novembre
    incontro "Il tuo letto è in diagonale rispetto al mio… mi piace venire lì e addormentarmi con te…" (storie, narrazioni e scritture che parlano di fratelli e sorelle in presenza di situazioni di disabilità)
    a cura di Progetto Siblings
    dalle 17 alle 19, CDH, via Luigi Pirandello 24, Bologna

    giovedi 20, 27 novembre, 4 dicembre
    incontri  "I diritti e le politiche sull'immigrazione"
    a cura di Istituto Gramsci
    alle ore 17.30, Sala Convegni, Centro Italiano di Documentazione sulla Cooperazione, via Mentana 2, Bologna

    venerdì 21 novembre
    convegno "Malattia di Alzheimer: tra conoscenze consolidate e nuove evidenze"
    a cura di Sindem
    dalle ore 8.30 alle ore 16.30, Aula Magna - Pad. Tinozzi, Ospedale Bellaria, via Altura, Bologna

    venerdì 21 novembre
    corso di formazione per giornalisti iscritti all'Ordine "Errori di genere: Informazione e stereotipi"
    a cura Ordine Giornalisti E.Romagna
    dalle 9,30 alle 18, Sala Farnese, Palazzo D'Accursio, p.zza Maggiore, Bologna

    venerdì 21 novembre
    conferenza "Parla diverso! Nuove forme di comunicazione per l'antirazzismo e la migrazione", nell'ambito del BilBOlbul Festival internazionale di fumetto
    a cura di Progetto Comix4=, Comune Bologna
    alle ore 17, Palazzo d'Accursio, Cappella Farnese, p.Maggiore. Bologna

    sabato 22 novembre
    presentazione dei volumi "La vita ti sia lieve” (Alessandra Ballerini) e “Cercare un futuro lontano da casa” (Giancarlo Rigon e Giovanni Mengoli), nell'ambito della Giornata dei migranti con fragilità psichiatriche
    A cura di Gruppo CEIS e Società Italiana di Psicoterapia Medica
    ore 9,30–13,30, Aula Magna del Villaggio del Fanciullo, Via Scipione dal Ferro 4, Bologna

    sabato 22 novembre
    incontro "Orti d'acqua. Il prezzo della dignità: coltivare sè stesse" (nell'ambito del festival La violenzxa illustrata)
    a cura centro Zonarelli
    dalle 15,30 alle 21,30, Centro Zonarelli, via Sacco 14, Bologna

    lunedì 24 novemvbre
    seminario "Feed the planet. Presentazione della Carta di Bologna contro lo spreco alimentare"
    a cura UniBo
    dalle 10 alle 18, Aula Absidale di Santa Lucia, ingresso via via Cartolerie, Bologna

    mercoledì 26, giovedì 27, venerdì 28, sabato 29 novembre
    59° congresso Società italiana gerontologia e geriatria
    a cura SIGG
    palazzo Congressi, p.zza Costituzione 4, Bologna

    giovedì 27 novembre
    incontro "Se oggi mi regalassero una bacchetta magica, a mia volta la regalerei a qualcun altro, senza usarla…" (storie, narrazioni e scritture che parlano di fratelli e sorelle in presenza di situazioni di disabilità)
    a cura di Progetto Siblings
    dalle 17 alle 19, Mediateca, via Caselle 22, San Lazzaro di Savena (Bo)

    giovedì 27 novembre
    presentazione del volume "Eroina. La malattia da oppiodi nell'era digitale" (Salvatore Giancane, ed.Gruppo Abele)
    a cura Comune, Az.Usl
    ore 17, Sala Marco Biagi, complesso del Baraccano, via S.Stefano 119, Bologna

    giovedì 27, venerdì 28 novembre
    convegno “La Cannabis tra stigma e normalizzazione”
    a cura di Ausl Bologna, UniBo, CESAF
    dalle 9,30 alle 17 (g27) e dalle 9,30 alle 13 (v28), Aula Zam1, Unversità di Bologna,Via Zamboni 32, Bologna

    giovedì 27 novembre
    seminario "Promuovere lo sviluppo delle competenze digitali delle persone con disabilità di ogni età (Seminario
    Internazionale PROGETTO ENTELIS)"

    a cura Progetto Entelis, Ausilioteca AIAS Bologna
    dalle 8,30 alle 18, Camplus Bononia, Via Sante Vincenzi 49-51, Bologna

    giovedì 27, venerdì 28, sabato 29 novembre
    10° mostra convegno "Handimatica" (Tecnologie per la disabilità)
    a cura di Asphi
    Istituto Aldini Valeriani Sirani, Via Sario Bassanelli 9, Bologna

    venerdì 28 novembre (NB: seminario rinviato a data da destinarsi)
    convegno "Fondo regionale per la non autosufficienza: prospettive e risultati a sette anni dall'avvio"
    a cura Regione E.Romagna
    dalle 14 alle 17,30, Regione E.Romagna, sala polivalente, via A.Moro 50, Bologna

    venerdì 28 e sabato 29 novembre
    Corso di formazione "Disturbi Specifici di Apprendimento - DSA"
    a cura associazione Oltremodo
    venerdì dalle 14.30 alle 18.30, sabato dalle 9.30 alle 13 e dalle 14 alle 16.30

    venerdì 28 novembre
    convegno "CSR: dall’impegno sociale al vantaggio competitivo" (responsabilità sociale delle imprese)
    a cura Manageritalia Bologna
    alle ore 9,30 alle 17,00, auditorium di Unindustria, via San Domenico 4, Bologna  

  • 22 Ottobre 2014 | L’attuazione del Regolamento sull’amministrazione condivisa a Bologna vedi

    Donato Di Memmo (Responsabile Ufficio Promozione della cittadinanza attiva – Comune di Bologna) prova a fare il punto sul grado di avanzamento del processo per l’attuazione del Regolamento a Bologna, la città in cui il Regolamento è nato.
    "Ad alcuni mesi dall’approvazione da parte del Consiglio Comunale (maggio 2014), proviamo a fare il punto sul grado di avanzamento del processo per l’attuazione del Regolamento a Bologna, la città in cui il Regolamento è nato. Intanto occorre mettere in evidenza come il tentativo di dettare una cornice normativa per la disciplina delle esperienze di collaborazione tra cittadini e amministrazione abbia suscitato un grande interesse, dentro e fuori la nostra città. Il Comune, infatti, ha ricevuto numerosissime richieste di supporto da parte di altre amministrazioni, grandi e piccole, interessate all’approvazione del Regolamento. Ciò, oltre a riempirci di orgoglio, ci carica inevitabilmente di una grande responsabilità nel proseguire il percorso avviato, traducendo i contenuti del regolamento in esperienze concrete di collaborazione e quindi in prassi amministrativa"
    - Leggi tutto sul sito del Labsus, laboratorio per la sussidiarietà
    - Iscriviti alla newsletter del Labsus

  • 21 Ottobre 2014 | Legge stabilità: calano fondi politiche sociali e non autosufficienza....anzi no. Galleria di commenti. vedi

    Cifre piu' basse rispetto a quelle dello scorso anno per i principali fondi sociali, da quello per le politiche sociali a quello per la non autosufficienza. La legge di stabilita' 2015, approvata dal Consiglio dei ministri, non contiene lo sperato incremento dei fondi destinati al sociale: il testo al momento contiene infatti un finanziamento di 300 milioni di euro per il Fondo per le politiche sociali (- 100 rispetto al 2014), di 250 milioni per il Fondo per la non autosufficienza (- 100 rispetto al 2014), di 187 milioni per il Fondo Sprar destinato ai richiedenti asilo, di 12,5 milioni di euro per gli stranieri non accompagnati.
    Per la "social card" sono destinati 250 milioni di euro e altri 50 milioni sono riferiti alla legge delega di riforma del terzo settore, destinati a imprese sociali e servizio civile. Sparisce il Fondo per l'infanzia e l'adolescenza i cui fondi (30mln nel 2014), afferma il testo in circolazione, sono ricompresi in quello per le Politiche sociali. Nota positiva il cinque per mille: il testo prevede ancora un tetto di spesa, ma fino a 500 milioni di euro, una cifra che dovrebbe consentire di elargirlo interamente.
    Leggi la notizia dell'agenzia DIRE nel sito della Conferenza delle Regioni e Provincie autonome

    Il testo della legge di stabilità 2015

    Per approfondire: commenti e aggiornamenti giorno per giorno
    Lo speciale della agenzia quotidiano sanità (17/10/14)
    La presa di posizione della FISH fed.italiana superamento handicap (20/10/14)
    Il comunicato del Forum nazionale del terzo settore (17/10/14)
    Dove taglieranno le regioni (21/10/14)
    Ma i bebè non sono tutti uguali (21/10/14)
    Stabilità: bonus bebè solo per redditi bassi. La soglia passa da 90 a 30mila euro di ISEE (22/10/14)
    Il commento di Stefano Zamagni (Univ.Bologna., già presidente Agenzia per le Onlus) (20/10/14)
    Il commento di Maurizio Ferrera (Univ.statale Milano, fondatore di Secondo Welfare) (20/10/14)
    Il commento di Cristiano Gori (docente Università cattolica Milano, direttore di Welfare Oggi) (20/10/14)
    Le Regioni su bonus bebè e social card: così non vanno bene (23/10/14)
    L’autogol del taglio al fondo per la non autosufficienza (28/10/14)
    Legge Stabilità – Commento del Forum del Terzo Settore dopo l'incontro con il Governo (27/10/14)
    Legge di stabilità, il parere della CONVOL, conferenza presidenti associazioni di volontariato (21/10/14)
    Non autosufficienza, Renzi riempie il fondo. Disabili comunque in piazza (28/10/14)
    La sanità alla Leopolda. Sei Tavoli dedicati: dalla spesa alla non autosufficienzan (30/10/14)
    Legge di stabilità: Regioni chiedono un tavolo tecnico sulle loro proposte (30/10/14)
    Legge di stabilità: Regioni pronte al confronto con il Governo (1) (30/10/14)
    Legge di stabilità: Regioni pronte al confronto con il Governo (2) (30/10/14)
    Disegno di legge di stabilità 2015 e persone con disabilità (31/10/14)
    Fondo non autosufficienza, sparisce il taglio: si torna a 350 milioni (3/11/14)

    5 novembre 2014: il Governo si impegna ad aumentare gli stanziamenti
    Fondo Nazionale per la non autosufficienza: riportato a 400 milioni per il 2015
    Fondo non autosufficienza, via il taglio. Il governo lo porta a 400 milioni

    Non autosufficienza: fondo aumentato, “ma il bisogno è molto più grande” (6/11/14)
    Regioni. Politiche sociali: proposto un patto da affiancare alla legge di stabilità (6/11/14)

    10 novembre: Stabilità. Commissione Affari Sociali. Più soldi per non autosufficienze e politiche sociali. "Mini tassa" sugli omeopatici. Categorie omogenee per i dispositivi medici. Stretta al bonus bebé e lotta al gioco d'azzardo. Ecco gli emendamenti

  • 17 Ottobre 2014 | Rimozioni. Il giornalismo selettivo tra ipocrisia e necessità vedi

    A Capodarco (Ap) dal 28 al 30 novembre 2014 il seminario annuale di formazione per giornalisti promosso da Redattore sociale.
    Il ventunesimo seminario di formazione organizzato da Redattore sociale affronta uno dei nervi più nascosti della professione giornalistica. L’appuntamento è come sempre alla Comunità di Capodarco di Fermo dove oltre 200 giornalisti da tutta Italia seguiranno le quattro sessioni dell’incontro tra workshop tematici, discussioni sulla rappresentazione dei temi sociali e dibattiti sui grandi scenari dell’informazione. [...]
    “Raccontare quello che si vede. È in fondo l'essenza del giornalismo, ciò che lo fa sembrare ai più una professione semplice, ma che invece la rende imperfetta per definizione. Perché nessuno può vedere tutto; perché non è mai necessario raccontare tutto ciò che si vede; perché spesso è importante farlo alla luce di quello che si è visto, cioè dell’esperienza e della memoria. E perché ciò che si racconta è anche il risultato di un passaggio scrupoloso attraverso i filtri della cultura che ciascun giornalista ha assorbito, della sua condizione personale, del suo grado di conformismo e, sì, degli interessi più o meno legittimi, e che più o meno volutamente, rappresenta.
    È in questo passaggio che ognuno può individuare molti sintomi dell'imperfezione del giornalismo. Linguaggi che sottilmente nascondono, neutralità "notarili" che non fanno emergere il contesto e le cause degli eventi, omissioni di dettagli fondamentali. Meccanismi di rimozione di parti della realtà che sono perennemente in agguato di chi invece, per mestiere, dovrebbe perseguire gli obiettivi della ricerca, dell'approfondimento, del rendere noto e comprensibile ciò che succede nel mondo, con rigore e intransigenza"

    Per informazioni: 0734 681001; giornalisti@redattoresociale.it
    Leggi tutto su redattoresociale.it

  • 16 Ottobre 2014 | Case Zanardi ha inaugurato i primi due Empori Solidali e lancia una campagna di crowdfunding vedi

    Venerdì 17 ottobre, in occasione della Giornata mondiale contro la povertà, sono stati inaugurati a Bologna i primi due Empori Solidali del progetto Case Zanardi del Comune di Bologna in via Capo di Lucca, 37 e in via Abba, 28 c/d.
    La giornata si è aperta alle ore 12 con l'inaugurazione dell'Emporio di via Capo di Lucca, alla presenza del sindaco di Bologna Virginio Merola ed è proseguita alle ore 17 nell'Emporio di via Abba, con la partecipazione di Amelia Frascaroli – Assessore Servizi Sociali, Volontariato, Associazionismo, Sussidiarietà e Politiche attive per l'occupazione.
    Negli Empori potranno fare settimanalmente una "spesa" di beni di prima necessità 50 famiglie con minori, residenti a Bologna, titolari della social card e inviati dai Servizi Sociali Territoriali.
    Leggi tutto sul sito del progetto
    Guarda la galleria fotografica su repubblica.it

    Case Zanardi è una rete di progetti nati per rispondere alle nuove forme di povertà scaturite dall'attuale crisi.
    Prendendo ispirazione dai "negozi Zanardi" istituiti nel 1914 dal primo sindaco socialista di Bologna per offrire generi di prima necessità alla popolazione sfinita dalla guerra, le Case Zanardi (nove in tutto) sono spazi reali diffusi nei quartieri della città dove persone e famiglie in difficoltà possono accedere a luoghi di scambio di beni, servizi e competenze; laboratori di riciclo, orti e vivai urbani, percorsi di formazione e orientamento, tirocini e inserimenti lavorativi.

    L'inaugurazione è stata l'occasione per lanciare una campagna di crowdfunding rivolta a tutta la cittadinanza (online a partire dal 17 ottobre sul sito www.casezanardi.it) per garantire l'approvvigionamento dei market.
    Cosa è il crowdfunding

  • 15 Ottobre 2014 | Nuovo Isee: moduli pronti, enti in ritardo. Partirà dal 2015 vedi

    Nuovo Isee, ancora qualche mese di attesa. Il ministro Poletti ha confermato che il nuovo sistema di riconoscimento e comparazione dei redditi non entrerà a regime prima dell’inizio 2015, benché le strutture del governo abbiano svolto il loro dover di mettere a punto documenti e informazioni per gli uffici tributari.
    Si attendeva da diverso tempo un segno del governo in materia di Isee, dopo che la scadenza di fine maggio per l’emanazione del decreto attuativo era saltata senza alcuna motivazione ufficiale .
    Evidentemente, la maggioranza non ha intenzione di correre con il nuovo strumento di certificazione del reddito e, anzi, ha concluso di voler chiudere il 2014 con il sistema classico di rilevazione.
    Dunque, il nuovo Isee entrerà in vigore oltre un anno dopo la sua ufficiale presentazione. Come si ricorderà, infatti, era stato il governo di Enrico Letta, nel dicembre 2013, a varare l’aggiornamento finalizzato a stanare una volta per tutte i tantissimi “furbetti” che approfittano di dichiarazioni fasulle o incomplete per accedere a benefici o sconti riservati ad altri aventi diritto.
    “Eravamo pronti anche prima - ha tenuto a precisare il titolare del dicastero del Lavoro nell’apposita audizione a Montecitorio - ma abbiamo scelto di evitare problemi”.
    Evidentemente, insomma, una scelta dettata più dalle contingenze di scadenzari, chiusure fiscali e bilanci, che dal reale impasse istituzionale. Questo, almeno, è quanto ha assicurato il ministro.
    A influire sulla decisione, infatti, il pressing degli enti locali, che avrebbero preferito l’arrivo del nuovo Isee con il 2015, per semplificare le procedure attualmente in atto: “Abbiamo valutato, su richiesta degli enti locali, non opportuno anticipare -  ha proseguito Poletti ­ per consentire a tutti di avere il tempo, altrimenti si arriva all’ultimo giorno e tutti diventano matti”.
    Insomma, il governo sembra davvero pronto, al punto che Poletti ha assicurato, chiudendo il suo intervento, che già dalle prossime settimane dovrebbe essere pronta la modulistica, per consentire così il tanto desiderato adattamento “morbido” per gli uffici tributari degli enti locali, in queste settimane alle prese con Tasi, Tari, la chiusura dei consuntivi delle amministrazioni e le varie incombenze locali
    (Fonte Leggioggi.it)

  • 15 Ottobre 2014 | Casa: 3,4 milioni di euro per aiutare famiglie in difficoltà vedi

    Buone notizie per le famiglie bolognesi che hanno difficoltà a fare quadrare i conti sulla casa. Il Comune di Bologna nel 2014 mette in campo una serie di interventi per la riduzione del disagio abitativo di famiglie che dimorano in alloggi di proprietà e in locazione: 3,4 milioni di euro tra risorse comunali, regionali e statali.

    Gli interventi in campo sono tre:
    - il bando per 500.000 euro di contributi economici cosiddetto "compensa Tasi" per famiglie proprietarie di prima casa;
    - il bando per circa 2 milioni di euro per contributi economici del Fondo nazionale locazioni per singoli e famiglie in affitto;
    - i circa 800.000 euro di contributi economici per singoli e famiglie in affitto colpite da morosità incolpevole per problemi di perdita di lavoro o simili, che rientrano nel protocollo antisfratti siglato con la Prefettura.

    Il contributo “compensa Tasi” è rivolto a famiglie con due o più figli di età inferiore a 26 anni che risultino a totale o parziale carico fiscale del genitore richiedente per l’anno d’imposta 2013. Queste devono essere proprietarie di un'unica prima casa, con rendita catastale complessiva uguale o inferiore a 892,85 euro, avere un ISEE uguale o inferiore a 20.000 euro e avere pagato l’acconto TASI per l’anno 2014 alla data della domanda oppure risultare esenti dal pagamento dell’imposta. Per ogni figlio saranno erogati 50 euro, entro fine anno.
    Leggi tutto nel sito del Comune

  • 14 Ottobre 2014 | Assegno per il nucleo famigliare (3 figli minori) per cittadini di paesi terzi vedi

    A seguito della circolare INPS n.97 del 4 agosto scorso emessa dopo l'Ordinanza del Tribunale di Milano del 20 maggio 2014, l'accesso all'assegno per il nucleo famigliare con almeno tre figli minori è esteso per il primo semestre 2013 anche ai cittadini residenti in possesso di carta di soggiorno/permesso di soggiorno di lungo periodo CE che abbiano presentato domanda nel 2013.
    L'assegno verrà erogato d'ufficio senza necessità di ripresentare la domanda.

    Per i residenti a Bologna è' necessario entro il 30 ottobre 2014 segnalare al Centro per le famiglie tramite e-mail ( centrofamiglie@comnune.bologna.it ) eventuali modifiche del codice IBAN per l'accredito in conto corrente, indicando nome e cognome di chi ha fatto la domanda e verificando l'avventuta ricezione del messaggio di posta elettronica da parte del Centro famiglie (attivare l'apposita opzione nel proprio programma di posta elettronica)

    Per ogni informazione è possibile contattare lo Sportello Informafamiglia del Centro stesso, dal lunedì al giovedì, dalle 9,00 alle 13,00, telefono 051/6563311, oppure recandosi nella sede di via Orfeo 40/2 negli stessi orari

    Per approfondire
    Ordinanza Tribunale di Milano del 20/5/14
    Circolare INPS n.97 del 4/8/14
    La scheda informativa sull'assegno per il nucleo famigliare con almeno 3 figli minori
    (fonte Asp Irides, redazione sportello sociale)

  • 14 Ottobre 2014 | Bonus per il servizio di teleriscaldamento vedi

    Bonus sociale gas in favore di nuclei familiari economicamente svantaggiati residenti nel Comune di Bologna a compensazione della spesa per il servizio teleriscaldamento.
    E' rivolto a tutti i clienti diretti e indiretti di Hera S.p.A. per il servizio di teleriscaldamento, per gli inquilini di alloggi pubblici provvederà l'ente gestore ACER a presentare domanda cumulativa. E' necessario avere un parametro ISEE non superiore ad euro 7.500 oppure ad euro 20.000 in caso di nuclei con più di 4 figli a carico
    La domanda va presentata entro il 31 dicembre 2014.
    Approfondisci

  • 14 Ottobre 2014 | Povertà, il piano del non profit: 7 miliardi all’anno e tutti dallo Stato vedi

    Un Piano nazionale contro la povertà "pluriennale" e con "risorse adeguate da subito". E' quanto chiede l’Alleanza contro la povertà in Italia che ha presentato nella sede del CNEL al governo Renzi la nuova versione del Reddito per l’inclusione sociale (Reis), presentato per la prima volta al governo Letta nel luglio 2013.
    Nata da un'idea lanciata da Acli e Caritas, l'Alleanza ad oggi raccoglie una ventina di organizzazioni promotrici impegnate nel sociale (tra cui Acli, Caritas, Action Aid, Cnca, Comunità di Sant’Egidio, Confcooperative, Fio-Psd, Fondazione Banco Alimentare Onlus, Forum nazionale del terzo settore, Save the children, le tre sigle sindacali Cgil Cisl e Uil e anche l’Anci) e altrettante sono quelle che aderiscono all'iniziativa di introdurre anche in Italia, come nel resto d'Europa (Grecia esclusa) una misura nazionale di contrasto alla povertà.
    Punta di diamante del Piano proposto al governo, proprio il Reis, ma per avviarlo l'Alleanza chiede risorse adeguate e non più legate a strumenti sperimentali o emergenziali.
    Leggi tutto su redattoresociale

  • 14 Ottobre 2014 | Bologna ospita Smart City Exhibition, Fiera di Bologna, 22/24 ottobre vedi

    Collaborazione, partecipazione e co-creazione i temi cui sarà dedicata la terza edizione della rassegna dedicata allo sviluppo delle città intelligenti, promossa da Bologna Fiere, ForumPA, in collaboraziobne con ANCI.
    - Leggi tutto su  ER digitale
    - Programma delle iniziative e incontri (vari seminari di interesse "sociale"...partecipazione, welfare e sanità, antispreco.sicurezza, riuso/riciclo...)

  • 9 Ottobre 2014 | Invalidità. Neomaggiorenni e provvidenze economiche: semplificazioni vedi

    Come già segnalato il decreto legge 24 giugno 2014, n. 90, convertito definitivamente dalla legge 11 agosto 2014, n. 114 ha introdotto importanti semplificazioni a favore delle persone con disabilità.
    Una delle nuove misure introdotte riguarda le persone con disabilità (invalidi, ciechi e sordi) che al compimento della maggiore età dovevano sottoporsi a nuova visita. In questi giorni INPS ha diramato il secondo messaggio che rende operative le indicazioni del Legislatore.
    Nel sito handylex.org sono riportati i 2 messaggi e viene fatto il punto delle relative istruzioni operative utili ai titolari indennità di accompagnamento, di comunicazione e di frequenza.
    Leggi tutto

  • 9 Ottobre 2014 | Rete dei Centri adattamento domestico e contributi legge 29/97. On line i report della regione relativi al 2013 vedi

    La Regione E.Romagna, Servizio Integrazione socio-sanitaria e politiche per la non autosufficienza, ha pubblicato i report 2013 relativi alla rete dei Centri per l'adattamento domestico (i CAAD provinciali e i due centri regionali CRIBA e CRA).
    In sintesi:
    - la rete dei centri adattamento ha svolto oltre 6400 interventi, di cui 3800 tramite consulenze mail o telefoniche, circa 900 sopralluoghi presso le abitazioni e 1600 consulenze in sede. Sono stati coinvolti 2400 cittadini disabili o anziani, con prevalenza di questi ultimi (55%). Fornite consulenza anche a oltre 1700 tra operatori (sociali, sanitari, tecnici edilizia e impiantistica) e famigliari.
    - legge 29/97: oltre 660mila euro di contributi erogati complessivamente a 525 cittadini con prevalenza di contributi per l'autonomia domestica (arredi, tecnologie, attrezzature) su quelli per adattamento e/o acquisto dell'auto.

    Per le auto i contributi sono andati in maggioranza a persone adulte con deficit di tipo motorio e per acquisto di auto adattate. Per i contributi relativi all'autonomia in casa  contributi sono andati in maggioranza a persone adulte con disabilità motoria (ma esiste una quota significativa con disabilità sensoriale) a seguito di acquisti di arredi e attrezzature per la casa (34%), tecnologie informatiche (21%), impianti di condizionamento e deumidificazione (14%). Residuali, il 2%, i contributi per svolgere a casa attività lavorativa o di riabilitazione.
    Leggi tutto e scarica i report nel sito della rete dei CAAD

  • 7 Ottobre 2014 | Aggiornato il Catalogo delle newsletter sociali italiane. vedi

    La redazione degli sportelli sociali del Comune di Bologna ha aggiornato il catalogo delle newsletter sociali italiane prodotto in prima edizione nel 2010.
    Nella nuova edizione sono segnalate 206 newsletter, tutte diffuse gratuitamente, di area sociale e sanitaria, suddivise attraverso una ventina di tematiche (anziani, dipendenze, disabili, immigrazione, pace e diritti, politiche sociali, salute mentale, sanità, terzo settore...).
    Il catalogo 2014 è stato arricchito anche dalle principali rassegne sociali on line dalla stampa quotidiana e dai riferimenti delle agenzie stampa specializzate su tematiche sociali e sanitarie.
    Sono segnalate in tutto circa 220 risorse gratuite che possono permettere agli operatori, agli amministratori, alle organizzazioni del terzo settore, alle persone che vivono una condizione di fragilità o emarginazione ad ai loro famigliari, di rimanere aggiornati sui temi che li riguardano, professionalmente e/o personalmente.
    Una necessità ed una opportunità ancora più importante in questa epoca di "crisi", per innovare i servizi e le politiche sociali,conoscere le risorse disponibili, rinnovare le ragioni per un impegno di giustizia sociale e solidarietà.
    Puoi consultare il Catalogo dalla pagina http://informa.comune.bologna.it/iperbole/sportellosociale/documenti/3461
    (fonte redazione sportelli sociali Comune Bologna)

  • 1 Ottobre 2014 | Dall'8 al 12 ottobre "Terra di tutti film festival" vedi

    Il Terra di Tutti Film Festival nasce nel 2007 dall'esigenza di dare la parola a tanti documentaristi che usano il video come forma di espressione critica, come torcia sul mondo e sui problemi che colpiscono i molti sud del mondo di ogni Paese. Promosso dalle Organizzazioni Non Governative di cooperazione internazionale allo sviluppo GVC (Gruppo di Volontariato Civile) e COSPE (Cooperazione per lo sviluppo dei Paesi Emergenti), il TTFF porta a Bologna documentari e cinema sociale dal sud del mondo, con l'obiettivo di dare visibilità alla realtà di quei Paesi, popoli e lotte sociali che sono "invisibili" nei mezzi di comunicazione di massa.
    Partecipano al festival le opere audiovisive di medio e cortometraggio il cui taglio narrativo è incentrato sulla lotta per l'uguaglianza dei diritti, il genere, la difesa della libertà, la cittadinanza attiva, la coscienza ambientale ed ecologica.
    Il Terra di Tutti Film Festival vuole offrire visioni del sud senza retoriche, censure o pietismi, ma con l’idea che solo uno sguardo lucido, reattivo e mai rassegnato delle realtà che ci circondano possa portare a cambiare il presente ed inventare futuri. Anche attraverso il cinema.
    Visita il sito del festival

  • 30 Settembre 2014 | Voucher universale per i servizi sociali: le opinioni in rete vedi

    Riorganizzare il sistema dei servizi alla persona e alla famiglia, introducendo il meccanismo del “voucher universale”: è questo l’obiettivo della proposta di legge “Istituzione del Voucher universale per i servizi alla persona e alla famiglia”, presentata contemporaneamente alla Camera e al Senato da PD e NCD.

    La proposta di legge, descritta dalla redazione degli sportelli sociali lo scorso giugno, è stata presentata e discussa in diverse sedi. Segnaliamo alcuni contributi:
    - La proposta di voucher universale: opportunità e rischi, di Sergio Pasquinelli e Giselda Rusmini - Istituto per la Ricerca Sociale, Milano, pubblicato su qualificare.info
    - Welfare, buoni acquisto per creare occupazione con i servizi alle famiglie, di M. Ferrera, pubblicato su Il Corriere della Sera il 10 giugno 2014
    - Voucher universale: ragioni e obiettivi della proposta, di Roberto Cicciomessere, pubblicato su
    Secondowelfare il 10 giugno 2014
    - Bambini e anziani: arriva il voucher universale, di Sergio Pasquinelli, pubblicato su Scambi di Prospettive il 18 giugno 2014
    - Il voucher universale per i servizi alla persona e alla famiglia: alcuni aspetti critici,  di E. Granaglia, pubblicato su Nelmerito il 23 giugno 2014
    - Il voucher universale per i servizi alla persona e alla famiglia: verso il secondo welfare.
    Dibattito organizzato dall’Istituto Luigi Sturzo a Roma, interventi di Giuseppe Sangiorgi, Natale Forlani, Roberto Cicciomessere , Giuseppe Roma , Carlo Dell'Aringa, Federica Chiavaroli, Vittoria D'Incecco, Marco Leonardi, Franca Maino, Giorgio Santini. Link ai video dell'evento.

  • 29 Settembre 2014 | Al via il secondo bando per contributi promozionali a sostegno del lavoro di cura delle assistenti famigliari vedi

    A partire dal 29 settembre e fino al 31 dicembre compreso sarà possibile presentare nuovamente domanda per accedere a contributi economici promozionali. I contributi sono rivolti a cittadini ultrasessantacinquenni residenti nel Comune di Bologna che hanno attivato autonomamente, o tramite agenzia di somministrazione di lavoro, un regolare contratto con Assistente Familiare. Sono richiesti un ISEE del nucleo famigliare non superiore ad euro 22.300 e la presenza di un contratto di non meno di 25h settimanali.
    Coloro che percepiscono assegno di cura e/o contributo erogato nell’ambito del progetto INPS Home Care premium non potranno accedere al contributo.
    Leggi nel sito di Asp Città dei Bologna
    Scarica la scheda informativa nel sito degli sportelli sociali
    (fonte sito Asp Bologna)

  • 29 Settembre 2014 | Convegni, corsi, conferenze sociali (ottobre 2014) vedi

    Convegni, conferenze, corsi, seminari: gli appuntamenti utili per chi lavora nel sociale a Bologna


    mercoledì 1 ottobre
    Seminario "Maltrattamento e abuso sul minore"
    a cura Regione E.Romagna
    dalle 9,15 alle 13,30, RegioneE.Romagna, Terza Torre Sala A, viale della Fiera 8, Bologna

    mercoledì 1 ottobre
    seminario "La risposta autobiografica come impegno civile e risposta ai bisogni di cura"
    a cura Libera Università Anghiari e Comune Bologna
    dalle ore 17,00, Sala M.Biagi, Baraccano, via S.Stefano 119, Bologna

    mercoledì 1 ottobre
    convegno "Omofobia e sessismo nel luogo di lavoro: una ricerca del Comune di Bologna"
    a cura UniBo e Comune Bologna
    dalle 14,15 alle 17,30, Auditorium Enzo Biagi, Biblioteca Salaborsa, Piazza Nettuno 3, Bologna

    venerdì 3 ottobre
    incontro "Guerra e migranti"
    nell'ambito di “Orizzonti / migranti in viaggio da Dante alla Costituzione”
    ore 18, Palazzo d'Accursio , Sala Imbeni, piazza Maggiore 6, Bologna

    domenica 5 ottobre
    Festa per il decennale della Casa dei Risvegli Luca De Nigris
    a cura Ass.ne Amici di Luca, Az.USL Bologna
    dalle ore 10, Ospedale Bellaria, via Giulio Gaist 6, Bologna

    lunedì 6 e lunedì 13 ottobre
    rassegna cinematografica "AgroDolce" (Ciclo di film a tema sociale, organizzato dalla cooperativa Àncora Servizi in occasione dei 20 anni di attività. Lun 6 film Quartet ore 21,30 ; Lun 13 film Si può fare ore 19,30. Ingressi gratuiti)
    a cura di Coop Ancora
    nuovo cinema Nosadella, via L.Berti 2/7, Bologna

    martedì 7 ottobre
    presentazione del volume "Dal coma alla comunità"
    a cura ass.ne Amici di Luca
    ore 18,30, libreria Ambasciatori, via Orefici 19, Bologna

    mercoledì 8 ottobre
    incontro di presentazione del progetto "Ripar…AZIONE VOLONTARIA"
    a cura di Volabo
    dalle ore 17.30 alle 20.30, Auditorium del Villaggio del Fanciullo, via Scipione dal Ferro 4, Bologna

    mercoledì 8 ottobre
    Presentazione della "Relazione delle attività svolte nell'anno 2013 dal Garante regionale per l'infanzia e l'adolescenza"
    a cura Garante regionale infanzia adolescenza E.Romagna
    dalle 16,30 alle 18,30, Biblioteca dell'Assemblea legislativa, Viale Aldo Moro 32, Bologna

    da mercoledì 8 a domenica 12 ottobre
    rassegna cinematografica "Terra di tutti film festival" (rassegna internazionale di documentari e cinema sociale)
    a cura di Cospe e Gvc

    sabato 11 ottobre
    convegno "E io quando sono adulto? Potenzialità e ricerca" (in occasione della Giornata nazionale delle persone con sindrome di Down)
    a cura di CEPS
    dalle  9 alle 17, Aula Magna Gozzadini del Policlinico Sant’Orsola–Malpighi, via Massarenti 9, Bologna

    domenica 12 ottobre
    iniziativa "Imparare l’arte con altri occhi" (Arte e persone cieche: laboratorio di manipolazione della creta a occhi chiusi, proiezione del documentario "Un albero indiano", lettura animata per bambini "Cibi il rinoceronte")
    a cura Fondazione M.Golinelli e CBM Italia
    dalle 15,30 alle 18, Voltone del Podestà, Piazza Re Enzo 1/N, Bologna

    da lunedì 13 a sabato 18 ottobre
    festival "Io, tu, noi, voi. Dalla multiculturalità al meticciato. Una comunità possibile" (Festival del Meticciato 2014)
    a cura di ANCESCAO
    ciclo di incontri e laboratori

    lunedì 13 ottobre
    Presentazione del n. 80 della rivista Africa e Mediterraneo "L’Italia e il Sistema europeo comune di asilo"
    a cura del progetto Bologna cares
    dalle 15,30 alle 17,30, Salone della guardia, Prefettura di Bologna, via IV novembre 24, Bologna

    martedì 14 Ottobre
    incontro "Le Ludopatie: quando il gioco non è più evasione " (Rassegna Forme del disagio)
    a cura dello Studio di Psicologia Dioscuri
    ore 18.30, Biblioteca multimediale Roberto Ruffilli, Vicolo Bolognetti 2, Bologna

    mercoledì 15 ottobre
    seminario "Competenze per sviluppare il Turismo Sociale" (nell'ambito del progetto europeo SO.TO)
    a cura di Progetto SO.TO
    dalle 9,30 alle 13, aula magna Regione E.Romagna, vialer A.Moro 30, Bologna

    giovedì 16 ottobre
    presentazione del volume "Paternità e padri. Tra regole e affetti" (S.Busciolano, L.Degiorgis, D.Galli, CM. Garavini)
    a cura Istituzione G.F.Minguzzi
    dalle 15.00 alle 17.30, Biblioteca "G.F. Minguzzi - C. Gentili", via S.Isaia 90, Bologna

    giovedì 16 ottobre
    corso "Una vita nella vita" (corso di formazione per familiari di persone affette da demenza)
    a cura di Asp Bologna
    il giovedì dalle 17.00 alle 19.00 a partire dal mese di ottobre presso il Centro Servizi Cardinal Lercaro, in Via Bertocchi 12, Bologna

    venerdì 17 ottobre
    incontro "Una, due... tante famiglie" (nell'ambito del 60° anniversario de Il Mulino", Intervengono Alberto Melloni e Chiara Saraceno)
    a cura di Il Mulino
    ore 16.30, Libreria Ambasciatori, via Orefici 19, Bologna

    venerdì 17 ottobre
    incontro "XI non sprecare. Cibo, rifiuti, energia, suolo"  (nell'ambito del 60° anniversario de Il Mulino", Intervengono A.Segrè e A.Massarutto)
    a cura di Il Mulino
    ore 19.30, Libreria Ambasciatori, via Orefici 19, Bologna

    sabato 18 ottobre
    convegno "Disabilità intellettiva. BES: quale educazione speciale"
    a cura di Associazione Elève
    dalle 9,00 alle 17,00, CNR area ricerca, via Gobetti 101, Bologna

    sabato 18 ottobre
    seminario "L'adolescenza sconosciuta. Riflessione sui minori stranieri non accompagnati"
    a cura di Coop Cadiai
    dalle 9 alle 13, Sala della traslazione, Piazza San Domenico 13, Bologna

    sabato 18 ottobre
    incontro "La prima esperienza multietnica è a scuola" (nell'ambito del 60° anniversario de Il Mulino", Intervengono Maurizio Ambrosini e Debora Mantovani)
    a cura di Il Mulino
    ore 12, Libreria Ferltrinelli, p.zza di Porta Ravegnana, Bologna

    sabato 18 ottobre
    incontro "Il costo dei diritti" (nell'ambito del 60° anniversario de Il Mulino", Intervengono Maurizio Ferrera, Giulio Napolitano e Valerio Onida)
    a cura di Il Mulino
    ore 15.30 , Biblioteca dell’Archiginnasio, sala Stabat Mater, via Archiginnaio, Bologna

    da lunedì 20 ottobre al 15 dicembre
    corso "La popolazione anziana come realtà emergente e portatrice di nuovi bisogni: strategie di miglioramento nei servizi di assistenza agli anziani"
    a cura di IPSSER e OASER
    Sede: Fondazione I.P.S.S.E.R., Via Riva di Reno 57, Bologna

    martedì 21 Ottobre 2014
    incontro "I giovani e l'alcol, oggi: motivazioni psicologiche e sociali, comportamento e nuovi stili di consumo" (Rassegna Forme del disagio)
    a cura dello Studio di Psicologia Dioscuri
    ore 18.30, Biblioteca multimediale Roberto Ruffilli, Vicolo Bolognetti 2, Bologna

    mercoledì 22 e mercoledì 29 ottobre
    corso di formazione "Una strada diversa. Homelessness e persone LGBT"
    a cura di Avvocato di strada
    dalle ore 16 alle 19, sede Ass.Avvocato di strada, via Malcontenti 3, Bologna

    mercoledì' 22, giovedì 23, venerdì 24 ottobre
    fiera "Smart City Exhibition" (Collaborazione, partecipazione e co-creazione i temi cui sarà dedicata la terza edizione della rassegna dedicata allo sviluppo delle città intelligenti)
    a cura di Fiere Bologna, ForumPA, ANCI
    Fiera di Bologna, piazza della Costituzione, Bologna

    giovedì 23 ottobre
    seminario "Quale Sanità e welfare nelle città di domani. Welfare aziendale, medicina di prossimità, integrazione socio-sanitaria, teleassistenza" (nell'ambito di Smart City Exhibition)
    dalle 11,30 alle 13,00, Fiera di Bologna

    venerdì 24 ottobre
    convegno "Da ascoltiamoci ad incontriamoci. La prevenzione del rischio nasce dalla comprensione e dalla conoscenza dell’altro?"
    a cura Ausl Bologna
    dalle 9 alle 13, Sala Verdi - Pad. 36, Quartiere fieristico di Bologna, Bologna

    sabato 25 ottobre
    convegno "Lupus eritematoso sistemico: capire conoscere curare"
    a cura di AMRER
    dalle 9 alle 17,30, Aemilia Hotel, Via Zaccherini Alvisi 16, Bologna

    lunedì 27 ottobre
    seminario "La progettazione sociale nella web society"
    a cura di UniBo e AISS
    alle 15,30, Sala Poeti, Palazzo Hercolani, Strada Maggiore 45, Bologna

    martedì 28 ottobre
    incontro "Presentazione di AccessiBol. App dedicata alla accessibilità dei locali di Bologna"
    a cura di UILDM
    ore 18.00, Sala Imbeni di Palazzo d’Accursio, piazza Maggiore 6, Bologna

    mercoledì 29 ottobre
    seminario "Il contrasto alle discriminazioni nel mercato del lavoro:
    quale ruolo per gli attori locali?" (nell'ambito della Rassegna Segnali di pace)

    a cura Comune Bologna, Scuola di Pace
    dalle 15 alle4 17, Museo Civico Archeologico, Via de’ Musei 8, Bologna

    venerdì 31 ottobre
    seminario "Mediare i conflitti. Esperienze e prospettive"
    a cura Regione E.Romagna, Officina del welfare
    dalle 9,30 alle 13,30, sala G.Fanti, Assemblea legislativa, regione E.Romagna, v.le A.Moro 50, Bologna

    venerdì 31 ottobre
    convegno "Io telelavoro e tu? Quando la tecnologia può aiutare la conciliazione dei tempi di vita"
    a cura Consigliera di parità regionale  dell'Emilia Romagna  e dal Comitato Unico di Garanzia di ER-GO Emilia Romagna
    dalle 9,30 alle 14, Residenza Fioravanti, via Greta Garbo 15, Bologna

    venerdì 31 ottobre
    convegno "Storia della Sanità Pubblica in Italia" (bnell'ambito del festival della Storia)
    a cura di Associazione Medici per l'Ambiente - ISDE Italia
    dalle 9 alle 13,30, Cappella Farnese di Palazzo d'Accursio, Piazza Maggiore 6, Bologna

  • 26 Settembre 2014 | Guida alle Agevolazioni fiscali per disabili, aggiornamento maggio 2014 vedi

    L'Agenzia delle entrate ha pubblicato nel proprio sito l'aggiornamento a maggio 2014 della Guida alle agevolazioni fiscali per disabili. Non moltissime le novità: agevolazioni acquisto veicoli, proroga della maggior detrazione Irpef sulle barriere, aumento della detrazione per figli a carico.
    Scarica la Guida 2014

  • 26 Settembre 2014 | Accordo tra Banca Prossima e Nomisma: un passo avanti per la finanza sociale? vedi

    A Bologna nell’ambito di Farete, evento organizzato da Unindustria Bologna, è stato presentato un accordo di collaborazione fra Nomisma e Banca Prossima che si pone l’obiettivo di promuovere l’elaborazione e la diffusione di nuovi modelli di gestione del credito che siano favorevoli allo sviluppo dell’economica sociale. L’accordo, in sostanza, consentirà alle imprese di richiedere finanziamenti agevolati per lo sviluppo di progetti, da realizzarsi in forte sinergia con le organizzazioni non profit e le pubbliche amministrazioni, orientati a creare impatti economici e sociali sui propri territori operativi.

    Da un lato, Nomisma metterà a disposizione la propria esperienza in termini di valutazione dell’impatto economico degli interventi e la sua capacità di delineare modelli di politica economica volti a ridurre o a rendere più efficiente la spesa pubblica, anche grazie all’utilizzo di risorse provenienti dal settore privato. Dall’altro lato, Banca Prossima assicurerà un migliore accesso al credito alle aziende che vorranno investire in progetti di CSR, sostenibilità ambientale e misure di welfare aziendale, cercando quindi di quantificare il più possibile il valore sociale generato da tali attività in favore dei territori.
    Leggi tutto su secondowelfare.it

  • 26 Settembre 2014 | Bologna. Sempre più ventenni con problemi di alcol vedi

    Sono sempre più i giovani, e sempre più in giovane età, ad avere problemi con l'alcol nell'area metropolitana di Bologna. A sentenziarlo è il Rapporto 2013 dell'Osservatorio dipendenze dell'Ausl sotto le Due Torri, pubblicato in questi giorni. Mentre nel complesso "diminuisce la stima del numero di soggetti con consumo problematico di alcol", tra i residenti "aumenta l'incidenza tra i soggetti con meno di 20 anni di età".
    Nel corso dell'anno passato, si sono presentati ai diversi servizi dell'Ausl di Bologna 2.823 persone con problemi correlati al consumo di alcol, "in aumento rispetto al 2012".
    In particolare, 1.022 si sono rivolti ai Sert per alcolismo (di cui 58 seguiti in carcere), 637 sono stati ricoverati per patologie legate all'alcol e 1.490 persone si sono rivolti a un reparto di Pronto soccorso per problemi legati all'abuso di alcolici.
    Leggi tutto nel sito  dell'agenzia DIRE

  • 26 Settembre 2014 | Comunicazione: Rom, quando il cinema rompe lo stereotipo vedi

    L’immagine che le culture stanziali hanno sviluppato del popolo rom è viziata ancora in gran parte da luoghi comuni e stereotipi radicati nell’immaginario collettivo: nomadismo, degrado, disonestà congenita, ignoranza, sfruttamento dei minori, accattonaggio, microcriminalità sono solitamente le caratteristiche che sbrigativamente hanno sempre connotato la nostra visione delle popolazioni di lingua romanì. Tra le immagini certamente più abusate per sottolineare la distanza tra il modo di vita occidentale o progredito e quello dei rom vi sono certamente quelle delle moltitudini di bambini (spesso sporchi e malvestiti) che affollano i campi delle periferie delle metropoli dove vengono ammassate le comunità nomadi.
    Leggi tutto e consulta le schede che segnalano 70 produzioni cinematografiche nel sito del Centro analisi e documentazione infanzia e adolescenza di Firenze

  • 26 Settembre 2014 | Droghe, alcol, gioco di azzardo. Rapporto 2013 dell'Osservatorio epidemiologico vedi

    E' on line, curato dall'Osservatorio epidemiologico dell'Azienda USL, il Rapporto 2013 sulle dipendenze in area metropolitana, quadro epidemiologico, caratteristiche tossicodipendenti, alcolisti e giocatori d'azzardo patologici, attività dei servizi e relativi approfondimenti.
    Scarica il rapporto

  • 26 Settembre 2014 | Newsletter InfoDoc degli sportelli sociali, disponibile il numero di settembre. vedi

    Dall'autunno dell'anno scorso la redazione degli Sportelli sociali del Comune di Bologna produce una newsletter dedicata al tema delle funzioni di informazione, comunicazione e documentazione nell'ambito sociale.
    "E' più facile che un cammello...che una assistente sociale trovi il tempo per leggere...e scrivere!".
    Questa immagine tratta dalla rivista Prospettive sociali e sanitarie racconta bene la sorte di queste funzioni che, molto praticate nel terzo settore (...la documentazione un po' meno...), anche se non sempre con esiti di qualità, trovano molta difficoltà a diventare strumenti del lavoro sociale e non rimanere funzioni accessorie, legate alla disponibilità ed iniziative dei singoli operatori o di dirigenti illuminati.

    Ci sono su questo ovviamente anche delle ragioni di cui tenere conto, come la variabile tempo, l'aumento delle situazioni di difficoltà sociale...di utenza in sostanza,la fase di crisi, la natura stessa carica di ambiguità del lavoro sociale. Ma ci sono anche resistenze al cambiamento che inevitabilmente l'informazione e la documentazione propone e sottolinea.

    Con questa newsletter a cadenza bimestrale e a valenza sia informativa che documentativa, si intende dare conto, soprattutto agli operatori, di cosa si muova in Italia su questi ambiti, dando attenzione ad una ventina di tematiche che sono elencate  nella prima pagina di ogni numero: si va dal rapporto tra biblioteche e welfare, alle novità in tema di riviste, siti, newsletter, centri di documentazione. E ancora le tecnologie, i social network, il digital divide. Attenzione anche per l'editoria in campo sociale, al ruolo del giornalismo, alla radio, alla tv, al cinema, a come i media affrontano le questioni dei servizi sociali e della marginalità in genere.

    Le notizie pubblicate trattano di temi specificatamente sociali, ma anche di come il dibattito sul/nel giornalismo o sulle tecnologie o i media costituisca uno sfondo imprescindibile su cui avere alcune conoscenze per sviluppare coerentemente queste funzioni nell'ambito dei servizi sociali.
    Un invito a leggere, a documentarsi, a scrivere, ad essere curiosi. Un invito che per alcuni risulta anche scomodo.

    Nel numero di settembre 2014 la newsletter propone una cinquantina di notizie apparse negli ultimi mesi. La potete scaricare nella sezione Infodoc di questa scheda informativa del sito degli sportelli sociali, dedicata alle tre newsletter prodotte dove potrete trovare anche i numeri arretrati.
    L'iscrizione è gratuita e si può fare scrivendo a: redazionesportellosociale@comune.bologna.it

  • 26 Settembre 2014 | Riforma Terzo Settore e relazioni tecniche su sito della Camera vedi

    Sul sito della Camera dei Deputati è stato pubblicato il testo della riforma del Terzo settore accompagnato dalle relazioni tecniche.
    Leggi tutto

  • 26 Settembre 2014 | Sesta edizione salone editoria sociale. L'Europa in cammino vedi

    Dal 16 al 19 ottobre, negli spazi di Porta Futuro a Roma, torna il Salone dell’editoria sociale, l’iniziativa culturale promossa da Edizioni dell’Asino, Gli Asini, Lo Straniero, Lunaria, Redattore sociale e Comunità di Capodarco. Il tema del salone è “L’Europa in cammino”, un’occasione per riflettere sull’Europa, sulle sue vocazioni  culturali e sociali e sull’attuale architettura politico-istituzionale dell’UE, sul ruolo geopolitico del continente, sulle politiche economiche e sulle pratiche sociali per cambiarne il corso.
    Sull’Europa che non ci piace e su quella che vorremmo edificare attraverso le arti, la cultura, l’attivismo sociale, l’impegno diretto dei cittadini. Anche quest’anno partecipano case editrici, associazioni del terzo settore e del volontariato, per costruire uno spazio che metta in comunicazione quanti operano nel “sociale” e quanti divulgano contenuti sociali con riviste, libri, pubblicazioni cartacee e online.
    Leggi tutto

  • 24 Settembre 2014 | Dal 24 settembre la terza edizione di "Orizzonti - migranti in viaggio da Dante alla Costituzione" vedi

    Parte, da mercoledì 24 settembre, la terza edizione di "Orizzonti - migranti in viaggio da Dante alla Costituzione",  rassegna organizzata dall'associazione culturale "Rimachèride" che si propone come maratona di appuntamenti fra diversi luoghi della conoscenza, dell'incontro e della politica, in quello spirito di condivisione fra cittadini italiani e stranieri, che contraddistingue l'identità culturale di Bologna, da sempre città dei saperi e degli scambi.

    Questa terza edizione è dedicata al tema "guerra 1914-2014": nei 100 anni dalla Grande Guerra e nei 70 anni dalla Resistenza, Orizzonti 2014 vuole stimolare una serie di riflessioni sulle guerre di quest'ultimo secolo e sulle forme di resistenza che ogni conflitto porta con sé. Un confronto fra diversi spunti dall'Italia e dal mondo, nella pluralità delle prospettive, dei linguaggi e delle culture di riferimento.

    Gli appuntamenti, in programma fino a venerdì 3 ottobre, vedono la direzione artistica affidata a  Alessandro Tampieri e l'organizzazione a cura di Eleonora Beltramello, Luisa Vitali. Tante le collaborazioni con realtà socioculturali del territorio e il patrocinio del Comune e della Provincia di Bologna.

    Per saperne di più:
    Il programma in dettaglio: http://www.rimacheride.it/Orizzonti_2014.html

  • 10 Settembre 2014 | Sono usciti la Newsletter Disabilità n.130 e il nuovo supplemento bibliografico vedi

    Arriva al n.130 la Newsletter Disabilità prodotta dal Comune. In questo numero 37 nuove notizie.
    Segnaliamo: novità per i contrassegni auto; il decreto semplirficazione e le ricadute sulla disabilità; novità sui permessi 104; molti contributi che sottolineano i limiti della proposta dell'assistente sessuale. E ancora le rubriche su sanità, servizi e politiche sociali, scuola, non autosufficienza, barriere, accessibilità, adattamento domestico.
    Leggi la newsletter da questa pagina
    Disponibile anche il nuovo aggiornamento bibliografico che segnala 26 nuovi volumi.
    (fonte redazione sportello sociale)

  • 10 Settembre 2014 | Cercare meglio il lavoro. I laboratori dello Sportello lavoro a Sala Borsa vedi

    Ad Ottobre inizieranno in sala Borsa a Bologna, i consueti Laboratori mensili gratuiti di "Orientamento al lavoro e ricerca attiva su web", organizzati dallo Sportello Lavoro del Comune in collaborazione con Sala Borsa e i suoi operatori e l'Associazione  Bibliobologna.
    Verranno trattate tematiche di Orientamento al lavoro quali:
    - suggerimenti per stesura del cv e lettera di presentazione;
    - sostegno a candidature dirette presso Aziende, cooperative, ed Agenzie del Lavoro;
    - preparazione al colloquio di selezione;
    - possibili canali di ricerca e indirizzi utili per la ricerca del lavoro e della formazione gratuita su WEB;
    - conoscenza ed utilizzo del nostro sito e della nostra "Bacheca virtuale";
    Per chi è interessato è necessario erecarsi allo Sportello per il Lavoro nei seguenti giorni di apertura al pubblico per l'eventuale iscrizione attraverso un colloquio con uno degli operatori.
    - Lunedì e mercoledì dalle ore 9:00 alle ore 12.00, Piazza Spadolini 7, 40127 Bologna (Presso la Sede del Quartiere San Donato)
    Leggi sul profilo Facebook dello sportello lavoro

  • 8 Settembre 2014 | Rifinanziato il fondo regionale per l'accesso alle abitazioni in locazione vedi

    Di fronte al perdurare della crisi economica ed occupazionale e al crescere delle manifestazioni di disagio abitativo lo Stato ha deciso di rifinanziare il fondo per l'accesso alle abitazioni in locazione dotandolo di 100 milioni di euro da ripartire fra tutte le Regioni. Alla nostra  sono stati destinati 8,5 milioni di euro ai quali si aggiungono 2,2 milioni di euro a carico del bilancio regionale.

    I finanziamenti possono essere utilizzati dai Comuni sia con le modalità sperimentate negli anni precedenti, che prevedevano l'erogazione dei contributi alle famiglie che presentavano i requisiti previsti dalla legge, sia per promuovere nuove iniziative per dare sollievo alle famiglie in difficoltà e in forte disagio abitativo. I nuovi interventi possono prevedere la costituzione di agenzie per la locazione o di fondi di garanzia, la stipula di convenzioni con cooperative edilizie, imprese di costruzione ed altri soggetti imprenditoriali che mettono a disposizione dei Comuni alloggi da concedere in locazione a canone concordato ed infine convenzioni che permettano la rinegoziazione di nuovi contratti a canoni inferiori con il supporto delle organizzazioni di rappresentanza dei proprietari e degli inquilini.
    Leggi tutto su sociale.emilia-romagna.it
    (fonte newsletter Regione E.Romagna)

  • 5 Settembre 2014 | Compie 10 anni la festa dell’associazionismo e del volontariato della provincia di Bologna vedi

    Volontassociate, la tradizionale festa del Volontariato e dell’Associazionismo bolognese compie dieci anni e  invita le cittadine e i cittadini a partecipare al calendario di eventi dedicati all’idea di una comunità unita e solidale. Il programma quest’anno si inserisce nell’ambito delle iniziative per la prima Giornata della Cittadinanza Solidale, indetta dalla Regione Emilia Romagna il prossimo 27 settembre .

    Nei  fine settimana dal 6 settembre al 26 ottobre ben quindici feste dislocate su tutto il territorio provinciale porteranno le associazioni locali nei parchi, nelle piazze e  nelle vie dei comuni. Ogni appuntamento è un’occasione per conoscere da vicino il non profit e chi lo anima.  Coinvolti da un’atmosfera suggestiva di suoni, colori, profumi, sapori, i cittadini potranno vivere i luoghi di sempre in modo diverso, emozionandosi e sorprendendosi per le mille attività che il volontariato e l’associazionismo propongono. Passeggiare per gli stand, socializzare, giocare, partecipare a laboratori, assistere a spettacoli ed esibizioni sportive saranno solo alcune delle idee pensate per sensibilizzare grandi e piccini a scoprire il mondo della solidarietà con i suoi  valori, le persone e l’impegno che ogni giorno il non profit dona alla comunità per realizzare insieme il bene comune.
    Visita il sito della manifestazione e scarica il programma

  • 4 Settembre 2014 | Gioco d’azzardo, a Bologna i Sert pronti all’accoglienza vedi

    Tutti i SerT (servizi per le tossicodipendenze) dell’area metropolitana bolognese potranno assistere i giocatori d’azzardo patologici. All’inizio, solo alcuni di essi erano in grado di farlo, da qualche settimana l’offerta si è decisamente ampliata: 9 ambulatori idonei (3 a Bologna, e poi Budrio, San Giorgio di Piano, San Giovanni in Persiceto, San Lazzaro di Savena, Zola Predosa e Vergato) e 25 operatori appositamente formati lo scorso anno (tra i 130 totali) in grado di fornire risposte personalizzate per ogni paziente.
    Si fissa un appuntamento per un primo contatto, al quale segue un periodo di osservazione, per decidere come intervenire, di circa 60 giorni, per acquisire tutti gli elementi necessari, capire la persone e il contesto, valutare le sue risorse. Poi viene tracciato il programma terapeutico. In caso di necessità, l’intervento è immediato.

    “È molti anni che vediamo, attraverso i nostri pazienti, che alla dipendenza da alcol, successivamente, capita si associ anche quella da gioco d’azzardo. In tempi più recenti, si sono rivolte a noi persone che non hanno seguito quel rapporto di causa-effetto, ma che hanno contratto un problema di gioco d’azzardo patologico a prescindere da altre dipendenze. Così, ci siamo adeguati”, spiega Daniele Gambini, coordinatore del servizio tossicodipendenze dell’Ausl di Bologna.
    Leggi tutto su sociale.emilia-romagna.it
    Ulteriori risorse nella scheda del sito dedicata al tema dipendenza

  • 4 Settembre 2014 | Social card sperimentale. Il Ministero pubblica un report con i primi dati del sostegno all'inclusione attiva nei grandi comuni vedi

    Non solo sostegno economico alle famiglie beneficiarie, ma un progetto ben più ampio di inclusione sociale attiva: lavorativa per gli adulti, scolastica per i bambini, sociale e sanitaria per tutta la famiglia.
    Nel 2013, con l'adozione del Decreto Ministeriale del 10 gennaio 2013 del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali e del Ministro dell'Economia e delle Finanze, ha preso il via la sperimentazione della nuova social card, un progetto sperimentale di lotta alla povertà costruito con la partecipazione diretta dei beneficiari.
    La sperimentazione ha coinvolto le 12 città più grandi del paese - Bari, Bologna, Catania, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Roma, Torino, Venezia, Verona - durerà un anno e impegnerà un ammontare complessivo di risorse pari a 50 milioni di euro.
    L'ammontare mensile del contributo economico ai beneficiari è modulato sulla base della numerosità del nucleo familiare e può arrivare fino a circa 400 euro mensili per le famiglie con 5 o più componenti. Il SIA si affianca così alla misura di sostegno individuata con la Social Card ordinaria (Carta Acquisti), che continua comunque a funzionare.

    Il Ministero del Welfare pubblica ora un primo report che segue all’approvazione da parte dei Comuni delle graduatorie definitive dei beneficiari, al fine di fare il punto sullo stato di attuazione evidenziando aspetti positivi e criticità già emerse in questa prima fase.
    E’ intenzione del Ministero informare gli addetti ai lavori e, più in generale, la cittadinanza, in maniera continua e trasparente nel corso della sperimentazione, fornendo gli elementi di valutazione del caso man mano che si propongono.
    In sintesi estrema dal report emerge che: 6.500 famiglie sulle 9.600 potenzialmente ammesse al finanziamento nelle 12 città (esclusa Roma) stanno ricevendo in media 334 euro al mese per un anno. Circa la metà delle 17 mila domande hanno dichiarato almeno un requisito non corrispondente al vero dopo i controlli di Inps. Esclusa Roma la gran parte delle città ha per ora impegnato meno dei 2/3 delle risorse disponibili. Il presunto assalto ai servizi sociali e relativi sportelli, salvo il caso di Catania, non c'è stato.
    Leggi tutto nel sito del Ministero
    Scarica il rapporto
    (fonte sito Ministero welfare)

  • 3 Settembre 2014 | Arrivati in redazione (maggio-agosto 2014) vedi

    I libri, le riviste, le newsletter, i video, gli opuscoli, i documenti on line arrivati in redazione e utili per chi lavora nel sociale

    LIBRI - Saraceno C., Sartor N., Sciortino G., (a cura di), Straneri e diseguali. La disuguaglianza nei diritti e nelle condizioni di vita degli immigrati, Il Mulino, 2013
    Esistono disuguaglianze pervasive e sistematiche tra la popolazione straniera e quella italiana in tutti i settori: il reddito da lavoro e la collocazione nel mercato del lavoro, l’esposizione al rischio di povertà, le condizioni abitative, la formazione scolastica e la prevenzione nella salute. I saggi in questo volume mostrano che esse derivano in larga parte dal modo in cui una domanda di lavoro a bassa qualificazione seleziona le caratteristiche degli immigrati, che vanno così ad ingrossare il segmento più vulnerabile della popolazione. Ciononostante, soprattutto nella prima generazione, essi contribuiscono al bilancio pubblico più di quanto ricevano sotto forma di trasferimenti e servizi.

    LIBRI - Anfossi L. (a cura di), Informazione e diritti sociali. Il contributo del segretriato sociale come Lea, Fondazione E.Zancan, Padova, 2011
    L’interesse per il segretariato non è di oggi visto che da almeno cinquant’anni rappresenta una questione centrale nel dibattito. Le ragioni sono identificabili nel suo ruolo strategico. È momento di accoglienza, ascolto, comprensione, orientamento, aiuto. È anzitutto un incontro che può fare la differenza tra domanda di servizi e capacità di considerarla e affrontarla in modo adeguato.
    Il fuoco dell’attenzione si è soprattutto concentrato su questo, visto che l’aiuto di segretariato è chiesto da chi vive momenti di disagio difficili da superare. Sono persone e famiglie fragili, escluse, emarginate dalle pari opportunità. Non è quindi solo questione di collegamento tra bisogni e risposte ma, ancora prima, di riduzione delle disuguaglianze per poter chiedere e ottenere aiuto.
    L’insufficiente presenza e capacità nel garantire in ogni territorio il segretariato sociale è un deficit di cittadinanza da colmare. Non è un compito facile, per i limiti di risorse, gli ostacoli burocratici e organizzativi, la scarsa considerazione per le persone deboli e fragili.
    Il segretariato sociale è luogo di incontro tra istanze etiche e capacità professionali, per accogliere e colmare la mancanza di equità, di ascolto, di accessibilità ai servizi.
    Le ragioni del volume sono condensate in queste istanze da attualizzare e proiettare nei nuovi sistemi di welfare regionalizzati, basati su patti federalistici di solidarietà, con risorse da meglio incardinare nei livelli essenziali di assistenza.

    LIBRI - Parisi G., (a cura di), Bene, mettiamo le parole in tavola, a cura della Ass.Mondo donna nell'ambito delle attività dello SPRAR, edizioni CLUEB, Bologna, 2013 (il testo è corredato da 1 dvd)
    Bologna e l’Emilia Romagna vantano una precoce attenzione, in ambito nazionale, alle tematiche dell’accoglienza; in questa città hanno preso avvio sportelli dedicati alle esigenze degli stranieri in Italia e sono nate esperienze degne di nota nel sostegno a persone rifugiate e richiedenti asilo.
    Casa dell’agave è una di queste. Struttura del Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati (Sprar), gestita dall’Associazione MondoDonna, ospita undici donne sole, o con minori, richiedenti o titolari di protezione internazionale appartenenti alla categoria vulnerabili. Obiettivo principale è la realizzazione di progetti di accoglienza residenziale, funzionali a garantire una tutela e un sostegno in grado di agevolare il percorso d’integrazione nel contesto sociale e territoriale.
    Il volume illustra un progetto originale nato dentro Casa dell’agave: La petite Madeleine, ovvero come il cibo e le parole si nutrano reciprocamente e come, insieme, possano produrre buoni frutti

    LIBRI - Cavazza G., Malvi C., La fragilità degli anziani, Maggioli, Rimini, 2014
    Ogni professionista parla oggi della sua fragilità, di quella che incontra e osserva nelle persone che prende in carico. Psicologi, medici di famiglia, geriatri, infermieri, assistenti sociali, infatti, in virtù della loro professione, percepiscono un diverso aspetto della fragilità. Questo libro racconta un progetto sperimentale realizzato a Bologna. Si propone di formulare una definizione di fragilità che tenga conto di queste molteplici sfaccettature, di essere uno strumento concreto per affrontare la tematica in modo scientifico, e di offrire riflessioni e suggerimenti per un cambiamento del welfare. Purtroppo infatti il welfare che conosciamo oggi non risponde più in modo adeguato alle richieste e aspettative di cittadini, operatori e amministratori che si interfacciano con questa condizione così diffusa. Serve invece innovazione nel pensiero e nelle azioni messe in campo, e la sperimentazione di nuove progettualità.

    OPUSCOLI - Coordinamento provinciale accoglienza Bologna, Elenco delle strutture socio-assistenziali che accolgono minori presenti nella provincia di Bologna, Provincia di Bologna, Bologna, 2014
    L'opuscolo, realizzato dal Coordinamento provinciale delle comunità di accoglienza, fornisce informazioni rispetto alle strutture socio-assistenziali residenziali che accolgono minori, presenti nella provincia di Bologna.
    L'opuscolo approfondisce in modo particolare l'organizzazione della struttura, la tipologia dei minori che accoglie, la presa in carico e gli strumenti di progettazione che utilizza.
    Tali strutture, ormai consolidate nel nostro territorio sono: le comunità di pronta accoglienza;le comunità educative residenziali;le comunità educative semiresidenziali;le comunità familiari;le case famiglia;le comunità per l'autonomia;le comunità per gestanti e madri con bambini;le comunità sperimentali.

    OPUSCOLI - Unar, Linee guida per una informazione rispettosa delle persone LGBT, UNAR e Dip.Pari opportunità Presidenza Consiglio Ministri, 2013
    La pubblicazione "Linee guida per un'informazione rispettosa delle persone LGBT" fa seguito al ciclo di seminari di formazione per giornalisti intitolati “L’orgoglio e i pregiudizi”, svoltisi nell’ottobre 2013 a Milano (15), Roma (16), Napoli (19 ) e Palermo (22), organizzati dall’UNAR in collaborazione con Redattore Sociale, con il patrocinio dell’Ordine nazionale dei giornalisti e della Federazione nazionale stampa italiana, delle amministrazioni comunali, degli Ordini regionali e dei sindacati dei giornalisti delle città ospitanti. I video dei quattro incontri sono disponibili su www.giornalisti.redattoresociale.it.
    I seminari e le presenti linee guida sono stati realizzati nell’ambito del Progetto “LGBT Media and Communication”, finanziato dal Consiglio d’Europa, in attuazione del Programma “Combattere le discriminazioni basate sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere”, in linea con la Raccomandazione CM/REC(2010)5.
    L’Italia ha aderito, tramite il Dipartimento per le Pari Opportunità e l’UNAR, al Programma del Consiglio d’Europa, nel cui ambito è stata adottata la Strategia nazionale LGBT 2013–2015.

  • 2 Settembre 2014 | Sicurezza del neonato: le raccomandazioni ministeriali agli operatori vedi

    Nel nostro Paese, gli eventi avversi che si verificano durante il travaglio, il parto, subito dopo la nascita e nel periodo neonatale, sono rari rispetto al totale delle nascite, tuttavia le conseguenze fisiche, psicologiche ed economiche che ne possono derivare e l'impatto che esse hanno sul bambino, la famiglia ed i professionisti coinvolti fanno sì che su di essi si debba porre una particolare attenzione. La morte del neonato e la disabilita' permanente che si verificano in modo inatteso non sempre si possono prevenire; riconoscere le cause ed effettuare una diagnosi precisa di tali eventi e' spesso difficile, a causa della complessita' dei fattori che li determinano, ad oggi non tutti riconoscibili e diagnosticabili.

    Per ovviare a tali difficolta', tutte le morti perinatali e le disabilita' permanenti inaspettate dovrebbero essere analizzate e approfondite con un percorso diagnostico dettagliato e rigoroso, che consenta di individuare correttamente la quota di eventi avversi evitabili attraverso azioni di prevenzione e contenimento dei rischi.
    La Raccomandazione n. 16, "Raccomandazione per la prevenzione della morte o disabilita' permanente in neonato sano di peso>2500 grammi non correlata a malattia congenita",  intende promuovere la realizzazione di condizioni strutturali, organizzative e comportamentali che possano prevenire o almeno ridurre il rischio di tali eventi, laddove evitabili.
    La Raccomandazione e' a cura dell'Ufficio III della Direzione generale della programmazione sanitaria ed e' rivolta alle Direzioni Aziendali, ai  Responsabili delle Unita' operative interessate e a tutti gli operatori sanitari
    coinvolti nell'assistenza delle donne in gravidanza, in travaglio-parto e dei loro neonati.
    Per approfondire, consulta l'area tematica "Governo clinico, qualita' e sicurezza delle cure".
    (Fonte newsletter salute informa)

  • 1 Settembre 2014 | Bus gratuito anche quest'anno per i bambini delle elementari vedi

    Anche quest'anno la Giunta comunale rinnova l'abbonamento gratuito al trasporto pubblico urbano per tutti i  bambini residenti a Bologna nati tra il 2004 e il 2010.
    L'iniziativa, per cui il Comune di Bologna, ha fatto da apripista ricevendo un forte apprezzamento da famiglie e scuole, coinvolge 20.879 bambini, ed è resa possibile grazie ad uno stanziamento di 110.000 euro del Settore Mobilità sostenibile, inserito nel bilancio comunale 2014.
    Il nuovo abbonamento segue l'anno scolastico e sarà pertanto valido dal 1° settembre 2014 al 31 agosto 2015.
    Leggi tutto nel sito del Comune

  • 1 Settembre 2014 | Libri scolastici: usati, scontati, autoprodotti. Bando per contributi agli gli studenti delle medie e superiori (2014) vedi

    Come ogni anno riportiamo tutte le informazioni per risparmiare sull'acquisto dei testi scolastici (libererie e grandi catene di distribuzione) o avere parziale rimborso delle spese sostenute per gli alunni di medie e superiori (bando entro il 12 novembre)

    Acquisto testi usati o a prezzo scontato
    Le informazioni sulle librerie specializzate a Bologna sui testi usati le potete trovare nel sito flashgiovani.it
    Per quanto riguarda le offerte della grande distribuzione sui testi nuovi consultate il sito Consumatori della Regione E.Romagna

    Contributi sulle spese di acquisto (bando)
    Scade il prossimo 12 novembre il termine ultimo per consegnare alle segreterie delle scuole secondarie di primo e secondo grado della regione, il modulo compilato di richiesta del contributo per la fornitura gratuita o semigratuita dei libri di testo (ai sensi dell'art. 3 della Legge Regionale 08/08/2001 n° 26).
    I destinatari dei contributi sono:
    - gli studenti residenti e frequentanti le scuole nella regione Emilia-Romagna, secondarie di 1° e 2° grado, statali, private paritarie e paritarie degli Enti Locali, non statali autorizzate a rilasciare titoli di studio aventi valore legale.
    - studenti di scuole dell'Emilia-Romagna residenti in altre Regioni che erogano il beneficio secondo il criterio "della scuola frequentata".  In questo caso competente all'erogazione del beneficio è il Comune sul cui territorio si trova la scuola frequentata dallo studente.
    Qualora il richiedente sia residente in una Regione, diversa dalla Regione Emilia-Romagna, che applichi il criterio “della residenza”, il Comune nel cui territorio si trova la scuola frequentata, dovrà trasmettere la domanda al Comune di residenza ed in copia, per conoscenza, alla Regione di residenza.
    - in entrambi i casi è necessario avere un valore ISEE del nucleo famigliare riferito ai redditi dell'anno 2013, pari o inferiore a euro 10.632,94.
    Il modulo per la domanda può essere ritirato presso la segreteria delle scuole è sarà disponibile anche a breve nel nodo Istruzione del sito del Comune. Al Comune di Bologna sono assegnati fondi per circa 870mila euro.
    Leggi tutto su emilia.romagna.sociale

    Testi scolastici autoprodotti dagli insegnanti
    Sul tema "caro libri" proseguono intanto le iniziative di alcune scuole italiane di mettere a disposizione a costi minimi (circa 25 euro a fronte di 250/300 di media) testi scolastici scritti da una rete nazionale di oltre 800 insegnanti.
    “Book in progress” è il progetto che mette a disposizione degli istituti che vi aderiscono libri scolastici scritti da una rete nazionale di insegnanti. Nato nel 2009 da un’idea di Salvatore Giuliano, preside dell’Itis Ettore Majorana di Brindisi (che è capofila del progetto), “Book in progress” coinvolge a oggi 103 scuole in tutta Italia. In Emilia-Romagnai partecipano per ora solo tre istituti: l'Istituto d’arte Chierici e il Liceo paritario linguistico Iess di Reggio Emilia e l’Istituto comprensivo Casaroli di Castel San Giovanni in provincia di Piacenza.
    Leggi tutto l'articolo nel sito dell'agenzia DIRE
    Alcuni video sulla esperienza di bookinprogress
    https://www.youtube.com/watch?v=4c4k-np3f0M
    https://www.youtube.com/watch?v=tKvZoiKresQ

  • 27 Agosto 2014 | Convegni, corsi, conferenze (settembre 2014) vedi

    Gli appuntamenti utili per chi opera nel sociale a Bologna nel mese di settembre.

    giovedì 11 settembre
    convegno "Welfare e Ben-essere. Il ruolo delle imprese nello sviluppo della Comunità"
    a cura Regione E.Romagna
    dalle 9,30 alle 13,30, Rgione E.Romagna, Sala A Terza torre, V.le della Fiera 8 , Bologna

    giovedì 11 settembre
    incontro "Presentazione della relazione annuale 2013 sulle attività del Garante dei detenuti della Regione E.Romagna"
    a cura Garante detenuti Regione E.Romagna
    dalle 16,30 alle 18,30,  Biblioteca dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna, in viale Aldo Moro 32, Bologna

    giovedì 11 settembre
    seminario "Educazione e nuove cittadinanze: Opportunità e ostacoli a scuola"
    a cura di Cospe
    ore 14.00, Aula Magna Dipartimento di Scienze dell’Educazione, via Filippo Re 6, Bologna

    giovedì 11 Settembre
    dibattito "Le novità della Legge sul terzo settore"
    a cura Festa nazionale Unità
    ore 20, parco nord, via Stalingrado, Bologna

    venerdì 12 settembre
    presentazione del volume "La Squadra H e la casa delle finestre che piangono" (Maurizio Cocchi)
    ore 18, Stand libreria della Festa de l'Unità, Parco Nord, Bologna

    giovedì 18 settembre
    convegno "Le strade del riuso: esperienze e progetti a confronto"
    a cura Settore Ambiente ed Energia del Comune di Bologna
    dalle 9,15 alle 17, Sala Tassinari di Palazzo d'Accursio, piazza Maggiore, Bologna

    giovedì 18 e venerdì 19 settembre
    VI° Seminario nazionale di Sociologia Relazionale "Morfogenesi della società e innovazioni sociali: nuove prospettive della sociologia relazionale"
    a cura Unibo
    Palazzo Hercolani, Strada Maggiore 45, Bologna

    sabato 20 settembre
    presentazione del volume “Stamina. Una storia italiana” (Donata Lenzi, Paola Benedetta Manca)
    ore 18, libreria Coop Ambasciatori, via Orefici 19, Bologna

    domenica 21 settembre
    festa del sostegno a distanza "Accorciamo le distanze"
    a cura di Provincia e associazioni del settore
    dalle 11 alle 18,30, Giardini Margherita, viale Gozzadini, Bologna

    lunedì 22 settembre
    convegno  “Nuovi diritti di cittadinanza al tempo dell’agenda digitale”
    a cura Regione E.Romagna
    dalle 9,30 alle 17,00, Terza Torre della Regione Emilia-Romagna, Viale della Fiera 8, Bologna

    martedì 23 settembre
    presentazione del volume "Discorso globale, sofferenze locali. Analisi critica del movimento di salute mentale globale" (B.Saraceno, Il Saggiatore)
    a cura Ausl Bologna, Ist.Minguzzi, Comune Bologna
    ore 17,00, Sala Farnese, palazzo d'Accursio, piazza Maggiore 6, Bologna

    mercoledì 24 settembre
    rassegna "Orizzonti - migranti in viaggio da Dante alla Costituzione"
    a cura dell'associazione culturale "Rimachèride"
    dal 24 settembre al 3 ottobre, in diversi luoghi

    venerdì 26 settembre
    seminario "Immaginiamo il welfare di domani"
    a cura di CADIAI
    dalle 9 alle 13, Cappella Farnese, palazzo d'Accursio, piazza Maggiore, Bologna

    venerdì 26 settembre
    incontro "Raccogliere fondi per il non profit: la professione del futuro" (seminario introduttivo al tema del Fundraising)
    a cura Master Fundraising UniBo
    ore 9.00, Università di Bologna, Palazzina B, aula I, via Belmeloro 14, Bologna

    sabato 27 settembre
    seminario "Sistemi ed effetti della musicoterapia"
    a cura di Asp Città di Bologna
    dalle 9 alle 14, Centro Servizi Cardinal Lercaro, via Bertocchi 12, Bologna

    sabato 27 settembre
    incontro "Per una grammatica dell'inclusione: percorsi, esperienze e metodologie per contribuire allo sviluppo cognitivo degli studenti sordi"
    a cura  Associazione CDH
    dalle 9,30 alle 13, Centro Documentazione Handicap, via Pirandello 24, Bologna

    lunedì 29 settembre
    "Quarta conferenza regionale del servizio civile"
    a cura Regione E.Romagna
    dalle 9,30 alle 13, sala Polivalente, viale A.Moro 50, Bologna

  • 27 Agosto 2014 | Architetti di strada: nuovi concetti dell'abitare ascoltando chi non ha voce vedi

    Architetti di Strada nasce a Bologna nel 2010 con l’intento di rispondere con soluzioni tecniche di qualità e costo contenuto ai disagi sociali e abitativi.
    Diverse le professionalità coinvolte, non solo tecnici e progettisti, ma anche sociologi, avvocati, esperti di diritti umani, di comunicazione, progettazione accessibile e sostenibilità energetica ed ambientale che si rivolgono a chi non ha voce, ovvero chi è ai margini delle periferie cosiddette “invisibili” cercando di coniugare i bisogni dei residenti con la riqualificazione di aree di edilizia popolare, zone degradate, spazi verdi.

    Strumenti principali dunque l’ascolto e la ricerca di soluzioni insieme alle persone che in quegli spazi vivono. Attraverso la collaborazione con le istituzioni locali, centri sociali, cooperative, fondazioni e soggetti del terzo settore sul territorio, l’associazione introduce l’architettura, il design e l’ingegneria nelle modalità con cui viene affrontato il disagio sociale, soprattutto abitativo.
    Leggi tutto su tiscali.it

     

  • 27 Agosto 2014 | Bes 2014: Rapporto sul benessere equo e sostenibile in Italia vedi

    Il secondo rapporto sul Benessere equo e sostenibile, realizzato da un'iniziativa congiunta del Cnel e dell'Istat, si pone l'obiettivo di rappresentare una guida utile per policy maker, arti sociali e mondo della ricerca per identificare le priorità da affrontare nel breve e nel lungo periodo al fine di garantire un benessere equo e sostenibile alle generazioni presenti e future.
    I capitoli del volume: Salute, Sicurezza, Istruzione e formazione, Benessere soggettivo, Lavoro e conciliazione dei tempi di vita, Paesaggio e patrimonio culturale, Benessere economico, Ambiente, Relazioni sociali, Ricerca e innovazione, Politica e istituzioni, Qualità dei servizi.
    Approfondisci nel sito ISTAT
    Sintesi per la stampa
    (fonte Istat)

  • 27 Agosto 2014 | Promozione del volontariato per cittadini in difficoltà occupazionale vedi

    In considerazione del quadro negativo occupazionale e della conseguente emergenza economica e sociale di quanti vivono difficoltà lavorative, Provincia di Bologna, A.S.Vo. (Associazione per lo Sviluppo del Volontariato che gestisce il Centro Servizi per il volontariato - VOLABO) e Organizzazioni sindacali insieme hanno elaborato un progetto pilota di sensibilizzazione e promozione del volontariato per cittadini in stato di mobilità o CIG (Cassa integrazione guadagni).
    L'intento è coinvolgere persone che, pur vivendo una fase di forte vulnerabilità sociale e professionale, possono vedere valorizzate le proprie disponibilità di tempo, impegno e competenze a favore della comunità.
    Leggi tutto nel sito di Volabo

  • 27 Agosto 2014 | Rifugiati e richiedenti asilo. Rapporto UNHCR vedi

    Per la prima volta dalla Seconda Guerra mondiale il numero di rifugiati, richiedenti asilo e sfollati interni in tutto il mondo supera i 50 milioni, arrivando nel 2013 a quota 51,2. Si tratta di 6 milioni in più rispetto all'anno precedente. Un aumento massiccio dovuto, spiega l'Unhcr, soprattutto all'esodo prodotto dalla guerra in Siria ma anche da altre situazioni di conflitto e instabilità, come nel caso della Repubblica centrafricana e del Sud Sudan.
    Sono i dati del rapporto annuale pubblicato dall'UNHCR, l'Agenzia Onu (Organizzazione dell Nazioni unite-United nations) per i Rifugiati, in occasione della Giornata mondiale del Rifugiato. Il fenomeno non è emergenziale ma richiede risposte strutturali e di lungo periodo.
    Leggi il Rapporto UNHCR

  • 27 Agosto 2014 | Svolta per la social card: basta bandi, decideranno i comuni caso per caso vedi

    Novità in arrivo sulla sperimentazione della nuova social card. Al ministero del Lavoro e delle Politiche sociali si sta lavorando per modificare le procedure di selezione dei beneficiari: non più bandi come fatto per le 12 città selezionate nella prima fase della sperimentazione, ma le domande verranno raccolte agli sportelli degli uffici comunali e processate di volta in volta, assegnando le Carte acquisti sperimentali fino ad esaurimento delle risorse. A darne notizia è il sottosegretario al Welfare, Franca Biondelli, dopo un incontro tenutosi nelle settimane scorse tra ministero, regioni e comuni.

    “Si è trattato di un incontro preliminare – ha spiegato il sottosegretario -. C’è una condivisione sul metodo e un dialogo aperto tra Regioni, Anci e vedremo come allargare il tavolo, ma dall’incontro sono emerse anche le criticità. Per esempio, occorre semplificare al massimo le procedure di accesso a questi fondi. Il bando ha creato un processo pesante e lungo, è stato qualcosa che ha un po’ frenato e richiede risorse. Va snellito l’accesso. Potrebbe cambiare, quindi, il meccanismo con uno più semplificato”.
    Leggi tutto su redattoresociale.it
    (fonte redattoresociale)

  • 4 Agosto 2014 | Fondo regionale non autosufficienza: 430 milioni. Fondo nazionale 340 di cui 26 all'E.Romagna. vedi

    E' stato dato il via libera al Fondo regionale per la non autosufficienza che, nel 2014, ha a disposizione 430 milioni e 600 mila euro.
    I fondi sono destinati a finanziare i servizi per le persone anziane e disabili non autosufficienti e le risorse del Fondo regionale si confermano superiori al totale del Fondo nazionale.
    Questa la ripartizione per ogni Azienda Usl: Piacenza (29,4 milioni di euro), Parma (42,4), Reggio Emilia (46,1), Modena (64,1), Bologna (89,1), Imola (12,5), Ferrara (37,4), Romagna (109,3 milioni: di cui 39,2 a Ravenna, 19,3 a Forlì, 18,8 a Cesena, 31,8 a Rimini).
    Leggi tutto nel sito della Regione E.Romagna

    Contemporaneamente il Governo ha provveduto al riparto del fondo nazionale per la non autosufficienza che per il 2014 assomma complessivamente a 340milioni di cui poco più di 26 destinati all'E.Romagna.
    (fonte newsletter Regione E.Romagna e newsletter regioni.it)

  • 1 Agosto 2014 | La scomparsa di don Giovanni Catti vedi

    E' scomparso nelle settimane scorse Monsignor Giovanni Catti, sacerdote, pedagogista, una delle figure più rappresentative dell'impegno della Chiesa e della collettività bolognese, e non solo, per la pace e la giustizia sociale. Aveva ricevuto da pochi giorni dalle mani del Sindaco Merola il premio Turrita per la sua instancabile opera.
    Attivissimo anche nel campo della disabilità lo ricordiamo con questo contributo scritto tanti anni fa per la rivista Accaparlante, in cui Giovanni Catti parla dei bambini e del loro incontro con la disabilità e la diversità.
    Presso la Biblioteca di Sala Borsa sono presenti oltre una ventina di sue opere, parte delle quali dedicate, appunto, ai temi della pace e al tema della educazione dei bambini alla diversità (consulta qui digitando Giovanni Catti nel campo autori)
    (fonte redazione sportello sociale)

  • 1 Agosto 2014 | "False partenze". Rapporto Caritas Italiana 2014 su povertà e esclusione sociale in Italia vedi

    Il nuovo Rapporto Caritas 2014 su povertà ed esclusione sociale in Italia, dal titolo "False partenze" apre una finestra sul fenomeno della povertà in Italia secondo l’esperienza di ascolto, osservazione e animazione svolta dalle 220 Caritas diocesane presenti sul territorio nazionale.

    Perchè "False partenze"? Il precedente Rapporto, pubblicato nel mese di ottobre 2012, aveva come titolo “I ripartenti”. Si trattava di una finestra aperta su povertà croniche e inedite, ma anche su possibili percorsi di risalita da tali situazioni di sofferenza. Purtroppo, a distanza di un anno e mezzo da tale pubblicazione, la "ri-partenza" non si è mai compiuta. E più che ri-partenze si sono verificate “false partenze”: molte persone, puntando all’emancipazione, hanno accettato di rimettersi in gioco, impegnandosi in attività lavorative non adeguate rispetto alle loro capacità, sopportando situazioni di evidente sfruttamento, sotto-retribuzione, condizioni di lavoro al limite del degrado, ecc.

    Il Rapporto analizza ed approfondisce questa situazione, riportando i dati del fenomeno (di fonte Caritas), le principali tendenze di mutamento, i percorsi di presa in carico; i progetti anti-crisi economica delle diocesi, una sintesi di una indagine nazionale sulla condizione di povertà dei genitori separati in Italia, i dati sul “Prestito della Speranza”, e una serie di orientamenti e raccomandazioni  in tema di politica sociale e coinvolgimento delle comunità locali. Il Rapporto contiene inoltre un confronto con i dati del secondo rapporto di monitoraggio dell’impatto della crisi economica nei “paesi deboli” dell’Unione Europea, realizzato a cura di Caritas Europa.

    A questa pagina sono disponibili:
    - il Rapporto in versione integrale o sfogliabile
    - la sintesi dei principali dati del Rapporto
    - le slides di presentazione dei principali contenuti del Rapporto
    - l'articolo di commento sull'ultimo numero di "Italia Caritas"

    Un capitolo del rapporto è anche dedicato ai percorsi di impoverimento legati alle separazioni coniugali di cui puoi leggere una sintesi curata dalla nostra redazione, oltre ad una scheda sitografica sull'argomento dei padri separati.

  • 1 Agosto 2014 | Il nuovo sistema di servizi integrati a sostegno della domiciliarità vedi

    Al via la nuova organizzazione del sistema di servizi integrati a sostegno della domiciliarità: assistenza domiciliare, servizio pasti, centro diurno e ricovero temporaneo di sollievo. Lo scopo è quello di assicurare adeguatezza di servizi, dignità e sicurezza alle persone che, pur restando al proprio domicilio, necessitano di assistenza, è inoltre un modo concreto e veloce per dare aiuto e supporto ai loro caregiver.

    "Grazie a questa nuova logica di integrazione, afferma l'assessore Luca Rizzo Nervo, saranno creati dei profili assistenziali ad hoc in gradodi rispondere meglio a dei bisogni specifici". I mutamenti sociali che caratterizzano la società contemporanea da tempo stanno mettendo in discussione le modalità di organizzazione e gestione degli interventi e servizi sociali e socio-sanitari a favore di persone anziane non autosufficienti. L'allungamento della speranza di vita e il conseguente invecchiamento della popolazione hanno provocato l'incremento della domanda di aiuto da parte degli anziani e dei loro caregiver.

    Il Comune di Bologna vuole privilegiare interventi a sostegno della domiciliarità riconoscendone il valore aggiunto rispetto al ricovero in struttura residenziale dell'anziano non autosufficiente e per questo ha organizzato un sistema di servizi a sostegno della domiciliarità, in collaborazione con ASP città di Bologna e Ausl Distretto di Bologna. In ognuno dei tre enti coinvolti esisterà un punto di accesso, la novità consiste nel costruire, subito dopo l'ammissione, un'unica linea d'intervento sulla domiciliarità che comprenderà diversi servizi.

    Questa modalità organizzativa è stata già sperimentata per alcuni mesi nei quartieri Borgo Panigale, Reno e Savena ed è stata implementata nel mese di maggio 2014 su tutto il territorio cittadino. In questo modo si semplificheranno i processi di valutazione e ammissione alle prestazioni, si creerà un profilo di assistenza a 360° che non sarà più focalizzato sula singola prestazione, gli interventi saranno personalizzati e si adegueranno in relazione al mutare del bisogno (aggravamento, necessità di ricovero di sollievo, ecc.). Si terranno inoltre presenti le prestazioni acquistate privatamente dal cittadino nel valutare le integrazioni degli interventi dei servizi sociali e sanitari territoriali al fine di poter razionalizzare al meglio le risorse e avere la possibilità di ampliare la platea dei possibli beneficiari.
    (fonte sito Comune Bologna)

  • 1 Agosto 2014 | Emilia Romagna. La Delibera sui care giver e assistenti famigliari sarà modificata vedi

    L’annuncio dopo un incontro tra l’assessore Lusenti e i rappresentanti della Cgil-Cisl-Uil per “chiarire e condividere le finalità del nuovo provvedimento”. La precedente delibera era stata fortemente criticata dagli infermieri. Ora si punterà alla "valorizzazione di tutti i professionisti".
    Leggi tutto su quotidiano sanità
    (fonte newsletter quotidiano sanità)

  • 1 Agosto 2014 | Riforma del terzo settore: un commento dalla Fondazione Zancan vedi

    Luci ed ombre delle riforma voluta dal Governo nel commento di Tiziano Vecchiato, direttore della Fondazione Zancan di Padova, "...al centro della riforma non dovrebbe esserci solo il terzo settore, ma le condizioni di produzione dei beni comuni e, più in specifico, il contributo che il terzo settore può dare con condizioni giuridiche e strategiche rinnovate..."
    Leggi tutto
    (fonte newsletter gruppo solidarietà)

  • 22 Luglio 2014 | Genitori separati, quando arrivano disagio e povertà. Uomini nei media, donne nella realtà. vedi

    Padri separati in difficoltà, costretti a rivolgersi ad enti caritativi o nei casi più gravi a dormire in macchina, ma non solo. Sono diverse e sempre più frequenti le notizie che negli ultimi periodi hanno riguardato il tema dei genitori separati legato alla povertà e all'esclusione sociale.
    Ed è proprio da questa riflessione che la Caritas, nel Rapporto 2014 sulla povertà e l’esclusione sociale in Italia dal titolo “False partenze”,  pone un'attenzione particolare verso questa tematica con una sintesi dei principali risultati della prima indagine nazionale sulla condizione di vita dei genitori separati. Finalizzata a far emergere soprattutto il legame tra rottura del rapporto coniugale ed alcune forme di povertà/disagio socio‐relazionale, la ricerca sottolinea come al centro dello studio non ci siano solo i padri ma l'intero universo dei genitori separati o divorziati. Infatti  - in contraddizione con le tante difficoltà, tutte al maschile, trasmesse dai notiziari dei nostri mass media -  dai dati della statistica ufficiale emerge che, dopo una separazione  il rischio per le ex mogli di cadere in uno stato di povertà o di deprivazione è  più alto rispetto agli ex mariti (Istat, 2011).

    L’indagine - realizzata tra dicembre 2012 e settembre 2013 – ha così permesso di approfondire la condizione di vita dei genitori separati, rilevandone le principali criticità riguardanti aspetti materiali, relazionali e psicologici, dimostrando come alcune forme di povertà siano legate alla rottura del rapporto coniugale. Oltre al mondo delle Caritas, la rilevazione ha coinvolto i Consultori familiari d’ispirazione cristiana e, con la scelta di usare un metodo sussidiario della conoscenza, sono stati coinvolti più soggetti che, in modi diversi, si relazionano al fenomeno indagato: i referenti dei servizi Caritas, gli operatori della CFC e, infine, gli stessi genitori separati che si sono rivolti ai circuiti considerati.

    In particolare dalle 466 interviste realizzate a genitori separati nei centri di ascolto (36,9%), consultori familiari (33,5%), servizi di accoglienza (18,5%) e mense (8,2%) si evidenziano diverse problematiche. Sul fronte occupazionale si registra un forte disagio con  il 46,1% degli intervistati che dichiarano di essere in cerca di un’occupazione; dopo la separazione diminuisce notevolmente la percentuale di coloro che vivono in abitazioni di proprietà o in affitto. Così aumentano vistosamente le situazioni di precarietà abitativa: cresce, infatti, il numero di persone che vivono in coabitazione con familiari ed amici (dal 4,8% al 19,0%), che ricorrono a strutture di accoglienza o dormitori (dall’1,5% al18,3%), che vivono in alloggi impropri (dallo 0,7% all’5,2%). Riguardo invece all'acquisto di beni di prima necessità i dati ci dicono che il 66,1% degli intervistati dichiara di non riuscire a provvedere all’acquisto di beni di prima necessità (tra gli utenti Caritas tale percentuale sale all’81,7%) mentre prima della separazione tale percentuale riguardava solo il 23,7%. Di conseguenza cresce il ricorso ai servizi socio-assistenziali del territorio nei centri di distribuzione beni primari (49,3%), mense (28,8%) e gli empori/magazzini solidali (12,9%).

    Considerando l'aspetto psicologico e relazionale, dopo la separazione si evidenzia un aumento dei disturbi psicosomatici: il 66,7% accusa infatti un numero più alto di sintomi rispetto al pre‐separazione; nel rapporto padri-figli la separazione determina un cambiamento importante per il 68% dei padri intervistati, cambiamento percepito solo dal 46,3% delle donne); tra i padri che riconoscono un cambiamento il 58,1% denuncia un peggioramento nella qualità dei rapporti (le madri al contrario riconoscono per lo più un miglioramento).

    Per saperne di più:
    - Il tredicesimo rapporto sulla povertà e l’esclusione sociale in Italia è disponibile online sul sito di Caritas Italiana.
    - Infografica  “Povertà e vulnerabilità dei genitori separati“: https://www.youtube.com/watch?v=r30AAAel6I4&feature=youtu.be

    Per approfondire:
    consulta la scheda informativa sul tema dei padri separati curata dalla redazione Sportelli Sociali del Comune di Bologna che si propone di effettuare una prima ricognizione delle risorse documentative presenti in rete.

  • 22 Luglio 2014 | Ausl, Comune e Università Bocconi ricercano "buone pratiche" nel sociale vedi

    Nell'ambito del progetto "Gli scenari futuri (2020) del settore sociale e socio-sanitario nella crisi del Welfare: quali logiche di programmazione e quali modelli di servizio nelle aree vaste", a cui collaborano anche l'Ausl Bologna e il Comune di Bologna, con la consulenza scientifica dell'Università Bocconi di Milano, è aperto un bando per la presentazione di progetti che siano buone pratiche rispetto ai seguenti aspetti:
    - incentivare l'universalismo rispetto alla fruizione dei servizi sociali, sociosanitari ed educativi
    - ricomporre la domanda di tali servizi
    - creare reti tra persone o luoghi di connessione sociale
    - realizzare azioni di welfare d'iniziativa, ovvero progettazioni che coinvolgano la comunità e i cittadini che solitamente non si avvicinano ai servizi
    - utilizzazione delle tecnologie ai fini dei punti sopra esposti
    La scadenza del bando è fissata per il 12/9/2014.
    Leggi tutto e scarica il bando e la modulistica nel sito dell'Ausl Bologna
    (fonte redazione sportello sociale, sito ausl bologna)

  • 16 Luglio 2014 | Lavori in strada Maggiore e via Carracci. Informazioni utili per la mobilità delle persone disabili vedi

    Come è noto in questa estate 2014 sono attivi i cantieri stradali che interessano le zone di strada Maggiore e di via Carracci. I cantieri possono creare alcune inevitabili difficoltà alle persone disabili che si spostano a piedi, in auto o in autobus.
    Il Comune intende fornire alle Associazioni ed ai cittadini disabili e alle loro famiglie le informazioni necessarie per ridurre al minimo i disagi e poter contattare gli uffici dove poter rappresentare eventuali necessità particolari.

    - Lavori in zona strada Maggiore: è attivo un sito apposito
    Tutte le informazioni sono anche reperibili al numero verde 800.031.970 e, in loco, ai punti INFOBOBO
    - Lavori in zona via Carracci: scarica il depliant informativo

    Stazione ferroviaria:
    Con l’apertura della stazione Alta Velocità le modalità di accesso per le persone a ridotta mobilità sono indicate nel sito di RFI, servizi di assistenza in stazione (SALE BLU)
    Si ricorda che le competenze delle Sale Blu riguardano:
    – informazioni e materiale illustrativo sul servizio di assistenza
    – la prenotazione del servizio
    – la guida in stazione e l'accompagnamento al treno
    – la guida fino all'uscita di stazione o ad altro treno corrispondente
    – la messa a disposizione della sedia a rotelle
    – la salita e la discesa con carrelli elevatori per i viaggiatori su sedia a rotelle
    – l'eventuale servizio gratuito, su richiesta, di portabagagli a mano (1 bagaglio).
    (fonte Settore Mobilità Comune Bologna)

  • 15 Luglio 2014 | Patto per la Salute. Ecco le ultime modifiche al testo. Novità per il personale vedi

    Il testo definitivo del Patto per la salute siglato tra Governo e Regioni è il risultato di quello approdato sul tavolo della Conferenza Stato Regioni, a cui sono state apportate poche ma importanti modifiche, in particolare per quanto riguarda il personale. Il blocco del turn over nelle Regioni in rosso vale solo fino al 31 dicembre dell'anno successivo a quello di verifica positiva. Il tetto di spesa per il personale previsto a partire dal 2015 potrà essere applicato gradualmente fino al 2020.
    Tra i temi più strettamente correlati agli aspetti sociali, in particolare all'area degli anziani e dei disabili,  segnaliamo:
    - entro 6 mesi un documento di indirizzo sull’appropriatezza riabilitativa, “per garantire alla persona con disabilità un percorso riabilitativo integrato all’interno della rete riabilitativa”
    - un piano nazionale della cronicità che sarà predisposto dal Ministero della Salute entro il 31 dicembre 2014 e dovrà poi essere approvato in Stato Regioni
    - stati vegetativ: le Regioni dovranno provvedere a definire per i pazienti soluzioni sia di assistenza domiciliare integrata che di assistenza residenziale in speciali Unità di accoglienza permanente
    - aggiornamento dei LEA entro il 31 dicembre 2014
    - aggiornamento del regolamento sulle norme per l'assistenza protesica erogabili nell'ambito del Ssn (nomenclatore tariffario ausili e protesi), si provvederà anche a valere sui risparmi di sesa derivanti dalle disposizioni del presente Patto per la salute
    Leggi tutto e scarica il testo su quotidiano sanità
    (fonte newsletter quotidiano sanità)

  • 15 Luglio 2014 | Rapporto sulla popolazione Sinta e Rom in Emilia-Romagna vedi

    Pubblicato il “Rapporto sulla popolazione Sinta e Rom in Emilia-Romagna” basato sui dati raccolti nella rilevazione del 30 novembre 2012, realizzata con la collaborazione delle Province attraverso la somministrazione di questionari rivolti a tutti i Comuni della Regione Emilia-Romagna. Alta la partecipazione all’indagine da parte dei Comuni: 331 su 348 (95,1%).

    - I dati
    Complessivamente vivono in Emilia Romagna 2.745 persone in 129 campi e aree. Rispetto alla rilevazione relativa al 2009 - che contava 2.644 persone in 130 campi - si registra un lieve aumento delle presenze, mentre il numero dei campi è pressoché stabile. I campi rilevati con questionario sono complessivamente 108 con 2.433 persone presenti, mentre le aree segnalate dai comuni sono 21 con 312 presenti.
    Molti Comuni hanno cercato di attuare il superamento dei campi nomadi proponendo alternative abitative. Considerando la quantità complessiva dei trasferimenti dal 2003 al 2012, il totale di persone inserite dai Comuni negli alloggi raggiunge una quota considerevole: 568 persone in 123 alloggi.
    Predominano i campi sosta, e quindi popolazioni sempre più stanziali, che si spostano occasionalmente e in alcune stagioni dell’anno. La proprietà dell’area è prevalentemente privata (50% per le aree di proprietà dei Sinti/Rom e 2,8% di proprietà di privati che hanno dato in affitto l’area o l’hanno data in comodato). Nel rimanente 47,2% la proprietà è pubblica.
    Leggi tutto su sociale emilia romagna
    Approfondisci e scarica il report o chiedilo in formato cartaceo
    (newsletter sociale emilia romagna)

  • 15 Luglio 2014 | Contrassegno handicap, dal 14 luglio si ritirano al nuovo sportello Tper di via San Donato 25 vedi

    Da lunedì 14 luglio il contrassegno handicap di tipo europeo (..."contrassegno di parcheggio disabili", sarebbe il nuovo nome ufficiale del formato europeo...) dovrà essere ritirato esclusivamente presso gli sportelli di via San Donato 25 appositamente dedicati da Tper a questa attività.
    Tutti coloro che hanno già presentato richiesta di contrassegno H saranno contattati per fissare un appuntamento per il ritiro che, come previsto dalla vigente normativa, deve essere effettuato direttamente dal titolare del contrassegno, munito di documento di identità valido e due foto formato tessera uguali e recenti.

    Gli orari di apertura al pubblico dei nuovi sportelli di via San Donato sono i seguenti:   da lunedì al sabato dalle 9,00 alle 13.00; martedì e giovedì anche dalle 14.30 alle 18; chiuso festivi.

    Le richieste di rilascio dei contrassegni handicap (sugli appositi moduli in distribuzione, disponibili anche sul sito del Comune), possono invece essere presentate agli sportelli di via San Donato 25, di via Saliceto 3/a e di via IV novembre 16/a (solo per i residenti del centro storico). Le richieste possono inoltre più comodamente essere inviate via fax al numero 051.350856.

    Per la presentazione della richiesta del contrassegno handicap non è necessario che sia presente l'interessato (a differenza del ritiro, per il quale, come detto, la presenza dell'interessato è invece indispensabile), ma è sufficiente un delegato munito di documento di identità valido e di copia di valido documento di identità del delegante, oltre che della certificazione medica descritta sul modulo.         

    Per tutti gli altri contrassegni (residenti, posti auto, ecc..) è necessario continuare esclusivamente a rivolgersi agli sportelli di via Saliceto e di via IV novembre (solo per i residenti del centro storico).
    (fonte sito Comune Bologna)

  • 11 Luglio 2014 | Riforma del Terzo settore: approvato il disegno di legge Delega vedi

    Il Consiglio dei Ministri in data giovedì 10 luglio 2014, su proposta del Presidente e del Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Giuliano Poletti, ha approvato un disegno di legge delega per la riforma del Terzo settore, dell’impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale.
    Il testo del disegno di legge attribuisce al Governo la delega ad adottare, entro dodici mesi dalla data di entrata in vigore della legge di delega, uno o più decreti legislativi recanti il riordino e la revisione organica della disciplina degli enti privati del Terzo settore e delle attività che promuovono e realizzano finalità solidaristiche e di interesse generale, anche attraverso la produzione e lo scambio di beni e servizi di utilità sociale in attuazione del principio di sussidiarietà, al fine di sostenere la libera iniziativa dei cittadini associati per perseguire il bene comune, elevare i livelli di cittadinanza attiva, coesione e protezione civile, favorendo la partecipazione, l’inclusione e il pieno sviluppo della persona e valorizzando al contempo il potenziale di crescita ed occupazione del settore.
    Leggi tutto nel sito del Governo

  • 7 Luglio 2014 | Disabilità, arrivano le “misure di semplificazione" vedi

    E’ tempo di “semplificazioni” per  la disabilità in Italia. O, almeno, così pare: nel giro di pochi giorni, vanno infatti in questa direzione la campagna lanciata dal responsabile Welfare del Pd Davide Faraone, mirata proprio all’alleggerimento degli oneri burocratici che gravano sulle persone disabili e sulle loro famiglie; a seguire, la circolare dell’Inps, che esonera dalle visite di accertamento i minori con autismo “non lieve” e, da ultimo, l’approvazione in Consiglio dei ministri, nei giorni scorsi, del decreto-legge sulla semplificazione e trasparenza amministrativa.
    Pubblicato il 24 giugno scorso in Gazzetta ufficiale, il decreto legge n. 90/2014, in attesa di conversione in legge ma già in vigore, contiene infatti, all’articolo 5, importanti indicazioni per la “semplificazioni” rivolte ai “soggetti con invalidità”, esaminate nel dettaglio da Carlo Giacobini, direttore di HandyLex.
    Ecco le principali:
    - Patente.
    Niente più visita della commissione per rinnovare la patente, qualora la disabilità certificata dalla commissione al momento dell’idoneità sia stabilizzata e non soggetta a modificazioni: questa misura semplifica la procedura, equiparandola a quella prevista per gli automobilisti non disabili che, al momento del rinnovo, non devono passare per la commissione medica.
    - Parcheggi.
    I comuni avranno l’obbligo di stabilire, nelle aree di parcheggio a pagamento, un numero di posti gratuiti per le persone invalide con regolare contrassegno, nella misura di 1 posto ogni 50. E’ invece facoltativo, per gli stessi
    comuni, prevedere la sosta gratuita nei parcheggi a pagamento, qualora siano occupati i posti a loro riservati.
    - Congedi lavorativi.
    Si semplifica e si velocizza la procedura richiesta per la richiesta di permessi o congedi lavorativi (legge 104/92 e dl 151/2001): si abbassa intanto da 90 a 45 giorni il limite entro cui la commissione debba pronunciarsi e dopo il
    quale l’accertamento di handicap possa quindi essere effettuato da un medico specialista della Asl di riferimento del richiedente. Inoltre, si autorizza la commissione a rilasciare un certificato provvisorio (valido fino all’emissione di quello definitivo) già a fine visita ed estende queste due semplificazioni, prima previste solo per i permessi lavorativi, anche ai congedi.
    - Neomaggiorenni.
    Questa è la principale novità;: il minore titolare di indennità di accompagnamento non avrà più bisogno di sottoporsi a visita di accertamento, al compimento del 18° anno di età, ma automaticamente potrà godere, previa presentazione della domanda in via amministrativa, delle prestazioni economiche per previste per i maggiorenni. Si tratta di un’importante semplificazione, che le associazioni chiedevano da tempo.
    - Rivedibilità.
    Niente più visite di revisione per le persone con patologie o menomazioni stabilizzate e non reversibili, gravi o non  gravi,  indipendentemente dal fatto che godano o meno di indennità di accompagnamento o comunicazione: questa è una vera svolta verso la semplificazione burocratica.
    - Concorsi pubblici.
    Più semplice sarà anche l’accesso alle prove d’esame nei concorsi pubblici e per l’abilitazione alla professioni: intervenendo infatti sull’articolo 20 della legge 104/1992, il decreto 90/2014 stabilisce infatti che una
    persona con invalidità uguale o superiore all'80% non sia tenuta a sostenere la prova preselettiva eventualmente prevista.

    Il presente testo è tratto dal sito redattoresociale.it, 27 giugno 2014
    Scarica la scheda informativa sul sito handylex con ulteriori approfondimenti
    (fonti redattoresociale, handylex)

  • 7 Luglio 2014 | Emilia Romagna: caregiver. Polemiche per una delibera regionale. vedi

    Dopo il Nursind, sindacato delle professioni infermieristiche, anche il MIGEP, l'associazione professionale degli operatori socio sanitari, esprime forti perplesità sulla parte delle delibera regionale in tema di Caregiver.
    che consentirebbe a personale "laico", come appunto ad esempio familiari e badanti, di prestare cure a casa di chi soffre di malattie complesse, dopo corsi di formazione di breve durata.
    L’associazione si schiera contro la delibera regionale che, “con sole 24 ore di formazione, permette a badanti o famigliari di effettuare funzioni invasive complesse e delicate” di competenza infermieristica. Il Migep propone, per i caregiver, una formazione più elevata. “Da non confondere con un mini infermiere. Si tratterebbe di una figura regionale di supporto alla famiglia e all’infermiere”.
    Leggi tutto su quotidiano sanità
    (fonte redazione sportello sociale e agenzia quotidiano sanità)

  • 7 Luglio 2014 | Ha cessato le attività di trasporto AVIUSS vedi

    Con un comunicato sul profilo Facebook Aviuss, dopo oltre 13 anni di attività, comunica di aver cessato gli interventi di trasporto effettuati per persone anziane. "...abbiamo chiuso l' AVIUSS il motivo è che dopo 13 anni i 12 volontari sono invecchiati e parecchi di loro non più in forma, inoltre abbiamo terminato i fondi e le Fondazioni bancarie non finanziano più il servizio gratuito alle persone anziane e fragili anche economicamente che sono state trasportate nei luoghi di cura. 1280 anziani indicati dai quartieri hanno usufruito, per 8-10-volte all'anno del servizio AVIUSS ,inoltre siamo stati impegnati, con 30-40 persone molto anziane e sole, in tele compagnia (una volta la settimana) i 12 volontari sono stati presenti tutti i giorni, agosto compreso, dalle 9 alle 12".
    Agli amici di Aviuss un grazie per il loro impegno durato tanti anni.
    Consulta il profilo Facebook di Aviuss

  • 7 Luglio 2014 | Nasce la rete Sostenibilità e salute vedi

    Ventuno organizzazioni no profit italiane si uniscono in una Rete di coordinamento per affermare, tramite la sottoscrizione della ”Carta di Bologna”,  un modello differente di salute e sanità, “realmente” sostenibile.
    “Il modello della crescita economica senza limiti – afferma Jean-Louis Aillon, portavoce della Rete – ha i giorni contati, non è più sostenibile dal punto di vista sociale e ambientale, e non è in grado di assicurare la tutela della salute dei cittadini, in quantoquesto processo va a minare la qualità dell’ambiente e quei fattori socio-culturali da cui la salute dipende, arrivando oggigiorno a minacciare gli equilibri stessi della vita sul pianeta.

    I cambiamenti climatici comportano rischi concreti per la salute umana, afferma Samuel Myers della “Harvard Medical School”, e i loro effetti indiretti metteranno a rischio la qualità della vita di centinaia di milioni di persone, generando costi enormi per i Sistemi Sanitari pubblici. Dall’altra parte il NewEngland Journal of Medicine indica con chiarezza il percorso da intraprendere: “perché le popolazioni vivano in maniera sostenibile e in buona salute nel lungo periodo, il settore sanitario – afferma l’autorevole rivista – deve rimodellare il modo in cui le società umane pianificano, costruiscono, spostano, producono, consumano, condividono e generano energia”.
    Leggi tutto sul sito di Medicina democratica
    Visita il sito della rete Sostenibilità e salute
    (fonte newsletter medicina democratica)

  • 7 Luglio 2014 | Permessi per la "104" a parenti di terzo grado. Precisazioni dal Ministero. vedi

    I tre giorni al mese di permesso retribuito per assistere familiari con gravi handicap possono essere chiesti anche per parenti o affini entro il terzo grado se costoro non hanno coniuge o genitori che possono assisterli.
    Rispondendo con l'interpello 19 del 26 giugno al quesito posto dalle associazioni Anquap e Cida, il Ministero del Lavoro chiarisce che questa è l'unica condizione e non rileva che vi siano altri parenti o affini, di grado inferiore che potrebbero assistere la persona disabile.
    Perché il lavoratore possa chiedere i tre giorni di permesso per assistere un parente o un affine di terzo grado è sufficiente, quindi, che i genitori o il coniuge della persona che necessita dell'assistenza si trovino in una delle seguenti condizioni: abbiano compiuto i sessantacinque anni di età; siano anche essi affetti da patologie invalidanti; siano deceduti o mancanti.
    Per mancanti si intende non solo l'assenza naturale o giuridica, ma ogni altra condizione certificata dall'autorità giudiziaria o da altra pubblica autorità, quale divorzio, separazione legale o abbandono. Si ricorda, peraltro, che sono parenti di terzo grado i bisnonni, i pronipoti, gli zii, i nipoti (figli di sorelle e fratelli), e sono affini di terzo grado i parenti (dello stesso grado) del coniuge. Non possono essere riconosciuti permessi a più lavoratori per assistere la stessa persona: si tratta del cosiddetto "referente unico" introdotto dall'articolo 24 della legge 183 del 2010, che ha profondamente modificato la materia.
    Il referente può essere cambiato, anche temporaneamente, ma è necessario presentare una specifica istanza. Potrebbe essere il caso, abbastanza comune, del trasferimento di residenza presso un altro familiare che assume, quindi, il compito dell'assistenza e può chiedere i relativi permessi a condizione, ovviamente, che sussistano i presupposti soggettivi. In deroga al requisito del referente unico, i genitori, anche adottivi, di figli con disabilità grave, possono fruire dei permessi alternativamente, rispettando il limite dei tre giorni riferiti alla persona disabile.
    In questo senso si è pronunciata l'Inps con la circolare 155/2010, riconoscendo il diverso ruolo che i genitori esercitano sul bambino rispetto agli altri familiari. Un lavoratore può,peraltro, chiedere permessi per assistere più familiari con grave handicap, se si tratta del coniuge o di un parente o affine entro il primo o il secondo grado e se i genitori o il coniuge della persona con handicap in situazione di gravità abbiano compiuto i 65 anni di età, oppure siano anch'essi affetti da patologie invalidanti o siano deceduti o mancanti. In alternativa ai permessi, il coniuge, o in mancanza il padre o la madre anche adottivi, o, mancando anch'essi, uno dei figli conviventi, o in ultima alternativa, uno dei fratelli o sorelle conviventi, per assistere la persona può richiedere il congedo straordinario indennizzato, disciplinato dall'articolo 42 del Dlgs 151/2001. Per fruire dei permessi è regola generale che la persona da assistere non sia ricoverata a tempo pieno in una struttura.
    Tuttavia i permessi possono essere richiesti in caso di necessità del portatore di grave disabilità di recarsi fuori dalla struttura per effettuare visite o trattamenti terapeutici, o nel caso in cui sia certificata l'esigenza del disabile di essere assistito dai genitori o da un familiare, ipotesi questa che era precedentemente prevista per i soli minori. I permessi possono essere chiesti anche da lavoratori che risiedono in luoghi distanti dalla residenza della persona da assistere, purché vi siano i presupposti affinché l'assistenza sia comunque adeguatamente garantita e il lavoratore produca i titoli di viaggio. Poichè la concessione dei permessi è strettamente collegata alla necessità dell'assistenza, il diritto agli stessi decade ogni qualvolta l'esigenza venga meno.
    (fonte Il Sole 24 Ore del 1/7/14)

  • 7 Luglio 2014 | Case Zanardi su Radio Città del Capo vedi

    Va in onda su Radio Città del Capo la nuova trasmissione "Benvenuti a Case Zanardi", per raccontare, attraverso le voci dei protagonisti, l'evoluzione dei progetti della rete Case Zanardi, nati per sostenere persone e famiglie che rischiano di scivolare nella povertà.
    L'appuntamento è sulle frequenze di Radio Città del Capo (94.700 - 96.250 Mhz) ogni mercoledì alle 13.30; è prevista inoltre una replica la domenica alle ore 8.30. Il podcast della trasmissione sarà disponibile anche sul sito di Case Zanardi.
    Per informazioni

  • 7 Luglio 2014 | Decreto semplificazione. Ricadute sociali e sanitarie. Ricette più facili per le malattie croniche. vedi

    "Conversione in legge del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 90,recante misure urgenti per la semplificazione e la trasparenzaamministrativa e per l’efficienza degli uffici giudiziari", pubblicato il 24 giugno scorso in Gazzetta ufficiale, il decreto legge n. 90/2014,
    Scarica il testo
    Versione stampabile

    - Ricadute nel'ambito della disabilità (in particolare art.4) Leggi su handylex.org
    - Ricadute in campo sanitario: leggi su quotidiano sanità

    Tra le ricadute sanitarie di particolare imprtanza è il tema realtivo alle ricette mediche per i malati cronici
    ( Art. 26, semplificazione per la prescrizione dei medicinali per il trattamento di patologie croniche).
    Grande novita' per i malati cronici, cioe' per piu' di 14 milioni di persone che rappresentano il 24% degli assistiti dal Servizio Sanitario Nazionale. La validita' delle ricette per i malati cronici passa infatti da 60 a 180 giorni. Inoltre, sempre per le patologie croniche, il medico puo' prescrivere medicinali fino a 6 pezzi per ricetta, purche' gia' utilizzati dal paziente da almeno 6 mesi. In tal caso, la durata della prescrizione non puo' comunque superare i 180 giorni di terapia. Niente piu' file dal medico di famiglia dunque, con uno snellimento burocratico che va a tutto vantaggio dei malati cronici e delle loro famiglie.
    (fonte newsletter salute informa, newsletter quotidiano sanità, redazione sportello sociale)

  • 1 Luglio 2014 | Convegni, conferenze "sociali" (luglio 2014) vedi

    Conferenze, convegni "sociali" nel mese di luglio a Bologna

    mercoledì 2 luglio
    seminario “Passi d'Argento: salute e invecchiamento attivo”
    a cura di Regione E.Romagna, Passi d'Argento
    dalle 8,30 alle 13,30, c/o Regione
    Emilia-Romagna, Sala Auditorium, Viale Aldo Moro 18, Bologna

    venerdì 4 luglio
    seminario "Donne vittime di violenza" (Presentazione delle linee di indirizzo. Area vasta Emilia centro)
    a cura Regione E.Romagna
    dalle 9,30 alle 13,30 , Aula Magna Regione Emilia-Romagna, viale Aldo Moro 30, Bologna

    lunedì 7 luglio
    incontro "Idee a confronto sul Progetto PETRA II"+ (banca dati rifigiati vulnerabili)
    a cura di Progetto Petra, SPRAR, as.Zenia
    dalle ore 18 alle 20, Mercatino Verde del Mondo, Giardini Margherita, viale Gozzadini, Bologna

    lunedì 14 luglio
    presentazione del rapporto "C’è qualcuno in ascolto? Presentazione del Rapporto sociale Giovani Generazioni"
    a cura di Regione E.Romagna
    dalle 9 alle 13,30, RER, Sala A, Terza torre, V.le della Fiera 8, Bologna

    lunedì 14 luglio
    convegno "Verso l'accreditamento definitivo dei servizi socio-sanitari: un percorso condiviso"
    a cura Regione E.Romagna
    dalle 14,30 alle 17,30, Regione Emilia-Romagna, Sala Conferenze A, Terza Torre, Viale della Fiera, 8

    mercoledì 16 luglio
    convegno "Dopo il 28 maggio la pena è meno umiliante e degradante"
    a cura Regione E.Romagna, Garante persone private libertà
    dalle 9 alle 14, Regione Emilia-Romagna, Sala Guido Fanti, Viale Aldo Moro 50, Bologna

  • 1 Luglio 2014 | Sportelli sociali: orari estate 2014 vedi

    Gli Sportelli sociali presenti nei Quartieri saranno regolarmente aperti anche in luglio ed agosto con le seguenti limitazioni di orario:

    - Tutti i Quartieri: nelle giornate del 12, 14, 19 e 21 agosto gli sportelli chiuderanno alle ore 14,00 invece che alle 17,30
    - Borgo Panigale: dal 14/7 al 22/8 lo sportello osserva solo l'apertura al mattino fino alle ore 14,00
    - Navile: durante il mese di agosto sarò operante solo lo sportello di via Saliceto (zona Bolognina), mentre rimarrà chiuso lo sportello di via M.Polo (zona Lame)
    - S.Donato e S.Vitale: lo sportello unificato di via Rimesse dal 1 luglio chiude alle ore 14,00 (causa problemi organizzativi potrebbero verirficarsi chiusure anche in orario mattutino; è consigliabile contattare il centralino della sede di via Rimesse - 051/340868 - per accertarsi della apertura o meno dello sportello)
    -
    Savena: nelle giornate del 15, 17 e 24 luglio lo sportello termina l'apertura alle ore 14,00
    -
    Porto e Saragozza: nei giorni 5 e 7 agosto lo sportello chiude alle ore 14,00.
    (fonte redazione sportelli sociali)

  • 25 Giugno 2014 | Riforma del terzo settore: un documento degli Assessori al welfare vedi

    Tra i vari contributi giunto al Governo in tema di riforma del terzo settore anche quello redatto dagli Assessori al Welfare di alcune delle più grandi città italiane (Torino, Bologna, Genova, Milano, Venezia...). Tra i vari nodi toccati i 10 Assessori firmatari hanno in particolar modo sottolineato:
    - la necessità di redazione di un testo unico del Terzo Settore che armonizzi le politiche sociali, sanitarie, educative, abitative, assistenziali, del lavoro, ai fini di un welfare partecipativo
    - l'utilità di favorire la diffusione presso le organizzazioni del Terzo Settore di strumenti adeguati ad evidenziare come le risorse pubbliche o private che gli vengono affidate si traducono in attività e progetti innovativi e in grado di sviluppare un sistema di relazioni e di competenze basato sulla condivisione.
    - come, attraverso opportuni dispositivi e modalità di rendicontazione e trasparenza, il Terzo Settore produca con la sua azione quotidiana non solo servizi,ma anche capitale sociale, inteso come creazione di relazioni e diffusione di fiducia, valori della solidarietà e dell'inclusione. In questo senso appare opportuno dare effettivo rilievo a quegli enti che producono nuovo capitale sociale non su valutazioni autoreferenziali ma sulla effettiva percezione dei cittadini.
    - come sia necessario il coinvolgimento dei Comuni per la predisposizione dei meccanismi operativi di accesso dei cittadini al sistema di servizi, l’utilizzo dei sistemi informativi nella logica della “social innovation”, il consolidamento e alcune revisioni dei  meccanismi dell’accreditamento, delle concessioni, degli standard di servizio, dei costi standard.
    Leggi il documento degli Assessori al welfare
    Scarica la scheda con le risorse on line in tema di riforma del terzo settore e dati del censimento ISTAT del non profit 2014
    (fonte redazione sportelli sociali)

  • 25 Giugno 2014 | Percorsi di responsabilità sociale di impresa a Bologna vedi

    Le aziende e il profit in generale possono avere altre finalità da quelle strettamente economiche? Se le hanno, in cosa consiste la responsabilità sociale d'impresa (Corporate Social Responsability - CSR)?
    Leggendo l’inchiesta realizzata dal settore comunicazione di VolaBO in collaborazione con Bandiera Gialla e Radio Città del capo si riesce ad avere un’idea precisa di come le aziende dell’Emilia Romagna intendono la loro responsabilità verso la società, come la attuano e come si confrontano con gli attori del Terzo Settore (associazionismo, cooperazione sociale, gruppi di volontariato…).
    Leggi su bandieragialla

  • 25 Giugno 2014 | Una estate sociale. Le associazioni, i servizi...gli eventi estivi vedi

    Gli eventi estivi organizzati dalle realtà del "sociale": associazioni, servizi territoriali, cooperative.

    27 giugno, 3 - 10 - 17 - 24 luglio (Ass.Amici di Luca)
    La conquista della felicità

    Comincia venerdì 27 giugno la decima edizione de “La Conquista della Felicità” una rassegna estiva nata nel luglio del 2005 (per iniziativa di Fulvio De Nigris e Gloria De Antoni) che ha luogo alla Casa dei Risvegli Luca De Nigris il centro innovativo rivolto a giovani e adulti con esiti di coma e stato vegetativo dell’Azienda Usl di Bologna che ne condivide gli obiettivi con l’associazione Gli amici di Luca onlus. Pensato come un progetto di “resistenza civile” (sapendo che se la propria "resistenza civile" non avrà portato la "conquista della felicità" avrà comunque prodotto uno sguardo attivo sulla vita), la manifestazione comprende cinque appuntamenti tra teatro, musica e altro, senza tralasciare il benessere, che insieme all’arte e alla cultura ci avvicinano al nostro intento. L’iniziativa, quest'anno non rientra in Bè Bologna Estate (non essendo stati riconosciuti “requisiti di spettacolarità”) ma ha il patrocinio della rete Teatri Solidali che raccoglie alcuni tra i più interessanti gruppi teatrali di Bologna e provincia.

    28 giugno, 12 e 19 luglio (Associazioni  Dry Art, Univero interculturale, Q.re porto)
    Mercoledì social del Giardino G.Fava
    L’Associazione Culturale Dry_Art e l’Asssociazione Interculturale Universo con il patrocinio del Quartiere Porto e del Comune di Bologna, nell’ambito del progetto Cittadinanza Attiva, promuovono una giornata realizzata con la partecipazione dei residenti del Quartiere Porto.
    Ogni mercoledì avrà luogo FuoriCiclo, un mercatino volto principalmente a promuovere i valori del riuso, della condivisione e della pratica virtuosa del baratto, verranno coinvolti non solo artigiani e artisti, ma anche i bambini della zona, affinché l’iniziativa possa essere ludica e al contempo esemplare ed educativa.

    Fino al 19 luglio
    "Snapshots from the Border": fotografie dai "confini" d'Europa
    Fino al 19 luglio, presso la Biblioteca Salaborsa, in piazza Nettuno 3 a Bologna, è possibile visitare la mostra "Snapshots from the Border", esposizione fotografica sull’accoglienza dei richiedenti asilo in zone di confine di Italia, Malta e Ungheria. Tre comuni europei (Vittoria-Italia, Siggiewi-Malta, Mateszalka-Ungheria), insieme all’associazione Africa e Mediterraneo, hanno colto l’opportunità di fotografare i loro territori come "Confini d’Europa", raccogliendo fotografie dei confini d’acqua (mari e fiumi), di rifugiati, richiedenti asilo e migranti che vivono e lavorano in queste tre aree. I tre Comuni hanno invitato il fotografo congolese Baudouin Mouanda (Collettivo Generazione Elili, Brazzaville) a condurre workshops e a visitare i tre territori così come le aree di confine. Mouanda ha così condiviso il proprio punto di vista con quello di fotografi, reporter e operatori sociali delle città ospitanti. L'evento si inserisce all'interno di Provincia di Bologna Terra di Asilo 2014 e della campagna Bologna cares!

    3 - 10 - 17 - 24 luglio (CADIAI, USSI disabili adulti AZ.Usl, Q.re San Donato)
    La lunga estate calda (di eventi) dei disabili bolognesi
    Disponibile il programma dell'Arboreto Summer Camp 2014, organizzato in collaborazione tra CADIAI, l'USSI disabili adulti e i Servizi Educativi Territoriali.
    Tante serate all'insegna di musica, arte, cultura e gastronomia, per rendere ancora più calda - casomai ce ne fosse bisogno - l'estate dei disabili del Distretto di Bologna, ma soprattutto di tutte le persone che parteciperanno alle cene e agli spettacoli in programma nell'ambito di "Arboreto Summer 2014", iniziativa realizzata in collaborazione tra Cooperativa CADIAI, l'USSI disabili adulti del Distretto Città di Bologna e i Servizi Educativi Territoriali del Quartiere San Donato.

  • 24 Giugno 2014 | Riforma del terzo settore, censimento ISTAT del non profit. I contributi in rete. vedi

    Nell'ultimo mese il tema del terzo settore è salito alla ribalta per due questioni di grande rilievo.
    La prima relativa all'identità e ai "numeri" dello stesso in funzione dei dati ISTAT che, nel non profit, accomuna associazioni, cooperative, fondazioni, sindacati, partiti, organizzazioni professionali, enti religiosi.
    La seconda relativa ai destini dello stesso, sospeso tra i poli della cittadinanza e della erogazione di servizi, che continuano a suscitare un vivace dibattito tra i, molti, accenni economicistici e i, pochi, accenni sociologici.

    La redazione dello sportello sociale del Comune di Bologna ha redatto una scheda informativa che segnala i contributi più significativi disponibili in rete sia sulla ipotesi di riforma del terzo settore, e relativa fase di consultazione avviata dal Governo, sia sulla pubblicazione da parte di ISTAT dei dati del censimento, datato 2011, su "Industria, istituzioni pubbliche e non profit".
    Scarica la scheda

  • 20 Giugno 2014 | E' online il sito di Case Zanardi vedi

    E' on line da alcuni giorni il sito web del progetto Case Zanardi. Ispirate ai principi di solidarietà e coprogettazione, le Case Zanardi sono finalmente realtà. Dedicati alla memoria dello storico sindaco di Bologna Francesco Zanardi, gli 11 progetti hanno l'obiettivo di promuovere una rete di servizi e aiuti per combattere le nuove forme di povertà prodotte dalla crisi attuale, recuperando la capacità di risposta solidale e di innovazione nelle politiche solidali della città.
    Nel sito le schede di tutti i progetti delle Case Zanardi che sorgeranno, notizie, video ed ogni informazione sulle attività ed i protagonisti del progetto coordinato dalla Istituzione per l'inclusione sociale del Comune.
    Visita il sito
    (redazione sportello sociale)

  • 20 Giugno 2014 | L’amministrazione condivisa: i cittadini risorsa per i problemi di interesse generale. Il caso di Bologna vedi

    E' disponibile nel sito del Labsus il lavoro di tesi di Angela Gallo, nell'ambito del Master "Federalismo fiscale e sussidiarietà", di cui Labsus è partner, dedicato alla esperienza del Comune di Bologna relativa alla approvazione , primo Comune in Italia, del "regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani".
    Leggi e scarica la tesi
    (newsletter labsus)

  • 20 Giugno 2014 | Nasce la Guida all’informazione sociale in Regione vedi

    A fine 2012 sono circa 53.200 i minori in carico ai servizi sociali regionali, poco più di 2.400 quelli accolti in servizi residenziali e famiglie affidatarie, in leggero calo rispetto al 2011. Tra il 2007 e il 2013 sono 7.530 i giovani che hanno scelto il servizio civile, mentre nel 2013 oltre 2.800 quelli che hanno fatto domanda per il bando di servizio civile straordinario nelle zone terremotate.
    Sono alcuni dei dati che si trovano all’interno della Guida all’informazione sociale dell’Emilia-Romagna, realizzata dall’assessorato alle Politiche sociali della Regione in collaborazione con l’agenzia di stampa Redattore Sociale. Presentata all’interno del seminario ‘I numeri e le persone’ che si è svolto in Regione e a cui hanno partecipato circa 200 persone tra cui 150 giornalisti, la guida è uno degli strumenti messi in campo dall’assessorato per  raccontare il welfare e consentire a chi fa comunicazione sociale di diffondere dati corretti. “Comunicare il welfare è, da sempre, uno degli impegni dell’assessorato. E lo è ancora di più oggi che il sociale, a causa della crisi, è ‘entrato a forza’ nell’agenda dell’informazione, diventando centrale - ha detto Teresa Marzocchi, assessore regionale alle Politiche sociali della Regione - Vogliamo dare a chi si occupa di disagio ed esclusione sociale uno strumento utile per raccontarli al meglio, senza superficialità”.
    Anziani, disabili, minori, carcere, tratta e prostituzione, discriminazioni, servizio civile, sportelli sociali, associazionismo, famiglia e povertà. Sono le 12 sezioni in cui è suddivisa la Guida all’informazione sociale. Una novantina di schede con dati, grafici e statistiche in continuo aggiornamento raccontano con uno stile diretto e di facile lettura il territorio alla luce dei cambiamenti e delle trasformazioni portati dalla crisi.
    Consulta la Guida
    (fonte newslettrer sociale.emilia romagna)

  • 20 Giugno 2014 | Le parole che raccontano il sociale vedi

    Il progetto Parlare civile è volto a fornire un aiuto pratico a giornalisti e comunicatori per trattare con linguaggio corretto temi sensibili e a rischio di discriminazione. È il primo in Italia che affronta in una cornice unica i seguenti argomenti: Disabilità, Genere e orientamento sessuale, Immigrazione, Povertà ed emarginazione, Prostituzione e tratta, Religioni, Rom e Sinti, Salute mentale.
    Il progetto consiste in un libro dallo stesso titolo (edito da Bruno Mondadori, 2013) e nel presente sito web, che contiene oltre 200 schede su parole chiave redatte alla luce dell’etimologia, dell’uso corrente, dei dati, di innumerevoli esempi di buono o cattivo uso nella comunicazione, di alternative praticabili.
    Consulta il sito

  • 19 Giugno 2014 | Contributi economici per favorire il mantenimento al domicilio delle persone anziane vedi

    Dal 16 giugno è aperto il primo avviso per ricevere un contributo a sostegno del lavoro di cura delle assistenti familiari. Le domande possono essere presentate fino al 10 settembre compreso per i primi 200 contributi, mentre altri 100 saranno banditi dal 3 novembre al 12 dicembre.

    Il Comune, tramite l'Asp Città di Bologna investe 300,000 euro in contributi economici per una platea di 300 persone, con l'intento al tempo stesso di promuovere la regolarizzazione del lavoro delle assistenti familiari, sostenere la domiciliarità di una fascia di anziani che non ricevono l'assegno di cura e favorire la loro integrazione nella rete dei servizi  socio-assistenziali.

    I contributi sono rivolti a cittadini ultrasessantacinquenni residenti nel Comune di Bologna che hanno attivato, autonomamente o tramite agenzia di somministrazione di lavoro, un regolare contratto con Assistente Familiare.
    Leggi tutto nel sito del Comune di Bologna
    Scarica la scheda informativa nel sito degli sportelli sociali
    (fonte sito Comune Bologna)

  • 19 Giugno 2014 | Azienda USL, Provincia, Comune: un questionario sui "neet" vedi

    Che i giovani in questo 2014 non se la passino...benissimo è cosa risaputa. Le prospettive per il futuro sono tra luci ed ombre: lavoro, famiglia, figli, realizzazione personale, reddito....non ultima la società che gli adulti e gli anziani consegnano loro con tutte le sue ambiguità e zone d'ombra.
    Per uscire dalla mitologia dei cosiddetti "neet", ovvero dei giovani che non hanno un impegno nè di studio nè di lavoro (...bamboccioni li aveva chiamati anni fa qualcuno...) e dal relativo corollario di immagini mediatiche più o meno attendibili, anche Azienda USL e Provincia, in collaborazione con il Comune, vogliono capire meglio questo fenomeno per orientare le loro politiche: sociali, formative, abitative, attive per il lavoro...giovanili.
    Questo, grazie ad un finanziamento della Regione, nell'ambito del progetto di ricerca "Scenari futuri del welfare" avviato da oltre un anno con la consulenza dell'Università Bocconi di Milano,
    E' stata creata una pagine facebook da cui è possibile accedere ad un questionario riservato alle persone tra i 18 e 30 anni residenti in Emilia Romagna, da compilare in anonimato, e da cui potranno essere ricavati utilissimi elementi di ricerca.
    Accedi al questionario che si compila in soli 5 minuti
    (fonte redazione sportelli sociali Comune Bologna)

  • 17 Giugno 2014 | Voucher universale per i servizi sociali, presentata la proposta di legge vedi

    Riorganizzare il sistema dei servizi alla persona e alla famiglia, introducendo il meccanismo del “voucher universale”: è questo l’obiettivo della proposta di legge “Istituzione del Voucher universale per i servizi alla persona e alla famiglia”, presentata contemporaneamente alla Camera e al Senato da PD e NCD. La proposta s’ispira al modello francese dei chéque emploi service universel (Cesu).

    Obiettivi della proposta
    Finalità fondamentale dell’iniziativa è massimizzare l’efficacia della spesa, già oggi a carico delle famiglie, con un provvedimento di equità fiscale che renda possibile una parziale ma significativa detrazione degli oneri sostenuti. Secondo obiettivo, collegato al primo, è l’emersione del lavoro nero e, quindi, la creazione di posti di lavoro nel settore dei servizi di assistenza e cura. All’emersione dall’irregolarità è legata la valorizzazione e la professionalizzazione di questo settore occupazionale: “è necessari implementare politiche per qualificare il lavoro di cura – si legge infatti nella proposta – introducendo degli standard omogenei e dando pieno riconoscimento professionale alla figura dell’assistente familiare”.

    Cosa prevede
    Sono tre i possibili destinatari dei voucher: le famiglie, i dipendenti delle imprese e i destinatari di servizi di protezione sociale. Questi potranno acquistare, oppure ricevere dall’azienda o dall’ente, i voucher emessi dalle società concessionarie, che serviranno per acquistare servizi di cura per bambini, anziani non autosufficienti  o persone disabili, come pure per retribuire i collaboratori domestici. I voucher potranno essere utilizzati anche dalle piccole e medie imprese, divenendo così strumenti di “welfare aziendale” per prestazioni sociali. Infine, lo stesso meccanismo potrà essere utilizzato dalle amministrazioni pubbliche, per semplificare e velocizzare l’intervento sociale. Il voucher sarà nominativo e non potrà essere ceduto o utilizzato per l’acquisto di servizi diversi da quelli elencati nell’allegato alla proposta di legge. Il governo è delegato a definire, in accordo con le regioni, i requisiti comuni per l’iscrizione agli albi e ai registri regionali dei collaboratori domestici e degli assistenti personali. Oggi, solo un assistente su quatto è iscritto in un registro: il voucher potrà essere speso solo per lavoratori inseriti in questi elenchi. La legge istituirebbe inoltre un albo nazionale delle imprese, delle organizzazioni e delle associazioni abilitate a offrire i servizi che potranno essere pagati con il voucher universale. “La finalità principale dell’albo – si legge nel testo – è selezionare i soggetti che garantiscano un’alta qualità dei servizi per la persona e per la famiglia”. Viene così “identificato un unico regime di accreditamento per i soggetti che operano a livello nazionale, abilitati a erogare i servizi pagati con i voucher, mentre sono attribuite alle regioni le competenze per l’accredito dei soggetti che operano in una sola regione”.
    Leggi tutto nel sito superabile.it

    Scarica la scheda informativa curata dalla redazione degli sportelli sociali, con il link al testo della proposta e ad approfondimenti

  • 17 Giugno 2014 | Compie 18 anni Virtual Coop vedi

    Virtual Coop ha compiuto 18 anni e ha preso casa! Invita le cooperative sociali, le organizzazioni del terzo settore, i rappresentanti delle istituzioni, gli amici e i cittadini tutti a partecipare all’inaugurazione della nuova sede, in via della Casa Buia 4 a Bologna, venerdì 20 giugno 2014, dalle 11.00 alle 13.00.
    La sede che viene inaugurata è stata acquistata dalla cooperativa stessa. Nonostante il duraturo periodo di crisi, la Virtual, ha continuato ad espandersi e attualmente occupa 27 dipendenti, di cui 21 lavoratori svantaggiati.
    Nel corso dell’evento, alla presenza delle principali autorità cittadine, sarà presentato un breve filmato sulla cooperativa, inoltre per l’occasione verrà lanciato il quotidiano on-line www.bnbo.it, creato dalla cooperativa per offrire ai cittadini di Bologna e provincia tutte quelle notizie che non trovano spazio sui mass media.
    Virtual Coop è attiva sul nostro territorio dal 1996, è costituita prevalentemente da disabili ed opera nei settori della comunicazione a carattere sociale, della digitalizzazione documentale, della stampa digitale, dell’editoria e dello sviluppo web. Si tratta di una realtà economicamente indipendente, che offre un lavoro stabile a numerosi disabili, accogliendo anche giovani lavoratori svantaggiati in borsa lavoro.
    Si tratta quindi di un esempio di come sia possibile operare nell’economia reale, partendo da esigenze di carattere sociale, dimostrando come la cooperazione e l’autodeterminazione dei lavoratori, anche se svantaggiati, possa produrre crescita ed innovazione contro una crisi di carattere epocale, quale quella che stiamo vivendo.
    Per approfondire
    (fonte Virtual coop)

  • 17 Giugno 2014 | Giornata mondiale del rifugiato 2014 vedi

    Il 20 giugno si celebra la Giornata mondiale del rifugiato, istituita dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite in occasione delle celebrazioni dei 50 anni dalla Convenzione di Ginevra sullo status dei rifugiati del 1951.
    Anche quest'anno, per l'ottava volta, la Provincia di Bologna promuove un percorso di iniziative di sensibilizzazione e formazione sul diritto di asilo, in collaborazione con lo SPRAR, la rete regionale Emilia-Romagna Terra di Asilo e con il fondamentale contributo di una serie di Enti pubblici e realtà del Terzo settore.
    Il calendario, le cui attività sono già iniziate da metà del mese di maggio, si articola in 15 eventi, a Bologna e on-line, di vario tipo: laboratori, concorsi fotografici, feste di strada, presentazione di libri e di film, campagne di comunicazione, convegni, spettacoli teatrali, fumetti, installazioni artistiche, incontri con rifugiati...
    Maggiori informazioni nel sito della Provincia
    (fonte newsletter Osservatorio immigrazioni)

  • 17 Giugno 2014 | La dispersione scolastica in Emilia-Romagna vedi

    L'Assessorato alla Scuola della Regione Emilia-Romagna ha pubblicato il Quaderno "La dispersione scolastica in Emilia-Romagna", il quarto della serie di "Quaderni E-R di Educazione e Ricerca", una collana pensata come strumento di analisi e conoscenza delle dinamiche del sistema scolastico e formativo in Emilia-Romagna.
    L'indagine, realizzata da un gruppo di lavoro promosso dall'Assessorato alla Scuola, è stata condotta in base ai dati raccolti dall'Anagrafe Regionale degli Studenti nelle cinque annualità dal 2007 al 2012.
    Il Quaderno restituisce un'analisi quantitativa e qualitativa dei percorsi scolastici degli studenti emiliano-romagnoli nel secondo ciclo di istruzione e nel sistema regionale di Istruzione e Formazione Professionale, con particolare riferimento ai fenomeni legati alla dispersione e all'insuccesso scolastico.
    Obiettivo del lavoro è comprendere le motivazioni dei fenomeni dell'abbandono e della dispersione, per contribuire ad identificare gli strumenti più ideonei per costruire una scuola equa e di qualità, basata sul principio dell'inclusività e che favorisca il successo scolastico e formativo per tutti.
    Leggi tutto e scarica la ricerca nel sito sociale.emilia romagna
    (fonte newsletter Regione E.Romagna)

  • 17 Giugno 2014 | Povertà, la Cei sospende il Prestito della Speranza: "Criteri da rivedere" vedi

    Il Prestito della speranza voluto dalla Cei è sospeso dal 31 marzo scorso, data della scadenza dell’accordo tra l’Abi (Associazione bancaria italiana), i vescovi stanno pensando a nuovi i criteri di accesso al microcredito promosso dalla Chiesa. Ad annunciarlo è don Andrea La Regina, responsabile per la Caritas italiana del progetto di microcredito durante i lavori della Consulta nazionale delle fondazioni antiusura. Nelle diocesi italiane, però, continua la raccolta delle istanze, ha precisato La Regina. Si tratta solo di attendere che la Cei stipuli nuovi accordi, questa volta non più con l’Abi e si stima che entro settembre possa concludersi l’iter che porterà ad un rilancio di quello che continuerà a chiamarsi Prestito della Speranza, nonostante i numeri del progetto ad oggi siano lontani da quelli inizialmente ipotizzati, come riportato dallo stesso Rapporto della Caritas del 2014.

    “Abbiamo dovuto rivedere, insieme con la Conferenza episcopale, la possibilità di fare con un solo grande gruppo bancario l’accordo che verrà rilanciato a breve – ha affermato La Regina intervenendo durante i lavori del convegno -. Si sta predisponendo l’accordo”. A cambiare saranno sicuramente i criteri d’accesso. “Non ci saranno più gli stessi vincoli. Tutti potranno accedere, non solo le famiglie”. E nel rilancio si farà più attenzione anche alle piccole imprese.
    Leggi tutto su redattoresociale
    (fonte redattoresociale)

  • 17 Giugno 2014 | Riforma del terzo settore: i documenti di Forum e Sindacati vedi

    A seguito della annunciata riforma del terzo settore da parte del Governo, e della fase di consultazione apertasi, il Forum nazionale del terzo settore e le Organizzazioni sindacali hanno prodotto articolati documenti di proposte e di analisi del documento prodotto in materia dal Governo.
    Scarica il documento del Forum nazionale del terzo settore
    Scarica il documento dei Sindacati CGIL CISL UIL
    (fonte redazione spprtello sociale)

  • 17 Giugno 2014 | Vacanze: assistenza sanitaria all'estero vedi

    "Se parto per. . . " e' una guida interattiva che permette a tutti gli assistiti (cioe' tutti coloro che sono iscritti e a carico del Servizio Sanitario Nazionale - SSN) ed a tutti gli operatori sanitari, di avere informazioni sul diritto o meno all'assistenza sanitaria durante un soggiorno o la residenza in un qualsiasi Paese del mondo; in particolare di avere informazioni su: come ottenere l'assistenza sanitaria in un qualsiasi Paese del mondo; a chi rivolgersi; come richiedere eventuali rimborsi
    Vai alla guida interattiva "Se parto per . . ."
    (fonte newsletter salute+)

  • 13 Giugno 2014 | Presidio pubblico promosso dal Consiglio comunale per lunedì 16 giugno alle 18 vedi

    Meriam, condannata a morte per apostasia in Sudan e' ancora in carcere.
    Delle sorti delle centinaia di ragazze rapite da scuola da un gruppo terroristico in Nigeria molte settimane fa, ancora non si sa nulla.
    Per mantenere alta l'attenzione della comunità internazionale su questi casi, per manifestare il nostro impegno a favore della libertà religiosa e affinche' nascere uomo o donna non sia causa di discriminazione in nessuna parte del mondo, il Consiglio comunale promuove un presidio pubblico in piazza Nettuno lunedì 16 giugno alle ore 18.
    La cittadinanza tutta e' invitata a partecipare. Sono previsti interventi di don Giovanni Nicolini, Karin Pallaver, Virginio Merola.
    (fonte Consiglio comunale Bologna)

  • 10 Giugno 2014 | Ondate di calore: mercoledì 11 e giovedì 12 giugno situazione di disagio vedi

    L'Azienda USL Città di Bologna, in collegamento con ARPA e Protezione civile, segnala per mercoledì 11 e giovedì 12 p.v una situazione di disagio a causa delle temperature.
    Consulta la scheda sul tema Ondate di calore nel sito degli sportelli sociali

    Dalla sezione domande ricorrenti del sito del Ministero della salute segnaliamo le domande 11 e 14 che danno utili indicazioni sull'uso dei ventilatori che, contrariamente a quanto si crede, sono da limitare e/o non usarsi in alcune circostanze.
    (fonte azienda USL Bologna, sito Ministero salute)

  • 9 Giugno 2014 | Nuove norme per minori under 14 che viaggiano senza genitori fuori dal Paese vedi

    Dal 4 giugno 2014 sono entrate in vigore le nuove modalità di presentazione della dichiarazione di accompagnamento che va prodotta nel caso in cui un minore di quattordici anni viaggi fuori del Paese di residenza non accompagnato dai genitori o da chi ne fa le veci (art. 14, comma 2 della legge 21 novembre 1967, n.1185). Lo sottolinea una nota della Farnesina.

    La nuova disciplina intende garantire una maggiore tutela del minore, rendere più agevoli i controlli alle frontiere, nonché facilitare la presentazione della dichiarazione mediante l'utilizzo di strumenti telematici (mail, PEC, fax). Oltre all'adozione di moduli unici per l'Italia e per l'estero che saranno disponibili presso Questure e Consolati, è stata prevista la possibilità che i nomi degli accompagnatori, la durata del viaggio e la destinazione siano stampati sul passaporto del minore. In alternativa, gli esercenti la responsabilità genitoriale o tutoria, nel rendere la dichiarazione, possono chiedere che i dati siano riportati in una separata attestazione, che verrà stampata dall'Ufficio competente.

    Nel caso in cui il minore sia affidato ad un ente o ad una compagnia di trasporto, al fine di garantire la completezza e la leggibilità dei dati relativi al viaggio, sarà rilasciata unicamente l'attestazione. Si suggerisce, prima di acquistare il biglietto della compagnia di trasporto, di verificare che il vettore accetti che il minore sia ad esso affidato.

    E' stato inoltre previsto che gli esercenti la responsabilità genitoriale o tutoria indichino fino ad un massimo di due accompagnatori, che saranno tuttavia alternativi fra di loro.
    La validità della dichiarazione di accompagnamento è limitata ad un viaggio (andata oppure andata/ritorno) dal Paese di residenza del minore con destinazione determinata e non può in principio superare il termine di sei mesi.

    Per approfondire: leggi nel sito della Polizia di Stato

    (fonte agenzia DIRE)

  • 9 Giugno 2014 | Sempre più minori non accompagnati. Il doppio dal 2010 vedi

    Nel 2012 sono stati 9.104 i minori non accompagnati presi in carico dai servizi sociali territoriali. Il dato complessivo evidenzia il raddoppio degli arrivi (+98,4%) rispetto al 2010, quando il complesso dei minori arrivati nel nostro Paese ammontava a 4.588.
    Sono alcuni dei dati resi noti dal V Rapporto Anci-Cittalia sui minori stranieri non accompagnati in Italia. Il 55% dei giovani arrivati nel nostro Paese nel 2012 è stato preso in carico da forze dell'ordine, privati e associazioni; il 20,6% da parenti o connazionali e il 9% senza nessun supporto familiare o strutturale.

    - Le provenienze
    Sotto il profilo della provenienza dei minori svettano al 51,1% le provenienze da Bangladesh, Egitto e Afghanistan, seguiti da Albania (8,4% del totale), Tunisia (5,6%), Costa d'Avorio (5,2%), Mali, Marocco, Somalia e Senegal. I minori non accompagnati provenienti dall'Africa sono passati dal 32,6% del 2010 al 42,6% del 2012. Nello stesso anno i Comuni che hanno svolto una maggiore attività sul fronte della prima accoglienza sono stati quelli del Lazio (41%), Puglia (14%) e Sicilia (11,2%).
    Leggi tutto nel sito sociale.emilia-romagna.it
    Il testo del Rapporto ANCI Cittalia
    (fonte emilia romagna sociale)

  • 9 Giugno 2014 | Sportello dei diritti al Centro Bacchelli vedi

    Aperto ai cittadini, a seguito della convenzione sottoscritta con il Quartiere Borgo Panigale e alcune associazioni, lo sportello di informazione e orientamento sui diritti. Il servizio è rivolto a donne, lavoratori stranieri, anziani, consumatori e utenti di servizi. La sede è la sala D del centro polifunzionale Riccardo Bacchelli di via Galeazza 2 a Casteldebole.
    Nella notizia del sito del Comune le associazioni presenti ed i temi su cui è possibile richiedere consulenza e aiuto
    (fonte sito Comune Bologna)

  • 6 Giugno 2014 | Falsi invalidi: la battaglia senza fine sui numeri tra Associazioni e Inps vedi

    Chi segue con regolarità le vicende della costruzione mediatica del "falso invalido" ormai non si stupisce più di niente. Negli anni la grande campagna di lotta ai falsi invalidi avviata nel 2009 dall'allora ministro Tremonti per il tramite di Inps, ha prodotto risultati il cui esito è incerto e campo di dispute continue tra i dati che Inps sforna, le smentite e le controinformazioni della rete delle associazioni, le precisazioni, che spesso danno ragione alle associazioni, di Corte dei Conti e Tribunali amministrativi regionali.

    E' di pochi giorni fa la risposta del sottosegretario Biondelli, con delega alla disabilità, ad una interrogazione in materia dell'On. bolognese Donata Lenzi. Di nuovo la stampa grida al falso invalido (approssimando i dati con eccessi del 20%!!) , di tutt'altro segno il lungo ed articolato documento prodotto dalla Fish (federazione italiana superamento handicap) proprio a partire dai dati che sono stati esposti in Parlamento.
    Per gli "appassionati" della materia molte sono le cose utili e "curiose" che si possono leggere nei documenti che vi alleghiamo.
    A parziale discolpa della stampa va detto che la materia è complicatissima ed ogni dato porta con sè infinite precisazioni che lo rendono con tassi altissimi di relatività. Inoltre se vi avventurerete nei siti si Inps, Istat, Corte dei conti non troverete un dato uguale all'altro, nemmeno nello stesso sito.

    Documenti:
    La stampa quotidiana: Irregolare quasi il 5% dei 2,8 milioni di invalidi italiani (Il Sole 4h)
    Il testo della interrogazione parlamentare e relativa risposta con tabelle di dati
    Il lungo e documentato documento della FISH
    La sentenza del TAR del Lazio a seguito ricorso associazioni
    Il Rapporto 2012 della Corte dei conti sulla attività dell'Inps

  • 6 Giugno 2014 | Le Case Zanardi si presentano alla città vedi

    Frutto di un lungo e complesso lavoro di coprogettazione tra Comune e soggetti del terzo settore, le Case Zanardi, dedicate alla memoria del sindaco Francesco Zanardi, saranno aperte in diversi quartieri della città, divenendo luoghi di riferimento di un programma che realizzerà una serie di interventi di contrasto allo “spreco di lavoro”, allo spreco di beni materiali alimentari e non alimentari e allo “spreco relazionale”.
    Alla presentazione del progetto alla città , in calendario per sabato 14 giugno dalle 9,30 alle 13 presso la sede via Capo di Lucca 37 interverranno anche il Sindaco Virginio Merola e l'Assessore al welfare Amelia Frascaroli.
    Maggiori informazioni si possono trovare nel sito dell'Istituzione inclusione sociale del Comune
    (fonte redazione sportelli sociali)

  • 5 Giugno 2014 | Bologna cares: parte la campagna di comunicazione ed iniziative del progetto SPRAR vedi

    Bologna Cares è la campagna di comunicazione del Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati - SPRAR - del Comune di Bologna. Nel mese di giugno si svolgeranno una serie di iniziative culturali ed eventi cittadini organizzate in occasione della "Giornata mondiale del rifugiato" (20 giugno 2014) riconosciuta a livello universale dal 2001, per sensibilizzare l'opinione pubblica sulle sofferenze degli esuli e sostenere gli sforzi delle organizzazioni impegnate. Tra i primi appuntamenti, un laboratorio di scrittura rivolto sia ai richiedenti asilo ospiti a Bologna, sia ai cittadini italiani.
    Leggi tutto nel sito di Asp Città di Bologna

  • 5 Giugno 2014 | Residenze e centri diurni anziani, dal 1° giugno si cambia vedi

    Dall'1 giugno cambia l'organizzazione delle Case Residenza e dei Centri Diurni Anziani, e Bologna si trova pronta ad applicare la scadenza dettata dalla legge regionale del 2010 e ad affrontare le sfide future di una società con numeri e bisogni crescenti per persone anziane non autosufficienti.  "Mantenendo una prevalenza di offerta pubblica e livelli di servizi superiori alla media regionale, l'obiettivo della riorganizzazione è di allargare la gamma dei servizi e incidere sul carico economico delle famiglie", dichiara soddisfatto l'assessore alla Sanità Luca Rizzo Nervo.

    All'entrata in vigore della legge, che impone una separazione delle strutture pubbliche e di quelle a gestione accreditata e un sistema di accreditamento e controllo in mano pubblica, nelle Case Anziani di Asp lavoravano operatori dipendenti pubblici con operatori di cooperative sociali.  Il percorso di adeguamento ha interessato, sin dal 2010, i servizi di Casa Residenza Anziani e Centro Diurno Anziani a titolarità ASP i quali, al momento dell'entrata in vigore dell'accreditamento, gestivano parte delle proprie strutture o dei propri nuclei ricorrendo ad affidamenti esterni a soggetti della cooperazione sociale. tutto è avvenuto con accordi sindacali che hanno salvaguardato i livelli occupazionali.

    E' stata realizzata la suddivisione dei servizi tra pubblico e privato in modo tale da superare le gestioni miste e realizzare la responsabilità gestionale unitaria del servizio, rispettando il vincolo regionale che prevede che la quota di gestioni dirette da parte di soggetti pubblici non superi i livelli preesistenti all'accreditamento. Tra l'altro Bologna ha il 60% dei servizi in gestione diretta, contro una media regionale del 27%, a conferma di anni di investimenti nei servizi per anziani.

    I servizi di Casa Residenza Anziani che conseguiranno la responsabilità gestionale unitaria a partire dal 31 maggio contano complessivamente 657 posti letto, sui circa 1.400 accreditati a Bologna, e registrano allo stato attuale una retta a carico del cittadino o (in caso di indigenza di questi) del Comune pari a € 52,60 pro capite pro die.
    La riorganizzazione di questi servizi costituisce anche l'occasione per una rivisitazione del sistema tariffario: dal 1 giugno si applicano le nuove tariffe che prevedono la diminuzione di 1 euro per persona al giorno (pari a 30 euro al mese) per 512 posti letto, la cui retta utente giornaliera passerà a € 51,60, mentre rimarrà invariata  a € 52,60 per gli ospiti di altri 145 posti letto (le due strutture Madre Teresa di Calcutta e Lercaro).

    Su tutte le Case Residenze Anziani verrà mantenuto un livello di qualità nei servizi offerti ai cittadini superiore a quello stabilito dall'accreditamento regionale, e di conseguenze le rette, pur calando in gran parte, si manterranno a un livello superiore rispetto allo regionale. Le strutture che mantengono invariata la retta, manterranno al tempo stesso un livello qualitativo di eccellenza, sensibilmente superiore a quello definito dalle norme regionali.
    Le tariffe di queste Case Residenze Anziani saranno mantenute invariate anche per il 2015 indipendentemente da eventuali aumenti che dovesse decidere la Regione.
    (fonte sito Comune Bologna)

  • 5 Giugno 2014 | Convegni e corsi a Bologna (giugno 2014) vedi

    I convegni, i corsi, le conferenze, le presentazioni di libri utili per chi opera nel campo sociosanitario.

    Giovedì 5 giugno
    dibattito "Educare da Zero"
    a cura di Bologna Nidi
    dalle 20.45, sede del Dipartimento di Scienze dell'Educazione, via Filippo Re 6, Bologna

    Venerdì 6 giugno
    proiezione del film "Non è ancora domani". Seguirà un momento di confronto e discussione, con un piccolo aperitivo
    A cura del Centro per le Famiglie di ASP IRIDeS
    Dalle ore19, presso la Cineteca di Bologna, via Azzo Gardino 65, Bologna

    Mercoledì 11 giugno
    "La liberalizzazione dell'obesità" - Seminario nell'ambito del ciclo "Salute globale"
    a cura del Centro studi e ricerche in Salute internazionale e interculturale dell'Università di Bologna
    Dalle 17 alle 19 Aula didattica, Polo Murri - Via Massarenti 9, Bologna

    Giovedì 12 e venerdì 13 giugno
    convegno nazionale "Definire il trauma dell'infanzia"
    a cura di SISST e CISMAI
    dalle 9.30 alle 17.30 e dalle 9.30 alle18, Zanhotel Europa, via Boldrini 11, Bologna

    Giovedì 12 e 19 giugno
    laboratorio di scrittura
    realizzato nell’ambito di Bologna cares! – Progetto SPRAR Bologna (Campagna di comunicazione del Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati - SPRAR - del Comune di Bologna), con la collaborazione di AVoC
    dalle 10 alle 12, Biblioteca Sala Borsa  (Sala studio - Piano ammezzato), piazza del Nettuno, Bologna

    Venerdì 13 giugno
    seminario "La programmazione partecipata per un welfare di comunità"
    a cura dell'Officina del Welfare della Regione Emilia-Romagna
    dalle 9.30 alle13.30, Sala Polivalente “Guido Fanti”, Regione Emilia-Romagna, v.le A. Moro, 50, Bologna

    Venerdì 13 giugno
    incontro "Tra miti antichi e società ipermoderne: il lavoro dell’etnopsichiatria"
    a cura dell'Associazione per la Psicologia interculturale e la convivenza interetnica DIVERSAMENTE con il patrocinio e la collaborazione dell'Istituzione Gian Franco Minguzzi
    dalle 16 alle19, c/o Istituzione Gian Franco Minguzzi, via Sant'Isaia 90, Bologna

    sabato 14 giugno
    presentazione alla città del progetto "Case Zanardi" coordinato dalla Istituzione inclusione sociale del Comune di Bologna
    a cura Comune Bologna
    dalle 9,30 alle 13, via Capo di Lucca 37, Bologna

    Lunedì 16 giugno
    seminario "I numeri e le persone"
    a cura di: Regione Emilia Romagna, Ordine dei giornalisti e Agenzia Redattore sociale
    dalle 9 alle 14, Regione Emilia Romagna, Terza Tore, Sala Conferenze A, v.le della Fiera 8, Bologna

    Martedì 17 giugno
    "Open Sanità", una giornata sui dati aperti
    a cura dell'Agenzia sanitaria e sociale regionale
    dalle 10 alle 18, Regione Emilia-Romagna, Sala A, Terza Torre, viale della Fiera 8 - Bologna

    Mercoledì 18 giugno
    convegno "Dal lavoro delle donne al welfare per le famiglie"
    a cura di IRS (Istituto di Ricerca Sociale)
    dalle 9 alle 13, Unipol Auditorium, piazza della Costituzione 2, Bologna

    Giovedì 19 giugno
    convegno internazionale "Verso un nuovo welfare locale: Buone pratiche e reti di inclusione sociale" (Towards a New Local Welfare: Best Practices and Networks of Social Inclusion)
    a cura del Dipartimento di Sociologia e Diritto dell'Economia - SDE
    dalle 9 alle 19.15, Oratorio San Filippo Neri, via Manzoni 5, Bologna

    19, 20, 21 giugno 2014
    convegno "Costruire comunità ospitali e sostenibili. 10° Convegno Nazionale SIPCO - Società Italiana di Psicologia di Comunità"
    a cura di SIPCO
    dalle 14 del 19/6 alle 13,30 del 21/6, Dip.di Psicologie UniBo, sede di cesena, p.zza A.Moro 90, Cesena (Fc)

    Venerdi 20 giugno
    presentazione del libro “Mettiamo le parole in tavola”. Suggestioni teoriche e metodologiche del lavoro socio-educativo con donne rifugiate
    realizzato nell’ambito di Bologna cares! – Progetto SPRAR Bologna (Campagna di comunicazione del Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati - SPRAR - del Comune di Bologna)
    dalle 16.30, Biblioteca Sala Borsa - Saletta incontri, piazza del Nettuno, Bologna

    Venerdì 20 giugno
    "Il violino del Titanic": spettacolo teatrale a cura della Compagnia Cantieri Meticci
    realizzato nell’ambito di Bologna cares! – Progetto SPRAR Bologna (Campagna di comunicazione del Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati - SPRAR - del comune di Bologna)
    dalle 18, Biblioteca SalaBorsa – auditorium “Enzo Biagi”, piazza del Nettuno, Bologna

    Sabato 21 giugno
    convegno "L'Italia e il sistema europeo comune di asilo" (politiche di asilo in Europa e il sistema di accoglienza in Italia e a Bologna)
    realizzato nell’ambito di Bologna Cares! – Progetto SPRAR Bologna (Campagna di comunicazione del Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati - SPRAR - del Comune di Bologna)
    dalle 9 alle 14, Biblioteca Sala Borsa - auditorium “Enzo Biagi”, piazza del Nettuno, Bologna

    Fino al 21 giugno
    "Come il Titanic: diario a fumetti di un affondamento" - Esposizione di fumetti ispirate a storie di rifugiati
    realizzato nell’ambito di Bologna Cares! – Progetto SPRAR Bologna (Campagna di comunicazione del Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati - SPRAR - del comune di Bologna)
    Biblioteca Sala Borsa - auditorium “Enzo Biagi”, piazza del Nettuno, Bologna

    Dal 21 giugno al 21 luglio
    "Snapshots from the border" - Esposizione fotografica sull’accoglienza dei richiedenti asilo in zone di confine di Italia, Malta e Ungheria.
    realizzato nell’ambito di Bologna cares! – Progetto SPRAR Bologna (Campagna di comunicazione del Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati - SPRAR - del comune di Bologna)
    Biblioteca Salaborsa, piazza Nettuno 3, Bologna

    Lunedì 23 giugno
    seminario "Reti per l'Integrazione - Insegnamento, apprendimento e valutazione in Italiano L2"
    progetto confinanziato da Unione Europea - Fondo europeo per l'integrazione di cittadini di paesi terzi e Ministero dell'Interno, Provincia di Bologna, CEFAL, Regione Emilia-Romagna
    dalle 14 presso il Centro Interculturale "Massimo Zonarelli" (sala Polivalente), via Sacco 14, Bologna

    Mercoledì 25 giugno
    conferenza "Il disagio giovanile: nuove strategie di intervento"
    l'appuntamento è  inserito nella programmazione degli eventi del Bologna Pride 2014 con il patrocinio del Comune di Bologna e della Provincia di Bologna
    dalle 16 presso la Sala Auditorium Biagi - Sala Borsa, piazza del Nettuno 3, Bologna

    mercoledì 25 giugno
    presentazione del volume  e della mostra "Senza la memoria" (S.Martinetto)
    a cura Istituzione Minguzzi
    alle 17,30, Biblioteca della Salute Mentale e delle Scienze Umane "Minguzzi-Gentili" Via Sant'Isaia 90, Bologna

    Mercoledì 25 giugno
    seminario "Nuove Sfide per la formazione in salute, tra micropolitiche e spazi globali"
    a cura del Centro studi e ricerche in Salute internazionale e interculturale dell'Università di Bologna
    dalle 17 alle 19, Aula didattica Polo Murri, via Massarenti 9, Bologna

    Giovedì 26 - venerdì 27 giugno
    presentazione "Illuminiamo la salute. Una Rete Nazionale per l’Integrità"
    a cura di Libera, Avviso Pubblico, Coripe Piemonte, Associazione Gruppo Abele Onlus
    dalle 8.30 alle 18.30, Sala Vittorio, Camera del Lavoro, Via Marconi 67/2, Bologna

    26 (pomeriggio) e 27 (mattina) giugno 2014
    seminario "Percorsi di formazione e di accoglienza a favore dei Minori stranieri non accompagnati"
    a cura Provincia di Bologna
    dalle 14,30 del 26/6 alle 13 del 27/6, sede Provincia di Bologna, via Zamboni 13, Bologna

    venerdì 27 giugno
    seminario "Vita indipendente: percorsi e strumenti realistici in un periodo di crisi"
    a cura SIDIMA Società italiana disability manager
    dalle 9 alle 17, Polo Formativo AUSL c/o Ospedale Vecchio, Padiglione 14, Aula A, Via Saffi 77, Imola (Bo)

    venerdì 27 giugno
    seminario "Accompagnare le persone disabili alla terza età"
    a cura di CADIAI
    dalle 8,30 alle 13, Palazzo Isolani, via S.Stefano 16, Bologna

  • 5 Giugno 2014 | Estate 2014, ripartono le iniziative contro i disagi del caldo vedi

    Come ogni anno, da metà giugno a metà settembre, ripartono le iniziative per limitare i danni delle cosiddette ondate di calore, soprattutto per la parte più fragile della popolazione come anziani, malati, bambini.
    La rete territoriale di Comune, Azienda USL, Protezione civile, servizi sociali dei Q.ri, Cup2000, Farmacie, associazioni di volontariato, Parrocchie,  mette a disposizione interventi ed azioni diversificate come informazioni telefoniche, assistenza domiciliare, consegna a casa della spesa e di farmaci.
    Anche l'Arpa, l'agenzia regionale per l'ambiente, ha ricominciato a diramare i propri bollettini dcon le previsioni per i 3 gg successivi.
    Tutte le informazioni nella scheda del sito degli sportelli sociali dove si possono scaricare anche ulteriori utili informazioni (link a domande ricorrenti e ad opuscoli).
    ...e se avete cani e gatti ecco i consigli anche per loro
    (fonte redazione sportello sociale)

  • 3 Giugno 2014 | Dal 10 giugno si unificano anche gli sportelli sociali di Porto e Saragozza vedi

    Dal 10 giugno si unificano anche gli sportelli sociali dei Quartieri Porto e Saragozza presso la sede di via della Grada 2/2.  Da tale data non sarà pertanto più operativa la sede di via Pier dè Crescenzi 14.
    Invariato rimane l'orario di apertura: martedì e giovedì dalle 8,15 alle 17.30.  Il telefono dello sportello è lo 051/6498421-31.
    (fonte Iperbole)

  • 30 Maggio 2014 | 31 maggio 2014: giornata regionale del Caregiver vedi

    Si calcola che in tutta le regione siano circa 280mila: sono i Caregiver, coloro che “si prendono cura” di un famigliare malato, non autosufficiente, non in grado di provveder a sé.
    Sono sempre esistiti, fa parte dei doveri e delle necessità di cura nelle famiglie, ma dal mese di marzo di quest'anno la figura del Caregiver è oggetto di un riconoscimento ufficiale con la legge regionale 2/2014.

    La rete dei servi pubblici nel tempo ha sempre più cercato di sostenere questo impegno e di integrarlo dentro una logica a rete di servizi che coinvolga Pubbliche amministrazioni, terzo settore, famiglie; ora la legge approvata a marzo riconosce questa figura come elemento della rete dei servizi territoriali e mette in campo tutta una serie di risorse ed opportunità per sostenerne l'attività e la collaborazione con i servizi pubblici e le iniziative del volontariato.

    Tra le novità di maggior rilievo che si avvieranno nel tempo segnaliamo:
    - attività di formazione e di supporto informativo
    - possibilità di accedere a forme assicurative agevolate in tema di infortuni e responsabilità civile
    - promozione di accordi con le associazioni datoriali per conciliare lavoro e attività di cura
    - sostegno psicologico anche attraverso le forme dell'auto mutuo aiuto
    - possibilità di ottenere a domicilio le visite specialistiche in caso di intrasportabilità del congiunto
    - possibilità di avere periodi di sospensione dal lavoro di cura programmati o legati ad emergenze
    - possibilità di partecipare alla programmazione degli interventi e alla loro verifica
    - possibilità di concorrere, in forma associata, alla programmazione dei servizi territoriali
    - riconoscimento del lavoro svolto e delle competenza maturate sotto forma di crediti formativi, anche ai fini dell'accesso a corsi di formazione per figure sociosanitarie

    La legge prevede anche che ogni ultimo sabato di maggio si realizzino attività per promuovere questa figura e il dibattito sulle sue esigenze, all'interno di una Giornata regionale del Caregiver che quest'anno si svolge a Carpi (Mo) dal 28 al 31 maggio.

    Anche il Comune di Bologna, l'Asp città di Bologna e l'Azienda USL aderiscono alla giornata regionale del Caregiver e lo fanno ricordando le molte iniziative attivate da tempo che vanno già nel senso del sostegno al lavoro di cura dei famigliari, soprattutto nel campo dei servizi relativi alla domiciliarità, nelle iniziative di auto mutuo aiuto, nelle esperienze dei Caffè Alzheimer.

    Per approfondire:
    La scheda informativa prodotta da Comune, Asp, Azienda USL.


    La legge regionale 2/2014  "Norme per il riconoscimento ed il sostegno del Caregiver famigliare"
    Il sito regionale sui caregiver
    Il sito della Giornata del Caregiver 2014

  • 19 Maggio 2014 | Sportelli sociali 2013: principali dati e rapporto sulle attività di informazione vedi

    Dopo il calo registrato nel 2012 (-2,7%) dovuto in larga misura alla apertura del Servizio sociale e bassa soglia che accoglie le persone adulte in difficoltà non residenti, si chiudono con un segno più (+ 7,1%) i dati degli Sportelli sociali nell'anno 2013. Trattandosi di sportelli sociali è ovviamente difficile fare bilanci sui segni più e sui segni meno perchè i dati tengono inscindibilmente insieme la presenza di problematiche, a volte molto difficili e dolorose, dei cittadini e comunque una capacità di risposta dei servizi, un luogo dove queste problematiche possono essere rappresentate, una
    organizzazione che fornisce orientamento, informazioni, opportunità.

    24.514 sono stati i contatti ai 10 sportelli di quartiere nel 2013 a cui corrispondono ovviamente un numero di singole persone inferiore che si sono rivolte una o più volte agli sportelli per richieste relative a sè medesimi o a parenti/conoscenti in una qualche situazione di difficoltà (nel 2012 il dato era questo: ogni 100 contatti -> 85 diverse persone -> 73 diversi utenti in situazione di bisogno).
    Da quando hanno aperto, ottobre 2008, gli sportelli sociali hanno complessivamente avuto oltre 112.000 contatti diretti a sportello (per 3/4 di persona, i rimanenti via telefono o mail) oltre agli accessi via web sul sito e ai contatti informativi realizzati dall'invio delle newsletter.

    Tipologie di utenza

    Circa le tipologie di utenza scompare, con la nuova organizzazione nella raccolta del dato, la voce immigrazione che era comunque irrilevante negli anni scorsi (0,2%). Per i restanti target di utenza rimane costante l'accesso relativo alle problematiche degli anziani che è quello maggioritario (42,3%), cresce significativamente (+3,3%), tendenza già in atto dall'anno scorso, l'accesso relativo alle famiglie con minori che sono seconde in classifica (32,9%) e precedono l'accesso relativo agli adulti in situazione di difficoltà che calano del 2,2% e rimangono terzi in classifica (22,4% sul totale accessi). Rimane costante l'accesso del target disabili al 2,4% ricordando che i servizi per questa fascia di utenza sono gestiti dall'Asl (Neuropsichiatria, USSI-Disabili adulti) ad accesso diretto presso l'Azienda sanitaria.

    Leggi il rapporto completo nel file allegato

  • 19 Maggio 2014 | Vacanze disabili 2014: al via dal 3 giugno il secondo bando per soggiorni realizzati autonomamente vedi

    Potranno essere presentate dal 3 al 25 giugno p.v. presso gli Sportelli sociali le domande di contributo legate al secondo Bando vacanze promosso dal Comune.
    Le domande sono riferite a soggiorni organizzati autonomamente dalla persona disabile, da sola o col nucleo famigliare.
    Possono accedere (ad esclusione di coloro che hanno già ricevuto il contributo sul Bando 1 per soggiorni collettivi, scaduto in aprile) le persone disabili residenti a Bologna, con invalidità civile superiore al 66% o con certificazione di handicap legge 104/92 e che abbiamo un ISEE personale o un "ISEE estratto" (da quello eventuale del nucleo famigliare di appartenenza) pari o inferiore a euro 8.000.
    Sarà necessario conservare ai fini dell'eventuale contributo la documentazione valida ai fini fiscali comprovante le spese di soggiorno (alberghi, affitto di appartamenti) e di viaggio,
    La modulistica, i criteri di definizione della graduatoria ed ogni altra informazione potrà essere reperita nella apposita scheda nel sito degli Sportelli sociali.

  • 15 Maggio 2014 | L'ambulatorio medico di Sokos, aperto a chi non può accedere al Ssn, cambia sede vedi

    Dal 19 maggio 2014 l’ambulatorio SOKOS si trasferisce in via Gorki 12, zona Corticella. L’ambulatorio SOKOS è gestito dall’omonima associazione che nasce a Bologna nel 1993, su iniziativa di un gruppo di volontari  che prestano la propria opera gratuitamente,  fornendo cure, assistenza, protezione e tutela alle persone che non possono o non riescono ad accedere al Sistema Sanitario Nazionale. Sokos offre visite di medicina di base e specialistiche, tra cui ginecologia, dermatologia, fisiatria, psicologia, neurologia, psichiatria, nefrologia, ortopedia, chirurgia vascolare.
    Il sito di Sokos

  • 14 Maggio 2014 | Governo: linee guida per la riforma del terzo settore vedi

    Il premier Matteo Renzi via Twitter ha annunciato la pubblicazione on line delle “Linee guida per una Riforma del Terzo settore”. E lancia la consultazione tra i cittadini. Durata, un mese, sulla falsariga di quella avviata nei giorni scorsi per mettere in campo la riforma della Pubblica amministrazione.
    Nel testo reso noto nel sito ci sono la riforma di una parte del Codice civile, l’aggiornamento della legge sul Volontariato e di quella sulle Associazioni di promozione sociale, viene ripristinata l’Authority per il terzo settore, e soprattutto viene potenziato e rivisto il meccanismo del 5 per mille (che tra l’altro non avrà più un tetto massimo di spesa), riordinate ed ampliate le varie forme di fiscalità di vantaggio, e quindi separate nettamente le attività istituzionali da quelle a carattere economico.  
    Per i giovani nasce un nuovo modello di servizio civile “per la difesa della Patria”, il Servizio civile nazionale universale, da affiancare al servizio militare. Sarà aperto anche agli stranieri e per il primo triennio potrà interessare sino a 100 mila giovani di età compresa tra i 18 ed i 29 anni che verranno impegnati per un periodo di 8 mesi, prorogabili eventualmente per altri quattro.
    Leggi tutto su La Stampa

    Documentazione
    Linee guida per una Riforma del Terzo Settore


    Commenti
    Repubblica
    Commento di Giovanni Moro
    Blog di Carlo Clericetti
    Il Giornale
    Settimanale Vita (vari articoli)
    Il Sole 24h
    Parere del forum terzo settore
    Parere della Fish fed.italiana superamento handicap
    Sito Labsus Laboratorio per la sussidiarietà
    Cittadinanza attiva: luci ed ombrev della riforma

    [aggiornamento del 30/5/14] Intanto,  a quasi tre settimane dal lancio gran parte del terzo settore non ha ancora letto con attenzione il documento del Governo con le ipotesi di riforma.

  • 14 Maggio 2014 | Rassegna cinematografica "AgroDolce" vedi

    Nell'ambito delle iniziative per celebrare il proprio ventennale, Àncora Servizi organizza la Rassegna cinematografica "AgroDolce":5 film a ingresso gratuito a tema sociale per sensibilizzare e riflettere su disabilità, anzianità, fragilità e sociale con la giusta dose di ironia.
    Le proiezioni si svolgeranno presso il Nuovo cinema Nosadella, Sala Berti Via Lodovico Berti 2/7
    La programmazione:
    Quasi Amici - 12 maggio
    Il lato positivo - 19 maggio
    Marigold Hotel -  26 maggio
    Quartet - 6 ottobre
    Si può fare -  13 ottobre
    Per info e prenotazione biglietti: 051/6370205 oppure scrivi una mail a: comunicazione@ancoraservizi.it
    Ingresso gratuito fino ad esaurimento posti.
    Approfondisci

  • 14 Maggio 2014 | SpM3. Le Guide di E-R Consumatori: si parte con i progetti Last Minute Market vedi

    L'identikit e il modello Last Minute Market, le iniziative svolte negli anni in collaborazione la con la Regione Emilia-Romagna, l'Osservatorio nazionale contro gli sprechi e i progetti "Ancora utili" e "Farmaco amico". Questi, e altri approfondimenti utili, nella Guida LMM, la prima di E-R Consumatori.
    Le prossime Guide saranno dedicate alle "Agenzie turistiche sicure", ai progetti della Regione relativi alla riqualificazione dei centri storici e all'accessibilità nelle strutture turistiche dell'Emilia-Romagna.
    Leggi tutto e scarica la Guida
    (fonte newsletter regione E.Romagna)

    SpM3, che sta per spendere meno, spendere mai, spendere meglio, è l'acronimo che nel nostro sito usiamo per indicare quelle notizie che, nel tempo della crisi, vogliono mettere l'accento non solo sulle risorse (contributi, card, bonus...) per, appunto, spendere meno o non spendere, ma anche sulla esigenza di riflettere sui nostri stili di vita e vedere anche se possiamo spendere meglio avendo attenzione, dentro la nostra personale economia (oikonomia= amministrazione delle cose domestiche), ai temi del riciclo, del riuso, dello spreco alimentare, delle fonti energetiche...

  • 14 Maggio 2014 | Festival Porte aperte 2014: dal 17 al 28 maggio vedi

    Porte Aperte è il festival delle strutture e dei servizi di accoglienza di Bologna. Un festival che nasce da un percorso volto a coinvolgere e mettere in relazione sia gli ospiti delle strutture che gli operatori e la cittadinanza.
    Laboratori artistici e formativi, attività sportive e associative, “emergono” dai luoghi dell’accoglienza per farsi conoscere e coinvolgere anche chi abitualmente non vive questi spazi.
    Per poco più di una settimana all’anno, infatti, le strutture di accoglienza si aprono alla cittadinanza con eventi, spettacoli, occasioni di approfondimento culturale e iniziative di carattere sociale.
    Il festival è promosso dall'associazione Naufragi in collaborazione con numerose istituzioni e realtà del territorio bolognese impegnate quotidianamente nel contrasto all'esclusione sociale.
    Tema del festival 2014 è "La lotta allo spreco e la valorizzazione delle risorse", una lotta rivolta non solo allo spreco materiale ma anche soprattutto allo spreco relazionale che fa delle persone individui isolati privi di un senso di appartenenza ad una comunità
    Il programma del festival

  • 7 Maggio 2014 | Convegni e corsi a Bologna (maggio 2014) vedi

    I convegni, i corsi, le conferenze, le presentazioni di libri utili per chi opera nel campo sociosanitario

    mercoledì 7 maggio
    seminario "Conoscere il carcere e la pena: l'umanizzazione della pena"
    am cura UniBo e Comune Bologna
    dalle ore 15 alle 18, Dipartimento di Scienze dell’Educazione aula magna, via Filippo Re 6, Bologna

    venerdì 9 maggio
    incontro "Presentazione del 9° Censimento dell’industria, dei servizi e delle istituzioni non profit"
    a cura di ISTAT
    ore 10.30,  Sala Topazio di Palazzo degli Affari, piazza della Costituzione 8, Bologna

    venerdì 9 e sabato 10 maggio
    convegno "Disabilità e adolescenza"
    dalle 8,30 alle 16,30 e dalle 8,30 alle 14, Cantine Bollini via Palestro 32, castel S.Pietro terme4 (Bo)

    da venerdì 9 a domenica 18 maggio
    Festival Human nights rights
    vari eventi

    sabato 10 maggio
    laboratorio partecipato "EcoSolBo. Come costruire una economia solidale che metta al centro le persone e non il profitto"
    a cura di EcoSolBo
    dalle 9,30 alle 17,30, Labas, ex caserma Masini, via Orfeo 46, Bologna

    lunedì 12 maggio
    seminario "Ricerca e formazione per promuovere la salute mentale"
    a cura di Istituzione Minguzzi
    dalle 14,00 alle 17,30, Aula Magna Dipartimento di Psicologia, Viale Carlo Berti Pichat 5, Bologna

    lunedì 12 maggio
    presentazione della ricerca "Allontanamento e prevenzione: ricerca azione sull’appropriatezza degli allontanamenti dei minori"
    a cura di CISMAI, Regione E.Romagna
    dalle 8,30 alle 13,30, Regione E.Romagna, sala Guido Fanti, v.le A.Moro 50, Bologna

    venerdì 16 maggio
    convegno " "Con i dati si puo....I sistemi informativi a supporto del Welfare"
    a cura Regione E.Romagna
    dalle 9,30 alle 13, Sala A - Terza Torre Regione,  Viale della Fiera 8, Bologna

    venerdì 16 maggio
    seminario "Dall'individuo all'individuo nelle relazioni. Alol'interno deol sistemna famiglia: una ricerca che non è finita"
    a cura  Ist.terapia famigliare Bologna
    dalle 9 alle 18, Hotel Savoia Regency, Via del Pilastro 2,  Bologna

    sabato 17 maggio
    assemblea nazionale associazione Antigone "Droghe oltre il proibizionismo"
    a cura Ass.Antigone
    dalle 10 alle 14, Università di Bologna, Scuola di Psicologia e Scienze della Formazione (aula magna), Via Filippo Re 6, Bologna

    Sabato 17 maggio  
    convegno "Una sempre più prepotente urgenza" (convegno alla Casa Circondariale Dozza di Bologna sui temi del sistema penitenziario)
    a cura Ass.radicali Bologna (è necessariio accreditarsi per accedere)
    dalle 9,30 alle 17, Casa Circondariale Dozza di Bologna, via della Dozza, Bologna

    sabato 17 maggio
    convegno "Il domani arriva veloce: l’educazione delle persone con autismo dal nido alla scuola superiore"
    a cura di ANGSA, Ufficio Scolastico Regionale dell' Emilia Romagna, Lions club
    dalle 8,30 alle 18, Teatro Duse, via Cartoleria 42, Bologna

    lunedì 19 maggio
    presentazione del volume "Gli utenti alcolisti della rete FICT, analisi ed esperienze a confronto"
    a cura di Fare rete contro l'alcolismo (Ceis, Fict, Pettirosso)
    dalle 9 alle 13, Baraccano sala Marco Biagi, via S.Stefano 119, Bologna

    lunedì 19 maggio
    presentazione del volume "Impossibili possibilità. Intrecci di normalità, disabilità, creatività"
    a cura di Fanep
    alle ore 18, aula sotterraneo, Clinica pediatrica Policlinico S.Orsola Malpighi, via Massarenti 11, Bologna

    martedì 20 maggio
    seminario "Interventi terapeutici in strada"
    a cura di Consultorio Augusta Pini, Asp IRIDES
    dalle 9,00 alle 17,00, Aula Magna S. Cristina, piazzetta Morandi 2, Bologna

    mercoledì 21 maggio
    conferenza "Bullismo: c'è sotto qualcosa"
    a cura Q.re S.Stefano
    ore 19, Sala Prof. Marco Biagi, Via Santo Stefano 119, Bologna

    mercoledì 21 maggio
    seminario "Servizi in rete per l'adattamento  domestico. 10 anni di esperienze e innovazioni in Emilia Romagna"
    a cura rete CAAD E.Romagna
    dalle 14,30 alle 16,30, nell'ambito di ExpoSanità, Fiera di Bologna

    mercoledì 21 maggio
    seminario "Buone pratiche europee di supporto a giovani con responsabilità di cura"
    a cura Lega Coop
    dalle 10 alle 14, Torre Legacoop, Viale Aldo Moro 16, Bologna

    martedì 20 maggio
    incontro "Assistenza sanitaria: ruolo del volontariato tra SSN e l'emarginazione sociale"
    a cura di Gruppo Prometeo
    dalle 19 alle 21, Aula Magna Padiglione Nuove Patologie, Ospedale Sant'Orsola, via Massarenti 11, Bologna

    mercoledì 21 maggio
    incontro "Verso il nuovo rapporto sociale Giovani Generazioni"
    a cura Regione E.Romagna
    dalle 9,30 alle 14,30,  Sala Poggioli, viale della Fiera 8 (Terza Torre, piano terra), Bologna

    giovedì 22 maggio
    seminario "Ai confini della domiciliarità: domotica, localizzazione, mobilità, servizi innovativi, integrazione fra tecnologie"
    a cura di CRA e CAAD Bologna
    dalle 9,30 alle 13,30, nell'ambito di ExpoSanità, Fiera di Bologna

    giovedì 22 maggio (e altre 3 date)
    corso di formazione "Servizio sociale e anziani"
    a cura di IPSSER
    alle ore 9,00, via Riva di Reno 57, Bologna

    giovedì 22 maggio
    convegno "Dal coma alla comunità: l'esperienza della Casa dei risvegli"
    Nell'ambito di Exposanità 2014,  a cura di Ass.amici di Luca
    dalle 14,30 alle 18,30, Sala Verdi - centro servizi (piano terra), Fiera di Bologna

    venerdì 23 maggio
    seminario "Ascoltare con gli occhi: le esigenze abitative delle persone con disabilità uditive e soluzioni di accessibilità"
    a cura di CRIBA.
    dalle 9 alle 13,30, nell'ambito di ExpoSanità, Fiera di Bologna

    venerdì 23 maggio
    seminario "Anziani e tecnologie: Tecnologie multimediali, ausili e servizi come strumenti per persone anziane in condizione di fragilità o non autosufficienza".
    a cura di GLIC rete italiana dei Centri Ausili Tecnologici.
    dalle 14 alle 16,30, nell'ambito di ExpoSanità, Fiera di Bologna

    sabato 24 maggio 2014
    seminario "Integrazione scolastica degli studenti con disabilità"
    a cura Ufficio Scolastico Regionale dell'Emilia Romagna, FAND, FISH
    alle ore 9.30, presso l'Aula Magna IIS "Belluzzi" , via Cassini 3, Bologna

    lunedì 26 maggio
    seminario "faremicrocredito.it, lo sviluppo del potenziale del Microcredito attraverso il Social Business in Italia"
    a cura Fondazione Grameen Italia
    dalle 9 alle 19, Aula dei Poeti, Scuola di
    Scienze Politiche, in Strada Maggiore 45, Bologna

    mercoledì 28 maggio
    conferenza "Dipendenza e dipendenze"
    a cura Q.re S.Stefano
    alle ore 18,30, Sala Prof. Marco Biagi, Via Santo Stefano 119, Bologna

    mercoledì 28 maggio
    seminario "Neomaggiorenni al lavoro. Percorsi di rete per l'avvio all'autonomia"
    a cura Regione E.Romagna
    dalle 14,30 alle 18,30, Teerza torre Regione E.Romagna, sala A, via della Fiera 8, Bologna

    giovedì 29 maggio
    seminario "Prevenzione e riconoscimento precoce della non autosufficienza"
    a cura Az.Usl Bologna, Comune Bologna
    dalle 9 alle 13, aula Cesari, Centro Avis, Ospedale Maggiore, l.go NIgrisoli, Bologna

     

  • 7 Maggio 2014 | Adattamento domestico: 5 appuntamenti ad Exposanità vedi

    Si svolgerà a Bologna dal 21 al 24 maggio 2014 Exposanità, la manifestazione fieristica italiana dedicata ai temi della sanità e dell’assistenza. Nell'ambito dell'evento sono ben cinque gli appuntamnenti dedicati ai temi legati all'adattamento domestico.

    mercoledì 21 maggio
    - Servizi in rete per l'adattamento domestico. 10 anni di esperienze e innovazioni in Emilia Romagna, promopsso dalla rete dei CAAD dell'E.Romagna
    giovedì 22 maggio
    - Ai confini della domiciliarità: domotica, localizzazione, mobilità, servizi innovativi, integrazione fra tecnologie, promosso da CRA e CAAD Bologna
    - Il nuovo ambiente bagno: accessibilità, benessere, design, promosso da ASSIABO
    venerdì 23 maggio
    - Ascoltare con gli occhi: le esigenze abitative delle persone con disabilità uditive e soluzioni di accessibilità, promosso da CRIBA
    - Anziani e tecnologie: Tecnologie multimediali, ausili e servizi come strumenti per persone anziane in condizione di fragilità o non autosufficienza, promosso da GLIC
    Tutte le informazioni su questi seminari sono reperibili nel sito della rete dei CAAD dell'E.Romagna

  • 30 Aprile 2014 | A Bologna la cittadinanza attiva entra in Comune vedi

    Abbiamo già dato nelle scorse settimane notizia di come Bologna abbia adottato il “Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani" che consentirà a cittadini e associazioni di farsi meglio carico di attività e progetti nel campo dei servizi e della cura della città, nell'ottica di dare un forte impulso all’attuazione dell’articolo 118 della Costituzione nella parte in cui recita che gli enti locali devono sostenere i cittadini che promuovono iniziative di interesse generale.
    Su questi temi il Sindaco Virginio Merola ha rilasciato una intervista al settimanale Vita.
    L'intervista di Stefano Arduini su vita.it
    (fonte vita.it)

  • 30 Aprile 2014 | E.Romagna: programma triennale 2014/16 per l'integrazione dei cittadini stranieri vedi

    L’Assemblea legislativa dell'Emilia-Romagna ha approvato il Programma triennale per l’integrazione degli stranieri. Il Programma individua quattro obiettivi strategici:
    - inclusione
    - equità e diritti
    - cittadinanza
    - antidiscriminazione
    Tre le azioni prioritarie che possono contribuire, in una logica intersettoriale, al raggiungimento degli obiettivi
    strategici:
    - la promozione e il coordinamento in ambito locale delle iniziative per l’apprendimento e l’alfabetizzazione alla lingua italiana
    - la mediazione e la formazione culturale
    - l’informazione e la conoscenza diffusa dei diritti e dei doveri connessi alla condizione di cittadino straniero
    Leggi tutto su sociale emilia romagna
    Presentazioni video:
    http://www.youtube.com/watch?v=h0FCbhmMe_o
    https://www.youtube.com/watch?v=TkRq5reFbog
    (fonte newsletter sociale emilia romagna)

  • 30 Aprile 2014 | Elezioni europee del 25 maggio 2014 vedi

    Nel sito del Comune di Bologna tutte le indicazioni relative alle facilitazioni per le operazioni di voto per le persone
    disabili: seggi senza barriere, voto assistito, voto domiciliare, trasporti, voto in ospedali e case di cura.
    Saranno attivi anche servizi di trasporto ad hoc.
    (fonte sito Comune Bologna)

  • 30 Aprile 2014 | Primo maggio. Aumenta la disoccupazione delle persone disabili: +30% in 5 anni, molti gli under 25 vedi

    Sono poco più di 10 mila i lavoratori disabili iscritti al collocamento mirato in provincia di Bologna nel 2013, erano 9.200 nel 2012 e 6.900 nel 2008. In 5 anni sono cresciuti del 30%, un aumento più contenuto rispetto a quello dei disoccupati ordinari, raddoppiati tra il 2008 e il 2013 (da 41 mila a 92 mila circa). Tra di loro, sono molti gli over 45 ma cresce il numero degli under 25. “Un fenomeno nuovo – racconta Claudia Romano, responsabile dell’unità operativa Inserimento lavorativo disabili della Provincia – in genere, tra i giovani che transitano dalla formazione professionale quelli gravissimi entrano in percorsi riabilitativi, mentre gli altri vengono collocati.
    Oggi, invece, sono presenti nelle liste del collocamento mirato anche giovani con disabilità non gravissime”. Cresce anche il numero degli stranieri (707 nel 2012 rispetto ai 279 del 2008), soprattutto uomini.

    Ma cambia anche la rappresentazione della disabilità: oltre ai disabili sensoriali, motori o cognitivi, sono presenti – anche se non in numero consistente – persone con patologie cardiache, tumorali, autoimmuni come la sclerosi multipla, persone con disabilità acquisite in seguito a ictus o incidenti stradali. “Grazie alle terapie, queste persone riescono a fare una vita normale e hanno bisogno di un lavoro”, dice Romano. Tra gli iscritti anche persone con situazioni non critiche e professionalità consistenti che, “in altri tempi avrebbero trovato lavoro da sole, ma a cui, oggi, il verbale di invalidità dà una chance in più”.

    Sempre più disoccupati, sempre meno posti. Nei primi anni di applicazione della legge 68/1999 il problema era qualitativo, oggi c’è carenza effettiva di posti: 400 per 10 mila persone. “All’inizio c’era una situazione di sostanziale piena occupazione, gli iscritti erano 3 mila e altrettanti i posti – spiega Romano – ma le aziende cercavano operai specializzati, tornitori, saldatori e non erano in molti a poter ricoprire quei posti: noi ci siamo dedicati a ridimensionare le aspettative delle imprese e ad accrescere le competenze dei disabili”. Quegli anni sono stati favorevoli dal punto di vista produttivo, si era, infatti, in una fase di espansione e fino al 2008/2009, l’obbligo di assunzione dei disabili ha rappresentato una sorta di ‘paracadute’. Gli inserimenti, infatti, sono stati tantissimi, circa 7/8 mila. “Abbiamo riempito i posti scoperti, ma una volta che l’azienda assolve all’obbligo di assunzione dei disabili, quel posto non c’è più. Negli anni, quindi, sono diminuiti i posti e le posizioni favorevoli da occupare”, afferma Romano. Poi è arrivata la crisi e molte imprese hanno chiuso. Inoltre, l’obbligo previsto dalla 68 viene sospeso per tutto il periodo di applicazione di ammortizzatori sociali, come la cassa integrazione straordinaria, la mobilità o i contratti di solidarietà. “Il fenomeno è enorme, tanto che sono pochissime le aziende scoperte”.

    Anche le tipologie di lavoro sono cambiate. “Non ci sono pù i ‘lavorini’, le attività esecutive e ripetitive come fare le fotocopie o sistemare la merce sugli scaffali dei negozi, anche le pulizie sono esternalizzate a ditte che fanno orari incompatibili con persone che hanno caratteristiche di un certo tipo – continua – La flessibilità poi non aiuta chi, ad esempio, ha una patologia psichiatrica o cognitiva che trova equilibrio nella continuità”.

    Il dato positivo è che il numero degli inserimenti lavorativi non è in calo, ma si attesta sui circa 400 all’anno. L’andamento è fluttuante: nel 2008 sono stati 582, 450 nel 2009, 477 nel 2010, 608 nel 2011, 554 nel 2012 e 572 nel 2013. “La maggior parte sono mutuati da noi – conclude Romano – Nonostante il disastro, riusciamo a tenere nei numeri e a spingere le aziende a fare il proprio dovere”. Anche se, al contrario degli anni scorsi, sempre più spesso attraverso contratti a tempo determinato (80% dei casi) e rapporti di lavoro precario. (lp)
    (fonte agenzia stampa redattoresociale)

  • 29 Aprile 2014 | Human Rights Night, XIV Edizione, Bologna 9-18 maggio 2014 vedi

    Human Rights Nights è dedicato quest’anno alle Nuove Povertà. Il Festival approfondirà i temi dei diritti negati, della dignità alla vita, dei doveri e responsabilità, del benessere e felicità, del diritto alla cultura e alla cittadinanza.
    La spirale di povertà creata dall’insicurezza finanziaria e dalla crisi alimenta l’incertezza dei diritti al lavoro, alla casa ed alla salute pubblica. La dignità alla vita perde importanza mentre aumentano disagio, violenza, dipendenze. Le istituzioni divengono sempre più inadeguate nella cura della comunità, mentre si diffondono solidarietà e impegno nella società attraverso il terzo settore e il volontariato. Nascono così, lotta allo spreco, decrescita felice, orti urbani, riciclo e recupero degli spazi, e si misura la qualità della vita non più solo con il PIL - Prodotto Interno Lordo, ma anche con il GNH - Gross National Happiness / Felicità Nazionale Lorda. Il diritto alla cultura, all’istruzione e alla cittadinanza diventano fondamentali, così come la pluralità culturale e la diversità.
    Human Rights Nights attraverso un ricco programma di cinema, arte, musica, sport, diventa espressione della pluralità creativa ed etica della nostra contemporaneità, in un’ottica di resistenza positiva.
    Il programma del Festival

  • 17 Aprile 2014 | Anche alla nuova Asp le clausole sociali negli appalti vedi

    Per favorire l'inserimento lavorativo e l'occupazione delle persone situazione di difficoltà o in condizione di svantaggio, l'Asp di Bologna ha deciso di adeguarsi ai principi del Regolamento adottato dal Comune di Bologna per le procedure contrattuali. E dunque di dare una chance occupazionale a piu' 'figure', come i detenuti, i disabili, gli ultracinquantenni, i disoccupati di lungo periodo, gli adulti soli con figli a carico.
    Il Comune di Bologna ha adottato un regolamento per le procedure contrattuali che favorisce l'inserimento lavorativo delle persone in condizioni di svantaggio mediante le cosiddette "clausole sociali" negli appalti pubblici; e' una "misura di sostegno a carattere non assistenziale per consentire la valorizzazione del capitale umano e sociale della comunita'", ricorda l'Asp in un comunicato con cui annuncia di essersi appunto adeguata a quei criteri. L'amministratore unico dell'Azienda di servizi alla persona,  Gianluca Borghi, ha emanato una delibera con cui dà mandato al direttore generale, qualora la natura del servizio richiesto lo consenta ai sensi di legge, di rivolgersi a cooperative di tipo B o prevedere, dove possibile, il progetto di inserimento lavorativo delle persone in condizioni di svantaggio come elemento di valutazione nella gare d'appalto riguardanti tra gli altri, le attività di pulizia, manutenzione del verde, traslochi e facchinaggio, catering leggero e altro ancora.
    Per saperne di più
    (fronte emiliaromagna sociale)

  • 17 Aprile 2014 | Censimento ISTAT non profit: dati e necessarie precisazioni vedi

    L'ISTAT ha cominciato a diffondere i primi dati del "Censimento industria, istituzioni pubbliche e non profit 2011".
    I primi dati riferiti al non profit sono stati ampiamenti ripresi dalla stampa ed hanno un taglio prettamente di ordine "economico" riguardando soprattutto le caratteristiche del personale retribuito, le risorse economiche, le fonti di finanziamento, le caratteristiche di entrate/uscite, le attività produttive.
    Accanto a questi dati ne appaiono altri più di natura sociologica come le caratteristiche dei volontari, l'uso degli strumenti di comunicazione, l'orientamento mutualistico o di utilità sociale delle organizzazioni ed altre.

    Nei macrodati comunicati da ISTAT  rientrano oltre 347mila organizzazioni non profit, 4,7 milioni di volontari e poco meno di un milione di lavoratori a vario titolo.
    Bisogna però precisare che l'ISTAT nell'universo non profit ricomprende anche gli enti religiosi, le organizzazioni sindacali e professionali, le persone impegnate nel servizio civile, le ONG e i partiti politici ("costituiscono esempi di istituzioni non profit le associazioni, riconosciute e non riconosciute; le fondazioni, le cooperative sociali, i comitati. Rientrano tra le istituzioni non profit anche le ong, le organizzazioni di volontariato, le onlus, i partiti politici, i sindacati, le associazioni di categoria, gli enti ecclesiastici civilmente riconosciuti"), quindi tutta una serie di soggetti che nell'immaginario comune, e in diverse correnti di pensiero,  non rientrano prettamente nella categoria del non profit a cui abitualmente si associa il volontariato e l'associazionismo.
    - Per consultare i dati:
    Sintesi sul sito ISTAT
    Il sito specifico del Censimento
    - Approfondisci:le riflessioni di Giuseppe Cotturri e Giovanni Moro su redattoresociale

    A queste tematiche è dedicata il prossimo 5 maggio a Bologna la presentazione del volume del sociologo Giovanni Moro "Contro il non profit" edito recentemente da Laterza
    Il programma dell'evento
    (fonte redazione sportello sociale, sito ISTAT)



  • 15 Aprile 2014 | "Menomale è lunedì": Vendemmiati a Bologna per il suo nuovo film nella Dozza vedi

    Sono in corso nel carcere della Dozza di Bologna le riprese del nuovo film di Filippo Vendemmiati, giornalista RAI, regista premio David di Donatello 2011 per il miglior documentario con "È stato morto un ragazzo" (sulla vicenda di Federico Aldrovandi, il ragazzo di Ferrara morto in seguito ad un pestaggio della polizia) e autore nel 2012 dell'appassionante ritratto umano e politico di Pietro Ingrao "Non Mi Avete Convinto".

    Il nuovo film in lavorazione si chiama "Menomale è lunedì" e trae spunto dall'esperienza unica in Italia che ha portato tre aziende bolognesi,
    leader nel settore del packaging, ad aprire una vera e propria officina nella ex palestra del carcere. Vi lavorano a stretto contatto ex operai
    oggi in pensione e una quindicina di detenuti, regolarmente assunti con contratto nazionale metalmeccanico. Il film, girato tutto in presa diretta,
    racconta dell'incontro umano e professionale di questo inedito gruppo di lavoratori, delle loro storie e delle loro speranze, mette in luce un
    rapporto profondo e solidale fondato sulla trasmissione del sapere. Imparare ad usare la giusta vite diventa metafora della ricostruzione di
    vite alla deriva.

    Leggi tutto su Giornale di Sicilia on line:
    http://www.gds.it/gds/sezioni/cinematv/dettaglio/articolo/gdsid/334320/
    Guarda il trailer del film su vimeo:
    http://vimeo.com/88976335

  • 15 Aprile 2014 | Falsi invalidi? Una sentenza storica per le persone con vera disabilità vedi

    Una giornata “storica” il 9 aprile scorso. Il TAR del Lazio si è pronunciato, con sentenza n. 3851/2014, sul giudizio avviato da ANFFAS Onlus (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con disabilità Intellettiva e/o relazionale), con l’intervento ad adiuvandum della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) contro una serie di messaggi e circolari con cui l’INPS, fra il 2011 e il 2012, ha disciplinato i controlli dei Piani straordinari di verifica sui cosiddetti “falsi invalidi” per 500.000 persone.
    La sentenza, giunta dopo ben tre anni di dura battaglia nelle aule giudiziarie, riconosce, come già ampiamente denunciato da ANFFAS e FISH, che le modalità adottate dall’INPS per le verifiche straordinarie sono state illegittimità e lesive dei diritti delle vere persone con disabilità e sconfessa – ancora un volta – anche i dati forniti dall’Istituto in materia.
    Infatti, a partire dal 2011, dopo aver già effettuato 300mila controlli nei due anni precedenti, l’INPS, in via unilaterale ed anche in contraddizione rispetto alle garanzie previste dalla normativa statale, ha modificato progressivamente le modalità delle verifiche straordinarie stabilendo di far rientrare, nei controlli a campione, anche gli invalidi per i quali era già stata precedentemente prevista una rivedibilità.
    Così facendo il numero delle revoche, alla fine dei controlli “straordinari”, è risultato artificiosamente elevato: sono state sommate anche le posizioni comunque già considerate rivedibili e, in larga misura, in ogni caso destinate a revoca.
    Leggi tutto nel sito della FISH

    Il testo della sentenza n. 3851/2014
    (fonte Fish)

  • 15 Aprile 2014 | Genitori contro tribunali e servizi sociali. Oltre 1400 segnalazioni al Garante vedi

    Sono oltre 1.400 le segnalazioni di violazione o di rischio di violazione dei diritti dei minori pervenute presso gli uffici dell’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza, sia agli uffici nazionali (193 segnalazioni) sia ai garanti regionali di 12 tra regioni e province autonome italiane.

    A tirare le somme la Terza Relazione al Parlamento presentata a Montecitorio dal Garante nazionale. All’ufficio nazionale sono giunte dal marzo 2012 al 31 dicembre 2013 238 segnalazioni, di cui 45 nel 2012 e le restanti lo scorso anno. Dalle segnalazioni raccolte sia dall’ufficio nazionale che da quelli regionali di Campania, Emilia Romagna, Lazio, Liguria, Marche, Molise, Puglia, Toscana, Umbria, Veneto, province autonome di Bolzano e Trento (dalla Calabria non sono arrivati dati) appare evidente come la maggior parte di esse provenga da genitori (37 per cento delle segnalazioni totali), seguino quelle provenienti dai servizi socio-sanitari (21 per cento), poi i cittadini (7 per cento), minorenni (6 per cento), parenti (5 per cento) e scuola (4 per cento). Per quanto riguarda le segnalazioni giunte all’ufficio nazionale, invece, mentre al primo posto ci sono sempre i genitori, i cittadini e i parenti sono rispettivamente al secondo e terzo posto. Riguardo le ragioni delle criticità, le segnalazioni al Garante nazionale e ai garanti regionali riguardano per il 54 per cento soprattutto conflitti tra privati e servizi o istituzioni. Per le segnalazioni giunte soltanto al Garante nazionale, la percentuale sale al 64 per cento.
    Leggi tutto su redattoresociale
    Il testo della relazione

  • 15 Aprile 2014 | Web serie su Avvocati di Strada, ciak pilota a Bologna vedi

    Si chiama “Primo giorno” e dura 10 minuti. È la puntata pilota della web serie “Avvocato di strada” girata tra le mura del dormitorio Rostom di
    Bologna. Protagonista un giovane avvocato, appena arrivato in città, al suo primo giorno di volontariato, senza legami e lontano dal mondo del sociale perché dipendente di uno studio legale molto importante.

    Ecco allora tutte le prime difficoltà ad approcciarsi a un mondo nuovo: il finale è drammatico e lascia in sospeso. Cosa succederà nella prossima puntata? Per saperlo l’associazione Avvocato di strada spera di vincere il concorso “Are you series?”, il progetto pensato da Milano Film Festival che mette in palio 60.000 euro per raccontare il non profit italiano. Se arriveranno primi -e c’è ancora più un mese di attesa prima di sapere il nome del vincitore- potranno girare altre 10 puntate. “Speriamo di vincere perché fa bene ai senza dimora che, in Italia, vengono ancora rappresentati in modo vecchio e caritatevole e non come persone con bisogni individuali”, spiega Costantino Giordano, segretario dell’associazione.

    Leggi tutto sul sito dell'agenzia DIRE
    http://www.dire.it/emilia/6118-avvocato-strada-web-serie-dormitorio-rostom.dire
    Guarda il primo episodio su Youtube
    https://www.youtube.com/watch?v=9pNuBhD0kMA

  • 8 Aprile 2014 | Sportello comunale per il lavoro: variazione di orario vedi

    Dal giorno 28 aprile lo Sportello per il  Lavoro di Bologna dovrà ridurre temporaneamente le giornate di apertura al pubblico ("accoglienza") da tre a due, il lunedì e il mercoledì, sempre fra le 9 e le 12.
    Le pagine internet dello sportello lavoro
    (fonte sportello lavoro)

  • 3 Aprile 2014 | Disabili non residenti a Bologna: l'accesso al centro città vedi

    Una vasta parte del centro di Bologna è zona a traffico limitato (Ztl) controllata da apposite telecamere. Per accedere con il proprio veicolo,
    dotato di regolare contrassegno, le persone disabili non residenti devono comunicare preventivamente via fax questa loro esigenza tramite un apposito modulo al numero 051/468.60.80 (dal 30/4/14 viene disattivato il vecchio numero 051/709.50.44).

    La targa sarà inserita nella lista degli autorizzati per il periodo indicato nella comunicazione. Se si è impossibilitati ad avvisare preventivamente è possibile, per evitare contravvenzioni, avvisare il Comune dell'avvenuto ingresso entro i 2 giorni successivi specificando la data del transito: in questo caso la targa sarà valida dalla data indicata (al massimo dalle ore 0 di 2 giorni prima). Per esempio: il passaggio effettuato il 25 novembre può essere comunicato entro la giornata del 27 novembre.

    La comunicazione deve avvenire sempre tramite modulo e via fax al numero indicato. Ricordiamo che dal novembre 2013 i titolari di “contrassegno disabili” non residenti a Bologna (così come quelli residenti a Bologna) possono comunicare fino ad un massimo di 2 targhe da collegare al proprio contrassegno, per il periodo indicato nella comunicazione e comunque non oltre la data di scadenza del contrassegno. Questa modalità è da utilizzarsi da parte di coloro che hanno esigenze continuative (studio, lavoro, altro) di accedere con il proprio veicolo alla ZTL

    Leggi le informazioni e scarica la modulistica nel nodo Mobilità e strade del sito del Comune di Bologna.

  • 3 Aprile 2014 | Rapporto "Fotografia del sociale": on line i materiali del convegno vedi

    Il rapporto Fotografia del sociale ha l'obiettivo di rappresentare l’evoluzione dello scenario sociale dell’Emilia-Romagna, in un contesto di
    crisi, al fine di poter orientare o quantomeno, fornire uno sguardo utile alla programmazione sociale e sociosanitaria locale, così come citato nelle “Indicazioni attuative del Piano sociale e sanitario regionale per il biennio 2013/2014. Il seminario (tenutosi lo scorso 21 marzo) è servito anche ad inquadrare la situazione dell'Emilia-Romagna nel contesto nazionale.

    Leggi la pagina con gli atti del convegno sul sito Emilia Romagna Sociale
    Il rapporto "Fotografia del sociale" in versione integrale

  • 3 Aprile 2014 | Nuove povertà e Neet: in Emilia Romagna 3 persone su 100 agli sportelli sociali vedi

    I giovani che non studiano e non lavorano (Neet) sono il 15% della popolazione di riferimento (94.000, +66,6% tra il 2008 e il 2012). Le persone in cerca di lavoro sono quasi triplicate, passando da 71.000 nel 2008 a 199.000 a fine 2013. Calano consumi e stili di vita: nel 2012 il 13% delle famiglie emiliano-romagnole è "in una situazione di deprivazione materiale (presentano almeno tre tra nove sintomi: non riuscire a sostenere spese impreviste, concedersi una settimana di ferie all''anno, fare un pasto proteico ogni due giorni, riscaldare adeguatamente la casa, essere in arretrato con mutui, bollette, affitti, non potersi permettere lavatrice, tv, telefono, automobile), il 6% è in situazione di grave deprivazione (quattro sintomi). Sono alcuni dati emersi  dal report "Fotografia del sociale", strumento realizzato dalla Regione Emilia-Romagna per supportare le politiche dei prossimi anni con l'obiettivo di rappresentare bisogni e servizi alla luce della crisi.

    - Le famiglie
    Altri dati ci dicono che sono in aumento le famiglie ma in calo i loro componenti (i nuclei formati da una sola persona sono il 32% del totale, al pari delle coppie con figli), che un bambino su quattro in regione ha un background migratorio (ha almeno un genitore straniero), che tre persone ogni 100 abitanti si sono rivolte a uno sportello sociale (e in genere si tratta di donne, italiane, 50enni), che l'occupazione femminile è oltre il 60% ma la copertura dei servizi per l''infanzia è al 30%. I bisogni si modificano e aumentano le fragilità. "I numeri ci servono per costruire un percorso che ci permetta di dare risposte adeguate ai nuovi bisogni emergenti", ha detto  l''assessore regionale alle Politiche sociali, Teresa Marzocchi.

    - Il sistema di welfare
    Ma l'attuale sistema di welfare è  in grado di dare risposte adeguate ai nuovi bisogni? Secondo Francesco Longo, del Centro di ricerche sulla gestione dell''assistenza sanitaria e sociale dell''Università Bocconi, c'è un gap tra il welfare e i bisogni. "Il welfare e' assente in quelli emergenti, come i Neet o i nuovi italiani, si occupa di grandi poveri e fragilita'' ma non della classe media.

    (fonte newsletter sociale.emilia.romagna)

  • 3 Aprile 2014 | Servizi offerti, pubblicate le nuove schede vedi

    Sono state pubblicate, all'interno della pagina Servizi offerti del nostro portale, cinque nuove schede.

    In particolare la pagina "Servizi di comunità" è stata aggiornata con due nuove schede:
    Tratta di esseri umani e prostituzione
    e Progetti e iniziative di contrasto al fenomeno della violenza contro le donne; la pagina "Servizi ed interventi domiciliari" con la scheda Assistenza famigliare privata (badanti); infine la pagina "Servizi sociosanitari" con le due schede: Dipendenze: servizi, progetti, attività e Patologie di deterioramento cognitivo (Morbo di Alzheimer, demenze): i servizi e le risorse.

    Sale così a 138 il numero delle schede pubblicate all'interno delle diverse tipologie dei servizi offerti (14 in totale), con il database sempre aggiornato sui nuovi servizi che la comunità mette a disposizione dei cittadini.

  • 3 Aprile 2014 | Norme "antipedofilia": dal 6 aprile certificato penale per dipendenti vedi

    E' entrato in vigore il 6 aprile il decreto legislativo n. 39 del 4 marzo 2014, in attuazione della direttiva 2011/93/UE avente ad oggetto la lotta contro l'abuso e lo sfruttamento sessuale dei minori e la pornografia minorile.

    Il decreto in questione ha introdotto una norma (l’art. 25-bis del decreto del Presidente della Repubblica n. 313 del 14 novembre 2002, Certificato penale del casellario giudiziale richiesto dal datore di lavoro) che prevede: “Il certificato penale del casellario giudiziale … deve essere richiesto dal soggetto che intenda impiegare al lavoro una persona per lo svolgimento di attività svolgimento di attività professionali o attività volontarie organizzate che comportino contatti diretti e regolari con minori…”.

    Questo significa che coloro che vorranno impiegare dipendenti per mansioni che implichino il contatto regolare e diretto con i minori saranno obbligate a richiedere il certificato penale del casellario giudiziale ai suddetti dipendenti. In caso di inadempimento all’obbligo, l’ente sarà soggetto alla sanzione amministrativa pecuniaria del pagamento di una somma da 10.000 a 15.000 euro.
    - Decreto legislativo 4/3/14 n.39
    - La circolare in materia del Ministero della Giustizia

    La norma ha suscitando un vivace dibattito sulla sua reale interpretazione, in particolare nell'ambito del volontariato, e vivaci proteste per i tempi imposti
    Leggi il commento su Vita.it

    A seguito di questo il Ministero della Giustizia ha emenato due note circa l'applicazione del decreto
    in cui in buona sostanza si chiarisce che l’obbligo del certificato penale vale solo per i neo assunti e per rapporti di lavoro subordinato o parasubordinato. Se poi il datore di lavoro è un privato basta un’autocertificazione da parte del lavoratore. Esclusi da ogni obbligo coloro che già lavorano, gli occasionali e i collaboratori e tutto il mondo del volontariato, compresi  volontari singoli non aderenti ad associazioni.
    (fonte newsletter nonprofitonline, sito vita.it, Comune di Bologna)

  • 1 Aprile 2014 | Convegni, conferenze, corsi sociali a Bologna (aprile 2014) vedi

    Le conferenze, i seminari, i corsi di formazione del mese di marzo, utili per chi opera in campo sociale

    martedì 2 aprile
    incontro "Senza Lavoro" per il ciclo di incontri "Lavoro e Salute Mentale"
    a cura del Dipartimento di Salute Mentale e Dipendenze Patologiche - AUSL di Bologna e dall’Istituzione Gian Franco  Minguzzi - Provincia di Bologna
    dalle16 alle 19 Aula delle Colonne, Complesso ex-Roncati via Sant’Isaia, 90 - Bologna

    mercoledì 2 aprile
    incontro "La mediazione civile e commerciale: quale utilità per i cittadini?" per illustrare l'utilità per i cittadini di questo strumento, introdotto nel 2010 in Italia
    a cura della Camera di mediazione nazionale di Bologna e all'ArciBrecht  
    ore 21, sede ArciBrecht, via Bentini 20, Bologna

    giovedì 3 aprile
    incontro "Welfare dell’accesso e riforme istituzionali: le potenzialità ed i rischi"
    a cura della Provincia di Bologna
    dalle 9 alle 13, Sala Zodiaco presso la Residenza provinciale in via Zamboni 13, Bologna

    venerdì 4 aprile
    tavola rotonda "Beni comuni: intervento pubblico e partecipazione dei privati"
    a cura di Università di Bologna, Associazione Bologna nidi
    ore 15, Sala delle Armi, Palazzo Malvezzi - Via Zamboni 22, Bologna

    sabato 5 aprile
    giornata d'informazione e sensibilizzazione sul tema dell'autismo per  la Settima Giornata Mondiale per la Consapevolezza sull'Autismo
    a cura dell'Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici di Bologna (ANGSA)
    ore 10, Sala Sognoveglio, piazza Libertà, Monteveglio (Bo)

    sabato 5 aprile
    proiezione del documentario "Beyond Islam's Doors – Oltre le Porte dell'Islam" (regia di Fabrizio Fantini)
    a cura  di DamaSognatrice Produzione Audiovisive, Centro Interculturale Zonarelli Comune Bologna
    ore 10, Auditorium Biagi, Biblioteca Sala Borsa, Piazza Nettuno 3, Bologna

    lunedì 7 aprile
    incontro pubblico "Italiano L2 e punti di integrazione" con l'obiettivo di formare e aggiornare operatori dei servizi di front-office, docenti di italiano L2 e opinion leader che  possano diffondere ai cittadini stranieri informazioni corrette e aggiornate su questi temi
    a cura della Provincia di Bologna
    dalle 14.30 alle 17.30, c/o CD>>LEI, via Cà Selvatica 7, Bologna
    L'iscrizione entro il 4 aprile 2014 è tramite posta elettronica: cefalfei@gmail.com

    lunedì 7 aprile
    giornata di approfondimento "La comunità marocchina nel mercato del lavoro italiano"
    a cura del Ministero del lavoro e delle politiche sociali
    dalle 9:30 alle 18 (in due distinte sessioni: mattina e pomeriggio), Centro Interculturale Zonarelli, via Sacco 14, Bologna

    mercoledì 9 aprile
    convegno regionale “Migranti e salute: le risorse della comunità. L’esempio dei progetti di prevenzione degli incidenti domestici”
    a cura della Regione Emilia-Romagna
    dalle 9 alle 13, Aula Magna della Regione, viale Aldo Moro 30, Bologna
    La preiscrizione è obbligatoria e la si può effettuare, esclusivamente on-line, entro il 4 aprile sul sito web dell’Azienda Usl di Modena. www.ausl.mo.it/dsp/seminario090414

    mercoledì 9 aprile
    appuntamento sul tema "L'accesso al lavoro per le categorie svantaggiate" per il ciclo di incontri "Lavoro e Salute Mentale"
    a cura del Dipartimento di Salute Mentale e Dipendenze Patologiche - AUSL di Bologna e dall’Istituzione Gian Franco  Minguzzi - Provincia di Bologna
    dalle16 alle 19 Aula delle Colonne, Complesso ex-Roncati via Sant’Isaia, 90 - Bologna

    giovedì 10 aprile
    seminario "Il percorso di Audit nelle Case Residenza per Anziani: risultati e riflessioni": gestione degli anziani con demenza ed applicazione delle linee guida sulla nutrizione
    a cura di Ausl Bologna
    dalle 8.30 alle 13,  Padiglione "Tinozzi", Ospedale Bellaria - Bologna (via Altura, 3 - Bologna)

    venerdì 11 aprile
    incontro “Te lo do io il fundraising Tour” un ciclo formativo gratuito sul fundraising per il non profit in occasione de “La Scienza in Piazza”
    a cura della Fondazione Marino Golinelli
    dalle 15 alle 17.30, Spazio Libri in piazza Galvani, Bologna
    L’incontro è gratuito e per parteciparvi è necessario iscriversi compilando il form online all’indirizzo: http://www.festivaldelfundraising.it/tour

    venerdì 11 aprile
    incontro dal titolo “Coltivare culture”, sul tema dell’orticoltura urbana e comunitaria nei paesi in via di sviluppo e le sue possibili applicazioni anche nei contesti europei, per “La Scienza in Piazza”
    a cura della Fondazione Marino Golinelli
    ore 17.30, biblioteca Salaborsa, Auditorium Enzo Biagi, piazza del Nettuno, 3

    sabato 12 aprile
    Presentazione del libro “Oikonomia. L’arte di vivere” (Gangemi Editore, 2014) in occasione de “La Scienza in Piazza”
    a cura della Fondazione Marino Golinelli
    ore 11.30: Biblioteca dell’Archiginnasio, Sala Stabat Mater, piazza Galvani 1, Bologna

    sabato 12 aprile
    incontro “Progetti di agricoltura ed ecologia urbana a Bologna” sul tema dell'agricoltura urbana e la biodiversità, declinazioni di un fenomeno che vede Bologna come possibile città modello per un’agricoltura urbana moderna, in occasione de “La Scienza in Piazza”
    a cura di ReSCUE-AB – Centro Studi Agricoltura Urbana e Biodiversità
    ore 17.30: Biblioteca Salaborsa, Auditorium Enzo Biagi, piazza del Nettuno, 3

    martedì 15 aprile
    seminario " L'individuo e il suo contesto. L'importanza dell'etica e dell'equità nelle relazioni di cura in un contesto pluriculturale"
    a cura di Ausl Bologna
    dalle 14,30 alle 18,30, Aula Magna Ospedale Maggiore, l.go Nigrisoli, Bologna

    martedì 15 aprile
    presentazione del volume "Il consumo socialmente integrato di sostanze illegali Danni, precauzioni, regole e mercato" di Raimondo Maria Pavarin
    a cura di Uo Osservatorio epidemiologico dipendenze patologiche, Dsm-Dp
    ore 17, Aula Magna, Facoltà di scienze della formazione, Università di Bologna (via Filippo Re, 6, Bologna)

    mercoledì 16 aprile
    convegno "Auto mutuo aiuto e cittadinanza attiva nella formazione universitaria dei futuri professionisti"
    a cura di Regione E.Romagna, Ass.alcolisti anonimi, Arcat, Al-non
    dalle 9,30 alle 16,30,  sala auditorium, viale Aldo Moro 28, Bologna

    mercoledì 23 aprile
    seminario “La Corte Europea per i Diritti Umani e il Sistema Detentivo Italiano”
    a cura di Comune Bologna, UniBo
    dalle 15 alle 18, aula B, Dipartimento Scienze dell’Educazione, via Filippo Re 6, Bologna

    giovedì 24 aprile
    La professoressa Laura Fratiglioni, Direttore del Aging Research Center del Karolinska Institute di Stoccolma tiene la lezione magistrale dal titolo "Alzheimer’s Disease in an Ageing World" (La malattia di Alzheimer in un mondo che invecchia)
    a cura di Regione E.Romagna
    dalle 10 alle 12,30, Regione Emilia-Romagna, Sala A Terza torre, viale della Fiera 8, Bologna

  • 1 Aprile 2014 | Arrivati in redazione (marzo-aprile 2014) vedi

    I libri, le ricerche, le riviste, gli opuscoli, le newsletter arrivate negli ultimi due mesi in redazione ed utili per chi lavora nell'ambito sociosanitario


    LIBRI - I.Mastropasqua, M.S.Totaro (a cura di), "2° Rapporto sulla devianza minorile in Italia", Gangemi editore, Roma, 2013
    Questo lavoro non è solo una risposta alla necessità di un aggiornamento dei dati ma ha inteso avviare, in una fase di trasformazione dell'utenza, un momento di riflessione, sia all'interno del sistema minorile che nello scenario più allargato e condiviso con i diversi attori sociali. I dati del Rapporto prendono in considerazione l'anno 2012 ed il periodo intercorso dal 2008, disegnando una rappresentazione della devianza, del sistema di funzionamento degli interventi e delle azioni predisposte, con uno sguardo alle direzioni ed ai cambiamenti emergenti dalle realtà territoriali, dati messi in relazione in una logica temporale. Anche questo volume nasce dalla collaborazione tra il Dipartimento Giustizia Minorile e i Servizi della Giustizia Minorile, dall'integrazione delle competenze, professionalità e saperi differenti

    LIBRI - Matteo Massi, “In/movimento. Territorio, beni comuni, politica”, edizioni Gruppo Abele, Torino, 2014
    I partiti sono morti o stanno morendo. La fiducia nella politica e nelle istituzioni è scesa a percentuali di una sola cifra. Ma altre forme di partecipazione si diffondono. In ogni parte del mondo. Dalla Tunisia all'Egitto, dalla Spagna agli Stati Uniti, dalla Turchia al Brasile. Nei Paesi ricchi e in quelli poveri, nelle economie in crisi e in quelle emergenti. Sono i movimenti: realtà composite ed eterogenee che hanno in comune il rifiuto di ogni organizzazione burocratica e, spesso, di ogni forma organizzata tout court.

    LIBRI - A.Guarini, A.Brighi, M.L.Genta (a cura di) , Stili di vita online e offline degli adolescenti in Emilia-Romagna, in Quaderni n.2/2013, a cura del Servizio Comitato Regionale per le Comunicazioni (Corecom)
    Il volume presenta gli esiti di una ricerca sviluppata dal Dipartimento di Psicologia dell'Università di Bologna, in collaborazione con la Società Italiana di Pediatria, per indagare comportamenti adolescenziali, correlati sia alla fruizione dei media che ad aspetti come le abitudini alimentari, l'autostima, il bullismo, la percezione del rischio, il rapporto con la famiglia e il sesso, le dipendenze e la salute.

    RIVISTE - Gift: genitorialità e infanzia, famiglie e territorio, Quaderni a cura della rete regionale E.Romagna dei centri per le famiglie, n.19, docembre 2013 (a cura Centro documentazione politiche famigliari Comune Ferrara)
    Un numero...quasi monografico dedicato al tema del ruolo dell'informazione nelle relazioni tra famiglie, servizi ed enti pubblici
    "Con tutta evidenza è in atto attorno a noi, adulti tardivi digitali, una vera e propria rivoluzione che riguarda il rapporto tra le nuove generazioni di bambini e ragazzi, i cosiddetti nativi digitali, e le nuove tecnologie informatiche di comunicazione al punto che un recente convegno (“La generazione delle nuvole”, Ferrara - 12 ottobre 2013) si è proposto di fare il punto della situazione e si è chiesto quali scelte e quali atteggiamenti siano oggi più appropiati da parte di chi, genitore o anche operatore di servizi educativi e sociali, per ragioni se non altro anagrafiche “nativo certamente non è mai nelle migliore delle ipotesi solo immigrato digitale”.
    Il tema è certamente complesso e come sempre quando si affaccia il nuovo, tanto più in modo così prepotente e veloce, chiede innanzitutto curiosità, capacità di stare comunque al passo con i tempi e in sieme coscienza dei percorsi, delle responsabilità, degli ambiti e del punto di sguardo nei quali e dai quali ognuno si trova ad operare.
    Così questo Quaderno di GIFT non propriamente dei nativi digitali si occupa ma piuttosto riflette più ampliamente sui percorsi di informazione e comunicazione tra servizi e famiglie che in questi anni vedono impegnati gli operatori emiliano-romagnoli che saranno pure in larga parte tardivi digitali ma che non si può certo dire che a questi temi non si siano sempre applicati con costanza e determinazione"

    OPUSCOLI - URP: rapporto 2013, il futuro in rete. a cura Regione E.Romagna, Dir.sistemi informativi, Ufficio relazioni col pubblico

  • 31 Marzo 2014 | Vacanze disabili: anticipato il primo bando del 2014. Domande dal 9 aprile vedi

    Anticipato quest'anno il bando "vacanze disabili" per i soggiorni collettivi e le vacanze autonome con operatore di appoggio.
    Il bando si riferisce a soggiorni di gruppo organizzati da soggetti del terzo settore e a vacanze organizzate in autonomia dalla persona disabile con un operatore di appoggio regolarmente retribuito.
    Il Bando n.2, per le vacanze  con la famiglia o in autonomia e relativo contributo forfettario uscirà probabilmente nel mese di maggio.
    La scheda nel sito degli sportelli sociali è già aggiornata nelle sue varie parti e illustra tutte modalità e criteri per fare domanda e per la formulazione della graduatoria.
    Il criterio per poter accedere al bando è quello usuale: essere persone disabili adulte (età compresa tra i 18 e i 64 anni) in carico al  servizio USSI disabili adulti della Azienda USL, o minori (età compresa tra i 14 anni e i 17 anni) in carico al servizio di Neuropsichiatria dell'Azienda USL.
    Le domande si presentano tra l '8 e il 29 aprile 2014.
    Consulta la scheda informativa
    (fonte redazione sportello sociale)

  • 27 Marzo 2014 | Servizio sociale: lavorare nella comunità vedi

    Il Comune di Bologna ha avviato da tempo, in collaborazione con il Distretto di Bologna della Azienda USL,  un percorso di formazione e insieme di riflessione e ripensamento dei servizi sociali territoriali all'insegna del lavoro di comunità, che sta dando i primi frutti anche in termini organizzativi nelle realtà dei Quartieri San Vitale e San Donato.
    Un percorso-laboratorio dentro ai paradigmi del rapporto tra ente locale e terzo settore, tra operatori sociali e cittadini attivi, tra i "non più e non ancora" dei sistemi di welfare dentro i pericoli e le opportunità della stagione della "crisi".

    ***Pagina in costruzione***

  • 27 Marzo 2014 | La FISH e la spending review sulle invalidità: le cose sono più complesse vedi

    "E’ piuttosto semplicistico affermare che il maggior numero di indennità di accompagnamento concesse in alcune regioni rispetto ad altre derivi da una serie di abusi che andrebbero contrastati: in realtà i dati a disposizione raccontano una verità ben più articolata, dimostrando che le regioni in cui sono richieste più indennità di accompagnamento da parte degli ultra65enni sono anche quelle che meno spendono in servizi sociali per la stessa fascia di età.
    E’ diventata anche una lotta di numeri quella che in queste ore vede contrapposti da un lato chi caldeggia una stretta sulle pensioni di invalidità e sulle indennità di accompagnamento e dall’altro chi invece quegli stessi interventi vorrebbe evitare. La discussione si è infiammata con la pubblicazione della bozza delle proposte per una revisione della spesa pubblica redatte dal Commissario Straordinario Carlo Cottarelli.

    Fra gli interventi ventilati anche un forte controllo sugli abusi nella concessione delle provvidenze assistenziali per invalidi, ciechi e sordi civili e l’introduzione di un limite reddituale per poter fruire dell’indennità di accompagnamento. La necessità di tali interventi, si spiega nelle slide del Commissario per la spending review, si basa sulla constatazione di picchi territoriali nella concessione dei benefici: in alcune regioni cioè – e segnatamente Calabria, Umbria, Sardegna e Campania – il numero degli invalidi civili è troppo elevato rispetto alle altre.
    Leggi tutto su redattoresociale

    In risposta la Fish, la federazione che raggruppa le principali associazioni italiane del settore disabilità, sul suo portale Condicio.it  fa le pulci a questi dati apparentemente incontrovertibili rispondendo a suon di (altri) numeri e tabelle, usando elaborazioni di dati Istat che provano a dare una spiegazione al fenomeno correlando sistematicamente i picchi alle realtà di quelle regioni in cui poco se non nulla si fa in termini di servizi per la non autosufficienza.

    Intanto sui media ricomincia la ciclica costruzione del mito del falso invalido fatta da approssimazioni, dati sbagliato o equivocati, citazioni da fonti di scarso spessore e la solita rassegna di stereotipi (...guida la macchina? è un falso invalido, ...va in bus da solo? è un falso cieco...)

    Per approfondire: leggi il contributo di Cristiano Gori su IlSole24h
    (fonti repubblica.it, condicio.it, superando.it, ilsole24ore.com, redazione sportello sociale)

  • 27 Marzo 2014 | Linee guida per i Servizi Sociali in tema di violenza contro le donne vedi

    Sono ora disponibili le Linee guida per l’intervento e la costruzione di rete tra i Servizi Sociali dei Comuni e i Centri antiviolenza. Le linee guida, primo concreto impegno realizzato nell'ambito del Protocollo d'Intesa sottoscritto dall'ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani) e dall'associazione Nazionale D.i.Re Donne in Rete contro la violenza, hanno posto l'accento sull'importanza del riconoscimento della violenza maschile contro le donne e del lavoro di rete tra istituzioni e centri antiviolenza aderenti a D.i.Re.
    La guida vuole essere uno stimolo per ulteriori approfondimenti da svolgere a livello locale tra i Centri antiviolenza e i Servizi Sociali dei Comuni e per creare condivisioni di pratiche e di saperi utili per affrontare un problema diffuso e complesso come la violenza contro le donne.
    Le linee guida sono disponibili sui siti internet direcontrolaviolenza.it e anci.it e saranno diffuse e presentate in tanti Comuni italiani dall’associazione D.i.Re e le amministrazioni locali.
    (fonte bandieragialla.it)

  • 27 Marzo 2014 | Mappedelconsumo.it: crescono le mappe del consumo targate E-R vedi

    Sviluppato dall'agenzia regionale Ervet, Mappedelconsumo.it fornisce informazioni geolocalizzate, cioè rappresentate su mappe, relative ai luoghi in cui i cittadini e consumatori della Regione Emilia Romagna possono effettuare scelte di consumo responsabile e sostenibile. Disponibile sia on line sia con una app per smartphone e tablet, il servizio fornisce mappe sui distributori di acqua e di latte, di detersivi sfusi, i mercatini del contadino, i prodotti a Km0, quelli equo-solidali, i mercatini dell'usato, i gruppi di acquisto solidale, la vendita diretta, i prodotti sfusi e, novità recente, anche i servizi di bike sharing e le colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici.
    Leggi tutto sul sito emilia romagna digitale
    Consulta il sito
    (fonte newsletter Comune di Bologna)

  • 27 Marzo 2014 | Rete regionale dei CAAD: oltre 25mila le persone in consulenza vedi

    Si avvia a compiere i nove anni di vita la rete regionale dei CAAD, i Centri provinciali per l'adattamento dell'ambiente domestico promossi dalla Regione Emilia Romagna. Oltre 34mila le diverse prestazioni effettuate (consulenze, informazioni, sopralluoghi, corsi di formazione...), 15mila tra anziani e disabili hanno usufruito di consulenze oltre a 10mila operatori sociali, sanitari, dei settori delle tecnologie, edilizia, impiantistica. Oltre 4500 i sopralluoghi nelle case di persone non autosufficienti.
    Ma il tema dell'adattamento domestico e più in generale quello della non autosufficienza stenta ancora ad entrare nella cultura (e quindi nell'agenda) della politica, come dimostrano le ennesime discussioni attorno ai falsi invalidi di questi giorni che non intrecciano il tema delle pensioni con quello delle politiche e servizi per la non autosufficienza.
    Tornando allo specifico dell'adattamento domestico anche i servizi territoriali, più nell'area degli anziani che in quella della disabilità adulta, stentano a volte a ricomprendere questa attenzione e questa cultura nella loro operatività, come dimostra nella nostra regione un sottoutilizzo dei fondi per i progetti di adattamento domestico promossi dal Fondo regionale per la non autosufficienza (DGR 1206/07, allegato 5)
    Fare sistema tra sociale, sanità ed edilizia la strada da percorrere.
    Leggi l'approfondimento del sito superando.it
    (fonte superando.it, redazione sportello sociale)

  • 25 Marzo 2014 | Bonus libri: marcia indietro del Governo vedi

    Il bonus libri, ovvero la detrazione del 19% sull'acquisto di libri fino ad un massimo di 2.000
    euro di spesa all’anno, diventa un mini sconto rivolto esclusivamente agli studenti delle scuole
    superiori. Questo é quanto risulta per effetto degli emendamenti approvati dalle Commissioni
    Finanze e Attività produttive della Camera, nel corso dell'iter di conversione del D.L. n. 145/2013 (Decreto Destinazione Italia).
    Con gli emendamenti approvati dalle Commissioni sono state apportate delle modifiche che
    hanno stravolto la logica stessa del meccanismo operativo alla base della detrazione, al punto da scatenare forti critiche da parte di chi sostiene che si sia passati da un bonus libri ad un "bonus librai". Secondo la nuova formula, la fruizione del credito d'imposta per l'acquisto di libri non spetterà ai contribuenti ma direttamente agli esercizi commerciali che effettueranno vendita di libri al dettaglio, a condizione che riconoscano uno sconto del 19% agli studenti delle scuole superiori che presenteranno il relativo voucher. Si calcola un risparmio medio a studente di mneno di 20 euro.
    Leggi tutto su fisco7
    (fonte fisco7.it)

  • 25 Marzo 2014 | Carceri: nasce la Carta dei figli dei genitori detenuti vedi

    Per la prima volta in Europa ed in Italia un Protocollo d'Intesa a tutela dei diritti dei 100mila bambini e adolescenti che entrano nelle carceri italiane. Lo hanno firmato presso la Sala Livatino del Ministero della Giustizia, il guardasigilli Andrea Orlando insieme al garante per l’infanzia e l’adolescenza Vincenzo Spadafora e alla presidente dell’Associazione Bambinisenzasbarre Onlus Lia Sacerdote.
    La Carta dei figli dei genitori detenuti riconosce formalmente il diritto di questi minorenni alla continuità del proprio legame affettivo con il genitore detenuto e, al contempo, ribadisce il diritto alla genitorialità.
    Tra i tanti temi trattati dalla Carta: permessi speciali, misure cautelari alternative, gruppi di sostegno per minori, spazi bimbi negli istituti penitenziari, le visite dei bambini, la formazione del personale e altri.
    Leggi le dichiarazioni del Ministro della Giustizia, leggi il protocollo d'intesa e la scheda informativa sulla Carta
    (fonte sito Ministero Giustizia)

  • 25 Marzo 2014 | Regioni su chiusura ospedali psichiatrici giudiziari vedi

    Prosegue ormai da mesi la "battaglia" sulla chiusura degli Ospedali psichiatrici giudiziari. Le Regioni chiedono l'ennesima proroga , le associazioni degli utenti e dei famigliari e i cartelli costituiti ad hoc protestano energicamente (leggi il comunicato).
    Approfondisci: la relazione al Parlamento sulla chiusura degli OPG
    (fonte redazione sportello sociale)

  • 19 Marzo 2014 | Gli studenti vanno in vacanza con l’Inps vedi

    Ogni anno l’INPS propone ai ragazzi numerosi soggiorni estivi di vacanza e studio in Italia e all’estero, della durata – rispettivamente – di una o di due settimane, e di due o quattro settimane.
    È un’opportunità interessante in cui ai momenti ricreativi e sportivi si alternano varie attività culturali e gite, ma soprattutto, per l’estero, lo studio di una lingua straniera.
    Ai giovani disabili è offerta l’assistenza continua di personale qualificato.
    Due benefici, un solo bando denominato "Valore vacanza": i posti di soggiorno sono assegnati attraverso un concorso, che l’istituto bandisce nei primi mesi dell’anno. Due i benefici messi a concorso per diverse destinazioni e fasce di età.
    Per i soggiorni è prevista una quota di partecipazione che varia con il valore dell’indicatore Isee e con il costo effettivo del soggiorno prescelto.
    I soggiorni sono aperti ai giovani dai 7 ai 17 anni, figli di:
    - iscritti e pensionati della gestione dipendenti pubblici;
    - lavoratori e pensionati pubblici iscritti al Fondo credito;
    - iscritti alla gestione ex Ipost – l’istituto Postelegrafonici;
    - assistiti dall’Istituto di previdenza e assistenza per i dipendenti di Roma capitale (IPA).
    Il bando 2014 scade il 9 aprile 2014
    Leggi tutto e scarica bando e istruzioni per partecipare
    (fonte sito INPS)

  • 18 Marzo 2014 | Il riparto del fondo sociale regionale vedi

    Il Programma annuale 2014 di ripartizione delle risorse del Fondo sociale regionale - che avrà a disposizione 44.570.538 di euro - è stato approvato a maggioranza dalla commissione Politiche per la salute e politiche sociali dell'Assemblea legislativa dell'Emilia-Romagna.

    Le risorse (21.271.971 euro di fondi statali e 22.988.567 di fondi regionali) saranno così ripartite: 40.760.538 euro ai Comuni per la costituzione, nell’ambito del Piano di zona, del Fondo sociale locale; 1.460.000 euro sempre ai Comuni e ad altri soggetti pubblici per l’attuazione dei Piani di zona; 900.000 euro alle Province per l’attuazione del programma provinciale; 600.000 euro per la prevenzione e il contrasto della violenza di genere e intrafamiliare; 500.000 euro per l’attuazione delle linee di indirizzo per la promozione del benessere e la prevenzione del rischio in adolescenza; 450.000 euro per il sostegno dei programmi e delle iniziative volte alla promozione sociale e alle iniziative formative.
    “A questi fondi- ha detto l’assessore alle Politiche sociali, Teresa Marzocchi- si aggiungeranno, con un ulteriore provvedimento, altri 7 milioni di euro per i nidi. Tra le novità di questo provvedimento 200.000 euro a favore del protocollo per l’umanizzazione della pena nel carcere (altri 300 mila arriveranno dallo Stato); 500.000 euro per il contrasto alla violenza di genere e 500.000 per la promozione del benessere e della prevenzione del rischio in adolescenza”.
    (fonte sociale.emilia-romagna)

  • 17 Marzo 2014 | Microcredito per pagamento entrate comunali vedi

    Il progetto si pone l’obiettivo di fornire, su invio del Comune di Bologna e della Polizia Municipale o su accesso diretto all’attenzione dell’ASP Città di Bologna, un sostegno economico in forma di piccoli crediti per effettuare i pagamenti relativi ad atti emessi dal Comune di Bologna Settore Entrate (Avvisi di pagamento accertamento TARES, Avvisi di Accertamento Tributari o Ingiunzioni di pagamento) o per il pagamento delle Ingiunzioni emesse dala Polizia Municipale. In questo modo si evita il rischio di incorrere nelle ingiunzioni comunali che comporterebbero l’avvio di azioni esecutive (come il fermo amministrativo di beni mobili o il pignoramento di stipendi o pensioni) costringendo i soggetti in causa a una situazione di stallo finanziario. La presentazione di richieste di accesso a questa forma di prestito consente di far venire alla luce situazioni di “invisibilità sociale” permettendo anche l’attivazione, in sinergia con tutti gli enti coinvolti, di altri tipi di risorse, in un ottica di prevenzione del disagio.
    Leggi la scheda completa nel sito dell'ASP Poveri Vergognosi
    (fonte Asp Città di Bologna)

  • 17 Marzo 2014 | SpM3.Cambia il finale vedi

    Dove mettiamo il vecchio armadio? Oppure la credenza della nonna? O il frigo ancora funzionante? E' partito in questi giorni il nuovo servizio realizzato dalla multiutility Hera in collaborazione con Last Minute Market ed enti no profit del territorio, per dare nuova vita agli oggetti ancora utilizzabili e favorire un virtuoso e solidale circuito del riuso.
    Leggi nel sito del Comune
    (fonte sito Comune Bologna)

    (*) SpM3, che sta per spendere meno, spendere mai, spendere meglio, è l'acronimo che nel nostro sito usiamo per indicare quelle notizie che, nel tempo della crisi, vogliono mettere l'accento non solo sulle risorse (contributi, card, bonus...) per, appunto, spendere meno o non spendere, ma anche sulla esigenza di riflettere sui nostri stili di vita e vedere anche se possiamo spendere meglio avendo attenzione, dentro la nostra personale economia (oikonomia= amministrazione delle cose domestiche), ai temi del riciclo, del riuso, dello spreco alimentare, delle fonti energetiche..

  • 17 Marzo 2014 | YoungER, la card per giovani cittadini responsabili e solidali vedi

    Sono 110 i Comuni, 10 le Unioni e un Circondario gli Enti che hanno aderito al progetto “Youngercard”, la carta ideata dall’assessorato Progetto giovani della Regione Emilia-Romagna in collaborazione con i Comuni di Ferrara e Reggio Emilia, dedicata ai giovani tra i 14 e i 29 anni per promuovere consumi responsabili, protagonismo giovanile e fruizione di offerte culturali e sportive. Trecentomila copie della Youngercard sono a disposizione dei ragazzi e delle ragazze che vivono, studiano o lavorano in Emilia-Romagna e saranno distribuite, a partire dalla fine del mese, da uffici comunali, Informagiovani, biblioteche e centri di aggregazione.
    - A cosa serve
    La carta, distribuita gratuitamente, dà ai titolari una serie di agevolazioni per la fruizione di servizi culturali e sportivi (come teatri, cinema e palestre) e sconti presso numerosi esercizi commerciali (sia locali che regionali, sia in piccoli negozi e ristoranti che in catene e grande distribuzione).
    - Investire tempo a favore degli altri
    La Youngercard inoltre invita i suoi possessori a diventare giovani protagonisti, ossia a investire parte del proprio tempo e del proprio impegno in progetti di volontariato organizzati in collaborazione con enti locali, associazioni, università, scuole, polisportive, circoli o cooperative sociali: si tratta di una serie di progetti di cittadinanza attiva, della durata tra le 20 e le 80 ore, che possono riguardare diversi ambiti (sociale, educativo, artistico, culturale, informatico, linguistico o ambientale).  I primi progetti avviati riguardano, ad esempio, giovani volontari che insegnano l’utilizzo del pc agli anziani, corsi di lingue o attività di volontariato in corsia. Ogni ora di volontariato svolta consentirà di accumulare punti sulla propria carta e, quindi, di poter ricevere alcuni premi individuati a livello locale.
    Per saperne di più
    (Fonte Emilia Romagna Sociale)

  • 17 Marzo 2014 | Barriere: novità dalla Regione sulle domande ex lg.13/89 vedi

    La Regione E.Romagna (Lavori pubblici) ha introdotto alcune significative novità in tema di domande abbattimento barriere legge 13/89.
    In sintesi dal 3 marzo 2014 fecendo domanda (con un unico modulo) si sarà ammessi a due distinte graduatorie:
    - la prima di carattere nazionale (alimentata unicamente da eventuali fondi nazionali) che segue le regole già in atto dal 1989
    - la seconda di carattere regionale (alimentata unicamente da eventuali fondi regionali) in cui, oltre alla distinzione tra invalidità totali e parziali, prevista dalla legge 13 del 1989, la formulazione della graduatoria sarà determinata dall'ISEE del nucleo famigliare del richiedente e non più dalla sola data di presentazione della domanda.
    Nella nuova modulistica viene ribadito, in analogia con la legge 13/89 che gli interventi debbono riguardare edifici già esistenti al 11/8/1989 e non ristrutturati dopo tale data.
    Si prevede inoltre la possibilità che una quota maggioritaria di finanziamento regionale stanziato sia utilizzata per le domande di invalidi totali e una quota minoritaria per le domande di invalidi parziali.
    Per chi ha già presentato domanda prima del 3 marzo 2014 non è possibile, sullo stesso oggetto, ripresentare altra domanda valevole anche per la graduatoria regionale.
    Sono in corso a livello regionale alcune richieste di chiarimento di cui vi daremo conto sul nostro sito, sia nelle notizie che nella scheda specifica nella sezione Interventi di sostegno economico.

    Approfondisci:
    - Legge 13/1989
    (la legge nazionale sulle barriere)
    - Legge regionale 24/2001 (art.56) (la legge della Regione per sopperire con propri fondi al progressivo mancato finanziamento nazionale della legge13/89, cessato totalmente dal 2004)
    - DGR 171/2014 Regione E.Romagna, Criteri di funzionamento del Fondo regionale per l'eliminazione e il superamento delle barriere architettoniche di cui all'art. 56 della Legge regionale 24/01 (le modifiche introdotta dalla Regione a partire dal 3/3/14)
    (fonte redazione sportelli sociali)

  • 17 Marzo 2014 | Settimana contro il razzismo a Bologna e provincia vedi

    Nel 1966 l'ONU ha dichiarato il 21 marzo Giornata mondiale contro il razzismo. In occasione di tale ricorrenza, anche quest'anno la Provincia di Bologna promuove la Settimana per il dialogo interculturale contro il razzismo e tutte le discriminazioni, in collaborazione con vari soggetti pubblici e del privato sociale.
    Il Calendario della Settimana 2014 raccoglie 18 iniziative
    (fonte Provincia di Bologna)

  • 11 Marzo 2014 | SpM3*. Metti la famiglia a dieta (per risparmiare) vedi

    Si taglia in tavola, per amore (della linea, poco), ma soprattutto per forza (risparmiare si deve). Sempre di più, sempre più spesso. Specialmente pesce, bevande e frutta. I consumi delle famiglie, infatti, sono diminuiti del 4% nel 2012 e di un ulteriore 2,9% nei primi tre trimestri del 2013. Nell'ultimo anno anche la spesa per l'acquisto di generi alimentari ha registrato un calo del 3,3% (e nel 2012 era già diminuita del 2,8%).

    I risultati dei primi Stati Generali per la prevenzione dello spreco alimentare in Italia, le prospettive del progetto F.I.CO. a Bologna, tutte le più recenti iniziative contro lo spreco e la collaborazione con la Regione Emilia-Romagna. Sono questi alcuni dei temi toccati dal presidente di Last Minute Market, Andrea Segrè, nelle video-interviste realizzato nel suo studio presso la Facoltà di Agraria di Bologna. Il prof. Segrè ha raccontato le tante attività che lo spin off dell'Università di Bologna da lui presieduto sta mettendo in campo con l'obiettivo di ridurre gli sprechi in ogni ambito.
    Guarda il video (suddiviso in 4 capitoli).
    Leggi tutto su Emilia Romagna Sociale: http://www.regione.emilia-romagna.it/consumatori/notizie/2014/febbraio/siamo-tutti-a-dieta-per-risparmiare-pesce-e-frutta-addio

    (*) SpM3, che sta per spendere meno, spendere mai, spendere meglio, è l'acronimo che nel nostro sito usiamo per indicare quelle notizie che, nel tempo della crisi, vogliono mettere l'accento non solo sulle risorse (contributi, card, bonus...) per, appunto, spendere meno o non spendere, ma anche sulla esigenza di riflettere sui nostri stili di vita e vedere anche se possiamo spendere meglio avendo attenzione, dentro la nostra personale economia (oikonomia= amministrazione delle cose domestiche), ai temi del riciclo, del riuso, dello spreco alimentare, delle fonti energetiche..

  • 11 Marzo 2014 | Social card: a Bologna 127 domande idonee su 450 assegnabili vedi

    Sono 127 le domande per la social card che l’Inps ha già giudicato idonee. Dovrebbero andare in pagamento in questi giorni, ma tutto dipende da quando le Poste saranno pronte per erogare il servizio. Un po’ in ritardo sulla tabella di marcia, insomma, si sta concludendo la prima parte di controllo e selezione per le social card in città.
    Come sarà ripartito il milione e 600 mila euro che il governo ha destinato a Bologna? “Dipende dalla composizione del nucleo familiare: se formato da due membri, 231 euro al mese; se da tre, 281 euro; se da quattro 331 euro; se da cinque o più 404 euro”, specifica Silvia Cestarollo, responsabile dei Servizi Sociali del Quartiere Santo Stefano che gestisce il progetto Social Card. Intano, il Comune è alle prese con la gestione di tutti i ricorsi presentati da chi ha visto la propria proposta ‘bocciata’ dall’Inps. Fino al 10 aprile – data scelta dagli incaricati dell’amministrazione – chi è risultato non idoneo può chiarire la propria posizione e chiedere all’istituto di previdenza di rimettere mano alla domanda: “In alcuni casi si tratta di domande ‘bocciate’ per motivi sostanziali, per esempio la mancanza di un requisito; in altri casi si tratta di motivi più leggeri, come un codice fiscale scritto sbagliato – spiega Cestarollo – A noi il compito di raccogliere tutti i documenti utili, in attesa che l’Inps ci dica come trattare i ricorsi”.
    Erano 476 le domande arrivate al comune di Bologna all’inizio della sperimentazione su 450 social card assegnabili. A oggi si dividono in tre gruppi: gli idonei, chi non è risultato idoneo ma ha presentato ricorso, chi non è risultato idoneo e non ha fatto ricorso. A graduatoria ultimata, quindi dopo che l’Inps avrà valutato i ricorsi, partirà anche il piano personale assistenziale previsto dal progetto e dedicato a un numero compreso tra il 50 e il 75 per cento delle famiglie idonee. Tra le misure previste, un percorso per far rientrare nel mondo del lavoro almeno un membro del nucleo familiare.

    Approfondisci:
    - cos'è la social card sperimentale
    - come ci si è mossi nel Comune di Bologna circa la social card sperimentale
    - la situazione attuale a livello nazionale
    (fonte agenzia stampa redattoresociale)

  • 11 Marzo 2014 | Le città come beni comuni: on line gli interventi del convegno vedi

    E' disponibile on line la registrazione degli interventi al convegno organizzato da Comune e Labsus presso l'Auditorium Enzo Biagi di Salaborsa lo scorso 22 febbraio dal titolo "Regole nuove in comune, per un'amministrazione condivisa" (Presentazione del primo regolamento comunale sull'amministrazione condivisa per la cura dei beni comuni urbani).
    Guarda il video del convegno
    (fonte: redazione Sportellosociale)

  • 10 Marzo 2014 | Casa, nuovo bando per giovani coppie vedi

    Via al nuovo bando regionale "Una casa per le giovani coppie e altri nuclei familiari" in cui la Regione Emilia-Romagna mette a disposizione per il provvedimento 7 milioni di euro per l’acquisto dell’abitazione.
    L’intervento, il nono, è stato deliberato dalla Giunta nel corso dell’ultima seduta. A oggi il progetto "Una casa per le giovani coppie e altri nuclei familiari" (avviato nel 2009) ha consentito in Emilia-Romagna l’acquisto della prima casa a 1142 nuclei con un contributo complessivo della Regione di 24 milioni euro.

    Le risorse sono destinate ad erogare un contributo, in conto capitale, per alloggio di 20 mila euro che sale a 30 mila per i soggetti residenti nei comuni della colpiti dagli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012 che acquistano (anche con patto di futura vendita) un alloggio nell’ambito dello stesso Comune di residenza o in uno ad esso con termine ricompreso nell’elenco dei Comuni colpiti. Il contributo può essere incrementato al massimo di 3 mila euro per gli alloggi realizzati con tecniche costruttive che garantiscono l’applicazione integrale dei requisiti di prestazione energetica degli edifici e degli impianti energetici e la massimo di 2 mila euro per i nuclei nei quali sia presente almeno un figlio.
    Leggi tutto su sociale.emilia-romagna.it:  http://www.regione.emilia-romagna.it/notizie/attualita/casa-nuovo-bando-per-giovani-coppie

  • 10 Marzo 2014 | Infanzia e adolescenza: a Bari il 27 e 28 marzo la IV conferenza nazionale vedi

    Il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali nei giorni 27 e 28 marzo 2014 organizza a Bari la Quarta Conferenza Nazionale sull’infanzia e l’adolescenza. L’evento, che si svolgerà al massimo livello istituzionale, rappresental'occasione per far incontrare le amministrazioni  centrali e territoriali, le associazioni, il privato sociale, le imprese e tutti gli attori che si occupano di infanzia e adolescenza, mettendo a disposizione uno spazio di confronto e di riflessione.

    I due giorni di lavoro, articolati attorno a sessioni plenarie e tematiche che avranno  il  contributo  dei  più noti studiosi italiani,
    permetteranno  lo  svolgersi  di un’ampia consultazione tra le forze coinvolte in vista della  formulazione del Piano nazionale per l’infanzia e l’adolescenza.

    Per procedere all’iscrizione e alla scelta della sessione di lavoro a cui si intende partecipare, e per tutte le informazioni sulla logistica, sui contenuti della Conferenza e sul programma dell’evento, si può consultare il sito  http://www.conferenzainfanzia.info

  • 6 Marzo 2014 | 8 marzo. Differenze, emarginazione: storie di donne vedi

    "Ha senso parlare di disagio, povertà, esclusione sociale al femminile?
    La domanda potrebbe essere posta anche in un altro modo: il disagio, la povertà, l'esclusione sociale hanno una con­notazione di genere? Vi sono cioè delle condizioni di disagio im­putabili unicamente o prevalentemente al fatto di essere donne anziché uomini?
    Queste sono domande che possano costituire un'ipotesi di lavoro che vale la pena indagare. Oggi è abbastanza acquisita l'esistenza di una specifica "condizione femminile", su cui ormai abbonda la letteratura. Ma ciò non significa necessariamente che tale condizione, per la sua specificità, possa essere elemento favorente stati di deprivazione, quindi caratterizzati da una valenza diversa - quantitativamente e/o qualitativamente - dal disagio che colpisce il genere maschile.
    Non può che trattarsi di un'ipotesi, per quanto oggi sempre più documentata, perché, ai grossi cambiamenti sociali che tutti in qualche modo percepiamo, allo sviluppo recente di studi sulla qua­lità della vita e sull'esclusione sociale in generale, non si accompagnano altrettanto ampie e specifiche ricerche empiriche, né elaborazioni delle scienze sociali focalizzate sull'analisi e comprensione complessiva delle peculiarità al femminile di questi processi.
    Vi sono tuttavia numerosi segnali che fanno pensare che l'esse­re donna, per lo meno a certe condizioni, esponga maggiormente, rispetto agli uomini, a rischi di disagio anche grave. Ma si tratta ancora più che altro di segnali, pur consistenti, perché la maggior parte degli studiosi (o meglio, delle studiose) sottolinea innanzi­tutto la scarsa visibilità, ad esempio della povertà, al femminile [...]".
    Così scrivevano nel 2002 Caritas e Fondazione Zancan in "Cittadini invisibili: rapporto sulla esclusione sociale"
    Oltre dieci anni sono passati e nel pieno dell'era della crisi si possono registrare sia passi in avanti che indietro. In questo otto marzo 2014 diamo spazio alle immagini, con una serie di video che toccano un po' tutte le realtà del sociale.
    Alleghiamo anche alcune progettualità, iniziative, dati e risorse legate al lavoro del Comune

    Donne, corpo, culture
    Le donne immigrate hanno un diverso rapporto con il proprio corpo, la sessualità, la contraccezione? Che cosa si fa per comprenderle nel Consultorio? Intervista alla d.ssa Daniela Fantini, ginecologa presso l'ASL Provincia di Milano 1

    Prendere la parola: donne rom si raccontano
    Le donne rom vivono, loro malgrado, la condizione di minoranza nella minoranza: perché sono rom e perché sono donne. Dopo anni fianco a fianco all'interno della bottega di stireria e sartoria Taivè, voluta da Caritas Ambrosiana, abbiamo imparato a conoscerle meglio. Attorno alle macchine da cucire si ritrovano donne con storie, prospettive e idee che faticano a trovare ascolto.

    Il loro Natale, storie di donne legate al mondo del carcere
    "Il loro Natale" è un film documentario diretto da Gaetano Di Vaio e narra le storie di donne legate al mondo del carcere. Mogli, mamme e figlie di persone recluse, che si ritrovano da sole a fronteggiare le difficoltà quotidiane legate alla sopravvivenza, di provvedere a se stesse, ai propri figli e ai congiunti detenuti.

    Di Passaggio
    Spettacolo teatrale tratto dal volume "Passaggio a Trieste"(Einaudi) di Fabrizia Ramondino.
    Raccontare il dramma dell'esperienza manicomiale in modo "leggero" non è semplice.

    La bestia nel cuore (*)
    La storia principale di Sabina (Giovanna Mezzogiorno) che decide di indagare e affrontare il lato oscuro del suo passato infantile, si intreccia con la storia di due sue amiche: la non vedente Emilia (S.Rocca) e Maria (A.Finocchiaro). Le due donne che cominciano a frequentarsi per caso, finiranno con l'innamorarsi. Interessante come in questa vicenda viene rappresentato, affrontato e vissuto l'handicap visivo al femminile.
    (*) Riferimento tratto dalla Bibliografia "Donne e disabilità nel cinema" (a cura di Annalisa Benedetti), Gruppo donne Uildm

    Mi fido di te
    Scene dallo spettacolo teatrale "Mi fido di te"che mette in scena alcuni brani significativi delle storie di vita di donne tossicodipendenti estratti dal libro di Lorella Molteni, "L'eroina al femminile"

    Per approfondire queste tematiche è possibile trovare abbondante materiale (libri, riviste, video) presso i Centri documentazione di Bologna specializzati su tematiche sociali

    Comune di Bologna. Un cambiamento di prospettiva. NoiNo.org Uomini contro la violenza sulle donne
    è una campagna di comunicazione sociale e di community building, promossa dalla Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, che chiede agli uomini, di considerare la violenza contro le donne un tema che li interessa e li interpella in prima persona. Un’assunzione di responsabilità che punta l’accento sugli autori anziché sulle vittime.

    Comune di Bologna. Le donne Maasai si raccontano
    Una mostra fotografica per sensibilizzare sul tema delle mutilazioni genitali femminili è visitabile dal 24 febbraio al 22 marzo alla Biblioteca “Casa di Khaoula". L'iniziativa rientra nelle attività di contrasto del fenomeno delle MGF che vedono il Comune di Bologna quale soggetto attuatore per l'area metropolitana di un progetto nato dall'intesa tra il Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri e la Regione Emilia-Romagna. Nell'ambito di tale progetto anche il video “Sul filo di un sogno”, realizzato dall'associazione La Nostra Africa, uno tra i partner della rete locale

    Comune di Bologna. Le donne e il mondo del lavoro
    Dati sulle forze di lavoro disaggregati per genere e sull’imprenditoria femminile a Bologna. Un'analisi dei dati statistici disaggregati per genere.del Dipartimento Programmazione del Comune

    (a cura redazione sportello sociale Comune Bologna, Ufficio pari opportunità Comune di Bologna)

  • 28 Febbraio 2014 | Adattare la casa alla non autosufficienza. Consulenze e informazioni dal nuovo sito dei CAAD dell'Emilia Romagna vedi

    I dati sulla non autosufficienza in Italia, testimoniati da tante ricerche pubblicate a più livelli da una decina di anni, parlano chiaro: la popolazione invecchia, le capacità di cura delle famiglie diminuiscono per svariati motivi, le necessità legate alle situazioni di non autosufficienza pongono problemi seri prima di tutto alle famiglie ed anche ad una rete di servizi ancora in gran parte da costruire nell'era, purtroppo, della crisi.

    Tra i tanti interventi che la rete dei servizi pubblici e privati mette in campo (assistenza socio sanitaria a casa; strutture residenziali; strutture diurne; badanti; fornitura di ausili; …) uno dei settori sicuramente più importanti è quello dell’adattare la casa delle persone alle sopravvenute esigenze della non autosufficienza.
    In una ottica di diffusione capillare sul territorio l’esperienza senz’altro più significativa a livello nazionale  è quella promossa dalla Regione Emilia Romagna con la creazione di una rete regionale di CAAD (centri per l’adattamento dell’ambiente domestico) che forniscono consulenza gratuita a chiunque ne faccia richiesta. La consulenza è a 360°: aspetti tecnici, riabilitativi, fiscali, informativi, spesso accompagnati da sopralluoghi presso le abitazioni.

    Dal 2005, anno di avvio, i dieci CAAD della regione hanno svolto una intensa attività, che può essere riassunta in questi numeri: oltre 34.300 prestazioni effettuate (informative, di consulenza in sede o a distanza, contatti, formazione, gruppi di lavoro, …), oltre 4500 sopralluoghi in abitazioni, 15.000 persone anziane o disabili supportate, oltre 10.500 le consulenze ad operatori sociali, sanitari, del settore edilizia, impiantistica, tecnologie.

    Da gennaio 2014 il lavoro dei CAAD si arricchisce di un sito completamente nuovo ricco di informazioni e rubriche di documentazione sui temi specifici dell’adattamento domestico (porte, ascensori, interruttori, pavimentazioni, scale…), di soluzioni per i vari ambienti della casa (cucina, bagno, studio, camera da letto…) o su problematiche specifiche (accudire figli da parte di genitori disabili, i rapporti col condominio, gli incidenti domestici). Una sezione è dedicata anche a tutte le possibili fonti di contributi e finanziamenti.
    Accanto al sito un servizio mensile di Newsletter a cui si sono abbonati fino ad ora circa un migliaio di persone, che prosegue ed amplia il lavoro svolto fino ad ora dal CAAD di Bologna che dal 2006 ha fatto circolare oltre 580 notizie su vari aspetti specifici e di scenario collegati all'adattamento domestico. L'iscrizione alla newsletter è gratuita e si effettua dalla home page del sito della rete dei CAAD.

  • 27 Febbraio 2014 | Arrivati in redazione (gennaio-febbraio 2014) vedi

    I libri, le ricerche, le riviste, gli opuscoli, le newsletter arrivate negli ultimi due mesi in redazione ed utili per chi lavora nell'ambito sociosanitario

    LIBRI - Milena Diomede Canevini, A.M.Campanini, Servizio sociale e lavoro sociale, Il Mulino, Bologna, 2013
    Frutto della ricerca di alcuni fra i maggiori esperti italiani e internazionali del servizio sociale e delle professioni sociali, il volume si propone di colmare la lacuna sui nessi fra «lavoro sociale» e «servizio sociale» nella letteratura sul servizio sociale italiano, e di dare una definizione delle rispettive caratteristiche disciplinari e professionali. In un confronto serrato tra diversi approcci teorici, gli autori chiariscono i termini da un punto di vista epistemologico e storico-semantico, collocando l’analisi nell’evoluzione storica dei processi di modernizzazione dei sistemi di welfare e dei cambiamenti nei paradigmi delle scienze umane e sociali. Viene indagata la specificità del servizio sociale italiano, in relazione con il «social work» europeo e internazionale, in base all’analisi delle esperienze specifiche e, in un’ottica comparata, con un’attenzione specifica alle prospettive di evoluzione e di trasformazione che attraversano il settore del lavoro sociale. Contributo originale sui contenuti etici e deontologici delle professioni sociali, il volume fa il punto sulla formazione universitaria degli assistenti sociali e dei «social workers».

    LIBRI - G.Moro, Contro il non profit, Laterza, 2014
    Il nuovo libro di Giovanni Moro demolisce 30 anni di retorica su un settore che “non esiste nella realtà”, caratterizzato da definizioni inadeguate, dati abnormi, normativa confusa e oppressiva. E propone una nuova classificazione che sarebbe molto utile discutere
    La bella recensione di redattoresociale
    (ndr: già nel 2002 Paola Tubaro aveva scritto questo libretto "Critica della ragion non profit", edito da Derive e Approdi. Ancora alcune note critiche all'alba del non profit in Italia: 1997, Cinque anni di terzo settore)

    LIBRI - Fosti G.(a cura di), Rilanciare il welfare locale, Egea, Milano, 2013
    Il testo affronta il tema della programmazione locale, confrontandosi con due questioni distinte, ma strettamente intrecciate:
    • come fare programmazione sociale nel tempo della crisi;
    • come sviluppare dinamiche ricompositive nell’ambito del welfare locale.
    La prospettiva che gli autori propongono è quella di chi crede che, in questo momento, occuparsi di welfare signiÀchi porsi di fronte a una scelta di campo tra coloro che, da un lato, vogliono accettare il ripiegamento delle risorse e ne traggono la conseguenza di un abbandono dei sistemi di welfare; e, dall’altro, coloro che ritengono, invece, che questa situazione apra le condizioni e, al tempo stesso, chiami a una responsabilità per difendere una grande conquista del ’900, ma che questa difesa non possa esistere se non con i tratti del ripensamento e del rilancio.

    RAPPORTI DI RICERCA - Eurispes: Rapporto Italia 2014
    E’ stato presentato il Rapporto Italia 2014 dell’Eurispes. Il Rapporto è stato costruito, come di consueto, attorno a 6 dicotomie, illustrate attraverso altrettanti saggi accompagnati da 60 schede fenomenologiche:Italia/Europa; finanza/finanza; destra/sinistra; etica/estetica; ricchezza/povertà; conservazione/cambiamento.L’indagine ha toccato le tematiche e i fenomeni
    correlati a ciascuna delle sezioni che compongono il Rapporto i quali hanno stimolato il più recente dibattito e l’interesse dell’opinione pubblica. In particolare, hanno partecipato e contribuito a delineare il quadro degli orientamenti presenti nella compagine della nostra società 1.097 cittadini. La rilevazione è stata effettuata nel periodo tra il 13 dicembre 2013 e il 4 gennaio 2014.
    Comunicato stampa
    Sintesi del Rapporto
    (newsletter lega autonomie)

    RAPPORTI DI RICERCA - Disabili figli di migranti nei servizi educativi e nella scuola. A.A. 2011-12
    a cura di Sandra Mei e Serena Cavallini, Comune di Bologna, Settore Istruzione, Centro Ri.E.Sco, Laboratorio di Documentazione Formazione, Bologna, 2013
    Con questo fascicolo il Centro Ri.E.Sco prosegue nel lavoro di approfondimento sul tema dei disabili stranieri, portato alla luce da studi recenti.
    Obiettivo non scontato poiché la raccolta di dati ha storicamente riguardato la condizione di disabilità e l'appartenenza linguistico culturale come due variabili che di rado sono state incrociate in passato nelle rilevazioni a carattere locale e non.
    Il difficile compito di fotografare una presenza vasta e composita risponde alla necessità di catturare la dimensione del fenomeno, la distribuzione delle presenze nei vari gradi della scuola e di permettere una descrizione socio-anagrafica.
    Link al catalogo bibliografico di RiESco
    Il fascicolo e in distribuzione gratuita presso la biblioteca del Centro RiESco

    GUIDE - "Dove andare per" on line la versione 2014 della Guida di Avvocato di strada
    “Dal 2003 ogni anno realizziamo una guida costantemente aggiornata e riveduta, che indica a tutte le persone senza dimora di Bologna dove andare per vestirsi, lavarsi, mangiare, trovare lavoro e assistenza legale. La guida – sottolinea Mumolo – rappresenta un’utile strumento anche per tutti gli operatori che lavorano nell’ambito dell’esclusione sociale e sempre più negli anni è diventata un punto di riferimento anche per tutte quelle persone che pur non vivendo in strada hanno bisogno di un aiuto per arrivare a fine mese: penso agli anziani con la pensione minima, alle famiglie rimaste senza lavoro, alle donne sole”.

    GUIDE - L'accesso alle cure per le persone straniere: indicazioni operative- Vademecum per operatori, a cura Ministero salute e Istituto superiore di sanità, Roma, 2013
    Uno strumento operativo rivolto agli operatori socio-sanitari, ai mediatori linguistico-culturali, ai volontari impegnati  nella tutela dei diritti delle persone migranti, per rispondere correttamente alle numerose richieste di assistenza e di informazione che provengono dalle persone immigrate. Il vademecum è il risultato della collaborazione tra l’Istituto Superiore di Sanità, il Ministero della Salute, un esperto legale in diritto dell'immigrazione del Foro di Palermo, gli specialisti in editoria scientifica e grafica del Settore Attività Editoriali dell'ISS. Il lavoro è suddiviso in 6 sezioni, ognuna delle quali tratta un aspetto della tematica:
    1) L’accesso ai servizi socio-sanitari e di assistenza degli stranieri regolarmente soggiornanti;
    2) Accesso ai servizi socio-sanitari e di assistenza della persona straniera non regolarmente soggiornante;
    3) Accesso della persona straniera alle cure, in base agli Accordi internazionali bilaterali tra l’Italia e i singoli Stati;
    4) Accesso ai servizi socio-sanitari e di assistenza del cittadino dell'Unione Europea;
    5) Divieti di espulsione e protezione internazionale;
    6) Facsimile di documenti/certificati
    (fonte newsletter qualificare.info)

    OPUSCOLI - Comune di Bologna, Piano di azione locale per l'inclusione sociale delle persone Rom e Sinte 2013-2014, Comune Bologna, 2013
    Il fascicolo è reperibile presso la segreteria dell'Istituzione inclusione sociale del Comune di Bologna, Tel.051/2195442 ; Fax 051/2193260 E-mail: segreteriaistituzione@comune.bologna.it

     

  • 27 Febbraio 2014 | AVVISO AI VISITATORI DEL SITO vedi

    Per problemi tecnici sono momentaneamente non attive le funzioni di iscrizione alle nostre newsletter e di invio di messaggi di posta elettronica alla redazione.
    Fino a diversa comunicazione vi preghiamo di contattarci per ogni esigenza al nostro indirizzo e-mail

  • 26 Febbraio 2014 | "La casa al tempo della crisi”, documentario sull'emergenza a Bologna vedi

    Cinquanta minuti per raccontare l’emergenza abitativa. È “Bologna: la casa al tempo della crisi”, il documentario di Giacomo Grassi e Maurizio Tarantino. Un “documentario di studio”, come lo definiscono gli autori, con tanto di dati alla mano.
    Sono 10.700 famiglie chiedono una casa popolare e quelle che restano in lista d’attesa hanno un reddito medio lordo di poco più mille euro. In media i privati pagano un affitto di 521 euro, che incide sul reddito per oltre il 50 per cento. Nel 2012 sono state 2.202 le convalide di sfratto, quasi tutte per morosità (il 93 per cento).
    Gli alloggi popolari sono 20 mila in tutta la provincia, 12 mila nel solo comune di Bologna.
    “Alcuni dei dati riportati possono essere diversi oggi – sottolinea Grassi – ma contribuiscono ugualmente a definire un quadro complessivo della situazione che non appare cambiato”. Un quadro di estrema difficoltà.
    Girato tra marzo 2012 e ottobre 2013, il documentario è diviso in due parti. La prima ci fa scoprire qual è la logica sulla quale si muove la politica abitativa, capire la posizione delle istituzioni e conoscere le difficoltà incontrate dalle persone. La seconda, invece, mette in evidenza le realtà di social housing, fa un’analisi del mercato del mattone bloccato, parla di case sfitte e di come riqualificare e riutilizzare il costruito.
    A parlare amministratori e tecnici di Comune e Provincia.
    Trailer del video
    La prima parte del video
    (fonte redattoresociale)

  • 26 Febbraio 2014 | Convegni, conferenze, corsi sociali a Bologna (marzo 2014) vedi

    Le conferenze, i seminari, i corsi di formazione del mese di marzo, utili per chi opera in campo sociale


    sabato 1 marzo
    seminario "Banning Poverty 2018: incontro su salute, lavoro, ambiente e welfare"
    a cura di CGIL
    dalle 9,30 alle 13, Sala Di Vittorio, Camera Metropolitana del lavoro, via Marconi 67, Bologna

    lunedì 3 marzo
    spettacolo teatrale "La bocca ha divorato il fiume" (Porrajmos, lo sterminio degli zingari durante la II guerra mondiale, spettacolo per le scuole medie)
    a cura di Ist.inclusione sociale, Consorzii Indaco, Famiglia Malaussene, Comune Bologna, Progetto Roma_Matrix
    ore 10,30, cinema Lumiere, via Azzo gardino 65, Bologna

    martedì 4 marzo
    seminario "Ci potete contare: consorzio Indaco, tra esperienza e innovazione"
    a cura di Consorzio Indaco
    dalle 15 alle 18,  sala Centro italiano di documentazione sulla cooperazione e l'economia sociale, via Mentana 2, Bologna

    giovedì 6 marzo
    presentazione della ricerca “Percezione, diffusione ed interpretazione dell’Istituto dell’Affidamento al Servizio Sociale tra gli operatori delle Istituzioni deputate alla protezione, cura e tutela dell’infanzia”
    a cura di Garante regionale infanzia e adolescenza
    dalle ore 9,30 alle 13,00,  Regione Emilia-Romagna Sala polivalente, via Aldo Moro 50, Bologna

    venerdì 7 marzo
    convegno "Richiesta di asilo e Paesi di origine e provenienza"
    a cura di Regione Emilia-Romagna e Comune di Reggio Emilia
    dalle 9,30 alle 17,00, Regione E.Romagna, Sala 417C,  Viale Aldo Moro 21, Bologna

    sabato 8 marzo
    Convegno: “Malattie rare. Formazione, Informazione e Ascolto in Emilia-Romagna”
    a cura Regione Emilia-Romagna, Servizio presidi ospedalieri
    dalle 9,00 alle 17,00, Terza Torre della Regione, Viale della Fiera 8, Bologna

    sabato 8 marzo
    conferenza "Il lettino e la piazza: il femminicidio"
    a cura di Centro psicoanalitico di Bologna
    dalle 10,30 alle 12,30, Sala Borsa-Auditurium Enzo Biagi, p.Nettuno 3, Bologna

    mercoledì 12 marzo
    seminario “Sistema dei servizi del pubblico e del privato sociale per avviare percorsi di integrazione a Bologna”
    a cura Istituzione inclusione sociale Comune di Bologna
    dalle 15 alle 17, presso sede VOLABO, via Scipione dal Ferro 4, Bologna

    giovedì 13 marzo
    corso "Energia vitale e motivazione al lavoro socio sanitario: oltre il fare, verso l’essere"
    a cura di Maggioli formazione
    dalle 9,30 alle 18,30, presso Hotel Europa, Via C. Boldrini 11, Bologna

    giovedì 13 marzo
    seminario “Libertà economica e diritti sociali: bilanciamento o integrazione?”
    a cura di UniBo
    alle ore 10.00. Aula 1 Scuola Superiore di Studi giuridici, Via Belmeloro 12, Bologna

    mercoledì 19 marzo
    incontro "Cittadinanza e percorsi di integrazione" (percorsi di integrazione oltre il dilemma tra ius sanguinis e ius soli, con particolare attenzione, nella discussione, al mondo dei giovani, alla socializzazione e all'impatto degli stessi con il mondo del lavoro)
    a cura di Comunità di S.Egidio
    ore 21, aula Magna del centro universitario cattolico di San Sigismondo, via san Sigismondo 7, Bologna

    mercoledì 19 marzo
    convegno “E  se non fosse una favola? Dieci anni di Amministrazione di sostegno e di cittadinanza attiva”
    a cura associazioni progetto SOStengo
    alle 14,30, Oratorio San Filippo Neri, Via Manzoni 5, Bologna

    martedì 19 marzo
    incontro "I lavavetri ai semafori: uno sguardo equidistante tra allarmismo e indifferenza" (presentazione del volume Lavami di M.Vignudelli)
    a cura Q.re Porto
    alle ore 18,00, sala Q.re Porto, via dello Scalo 21, Bologna

    giovedì 20 marzo
    incontro in occasione del X Anniversario della morte di Don Paolo Serra Zanetti "Sovvenire a qualche bisogno di persone povere. L'esperienza degli alloggi di transizione"
    a cura Istituzione inclusione sociale del Comune di Bologna
    dalle 15 alle 18,  Sala Tassinari, Cortile d'onore di palazzo d'Accursio, Piazza Maggiore 6, Bologna

    venerdì 21 marzo
    seminario "Fotografia del sociale"
    a cura Regione E.Romagna
    dalle 9,30 alle 13,00, sede Regione Emilia-Romagna, Terza Torre - Sala A, viale della Fiera 8, Bologna

    sabato 22 marzo
    seminario "Verso nuovi orizzonti: un sistema territoriale dei servizi educativi 0-3 anni"
    a cura Gruppo nazionale Nidi e infanzia, Comune San Lazzaro, Sophia
    dalle 8,45 alle 13,00, Aula Magna dell’ I.I.S. Enrico Mattei, Via Rimembranze 26, San Lazzaro di Savena (BO)

    sabato 22 marzo
    incontro "Istituzioni e Associazioni IN RETE contro la violenza alle donne"
    a cura di progetto Istituzioni e Associazioni In rete, Comune Bologna
    dalle 10 alle 17, Centro Documentazione Donne, via del Piombo 5-7, Bologna

    mercoledì 26 marzo
    seminario "Lavoro e salute mentale. Scenari contemporanei sul lavoro"
    a cura di Istituzione Minguzzi, ASL Bologna
    dalle 16 alle 19, Aula delle Colonne, Complesso ex-Roncati, via Sant’Isaia 90, Bologna

    mercoledì 26 marzo
    seminario "Promuovere la qualità dell'assistenza nelle strutture socio-sanitarie per anziani"
    a cura di Progetto regionale INQUA
    dalle 9,30 alle 13, Regione E.Romagna, Sala A Terza Torre, viale della Fiera 8, Bologna

    giovedì 27 marzo
    convegno “Cultura digitale e dintorni” (Resoconto Progetto Pane e internet)
    a cura di Regione E.Romagna
    dalle 9,30 alle 13,00, sede Regione E.Romagna, terza torre, Via della Fiera 8, Bologna

    giovedì 27 marzo
    convegno "Bologna: consumi responsabili"(antispreco consumi alimentari)
    a cura di Provincia, Comune, PSM, UniBo
    dalle 9,00 alle 18,00, aula Giorgio Prodi, P.zza San Giovanni in Monte 2, Bologna

    sabato 29 marzo
    seminario "Cittadini e sistema sanitario, l'importanza di capirsi. L'esperienza dei Comitati consultivi misti"
    a cura Regione E.Romagna
    dalle 9,00 alle 14,30, Terza Torre Regione E.Romagna, viale della Fiera 8, Bologna

  • 24 Febbraio 2014 | "Dove andare per": on line la versione 2014 della Guida di Avvocato di strada vedi

    L’edizione 2014 di “Dove andare per….”, la guida di Bologna per le persone senza dimora, è pronta e nei prossimi giorni verrà distribuita in tutta la città”. A darne notizia è Antonio Mumolo, presidente dell’Associazione Avvocato di strada Onlus.
    “Dal 2003 ogni anno realizziamo una guida costantemente aggiornata e riveduta, che indica a tutte le persone senza dimora di Bologna dove andare per vestirsi, lavarsi, mangiare, trovare lavoro e assistenza legale. La guida – sottolinea Mumolo – rappresenta un’utile strumento anche per tutti gli operatori che lavorano nell’ambito dell’esclusione sociale e sempre più negli anni è diventata un punto di riferimento anche per tutte quelle persone che pur non vivendo in strada hanno bisogno di un aiuto per arrivare a fine mese: penso agli anziani con la pensione minima, alle famiglie rimaste senza lavoro, alle donne sole”.
    Per richiesta di copie da parte di associazioni: telefonare allo 051/397971 oppure scrivere a bologna@avvocatodistrada.it
    Scarica la guida in formato pdf
    (fonte avvocatodistrada.it)

  • 24 Febbraio 2014 | Pass disabili: in vigore le nuove regole dal 15 febbraio vedi

    Conclusa la consegna a domicilio delle comunicazioni circa le nuove modalità di comunicazione delle targhe, per i titolari dei pass disabili rilasciati prima del 26 novembre 2013, e iniziato il rilascio dei nuovi contrassegni in base alla nuova regolamentazione, dal 15 febbraio in vigore per tutti le nuove regole.
    Leggi tutto nel sito del Comune

    (fonte Comune Bologna)

  • 24 Febbraio 2014 | Accoglienza per famigliari di persone ammalate ricoverate a Bologna vedi

    A partire dal mese di gennaio, in Via Murri 171, è di nuovo attiva la Casa d’Accoglienza San Silverio di Chiesa Nuova.  L’obiettivo della Casa d’Accoglienza è offrire ospitalità agevolata ai familiari di persone in cura presso gli ospedali del territorio bolognese. La gestione e l’organizzazione sono affidati alla Cooperativa Sociale Andy Cooper.  Per avere informazioni sulle attività potete scrivere a: info@andycooper.it , oppure telefonare allo 051.6234210  o visitare la pagina su Facebook

    Altre informazioni sulle opportunità per soggiornare a favore di parenti di ammalati ospiti delle strutture sanitarie bolognesi possono essere reperite nel sito dell'Azienda Ospedaliera S.Orsola-Malpighi e nel sito degli Istituti ortopedici Rizzoli
    (fonte redazione sportello sociale, servizio sociale ospedaliero Aosp)

  • 24 Febbraio 2014 | Sportello lavoro: il report 2013 vedi

    E' disponibile nel nodo lavoro ed orientamento del sito del Comune il rapporto reletivo alle attivià dello Sportello lavoro del Comune nei mesi da novembre 2012 a dicembre 2013. Analisi quantitative e qualitative che mettono in luce l'evoluzione dell'attività e delle tipologie di utenti.
    Scarica il Rapporto 2013

    Tra le attività del 2014 segnaliamo anche un ciclo di sei incontri che lo sportello effettua con gli operatori degli sportelli sociali e degli altri sportelli a valenza sociale della rete dei servizi del Comune (Servizio sociale a bassa soglia, Sportello Rifugiati e richiedenti asilo dell'Asp Città di Bologna; Sportello Informafamiglia del Centro per le famiglie di Asp Irides) per meglio raccordare le attività di collaborazione, scambio, gestione congiunta di azioni e interventi informativi tra sportelli, per meglio venire incontro alle esigenze degli oltre 32mila contatti che questi sportelli realizzano complessivamente ogni anno.
    (fonte sito Comune Bologna, redazione sportello sociale)

  • 14 Febbraio 2014 | La guerra che verrà: i bilanci delle famiglie italiane. vedi

    E’ stata pubblicata in questi giorni l’indagine campionaria della Banca d’Italia "I bilanci delle famiglie italiane nell’anno 2012". Se l’impoverimento generale è un dato negativo ma non inaspettato in una fase di recessione, ciò che invece appare più grave è l’aumento delle diseguaglianze – il 10 % delle famiglie più ricche possiede il 46,6 % della ricchezza netta familiare totale (+0,9% sul 2010) e il 10% di quelle più povere solo il 2,4. Più penalizzate le nuove generazioni, colpite da un drastico calo del reddito medio e da un forte aumento del rischio povertà. In sintesi: con la crisi ricchi più ricchi e poveri più poveri...anche se su questo assunto è necessario fare precisazioni.
    Leggi tutto su secondowelfare.it
    Leggi l'indagine campionaria della Banca d'Italia
    (ndr)...vengono alla mente le parole della poesia di Brecht "La guerra che verrà non è la prima. Prima ci sono state altre guerre. Alla fine dell’ultima c’erano vincitori e vinti. Fra i vinti la povera gente faceva la fame. Fra i vincitori faceva la fame la povera gente ugualmente"
    (fonte newsletter secondowelfare, lavoce.info, repubblica.it, redazione sportello sociale)

  • 13 Febbraio 2014 | Il 22 febbraio a Bologna sarà presentato il primo regolamento per l'amministrazione condivisa vedi

    Per uscire dalla crisi abbiamo bisogno, fra le altre cose, anche di amministratori comunali capaci di amministrare non soltanto “per conto dei” cittadini, ma anche “insieme con” i cittadini, riconoscendoli come portatori di competenze e capacità preziose per migliorare la qualità della vita dell’intera comunità.
    Il progetto Le città come beni comuni ha inteso fare ell’amministrazione condivisa il tratto distintivo del Comune di Bologna, mostrando con i fatti che l’alleanza tra cittadini e istituzioni è non solo auspicabile, ma anche possibile.
    Il progetto, iniziato nel giugno 2012, è stato promosso e sostenuto dalla Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna e realizzato dal Comune di Bologna con il supporto scientifico di Labsus-Laboratorio per la sussidiarietà e la collaborazione del Centro Antartide. I risultati del progetto saranno presentati il 22 febbraio prossimo con la partecipazione tra gli altri del ministro Delrio.
    Leggi tutto su labsus.it
    (fonte newsletter labsus)

  • 11 Febbraio 2014 | Asilo e rifugiati, più protezione in Emilia Romagna vedi

    Diciassette progetti finanziati in Emilia-Romagna, per un totale di circa 6 milioni e 300mila euro di contributi dal ministero dell’Interno. E' l’esito della  graduatoria Sprar (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati), valida per il triennio 2014-2016.
    Sul totale dei progetti Sprar finanziati in Emilia-Romagna 2 riguardano persone con disagio mentale e/o disabili, 1 è rivolto a minori non accompagnati richiedenti asilo e 14 a richiedenti o titolari di protezione “ordinari”.
    “Siamo molto soddisfatti per questo risultato – è il commento dell’assessore regionale alle Politiche sociali Teresa Marzocchi – , che vede un notevole posizionamento dell’Emilia-Romagna in graduatoria: ben 4 progetti compaiono tra i primi 10 a livello nazionale, e 7 tra i primi 20, con il progetto di Parma al primo posto e quello di Ferrara al terzo.
    Leggi tutto su sociale.emilia-romagna.it
    (fonte sociale.emilia-romagna.it)

  • 11 Febbraio 2014 | Via Agucchi: internet e corsi di informatica gratis grazie a "Pescarola online" vedi

    Arriva a Bologna un Internet point gratuito tra le case Acer di via Agucchi comprensivo di Adsl e corsi di informatica: si chiama “Pescarola online” ed è un progetto del Coordinamento Volontariato Lame finanziato dall'Agenda Digitale del Comune di Bologna. Oltre all'Internet point, anche un corso di alfabetizzazione informatica per i residenti e uno di comunicazione web per i ragazzi della zona, il tutto gratuito.
    Il progetto “Pescarola online” è stato realizzato in collaborazione con l’associazione Informatici Senza Frontiere all'interno dello “Spazio comune – Cittadini di Pescarola”, in via Agucchi 284 a/b, un centro di aggregazione situato nel comparto abitativo Acer compreso tra le vie Agucchi e Zanardi e concesso in uso dall'amministrazione cittadina (Comune di Bologna e Quartiere Navile) al CvL: l'obiettivo è quello di valorizzare il concetto di Internet come diritto e ridurre il digital divide soprattutto tra gli stranieri, i disoccupati, le casalinghe, le persone a basso reddito e i ragazzi a rischio di esclusione sociale.
    Leggi tutto su bolognatoday.it
    (fonte sito bolognatoday)

  • 10 Febbraio 2014 | La ragazza con l'orecchino di perla: accessibilità alla mostra vedi

    In occasione della importante mostra “La ragazza con l’orecchino di perla. Il mito della Golden Age. Da Vermeer a Rembrandt”, che si tiene a Bologna dall’8 febbraio al 25 maggio, il Comune ha messo a disposizione tutte le informazioni per l'accessibilità delle persone con disabilità motorie.
    Leggi l'articolo su superando.it
    (fonte redazione sportello sociale)

  • 10 Febbraio 2014 | Aggiornamento della Guida alle agevolazioni fiscali per disabili vedi

    E' uscita la nuova versione della Guida prodotta dalla Agenzia dele entrate aggiornata a dicembre 2013. Agevolazioni su auto, ausili, barriere, figli, spese sanitarie e di assistenza, successioni e donazioni...).
    Ricordiamo che gli Uffici della Agenzia effettuano anche servizi gratuiti (anche a domicilio) di consulenza per le persone disabili impossibilitate a muoversi da casa.
    Scarica la Guida alle agevolazioni fiscali
    Consulta le informazioni sui servizi di consulenza
    (fonte redazione sportello sociale Comune Bologna)

  • 10 Febbraio 2014 | Da INPS borse di studio per le medie e superiori vedi

    L'INPS ha pubblicato il bando di concorso "Super Media 2013" per 6200 borse di studio per la frequenza delle scuole secondarie di primo e secondo grado destinate ai figli e agli orfani di dipendenti e pensionati della Pubblica Amministrazione iscritti alla gestione Dipendenti Pubblici e alla Gestione Magistrale.
    Per accedere al bando esistono alcuni requisiti reddituali e di votazione scolastica; domande entro il 28 febbraio p.v.
    Leggi tutto nel sito INPS
    (fonte sito INPS)

  • 7 Febbraio 2014 | Novità per gli sportelli sociali di Navile, S. Donato e S. Vitale vedi

    Da martedì 11 febbraio lo sportello sociale del quartiere Navile in zona Lame, in via Marco Polo 53, sarà aperto nelle giornate di martedì e giovedì solo nella fascia mattutina, dalle 8.15 alle 13.30. Nel pomeriggio resta aperto, sempre nelle stesse giornate, fino alle 17.30, lo sportello sociale della Bolognina in via Saliceto 5.
    Martedì 18 febbraio gli sportelli sociali dei quartieri San Donato e San Vitale rimangono chiusi per tutta la giornata per permettere la riorganizzazione degli uffici di via Rimesse 1/13 dove, da giovedì 20 febbraio, riapre unificato lo sportello sociale unico dei due quartieri.
    Pertanto dal 20 febbraio i cittadini che volessero informazioni e orientamento rispetto alla rete dei servizi, segnalare un problema o richiedere un intervento sociale, dal 20 febbraio dovranno rivolgersi alla sede di via Rimesse 1/13 o telefonare, nei giorni di apertura - martedì e giovedì dalle 8.15 alle 17.30 - ai numeri: 051 340868 (centralino) -  051 4296009 (diretto).
    Consulta gli orari e le sedi degli sportelli sociali
    (fonte sito Comune Bologna)

  • 31 Gennaio 2014 | Abbonamenti Tper per anziani, invalidi e altre ategorie 2014. Rinnovi al via dal 3 febbraio vedi

    Il Comune di Bologna ha recepito l'accordo regionale in materia di tariffe agevolate a favore di anziani, disabili e altre cqategorie, sui servizi di trasporto pubblico e ha definito le agevolazioni, previste dal Comune, sulle tariffe di abbonamento agevolato per l’area urbana, per gli aventi diritto.
    Gli abbonamenti a tariffa agevolata vengono rilasciati ai residenti nel Comune di Bologna e sono di due tipologie:
    - abbonamento annuale personale per l'area urbana (con contributo del Comune)
    - abbonamento annuale personale cumulativo (validi per l'area urbana più un percorso extraurbano)
    Validità degli abbonamenti rilasciati:
    - nuovi abbonamenti: scadenza a 12 mesi dal momento del rilascio
    - rinnovo abbonamenti con scadenza 31 dicembre 2013: scadenza 31 dicembre 2014
    Le pratiche di rinnovo per questi abbonamenti saranno effettuate dal 3 febbraio in poi, secondo il calendario fissato da TPER.
    Leggi la scheda sugli abbonamenti agevolati nel sito dello sportello sociale
    Leggi le informazioni e il calendario dei rinnovi nel sito T-per

  • 30 Gennaio 2014 | Pubblicato in Gazzetta ufficiale il decreto relativo al nuovo ISEE. I tempi per l'applicazione. vedi

    Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 5 dicembre 2013, n. 159, “Regolamento concernente la revisione delle modalità di determinazione e i campi di applicazione dell'Indicatore della situazione economica equivalente (ISEE)". (Gazzetta Ufficiale del 24 gennaio 2014, n. 19).
    Ora il provvedimento affronta un complesso iter di carattere nazionale che si prevede durerà diversi mesi; dopodichè dovrà essere recepito dai Comuni con propri atti. Per ora quindi si procede come prima.
    Il testo del decreto  dal sito della Gazzetta Ufficiale

    Nuovo ISEE: modi e tempi per l'iter di applicazione a livello nazionale
    (fonte sito Gazzetta ufficiale)

  • 30 Gennaio 2014 | Convegni, corsi, seminari, conferenze (febbraio 2014) vedi

    Le occasioni di formazione e dibattito a Bologna per chi lavora ed è interessato ai temi sociali.

    giovedì 6 febbraio
    convegno "Mappemondi: Crisi economica, dinamiche migratorie, comunità locale, welfare metropolitano"
    a cura di Provincia di Bologna, Istituzione Minguzzi
    dalle ore 9,00 alle 16,30, Auditorium Enzo Biagi di Salaborsa, piazza Nettuno 3, Bologna

    venerdì 7 febbraio
    convegno "Le reti del welfare per la raccolta alimentare e la distribuzione ai meno abbienti"
    a cura regione E.Romagna, caritas Reggio Emilia
    dalle 9,30 alle 14, sede Regione Emilia-Romagna, Aula Magna, viale Aldo Moro 30, Bologna

    sabato 8 febbraio
    convegno “Epilessie: Informazione VS Disinformazione. Epilessia e sport
    a cura di FIE Fed.italiana epilessie
    dalle 9,00 alle 13,30, Circolo Ufficiali di Palazzo Grassi, Via Marsala 12, Bologna

    lunedì 10 febbraio
    incontro "Il Carcere, una realtà nascosta: punizione o recupero della persona?"
    a cura di Ass.Albero di Cirene, Volabo
    dalle ore 19,00 alle 21,30, sala riunioni della parrocchia di Sant’Antonio di Savena, via Massarenti 59, Bologna

    lunedì 10 e venerdì 14 febbraio
    seminari "Emilia-Romagna e Brasile: strumenti e metodi a confronto" (una settimana di confronto sulla promozione della salute e del benessere)
    a cura Agenzia sociale e sanitaria Regione E.Romagna
    per gli orari e sedi dei seminbari previsti vedi il programma

    venerdì 14 febbraio
    seminario "Il mestiere degli altri. Prendersi cura delle connessioni: integrazione, "fare ponte", facilitare l’incontro"
    a cura Agenzia sociale e sanitaria Regione E.Romagna
    dalle 15 alle 18, Regione Emilia-Romagna, Sala B Terza Torre, viale della Fiera 8, Bologna

    sabato 15 febbraio
    seminario "Dalle Malattie Rare alla terapia comune"
    a cura di Federazione di Associazioni Malattie rare Emilia-Romagna
    dalle 9,00 alle 13,30, Aula Bentivoglio dell’Istituto Cavazza, Via Castiglione, 71, Bologna

    venerdì 21 febbraio
    seminario "Quali investimenti per le strategie di contrasto alla violenza sulle donne"
    a cura di Intervita, Comune Bologna, Cas delle donne per non subire violenza
    dalle 14,00 alle 19,30, Sala Anziani di Palazzo d’Accursio, Piazza Maggiore 6, Bologna

    sabato 22 febbraio
    incontro "Presentazione del primo regolamento sull'amministraziione condivisa" (amministratori pubblici: amministrare per conto di ma soprattutto con)
    a cura di Comune Bologna, Labsus, Fondazione del Monte
    dalle 9,30 alle 13,00, auditorium Enzo Biagi, Biblioteca Sala Borsa, p.Nettuno 3, Bologna

    lunedì 24 febbraio
    seminario di presentazione de "Linee guida: Accoglienza e cura di bambini e adolescenti vittime di maltrattamento/abuso in Emilia-Romagna"
    a cura Regione E.Romagna
    dalle 9,00 alle 17,30, Sede regione, Sala A Terza Torre, viale della Fiera 8, Bologna

    giovedì 27 febbraio
    seminario "Forme e pratiche di contrasto all'insuccesso scolastico"
    a cura Istituzione per l'Inclusione sociale Comune di Bologna
    dalle 14,30 alle 17,30, Presso il CDLei, via Cà Selvatica 7, Bologna

    martedì 28 febbraio
    convegno “Contrasto ai matrimoni forzati in Provincia di Bologna: agire sul locale con prospettiva internazionale”
    a cura di Trame di Terra, Action Aid, Fondazione Vodafone
    dalle 9 alle 18.30, Terza Torre della Regione Emilia-Romagna, viale della Fiera 8, Bologna

     

  • 29 Gennaio 2014 | Mille piazze contro il gioco d'azzardo. Le iniziative del Comune, il Piano nazionale. vedi

    Una vera e propria mobilitazioni contro i rischi del gioco d’azzardo. In campo sono scesi i Comuni che stanno raccogliendo le firme per una proposta di legge di iniziativa popolare e tanti Comuni hanno deciso di aderire al manifesto dei sindaci contro il gioco d’azzardo. I Comuni non sono soli a sostenere questa campagna.  Al loro fianco si sono attivati anche tanti comitati, consiglieri, cittadini, associazioni.
    Nell’ambito di questa campagna, per rilanciare la mobilitazione e la raccolta di firme è stata lanciata l’iniziativa “1.000 piazze contro l’azzardo”. Iniziativa sostenuta da Legautonomie e Anci dell'Emilia-Romagna insieme alla "Scuola delle buone pratiche", da effettuarsi tra il 19 e il 26 gennaio.
    Anche il Comune di Bologna, in particolare l'Assessorato alla legalità che ha costituito un comitato ad hoc, sostiene la raccolta di firme.
    Approfondisci le iniziative dei Comuni della regione
    Le iniziative del Comune di Bologna
    I numeri del gioco d'azzardo in E.Romagna

    Da segnalare inoltre che in tema di gioco d'azzardo patologico l'Osservatorio in materia istituito presso l'Agenzia delle dogane e dei monopoli al fine di valutare le misure più efficaci per contrastare la diffusione del gioco d'azzardo patologico (Gap) e il fenomeno della dipendenza grave, ha approvato nel dicembre scorso all'unanimità una strategia d'intervento tradotta in un Piano d'Azione Nazionale (PAN) rivolto alla prevenzione delle problematiche connesse al gioco.
    Approfondisci il tema
    Scarica il Piano di azione contro il gioco d'azzardo patologico
    (fonte sito Comune Bologna, sito sociale.emilia-romagna, sito salute.gov.it)

  • 28 Gennaio 2014 | Carcere, lavoro...e cibo. Insolite saporite navigazioni. vedi

    Un appuntamento singolare quello organizzato per venerdì 31 gennaio all'auditorium Biagi di Sala Borsa dalle 18 alle 21. L'associazione Sapori reclusi, in collaborazione con Le vie del Calice e Wine Bank Italia organizza un incontro sul tema del rapporto tra lavoro e realtà carceraria, tappa di un insolito percorso che inizia nel 2005 con la pubblicazione del libro di Davide Dutto e Michele Marziani “Il Gambero Nero, ricette dal carcere”, libro che parla dei detenuti che cucinano nelle proprie celle, delle loro ricette e delle difficoltà quotidiane.
    Approfondisci nel sito della associazione Sapori reclusi:
    - le finalità e il percorso dell'associazione
    - l'evento in sala Borsa del 31 gennaio 2014
    (fonte Sapori reclusi, redazione sportello sociale)

  • 28 Gennaio 2014 | 4 e 5 febbraio, chiusura dello Sportello e del Servizio sociale del q.re Borgo Panigale vedi

    Causa lavori relativi all'avvio di nuovi uffici, sempre presso la sede di via M.E.Lepido 25/a, il Servizio sociale territoriale del Q.re Borgo Panigale e lo Sportello sociale rimarranno chiusi al pubblico nelle giornate di martedì 4 e mercoledì 5 febbraio p.v. Saranno disattivati anche i relativi numeri telefonici.
    Per ogni esigenza è possibile contattare il centralino del Q.re al numero 051/6418211 (nella giornata di martedì 4 anche il numero del centralino potà osservare momenti di disattivazione causa procedure tecniche).
    (fonte redazione sportello sociale)

  • 28 Gennaio 2014 | Assegno familiare per famiglie numerose : estensione dei beneficiari vedi

    L'INPS ha emanato due circolari con le quali informa circa l'estensione del beneficio dell'  Assegno per il nucleo familiare con almeno tre figli minori concesso dal Comune (art. 65 legge n. 448/98) a due nuove categorie di aventi diritto: i cittadini di paesi terzi che siano soggiornanti di lungo periodo nonché i familiari dei cittadini italiani, dell’unione europea e dei soggiornanti di lungo periodo non aventi la cittadinanza di uno Stato membro che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente. Con la circolare n. 5/2014 l'INPS  ha fornito indicazioni per l’individuazione dei familiari
    Leggi tutto e scarica le circolari Inps nel sito dell'Asgi
    Consulta la scheda sull'Assegno per il nucleo famigliare con almeno tre figli minori
    (fonte sito ASGI)

  • 28 Gennaio 2014 | Borse di studio per studenti biennio superiori e formazione professionale vedi

    La Provincia di Bologna ha emanato il bando per la concessione di borse di studio per l'anno 2013/2014. L'obiettivo del contributo regionale, rivolto a alunni meritevoli e/o a rischio di abbandono del percorso formativo, in disagiate condizioni economiche, è rendere effettivo il diritto allo studio e all'istruzione.
    Per l'anno scolastico 2013/14 le borse di studio sono destinate agli studenti del primo biennio delle scuole secondarie di secondo grado e agli studenti iscritti al secondo anno dell'Istruzione e Formazione Professionale per contrastare l'abbandono e la dispersione scolastica.
    Domande presso le scuole entro il 3 marzo 2014, requisito un ISAEE del nucleo famigliare non superiore a euro 10,632,94
    Il Bando e il modulo di domanda si possono ritirare presso la segreteria della scuola o dell'ente di formazione frequentati e presso gli Uffici Relazioni con il Pubblico (U.R.P.) della Provincia di Bologna (in via Benedetto XIV, 3) e comunali.
    Leggi tutto nel sito della Provincia e scarica bando e modulistica
    (fonte sito Provincia di Bologna)

  • 28 Gennaio 2014 | Come cambia l' Emilia-Romagna: il welfare tiene, crescono le famiglie povere e i giovani "Neet" vedi

    Cresce la popolazione (+11,3% dal 2001 al 2011). Nascono più bambini e rallenta l'invecchiamento. Gli standard di vita sono elevati così come la scolarizzazione, ma crescono i Neet (dall'inglese Not  in Education, Employment or Training) ovvero i giovani tra i 15 e i 29 anni che non studiano nè lavorano (dal 9,8% del 2004 al 15,3% del 2011) e il numero di famiglie povere: una su tre giudica le proprie risorse insufficienti.
    È l'immagine dell'Emilia-Romagna che esce da "Sviluppo sociale e benessere in Emilia-Romagna", il primo Rapporto sulla società regionale voluto dall'Assemblea legislativa della Regione e realizzato dall'Università di Bologna (dipartimenti di Sociologia e Diritto dell' Economia e di Scienze statistiche) che analizza diverse dimensioni: dall'evoluzione della popolazione alla formazione delle famiglie, dagli stili di vita alla formazione, dal lavoro alla cittadinanza attiva, fino alla sicurezza e all'ambiente. Il rapporto è stato presentato nel corso di un convegno in Regione.
    Leggi tutto e scarica il testo del Rapporto nel sito sociale.emilia-romagna
    (fonte sociale.emilia-romagna)

  • 28 Gennaio 2014 | Da PMG Italia sei veicoli per i servizi sociali del Comune vedi

    Sei autoveicoli sono già a disposizione per il trasporto di persone con disabilità grazie all’azienda PMG Italia (Progetto mobilità garantita), che ha concesso  in comodato gratuito quattro autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con carrozzine e due autoveicoli non attrezzati, per gli operatori del servizio sociale che effettuano interventi diretti di trasporto e verifiche presso le famiglie, interventi di valutazione e supporto al domicilio.
    Leggi tutto nel sito del Comune
    (fonte sito Comune Bologna)

  • 28 Gennaio 2014 | Nuovo Isee, Guerra: “In Gazzetta entro fine mese, sarà in vigore a giugno” vedi

    Il nuovo Isee sarà in Gazzetta ufficiale entro fine mese, per diventare operativo tra maggio-giugno 2014.  A sottolinearlo è la viceministra del Lavoro e delle politiche sociali Maria Cecilia Guerra, a margine della presentazione a Roma del Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese al femminile.
    La viceministra smentisce così le voci di ritardi sull’attivazione del nuovo indicatore della situazione economica per un disaccordo di tipo politico. “I tempi sono questi –spiega – non c’è nessun ritardo. Il nuovo Isee dovrebbe essere pubblicato in Gazzetta ufficiale entro fine mese per entrare poi in vigore intorno a maggio- giugno. Intanto stiamo già lavorando ai decreti attuativi per poi renderlo operativo il prima possibile. Stiamo anche preparando una campagna informativa per spiegare i criteri a tutti i cittadini”. Per Guerra si tratta di uno strumento che “pone più attenzione alle disabilità gravi e alle famiglie numerose”. La viceministra aggiunge, inoltre, che i tempi dell’entrata in vigore del nuovo Isee non incideranno sulla tempistica della sperimentazione della nuova social card e del Sia, per i quali, in assenza del nuovo strumento si utilizzeranno i vecchi criteri.
    (fonte agenzia stampa redattoresociale)

  • 28 Gennaio 2014 | On line il secondo numero di Metafamiglie 2.0 vedi

    Metafamiglie 2.0 è il notiziario della Consulta permanente della associazioni familiari del Comune di Bologna. Nel n.1/2014 oltre ad una intervista all'Assessore Marilena Pillati, viene posta l'attenzione sulle trasformazioni del “fare famiglia oggi”, a partire da una riflessione e da interventi che guardano alla genitorialità ed al rapporto delle mamme e dei papà con i bambini, presentando le esperienze che partono dalla storia dei “servizi educativi” del Comune di Bologna e da progetti avanzati dalla rete associativa e del terzo settore, attiva in diversi quartieri della nostra città (Spazio mamma&bambino, PiùInsieme, Anni Magici, progetto Star bene insieme, progetto Se piango ascoltami, progetto Madri sole insieme)
    Visita le pagine web della Consulta
    Scarica Metafamiglie 2.0
    (fonte redazione sportello sociale)

  • 28 Gennaio 2014 | Provvidenze economiche per invalidi civili, ciechi civili e sordi: importi 2014 vedi

    Ogni anno vengono ridefiniti, collegandoli agli indicatori dell'inflazione e del costo della vita, gli importi delle pensioni, assegni e indennità che vengono erogati agli invalidi civili, ai ciechi civili e ai sordi e i relativi limiti reddituali previsti per alcune provvidenze economiche.
    Per il 2014 importi delle provvidenze e limiti reddituali sono stati fissati dalla Direzione Centrale delle Prestazioni dell'INPS con Circolare del 17 gennaio 2014, n. 7 (Allegato n.4).
    Come ogni anno il sito Handylex.org riporta l'aggiornamento completo degli importi, comparati a quelli del 2013.
    (fonte handylex.org)

  • 24 Gennaio 2014 | Giornata della Memoria 2014. Le letture, i film e le risorse web dedicate alla Shoah vedi

    Il 27 gennaio è la data scelta per "ricordare la Shoah, le leggi razziali, le persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subito la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, e a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati" (Art. 1, Legge 211/2000).
    La data ricorda l'ingresso dell'Armata Rossa nel campo di sterminio nazista di Auschwitz, avvenuto il 27 gennaio 1945, che mise fine al regime nazista, svelando al mondo intero le atrocità dello sterminio: sei milioni di vittime, quasi tutti ebrei, ma anche oppositori del regime, omosessuali, zingari e testimoni di Geova. Negli anni dal 1938 al 1941 era toccato ai disabili e malati di mente tedeschi col "programma T4”.

    Il nostro modo di ricordare è  offrirvi una bibliografia sull'argomento, aggiornata a gennaio 2014,  con circa 200 titoli,  e qualche suggerimento su siti internet e film.

    Scarica la scheda

  • 21 Gennaio 2014 | A Bologna un progetto su casa e lavoro per i richiedenti asilo vedi

    Si chiama "AID - Azioni di integrazione e dialogo" ed è un progetto realizzato grazie a un fondo europeo destinato al supporto abitativo e lavorativo di richiedenti asilo e profughi. Aid si inserisce in un'ottica a lungo termine, con l'obiettivo di favorire l'integrazione socio-economica di questi migranti. Sono 150 le persone coinvolte sul territorio bolognese: nella maggior parte dei casi si tratta di profughi accolti nell'ambito dell'emergenza Nord Africa. A tutti è assicurata attività di consulenza, informazione e orientamento ai servizi del
    territorio; a 20 persone selezionate secondo specifici criteri viene dato supporto verso l'autonomia abitativa; a 30 è garantito un aiuto nell'inserimento nel mondo del lavoro.
    Leggi tutto su sociale.emilia.romagna.

  • 21 Gennaio 2014 | Estesa la social card anche a cittadini UE e loro familiari e ai cittadini di Stati terzi lungosoggiornanti vedi

    La  legge  27 dicembre 2013, n. 147  (“Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato” (“ Legge di stabilita’ 2014”), entrata in vigore il 1 gennaio 2014,  include anche una disposizione (art. 1 comma 216) che dispone la modifica all’art. 81, comma 32, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, che aveva introdotto il beneficio della ‘carta acquisti’ (social card) per i soli cittadini italiani. Detto beneficio prevede la corresponsione di un contributo bimestrale di 80 euro ai cittadini meno abbienti di età superiore ai 65 anni e ai bambini di età inferiore ai 3 anni per acquisti  di generi alimentari e il pagamento di bollette energetiche attraverso una carta elettronica rilasciata da Poste italiane.
    Leggi tutto nel sito del CIRDI

  • 21 Gennaio 2014 | Generazioni a confronto: la ricchezza per classi di età a distanza di vent’anni vedi

    Quanto è cambiata la ricchezza media dal 1987 al 2008? parte da questo interrogativo  Francesco Cancellato per spiegare - con un linguaggio comprensibile da tutti (così come nell'articolo spiega a sua figlia) - come in sostanza "i giovani sono sempre più poveri e gli anziani sono sempre più ricchi". E lo fa attraverso i "terribili grafici della Banca d'Italia" che indicano come ad esempio "nel 1987 una persona di trent’anni avrebbe avuto una ricchezza media pari a 82,5" mentre "un trentenne nel 2008 sarebbe saltato da uno stage a un contratto a progetto, da una finta partita Iva a un tempo determinato, racimolando solo 61,7".
    Leggi l'articolo da "Linkiesta"

  • 21 Gennaio 2014 | Ministero: nel 2025 straniero il 6% dei pensionati. Ogni anno versano 7 miliardi di contributi vedi

    Fino al 2025 i lavoratori stranieri continueranno a versare al nostro paese in termini di contributi molto più di quanto ricevono in prestazioni previdenziali. I versamenti contributivi degli immigrati, infatti, ammontano a circa 7 miliardi di euro l’anno cifra che solo marginalmente viene utilizzati per pagare le loro pensioni, trattandosi di una popolazione giovane. Lo dice uno studio realizzato dal Centro studi e ricerche Idos per il ministero dell’Interno, presentato a Roma in occasione del convegno dell’European migration network Italia (Emn) che quest’anno ha scelto come tema di studi proprio la copertura previdenziale degli immigrati.
    Leggi tutto nella newsletter CIRDI

  • 21 Gennaio 2014 | Sostegni alla genitorialità. Via al Fondo nuovi nati 2014. Per i voucher "legge Fornero" tutto fermo vedi

    La Legge di Stabilità per il 2014 introduce il Fondo per i nuovi nati (il cosiddetto Bonus Bebè) ovvero un aiuto per le famiglie a basso reddito che hanno appena avuto un figlio. In questo fondo confluiranno le risorse disponibili ancora disponibili del precedente Fondo per il credito per i nuovi nati, che verrà contestualmente soppresso. I criteri d’accesso per l’erogazione dei contributi del nuovo Fondo, l’ISEE di riferimento e le modalità organizzative saranno stabilite in seguito con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze.

    Legge di stabilità 2014. “Al fine di contribuire alle spese per il sostegno di bambini nuovi nati o adottati appartenenti a famiglie residenti a basso reddito, è istituito per l’anno 2014 presso la Presidenza del Consiglio dei ministri un Fondo per i nuovi nati. Nel predetto Fondo confluiscono le risorse, disponibili alla data di entrata in vigore della presente legge, del Fondo per il credito per i nuovi nati, di cui all’articolo 4 del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2, e all’articolo 12 della legge 12 novembre 2001, n. 183, che è contestualmente soppresso. Con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, sono stabiliti i criteri per l’erogazione dei contributi nei limiti delle disponibilità del Fondo, l’indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) di riferimento e le modalità di organizzazione e di funzionamento del Fondo".
    Approfondisci
    La scheda sul fondo nuovi nati nel sito sportello sociale

    Non si hanno invece ancora notizie della misura che era stata introdotto l'anno scorso (nostra notizia del 25/6/13 ), dalla cosiddetta "Legger Fornero" circa un voucher per le mamme (contributo economico alternativo al congedo parentale) e che la legge prevedeva per il triennio 2012/15.
    Anche il call center INPS dice di essere in attesa della eventuale uscita del bando. La misura tuttavia, almeno nel 2013 si era rivelato un flop. Erano giunte poche domande per il fatto che si erano accreditate solo circa 2000 sulle oltre 8mila strutture per l'infanzia attive in Italia (3700 pubbliche e 4500 private)

    (fonti: redazione sportello sociale, sito inps.it, sito nostrofiglio.it, sito sole24h.it)

  • 21 Gennaio 2014 | SpM3. S-cambia Cibo, condividere per risparmiare vedi

    Insieme si spreca di meno. Parte da qui l'idea del progetto urbano S-cambia Cibo, nato a Bologna all'interno di Petricor studio, che si occupa di progettazione architettonica. I ragazzi che ne fanno parte, stavano svolgendo una ricerca per un concorso legato al tema del cibo, quando hanno scoperto i numeri spaventosi pubblicati dalla Fao nel 2011: 1,3 miliardi di tonnellate di alimenti sprecati ogni anno, un terzo dell'intera produzione mondiale. E il 42 per cento del cibo prodotto lungo l'intera filiera, sprecato in ambito domestico. Dopo aver coinvolto l'associazione SocialLab, che condivide con loro il co-working Kilowatt, e il designer Guglielmo Apolloni, hanno deciso di provare quantomeno a ridurre questo problema. Dando vita ad un'esperienza di food sharing dal duplice obiettivo: riflettere sullo spreco alimentare e stimolare relazioni di vicinato.

    Leggi tutto nel sito di tiscali

    Vai al sito del progetto

    (*) SpM3, che sta per spendere meno, spendere mai, spendere meglio, è l'acronimo che nel nostro sito usiamo per indicare quelle notizie che, nel tempo della crisi, vogliono mettere l'accento non solo sulle risorse (contributi, card, bonus...) per, appunto, spendere meno o non spendere, ma anche sulla esigenza di riflettere sui nostri stili di vita e vedere anche se possiamo spendere meglio avendo attenzione, dentro la nostra personale economia (oikonomia= amministrazione delle cose domestiche), ai temi del riciclo, del riuso, dello spreco alimentare, delle fonti energetiche...

  • 21 Gennaio 2014 | Stranieri residenti in provincia di Bologna: all'1 gennaio 2013 sono l'11,4% vedi

    L'Osservatorio delle Immigrazioni ha pubblicato i dati relativi ai cittadini stranieri residenti in provincia di Bologna. I dati indicano come:
    - 114.485 sono le persone con cittadinanza non italiana registrate nelle anagrafi dei 60 Comuni della provincia.
    - In totale, l'incidenza relativa è pari all'11,4%. I Comuni con la più elevata incidenza relativa sono, nell'ordine: Crevalcore, Vergato e Bazzano;
    - Il 53,2% degli stranieri residenti è di genere femminile;
    - Il 21,6% è minorenne;
    - Nel 2012 sono nati in provincia di Bologna 1.859 bambini stranieri;
    - Le cittadinanza più rappresentate sono, nell'ordine: Romania, Marocco, Albania, Moldova, Pakistan, Ucraina, Filippine, Bangladesh. 154 i Paesi rappresentati; inoltre, vi sono anche dei cittadini apolidi.

    Da sottolineare che si tratta di dati provvisori e suscettibili di variazioni a seguito delle revisioni post-censuarie in corso.
    - Comunicato stampa della Provincia di Bologna del 25 ottobre 2013
    - Report completo

  • 21 Gennaio 2014 | Un patto di convivenza tra italiani e stranieri dei Quartieri Navile e San Vitale vedi

    Il progetto “Con-vivere Bologna tra memoria storica e nuove visioni. Percorsi partecipati per l’elaborazione di patti di convivenza urbana”, promosso dai quartieri Navile e San Vitale, nasce dall’esigenza di coinvolgere tutti i cittadini italiani e stranieri nella partecipazione ad iniziative volte a migliorare la loro città arrivando all’elaborazione di veri e propri “patti di convivenza urbana“. Il progetto mira ad elaborare dei patti di convivenza tra italiani e stranieri, in quelle aree della città di nuova urbanizzazione, come l’area Bolognina (nuova sede del Comune e della nuova stazione), per coinvolgerli attivamente nelle attività della città stessa. Infatti in queste nuove aree sono presenti cittadini stranieri provenienti da tutto il mondo che vanno coinvolti nelle riflessioni condivise che riguardano lo sviluppo del territorio.
    Leggi tutto sul sito del Labsus

  • 9 Gennaio 2014 | CNEL: presentata la Relazione 2013 sui livelli e la qualità dei servizi offerti dalle PA vedi

    E' stata presentata la Relazione annuale al Parlamento e al Governo sulla qualità dei servizi pubblici offerti dalla Pubblica Amministrazione a cittadini e imprese che il CNEL - Consiglio Nazionale dell'Economia e del Lavoro ha il compito di redigere (ai sensi dell'art.9 della legge n.15 del 2009).

    La Relazione 2013, giunta alla quarta annualità, ha intrapreso un percorso volto a costruire, nell'ambito delle informazioni statistiche ufficiali e in collaborazione con l'Istat, un sistema informativo sulle performance finali dell'attività delle amministrazioni pubbliche. Il portale statistico della PA, sistema delle performance, è già disponibile (per ora reperibile sul sito Istat). Una parte della relazione è dedicata al sitema del Welfare.

    - Indice e introduzione

    - Parte prima (sistema di welfare)

    (fonte newsletter lega autonomie)


  • 9 Gennaio 2014 | Spm3. Usato: il 48% degli italiani vi ha fatto ricorso vedi

    Il IV Rapporto Nazionale sul Riutilizzo, realizzato dal Centro di Ricerca Economica e Sociale Occhio del Riciclone, con il patrocinio morale del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, scatta un’istantanea sull’evoluzione normativa, sui mutamenti degli stili di vita e dei consumi legati al riutilizzo che hanno caratterizzato l’anno che si avvia a conclusione.
    Le oltre 100 pagine di cui si compone il Rapporto prendono in esame le tendenze e le novità che hanno interessato il riutilizzo in Italia, nell’ottica di offrire uno strumento aggiornato di analisi e ragionamento per i decisori e gli addetti chiamati a sviluppare politiche di riutilizzo.

    - Leggi tutto su Redattoresociale

    - Scarica il rapporto dal sito Occhiodelriciclone

    (fonte redattoresociale)

    (*) SpM3, che sta per spendere meno, spendere mai, spendere meglio, è l'acronimo che nel nostro sito usiamo per indicare quelle notizie che, nel tempo della crisi, vogliono mettere l'accento non solo sulle risorse (contributi, card, bonus...) per, appunto, spendere meno o non spendere, ma anche sulla esigenza di riflettere sui nostri stili di vita e vedere anche se possiamo spendere meglio avendo attenzione, dentro la nostra personale economia (oikonomia= amministrazione delle cose domestiche), ai temi del riciclo, del riuso, dello spreco alimentare, delle fonti energetiche...


  • 9 Gennaio 2014 | Carceri: il Rapporto Antigone 2013 sulle condizioni di detenzione in Italia vedi

    "Il carcere è una macchina costosa che alimenta se stessa, crea la propria domanda e resta indifferente al proprio fallimento". Una prova? Dei 66.028 detenuti presenti al 30 giugno 2013, solo 28.341 (il 42,9%) erano alla prima carcerazione. Il restante 57% tornava in prigione dopo esserci già stato. A fotografare la vita dietro le sbarre è l'Associazione Antigone col suo X rapporto sulle condizioni di detenzione in Italia. Qualche numero: al 30 novembre di quest'anno erano presenti 64.047 detenuti per una capienza regolamentare di 47.649 posti.

    Leggi tutto su repubblica.it

    Scarica l'indice e la sintesi del rapporto carceri di Antigone 2013

    (fonti repubblica.it, associazione antigone)

     

  • 9 Gennaio 2014 | E.Romagna: interventi per l'autonomia nell'ambiente domestico. Rapporto 2012 sulle attività e le risorse impiegate vedi

    Come ogni anno il Servizio Governo dell’integrazione socio sanitaria e delle politiche per la non autosufficienza della Regione Emilia-Romagna ha prodotto le relazioni circa:
    - la gestione dei fondi della legge regionale 29/97 utilizzati per contributi relativi all'acquisto di arredi/tecnologie/attrezzature per l'autonomia a domicilio e/o per l'acquisto o l'adattamento di veicoli utilizzati per il trasporto di persone con disabilità;
    - le attività della rete dei Centri regionali che si occupano dell'adattamento dell'ambiente domestico (CAAD, CRIBA di Reggio Emilia e CRA di Bologna).

    Le relazioni possono essere consultate nel sito
    http://sociale.regione.emilia-romagna.it

    - Legge 29/97. Relazione attività anno 2012 contributi per la mobilità e l'autonomia nell'ambiente domestico a favore di persone con disabilità (artt. 9 e 10 LR 29/97)

    - Rete centri adattamento domestico (CAAD, CRA, CRIBA). Relazione attività anno 2012 sulla rete dei servizi di informazione e consulenza per l'adattamento dell'ambiente domestico


    (fonte Regione E.Romagna)


  • 9 Gennaio 2014 | Al via Asp Città di Bologna vedi

    Con il nuovo anno nasce ASP Città di Bologna, l’Azienda pubblica di servizi sociali e sociosanitari della città, costituita dall’unificazione delle ASP Giovanni XXIII e Poveri Vergognosi, storiche istituzioni bolognesi di beneficienza e solidarietà. Sono soci di ASP Città di Bologna il Comune, la Provincia di Bologna e la Fondazione Carisbo.

    Nell’Asp Città di Bologna lavorano oltre 500 dipendenti che sono impegnanti nel servizio quotidiamo a favore di numerosi anziani non autosufficienti, adulti in difficoltà, immigrati.. La fusione delle ASP Poveri Vergognosi e Giovanni XXIII rappresenta per i cittadini, gli utenti ed i lavoratori un importante momento di crescita e di sviluppo; le persone che lavorano nell’ASP Città di Bologna sapranno raccogliereil meglio della storia delle due ASP di origine.
    E’ stato nominato dal Sindaco di Bologna con Direttore Generale dell’ ASP Città di Bologna il dott. Alfonso Galbusera, gia direttore dell’ASP Giovanni XXIII, al fine di permettere un adeguato avvio della nuova azienda.

    Leggi tutto nel sito di Asp Bologna
    Consulta il sito dell'Asp
    (fonte asp bologna)

     

  • 9 Gennaio 2014 | Sportello sociale virtuale: sito e newsletter, dati del 2013 vedi

    E' continuato anche per il 2013 l'andamento con segno positivo delle pagine visitate sul sito e degli utenti ai servizi di newsletter, anche se con un rallentamento rispetto all'anno precedente più marcato per il sito che chiude con un +2,6% sull'anno precedente.
    Circa le newsletter che, almeno nel territorio bolognese, e in particolare quella sulla disabilità che viene prodotta da 12 anni, sono ormai discretamente conosciute, crescono ancora gli abbonati, +12% per quella degli sportelli sociali e ancora un + 8% per quella sulla disabilità. La terza newsletter, InfoDoc, è appena partita e conta 102 abbonati al 31 dicembre.
    Nota: negli accessi al sito sono conteggiati gli accessi alle pagine, ma non sono conteggiati, per un limite tecnico del sistema in uso, gli accessi diretti ai file caricati nel sito (come ad esempio i numeri in pdf delle newsletter, la modulistica allegata ad alcune schede), per cui i dati sono sottostimati.

    - Pagine visitate sito (PV):  456.708 (+2,6%)
    - Media giorni lavorativi PV:  1.631 (nei gg festivi l'accesso si riduce ad 1/4)
    - Pagine visitate da apertura sito (giugno 2009):  1.625.920
    - Utenti newsletter sportelli sociali: 2.128 (198 nuovi iscritti, +12%)
    - Utenti newsletter InfoDoc 102 (attivata a dicembre 2013)
    - Utenti newsletter Disabilità 2.289  ((159 nuovi iscritti, +8%)
    - Totale utenti servizi di newsletter  4.519 (+11,2%)

    Oltre ai servizi on line la redazione produce due servizi a carattere interno per gli uffici del Comune: Rassegna stampa sociale quotidiana e Bollettino degli indici delle riviste specializzate, oltre a servizi di documentazione per singoli operatori, progetti, gruppi di lavoro.
    Per il pubblico produce anche una mailing list dedicata ai dati di carattere sociale.

  • 8 Gennaio 2014 | Arriva il bonus libri: come usufruirne vedi

    Un incentivo per rendere più accessibile l'acquisto dei libri. E' il nuovo bonus libri varato tra le novità previste dal decreto “Destinazione Italia” - collegato alla Legge di Stabilità - entrato in vigore il 24 dicembre 2013.
    In particolare la norma prevede - per gli anni 2014, 2015 e 2016 - una detrazione dal reddito dichiarato del 19% della spesa effettuata fino a un importo massimo di 2 mila euro annui, di cui 1000 euro per i libri di testo scolastici e universitari e 1000 euro per tutte le altre pubblicazioni.
    Il provvedimento è rivolto sia alle persone fisiche che giuridiche che non usufruiscono già di detrazione IVA e si riferisce solo all’acquisto di libri muniti del codice ISBN (International standard book number), il numero che identifica a livello internazionale in modo duraturo un titolo o una edizione di un titolo da parte di un determinato editore.
    Per poter usufruire del bonus è necessario che la spesa sia stata documentata fiscalmente dal venditore, riportando anche il codice ISBN del volume acquistato. Inoltre vengono espressamente esclusi dal nuovo incentivo fiscale sia gli acquisti di libri in formato digitale (e-book) sia gli acquisti che sono già deducibili nella determinazione dei singoli redditi che concorrono a formare il reddito complessivo della persona fisica o giuridica.
    Decreto legge 23 dicembre 2013, n. 145, Art. 9 (Misure per favorire la diffusione della lettura)

    (fonte redazione sportelli sociali Comune Bologna)

  • 8 Gennaio 2014 | Sportelli sociali e accesso alla rete dei servizi. Disponibili video e materiali del convegno regionale vedi

    Sono disponibili i materiali prodotti nell'ambito del convegno che la Regione ha dedicato al tema degli sportelli sociali e dell'accesso dei cittadini alla rete dei servizi sociali. Il convegno, dal titolo "Il buon ascolto: i servizi per l’accesso di fronte ai nuovi bisogni dei cittadini" si è svolto il 13 dicembre scorso a Bologna.
    I materiali, le relazioni, il video prodotto per il convegno
    Una sintesi dei temi dibattuti
    La sezione di documentazione dedicata agli sportelli sociali nel nostro sito (libri, articoli, ricerche, convegni...)
    (fonte redazione sportello sociale)

  • 8 Gennaio 2014 | Carcere: se i detenuti lavorano poi al 90% non tornano a compiere reati vedi

    I numeri dimostrano che investire nell'inserimento lavorativo abbatte la recidiva dall'80% al 10%. Su 100 detenuti che seguono percorsi di formazione e di inserimento lavorativo in carcere - conclude Fora - torna a delinquere il 10%, al contrario torna a delinquere l'80%. Va da sé che è una piaga sociale che non si rimargina e contribuisce solo a intasare il sistema giudiziario e gli istituti di pena".
    Così Giuseppe Guerini, portavoce dell'Alleanza Cooperative Sociali e presidente di Federsolidarietà - Confcooperative, dal carcere di Bollate dove si è confrontato con il ministro di Giustizia Anna Maria Cancellieri al convegno dedicato all'inserimento lavorativo dei detenuti. "Occorre valorizzare la funzione rieducativa della pena attraverso la formazione e il lavoro - aggiunge Andrea Fora, coordinatore Area Giustizia Federsolidarietà Confcooperative.
    Leggi tutto nerl sito di reistretti orizzonti
    (newsletter ristretti orizzonti)

  • 8 Gennaio 2014 | Figli nati nel 2013? contributi per genitori che scelgono l'astensione facoltativa dal lavoro vedi

    Il Comune di Bologna con l’avviso per la concessione di Contributi a sostegno della maternità e paternità - Servizio Zerododici - si rivolge alle madri e ai padri che, dopo il congedo di maternità (ex aspettativa obbligatoria), singolarmente o in alternanza madre/padre si avvalgono del congedo parentale (ex aspettativa facoltativa) entro il primo anno di età del figlio/a. Anche i lavoratori autonomi possono accedere al contributo alle medesime condizioni, astenendosi dal lavoro uno o più mesi fino ad un massimo di 6 nel primo anno di età del bambino.

    Possono presentare domanda di contributo i genitori entrambi lavoratori, il cui figlio/a sia nato nel periodo compreso fra l'1 gennaio 2013 e il 31 dicembre 2013, appartenenti ad un nucleo famigliare il cui parametro ISEE non superi i 21.000 euro.

    Le domande, da indirizzare al Settore Istruzione del Comune,  si possono presentare su apposita modulistica tra il 7 gennaio e il 15 febbraio 2014.
    Leggi tutto e scarica la modulistica nel nodo scuola del sito del Comune
    (fonte sito Comune Bologna, redazione sportelli sociali)

  • 8 Gennaio 2014 | Provincia di Bologna: rapporto sui servizi per le persone con disabilità vedi

    Il Rapporto sui servizi della Provincia di Bologna per le persone con disabilità è alla sua undicesima edizione; pubblicato per la prima volta nel 2002 come presentazione dell’attività programmata dal Settore Servizi alla Persona e alla Comunità (scuola, formazione e lavoro), dal 2005 è stato ampliato descrivendo nel dettaglio tutti i servizi che la Provincia attiva in favore delle persone con disabilità diventando così una pubblicazione dell’Ente.
    Leggi tutto e scarica l'ultimo rapporto
    (fonte Provincia di Bologna)

  • 8 Gennaio 2014 | Online i nuovi numeri delle tre newsletter degli Sportelli Sociali vedi

    Sono on line i tre nuovi numeri delle newsletter realizzate dagli Sportelli Sociali. In particolare sono disponibili l'ultima newsletter (n.24, dicembre 2013) dello Sportello Sociale, quella dedicata al tema della Disabilità (n.127, dicembre 2013) e la nuova Newsletter InfoDoc (n.1, dicembre 2013) dedicata ai temi dell'informazione, comunicazione e documentazione in campo sociale.
    Per consultare gli archivi dei numeri arretrati visita la sezione "Newsletters".
    (fonte redazione sportelli sociali Comune Bologna)

  • 7 Gennaio 2014 | Convegni e corsi sociali a Bologna (gennaio 2014) vedi

    I convegni, le conferenze, i seminari, i corsi a Bologna e provincia utili per chi lavora ed opera in campo sociale

    mercoledì 15 gennaio
    corso di formazione “Siamo la gioventù - corpo e godimento nell’adolescenza”
    a cura della Fondazione "Augusta Pini" e dell' "Istituto del Buon Pastore Onlus"
    dalle 9 alle 12, Centro Scalo, via dello Scalo 14, Bologna

    venerdì 17 gennaio
    convegno " Nuova domiciliarità. Esperienze, scenari e proposte per il welfare metropolitano del futuro"
    a cura dell'AUSL Bologna
    dalle 9,00 alle 17,30, Pubblico - Il Teatro di Casalecchio di Reno, piazza del Popolo, 1 - Casalecchio di Reno

    lunedì 20 gennaio
    presentazione del rapporto di ricerca "Sviluppo sociale e benessere in Emilia-Romagna. Trasformazioni, sfide e opportunità"
    a cura di Assemblea legislativa regionale E.Romagna
    dalle 9,15 alle 13,00,  Sala Polivalente "Guido Fanti", Assemblea legislativa Regione Emilia-Romagna, Viale Aldo Moro 50, Bologna

    lunedì 20 gennaio,
    seminario "Pensando al futuro. L'inserimento lavorativo nei luoghi di cura come agire cooperativo tra vecchie e nuove generazioni"
    a cura dell'AUSL Bologna
    dalle 14 alle 18, Aula ex Cappella Via S. Isaia 94, Bologna

    martedì 21 gennaio
    convegno "Dal seme al cibo, il valore aggiunto della cooperazione"
    a cura di Alleanza cooperative italiane
    ore 14,30, Sala A Terza Torre Regione Emilia-Romagna, Viale della Fiera 8, Bologna

    venerdì 24 gennaio
    convegno “Il Terzo Settore per l'economia sociale”
    a cura dell'assessorato alle Politiche Sociali Regione Emilia-Romagna
    dalle 09,30 alle 13,00,  Sala A, Terza Torre, Regione Emilia-Romagna, viale della Fiera 8, Bologna

    sabato 25 gennaio
    incontro "L'ospite è desiderato. L'accoglienza in famiglia dei minori stranieri non accompagnati"
    a cura di Asp Irides Servizi alla Persona
    dalle 14,30 alle 19,00, Centro Interculturale "M. Zonarelli", via G.A. Sacco 14, Bologna

    mercoledì 29 gennaio
    giornata di studio "Un bel welfare. Il contributo della cultura al benessere sociale"
    a cura dell'istituzione Gian Franco Minguzzi
    dalle 09 alle 17, Bologna Foyer Respighi - Teatro Comunale, Largo Respighi 1, Bologna

    martedì 28 gennaio
    conferenza "Donne immigrate: storie di madri che per necessità abbandonano i propri figli"
    a cura di Centro Studi "G. Donati
    dalle 21 alle 23, aula I Università Bologna, via del Guasto (angolo via Zamboni 32), Bololgna

    giovedì 30 gennaio
    conferenza "Volontariato e CSV Centri servizio volontariato in movimento con l’Europa"
    promosso da CSV Emilia, CSV Marche
    dalle 15 alle 18, sede Fondazione Ant, Via Jacopo di Paolo 36, Bologna

    giovedì 30 gennaio
    presentazione del volume ""Il tempo che non c'era, l'accompagnamento delle persone disabili nel processo di invecchiamento"
    a cura coop CADIAI
    alle 17,30, Libreria Coop Ex Zanichelli, Piazza Galvani 1, Bologna

    venerdì 31 gennaio
    convegno "La disabilità nella scuola"
    a cura ANFFAS Bologna
    dalle 9,00 alle 17,00, Sala Gran Forum,  A.C. Hotel, via S. Serlio 28, Bologna