Servizi e Sportelli Sociali

Interventi per favorire l'inserimento lavorativo di persone disabili adulte

Per le persone che hanno maggiore difficoltà di accesso al mondo del lavoro a causa della propria disabilità il Servizio Sociale per la disabilità (ex USSI disabili adulti) offre percorsi propedeutici o sostitutivi all'inserimento lavorativo in azienda attraverso strumenti quali i tirocini formativi (ex borse lavoro) o altre esperienze di laboratori protetti, centri di terapia occupazionale, inserimenti in Cooperative sociali.

Varie sono le tipologie di intervento che possono essere attivate:

Tirocinio Formativo
A seguito della Legge Regionale n°17/2005, L. R. 7/2013 e successive Delibere regionali, nonché della  L. R. 14/2015, non è più possibile attivare Borse Lavoro ma solo tirocini formativi:
- i tirocini di tipo C che prevedono l’iscrizione all’ufficio di  collocamento, hanno un fine formativo e quindi una certificazione di competenza rilasciata da Enti formativi abilitati.
- i tirocini di tipo D prevedono la presa in carico della USSI, hanno finalità  di integrazione e inclusione sociale con obiettivi socio-relazionali.
Entrambe le tipologie di tirocinio che interessano le persone con disabilità hanno necessariamente un progetto personalizzato negli obiettivi, nella durata, nell’orario settimanale e nell’importo dell’indennità di frequenza.

Interventi educativi propedeutici al lavoro
Si tratta di attività educative volte a valutare le competenze delle persone in modo tale da poterla orientare verso percorsi successivi di transizione, formazione al lavoro o inserimento lavorativo.

Inserimento lavorativo
L'inserimento lavorativo può verificarsi a conclusione di precedenti percorsi educativo-formativi o direttamente attraverso il centro per l'impiego, ai sensi della legge 68/99.
Gli operatori della USSI Disabili Adulti valutano l'idoneità dell'azienda proposta, rispetto a caratteristiche e capacità della persona e svolgono un ruolo di mediazione con il centro per l'impiego.

Accesso al servizi
A seguito di colloquio con l'operatore del servizio sociale per la disabilità. I requisiti per la presa in carico al servizio sono: residenza nel territorio del Comune di Bologna: età compresa tra i 18 e i 64 anni; invalidità pari al 46% e tipo di patologia, valutazione del servizio inerente la situazione di svantaggio sociale dovuta alla disabilità.

 

Modalità di accesso al Servizio Sociale per la disabilità

Dal 1° ottobre 2019 i Servizi per le persone adulte con disabilità, precedentemente denominati "USSI disabili adulti" e affidati all'Azienda Usl di Bologna, tornano in gestione al Comune. Rimangono inalterate le sedi dei Servizi, gli operatori e le misure e interventi erogati in favore delle persone con disabilità.

Le persone già in carico al Servizio continueranno quindi ad accedere con le consuete modalità, attraverso i riferimenti e recapiti già utilizzati in precedenza.
Chi non è ancora in carico
e desidera richiedere un primo colloquio con il Servizio, deve contattare il numero 051 2196487 attivo dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 17.
L'operatore, dopo aver valutato il caso, fisserà un appuntamento presso la sede del Servizio competente per Quartiere:
- Poliambulatorio "Chersich" - Via Beroaldo 4/2 per la zona est (residenti quartieri Savena, S. Stefano, S. Donato S. Vitale)
- Quartiere Navile - Via Marco Polo 51 per la zona ovest (residenti nei quartieri Navile, Porto Saragozza, Borgo Panigale Reno).
Eventualmente l'incontro si potrà svolgere anche a domicilio.

Per le richieste di natura prettamente informativa è possibile rivolgersi al Punto unico telefonico ed email degli sportelli sociali:
- Telefono: 051 2197878
-Orario: da lun a ven dalle 9 alle 13; lun e ven anche dalle 13.30 alle 16 ;  mar e gio anche dalle 13.30 alle 17.30
-email : sportellosocialebologna@comune.bologna.it
Maggiori informazioni nella pagina dedicata

 

Categorie di Utenza

  • Disabili

Documentazione richiesta

Certificazione relativa all'invalidità
Iscrizione al centro per l'impiego disabili della provincia di Bologna (ex legge 68/99)
Diagnosi funzionale L. 68

Normativa di riferimento

Legge 68/1999
Legge regionale E.Romagna 17/2005
Accordo di programma tra Comune e azienda usl per la tutela e l'integrazione sociale delle persone disabili e anziane, prot.28138/2010