Museo Civico Medievale-Collezioni Comunali d’Arte-Museo Davia Bargellini http://www.museibologna.it/arteantica/eventi/51895 Museo Civico Medievale-Collezioni Comunali d’Arte-Museo Davia Bargellini it-it info@comune.bologna.it Copyright 2018 Arte sacra nel Medioevo Museo Civico Medievale-Collezioni Comunali d’Arte-Museo Davia Bargellini http://www.museibologna.it/arteantica/eventi/51895/id/97036 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/dscf6497x.jpg' /></p> Nell'ambito di Impara l'arte...La domenica dei Musei Civici d'Arte Antica, visita guidata dal titolo: Arte sacra nel Medioevo, a cura di Gianluca Del Monaco http://www.museibologna.it/arteantica/eventi/51895/id/97036 Sun, 06 Jan 2019 Sun, 06 Jan 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/dscf6497x.jpg 36144 Collezioni Comunali d'Arte Piazza Maggiore 6, 40121 Bologna Presepi genovesi del Settecento dal Museo Giannettino Luxoro Museo Civico Medievale-Collezioni Comunali d’Arte-Museo Davia Bargellini http://www.museibologna.it/arteantica/eventi/51895/id/97035 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/presepe_9.jpg' /></p> Nell'ambito della mostra Presepi genovesi del Settecento dal Museo Giannettino Luxoro, visita guidata a cura di Fernando Lanzi (Centro Studi per la Cultura Popolare) http://www.museibologna.it/arteantica/eventi/51895/id/97035 Sun, 06 Jan 2019 Sun, 06 Jan 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/presepe_9.jpg 53174 Museo Davia Bargellini Una testa, un volto. Pari nelle differenze Museo Civico Medievale-Collezioni Comunali d’Arte-Museo Davia Bargellini http://www.museibologna.it/arteantica/eventi/51895/id/96882 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/peshawar_pakistan_2002_low_1.jpg' /></p> Nell'ambito della mostra Una testa, un volto. Pari nelle differenze, visita guidata a cura di Ilaria Negretti (Senza Titolo, Aster, Tecnoscienza).In occasione della mostra del fotografo americano Steve McCurry si potranno ammirare 40 grandi ritratti - scattati tra Oriente, sud e centro America - che raccontano l’unicità di ogni individuo e il rispetto per la vita, che non ha colore http://www.museibologna.it/arteantica/eventi/51895/id/96882 Fri, 28 Dec 2018 Fri, 28 Dec 2018 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/peshawar_pakistan_2002_low_1.jpg 36144 Collezioni Comunali d'Arte Piazza Maggiore 6, 40121 Bologna Una testa, un volto. Pari nelle differenze Museo Civico Medievale-Collezioni Comunali d’Arte-Museo Davia Bargellini http://www.museibologna.it/arteantica/eventi/51895/id/96881 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/mccurry.jpg' /></p> Nell'ambito della mostra Una testa, un volto. Pari nelle differenze, visita guidata a cura di Angela Lezzi (Senza Titolo, Aster, Tecnoscienza).In occasione della mostra del fotografo americano Steve McCurry si potranno ammirare 40 grandi ritratti - scattati tra Oriente, sud e centro America - che raccontano l’unicità di ogni individuo e il rispetto per la vita, che non ha colore http://www.museibologna.it/arteantica/eventi/51895/id/96881 Thu, 27 Dec 2018 Thu, 27 Dec 2018 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/mccurry.jpg 36144 Collezioni Comunali d'Arte Piazza Maggiore 6, 40121 Bologna L'immagine della natività attraverso i secoli Museo Civico Medievale-Collezioni Comunali d’Arte-Museo Davia Bargellini http://www.museibologna.it/arteantica/eventi/51895/id/97037 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/p_68_c_1226_sergio_buono_1996.jpg' /></p> Nell'ambito di Impara l'arte...La domenica dei Musei Civici d'Arte Antica visita guidata dal titolo: L'immagine della natività attraverso i secoli, a cura di Silvia Battistini http://www.museibologna.it/arteantica/eventi/51895/id/97037 Wed, 26 Dec 2018 Wed, 26 Dec 2018 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/p_68_c_1226_sergio_buono_1996.jpg 36144 Collezioni Comunali d'Arte Piazza Maggiore 6, 40121 Bologna L'anima e il corpo. Immagini del sacro e del profano tra Medioevo ed Età Moderna Museo Civico Medievale-Collezioni Comunali d’Arte-Museo Davia Bargellini http://www.museibologna.it/arteantica/eventi/51895/id/96914 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/anima_e_corpo_2.jpg' /></p> Nell'ambito della mostra L'anima e il corpo. Immagini del sacro e del profano tra Medioevo ed Età Moderna, visita guidata a cura di Giacomo Alberto Calogero (Senza Titolo, Aster, Tecnoscienza) http://www.museibologna.it/arteantica/eventi/51895/id/96914 Sat, 22 Dec 2018 Sat, 22 Dec 2018 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/anima_e_corpo_2.jpg 36144 Collezioni Comunali d'Arte Piazza Maggiore 6, 40121 Bologna Presepi genovesi del Settecento dal Museo Giannettino Luxoro Museo Civico Medievale-Collezioni Comunali d’Arte-Museo Davia Bargellini http://www.museibologna.it/arteantica/eventi/51895/id/96923 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/fig._17_dsc08069.jpg' /></p> Nell'ambito della mostra Presepi genovesi del Settecento dal Museo Giannettino Luxoro, visita guidata a cura di Ilaria Negretti (Senza Titolo, Aster, Tecnoscienza) http://www.museibologna.it/arteantica/eventi/51895/id/96923 Sat, 22 Dec 2018 Sat, 22 Dec 2018 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/fig._17_dsc08069.jpg 53174 Museo Davia Bargellini A zonzo per i musei Museo Civico Medievale-Collezioni Comunali d’Arte-Museo Davia Bargellini http://www.museibologna.it/arteantica/eventi/51895/id/96913 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/a_zonzo_per_musei_2018_12.jpg' /></p> Torna la rassegna "A zonzo per i musei, percorso tra i patrimoni civici e delle antiche opere pie"I Musei Civici d'Arte Antica in collaborazione con la QUADRERIA: Palazzo Rossi Poggi Marsili organizzano, il terzo venerdì di ogni mese, un ciclo di visite guidate che vedrà coinvolte opere presenti all'interno delle collezioni del Museo Civico Medievale, delle Collezioni Comunali d'Arte, del Museo Davia Bargellini e de la QUADRERIA. Palazzo Rossi Poggi Marsili, di proprietà dell'ASP Città di Bologna. Ilaria Negretti (Senza Titolo, Aster, Tecnoscienza), condurrà quindi i visitatori prima al Museo Civico Medievale e a seguire al Palazzo Rossi Poggi Marsili http://www.museibologna.it/arteantica/eventi/51895/id/96913 Fri, 21 Dec 2018 Fri, 21 Dec 2018 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/a_zonzo_per_musei_2018_12.jpg 36155 Museo Civico Medievale Via Manzoni, 4 40121 Bologna Lodi per ogni ora. I corali francescani provenienti dalla Basilica di San Francesco Museo Civico Medievale-Collezioni Comunali d’Arte-Museo Davia Bargellini http://www.museibologna.it/arteantica/eventi/51895/id/96912 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/manifesto_lodi.jpg' /></p> Nell'ambito della mostra Lodi per ogni ora. I corali francescani provenienti dalla Basilica di San Francesco, visita guidata a cura di Paolo Cova (Senza Titolo, Aster, Tecnoscienza) http://www.museibologna.it/arteantica/eventi/51895/id/96912 Thu, 20 Dec 2018 Thu, 20 Dec 2018 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/manifesto_lodi.jpg 36144 Collezioni Comunali d'Arte Piazza Maggiore 6, 40121 Bologna I volti del Buddha dal perduto Museo Indiano di Bologna Museo Civico Medievale-Collezioni Comunali d’Arte-Museo Davia Bargellini http://www.museibologna.it/arteantica/eventi/51895/id/96888 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/buddha1_1.jpg' /></p> Nell'ambito della mostra I volti del Buddha dal perduto Museo Indiano di Bologna, visita guidata a cura di Paolo Cova (Senza Titolo, Aster, Tecnoscienza) http://www.museibologna.it/arteantica/eventi/51895/id/96888 Wed, 19 Dec 2018 Wed, 19 Dec 2018 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/buddha1_1.jpg 36155 Museo Civico Medievale Via Manzoni, 4 40121 Bologna Presepi genovesi del Settecento dal Museo Giannettino Luxoro Museo Civico Medievale-Collezioni Comunali d’Arte-Museo Davia Bargellini http://www.museibologna.it/arteantica/eventi/51895/id/96800 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/pieghevole_presepi_2018.jpg' /></p> Come avviene da ormai più di dieci anni, i Musei Civici d’Arte Antica realizzano al Museo Davia Bargellini una mostra dedicata al presepio tradizionale, in collaborazione con il Centro Studi per la Cultura Popolare. Quest’anno l’esposizione – organizzata insieme ai Musei Civici di Genova e curata da Mark Gregory D’Apuzzo, Simonetta Maione e Giulio Sommariva, con l’apporto di Fernando e Gioia Lanzi – presenta al pubblico due presepi di straordinaria importanza, provenienti dal Museo Giannettino Luxoro, databili fra la seconda metà e la fine del XVIII secolo, che consentiranno al visitatore di porre a confronto due tradizioni artistiche diverse, entrambe molto significative nella produzione di questo particolare tipo di scultura, generalmente di destinazione domestica, di ridotte dimensioni, ma di grande pregio. La mostra si pone infatti in continuità con un’attività divenuta ormai un appuntamento espositivo consueto nella prossimità del Natale per il Museo Davia Bargellini, consistente nella presentazione, accanto agli esemplari della propria collezione – la più ampia raccolta, sia numericamente che qualitativamente, di statuine del presepio bolognese dei secoli XVIII-XIX presente in città – di importanti gruppi presepiali, che documentano la fortuna di questo specifico tipo di produzione artistica in aree regionali diverse. Dopo la fortissima tradizione napoletana, che, attraverso la “Scarabattola” della Collezione di Gianfranco Bordoni, è stata tema dell’esposizione del 2008, quest’anno sarà oggetto di attenzione la tradizione genovese, altrettanto sentita e apprezzata, come testimoniano i presepi prestati dal Museo Giannettino Luxoro, di altissima qualità. Il primo, in legno interamente intagliato e policromato, è datato al 1763, anno riportato sotto una base, unitamente alla scritta “Neue”, forse riconducibile alla firma di un ignoto artefice o ad un committente/proprietario. Propone una rara tipologia di figure da presepe genovese, prossima alla tradizione delle grandi casse processionali diffuse in tutto il territorio dell’antica Repubblica di Genova. Se più ricorrente è infatti la tipologia di statuette di dimensioni fra i 30 e i 50 cm di altezza, gli esemplari che compongono l’insieme in mostra, di piccole dimensioni (fra i 15 e i 20 cm), costituiscono una rarità non solo per la tecnica utilizzata, ma anche per la completezza del gruppo, con la Sacra Famiglia, l’asino, il bue e figure maschili e femminili di pastori. Il secondo invece è composto da statuette di dimensioni decisamente superiori, intagliate in legno, ma rivestite poi di abiti in stoffa, finemente cuciti, ricamati e rifiniti, e accessoriate con dettagli di preziosa manifattura: straordinarie le figure del corteo dei Magi, una vera parata di potenti in miniatura, che dovevano manifestare la ricchezza dei loro aristocratici proprietari, committenti e collezionisti. La mostra è quindi l’occasione per conoscere più a fondo le caratteristiche della tradizione presepiale genovese, le sue specificità tecniche, le tipologie dei suoi “figuranti”, le identità dei suoi più abili artefici. A differenza della produzione presepiale napoletana, in cui le statuette sono costituite da manichini con la testa in terracotta dipinta, le estremità preferibilmente in legno, l’anima di ferro dolce e il riempimento di stoppa, poi debitamente abbigliate con costumi e accessori veri, le figure sia del presepe bolognese che genovese sono interamente realizzate in un unico materiale: alla modellazione in terracotta della plastica bolognese si sostituisce tuttavia la scultura in legno, evidentemente un materiale di più facile reperibilità nell’ambiente e nelle colline genovesi. Inaugurazione giovedì 6 dicembre, ore 18.30 http://www.museibologna.it/arteantica/eventi/51895/id/96800 Thu, 06 Dec 2018 Thu, 06 Dec 2018 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/pieghevole_presepi_2018.jpg 53174 Museo Davia Bargellini Una testa, un volto. Pari nelle differenze Museo Civico Medievale-Collezioni Comunali d’Arte-Museo Davia Bargellini http://www.museibologna.it/arteantica/eventi/51895/id/96731 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/totem_mccurry.jpg' /></p> Venerdì 30 novembre, alle ore 15, in occasione della prima Biennale della Cooperazione italiana, si inaugura presso le Collezioni comunali d’Arte una suggestiva mostra del grande fotografo americano Steve McCurry, dove si potranno ammirare 40 grandi ritratti del fotografo – scattati tra Oriente, sud e centro America – che raccontano l’unicità di ogni individuo e il rispetto per la vita, che non ha colore. India, Tibet, Pakistan, Afghanistan, Cuba: le fotografie di Steve McCurry ritraggono una serie di volti in cui riconoscersi al di là di confini e barriere. Fotografie che educano alla conoscenza e alla visione senza pregiudizi dell’altro, per salvaguardare il patrimonio delle differenze tra le culture nel mondo. Perché è proprio la cultura l’unico mezzo per salvarci in quanto esseri umani. Da qui il titolo della mostra che, parafrasando uno dei valori cardine del cooperare, ossia la parità di ciascuno nel prendere decisioni, lo ripropone nei termini universali dell’equità: una testa, un voto diventa così Una testa, un volto, il pensiero e i tratti che rendono ogni persona irripetibile. E che, coniugati al plurale, generano una comunità che produce il domani. La mostra realizzata in occasione della prima Biennale della Cooperazione italiana è promossa dall’Alleanza delle Cooperative italiane, il coordinamento delle centrali Confcooperative, Legacoop e Agci, in collaborazione con Istituzione Bologna Musei. A cura di SudEst 57 e Biba Giacchetti, con Monica Fantini e Fabio Lazzari, scenografie di Peter Bottazzi, video di Matteo Lolletti e Juan Martin Baigorria per Sunset Comunicazione, grafica di Nicola Lazzari, allestimenti di Sistema Lab. http://www.museibologna.it/arteantica/eventi/51895/id/96731 Fri, 30 Nov 2018 Fri, 30 Nov 2018 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/totem_mccurry.jpg 36144 Collezioni Comunali d'Arte Piazza Maggiore 6, 40121 Bologna I volti del Buddha dal perduto Museo Indiano di Bologna Museo Civico Medievale-Collezioni Comunali d’Arte-Museo Davia Bargellini http://www.museibologna.it/arteantica/eventi/51895/id/96595 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/i_volti_del_buddha.jpg' /></p> L’esposizione presenta al pubblico una parte significativa delle collezioni del Museo Indiano cittadino, inaugurato nel palazzo dell'Archiginnasio nel 1907, grazie alla compartecipazione delle autorità comunali e universitarie, e chiuso nel 1935, in seguito alla morte del suo fondatore, Francesco Lorenzo Pullè. Il nome del Museo lascia immaginare la presenza di raccolte unicamente legate al panorama artistico e culturale dell'India, ma in realtà le collezioni si componevano di materiali provenienti da India, Cina e Giappone, oggi conservati presso il Museo Civico Medievale e il Museo di Palazzo Poggi, che collabora all'iniziativa con alcuni prestiti. Particolare rilievo sarà dato alla presenza di statue del pantheon buddhista himalayano e cinese, così come alla ricchissima collezione fotografica, che risulta essere una delle più cospicue e dettagliate raccolte di riproduzioni riferite all'arte del Gandhara presente in Europa e, con tutta probabilità, nel mondo, superando per importanza analoghe collezioni depositate presso il British Museum e il Victoria &amp; Albert Museum. L'esposizione avrà quindi l'obiettivo di presentare il ricco patrimonio di materiali di matrice buddhista disponibili, compresi alcuni importanti oggetti recentemente restaurati, senza dimenticare di considerare le espressioni artistiche della cultura hindu propria dell'India. Per approfondimento sul Museo Indiano di Bologna Inoltre... http://www.museibologna.it/arteantica/eventi/51895/id/96595 Sat, 24 Nov 2018 Sat, 24 Nov 2018 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/i_volti_del_buddha.jpg 36155 Museo Civico Medievale Via Manzoni, 4 40121 Bologna L'anima e il corpo. Immagini del sacro e del profano tra Medioevo ed Eta Moderna Museo Civico Medievale-Collezioni Comunali d’Arte-Museo Davia Bargellini http://www.museibologna.it/arteantica/eventi/51895/id/96498 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/anima_e_corpo.jpg' /></p> Il riallestimento di una parte delle Collezioni Comunali d’Arte, necessaria per consentire lavori alle coperture di Palazzo d’Accursio, è stata trasformata in un’occasione per accostare diversamente le opere del museo e per farle dialogare in un percorso tematico. Attraverso i soggetti cari alla cultura figurativa dei secoli passati, si racconta il cambiamento dal XIII al XVIII secolo dell’uso della figura umana nell’arte occidentale, per narrare sia l’essenza del divino, sia la vita e i sentimenti quotidiani. Nell’esposizione si alternano le sale dedicate ai due aspetti, mettendo in mostra la ricca collezione di sculture e di dipinti medievali, le preziose tavole di Francesco Francia, Amico Aspertini e Luca Signorelli, le tele di Prospero Fontana, Ludovico Carracci, Guido Cagnacci, Donato Creti, Gaetano Gandolfi, Pelagio Palagi. Il Medioevo ricorre alla rappresentazione del corpo per dare un’identità alla dimensione religiosa nelle sue differenti manifestazioni (Padre Eterno, Cristo, la Vergine, i santi), mentre nel Rinascimento il corpo rappresentato in modo naturalistico diviene fondamentale per dare un volto alla santità e facilitare la divulgazione della dottrina cattolica. Frequentemente nel Medioevo e nel Rinascimento le immagini sacre sono accompagnate da donatori, devoti e facoltosi personaggi che finanziavano l’opera nella speranza che ciò valesse come intercessione per l’aldilà. Ma il sentimento religioso era coltivato anche in ambito domestico, come mostrano trittici portatili e piccole tavole devozionali. Nei secoli cambia anche il ruolo dei santi: nel Medioevo sono venerati e quindi rappresentati soprattutto i martiri delle origini del cristianesimo; nel Rinascimento e nelle età successive si preferiscono nuovi santi, collocati in scene alla presenza della divinità (per esempio nella Sacra Famiglia o ai piedi del Crocifisso) o in concentrate preghiere, che dovevano essere di forte esempio per la pratica dei fedeli. Parallelamente si affermano le narrazioni delle passioni degli uomini, che si riconoscono spesso nelle storie degli eroi antichi o nelle allegorie di vizi e virtù. Il Cinquecento in particolare predilige complesse allegorie e metafore, sia letterarie che visive, in cui non di rado un soggetto in apparenza facilmente riconoscibile allude in realtà a tematiche ben più sottili. Pertanto talvolta un tratto misterioso o un emblema curioso circondano i volti di un’aura particolare, facendo diventare il ritratto un genere molto apprezzato anche per la capacità degli artisti di descrivere l’intensità psicologica del soggetto, la sua condizione sociale. Alcune tematiche toccavano più da vicino l’anima dei fedeli: tutti gli episodi della vita della Vergine e di Cristo, dall’Annunciazione al compimento della Passione. Pur essendo presenti quegli elementi che definiscono la storia, le differenti ambientazioni e le varianti iconografiche ci trasmettono il pensiero di un’epoca. Il tema della Deposizione, così popolare nel XVI secolo, è ben documentato in questa sala, grazie anche alla possibilità straordinaria di ricostruire in parte un capolavoro perduto di Luca Signorelli, la pala di Matelica del 1504, riaccostando due frammenti ad essa appartenuti: la Testa di donna piangente, delle Collezioni Comunali d’Arte, e quella del Cristo morto, data in deposito al museo da Banca UniCredit. I ritratti del Sei e del Settecento di nobili e ricchi borghesi dialogano nella sala 19 con i volti di uomini e donne cari a Pelagio Palagi, che li aveva raffigurati in posa, ma spesso soffermandosi solo sullo studio dell’espressione dei loro volti. La pittura dell’eclettico artista riporta anche l’attenzione del visitatore sui temi mitologici e sull’importanza educativa che ebbero nella civiltà della fine del Settecento e dell’Ottocento, quale veicolo di ammaestramento morale. Dei ed eroi dell’antica Grecia o gli epici personaggi della storia romana (sala 20) non erano più i protagonisti di leziosi quadretti per decorare salotti e boudoirs, ma figure emblematiche le cui gesta e il cui coraggio doveva essere d’esempio in un presente popolato da nuovi ideali. La mostra si conclude nella monumentale Sala Urbana, dando voce ad entrambi i filoni del racconto: il visitatore può scegliere se concludere ammirando prima le opere che più parlano all’anima poi quelle che stimolano principalmente i sensi, o viceversa. L’anima è avvinta dall’osservazione ravvicinata di straordinari Crocifissi scolpiti e dipinti, che tra XIII e XV secolo erano appesi in chiese e cappelle a definire il confine tra lo spazio del clero e lo spazio dei fedeli. I sensi sono conquistati dalle forme perfette ed appena conturbanti delle divinità seminude - allusione ai saperi e alle conoscenze degli uomini - dipinte da Donato Creti, avvolte in stoffe e luci dove i colori pastosi e intensi cominciano cautamente a raccontare il turbamento dell’età moderna. Inaugurazione venerdì 9 novembre, ore 18.00 http://www.museibologna.it/arteantica/eventi/51895/id/96498 Sat, 10 Nov 2018 Sat, 10 Nov 2018 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/anima_e_corpo.jpg 36144 Collezioni Comunali d'Arte Piazza Maggiore 6, 40121 Bologna Museo del Tessuto e della Tappezzeria "Vittorio Zironi" Museo Civico Medievale-Collezioni Comunali d’Arte-Museo Davia Bargellini http://www.museibologna.it/arteantica/eventi/51895/id/96119 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/villa_spada_esterno.jpg' /></p> Si informa che Il Museo del Tessuto e della Tappezzeria "Vittorio Zironi" rimarrà momentanea chiuso al pubblico. La chiusura si è resa necessaria in via precauzionale per agevolare le operazioni di controllo da parte dei tecnici del Comune di Bologna al fine di valutare l'eventuale necessità di interventi di manutenzione. Pertanto il museo rimarrà chiuso al pubblico fino a nuove disposizioni. Per tali motivi è annullata tutta la programmazione del Museo, cioè visite guidate, mostre, attività didattiche e ogni altro appuntamento previsto e già comunicato.     http://www.museibologna.it/arteantica/eventi/51895/id/96119 Fri, 28 Sep 2018 Fri, 28 Sep 2018 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/villa_spada_esterno.jpg 88019 Museo del Tessuto e della Tappezzeria "Vittorio Zironi" Lodi per ogni ora. I corali francescani provenienti dalla Basilica di San Francesco Museo Civico Medievale-Collezioni Comunali d’Arte-Museo Davia Bargellini http://www.museibologna.it/arteantica/eventi/51895/id/95561 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/corali..jpg' /></p> Nell'ambito del Festival Francescano X edizione, il Museo Civico Medievale propone un'esposizione dal titolo: Lodi per ogni ora. I corali francescani provenienti dalla Basilica di San Francesco.La mostra presenta una nutrita selezione dei vari codici liturgici, realizzati tra il XIII e il XV secolo per la basilica bolognese di San Francesco, che attualmente fanno parte della ricca collezione di codici miniati del Museo Civico Medievale di Bologna. Tra questi si segnala la serie di preziosi graduali francescani riccamente miniati dal cosiddetto Maestro della Bibbia di Gerona, protagonista assoluto della decorazione libraria bolognese della fine del Duecento. Prossimi a questa anche la serie poco più tarda degli antifonari, anch'essi ampiamente decorati, ispirandosi in parte alle più antiche esperienze del Giotto assisiate, evidentemente filtrate in città attraverso lo stesso ordine dei frati minori. A queste prime serie di corali ne seguirono altre nel corso del Quattrocento, quando i frati minori si affidarono a vari miniatori coordinati dal bolognese Giovanni di Antonio, per decorare intorno al 1440-50 alcuni dei loro libri liturgici, anch'essi presentati in occasione della mostra. Inaugurazione sabato 15 settembre, ore 17.30 http://www.museibologna.it/arteantica/eventi/51895/id/95561 Sun, 16 Sep 2018 Sun, 16 Sep 2018 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/corali..jpg 36155 Museo Civico Medievale Via Manzoni, 4 40121 Bologna