Istituzione Bologna Musei http://www.museibologna.it/eventi/49387 Istituzione Bologna Musei it-it info@comune.bologna.it Copyright 2019 Musica da vedere... di sabato! Museo Internazionale e Biblioteca della Musica http://informa.comune.bologna.it/iperbole/musica/eventi/51899/id/99552 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/004__le_compari6_1_1_1_1_1_1_1_2_1_1_1_1_1_1_1_1_1_2_3_2_1_1_1_1.jpg' /></p> Musica da vedere... di sabato!visita guidata “a domanda aperta” alle collezioni del Museocon Giuseppe Ayroldi Sagarriga Mozart sbagliava i compiti? La tastiera perfetta è insuonabile? Wagner era bolognese? Nell’orchestra di Respighi c’era un giradischi? Non lo sapete?Allora, da non perdere le speciali visite guidate “a rilascio prolungato” in cui un esperto del museo sarà a vostra disposizione per rispondere a queste e a tutte le altre domande sul museo, per un percorso guidato (ma non troppo) attraverso sei secoli di storia della musica. http://informa.comune.bologna.it/iperbole/musica/eventi/51899/id/99552 Sat, 21 Dec 2019 Sat, 21 Dec 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/004__le_compari6_1_1_1_1_1_1_1_2_1_1_1_1_1_1_1_1_1_2_3_2_1_1_1_1.jpg 53241 Museo internazionale e biblioteca della musica Strada Maggiore, 34 40125 Bologna Mamamusica ensemble in concerto Museo Internazionale e Biblioteca della Musica http://informa.comune.bologna.it/iperbole/musica/eventi/51899/id/99392 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/due_0521_2.jpg' /></p> Mamamusica ensemble in concertoconcerto "disturbato" per bambini da 0 a 36 mesi e genitori un progetto del Museo della musica Un concerto “disturbato” del Mamamusica ensemble: un vero e proprio bagno di suoni con musica eseguita da musicisti professionisti tratta dal repertorio classico, jazz ed etnico-popolare, in cui immergersi e partecipare con il corpo e con la voce. http://informa.comune.bologna.it/iperbole/musica/eventi/51899/id/99392 Sat, 14 Dec 2019 Sat, 14 Dec 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/due_0521_2.jpg 53241 Museo internazionale e biblioteca della musica Strada Maggiore, 34 40125 Bologna Musica da vedere... di domenica! Museo Internazionale e Biblioteca della Musica http://informa.comune.bologna.it/iperbole/musica/eventi/51899/id/99551 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/004__le_compari6_1_1_1_1_1_1_1_2_1_1_1_1_1_1_1_1_1_2_3_2_1_1_1.jpg' /></p> Musica da vedere... di domenica!visita guidata “a domanda aperta” alle collezioni del Museocon Giuseppe Ayroldi Sagarriga Mozart sbagliava i compiti? La tastiera perfetta è insuonabile? Wagner era bolognese? Nell’orchestra di Respighi c’era un giradischi? Non lo sapete?Allora, da non perdere le speciali visite guidate “a rilascio prolungato” in cui un esperto del museo sarà a vostra disposizione per rispondere a queste e a tutte le altre domande sul museo, per un percorso guidato (ma non troppo) attraverso sei secoli di storia della musica. http://informa.comune.bologna.it/iperbole/musica/eventi/51899/id/99551 Sun, 08 Dec 2019 Sun, 08 Dec 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/004__le_compari6_1_1_1_1_1_1_1_2_1_1_1_1_1_1_1_1_1_2_3_2_1_1_1.jpg 53241 Museo internazionale e biblioteca della musica Strada Maggiore, 34 40125 Bologna Etruschi. Viaggio nelle terre dei Rasna Museo Civico Archeologico di Bologna http://informa.comune.bologna.it/iperbole/archeologico/eventi/47655/id/99182 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/museoarcheologico_salax.jpg' /></p> Etruschi. Viaggio nelle terre dei Rasna vuole essere un affascinante viaggio tra archeologia e paesaggi sorprendenti nelle terre degli Etruschi, in una mostra che punta sulle novità di scavo e di ricerca e sulla storia di uno dei più importanti popoli dell'Italia antica. La metafora del viaggio darà forma e struttura all'esposizione, divisa in due grandi sezioni. La prima offre un momento di preparazione al viaggio, facendo conoscere al visitatore i lineamenti principali della cultura e della storia del popolo etrusco. Così preparato, il visitatore potrà affrontare la seconda sezione, dove si compie il viaggio vero e proprio nelle terre dei Rasna, come gli Etruschi chiamavano se stessi. Un itinerario attraverso quei territori e centri di Lazio, Umbria e Toscana che già furono oggetto di attenzione, meraviglia e descrizione da parte dei viaggiatori del passato, come il diplomatico inglese George Dennis, che nel XIX secolo con il suo The Cities and Cemeteries of Etruria (1848) diede conto di cinque anni di viaggi che toccarono i siti archeologici allora conosciuti, in paesaggi profondamente diversi da come sono oggi. Il viaggio continua nei territori etruschi della valle Padana e della Campania, forse meno noti al grande pubblico ma importanti teatri di nuove scoperte archeologiche. La mostra infine dialoga naturalmente con la ricchissima sezione etrusca del museo, che testimonia il ruolo di primo piano di Bologna etrusca.   Etruschi. Viaggio nelle terre dei Rasna è una mostra promossa e progettata da Istituzione Bologna Musei | Museo Civico Archeologico, in collaborazione con la Cattedra di Etruscologia ed Antichità italiche dell’Università degli Studi di Bologna, e realizzata da Electa.   Scopri le offerte per scuole e gruppi   Orari della mostra Aperto tutti i giorni esclusi i martedì non festiviLun, Mer, Giov, Ven 9 –18Sab, Dom 10–20La biglietteria chiude un’ora prima Servizi didattici per le scuoleLun, Mer, Gio, Ven 9–18Sab 10–13.30 ____________________________________ Biglietti Intero: 14,00 euroRidotto: 12,00 euro Studenti maggiorenni e universitari fino a 26 anni con tesserino universitario e non in gruppo, persone con disabilità, giornalisti con tesserino, forze dell’ordine con tesserino, categorie convenzionate partner con relative tessere identificative, possessori Bologna Welcome cardRidotto: 10,00 euro Guide con tesserino se non accompagnano un gruppo, biglietto gruppi adulti (min.15 – max. 30 partecipanti), studenti universitari con tesserino tutti i lunedì non festiviRidotto: 7,00 euro Possessori Card Musei Metropolitani Bologna, ragazzi dai 6 ai 17 anni compiuti non in gruppo scolasticoGratuito: Minori di 6 anni, 2 accompagnatori per gruppo scolastico, 1 accompagnatore per gruppo organizzato, 1 accompagnatore per disabile, guide turistiche che accompagno gruppo con tesserino, soci ICOM, giornalisti accreditati Gruppi scuole: 5,00 euro a partecipante (min. 15– max. 30 partecipanti), gratuito per due accompagnatori Gruppi scuole dell’infanzia: gratuito Biglietto open: intero 16,00 euro; ridotto 14,00 euro Visita guidata/animata per gruppi scolastici: 65,00 euro in italiano; 85,00 euro in lingua straniera Visita guidata/animata per gruppi non scolastici: 110,00 euro in italiano; 130,00 euro in lingua straniera Laboratori: 75,00 euro in italiano; 95,00 euro in lingua straniera. Da abbinare alla visita in mostra, guidata o in autonomia Diritti di prenotazione e prevendita: 1,50 euro a persona per adulti e gruppi; 1,00 euro a persona per le scuole Radioguida: Gratuita. Obbligatoria per gruppi e classi della scuola secondaria http://informa.comune.bologna.it/iperbole/archeologico/eventi/47655/id/99182 Sat, 07 Dec 2019 Sat, 07 Dec 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/museoarcheologico_salax.jpg 47749 Museo Archeologico Via dell'Archiginnasio, 2, 40124, Bologna BilBOlBul 2019 | Heimat Museo Internazionale e Biblioteca della Musica http://informa.comune.bologna.it/iperbole/musica/eventi/51899/id/99463 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/heimat.png' /></p> HeimatNora Krugmostra promossa da BilBOlbul Festival internazionale di fumetto, Goethe-Institut Roma in collaborazione con Goethe-Zentrum Bologna, Museo internazionale e biblioteca della musica, Giulio Einaudi Editore, Strane Dizioni Heimat è la parola tedesca che indica il luogo d’origine, dove ogni persona forma la propria identità e sensibilità. Come i ricordi in cui affonda le radici, l’identità è frammentaria: un insieme di esperienze in mutazione continua. La mostra è organizzata proprio secondo la logica del frammento: un percorso in cui alle tavole originali di Heimat si affiancano le fotografie, i manoscritti, i cimeli del terzo Reich e i documenti che Krug ha raccolto durante le sue lunghe ricerche. A dimostrazione che gli oggetti, tanto quanto la scrittura e il disegno, portano con sé l’idea del passato e della storia. La mostra rivela sia la genesi di Heimat sia il percorso che ha condotto Krug a riflettere sull’identità nazionale e sull’impronta che la Seconda Guerra Mondiale ha lasciato su generazioni di persone.Dopo BilBOlbul, la mostra Heimat si sposta al Goethe-Institut di Roma. opening | venerdì 29 novembre ore 19 Nora Krug è un’autrice e illustratrice tedesco-americana. I suoi lavori, più volte premiati dalla Society of Illustrators, sono apparsi su The New York Times, The Guardian, Le Monde diplomatique e A Public Space, e all’interno di antologie pubblicate da Houghton Mifflin Harcourt, Simon and Schuster e Chronicle Books. Krug ha vinto il premio Moira Gemmill Illustrator of the Year e il 2019 Book Illustration Prize del Victoria and Albert Museum. Il suo racconto Kamikaze, la storia di un pilota giapponese sopravvissuto alla Seconda Guerra Mondiale, è stato incluso nell’antologia Best American Comics (Houghton Mifflin). Il suo ultimo graphic novel Heimat, tradotto in oltre quindici paesi e pubblicato in Italia da Einaudi, è stato accolto come uno dei migliori libri del 2018 da The New York Times, The Guardian, NPR, Kirkus Reviews, Time Magazine, San Francisco Chronicle, Boston Globe. Nel 2019 ha vinto il National Book Critics Circle Award per la categoria “autobiografia”, il Lynd Ward Graphic Novel Prize , l’Art Directors Club Gold Cube and Discipline, il Literaturförderpreis della città di Aalen, l’Evangelischer Buchpreis e il Ludwig-Marum-Preis. I suoi lavori sono stati esposti in tutto il mondo, e alcune delle sue animazioni sono state proiettate al Sundance Film Festival. Krug insegna Illustrazione alla Parsons School of Design di New York.  nora-krug.com http://informa.comune.bologna.it/iperbole/musica/eventi/51899/id/99463 Sat, 30 Nov 2019 Sat, 30 Nov 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/heimat.png 53241 Museo internazionale e biblioteca della musica Strada Maggiore, 34 40125 Bologna Musica da vedere... di domenica! Museo Internazionale e Biblioteca della Musica http://informa.comune.bologna.it/iperbole/musica/eventi/51899/id/99550 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/004__le_compari6_1_1_1_1_1_1_1_2_1_1_1_1_1_1_1_1_1_2_3_2_1_1.jpg' /></p> Musica da vedere... di domenica!visita guidata “a domanda aperta” alle collezioni del Museocon Giuseppe Ayroldi Sagarriga Mozart sbagliava i compiti? La tastiera perfetta è insuonabile? Wagner era bolognese? Nell’orchestra di Respighi c’era un giradischi? Non lo sapete?Allora, da non perdere le speciali visite guidate “a rilascio prolungato” in cui un esperto del museo sarà a vostra disposizione per rispondere a queste e a tutte le altre domande sul museo, per un percorso guidato (ma non troppo) attraverso sei secoli di storia della musica. http://informa.comune.bologna.it/iperbole/musica/eventi/51899/id/99550 Sun, 24 Nov 2019 Sun, 24 Nov 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/004__le_compari6_1_1_1_1_1_1_1_2_1_1_1_1_1_1_1_1_1_2_3_2_1_1.jpg 53241 Museo internazionale e biblioteca della musica Strada Maggiore, 34 40125 Bologna Jewish Trekking | Alla scoperta di Salomone Rossi Museo Internazionale e Biblioteca della Musica http://informa.comune.bologna.it/iperbole/musica/eventi/51899/id/99547 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/la_casa_della_vita_1_1.jpg' /></p> Jewisg trekking | alla scoperta di Salomone Rossivisita guidata alle opere esposte in sala 5 La Casa della Vita Ori e storie intorno all'antico cimitero ebraico di Bologna Un particolare Jewish trekking a passeggio per la città che parte dal Museo della musica e dagli spartiti di Salomone Rossi in sala 5 per poi proseguire alla scoperta dei reperti del cimitero ebraico di via Orfeo esposti all’interno del Museo Ebraico di Bologna, di Palazzo Bocchi con la sua enigmatica iscrizione, dell’ex ghetto cinquecentesco e delle lapidi conservate presso il Museo civico Medievale. http://informa.comune.bologna.it/iperbole/musica/eventi/51899/id/99547 Sun, 17 Nov 2019 Sun, 17 Nov 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/la_casa_della_vita_1_1.jpg 53241 Museo internazionale e biblioteca della musica Strada Maggiore, 34 40125 Bologna Isole remote Museo Internazionale e Biblioteca della Musica http://informa.comune.bologna.it/iperbole/musica/eventi/51899/id/99393 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/67881999_697606270684286_760202390983933952_n.jpg' /></p> Isole remotelaboratorio di arti visive e movimento creativoideato e condotto da Alessandro Carboni e Chiara Castaldinia cura di PINGELAP – FORMAZIONE Bambini e Ragazzi Liberamente tratto dal testo di Judith Schalansky L’ Atlante delle Isole Remote, il laboratorio si propone di scoprire e collezionare dettagli geografici, ricchezze, letterature sulle storie di alcune tra le isole più piccole e lontane del mondo. Gli elementi cartografici e le caratteristiche degli abitanti diventano materiale dal grande potenziale narrativo e le isole stesse diventano uno spazio teatrale, dove i bambini potranno ricostruire le storie attraverso gli oggetti, il movimento e la musica. N.B. È richiesto abbigliamento e scarpe comode. http://informa.comune.bologna.it/iperbole/musica/eventi/51899/id/99393 Sat, 16 Nov 2019 Sat, 16 Nov 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/67881999_697606270684286_760202390983933952_n.jpg 53241 Museo internazionale e biblioteca della musica Strada Maggiore, 34 40125 Bologna Musica da vedere... di domenica! Museo Internazionale e Biblioteca della Musica http://informa.comune.bologna.it/iperbole/musica/eventi/51899/id/99549 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/004__le_compari6_1_1_1_1_1_1_1_2_1_1_1_1_1_1_1_1_1_2_3_2_1.jpg' /></p> Musica da vedere... di domenica!visita guidata “a domanda aperta” alle collezioni del Museocon Giuseppe Ayroldi Sagarriga Mozart sbagliava i compiti? La tastiera perfetta è insuonabile? Wagner era bolognese? Nell’orchestra di Respighi c’era un giradischi? Non lo sapete?Allora, da non perdere le speciali visite guidate “a rilascio prolungato” in cui un esperto del museo sarà a vostra disposizione per rispondere a queste e a tutte le altre domande sul museo, per un percorso guidato (ma non troppo) attraverso sei secoli di storia della musica. http://informa.comune.bologna.it/iperbole/musica/eventi/51899/id/99549 Sun, 10 Nov 2019 Sun, 10 Nov 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/004__le_compari6_1_1_1_1_1_1_1_2_1_1_1_1_1_1_1_1_1_2_3_2_1.jpg 53241 Museo internazionale e biblioteca della musica Strada Maggiore, 34 40125 Bologna Le lapidi raccontano Museo Civico del Risorgimento http://informa.comune.bologna.it/iperbole/risorgimento/eventi/47755/id/99518 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/epigrafigandolfi.jpg' /></p> "Leggendo le iscrizioni, tante creature virtuose, amate, rimpiante, si sarebbe tentato di credere che la migliore metà dell’uman genere sia salita al cielo e non abbia lasciato sulla terra se non il rifiuto." Una passeggiata insieme a Roberto Martorelli per scoprire se davvero tutte le epigrafi raccontano la verità o nascondo invece vite tormentate, atti crudeli o criminali, sentimenti non proprio virtuosi. A cura di Museo del Risorgimento Bologna. Ingresso libero, non è richiesta prenotazione. I possessori della Card Musei riceveranno un omaggio. Ritrovo 15 minuti prima presso l'ingresso principale (cortile chiesa), via della Certosa 18. Info 051225583 museorisorgimento@comune.bologna.it #photogallery# http://informa.comune.bologna.it/iperbole/risorgimento/eventi/47755/id/99518 Sat, 09 Nov 2019 Sat, 09 Nov 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/epigrafigandolfi.jpg 49221 Complesso monumentale della Certosa Via della Certosa, 18 40133 Bologna Mamamusica III Museo Internazionale e Biblioteca della Musica http://informa.comune.bologna.it/iperbole/musica/eventi/51899/id/99391 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/_dsc7339_copia.jpg' /></p> Mamamusica IVlaboratorio in 4 incontri per bambini da 0-36 mesi e genitori un progetto del Museo della musicacon Luca Bernard, Linda Tesauro, Enrico Farnedi Uno spazio musicale speciale, emozionante ed inclusivo per grandi e piccolissimi in cui l'attenzione si concentra esclusivamente sui suoni. Canti e ritmi provenienti da repertori molto diversi, un avvolgente abbraccio di suoni scandito anche da intensi silenzi, in cui adulti e bambini costruiscono una relazione comunicativa unica, per scoprire e riscoprire l' incanto di esprimersi attraverso la musica. http://informa.comune.bologna.it/iperbole/musica/eventi/51899/id/99391 Sat, 09 Nov 2019 Sat, 09 Nov 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/_dsc7339_copia.jpg 53241 Museo internazionale e biblioteca della musica Strada Maggiore, 34 40125 Bologna Dal filo al tessuto, l'antica arte della tessitura Museo del Patrimonio Industriale http://informa.comune.bologna.it/iperbole/patrimonioindustriale/eventi/51897/id/99467 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/museociviltcontadina.jpg' /></p> Domenica 27 ottobre dalle ore 10.45 alle 17.30 si propone, per il ciclo "Percorsi tra storia e tecnologia in bus tra Bologna e provincia", il percorso con bus dedicato a Dal filo al tessuto: l'antica arte della tessitura. Un approfondimento sull'arte della filatura e della tessitura per scoprire le tecniche della tessitura a mano e la bellezza nascosta negli intrecci. Programma: &gt; ore 11-12.30 - Museo del Patrimonio Industriale: incontro sull'arte della tessitura della seta con dimostrazione pratica a cura di Nicoletta di Gaetano, tessitrice e progettista tessile&gt; ore 13 - pranzo presso Locanda Villa Smeraldi&gt; ore 15.30-16:30 - Museo della Civiltà Contadina: dimostrazione di filatura e tessitura. I partecipanti potranno provare a tessere sul telaio antico del museo Ritrovo al Museo del Patrimonio Industriale (via della Beverara 123, Bologna) Costo a partecipante: € 37 / € 34 / € 23, gratuito per bimbi sino a 5 anniN. minimo partecipanti: 25Prenotazione obbligatoria su: City Red BusPercorsi tra storia e tecnologia in bus tra Bologna e provinciaLe collezioni del Museo del Patrimonio Industriale sono il punto di partenza per tre approfondimenti tematici, in altrettanti musei del territorio, legati alla storia produttiva di Bologna. Dalla lavorazione della seta e della canapa alla macchina a vapore fino alle invenzioni di Marconi: un ciclo di incontri per riscoprire le eccellenze del nostro territorio. http://informa.comune.bologna.it/iperbole/patrimonioindustriale/eventi/51897/id/99467 Sun, 27 Oct 2019 Sun, 27 Oct 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/museociviltcontadina.jpg 52993 Museo del Patrimonio Industriale Via della Beverara, 123 40131 Bologna Tele e spartiti Museo Internazionale e Biblioteca della Musica http://informa.comune.bologna.it/iperbole/musica/eventi/51899/id/99395 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/image00007.jpg' /></p> Tele e spartitilaboratorio con Giulia Sassiin collaborazione con RTI Senza titolo, ASTER e Tecnoscienza Da sempre Arte e Musica hanno trovato ispirazione l'una nell'altra, come se il pennello potesse inseguire i suoni e lo strumento suggerire linee, forme, colori... Si scopriranno gli artisti di ieri e di oggi che si sono lasciati ispirare dalla musica, attraverso un percorso in cui bambini e genitori potranno sperimentare insieme il profondo e coinvolgente dialogo dei due linguaggi tra composizioni di segni, variazioni di forme e sfumature di suoni e di colori. http://informa.comune.bologna.it/iperbole/musica/eventi/51899/id/99395 Sun, 27 Oct 2019 Sun, 27 Oct 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/image00007.jpg 53241 Museo internazionale e biblioteca della musica Strada Maggiore, 34 40125 Bologna In cucina Museo Internazionale e Biblioteca della Musica http://informa.comune.bologna.it/iperbole/musica/eventi/51899/id/99394 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/in_cucina_qb.jpg' /></p> In cucinalaboratorio ideato e condotto da Laura Masi e Giulia Meciin collaborazione con Associazione QB Quanto Basta Utensili da cucina e strumenti musicali autocostruiti sono gli oggetti con cui due musiciste preparano succulenti piatti da gustare con le orecchie, a base di suoni e note.La preparazione del Menu prevede la partecipazione di piccoli e grandi, chiamati a cucinare insieme canti e dialoghi ritmici che regaleranno a tutti il piacere della scoperta musicale e il gusto della composizione collettiva. http://informa.comune.bologna.it/iperbole/musica/eventi/51899/id/99394 Sat, 26 Oct 2019 Sat, 26 Oct 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/in_cucina_qb.jpg 53241 Museo internazionale e biblioteca della musica Strada Maggiore, 34 40125 Bologna L'arte è donna | La temeraria Museo Internazionale e Biblioteca della Musica http://informa.comune.bologna.it/iperbole/musica/eventi/51899/id/99546 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/locandina_autunno_1.jpg' /></p> L'arte è donna. Incontri tra libri e opere nei musei di BolognaNella storia dell'arte, il profilo delle donne resta spesso sfocato, le loro storie oscure. Negli ultimi anni però il vento è cambiato e di queste storie al femminile si è cominciato a raccontare, discutere, scrivere. Anche i musei civici diventano protagonisti di questa riscoperta attraverso la rassegna L'arte è donna, una serie di incontri che porta nelle sale autrici di biografie d'arte e studiose, unite per approfondire le storie dirompenti di queste donne che hanno fatto dell'arte un mestiere, una passione e una ragione di vita. La rassegna è stata organizzata con il supporto di Hera e in collaborazione con il Patto per la Lettura di Bologna e il Centro delle Donne/Biblioteca Italiana delle Donne. Voci reginevisita guidata con Giuseppe Ayroldi Sagarriga Quattro donne protagoniste della storia della musica europea: Maria Giovanna Gasparini la cantatrice d'opera più famosa tra gli anni '20 e '30 del '700, Isabella Colbran, prima moglie e musa di Rossini, Giulia Grisi voce soprano dello Stabat mater di Rossini; Maria Barbara di Braganza regina di Spagna e illustre mecenate di Farinelli e Padre Martini. a seguire presentazione del volumeLa temeraria Luciana Frassati Gawronska, un romanzo del Novecento di Marina Valensise (Marsilio, 2019, pp- 480) Protagonista e musa del Novecento, testimone d’eccezione del suo fermento culturale come delle sue tragedie, antinazista e cattolica, con la sua lunga vita Luciana Frassati Gawronska (1902-2007) ha attraversato il Novecento da protagonista della vita culturale italiana ed europea. Figlia di Alfredo, fondatore de La Stampa e ambasciatore del Regno d’Italia a Berlino, dopo aver sposato un diplomatico polacco di stanza all’Aja diventa una delle muse cosmopolite del XX secolo, amica di Franz Werfel e Alma Mahler, di Eva Chamberlain e Daniela von Bülow, le figlie di Cosima Liszt, confidente di Furtwängler e di Toscanini. Allo scoppio della Seconda guerra mondiale è a Varsavia, dove, dopo varie udienze con Mussolini, si imbarcherà in una serie di viaggi avventurosi per mettere in salvo beni, opere d’arte e soprattutto la vita di tanti amici, parenti e semplici cittadini, stretti nella morsa della duplice dittatura nazista e bolscevica. “Dilettante della cospirazione”, scampata per un pelo all’arresto della Gestapo, approderà infine coi sei figli a Roma, punto di snodo della cultura del dopoguerra. La sua storia la racconta Marina Valensise, ex direttrice dell'Istituto di Cultura italiano a Parigi, collaboratrice del Foglio e del Messaggero. http://informa.comune.bologna.it/iperbole/musica/eventi/51899/id/99546 Fri, 25 Oct 2019 Fri, 25 Oct 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/locandina_autunno_1.jpg 53241 Museo internazionale e biblioteca della musica Strada Maggiore, 34 40125 Bologna La Certosa di Bologna | un libro aperto sulla storia Museo Civico del Risorgimento http://informa.comune.bologna.it/iperbole/risorgimento/eventi/47755/id/99257 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/app_diur_la_certosa_1_1_1_2_1_1.jpg' /></p> Una passeggiata dedicata a chi non ha mai visitato il complesso monumentale, l'ABC della nostra Certosa: dalla necropoli etrusca al monastero, dall'istituzione del "cimitero moderno" ai capolavori più famosi e tante, tante curiosità. A cura di Didasco. Ingresso 10€, due euro verranno devoluti per la valorizzazione della Certosa. Prenotazione obbligatoria 3481431230 (pom-sera). Ritrovo all'ingresso principale (cortile chiesa), via della Certosa 18. Tutti i possessori della Card Musei Metropolitani Bologna riceveranno un omaggio all’ingresso. L'evento si terrà anche in caso di maltempo. #photogallery# http://informa.comune.bologna.it/iperbole/risorgimento/eventi/47755/id/99257 Sun, 20 Oct 2019 Sun, 20 Oct 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/app_diur_la_certosa_1_1_1_2_1_1.jpg 49221 Complesso monumentale della Certosa Via della Certosa, 18 40133 Bologna Musica da vedere... di domenica! Museo Internazionale e Biblioteca della Musica http://informa.comune.bologna.it/iperbole/musica/eventi/51899/id/99548 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/004__le_compari6_1_1_1_1_1_1_1_2_1_1_1_1_1_1_1_1_1_2_3_2.jpg' /></p> Musica da vedere... di domenica!visita guidata “a domanda aperta” alle collezioni del Museocon Giuseppe Ayroldi Sagarriga Mozart sbagliava i compiti? La tastiera perfetta è insuonabile? Wagner era bolognese? Nell’orchestra di Respighi c’era un giradischi? Non lo sapete?Allora, da non perdere le speciali visite guidate “a rilascio prolungato” in cui un esperto del museo sarà a vostra disposizione per rispondere a queste e a tutte le altre domande sul museo, per un percorso guidato (ma non troppo) attraverso sei secoli di storia della musica. http://informa.comune.bologna.it/iperbole/musica/eventi/51899/id/99548 Sun, 13 Oct 2019 Sun, 13 Oct 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/004__le_compari6_1_1_1_1_1_1_1_2_1_1_1_1_1_1_1_1_1_2_3_2.jpg 53241 Museo internazionale e biblioteca della musica Strada Maggiore, 34 40125 Bologna Marconi e il wireless Museo del Patrimonio Industriale http://informa.comune.bologna.it/iperbole/patrimonioindustriale/eventi/51897/id/99464 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/museo_marconi_1.jpg' /></p> Sabato 12 Ottobre dalle ore 10.45 alle 17.30 si propone, per il ciclo "Percorsi tra storia e tecnologia in bus tra Bologna e provincia", il percorso con bus dedicato a Marconi e il wireless. Una giornata dedicata alla storia della comunicazione a distanza: giochi, prove ed esperimenti per riscoprire la figura di Marconi e l'importanza delle sue sperimentazioni. Programma: &gt; ore 11-12.20 - Museo del Patrimonio Industriale: caccia al tesoro alla scoperta di codici e tecniche di trasmissioni dei messaggi&gt; ore 13 - pranzo presso ristorante Monte Capra&gt; ore 15.30-17 - Museo Marconi: visita guidata per approfondire la conoscenza dell'inventore delle radiotelecomunicazioni e del funzionamento dei suoi strumenti Ritrovo al Museo del Patrimonio Industriale (via della Beverara 123, Bologna) Costo a partecipante: € 43 / € 36 / € 25, gratuito per bimbi sino ai 5 anniN. minimo partecipanti: 25Prenotazione obbligatoria su: City Red BusPercorsi tra storia e tecnologia in bus tra Bologna e provinciaLe collezioni del Museo del Patrimonio Industriale sono il punto di partenza per tre approfondimenti tematici, in altrettanti musei del territorio, legati alla storia produttiva di Bologna. Dalla lavorazione della seta e della canapa alla macchina a vapore fino alle invenzioni di Marconi: un ciclo di incontri per riscoprire le eccellenze del nostro territorio. http://informa.comune.bologna.it/iperbole/patrimonioindustriale/eventi/51897/id/99464 Sat, 12 Oct 2019 Sat, 12 Oct 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/museo_marconi_1.jpg 52993 Museo del Patrimonio Industriale Via della Beverara, 123 40131 Bologna Come ti suono una fiaba Museo Internazionale e Biblioteca della Musica http://informa.comune.bologna.it/iperbole/musica/eventi/51899/id/99397 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/teatrotestoniragazzivisionidifuturovisioniditeatroxivedizione_articolo2.jpg' /></p> Come ti suono una fiabalaboratorio teatrale con Bruno Cappagliin collaborazione con La Baracca - Teatro Testoni Creare un’azione teatrale completamente ispirata dalla musica. Questa è l’idea di base del laboratorio: attraverso le suggestioni che la musica può suscitare nasce una fiaba da raccontare solo con l’uso del corpo e della voce. Per fare questo è necessario provare vibrazioni sonore che permettano di scavare nel profondo, bisogna ascoltare ad occhi chiusi ed immaginare mondi fantastici e sconosciuti. http://informa.comune.bologna.it/iperbole/musica/eventi/51899/id/99397 Sat, 12 Oct 2019 Sat, 12 Oct 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/teatrotestoniragazzivisionidifuturovisioniditeatroxivedizione_articolo2.jpg 53241 Museo internazionale e biblioteca della musica Strada Maggiore, 34 40125 Bologna La guerra in testa: esperienze e traumi di civili, profughi e soldati nel manicomio di Pergine Valsugana (1909-1924) Museo Civico del Risorgimento http://informa.comune.bologna.it/iperbole/risorgimento/eventi/47755/id/99350 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/valenti_copertinaa.jpg' /></p> Un incontro tra Anna Grillini e Barbara Bracco dell'Università di Milano, autrice del volume edito dal Mulino. Il centenario della Grande guerra ha rinnovato l’interesse verso le esperienze vissute dai combattenti e dai civili. Il volume vuole inserirsi in questo filone, ponendo l’attenzione sull’eredità che il vissuto bellico lascia sulle menti di chi è stato testimone e protagonista della guerra. Attraverso la documentazione dell'ex ospedale psichiatrico di Pergine Valsugana sono ricostruite le storie dei pazienti che affollarono l'istituto. In Trentino, una delle regioni europee più devastate dalla guerra, si dipanano le esperienze di soldati, di profughi e di persone comuni che lottano per la sopravvivenza. Accanto ai casi dei più conosciuti folli di guerra, la ricerca si interroga sulle conseguenze dei traumi sofferti dalle donne, divenute spesso l’unico punto di riferimento delle famiglie, vittime del conflitto ma rapidamente dimenticate nel dopoguerra. Alle singole storie si accompagna la quotidianità di una psichiatria smarrita nelle sfide portate dal conflitto. Museo civico del Risorgimento, Piazza Carducci, 5. Ingresso libero, non è richiesta prenotazione. Info 051225583 museorisorgimento@comune.bologna.it #photogallery#   http://informa.comune.bologna.it/iperbole/risorgimento/eventi/47755/id/99350 Fri, 11 Oct 2019 Fri, 11 Oct 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/valenti_copertinaa.jpg 47752 Museo Civico del Risorgimento Piazza Giosuè Carducci 5, 40125 Bologna Il Museo (ri)Suona Museo Internazionale e Biblioteca della Musica http://informa.comune.bologna.it/iperbole/musica/eventi/51899/id/99398 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/musica_da_paura_3.jpg' /></p> Il Museo (ri)Suonavisita sonata con i musicisti alla scoperta degli strumenti delle collezioni del museo Sentite questo suono?Scoprite da dove proviene e vi troverete protagonisti di una lezione concerto in cui musicisti vi sveleranno dal vivo i segreti della collezione di strumenti musicali del museo: dalla voce al violino, dai liuti all'arpa, fino al flauto a becco, all'oboe barocco, alla tromba e agli ottoni, strumenti a fiato e a corda, da vedere, ascoltare e chissà... anche da provare! http://informa.comune.bologna.it/iperbole/musica/eventi/51899/id/99398 Sun, 06 Oct 2019 Sun, 06 Oct 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/musica_da_paura_3.jpg 53241 Museo internazionale e biblioteca della musica Strada Maggiore, 34 40125 Bologna Cesare Pietroiusti. Un certo numero di cose/A Certain Number of Things Istituzione Bologna Musei http://www.museibologna.it/eventi/49900/id/99494 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/mambo_cesare_pietroiusti_foto_ivo_corra.jpg' /></p> Arriva nella Sala delle Ciminiere del MAMbo Un certo numero di cose / A Certain Number of Things, un progetto di Cesare Pietroiusti, a cura di Lorenzo Balbi con l’assistenza curatoriale di Sabrina Samorì, promosso dal MAMbo, vincitore della IV edizione del bando Italian Council (2018), concorso ideato dalla Direzione Generale Arte e Architettura contemporanee e Periferie urbane (DGAAP) del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, per promuovere l’arte contemporanea italiana nel mondo. L'idea dell’esposizione - la prima antologica dell’artista italiano in una istituzionale museale - prende avvio da una riflessione sul concetto stesso di mostra retrospettiva e sulla effettiva possibilità di rappresentare un percorso di ricerca artistica in tale formato. Da questa indagine nasce l’idea-provocazione di Cesare Pietroiusti: autonarrarsi non solo attraverso le opere prodotte ma anche tramite oggetti, suggestioni, episodi, gesti, azioni, comportamenti, ricordi riferiti alla propria vita, a partire dall’anno di nascita, il 1955. Il percorso espositivo nella Sala delle Ciminiere si articola attraverso l’esposizione di quelli che l’artista definisce “oggetti-anno” allestiti in ordine non rigorosamente cronologico. Si inizia dalla foto del piccolo Cesare in braccio alla balia proteso verso un grappolo d’uva (1955) per proseguire fino al 1976 con documenti, foto, dischi, cassette, lettere, album di disegni, temi scolastici, storie, pagelle, tessere, libri, ricordi di viaggio, poesie che tracciano una linea lungo la crescita del bambino, adolescente e giovane Cesare. A partire dal 1977 gli oggetti si spostano prevalentemente dalla sfera personale all’attività artistica, con lavori di Pietroiusti realizzati nell’arco di quarant’anni. Gli oggetti che rappresentano gli anni dal 1955 al 2018 sono allestiti intorno all’ultimo oggetto-anno, relativo al 2019, che è collocato al centro della sala: si tratta di un'opera in fieri, che si realizza grazie a un laboratorio condotto da Pietroiusti su due sedi, al MAMbo e al Grazer Kunstverein di Graz (Austria). Il workshop coinvolge studenti e giovani artisti, con l’obiettivo di riprodurre insieme all’artista in forma fisica, performativa e narrativa, secondo un meccanismo di mise en abyme della mostra stessa, tutti gli oggetti esposti, in una forma di co-autorialità che interessa anche la fase ideativa. L’opera scaturente dal workshop avrà come istituzione di destinazione il Madre · museo d’arte contemporanea Donnaregina di Napoli. Inaugurazione giovedì 3 ottobre 2019, ore 18.30 http://www.museibologna.it/eventi/49900/id/99494 Fri, 04 Oct 2019 Fri, 04 Oct 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/mambo_cesare_pietroiusti_foto_ivo_corra.jpg 36485 MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna Via Don Minzoni 14, 40121 Bologna Leggero Museo Internazionale e Biblioteca della Musica http://informa.comune.bologna.it/iperbole/musica/eventi/51899/id/99491 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/bologna_rock_122.jpg' /></p> Leggerotributo a Roberto “Freak” Antoniinstallazione in Virtual Reality a cura di Vitruvio Virtual Museumevento di finissage della mostra Pensatevi liberi. Bologna Rock 1979 a cura di Oderso Rubini e Anna Persiani Leggero è (sin dal titolo) il tributo che Vitruvio Virtual Museum ha dedicato a Roberto "Freak" Antoni, uno degli artisti più sovversivi e destabilizzanti della storia musicale del nostro paese. L’opera di realtà virtuale immersiva, esperibile attraverso il visore Oculus Go, dialoga direttamente con la scultura in marmo di Carrara realizzata da Daniele Rossi che ritrae “Freak” Antoni all’interno di un water dotato di razzi. Attraverso la realtà virtuale i razzi vengono attivati e il fruitore dell’esperienza compie un viaggio su Bologna fra le note di Ludovico Einaudi e i versi di Le onde leggero, delicata e sorprendente poesia dello stesso Antoni.https://vitruviovirtualmuseum.com/portfolio/tributo-a-freak-antoni/ http://informa.comune.bologna.it/iperbole/musica/eventi/51899/id/99491 Fri, 04 Oct 2019 Fri, 04 Oct 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/bologna_rock_122.jpg 53241 Museo internazionale e biblioteca della musica Strada Maggiore, 34 40125 Bologna Atleti, cavalieri e goleador Museo Civico Archeologico di Bologna http://informa.comune.bologna.it/iperbole/archeologico/eventi/47655/id/99572 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/banner_52.jpg' /></p> Il Bologna FC compie 110 anni e l'Istituzione Bologna Musei si mette in prima fila per festeggiare i rossoblù. Dal 3 ottobre al 6 gennaio Villa delle Rose,  il Museo Archeologico e il Museo Medievale ospiteranno la mostra: “Atleti, cavalieri e goleador”. Villa delle Rose sarà il cuore dell’esposizione che racconta la storia del Bologna calcio, dai cimeli all’esperienza immersiva, grazie alla tecnologia avanzata, che permetterà ai visitatori di vivere i 110 anni di storia rossoblù. All’interno del Museo Civico Archeologico ci sarà un percorso che abbraccerà cinque tematiche che fanno da filo conduttore tra il vivere lo sport in epoca antica e in epoca moderna: l’ideale atletico, la cura del corpo, le manifestazioni sportive, i simboli che definiscono la vittoria e la dimensione pubblica e privata dell’attività sportiva. Il Museo Civico Medievale dedicherà alla mostra un percorso che riguarderà quattro sale: tornei e giochi, con oggetti che vanno dalle armature agli elmetti da torneo e pannelli didattici. Qui info e biglietti http://informa.comune.bologna.it/iperbole/archeologico/eventi/47655/id/99572 Thu, 03 Oct 2019 Thu, 03 Oct 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/banner_52.jpg 47749 Museo Archeologico Via dell'Archiginnasio, 2, 40124, Bologna Alla conquista del mondo – esploratori e viaggiatori bolognesi Museo Civico del Risorgimento http://informa.comune.bologna.it/iperbole/risorgimento/eventi/47755/id/98637 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/diurno_alla_conquista_del_mondo_sistemare_livelli1a_1.jpg' /></p> Il percorso organizzato da Miriam Forni individuerà personalità note - ma sopratutto poco note - che si sono lanciate in esplorazioni lunghissime e rischiose per il pianeta, spesso con mezzi di fortuna. Un viaggio avventuroso tra gli esploratori del passato. A cura di ConfGuide Bologna. Prenotazione obbligatoria al numero 3667174987. Ritrovo ore 15.15 all'ingresso del Cimitero, Via della Certosa 18 (cortile chiesa). E' richiesto un contributo di 10€, 2€ devoluti per la Certosa. #photogallery# http://informa.comune.bologna.it/iperbole/risorgimento/eventi/47755/id/98637 Sun, 29 Sep 2019 Sun, 29 Sep 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/diurno_alla_conquista_del_mondo_sistemare_livelli1a_1.jpg 49221 Complesso monumentale della Certosa Via della Certosa, 18 40133 Bologna Tra le due sponde del Mediterraneo: la collezione islamica del museo Museo Civico Medievale-Collezioni Comunali d’Arte-Museo Davia Bargellini http://informa.comune.bologna.it/iperbole/arteantica/eventi/51895/id/99544 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/007_8.jpg' /></p> Tra le due sponde del Mediterraneo: la collezione islamica del museo, visita guidata riservata agli Amici del Festival Francescano, previa prenotazione, a cura di Angela Lezzi http://informa.comune.bologna.it/iperbole/arteantica/eventi/51895/id/99544 Sun, 29 Sep 2019 Sun, 29 Sep 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/007_8.jpg 36155 Museo Civico Medievale Via Manzoni, 4 40121 Bologna Certosa sotterranea | percorso insolito tra chiostri inesplorati e angoli nascosti Museo Civico del Risorgimento http://informa.comune.bologna.it/iperbole/risorgimento/eventi/47755/id/99254 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/0didasco01_1_2_1.jpg' /></p> Partendo dal Chiostro VI andremo alla scoperta dei luoghi meno conosciuti e meno frequentati della Certosa, mostrandovi gallerie, sotterranei e angoli suggestivi, tra il biancore del marmo, la ricchezza del bronzo, il colore del mosaico, in un percorso alla scoperta del Cimitero Monumentale più... inconsueto. A cura di Didasco. Appuntamento all’ingresso principale della Certosa (Cortile chiesa), via della Certosa 18. Prenotazione obbligatoria 3481431230 (pom-sera). Ingresso 10€, 2€ devoluti per il restauro della Certosa. Tutti i possessori della Card Musei Metropolitani Bologna riceveranno un omaggio all’ingresso. #photogallery#   http://informa.comune.bologna.it/iperbole/risorgimento/eventi/47755/id/99254 Sat, 28 Sep 2019 Sat, 28 Sep 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/0didasco01_1_2_1.jpg 49221 Complesso monumentale della Certosa Via della Certosa, 18 40133 Bologna Donne che cambiano l’arte Museo Civico del Risorgimento http://informa.comune.bologna.it/iperbole/risorgimento/eventi/47755/id/99427 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/27settembre_disobbedienti_poster_1920x1080_corretto.jpg' /></p> Presentazione del libro “Le disobbedienti. Storie di sei donne che hanno cambiato l'arte” di Elisabetta Rasy (ed. Mondadori). Relatrice: Maura Pozzati, coordina Lara Crinò. Visita guidata al museo a cura di Mirtide Gavelli sul tema “Il Risorgimento al femminile”. Museo del Risorgimento, Piazza Carducci 5. Ingresso libero. Per la visita guidata prenotazione obbligatoria a istituzionebolognamusei@comune.bologna.it entro il giorno antecedente agli incontri. Info 051225583 museorisorgimento@comune.bologna.it Nell'ambito della rassegna L'arte è donna. Incontri tra libri e opere nei musei di Bologna. #photogallery# http://informa.comune.bologna.it/iperbole/risorgimento/eventi/47755/id/99427 Fri, 27 Sep 2019 Fri, 27 Sep 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/27settembre_disobbedienti_poster_1920x1080_corretto.jpg 47752 Museo Civico del Risorgimento Piazza Giosuè Carducci 5, 40125 Bologna Cinque secoli di storia a portata di click Museo Civico del Risorgimento http://informa.comune.bologna.it/iperbole/risorgimento/eventi/47755/id/99352 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/salaurbana01_1.jpg' /></p> Presentazione del progetto multimediale e visita guidata. Partecipano Otello Sangiorgi, Sergio Cazzola, Silvia Battistini. La Sala Urbana, all'interno delle Collezioni Comunali d’Arte, costituisce un punto di vista assolutamente unico per ripercorrere le vicende del governo pontificio a Bologna. I 188 stemmi araldici che ne decorano interamente le pareti raccontano di pontefici, legati e governatori le cui biografie si intrecciano inestricabilmente con la storia della città. Attraverso un’applicazione multimediale creata ad hoc, con uno smartphone (ma anche con qualsiasi computer) è oggi possibile leggere ogni stemma, conoscere la vita del personaggio e avere un facile rimando ai luoghi e monumenti di Bologna che lo riguardano, presenti nel sito Storia e Memoria di Bologna. In tal modo la Sala Urbana diventa facilmente intelligibile: un patrimonio culturale, storico e artistico alla portata di chiunque abbia la voglia e la curiosità di visitarlo. Collezioni Comunali d'Arte, Piazza Maggiore. Ingresso libero, non è richiesta prenotazione Info 0512193998 museiarteantica@comune.bologna.it #photogallery# http://informa.comune.bologna.it/iperbole/risorgimento/eventi/47755/id/99352 Thu, 26 Sep 2019 Thu, 26 Sep 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/salaurbana01_1.jpg 78480 Palazzo Comunale o d'Accursio Racconti dalle cripte | storie sepolte tra le righe Museo Civico del Risorgimento http://informa.comune.bologna.it/iperbole/risorgimento/eventi/47755/id/98516 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/3ca.jpg' /></p> La narrativa ha ampiamente trattato il tema della morte, in tutte le sue sfumature. “La Mort d’Olivier Bécaille”, di Émile Zola e “La morta” di Guy de Maupassant saranno due fra i principali racconti del percorso notturno in Certosa, rappresentati anche visivamente attraverso un’installazione audiovisiva. Una performance a cura di Loredana Lo Fiego, con la collaborazione di Gianluca Stevanella. A cura di Museo del Risorgimento. 4 euro quota a persona per visita guidata, 3 euro possessori Card Musei Bologna. Prenotazione obbligatoria 051225583 museorisorgimento@comune.bologna.it Ritrovo 30 minuti prima presso l'ingresso principale (cortile chiesa), via della Certosa 18. Ultimo appuntamento del Calendario estivo 2019. #photogallery# http://informa.comune.bologna.it/iperbole/risorgimento/eventi/47755/id/98516 Thu, 26 Sep 2019 Thu, 26 Sep 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/3ca.jpg 49221 Complesso monumentale della Certosa Via della Certosa, 18 40133 Bologna La mobilitazione femminile nella grande guerra italiana Museo Civico del Risorgimento http://informa.comune.bologna.it/iperbole/risorgimento/eventi/47755/id/99351 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/valenti_copertinaasaa_1.jpg' /></p> Gli autori dei due volumi dedicati alla mobilitazione femminile ne discutono con Elena Branca, Cultrice di storia della Croce Rossa; Elena Musiani dell'Università di Bologna; Anna Salfi della Fondazione Argentina Bonetti Altobelli. "La mobilitazione femminile nella grande guerra italiana. vol.1°: nelle fabbriche, nelle città e nelle campagne a cura di Mirtide Gavelli e Paolo Gaspari, Udine, Gaspari 2018 - vol.2°: le crocerossine e le dottoresse, a cura di Costanza Arcuri Paolo Gaspari, Alessandro Gradenigo, Ornella Zagami, Udine, Gaspari 2019" . Museo civico del Risorgimento, Piazza Carducci, 5. Ingresso libero, non è richiesta prenotazione. Info 051225583 museorisorgimento@comune.bologna.it #photogallery# http://informa.comune.bologna.it/iperbole/risorgimento/eventi/47755/id/99351 Thu, 26 Sep 2019 Thu, 26 Sep 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/valenti_copertinaasaa_1.jpg 47752 Museo Civico del Risorgimento Piazza Giosuè Carducci 5, 40125 Bologna Il Futuro della Musica? Istituzione Bologna Musei http://www.museibologna.it/eventi/49900/id/99431 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/pensatevi_liberi_bolognarock_flyer_5_2.jpg' /></p> In occasione della mostra Pensatevi liberi. Bologna Rock 1979 un incontro con Roberto Paci Dalò, Nicola Sani, Giordano Montecchi, Oderso Rubini. Contributi video di Francesco Giomi, Laura Zattra. http://www.museibologna.it/eventi/49900/id/99431 Thu, 26 Sep 2019 Thu, 26 Sep 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/pensatevi_liberi_bolognarock_flyer_5_2.jpg 36485 MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna Via Don Minzoni 14, 40121 Bologna Notte dei ricercatori Museo Civico Medievale-Collezioni Comunali d’Arte-Museo Davia Bargellini http://informa.comune.bologna.it/iperbole/arteantica/eventi/51895/id/99540 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/salaurbana05.jpg' /></p> Per il ciclo La Sala Urbana che parla, Notte dei ricercatori, a cura di Otello Sangiorgi http://informa.comune.bologna.it/iperbole/arteantica/eventi/51895/id/99540 Thu, 26 Sep 2019 Thu, 26 Sep 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/salaurbana05.jpg 36144 Collezioni Comunali d'Arte Piazza Maggiore 6, 40121 Bologna Belli e sublimi | capolavori d'arte in Certosa Museo Civico del Risorgimento http://informa.comune.bologna.it/iperbole/risorgimento/eventi/47755/id/98553 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/_visita_perche_non_parli2_3_1_1_1_1.jpg' /></p> Sotto le logge e nelle gallerie del cimitero si ammirano le opere dei migliori artisti di Bologna, chiamati a dipingere, scolpire e modellare. Un percorso tra deliziose statue neoclassiche, straordinari marmi veristi, eleganti bronzi liberty. A cura di Didasco. Ingresso € 10, due euro devoluti per la Certosa. Prenotazione obbligatoria 3481431230 (pom-sera). Ritrovo presso l'ingresso principale (cortile chiesa), via della Certosa 18. I possessori della Card Musei Metropolitani Bologna riceveranno un omaggio all’ingresso. #photogallery# http://informa.comune.bologna.it/iperbole/risorgimento/eventi/47755/id/98553 Wed, 25 Sep 2019 Wed, 25 Sep 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/_visita_perche_non_parli2_3_1_1_1_1.jpg 49221 Complesso monumentale della Certosa Via della Certosa, 18 40133 Bologna La storia addosso | un viaggio in città con il corpo Museo Civico del Risorgimento http://informa.comune.bologna.it/iperbole/risorgimento/eventi/47755/id/98656 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/_evento_scoperta_bologna_napoleonica1_2.jpg' /></p> La città ha le sue memorie che con il tempo prendono corpo in ciascuno di noi, si incorporano creando una geografia che ci portiamo dietro e che in qualsiasi momento può trasformarsi in racconto. Così strade e vene condividono percorsi, da scoprire attraverso una narrazione che gioca tra le potenzialità delle storie e quelle del corpo. Un progetto di Fabio Fornasari in dialogo con Gruppo Elettrogeno. A cura di Cooperativa Sociale Accaparlante in collaborazione con Istituto dei ciechi Francesco Cavazza e Fondazione Gualandi a favore dei sordi. Ritrovo 30 minuti prima presso l'ingresso principale (cortile chiesa), via della Certosa 18. Prenotazione obbligatoria calamaio@accaparlante.it Ingresso 10€, 2€ devoluti per il restauro della Certosa. Tutti i possessori della Card Musei Metropolitani Bologna riceveranno un omaggio all’ingresso. #photogallery# http://informa.comune.bologna.it/iperbole/risorgimento/eventi/47755/id/98656 Tue, 24 Sep 2019 Tue, 24 Sep 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/_evento_scoperta_bologna_napoleonica1_2.jpg 49221 Complesso monumentale della Certosa Via della Certosa, 18 40133 Bologna “La casa dei viventi” | il cimitero ebraico di Bologna Museo Civico del Risorgimento http://informa.comune.bologna.it/iperbole/risorgimento/eventi/47755/id/98572 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/sanguinettib_1.jpg' /></p> Una passeggiata con Cesare Barbieri in un luogo che testimonia la piccola ma vivacissima comunità israelitica bolognese. Il reparto ebraico fu inaugurato nel 1869 per volontà del rabbino Marco Momigliano, e custodisce interessanti testimonianze artistiche e storiche. A cura di Museo Ebraico di Bologna. Ingresso libero, non è richiesta prenotazione. Ritrovo all’ingresso principale della Certosa (Cortile chiesa), via della Certosa 18. Info 0516569003 – 0512911280. In occasione della mostra La Casa della Vita. Ori e storie del cimitero ebraico nella Bologna del Medioevo. Museo Ebraico di Bologna, 20 giugno - 6 gennaio 2020. #photogallery# http://informa.comune.bologna.it/iperbole/risorgimento/eventi/47755/id/98572 Sun, 22 Sep 2019 Sun, 22 Sep 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/sanguinettib_1.jpg 49221 Complesso monumentale della Certosa Via della Certosa, 18 40133 Bologna Una galleria di giardini Museo Civico Medievale-Collezioni Comunali d’Arte-Museo Davia Bargellini http://informa.comune.bologna.it/iperbole/arteantica/eventi/51895/id/99306 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/boschereccia_1.jpg' /></p> Nell'ambito della rassegna ViVi il Verde 2019, promossa dall'Istituto Beni Culturali dell'Emilia-Romagna, Una galleria di giardini, visita guidata a cura di Angela Lezzi (Senza titolo srl) http://informa.comune.bologna.it/iperbole/arteantica/eventi/51895/id/99306 Sun, 22 Sep 2019 Sun, 22 Sep 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/boschereccia_1.jpg 36144 Collezioni Comunali d'Arte Piazza Maggiore 6, 40121 Bologna Puffing Billy: la macchina della Rivoluzione Industriale Museo del Patrimonio Industriale http://informa.comune.bologna.it/iperbole/patrimonioindustriale/eventi/51897/id/99441 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/locomotiva_2.jpg' /></p> Domenica 22 settembre dalle ore 10.45 alle 17.30 si propone, per il ciclo "Percorsi tra storia e tecnologia in bus tra Bologna e provincia", il percorso con bus dedicato a Puffing Billy: la macchina della Rivoluzione Industriale. Un percorso per approfondire la tecnologia della macchina a vapore e i mutamenti da essa introdotti nelle attività produttive, nei sistemi di trasporto, nell’agricoltura e nelle abitudini sociali di tutta Europa. Programma: &gt; ore 11-12.15 - Museo del Patrimonio Industriale: caccia al tesoro alla scoperta della tecnologia del vapore&gt; ore 13 - pranzo presso La Casona&gt; ore 15.30-17 - Museo della Macchina a Vapore di Risi Franco: visita guidata alla collezione, unica nel suo genere, di motori fissi, locomobili e locomotive stradali di fine Ottocento-inizi Novecento Ritrovo al Museo del Patrimonio Industriale (via della Beverara 123, Bologna) Costo a partecipante: € 43 / € 40 / € 25N. minimo partecipanti: 25Prenotazione obbligatoria su: City Red BusPercorsi tra storia e tecnologia in bus tra Bologna e provinciaLe collezioni del Museo del Patrimonio Industriale sono il punto di partenza per tre approfondimenti tematici, in altrettanti musei del territorio, legati alla storia produttiva di Bologna. Dalla lavorazione della seta e della canapa alla macchina a vapore fino alle invenzioni di Marconi: un ciclo di incontri per riscoprire le eccellenze del nostro territorio. http://informa.comune.bologna.it/iperbole/patrimonioindustriale/eventi/51897/id/99441 Sun, 22 Sep 2019 Sun, 22 Sep 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/locomotiva_2.jpg 52993 Museo del Patrimonio Industriale Via della Beverara, 123 40131 Bologna Percorsi tra storia e tecnologia: in bus tra Bologna e provincia Museo del Patrimonio Industriale http://informa.comune.bologna.it/iperbole/patrimonioindustriale/eventi/51897/id/99469 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/locomotiva_2_1.jpg' /></p> Le collezioni del Museo del Patrimonio Industriale sono il punto di partenza per tre approfondimenti tematici, in altrettanti musei del territorio, legati alla storia produttiva di Bologna. Dalla lavorazione della seta e della canapa alla macchina a vapore fino alle invenzioni di Marconi: un ciclo di incontri per riscoprire le eccellenze del nostro territorio. Gli spostamenti, con partenza e rientro presso la fermata City Red Bus Stazione Centrale, sono a cura di City Red Bus. Posti limitati, prenotazione obbligatoria al link: http://cityredbus.com/shop/ I percorsi saranno attivati solo se una settimana prima dell’evento si sarà raggiunto il numero minimo di 25 partecipanti. domenica 22 settembre | ore 10.45 - 17.30Museo del Patrimonio Industriale - Museo della Macchina a Vapore di Risi Franco Puffing Billy: la macchina della Rivoluzione Industriale Un percorso per approfondire la tecnologia della macchina a vapore e i mutamenti da essa introdotti nelle attività produttive, nei sistemi di trasporto, nell’agricoltura e nelle abitudini sociali di tutta Europa. ore 11-12.15 - Museo del Patrimonio Industriale: caccia al tesoro alla scoperta della tecnologia del vaporeore 13 - pranzo presso La Casonaore 15.30-17 - Museo della Macchina a Vapore di Risi Franco: visita guidata alla collezione, unica nel suo genere, di motori fissi, locomobili e locomotive stradali di fine Ottocento-inizi Novecento Ingresso a partecipante: € 43 (€ 40 per possessori di Card Musei Metropolitani Bologna), € 25 per bambini e ragazzi dai 6 ai 12 anni, gratuito per bambini fino ai 5 anni N. minimo partecipanti: 25Prenotazione obbligatoria su: City Red Bus ************************************************* sabato 12 ottobre | ore 10.45 - 17.30 Museo del Patrimonio Industriale - Museo Marconi Marconi e il wireless Una giornata dedicata alla storia della comunicazione a distanza: giochi, prove ed esperimenti per riscoprire la figura di Marconi e l’importanza delle sue sperimentazioni. ore 11-12.30 - Museo del Patrimonio Industriale: caccia al tesoro alla scoperta di codici e tecniche di trasmissione dei messaggiore 13 - pranzo presso ristorante Monte Capraore 15.30-17 - Museo Marconi: visita guidata per approfondire la conoscenza dell’inventore delle radiocomunicazioni e del funzionamento dei suoi strumenti Ingresso a partecipante: € 43 (€ 36 per possessori di Card Musei Metropolitani Bologna), € 25 per bambini e ragazzi dai 6 ai 12 anni, gratuito per bambini fino ai 5 anni N. minimo partecipanti: 25Prenotazione obbligatoria su: City Red Bus ************************************************ domenica 27 ottobre | ore 10.45 - 17.30 Museo del Patrimonio Industriale - Museo della Civiltà Contadina Dal filo al tessuto, l’antica arte della tessitura Un approfondimento sull’arte della filatura e della tessitura per scoprire la tecnica della tessitura a mano e la bellezza nascosta negli antichi intrecci. ore 11-12.30 - Museo del Patrimonio Industriale: incontro sull’arte della tessitura della seta con dimostrazione pratica a cura di Nicoletta Di Gaetano, progettista tessile e tessitriceore 13 - pranzo a buffet presso Locanda Smeraldiore 15.30-16.30 - Museo della Civiltà Contadina: dimostrazione di filatura e tessitura. I partecipanti potranno provare a tessere sul telaio antico del museo Ingresso a partecipante: € 37 (€ 34 per possessori di Card Musei Metropolitani Bologna), € 23 per bambini e ragazzi dai 6 ai 12 anni, gratuito per bambini fino ai 5 anni N. minimo partecipanti: 25Prenotazione obbligatoria su: City Red Bus http://informa.comune.bologna.it/iperbole/patrimonioindustriale/eventi/51897/id/99469 Sun, 22 Sep 2019 Sun, 22 Sep 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/locomotiva_2_1.jpg 52993 Museo del Patrimonio Industriale Via della Beverara, 123 40131 Bologna Paura nel buio | perdersi, che bello! Museo Civico del Risorgimento http://informa.comune.bologna.it/iperbole/risorgimento/eventi/47755/id/98660 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/visita_notturnas.jpg' /></p> Un percorso accessibile per stare insieme divertendosi, utilizzando tutti i nostri i sensi e dare voce alle opere della Certosa. Ma i marmi e i bronzi bisogna trovarli! A cura di Cooperativa Sociale Accaparlante in collaborazione con Istituto dei ciechi Francesco Cavazza e Fondazione Gualandi a favore dei sordi. Ritrovo 30 minuti prima presso l'ingresso principale (cortile chiesa), via della Certosa 18. Prenotazione obbligatoria calamaio@accaparlante.it Ingresso 10€, 2€ devoluti per il restauro della Certosa. Chiusura prenotazioni giovedì 19 settembre ore 20. Tutti i possessori della Card Musei Bologna riceveranno un omaggio. #photogallery# http://informa.comune.bologna.it/iperbole/risorgimento/eventi/47755/id/98660 Sat, 21 Sep 2019 Sat, 21 Sep 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/visita_notturnas.jpg 49221 Complesso monumentale della Certosa Via della Certosa, 18 40133 Bologna Il giardino Carducci tra Arte storia e letteratura Museo Civico del Risorgimento http://informa.comune.bologna.it/iperbole/risorgimento/eventi/47755/id/99422 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/0untitledpanorama2cfl1a.jpg' /></p> Il complesso monumentale, opera dello scultore Leonardo Bisolfi, verrà illustrato nei suoi aspetti artistici, storici e poetici e nel dialogo con il contesto botanico circostante. Appuntamento gratuito con prenotazione obbligatoria entro il 20/09/2019: 051347592 casacarducci@comune.bologna.it Evento a cura di Casa Carducci in collaborazione con il Museo del Risorgimento. Si svolge nell'ambito della rassegna regionale ViVi il Verde promossa dall'Istituto Beni Culturali. #photogallery#   http://informa.comune.bologna.it/iperbole/risorgimento/eventi/47755/id/99422 Sat, 21 Sep 2019 Sat, 21 Sep 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/0untitledpanorama2cfl1a.jpg 47752 Museo Civico del Risorgimento Piazza Giosuè Carducci 5, 40125 Bologna A passo di danza nell'800 di Guardassoni Museo Civico Medievale-Collezioni Comunali d’Arte-Museo Davia Bargellini http://informa.comune.bologna.it/iperbole/arteantica/eventi/51895/id/99305 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/santacaterina_1.jpg' /></p> Nell'ambito della mostra Alessandro Guardassoni (1819-1888). Un pittore bolognese tra romanticismo e devozione, A passo di danza nell'800 di Guardassoni, visita guidata a cura di Ilaria Negretti (Senza titolo srl) e balli a cura dell'Associazione 8cento, a seguire promenade alla Fondazione Gualandi (via Nosadella, 49) con http://informa.comune.bologna.it/iperbole/arteantica/eventi/51895/id/99305 Sat, 21 Sep 2019 Sat, 21 Sep 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/santacaterina_1.jpg 36144 Collezioni Comunali d'Arte Piazza Maggiore 6, 40121 Bologna Notte Bianca al Museo Davia Bargellini Museo Civico Medievale-Collezioni Comunali d’Arte-Museo Davia Bargellini http://informa.comune.bologna.it/iperbole/arteantica/eventi/51895/id/99307 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/1_consolle_8.jpg' /></p> In occasione della Notte Bianca in Strada Maggiore, promossa dall'ASCOM, il Museo Davia Bargellini effettuerà un'apertura straordinaria e continuata dalle 18.30 alle 23.30 con visite guidate gratuite ogni ora a cura di Senza Titolo. ore 18.00 visita guidata a cura di Ilaria Negretti ore 19.00 visita guidata a cura di Ilaria Negretti ore 20.00 visita guidata a cura di Ilaria Negretti ore 21.00 visita guidata a cura di Paolo Cova ore 22.00 visita guidata a cura di Paolo Cova ore 23.00 visita guidata a cura di Paolo Cova http://informa.comune.bologna.it/iperbole/arteantica/eventi/51895/id/99307 Sat, 21 Sep 2019 Sat, 21 Sep 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/1_consolle_8.jpg 53174 Museo Davia Bargellini Mamamusica II Museo Internazionale e Biblioteca della Musica http://informa.comune.bologna.it/iperbole/musica/eventi/51899/id/99388 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/due_9958_1.jpg' /></p> Mamamusica IIIlaboratorio in 4 incontri per bambini da 19-36 mesi e genitori un progetto del Museo della musicacon Luca Bernard, Linda Tesauro, Enrico Farnedi, Serena Pecoraro Uno spazio musicale speciale, emozionante ed inclusivo per grandi e piccolissimi in cui l'attenzione si concentra esclusivamente sui suoni. Canti e ritmi provenienti da repertori molto diversi, un avvolgente abbraccio di suoni scandito anche da intensi silenzi, in cui adulti e bambini costruiscono una relazione comunicativa unica, per scoprire e riscoprire l' incanto di esprimersi attraverso la musica. http://informa.comune.bologna.it/iperbole/musica/eventi/51899/id/99388 Sat, 21 Sep 2019 Sat, 21 Sep 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/due_9958_1.jpg 53241 Museo internazionale e biblioteca della musica Strada Maggiore, 34 40125 Bologna A zonzo per i musei Museo Civico Medievale-Collezioni Comunali d’Arte-Museo Davia Bargellini http://informa.comune.bologna.it/iperbole/arteantica/eventi/51895/id/93456 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/a_zonzo_per_musei_2019_5.jpg' /></p> I Musei Civici d’Arte Antica in collaborazione con La QUADRERIA. Palazzo Rossi Poggi Marsili organizzano, il terzo venerdì di ogni mese, un ciclo di visite guidate che vedrà coinvolte opere presenti all’interno delle collezioni del Museo Civico Medievale, delle Collezioni Comunali d’Arte, del Museo Davia Bargellini e de La QUADRERIA. Palazzo Rossi Poggi Marsili, di proprietà dell’ASP Città di Bologna. Sarà possibile scoprire e ammirare, attraverso percorsi mirati, opere che facevano parte dell’ingente patrimonio pervenuto nei secoli alle antiche opere pie attraverso lasciti e donazioni di benefattori. Venerdì 17 maggio Ilaria Negretti (Senza Titolo srl) porterà i visitatori A zonzo per i musei tra le Collezioni Comunali d'Arte e la QUADRERIA http://informa.comune.bologna.it/iperbole/arteantica/eventi/51895/id/93456 Fri, 20 Sep 2019 Fri, 20 Sep 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/a_zonzo_per_musei_2019_5.jpg 36144 Collezioni Comunali d'Arte Piazza Maggiore 6, 40121 Bologna Note dall'aldilà | Le radici della memoria Museo Civico del Risorgimento http://informa.comune.bologna.it/iperbole/risorgimento/eventi/47755/id/98548 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/dsc_1945aa_5.jpg' /></p> Due differenti appuntamenti nella stessa serata. Alle ore 21, accompagnati dalla musica in compagnia dell'attrice Francesca Tranchida e della musicologa Maria Chiara Mazzi, entriamo nel grande libro della città scolpito sulla pietra. Un viaggio dentro a quell'affascinante teatro monumentale che celebra la nostra storia e custodisce mille segreti. Alla scoperta di una città di teatri, di musica, di opere e di guerre. Alle ore 21.30, seguendo il biologo storico ambientale Francesco Nigro, scopriremo un racconto: non tutto ciò che non è morto è vivo, ma altresì c'è vita anche nel cimitero. Vive sono le piante che ornano i viali, mentre i monumenti ci raccontano altre storie. E capiterà d'incontrare un personaggio, l'attore Filippo Pagotto, capace d'incantarci con le sue storie da imbonitore, ma anche custode di mille aneddoti tramandati da generazioni. A cura di Vitruvio. Ingresso € 14 (€ 8 minori di anni 12), due euro devoluti per la Certosa. Ritrovo 15 minuti prima di ogni appuntamento presso l'ingresso principale (cortile chiesa), via della Certosa 18. Prenotazione obbligatoria 3293659446 associazione.vitruvio@gmail.com Per il percorso delle 21.30 dotarsi di luce led o smartphone con led. Tutti i possessori della Card Musei Metropolitani Bologna riceveranno un omaggio all’ingresso. #photogallery# http://informa.comune.bologna.it/iperbole/risorgimento/eventi/47755/id/98548 Thu, 19 Sep 2019 Thu, 19 Sep 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/dsc_1945aa_5.jpg 49221 Complesso monumentale della Certosa Via della Certosa, 18 40133 Bologna Dai Clash ai Radiohead, che politica si suona a Bologna? Istituzione Bologna Musei http://www.museibologna.it/eventi/49900/id/99430 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/pensatevi_liberi_bolognarock_flyer_5_1.jpg' /></p> In occasione della mostra Pensatevi liberi. Bologna Rock 1979 un incontro con Mauro Felicori, Nicola Sinisi, Lele Roveri. http://www.museibologna.it/eventi/49900/id/99430 Thu, 19 Sep 2019 Thu, 19 Sep 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/pensatevi_liberi_bolognarock_flyer_5_1.jpg 36485 MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna Via Don Minzoni 14, 40121 Bologna Corrispondenze d'amorosi sensi | storie di virtù e peccati Museo Civico del Risorgimento http://informa.comune.bologna.it/iperbole/risorgimento/eventi/47755/id/98532 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/_diurno_una_prece_una_lacrima1_3_1_1_1.jpg' /></p> I monumenti custodiscono tante storie. Non solo esperienze eroiche o sublimi, ma anche esistenze curiose, tragiche o burrascose. Ed il cimitero stesso è stato il palcoscenico per avventure galanti e licenziose. A cura di Didasco. Ingresso € 10, due euro devoluti per la Certosa. Prenotazione obbligatoria 3481431230 (pom-sera). Ritrovo presso l'ingresso principale (cortile chiesa), via della Certosa 18. I possessori della Card Musei Metropolitani Bologna riceveranno un omaggio all’ingresso. #photogallery# http://informa.comune.bologna.it/iperbole/risorgimento/eventi/47755/id/98532 Wed, 18 Sep 2019 Wed, 18 Sep 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/_diurno_una_prece_una_lacrima1_3_1_1_1.jpg 49221 Complesso monumentale della Certosa Via della Certosa, 18 40133 Bologna Sarajevo, chico Yerushalaim Museo Internazionale e Biblioteca della Musica http://informa.comune.bologna.it/iperbole/musica/eventi/51899/id/99070 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/aleksbo1.jpg' /></p> Sarajevo, chico Yerushalaim Yefira &amp; Asher Alkalay Aleksandar Sasha Karlic voce, oud, sazSimona Gatto voce, daf persiano, darabuka, tapanFabio Resta gajda macedone, kaval, nay, clarinettoDiego Resta tambûr turco, kemançe, gadulka, def e con la partecipazione straordinaria di Asher Alkalay canto e qanun progetto speciale a cura di Museo Ebraico di Bolognain occasione della mostra LA CASA DELLA VITA. Ori e storie intorno all’antico cimitero ebraico di Bologna Asher Alkalay è cantore della sinagoga di Belgrado Sukat Shalom. Le sue ricerche musicali “sul campo” in Israele, Serbia, Turchia e Tunisia lo hanno portato ad una profonda rivisitazione della tradizione sefardita e delle altre nazioni dei Balcani, del Mediterraneo e del Medio Oriente che, nei secoli passati, hanno condiviso il medesimo paesaggio storico, geografico e culturale.Infatti, molto prima della sua recente unificazione politica, l’Europa rappresentava uno spazio culturale unitario nel quale la musica, la pittura, la letteratura poggiavano su fondamenta comuni.Proprio per questo motivo, ogni nuova corrente in un ramo qualsiasi dell’arte, in qualsiasi parte dell’Europa, provocava degli echi dall’altra parte del continente.Ma a dimostrazione che l'interconnessione, l'interdipendenza reciproca e la compenetrazione delle diverse tradizioni culturali sono naturalmente parti dell’esperienza umana quotidiana in ogni tempo e luogo, l'"indagine" musicale portata avanti da Asher Alkalay attorno al maqam, la radice comune presente nella musica degli ebrei sefarditi dei Balcani, della Turchia e del Medio Oriente ci mostrerà che le cose non andavano diversamente (e tutt’oggi non vanno diversamente) nemmeno nel "prossimo altrove" mediorientale.In questo straordinario concerto, Asher Alkalay sarà accompagnato da Yefira, gruppo nato dall’incontro tra il cantante e polistrumentista italo/serbo/greco Aleksandar Sasha Karlic ed alcuni tra i migliori interpreti italiani specializzati nelle musiche dell’Est Europa e del Medio Oriente. video 1 | video 2 Asher Alkalay (nome secolare Stefan Sablic) e’ cantore e Baal Kore della sinagoga di Belgrado “Sukat Shalom”. I suoi vari interessi, come le sue numerose ricerche e studi in Israele, Serbia, Turchia e Tunisia, lo hanno portato ad un’approfondita e sistematica ricerca sulla tradizione musicale sefardita, come sulle tradizioni di altre nazioni che hanno condiviso il paesaggio storico, geografico e culturale dei Balcani, del Mediterraneo e del Medio Oriente nei secoli passati.Stefan e’ anche un riconosciuto regista teatrale, che ha diretto numerose produzioni con vari teatri in patria e all’estero.E’ fondatore del Ethno Fusion Fest, un festival musicale internazionale che si propone la promozione dell’eredita’ musicale di culture marginalizzate e sottorappresentate in Serbia, come nel contesto piu’ ampio balcanico e mediterraneo. Questo festival, che si svolge ogni estate nel cortile della sinagoga di Belgrado, ha da poco festeggiato il suo decimo anniversario.Yefira (ponte in greco moderno) nasce dall’incontro tra il cantante, compositore e polistrumentista italo/serbo/greco Aleksandar Sasha Karlic ed alcuni tra i migliori musicisti italiani specializzati nei repertori dell’Est Europa e del Medio Oriente: Aleksandar Sasha Karlic, nato in Jugoslavia, dopo l'avvio degli studi musicali a Belgrado, si trasferisce in Italia nel 1984, dove studia presso la Scuola di Musica di Fiesole, il Conservatorio “G. Verdi“ di Milano ed il Conservatorio “A. Boito“ di Parma.Si perfeziona in seguito in prassi esecutiva della musica antica con Jakob Lindberg, Christopher Wilson, Jesper Boye-Christensen, Anner Bylsma, Roberto Gini.Dopo il diploma in liuto e chitarra barocca si dedica sempre più spesso ai vari rami della musica etnica, con particolare riguardo all'oud e agli altri liuti orientali, alle percussioni tradizionali, nonché all’uso della voce. Parallelamente coltiva interessi di antropologia e storia delle religioni, con particolare riferimento all'area mediorientale e balcanica.Dal 1995 divide la sua attività equamente tra la musica antica e quella tradizionale.Ha all'attivo 19 CD per varie case discografiche italiane, europee e giapponesi. Simona Gatto inizia gli studi di violino con il Ezio Lappano e di tecnica vocale con Carla Sconosciuto, di percussioni africane con Sakou Kande e segue laboratori di percussioni cubane con Peppe Sannino presso la scuola “Musicisti associati” di Napoli. Contemporaneamente suona e canta in diverse formazioni di latin jazz, bossa nova, jazz e world music.Nel 2012 si appassiona alle musiche modali extraeuropee e segue corsi di canto classico Ottomano con Ahmet Erdogdular, tamburi a cornice con Zohar Fresco, musica modale con Christos Barbas, musica afghana con Daud Khan Sadozai presso la Labyrinth School di Creta, diretta da Ross Daly. Nel 2013 studia Canto indiano di stile Khayal con Sangeeta Bandyopadhyay a Calcutta e stile Dhrupad con i Gundecha Brothers a Bhopal (India).Attualmente collabora con diversi artisti e progetti musicali nell’ambito della musica antica, world ed extraeuropea. Fabio Resta, da sempre si occupa di musiche tradizionali approfondendo il repertorio e le prassi esecutive di flauti, cornamuse e percussioni del vicino Oriente (kaval e gajda in Macedonia, ney in Turchia) e del Medioevo europeo.Particolarmente interessato alle musiche di tradizione orale, ha compiuto diversi viaggi nei Balcani e in Turchia, dove la musica viene tuttora insegnata rispettando un percorso tradizionale, assimilando i diversi linguaggi modali e le prassi esecutive che accomunano il panorama musicale del Medioriente e del Mediterraneo.Ha studiato e collaborato con importanti personalità del mondo delle musiche tradizionali tra cui Marco Ferrari, Aleksandar Karlic, Stefĉe Stojkovski, Christos Barbas, Kemal Karaöz, Salih Bilgin.Cura attraverso l'ensemble Meraklija la diffusione e la ricerca sulla musica macedone tramite l'attività concertistica e quella didattica. Diego Resta, musicista ed etnomusicologo, ha studiato liuti a plettro e ad arco con diversi maestri in Macedonia ed in Turchia investigando, oltre che la tecnica ed il repertorio degli strumenti dell'Europa medievale, anche i linguaggi delle tradizioni balcaniche e turco-ottomane. Si specializza nell'interpretazione delle forme musicali macedoni di estrazione popolare attraverso il liuto a manico lungo Tambura con Stefce Stojkovski e Aleksandar Karlic.Contemporaneamente esegue ricerca ed interpreta attivamente il repertorio classico ottomano, interessandosi particolarmente alle composizioni di appannaggio secolare e mistico. http://informa.comune.bologna.it/iperbole/musica/eventi/51899/id/99070 Tue, 17 Sep 2019 Tue, 17 Sep 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/aleksbo1.jpg 53241 Museo internazionale e biblioteca della musica Strada Maggiore, 34 40125 Bologna Formazione professionale, lavoro femminile e industria a Bologna, 1946-1970 Museo del Patrimonio Industriale http://informa.comune.bologna.it/iperbole/patrimonioindustriale/eventi/51897/id/99169 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/bozza_mostra_formazione_professionale_femminile_1.jpg' /></p> La mostra riprende il 15 Settembre e termina il 17 Novembre 2019. L’esposizione costituisce il primo appuntamento di un più ampio progetto dedicato al tema “Lavoro, formazione e cultura tecnica femminile”, nato da una partnership tra il Museo e l’Unione Donne in Italia (UDI), sede di Bologna, e che vede, per questa mostra, la collaborazione della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna e dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO), Ufficio per l’Italia e San Marino.Al centro del percorso vi è il tema dell’istruzione professionale e del lavoro femminile nei contesti industriali, con un focus sul territorio bolognese. Bologna, e l’Emilia-Romagna nel suo complesso, conobbero un’impetuosa espansione industriale negli anni del miracolo economico (1958-1963), della quale anche le donne furono protagoniste. All’importante crescita quantitativa dell’occupazione femminile industriale, non corrispose tuttavia una qualificazione del lavoro delle donne.L’istruzione professionale divenne così un tema di discussione e azione politica per le associazioni femminili, impegnate a promuovere l’ingresso delle donne in istituti tecnico-industriali come l’Aldini Valeriani per offrire nuove opportunità di lavoro qualificato e una formazione non orientata esclusivamente ai lavori femminili tradizionali. Le fotografie esposte abbracciano l’arco cronologico compreso tra la seconda metà degli anni Quaranta e la fine degli anni Sessanta del Novecento e provengono dagli Archivi fotografici dell’UDI di Bologna, del Museo del Patrimonio Industriale di Bologna (Fondi Aldini Valeriani e Fototecnica Bolognese) e della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna (Fondo dello Studio fotografico Villani). Nella parte iniziale spiccano due nuclei principali: le immagini relative ai corsi di cucito e sartoria, in particolare per ragazze disoccupate, e quelle dell’Istituto Tecnico Industriale Femminile, una nuova scuola afferente all’Aldini Valeriani. Nella seconda parte, dedicata al lavoro in fabbrica, si distinguono alcune serie relative ad ambienti e reparti di aziende storiche bolognesi, come Farmac-Zabban, Weber, Ducati Elettronica e Arco. L'esposizione può essere visitata negli orari di apertura del Museo previo pagamento del biglietto di accesso al Museo dal 15 Settembre al 17 Novembre 2019.Per informazioni: telefono 051.6356611.ORARI:Martedì, mercoledì, giovedì, venerdì dalle 9 alle 13; sabato dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18; domenica dalle 15 alle 18Chiuso tutti i lunedì e i festivi infrasettimanali. http://informa.comune.bologna.it/iperbole/patrimonioindustriale/eventi/51897/id/99169 Sun, 15 Sep 2019 Sun, 15 Sep 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/bozza_mostra_formazione_professionale_femminile_1.jpg 52993 Museo del Patrimonio Industriale Via della Beverara, 123 40131 Bologna Alessandro Guardassoni (1819-1888). Un pittore bolognese tra romanticismo e devozione Museo Civico Medievale-Collezioni Comunali d’Arte-Museo Davia Bargellini http://informa.comune.bologna.it/iperbole/arteantica/eventi/51895/id/99129 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/guardassoni_locandina.jpg' /></p> In occasione del bicentenario della nascita del pittore bolognese Alessandro Guardassoni (1819-1888), l’Istituto per i Beni Artistici, Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna, l’Istituzione Bologna Musei | Musei Civici d’Arte Antica, la Fondazione Gualandi a favore dei sordi e la Diocesi di Bologna hanno realizzato un itinerario diffuso nella città metropolitana per valorizzare l’attività dell’artista: dal naturalismo storico-romantico alla svolta purista sino allo sviluppo di un linguaggio devozionale, che fece di lui il più importante pittore ecclesiastico di Bologna nel XIX secolo. Dopo una prima formazione in città, egli fece esperienze di studio e di viaggio all’estero e dal 1856 iniziò a partecipare con successo non solo alle mostre accademiche, ma anche a quelle di rilevanza internazionale, proponendo quadri di soggetto storico-romantico, biblico-sacro e ispirati alla letteratura, divenendo in particolare famoso per l’episodio del La conversione dell’Innominato tratto da I promessi sposi di Alessandro Manzoni. Parallelamente, dal 1859 iniziò a studiare ottica e ad avvalersi della stereoscopia per fissare in un’immagine fotografica l’effetto del vero da rendere in pittura, divenendo un importante sperimentatore nella resa degli effetti di luce e tridimensionalità. La mostra alle Collezioni Comunali d’Arte propone opere di Guardassoni presentate in esposizioni ufficiali e realizzate per commissioni importanti, che narrano l’evoluzione del suo stile, rendendo possibile un confronto con gli altri pittori attivi in quegli anni a Bologna e riproponendone l’atmosfera culturale attraverso 40 dipinti. Contemporaneamente alla Fondazione Gualandi vengono esposti 60 disegni preparatori e bozzetti per le pitture realizzate nelle chiese bolognesi. Un video – realizzato dagli studenti del Dipartimento di Architettura dell’Università di Bologna-Corso di laurea in design del prodotto industriale – mostra al visitatore la relazione tra le fasi preparatorie e i lavori finiti, in un percorso virtuale all’interno di alcune chiese in cui Guardassoni lavorò. Una mappa, distribuita nelle sedi delle mostre, permette di raggiungere con facilità le chiese cittadine e dei dintorni, nelle quali sono organizzate specifiche visite guidate a cura dell’associazione Arte e Fede. Le mostre e il percorso diffuso sono a cura di Silvia Battistini e Claudia Collina con la collaborazione di Chiara Sanfelici, Patrizia Tamassia e Valentina Volta FONDAZIONE GUALANDI Via Nosadella 49, sabato e domenica h.10-17 Giorni feriali su appuntamento Chiuso lunedì, Natale e Capodanno Ingresso libero Tel. 051 3399506 www.fondazionegualandi.it iniziative@fondazionegualandi.it   CHIESE DELL’ARCIDIOCESI DI BOLOGNA Per informazioni e prenotazioni: Arte e Fede Tel. 351 98577704 www.artefede.com   http://informa.comune.bologna.it/iperbole/arteantica/eventi/51895/id/99129 Sat, 14 Sep 2019 Sat, 14 Sep 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/guardassoni_locandina.jpg 36144 Collezioni Comunali d'Arte Piazza Maggiore 6, 40121 Bologna La transizione energetica edizione 2019-'20 Museo del Patrimonio Industriale http://informa.comune.bologna.it/iperbole/patrimonioindustriale/eventi/51897/id/99516 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/transizione_energetica_b_16_3.jpg' /></p> Sono aperte le iscrizioni, sino al 23 Settembre 2019 per partecipazione alla settima edizione del progetto “La transizione energetica” rivolto a 10 classi seconde delle Scuole Secondarie di Primo Grado di Bologna e Provincia. L'iniziativa, attivata nell'ambito del PAES (Piano d'Azione per l'Energia Sostenibile), è realizzato, in collaborazione, dal Museo del Patrimonio Industriale, dal Collegio dei Periti Industriali della Provincia di Bologna e dallo Show-Room Energia e Ambiente del Comune di Bologna.Il Progetto, completamente gratuito per le scuole, si inserisce all'interno delle attività curricolari previste per le classi terze della scuola Secondaria di Primo Grado e ha come obiettivo quello di sensibilizzare le nuove generazioni sui temi dello sfruttamento sostenibile dell'energia, dando piena consapevolezza delle complesse problematiche inerenti alla situazione attuale fornendo nel contempo utili elementi per individuare possibili soluzioni. Allo scopo di diffondere l’iniziativa al maggior numero possibile di Istituti sarà data la precedenza a scuole che non hanno preso parte alle passate edizioni del progetto. Gli incontri saranno distribuiti su 2 anni scolastici coinvolgendo gli alunni delle seconde a partire dal secondo quadrimestre dell’anno scolastico 2019/2020 con 2 incontri introduttivi per poi proseguire con gli stessi alunni nell’anno scolastico 2020/2021 con 2 incontri in terza secondo il seguente schema: 1° incontro tra febbraio e marzo 2020 (presso il Museo del Patrimonio Industriale, via della Beverara 123)Incontro introduttivo per ricostruire, con l'aiuto degli apparati del Museo, una breve storia dello sfruttamento dell'energia nel corso del tempo, con particolare attenzione all’età moderna e contemporanea (risorse in esaurimento a fronte di un’idea di crescita dei consumi illimitata; ricadute sull’ambiente dovute allo sfruttamento dei combustibili fossili; l’indicatore d’impronta ecologica; significato e implicazioni del concetto di sviluppo sostenibile). 2° incontro tra marzo e aprile 2020 (presso lo Show-Room Energia e Ambiente del Comune di Bologna, via Sario Bassanelli, 9/11 c/o Istituti Aldini Valeriani Sirani)La città, i suoi consumi energetici e il legame tra questi e l’effetto serra, saranno alla base delle attività pratiche che verranno proposte ai ragazzi. In particolare: la costruzione di semplici circuiti elettrici utilizzando pannelli fotovoltaici, l'uso di kit eolici per evidenziare alcune peculiarità nello sfruttamento del vento, esempi di altre fonti di energie rinnovabili tratti dalla mostra “A casa di EnRi”, e di interventi di riqualificazione energetica degli edifici come previsti dalle azioni del PAES. 3° incontro tra ottobre e novembre 2020 (presso la scuola, a cura del Collegio dei Periti Industriali della Provincia di Bologna)Lezione interattiva per approfondire il tema di come ridurre i consumi energetici attraverso il risparmio e l’efficienza energetica; contesto normativo europeo; il Patto dei Sindaci; il Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile; un modello di sviluppo sostenibile: la Green economy; le fonti rinnovabili di energia; analisi degli impianti per l’utilizzo dell’energia fornita dal sole, dal vento, dall’acqua, dalle biomasse, dal calore della terra con particolare riferimento alla trasformazione locale di energia; individuazione delle figure professionali di riferimento. 4° incontro tra dicembre 2020 e gennaio 2021 (presso la scuola, a cura del Collegio dei Periti Industriali della Provincia di Bologna)Lezione interattiva dedicata alla ottimizzazione dei consumi energetici nell’Edilizia; analisi della situazione energetica attuale del patrimonio edilizio esistente e individuazione della necessità di una riqualificazione energetica dello stesso; corretto approccio alla problematica: diagnosi energetica, progettazione Integrata, certificazione energetica; interventi relativi all’involucro edilizio e agli impianti; analisi delle competenze necessarie alle figure professionali specializzate nella diagnosi, nella progettazione e nella certificazione energetica. Durante gli incontri verranno forniti materiali e stimoli per ulteriori approfondimenti sui temi trattati, favorendo e valorizzando la partecipazione attiva degli studenti all'acquisizione di conoscenze specifiche e la rielaborazione originale delle informazioni anche attraverso la realizzazione di modelli. Al termine del percorso, le classi interessate, che dovranno aver partecipato a tutti gli incontri previsti dal progetto, potranno iscriversi al concorso “Ri-generiamo un’area urbana” e presentare un progetto relativo ad un’area in prossimità della scuola contenente un edificio pubblico, che, tenendo conto di quanto appreso nei vari incontri, proponga, giustificandole, delle soluzioni pratiche di riqualificazione energetica. Il Collegio dei Periti Industriali della Provincia di Bologna mette in palio, per la scuola vincitrice, un premio di 500 euro, o materiali per un valore corrispondente. Le domande di partecipazione (vedi modulo), firmate dal Dirigente Scolastico, dovranno pervenire via e-mail a museopat@comune.bologna.it, entro e non oltre il 23 settembre 2019. Le iscrizioni si interromperanno comunque al raggiungimento del numero massimo di partecipanti previsto (10 classi). Per informazioni: museopat@comune.bologna.itIn allegato progetto e domanda di partecipazione con descrizione dettagliata dell'iniziativa http://informa.comune.bologna.it/iperbole/patrimonioindustriale/eventi/51897/id/99516 Thu, 12 Sep 2019 Thu, 12 Sep 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/transizione_energetica_b_16_3.jpg 52993 Museo del Patrimonio Industriale Via della Beverara, 123 40131 Bologna La Casa della Vita Museo Internazionale e Biblioteca della Musica http://informa.comune.bologna.it/iperbole/musica/eventi/51899/id/99012 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/la_casa_della_vita.jpg' /></p> La Casa della VitaOri e storie intorno all'antico cimitero ebraico di Bolognain mostra al Museo Ebraico di Bologna “La Casa della Vita” o Beth ha-Chaim è uno degli eufemismi con cui gli ebrei tradizionalmente indicano il cimitero (Beth ha-kevaroth), poiché come si di legge nel Deuteronomio (30,19) “… ti ho posto davanti la vita e la morte … scegli dunque la vita, onde tu viva, tu e la tua progenie”. E dagli scavi condotti nell’area cimiteriale sono emerse straordinarie tracce di vita vissuta.Gioielli in oro di eccezionale fattura e bellezza, pietre incise, oggetti in bronzo recuperati in oltre quattrocento sepolture, attestano la presenza a Bologna di una fiorente comunità, proficuamente inserita nel contesto urbano e sociale fino all’espulsione, avvenuta per volere del papa nel 1569, e offrono lo spunto per ripercorrere, in maniera globale e sistematica, la storia di una minoranza, i suoi usi, la sua cultura e le sue interazioni con la società cristiana del tempo.Una settantina circa sono i reperti riaffiorati dal sottosuolo a dare testimonianza di un luogo di cui era nota l’esistenza ma ormai perduta ogni traccia, a sollevare interrogativi e a ridestare ancora una volta la curiosità verso un’epoca tra le più interessanti ed enigmatiche nella storia culturale italiana.Durante il periodo di mostra, un percorso espositivo diffuso in musei e istituzioni culturali della città – Museo civico Medievale, Biblioteca Universitaria, Museo della Musica, Museo del Patrimonio Industriale, Museo civico del Risorgimento-Certosa di Bologna – darà occasione al pubblico di conoscere luoghi, episodi, persone che hanno fatto la storia ebraica di Bologna: il quadro che ne emerge è di grande respiro e di ricchezza insospettabile. in mostra in sala 5 al Museo della musica • Johannes Reuchlin, De accentibus, et ortographia linguæ hebraicæ, Hagenau, 1518 [estratto]• Salomone Rossi, Il Primo Libro delle Canzonette a tre voci, Venezia, 1589• Salomone Rossi, Il Primo Libro de Madrigali a cinque voci, Venezia, 1600• Salomone Rossi, Il Terzo Libro de Madrigali a cinque voci, Venezia, 1603• Salomone Rossi, Il Primo Libro delle Sinfonie &amp; Gagliarde a tre, quattro, &amp; a cinque voci, Venezia, 1607• Salomone Rossi, Il Secondo Libro de Madrigali a cinque voci, Venezia, 1610• Salomone Rossi, Il Quarto Libro de Madrigali a cinque voci, Venezia, 1613• Autori diversi, Musiche de alcuni eccellentissimi Musici composte per la Maddalena, Sacra Rappresentazione di Gio. Battista Andreini Fiorentino, Venezia, 1617• Salomone Rossi, Ha-Shirim asher li’Shlomoh - Salmi e Cantici ebraici a quattro, cinque, sei e otto voci, Venezia, 1623 Salomone Rossi (Salamon, Salomone, Solomone; Shlomoh min ha Adumim), al suo tempo noto anche come “l’ebreo”, nasce intorno al 1570 in una famiglia della vasta comunità ebraica mantovana, all’epoca una delle più numerose d’Europa. La sua attività di musicista è attestata nel 1589 presso la corte di Vincenzo I Gonzaga (1562-1612), duca di una delle corti più prestigiose del Rinascimento italiano e grande mecenate delle arti (al suo servizio operarono, tra gli altri, Pieter Paul Rubens e Claudio Monteverdi). Con Monteverdi, Salomone Rossi collabora come coautore, assieme ad altri noti compositori del tempo, alla composizione di drammi musicali e rappresentazioni sacre come La Maddalena di Giovanni Battista Andreini - di cui il  Museo conserva un esemplare della prima edizione stampata a Venezia nel 1617, anno in cui fu messo in scena in occasione delle nozze di Ferdinando Gonzaga e Caterina de’ Medici. L’apporto della tradizione musicale della comunità ebraica all’interno della corte mantovana è rappresentato oltre che da Salomone Rossi, anche dalla sorella, cantante nota come Madama Europa, e dal danzatore, cantante e violinista Isaac Massarano, con il quale collabora alla composizione delle danze che caratterizzavano le feste cortigiane. Documentano questa attività le raccolte di musica da ballo che Salomone Rossi pubblica a Venezia tra il 1600 ed il 1622, di cui il Museo della Musica conserva il primo e il quarto libro.Nel suo stile compositivo emerge spesso la riscrittura della salmodia monodica della tradizione ebraica, come canto che scaturisce dalla trama del contrappunto polifonico e ciò accade - non a caso - nel contesto storico in cui nella corte mantovana nasceva quel gusto musicale moderno che il Monteverdi chiamava “seconda prattica”, consistente proprio nella riscrittura della polifonia come armonia di accordi centrati sul basso continuo e per questo subordinati al canto lirico. Testimonianze della nascita di questa modernità musicale è Il Primo Libro delle Canzonette (1589) sul cui frontespizio e in calce alla dedica l’autore compare come “Salamone Rossi H.” dove la H. come il contrassegno giallo che l’ebreo di allora doveva esibire sui propri abiti, sta per “Hebreo.” Essa tornerà, per esteso, in tutte le sue successive pubblicazioni tra le quali i Quattro libri di madrigali a 5 voci, stampati tra il 1600 e 1613, il cui primo libro contiene la prima intavolatura conosciuta per chitarrone (o tiorba) nonché il libro degli Ha-Shirim asher li’Shlomoh - Salmi e Cantici ebraici a quattro, cinque, sei e otto voci (1623). Quest’ultima è sicuramente l’opera più significativa e originale di Salomone Rossi: la raccolta di trentatré salmi, inni e canti sinagogali a 3-8 voci è il primo esempio di polifonia su testi ebraici, nonché la prima stampa musicale in cui venne adottata la cosiddetta tecnica della “scrittura speculare”, dove testo e notazione non scorrono da destra verso sinistra, come in ebraico, bensì alla latina da sinistra a destra. Nel De accentibus, et ortographia linguæ hebraicæ del 1518, l’autore Johannes Reuchlin propone un ampio excursus sulle cantillazioni sinagogali, che egli fa stampare in modo perfettamente leggibile da destra verso sinistra, privilegiando ciò che era ritenuto più importante cioè la corretta ortografia, con la ovvia conseguenza del “ribaltamento” del testo musicale - come nell’esempio esposto - in cui sono evidenti le chiavi musicali poste all’estrema destra del rigo. Rossi fa la scelta contraria e privilegia l’andamento della musica, dando così implicitamente la precedenza a quest’ultima rispetto al testo, che infatti viene stampato in forma invertita.Per giustificare sul piano dottrinale l’audace impiego della musica d’arte nella liturgia ebraica è da notare il corposo apparato di paratesti inserito dall’autore, evidentemente inteso a dissipare l’enorme diffidenza delle sinagoghe per le innovazioni contrarie alla tradizione: un coraggioso segnale di emancipazione e riscatto, nonché di volontà di porre la musica religiosa ebraica sullo stesso piano di quella cattolica. http://informa.comune.bologna.it/iperbole/musica/eventi/51899/id/99012 Thu, 20 Jun 2019 Thu, 20 Jun 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/la_casa_della_vita.jpg 53241 Museo internazionale e biblioteca della musica Strada Maggiore, 34 40125 Bologna Pensatevi liberi. Bologna Rock 1979 Istituzione Bologna Musei http://www.museibologna.it/eventi/49900/id/97426 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/bologna_rock.jpg' /></p> Bologna Rock (2 aprile 1979) è stato l’evento capace di radunare più di 6000 persone al Palasport per l’esibizione di 10 gruppi, sconosciuti o quasi, e può essere considerato il simbolo di una stagione su cui costruire una indagine più approfondita, per le implicazioni culturali, l’influenza e il ruolo socio-politico che ebbe Bologna tra il 1975 e il 1985 nella storia della cultura italiana, ma non solo. La mostra si propone come una rilettura storica, una riappropriazione antropologica capace di evidenziare quegli elementi caratterizzanti che hanno contribuito alla nascita e alla crescita di quella stagione, per guardare il futuro, per riconfigurare e stimolare nuovi algoritmi di sviluppo della città proponendo un progetto ambizioso ed entropico che con continuità guarda alle culture “alternative” come centro e linfa vitale della propria crescita. Mostra a cura di Oderso Rubini e Anna Persiani. http://www.museibologna.it/eventi/49900/id/97426 Fri, 17 May 2019 Fri, 17 May 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/bologna_rock.jpg 36485 MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna Via Don Minzoni 14, 40121 Bologna La fabbrica del futuro Museo del Patrimonio Industriale http://informa.comune.bologna.it/iperbole/patrimonioindustriale/eventi/51897/id/97943 <p><img src='http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/fabbrica_del_futuro_1.jpg' /></p> La fabbrica del futuro Nuovo spazio laboratoriale È attivo presso il Museo un nuovo spazio dedicato a La fabbrica del futuro. Lo spazio che ha le caratteristiche di un laboratorio interattivo e multimediale documenta le linee di sviluppo che stanno modificando l’ambiente e l’assetto produttivo e organizzativo delle aziende del nostro territorio. Si tratta di un luogo di interconnessione che mette in comunicazione il livello fisico delle cose e il livello digitale delle informazioni. L’obiettivo del nuovo spazio è quello di riflettere su tutti i processi e allo stesso tempo offrire simulazioni e contenuti per attrarre nuove generazioni e renderle consapevoli del valore e delle potenzialità del settore industriale bolognese. Lo spazio è visitabile in autonomia negli orari di apertura del Museo ad eccezione delle postazioni dedicate alla Realtà virtuale e alla Robotica che per la loro complessità richiedono la guida di un operatore specializzato (è possibile per gruppi programmare un'attività guidata). http://informa.comune.bologna.it/iperbole/patrimonioindustriale/eventi/51897/id/97943 Thu, 14 Mar 2019 Thu, 14 Mar 2019 http://informa.comune.bologna.it/iperbole/media/12/fabbrica_del_futuro_1.jpg 52993 Museo del Patrimonio Industriale Via della Beverara, 123 40131 Bologna