Museo internazionale e
biblioteca della musica di Bologna

Eventi / Nuove musiche per arpa ed elettronica

Conferenze/Convegni

Nuove musiche per arpa ed elettronica

Nuove musiche per arpa ed elettronica (EMA Vinci Contemporanea, 2018)
Paola Perrucci, arpa
Alvise Vidolin, regia del suono
musiche di Adriano Guarnieri, Cesare Grandi, Gilberto Cappelli

presentazione del CD con Paola Perrucci, Adriano Guarnieri, Cesare Augusto Grandi, Gilberto Cappelli

La musica del Novecento arricchisce il repertorio arpistico con opere di grande importanza, scritte da autori quali C. Debussy, M. Ravel, P. Hindemith e successivamente B. Britten, A. Jolivet e E. Krenek. Queste composizioni, caratterizzate da diversi stili e linguaggi, mettono in luce le capacità tecnico-espressive dell’arpa, che con esse si evolve e si trasforma nella ricerca di un affinamento interpretativo della musica del proprio tempo.
Il continuo progredire nella ricerca linguistica e sonora della musica del XX secolo è presente anche nelle composizioni di autori italiani, che a partire da Alfredo Casella, hanno dedicato all’arpa un ruolo eccellente nella musica solistica.
La trasformazione del linguaggio della musica contemporanea dalla nascita della dodecafonia al serialismo integrale, alla musica aleatoria e alla convivenza di stili molteplici è ampliamente rappresentato dalla musica per arpa di Berio, Sciarrino, Donatoni e Bussotti. Tale trasformazione consente all'arpa di esplorare nuovi aspetti relativi alla produzione del suono che l’accomuna a molti strumenti, tra cui il pianoforte, con il quale ha condiviso nell’800 le stesse modalità di scrittura (arpa preparata, amplificata, suonata percuotendo le corde con bacchette ecc…).
Questo percorso complesso e travagliato approda al XXI secolo attraverso l’opera di grandi compositori, che sublimano le scelte del passato proiettando la loro poetica in una estrema sintesi, dove l’espressione e il pathos musicale è il veicolo trainante di una nuova comunicazione con il pubblico. Su questa premessa culturale si pongono le opere di Adriano Guarnieri, Cesare Augusto Grandi e Gilberto Cappelli.
Scritte negli anni dal 2007 al 2017, le composizioni di questi autori rappresentano sicuramente il repertorio contemporaneo italiano più complesso per arpa, sia per l’intensità della scrittura musicale che per la difficoltà tecnica e musicale richiesta. Le sonorità e i volumi sonori realizzati offrono continue sorprese all’ascoltatore.
A tutto ciò si aggiunge la presenza dell’elettronica che aggiunge spunti molto differenziati nella timbrica e nella trasformazione dei suoni, con soluzioni originali nella spazializzazione del suono.

Quando

15 Dicembre 2018
ore 17

Informazioni

Museo internazionale e biblioteca della musica

tel. 051 2757711
fax 051 2757728
email

ingresso gratuito fino ad esaurimento posti

da martedì 2 ottobre e fino alle ore 12 del giorno dell'evento (salvo esaurimento anticipato dei posti disponibili) è possibile prenotare i biglietti (con pagamento il giorno dell'evento) da questo link [http://bit.ly/2OqhF5n].

I biglietti prenotati devono essere ritirati entro 15 minuti dall’inizio dell’evento presso la biglietteria, oltre i quali la prenotazione non sarà più ritenuta valida e i biglietti saranno rimessi in vendita.

In caso di disdetta si prega di annullare tempestivamente la prenotazione inviando una mail a prenotazionimuseomusica@comune.bologna.it o telefonando al n. 051 2757711 (dal martedì alla domenica ore 10>18.30).

Rassegna

#novecento 2018 - i musicisti raccontano i musicisti

Dove

Ingrandisci mappa

Museo | Museo internazionale e biblioteca della musica

Strada Maggiore, 34
40125 Bologna

Documenti