Museo internazionale e
biblioteca della musica di Bologna

Eventi / ANNULLATO | ultimamusica | Musica da Tappezzeria

Musica

ANNULLATO | ultimamusica | Musica da Tappezzeria

ultimamusica #3
musiche “inaudite” di questo (e altri) secoli

Musica da tappezzeria
il senso del comico in Rossini e Satie
narrazione musicale con Marco Pedrazzi (pianoforte) e Giorgio Laganà (voce narrante)

Gioachino Rossini ed Erik Satie sono due compositori estremamente differenti, tanto per lo stile quanto per i generi musicali sperimentati.
Eppure lo spirito è simile, e la loro musica pianistica si assomiglia in modo incredibile.
A 100 anni dalla prima della Musique d’ameublement (avvenuta in occasione di una mostra di pittura di bambini) un percorso sulla leggerezza, sul distacco e sull’ironia in musica – oltre ad un pizzico di senso dell’assurdo – come strumenti per osservare e descrivere il mondo.

musiche di G. Rossini ed E. Satie

Marco Pedrazzi (Bologna, 1994) si accosta al pianoforte fin da bambino con Marco Ghilarducci e si laurea in pianoforte con lode e menzione d’onore sotto la guida di Massimo Neri presso l’ISSM Vecchi-Tonelli di Modena.
Nel 2019 si specializza con lode in musica da camera con Pierpaolo Maurizzi presso il Conservatorio A. Boito di Parma, e con Claudio Pasceri presso l’Accademia di Musica di Pinerolo.
È il pianista stabile di AltreVociEnsemble con cui ha all’attivo esecuzioni di compositori quali Giorgio Colombo Taccani, Mauro Montalbetti e Carlo Galante con Cristina Zavalloni e Carlo Boccadoro.
Ha scritto su commissione per FestivalFilosofia di Modena, EstOvest Festival di Torino, AngelicA di Bologna, Corti Chiese e Cortili di Bologna, Music as Play di Como, ErrePomeriggi di Torino.
La collaborazione con i registi Lorenzo Stanzani e Mauro Bartoli lo ha portato a comporre le colonne sonore del documentario The Forgotten Front (RAI2, 2020), la cui colonna sonora è stata eseguita e registrata dall’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna.
Dedito alla divulgazione musicale con numerose lezioni-concerto, è conduttore radiofonico del programma PrendiNota in onda su RadiorEvolution di Parma ed è fondatore del Collettivo In.Nova Fert.
Insegna pianoforte e musica d’insieme presso l’Associazione “La Musica Interna” di Bologna, per la Regione Emilia-Romagna e per il Museo della Musica di Bologna

Giorgio Laganà è nato nel 1995 a Bologna.
Malgrado la giovane età, è un attore con anni di esperienza all'attivo in teatro, cinema, doppiaggio e danza.
È diplomato in arti performative al DAMS di Bologna e ha studiato negli anni con Gennadi Bogdanov, Claudio Massimo Paternò, Licia Navarrini, Francesco Facciolli, Alberto Allegrezza e Stefano Cutaia.
Ha lavorato con compagnie e grandi produzioni per Sky, Biennale Arte e Conservatorio di Ferrara.

_________________________________________

ultimamusica musiche “inaudite” di questo (e altri) secoli
un progetto di In.Nova Fert per il Museo della musica

Il “secolo breve” a ben vedere non lo è stato poi così tanto, se al suo interno è riuscito a contenere espressioni artistiche lontane, diversissime tra loro e a volte addirittura contraddittorie, in ogni caso segnanti.
E a distanza di vent’anni, il Novecento in musica si porge così ai nostri occhi, ma soprattutto alle nostre orecchie: un’epoca a tratti problematica e avvolta in una mitologia tutta da conoscere.
Il collettivo In.Nova Fert dedica questi tre appuntamenti ai linguaggi, ai protagonisti, alle idee, alle curiosità e agli strumenti che hanno contraddistinto il secolo appena passato, ricercando nelle “contemporanee di altri secoli” radici, analogie e possibili sviluppi del nostro stato presente.

Il collettivo In.Nova Fert nasce nell'ottobre 2018 all'interno del Conservatorio G.B. Martini di Bologna come formazione studentesca autogestita e dedita allo studio e alla esecuzione dei nuovi linguaggi musicali. La formazione cambia a seconda delle esigenze di volta in volta presentate dalla sperimentazione e dai progetti e riunisce giovani, spesso giovanissimi, interpreti.
Nonostante la recente formazione, l’ensemble ha al suo attivo diverse partecipazioni: Bologna Modern 2018 e 2019, Teatro dell’Abc di Bologna (in collaborazione con FontanaMIX), Festival Echi di Arezzo, Amici della Musica di Modena (dove sono attesi anche per il 2021). Hanno inoltre collaborato con il Teatro Comunale e il Conservatorio G.B Martini di Bologna e il Centro di poesia contemporanea dell'Università di Bologna.
Sono stati ospiti quest’anno della 64a edizione della Biennale Musica di Venezia.

ATTENZIONE: in seguito alle disposizioni del D.P.C.M. del 24 ottobre 2020 relative alle misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19 l'evento è annullato.

Quando

20 Novembre 2020
ore 18.00

Informazioni

Museo internazionale e biblioteca della musica

tel 051 2757711
fax 051 2757728
email

BIGLIETTI:
€ 6
€ 5

minori di 18 anni | studenti universitari con tesserino | Card Cultura da presentare in biglietteria il giorno del concerto

L’ingresso è consentito fino ad esaurimento posti
A causa delle disposizioni relative all’emergenza COVID-19 i posti disponibili in sala sono limitati a 48

ACQUISTA IL TUO BIGLIETTO IN PREVENDITA
da mercoledì 7 ottobre:

- presso il bookshop del Museo della musica (strada Maggiore 34) nei giorni di apertura

- on line (con una maggiorazione di € 1) su midaticket.it

NB: i biglietti acquistati non sono rimborsabili

Rassegna

#novecento 2020 - i musicisti raccontano i musicisti

Dove

Ingrandisci mappa

Museo | Museo internazionale e biblioteca della musica

Strada Maggiore, 34
40125 Bologna

Documenti